Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online - 6

143 views

Published on

Il primo periodico di informazione dedicato completamente al mondo della salute e della sanità integrativa

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Health Online - 6

  1. 1. Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa HEALTH aprile 2015 - N°6 in italia il 1° impianto di protesi di emibacino in titanio con rivestimenti in tantalio. Intervista esclusiva al Dottor Raimondo Piana. Attenzione all’uso dei dipositivi mobili Il rilancio della sanità integrativa Ospedali classificati e pubblici a confronto Ridurre la caduta dei capelli durante la chemioterapia grazie alla cuffia “Paxman” bAMBINI assistenza sanità salute e innovazione in esclusiva
  2. 2. Health Online periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa Anno 2° - Aprile 2015 - N°6 Direttore responsabile Ing. Roberto Anzanello Comitato di redazione Manuela Fabbretti Fabio Vitale Alessandro Brigato Nicoletta Mele Redazione e produzione Fabio Vitale Direzione e Proprietà HHG S.p.A. Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) info@healthonline.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. Registrazione del Tribunale Civile di Roma N° 29 del 10 Marzo 2014 ImPaginazione e grafica Giulia Riganelli Tiratura 86.432 copie Editoriale a cura di Roberto Anzanello Come è possibile approfondire anche in questo nostro sesto numero di Health On Line abbiamo ormai una forte consapevolezza che le evoluzioni tecnologiche sono sempre più rapide e incisive ed il settore sanitario è una delle frontiere avanzate di questa evoluzione. Protesi in titanio, strumenti per diagnosi a distanza, apparecchiature sempre più evolute, operazioni chirurgiche estremamente complesse: nulla sembra più impossibile tecnicamente in campo sanitario. In un mondo che però si sviluppa fortemente da un punto di vista tecnologico si continua ad osservare la realtà ed ad organizzare l’operatività secondo i consueti schemi, ormai obsoleti. Ed in questo fatto risiede un grave errore di visione strategica, errore che in campo sanitario comporta costi elevati, disservizi, fallaci valutazioni. Mi spiego con un esempio: se una qualsiasi azienda di automazione sanitaria realizzasse una apparecchiatura di nuova concezione per, ad esempio, l’esame approfondito di una qualsiasi patologia, sarebbe opportuno oltre che socialmente corretto che tutti i cittadini che ne necessitassero potessero usufruire della nuova strumentazione. Questo fatto però comporterebbe che lo stato si dotasse in una logica territoriale distribuita della nuova apparecchiatura, il che vorrebbe dire che, se fosse opportuno posizionarne una almeno per provincia, lo stato dovrebbe acquisirne almeno un centinaio con un investimento plurimilionario. E non solo. Infatti si dovrebbero aggiungere a questo investimento aziendale i costi di formazione del personale sanitario utile a far funzionare la nuova apparecchiatura, il costo dell’assistenza tecnica per le riparazioni ed i controlli, i costi dei materiali indispensabili al funzionamento, il costo degli spazi in cui posizionare lo strumento. Ma non solo. L’evoluzione tecnologica in corso consente uno sviluppo tecnico costante che rende obsoleto qualsiasi strumento in un lasso temporale compreso tra i 3 ed i 5 anni, che significherebbe per lo Stato dovere replicare l’investimento ed i costi conseguenti circa ogni lustro. E tutto questo magari per una sola patologia o per una sola tipologia di esame diagnostico. Questo breve e semplice esercizio matematico- finanziario dimostra un fatto inconfutabile: oltre all’invecchiamento della popolazione, oltre all’ampliamento del diagnostica, oltre allo sviluppo delle tecniche operatorie, anche l’evoluzione tecnologica diviene un costo insopportabile in una logica di stato assistenziale. Quindi pensare che lo Stato possa coprire integralmente i costi sanitari di una popolazione che invecchia costantemente, di tecnologie sempre più evolute, di personale medico sempre più aggiornato è una strada che induce ad aspettative che non potranno che essere disattese. HEALTH
  3. 3. Ma allora tutto ciò significa che per qualcuno è necessario ridurre le possibilità di cura od addirittura rinunciarci? Assolutamente no, anche questo sarebbe altrettanto errato oltre che costituzionalmente incoerente e socialmente ingiusto. Semplicemente non dobbiamo più pensare al futuro applicando le vecchie regole che prevedevano che lo stato prelevasse dai redditi dei cittadini degli importi da destinare alla copertura sanitaria per renderla disponibile a tutti e gestisse direttamente la diagnostica, la pratica e l’evoluzione delle cure. In alternativa a questo modello in modo sempre più continuo si discute su una soluzione che consenta la privatizzazione di alcune e/o molte attività sanitarie. Quindi è questa la soluzione? Consentitemianchesuquestoaspettodiaveredeidubbi. Sicuramente una gestione privatistica consentirebbe maggiore efficienza, una forte riduzione degli sprechi, un’ottimizzazione dei costi ma pone un limite invalicabile: è possibile determinare il diritto alle cure solo in una logica economica e di razionalizzazione? Sicuramente no e ne è la dimostrazione la sperequazione sociale sanitaria che si può osservare in alcuni paesi che hanno già percorso questa strada ove l’imprenditoria che gestisce privatamente le cure sanitarie determina una discriminazione economica in relazione al diritto alla salute. Oppure è sufficiente pensare alle polizze assicurative sanitarie, che gestiscono le necessità dei malati fino a quando questi non sono un costo effettivo determinato da un esborso per le cure superiore ai premi incassati, e che, quindi, in questo caso molto spesso “abbandonano” il malato. Quindi se la soluzione di un’assistenza sanitaria integralmente supportata dallo stato è impraticabile e la soluzione alternativa di un’assistenza sanitaria gestita privatisticamente è una strada socialmente iniqua c’è una soluzione a questa problematica che investe direttamente i diritti costituzionali di ognuno di noi? La soluzione c’è, anzi nel nostro paese che sicuramente ha tanti difetti ma da un punto di vista di visione sociale è sicuramente tutt’oggi all’avanguardia, la soluzione è già stata ipotizzata, impostata ed anche quasi integralmente regolamentata. La soluzione è quella della mutualità, diritto incostituzionale inalienabile come disposto dai nostri padri fondatori con una visione sociale persino sorprendente. Il percorso è quello fornito dalle cooperative sociali che consentono in una logica mutualistica di fornire servizi sanitari a costi ridotti con una diffusa presenza territoriale in una logica di efficienze e risultato. Se quell’apparecchiatura del nostro esempio iniziale fosse acquisita dalle cooperative sociali presenti su tutto il territorio nazionale, con investimenti che non graverebbero sullo Stato, queste potrebbero poi gestire coloro che ne hanno necessità a costi convenzionati, come peraltro già fanno nel caso di alcune forme di assistenza domiciliare, applicando una gestione privatistica con un modello sociale quale è appunto una cooperativa. E tutto questo è già normato nel nostro ordinamento. Ma allora i cittadini, anche se erogati dalle cooperative sociali ed a costi convenzionati, dovrebbero pagarsele di tasca propria quelle cure di cui hanno diritto? Sicuramente no, perché anche in questo caso la soluzione già esiste ed è costituita dai Fondi Sanitari, le Casse di Assistenza Sanitaria e le Società di Mutuo Soccorso che il legislatore ha già previsto possano fornire coperture sanitarie in una logica di mutualità con anche dei coerenti vantaggi fiscali sia per le imprese che per gli individui e che, ultimamente, hanno visto ulteriormente rafforzata ed ampliata la propria attività da un punto di vista giuridico e legislativo, in coerenza con il diritto alla salute previsto nella nostra Costituzione. Quindi un cittadino può già oggi a costi basati sul principio della mutualità acquisire una copertura sanitaria per se e/o per i propri familiari tramite una Società di Mutuo Soccorso, o, se appartenete a determinatecategorieprofessionali,tramiteunFondo Sanitario, od anche, se dipendente di un’azienda che pensa alla salute dei propri dipendenti, tramite una Cassa di Assistenza Sanitaria per vedersi rimborsare le spese sanitarie sostenute. Quindi un cittadino può già oggi gestire le proprie cure in una logica privata (tempi rapidi, efficienza, efficacia) con costi ridotti e queste strutture potrebbe fornire servizi di livello adeguato utilizzando per ricoveri, diagnostica ed assistenza , le cooperative sociali che già operano, anche con strutture proprie. Quindi un cittadino italiano già oggi può scegliere. Certo è che questo percorso ormai legislativamente consolidato e socialmente definito vede ancora tanti detrattori, perché il corporativismo di parte finalizzato a difendere l’interesse dichi desidererebbe non modificare nulla è una costante nel nostro paese. Ma per salvaguardare il diritto alla salute per tutti è oggi importante far comprendere a chi desidera mantenere lo status quo delle vecchie regole, che il mondo cambia e le nuove tecnologie, anche e soprattutto in campo sanitario, richiedono nuovi modelli e nuove regole tralasciando i vecchi corporativismi.
  4. 4. Sete o non sete, bevi 10 bicchieri d’acqua Se fate fatica a bere durante il giorno, guardate il viso luminoso e il fisico asciutto di Bar Refaeli: il suo segreto di bellezza è bere tanta acqua. Questo vi basterà a convincervi che anche voi potrete migliorare il vostro aspetto con un semplicissimo accorgimento “Donna moderna” Gruppo sanguigno Può donare Può ricevere 0+ A+ B+ AB+ 0- A- B- AB- A+ 0+ B+ AB+ A+ AB+ B+ AB+ AB+ TUTTI A+ A- AB+ AB- B+ B- AB+ AB- 0- AB+ AB- 0- 0+ A+ A- 0+ 0- B+ B- 0+ 0- TUTTI 0- A- 0- B- 0- A- 0- B- AB- Crea un’atmosfera rilassante in camera tua. Se la tua stanza è piena di fogli del lavoro, libri da leggere, tabelle da rispettare e biancheria sporca, sarà impossibile non pensare alle cose che devi fare. Prenditi 15 minuti al giorno per metterla in ordine e rendere così la tua camera da letto un posto in cui non vedrai l’ora di rilassarti a fine giornata. “Huffington Post” - Ellen G. Goldman Privilegiare prodotti integrali, che contengono fibre. Queste tipologie di alimenti presentano un alto valore energetico e non contengono elevate quantità di grasso; “ www.ilritrattodellasalute.org” Soffrite di gastrite acida? Bevete il succo di mezzo limone al giorno diluito con acqua. Non fare esercizio la sera. Faticare aiuta il sonno, ma un allenamento troppo pesante la sera tardi rischia di tenerti sveglio. Tuttavia una camminata piacevole dopo cena può essere la giusta soluzione per rilassare corpo e mente. “Huffington Post” - Ellen G. Goldman Meditare migliora la memoria e l’apprendimento e mantiene giovani. Health tips Sapevi che...
  5. 5. ommar 18 22 27 Cancro al colon-retto: tutto quello che c’è da sapere. L’importanza della prevenzione per combattere la neoplasia Tumore: la cuffia refrigerata “Paxman” contrasta la caduta dei capelli causata dagli effetti della chemioterapia Sanità quanto mi costi? La realtà degli ospedali classificati e le soluzioni a tariffe sociali 6 25 9 16 12 Bambini e salute: attenzione all’uso eccessivo e prolungato dei dispositivi mobili La White Economy, sviluppo o regresso? Sanità integrativa: scopriamo perché è necessaria Assistenza alla salute: é ora di cambiare. Con il rilancio della sanitá integrativa é possibile impianto di protesi di emibacino in titanio con rivestimenti in tantalio: l’Italia si aggiudica il primato in campo internazionale. Intervista esclusiva al Dott. Raimondo Piana in esclusiva 10 Malati “diversi”
  6. 6. 6 Bambini e salute: attenzione all’uso eccessivo e prolungato dei dispositivi mobili a cura di Alessia Elem Viviamo in un’epoca connessa 24 ore su 24, con strumenti mobili di ultima generazione sempre a portata di mano dei quali proprio non riusciamo a fare a meno. La domanda è: quante volte vi è capitato di far utilizzare, senza regole, questi dispositivi ai vostri figli per comodità o per distrarli da capricci o dalla noia? Lasciare i vostri figli in balia di questi strumenti è un atteggiamento sbagliato e dannoso. Ad affermarlo è una ricerca realizzata dalla Boston University School of Medicine, che ha evidenziato che l’uso frequente dei disposti mobili da parte dei bambini nei loro primi anni di vita può danneggiare il loro sviluppo emotivo perché riduce l’evoluzione delle competenze linguistiche e sociali del bambino e sostituisce le interazioni umane fondamentali per la crescita e la scoperta di ciò che li circonda.Inoltreiricercatoriamericanihannodimostrato che il touchscreen è uno strumento che porta ritardi nell’apprendimento e i bambini al di sotto dei 30 mesi di vita non imparano dalla televisione e dai videogiochi quei comportamenti che invece apprenderebbero nelle interazioni della vita reale. Sulla base di questa analisi è stato calcolato che già a 7 anni i bambini hanno trascorso un anno della loro vita davanti a videogiochi e televisori, con una dipendenza di almeno 6 ore giornaliere davanti agli schermi e diverse conseguenze per la salute quali obesità, colesterolo alto e ipertensione, disattenzione, problemi di apprendimento, disturbi del sonno e depressione. Per evitare problemi di questo tipo occorre che i genitori proibiscano o limitino l’utilizzo di smartphone e tablet ai propri figli sin dai primi anni della loro vita. Lasciareipiccoliinbaliadeidispositivicontouchscreen potrebbe provocare addirittura ritardi nel linguaggio. A rivelarlo è stato una ricerca condotta, un anno fa, dai medici del Cohen Children Medical Center di New York, i quali hanno esaminato i comportamenti di 65 coppie, con bambini di media sugli 11 mesi, molti dei quali abituatu ad usare lo smartphone per mezz’ora al giorno; dalla ricerca è emerso che le attività principali per i piccoli erano “guardare show educativi” (30%), usare app educazionali (26%), premere a caso lo schermo (28%) e fare giochi non educativi (14%). Dalla parte genitoriale il 60% si è detto convinto che l’uso dei dispositivi, al posto di libri e giocattoli, produceva un “beneficio nell’educazione” nei piccoli, ma i test cognitivi hanno poi svelato che non c’era alcuna differenza tra i bambini “tecnologici” e quelli che invece non avevano utilizzato questi strumenti, anzi nei piccoli che utilizzavano app non educative si è notato un ritardo nello sviluppo del linguaggio. Ma davvero c’è la convinzione che la tecnologia sia in grado di incoraggiare l’apprendimento? E quanto influisce sull’interazione con il genitore? Health Online l’ha chiesto alla dottoressa Elisabetta Scala, vice presidente del MOIGE, Movimento Italiano Genitori Onlus. Dottoressa Scala, perché c’è la tendenza per i piccoli a sostituire con i dispositivi mobili i giochi tradizionali? “I dispositivi tecnologici vengono probabilmente considerati degli svaghi più silenziosi: il bambino intento a toccare oggetti e a fare azioni interagendo con un touchscreen è immerso nell’ambiente virtuale ed estraniato dalla realtà, cosa che non accade con i giochi tradizionali. Quasi tutti i dispositivi mobili oggi permettono, inoltre, la visione di cartoni animati e programmi per bambini che acquietano i piccoli durante la visione”. Qual è la responsabilità dei genitori in questo senso? “I genitori devono sempre monitorare le attività dei figli quando utilizzano i media digitali. Utilizzare smartphone e tablet come baby-sitter a tempo non è la soluzione giusta per aiutare nella crescita i nostri figli, soprattutto
  7. 7. 7 in età infantile. Se possibile privilegiamo sempre le attività in compagnia e miglioriamo il nostro rapporto con loro attraverso il gioco. Mamme e papà devono sempre promuovere un uso moderato e consapevole dei media digitali, preferendo alle attività solitarie, il gusto dello stare insieme”. C’è un’età giusta e un uso consapevole dei dispositivi? Qual è il comportamento corretto che i genitori dovrebbero adottare? “I genitori devono essere i primi promotori dell’uso responsabile delle nuove tecnologie, anche in relazione all’età e alla attitudini dei figli. L’uso consapevole di smartphone e tablet in età scolare può rivelarsi un utile strumento per approfondire e potenziare la didattica, ma non si può dire altrettanto per i bambini al di sotto dei 30 mesi. La mancanza di consapevolezza nell’uso di questi dispositivi, ne riduce drasticamente il potenziale educativo ed espone i piccolissimi ad una fruizione sbagliata, che i genitori devono limitare il più possibile.” Come Moige qual è il vostro consiglio? Consigliamo ai genitori di apprezzare le potenzialità dei giochi tradizionali, perché aiutano i bambini a conoscere sempre meglio attraverso i 5 sensi. Giocando, i piccoli prendono confidenza con la spazialità e con il movimento imparando ad orientarsi nel mondo che li circonda. Smartphone e tablet sono strumenti dalle enormi potenzialità didattiche, che possono essere sfruttate appieno, con il supporto attivo di genitori e insegnanti, quando i bambini entreranno nella fase dell’apprendimento scolare”. Alla luce dei fatti sembra però che l’uso di questi dispositivi sia quasi diventato indispensabile per i bambini e la maggioranza dei genitori è convinta che il loro figlio più è in grado di interagire con questi CARDEA CASSA MUTUA La forza di un sistema mutualistico è determinata dalla consapevolezza che la contribuzione di ogni singolo Socio produrrà un vantaggio comune a tutti, senza arricchire soggetti terzi che si limitano a calcolare il rischio e, di fatto, a scommettere sulla nostra salute, peraltro a fine di lucro. Una mutua che tutela, una mutua che previene, una mutua che unisce! www.cassamutuacardea.org info@cassamutuacardea.org
  8. 8. 8 di interazione con i coetanei si riducono, diminuendo così la possibilità di sperimentare e sviluppare abilità sociali e di problem solving, come l’empatia, le capacità di autoregolarsi che di solito si apprendono durante il gioco di gruppo e il confronto tra bambini.” C’è un’età giusta per far interagire i bambini con questi dispositivi di ultima generazione? “L’American Academy of Pediatrics non ne raccomanda l’utilizzo al di sotto dei 2 anni, ma a livello scientifico non ci sono ancora dati sufficienti che ne dimostrino il rischio dal punto di vista cognitivo e psicologico. Come tutti gli strumenti possono avere sia un effetto positivo che negativo a seconda del loro utilizzo. Di solito ai genitori viene raccomandato di usarli insieme al bambino, di interagire e commentare il più possibile le attività che stanno svolgendo per mediarne l’utilizzo. Io all’interno dell’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell’IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma coordino un equipe che si occupa della valutazione e terapia dei bambini con disturbi di apprendimento, utilizzando anche dispositivi di ultima generazione per favorire, con la brain stimulation, abilità come la lettura in bambini dislessici. Molti dispositivi mobili possono quindi essere impiegati per la terapia di bambini con difficoltà cognitive e risultare un valido strumento per favorire le loro capacità”. In conclusione, sì all’uso dei dispositivi mobili, ma con moderazione, per un tempo limitato nell’arco della giornata,eincompagniadeigenitorichecondividono e spiegano ai figli i giochi interattivi ed educativi. In questo articolo, Health Online come giornale di riferimento per la Sanità Integrativa, ha voluto far chiarezza sull’argomento, ascoltando due voci autorevoli che quotidianamente lavorano al fianco dei bambini e delle loro famiglie. Non dimentichiamo che “La salute è il primo dovere della vita”(O.W.) e salvaguardare quella dei più piccoli è un dovere ancora più importante. strumenti con facilità e dimestichezza e più viene considerato un “piccolo genio”. Per il Moige, che è un’organizzazione che agisce per la tuteladeidirittideigenitoriedeiminoriinogniaspettodella loro vita, sociale, economica, culturale e ambientale, è un atteggiamento sbagliato quello di lasciare i figli alle prese con smartphone e tablet senza dare delle regole ed è necessario un uso responsabile dei dispositivi mobili da parte dei genitori che deve essere correlato all’età dei figli per aiutarli nelle loro fasi di crescita. L’alternativa, quindi, potrebbe essere quella di trovare delle applicazioni adatte ad ogni fascia di età e utilizzarle insieme ai piccoli ma solo per poco tempo nell’arco della giornata perché l’uso scorretto, soprattutto da parte dei bebè, degli strumenti elettronici potrebbe causare anche dei problemi allo sviluppo dell’apprendimento e del linguaggio. Per saperne di più, Health Online ha intervistato la dottoressa Deny Menghini psicologa dell’ Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell’IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma diretta dal professor Stefano Vicari, la quale ha spiegato quali sono i possibili rischi per la salute dei bambini che utilizzano in modo frequente e prolungato i dispositivi mobili che ormai sono diventati parte integrante delle famiglie italiane. “Il punto è proprio valutare per quanto tempo e in che modo vengono utilizzati i dispositivi mobili - ha detto la dottoressa Menghini - Lo smartphone di per sé è uno strumento che può essere, a seconda di come e quanto viene utilizzato, sia positivo che negativo. Gli studi scientifici affermano che questi dispositivi devono essere usati in maniera interattiva con i genitori perché hanno delle potenzialità elevate di favorire abilità cognitive, ma possono essere anche dannosi se il bambino viene assorbito completamente da giochi generici, riducendo i giochi con i coetanei, i contatti con gli altri bambini e le attività di manipolazione. Altra cosa invece è l’uso moderato, per alcuni minuti al giorno,ededucativodiquestistrumentichepotrebbero anche aiutare nello sviluppo di competenze come il linguaggio, le abilità visuo-spaziali, l’attenzione e la memoria, grazie a delle App di giochi creativi mirati condivisi sempre con il genitore.” Spesso ci capita di vedere dei bambini isolati dal mondo circostante perché impegnati a giocare con i cellulari dei genitori. L’uso frequente e prolungato può portare a danni psicologici? “Quando lo strumento mobile rientra nella routine quotidiana e assorbe il bambino a lungo, le occasioni
  9. 9. 9 sono sì le lunghe attese, ma anche la qualità delle prestazioni stesse, per cui l’assistenza integrativa si prospetta sempre più come soluzione necessaria e alternativa. Le assicurazioni private offrono una pletora di possibilità e prodotti validi per sopperire al bisogno di un servizio adeguato, ma sono ancora legate a criteri di selezione rigidi e a volte discriminatori per gli assicurandi, oltre ad avere costi spesso proibitivi. Meglio fanno le società di mutuo soccorso, come ad esempio Mutua Basis Assistance (MBA), leader nel settore delle mutue che cerca di attivare meccanismi di sicurezza per ridurre i costi e migliorare i tempi di accesso a prestazioni e servizi, incentrando il proprio operato sulla prevenzione. Peraltro, trattandosi di una mutua, non si parla di assicurati ma di associati, non di premi ma di contributi associativi, come tali detraibili dall’imposta in base all’art 15 T.U.I.R. per i privati, deducibili per i datori di lavoro che li versano a favore dei propri dipendenti. Il Sistema Sanitario Nazionale è oggi più che mai instabile e distante da essere pilastro fondamentale, come dovrebbe, del concetto di welfare: il debito è passato rapidamente dai 70 miliardi nel 2000 agli oltre 112 nel 2012 e nonostante i continui interventi delle singole regioni, questo dato è destinato a rimanere invariato o ad aumentare ancora. La spesa pro-capite per ogni cittadino è di 617 euro annue, di cui solo 77 sostenute da assicurazioni o casse private, inoltre sono a carico delle famiglie quasi il 22% del totale delle spese relative all’alta diagnostica ed il 57% delle visite specialistiche. Il panorama globale italiano va oltremodo peggiorando, con tagli nel settore sempre più consistenti ed un’anzianità in forte crescita, seconda in questa classifica solo alla Germania. Il contesto appena delineato non lascia certo ben sperare e gli italiani, consci e preoccupati dell’onere economico che dovranno affrontare specialmente in età avanzata, stanno perdendo fiducia verso il SSN con non riesce più ad offrire un servizio adeguato: i tempi medi di attesa per un intervento ortopedico raggiungono i 2 anni e quasi la metà degli apparecchi elettro-medicali hanno un’età media di 10 anni. Unavalidasoluzioneèdatasicuramentedall’assistenza sanitaria integrativa e gli italiani sembrano lentamente prenderne coscienza, infatti sebbene solo il 17% di essi ne usufruisca, secondo un’indagine condotta da Eurisko in occasione dell’Osservatorio Assidim 2014, quasi la metà la considera il benefit principale che si possa ricevere in azienda ed in generale mette la salute come priorità nella vita. A dispetto della crisi economica, infatti, per un terzo della popolazione deve sussistere la garanzia del diritto alla cura, anche se le conoscenze specifiche sull’argomento sono ancora labili e quasi metà del campione intervistato non si rivolge al proprio datore di lavoro per la sottoscrizione della copertura integrativa. Pur non essendo bocciato in toto, il Sistema Sanitario Nazionale, presenta evidenti lacune rispetto alla mole di lavoro e i principali motivi di insoddisfazione Sanità integrativa: scopriamo perché è necessaria a cura di Alessandro Brigato 32% 15% 7% 46% Preferenze Benefit Aziendali Sanità integrativa Buoni spesa Auto Convenzioni commerciali
  10. 10. 10 a cura di Lucrezia Anzanello Malattia non significa sempre un’alterazione dello statuto di salute fisica del soggetto. Spesso soggetti che ci appaiono fisicamente “normali” e in possesso di buona salute, soffrono di una diversa patologia. Si tratta di disturbi di tipo mentale che colpiscono la sfera affettiva, comportamentale e relazionale di un soggetto con diversi gradi di importanza il cui culmine massimo è rappresentato proprio dalla malattia mentale. La malattia mentale altro non è che una alterazione psicologica della personalità del soggetto a cui non viene garantito un normale sviluppo psichico. I malati mentali sono, da sempre, ritenuti soggetti pericolosi che, come tali, necessitano di essere allontanati dalla normalità. Una delle prime leggi italiane ad occuparsi della questione delle malattie mentali è la Legge Giolitti (Legge n. 36 del 14 febbraio 1904) laddove si ufficializza la funzione di servizio pubblico della psichiatria e viene sancito questo inossidabile legame tra la malattia mentale e la pericolosità del soggetto. La Legge Giolitti ha così legittimato l’istituzione di case di cura comunemente denominate “manicomi” in cui i soggetti affetti da una malattia mentale venivano effettivamente rinchiusi e definitivamente allontanati dalla normalità della vita quotidiana. Nell’epoca fascista, i manicomi iniziarono ad assumere sempre di più le sembianze di veri e propri ospedali psichiatriciincui,moltospesso,imalatisonostaticostretti a vivere in condizioni degradanti e ad subire trattamenti curativi decisamente invasivi (si pensi all’elettrostimolazione). Cosa accadeva realmente all’interno degli ospedali psichiatrici, però, non era dato saperlo. L’opinione pubblica ha iniziato ad interessarsi al tema della malattia mentale ed alle condizioni in cui si trovavano i malati solamente negli anni sessanta grazie all’opera di Franco Basaglia. Franco Basaglia credeva fortemente nella necessità di chiudere i manicomi ed arrivò addirittura a fondare il partito Psichiatria Democratica, il cui documento programmatico si proponeva proprio di portare avanti una battaglia contro i manicomi, ritenuti luoghi dove “l’esclusione trova la sua espressione paradigmatica più evidente e violenta, rappresentando insieme la garanzia di concretezza al riprodursi dei meccanismi di emarginazione sociale”. A seguito dell’attività di Franco Basaglia, anche il legislatore italiano ha iniziato a ritenere opportuno intervenire sul tema. Dapprima, con la riforma avviata dall’allora ministro della sanità Luigi Mariotti e poi con la Legge Basaglia (Legge n. 180 del 13 maggio 1978). La Legge Basaglia ha sostituito al trattamento psichiatrico mediante ricovero in manicomio il cd. TSO (trattamento sanitario obbligatorio). La Legge prescrive che il TSO debba prestarsi in condizioni di degenza ospedaliera (e quindi con il ricovero del malato) solo qualora “esistano alterazioni psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici” e purché non vi siano le circostanze che consentano l’adozione di “tempestive ed idonee misure sanitarie extra ospedaliere”. I malati mentali tornano così finalmente ad essere considerati dei “semplici” malati e non, per citare Basaglia, un “malato, povero, diseredato che privo di forza contrattuale, cade definitivamente in balia dell’istituto deputato a controllarlo”. Dopo la Legge Basaglia, sul tema della sanità mentale è intervenuto anche il primo Governo Berlusconi che, tramite la Legge Finanziaria del 1994, ha decretato la chiusura definitiva dei manicomi. Malati “diversi”
  11. 11. 11 Ma dopo cosa è successo? I manicomi esistenti sono stati principalmente sostituiti da centri di salute mentali e strutture semiresidenziali deputate alla cura delle malattie mentali e non solo. Le Regioni hanno recentemente idealizzato appositi programmi per la realizzazione di strutture extra ospedaliere per il superamento degli ospedali psichiatrici; programmi che sono specificatamente approvati dal Ministero della Salute. Di recente approvazione (28 gennaio 2015) è il programma della regione Friuli Venezia Giulia che prevede la realizzazione di due strutture sanitarie di accoglienza e di una struttura residenziale con la collaborazione del Ministero dell’economia e delle finanze. La finalità del programma del Friuli Venezia Giulia è quella di garantire esperienze di trattamento assertivo di comunità in un’ottica proattiva di servizi tentando di rendere più agevole il reinserimento nella società dei soggetti precedentemente ricoverati presso gli ospedali psichiatrici. Il tentativo è sicuramente ammirevole e la strada intrapresa per il definitivo superamento degli ospedali psichiatrici sembra essere quella corretta, ma, affinché il cammino possa ritenersi davvero concluso, all’appello mancano ancora i programmi di Trentino Alto Adige, Veneto e Sicilia. Coopsalute è una cooperativa di servizi socio-educativi-assistenziali- sanitari di qualità, direttamente a casa o comunque sempre vicini alle esigenze della persona, volti a fornire una pronta risposta ai bisogni scaturiti da particolari condizioni di disagio e fragilità legati alla salute. L’aumentato divario tra le risorse disponibilielacrescitadellarichiestadi prestazioni e trattamenti da parte dei cittadini, ha ridimensionato la capacità del servizio pubblico di rispondere alle reali attese di benessere e salute sociale. Coopsalute ha l’obiettivo di colmare tali lacune e ha come punto di forza quello di avvalersi di una capillare rete di professionisti del settore e di disporre di una vasta gamma di servizi, mediante la collaborazione con Cooperative Sociali, Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza Sanitaria, Associazioni di Categoria, Compagnie di Assicurazione. Il primo network italiano dedicato all'assistenza domiciliare e a tutti quei servizi pensati e costruiti intorno alle esigenze dell'utente. aderente A aderente B aderente C aderente D Coopsalute Soc. Coop. info@coopsalute.org www.coopsalute.org 800 598 635 Centrale Cooperativa (riservato agli Assistiti) 06 90198069 info e ufficio convenzioni
  12. 12. 12 Oltre a sostenere il nostro corpo, le ossa sono un indispensabile aiuto per la protezione degli organi vitali, come il cranio per il cervello o lo sterno e la gabbia toracica per cuore e polmoni. L’osso nelle articolazioni è coperto dalla cartilagine, tessuto altamente specializzato, liscio e con alta capacità di resistere al carico, che ci permette di compiere i movimenti articolari senza attrito. Le ossa sono costituite da cellule vitali che lavorano in un delicato equilibrio, quando il tessuto osseo invecchia viene riassorbito dagli osteoclasti e le zone di riassorbimento vengono, per così dire, sostituite con osso nuovo grazie agli osteoblasti. Da qualsiasi cellula di cui è costituito l’osso può originare, purtroppo, un tumore. Tra quelli maligni il più diffuso è sicuramente l’Osteosarcoma. Si tratta di un tumore particolarmente aggressivo con una rapida diffusione ematica e si manifesta in età pediatrica e adolescenziale, soprattutto nella fase di massimo sviluppo osseo. Le zone più colpite sono femore e braccio, ma anche il bacino e l’anca. I sintomi principali sono il dolore e il gonfiore con varie gradazioni a seconda di dov’è localizzato il tumore e dalla sua grandezza. Spesso purtroppo questi tumori impianto di protesi di emibacino in titanio con rivestimenti in tantalio: l’Italia si aggiudica il primato in campo internazionale. Intervista esclusiva al Dottor Raimondo Piana. a cura di Nicoletta Mele vengono scoperti casualmente da indagini eseguite per altri motivi, ad esempio una radiografia eseguita a seguito di un banale trauma. Sintomi quali una perdita improvvisa di peso o un affaticamento possono essere dei campanelli di allarme che dovranno essere accompagnati da una visita specialistica. L’iter diagnostico per questo tipo di tumore dell’osso di solito è il seguente: generalmente si parte da una semplice radiografia della parte del corpo dolente o tumefatta che già consente di capire molte caratteristiche del tumore con diagnosi quasi certa. Il secondo step diagnostico prevede l’utilizzo di apparecchiature più sofisticate quali la scintigrafia ossea,laTacolarisonanzamagnetica,chesicuramente aiutano a classificare meglio il tumore e soprattutto a rilevare la presenza di metastasi a distanza. Ad ogni modo, nonostante l’accuratezza di tutti questi esami, la biopsia ossea resta l’unico esame che permette di dare la diagnosi certa sul tipo di tumore e sul suo stadio di maturazione. Qual è l’incidenza in Italia? I dati a disposizione dichiarano che ogni anno in Italia si verificano circa 350 nuovi casi di tumori primitivi dell’osso con un’incidenza pari a circa 1 caso su 100 mila. La percentuale degli osteosarcomi si aggira intorno al 20/25% di tutti i tumori maligni. Negli ultimi anni questa patologia è quella che ha di più tratto beneficio dai trattamenti integrati, permettendo così una sopravvivenza da meno del 20% a più del 60%. Essendo una patologia rara richiede un approccio multidisciplinare con il coinvolgimento di diverse figure di specialisti che operano presso i centri di eccellenza oncologici, come ad esempio l’azienda ospedaliera dell’Università della Città della Salute di Torino che in questi giorni è stata al centro della cronaca perché ha raggiunto un grande traguardo riuscendo in un’impresa unica, la prima al mondo: l’impianto di
  13. 13. 13 una protesi di emibacino “custom made” (costruita su misura) fatta di titanio e tantalio in grado di integrarsi e fondersi molto bene con l’osso umano. Il paziente, un giovane di 18 anni, da un anno affetto da osteosarcoma al bacino e considerato da tutti inoperabile. Nel pieno della sua giovinezza cercava di combattere questo brutto male sottoponendosi a cicli di chemioterapia, rispondendo anche piuttosto bene a tale cura, presso il reparto di oncoemotologia dell’ospedale Regina Margherita diretto dalla dottoressa Franca Fagioli. La chemioterapia sembrava essere l’unica soluzione. Fortunatamente per non è stato così perché i chirurghi ortopedici dell’ospedale Cto di Torino hanno chiesto la collaborazione di un’equipe americana per la costruzione di una protesi ricreata su misura per il paziente, grazie all’ acquisizione delle immagini TAC. Lastrutturautilizzataèintitanioconrivestimentiintantalio, materiale che ha un’ottima capacità di integrarsi solidamente con l’osso residuo del giovane paziente. Il lungo e delicato intervento, primo e unico al mondo nel suo genere, è durato 12 ore nel totale, compresa la fase di preparazione, che ha visto la collaborazione di diverse unità dell’ospedale Cto di Torino. La prima fase, quella anestesiologica è stata seguita dal dottor Maurizio Berardino, Direttore di Anestesia e Rianimazione del centro. Successivamente il team guidato dal dottor Raimondo Piana, Responsabile del Reparto di Oncologia Ortopedica ha proceduto alla rimozione dell’emibacino destro e dell’anca dove era localizzato l’osteosarcoma e l’equipe del professor Alessandro Massè, Direttore della Clinica Universitaria Ortopedica ha disposto l’impianto della protesi. A distanza di qualche giorno dall’intervento, il dottor Piana, ha rilasciato a Mutua Basis Assistance, Società di Mutuo Soccorso abbonata a Health Online, un’intervista esclusiva per spiegare com’è nata l’idea della protesi e la sua realizzazione. Dato l’interesse dell’intervista, Mutua MBA concede la pubblicazione della stessa in esclusiva e per la prima volta, proprio su Health Online: “Innanzitutto ci tengo a precisare che l’intervento tecnicamente è durato circa 7 ore - ha dichiarato il dottor Piana - e non 12 come ho letto sui giornali, le12oresonostateiltempo totale dell’intervento che comprende anche tutta la fase di preparazione. La novità non è stata l’intervento in sé perché già in passato abbiamo eseguito dei trapianti di emibacino utilizzando le ossa di un donatore, ma la costruzione di una protesi con rivestimenti in tantalio e lo studio e il lavoro di squadra che ha coinvolto anche ingegneri di una ditta americana che materialmente hanno costruito la struttura. Ci siamo confrontati in video conferenza per una valutazione più attenta possibile nonostante la lontananza. Da parte nostra abbiamo analizzato come resecare l’emibacino malato attraverso la tac tridimensionale e abbiamo poi inviato il progetto agli ingegneri americani che si sono impegnati, seguendo le nostre indicazioni, alla costruzione della protesi. Inoltre abbiamo fatto rivestire tutti i punti di contatto della protesi con l’osso ricevente con del tantalio in modo da poter ottenere la migliore integrazione/fusione possibile. Abbiamo calcolato precisamente dove far passare le viti che solidarizzano la protesi con l’osso in modo da dare il maggior supporto possibile al processo biologico di integrazione. L’altra novità è stata quella di far predisporre sulla protesi dei fori dedicati dove abbiamo inserito i tendini dei muscoli che si inseriscono nel bacino”. In passato sono stati effettuati trapianti di bacino utilizzando le ossa di banca, cioè di un donatore. La novità e l’innovazione di questo intervento è stata la costruzione di una protesi ad hoc. Ci spiega qual è la differenza e quali sono i vantaggi delle leghe utilizzate? “Le ossa di banca del donatore non avranno mai le dimensioni precise del ricevente, non essendo vascolarizzate negli anni tendono a riassorbirsi, invece queste leghe sono molto porose a maglie larghe e si fondono nell’organismo come se fossero un osso nuovo. L’innovazione di queste leghe sono il presente e il futuro per la costruzione di protesi come quella utilizzata da noi, quello su cui puntare è proprio lo sviluppo dell’utilizzo del materiale perché, come già spiegato, si fonde con l’osso umano. Noi non ci fermiamo, andiamo avanti, per arrivare a raggiungere altri risultati, tenendo sempre i piedi per terra per evitare di creare false speranze.” Dottor Piana, cosa ha provato in quei momenti? “La sensazione che ho avuto è stata quella di avercela fatta, grazie alla collaborazione di un grande gruppo di lavoro che ha creduto fino in fondo nella riuscita e dell’intervento. È stato un meraviglioso lavoro di equipe, abbiamo anche utilizzato una tecnica un’esclusiva di Mutua basis assistance
  14. 14. 14 complicanze e il ragazzo già la mattina stessa dell’intervento è stato estubato e svegliato. Tra qualche giorno verrà dimesso e tornerà tra 40 giorni per le prime valutazioni funzionali e verificheremo come l’osso si è integrato nella protesi. La novità è stata la tipologia dell’impianto e una chirurgia eseguita da un team completo. Il mio consiglio è quello di rivolgersi sempre a dei centri specializzati che mettono a disposizione del paziente un’equipe. Il risultato raggiunto è frutto di un lavoro che parte da lontano. Questo tipo di chirurgia italiana è un’eccellenza internazionale in campo oncologico, è nata con il professor Rizzoli e grazie ai suoi insegnamenti molti chirurghi italiani sono riusciti a portare avanti una chirurgia oncologica di alta rilevanza internazionale”. L’intervento è riuscito non ha lasciato nessun deficit e il ragazzo è stato salvato grazie ad un gran lavoro di squadra da parte di tutta la Città della Salute di Torino. L’auspicio è quello che il giovane, nel tempo, abbia la possibilità di tornare ad una vita normale e noi gli facciamo i migliori auguri. innovativa per la riduzione del sanguinamento. La cosa più importante in quei momenti era la stabilità del paziente, siamo contenti di com’è andato l’intervento e siamo ottimisti, ma solo tra 40 giorni quando vedrò il ragazzo in piedi le saprò dire quali sono stati i primi risultati. L’osteosarcoma è una patologia molto grave e oggi con questo intervento innovativo il giovane paziente tendenzialmente è libero da malattie, non presenta lesioni, ma dovrà fare controlli per almeno i prossimi 10 anni. Ci auspichiamo che abbia una buona deambulazione con il ritorno ad attività quotidiana normale, questa è la nostra scommessa, qualsiasi ulteriore risultato è solo a vantaggio del paziente”. “Un gran lavoro di squadra” come ha voluto sottolineare anche il Professor Alessandro Massè, Direttore della Clinica Universitaria ortopedica CTO, che ha collaborato alla riuscita dell’intervento. “L’intervento fortunatamente non ha avuto intoppi - ha detto il professor Massè - c’è stato un grande lavoro di preparazione anestesiologica per ridurre al minimo il sanguinamento. Ad oggi non ci sono
  15. 15. 15 Nessuna distinzione per numero di componenti della famiglia Nessuna distinzione di età Sussidi per Single o Nucleo famigliare Detraibilità fiscale (Art. 15 TUIR) Nessuna disdetta all’associato Durata del rapporto associativo illimitata Soci e non “numeri” perché abbiamo scelto mba? rimborso inteventi home test alta diagnostica assistenza rimborso ticket conservazione cellule staminali visite specialistichesussidi per tutti check up MBA si pone come “supplemento” alle carenze, ad oggi evidenti, del Servizio Sanitario Nazionale. L’innovazione dei Sussidi che mette a disposizione dei propri associati identifica da sempre MBA come una vera “Sanità Integrativa” volta a migliorare la qualità di vita degli aderenti. Società Generale di Mutuo Soccorso Basis Assistance Tel. +39 06 90198060 - Fax +39 06 61568364 www.mbamutua.org - info@mbamutua.org
  16. 16. 16 Assistenza alla salute: è ora di cambiare. Con il rilancio della sanità integrativa é possibile. a cura di Alessia Elem Negli ultimi anni, la crisi dello stato sociale e i tagli alla spesa pubblica hanno provocato una diminuzione degli investimenti destinati alla sanità pubblica, generando così un’insufficienza di erogazione di servizi e prestazioni per i cittadini. Tra questi, in pole position, si collocano le lunghe e innumerevoli liste di attesa per la prenotazione di visite specialistiche e per interventi chirurgici. Quanto tempo dobbiamo aspettare per una visita o un intervento? Per un esame cardiologico, come eco- cardiogramma ed elettro-cardiogramma, in media, sono 9 mesi di attesa; si accorciano, ma di poco, per la visita cardiologica: 7 mesi! La visita oculistica è quella che ha tempi più rapidi, solo 5 mesi. Ma questi tempi di accesso sono brevi se confrontati con quelli per gli interventi chirurgici perché per operarsi all’ernia discale o per una protesi al ginocchio, c’è una “coda” di 2 anni. Con oltre 24mila segnalazioni da parte dei cittadini, la17esima edizione del Rapporto Pit Salute ha evidenziato che è pari al 58,5% la percentuale di cittadini che reclama questa mancanza, di questa il 34,1% per esami diagnostici, il 31,4% per visite specialistiche e il 27,1% per interventi chirurgici. La conseguenza è la rinuncia a curarsi. Secondo l’Ultimo Rapporto Annuale Istat, infatti, è il 32,4% a desistere dalle cure mediche proprio a causa dei difficili e prolungati tempi di accesso. Non è tutto. A questo va aggiunto un altro fattore importante:l’incremento della popolazione anziana. In Italia, l’età media per gli uomini è di 79,6 e 84,4 per le donne, siamo i secondi al mondo per longevità, preceduti solo dal Giappone, mentre da un punto di vista territoriale è il Nord la zona dove si registra il maggior aumento dell’aspettativa di vita. La popolazione anziana è quella più soggetta ai problemi di salute, con una buona fascia di ultrasettantacinquenni che soffre di patologie croniche gravi, come diabete, tumori, Alzheimer e demenza senile. Ecco qualche dato. Sono il 36% gli uomini di età compresatrai65ei69anniasoffrirediquestepatologie, mentre gli ultra 75enni sono il 57%. Leggermente più bassa è la percentuale delle donne per le stesse fasce di età: oltre i 75 anni il 51% mentre tra i 65-69 anni è il 28%, un -8% rispetto agli uomini. (Fonte Istat). L’aumento delle spese sanitarie con i costi dei ticket, non più sostenibili per le tasche degli italiani, rappresentano un altro problema da non sottovalutare. Per il Rapporto Pit Salute, l’aumento del ticket si attesta intorno al 31,4% rispetto al 10,3% del 2012 e il 50,4% della popolazione si esime dal controllo sanitario proprio per gli eccessivi costi. Facciamo due conti. Quanto ha speso, in un anno,una famiglia per le cure mediche? La risposta l’ha fornita il Tribunale per i diritti del malato che, esaminando le numerose segnalazionideicittadini,haevidenziatounoscenario di questo tipo: 650 euro sono serviti per l’acquisto di farmaci indispensabili non rimborsati dal Sistema Sanitario Nazionale, circa 900 euro per comprare i parafarmaci, 1070 euro per visite mediche, circa 7400 euro per strutture residenziali o semi-residenziali, 573 euro per protesi, circa 750 euro per strumenti medici monouso e 9.082 euro per eventuali badanti. Cifre che fanno riflettere parecchio.
  17. 17. 17 Tutta questa situazione sta portando, da un lato, a un forte distacco degli italiani dal Sistema Sanitario Nazionale e, dall’altro, ancor peggio, alla rinuncia di una buona fetta della collettività alle cure mediche, non solo per le difficoltà di accesso, come già spiegato, ma per evitare di arrivare alla fine del mese con le tasche vuote. Se proprio non se ne può fare a meno si chiede un prestito. Ammesso che sia concesso. Altro discorso e altra nota dolente. Il 22,4% fa ricorso alla rateizzazione per supportare le cure mediche necessarie. (fonte Eurispes) L’ultimo rapporto annuale Istat evidenzia, infatti, che il 50,4% rinuncia alle cure sanitarie a causa delle difficoltà economiche, fanno parte di questa categoria visite, interventi chirurgici e acquisto di farmaci. Dal punto di vista territoriale è il Mezzogiorno ad astenersi con circa il 15%. Il nostro Sistema Sanitario, sta soffrendoelodimostraancheuna classifica europea presentata di recente a Bruxelles dall’Indice europeo Health Consumer (EHCI,sorta nel 2006 a opera del centro svedese HCP che registra l’andamento sanitario di 37 paesi europei sulla base di dati rilasciati dai consumatori) . L’Italia quest’anno si colloca al 21° posto, perdendo una posizione rispetto lo scorso anno. Sul podio con la medaglia d’oro si colloca l’Olanda, seguita dalla Svizzera, dalla Norvegia, dalla Finlandia e dalla Danimarca. A questo punto sorgono spontanee delle domande: come assicurare servizi e prestazioni adeguate con prezzi accessibili a tutte le fasce sociali? Come garantire a pazienti con patologie gravi terapie e farmaci costosi? C’è un modo efficace, efficiente e immediato per porre fine a questa situazione arrivata al capolinea? La risposta è: sì, grazie al rilancio della Sanità Integrativa. Le Istituzioni stanno pensando di attuare azioni risolutive prendendo in seria considerazione il decollo, mai avvenuto,della Sanità Integrativa intesa come valido supporto al Sistema Sanitario Nazionale. Arriveranno a breve nuove terapie immunologiche e farmaci efficaci nonsolo perl’epatite C ma ancheper combattere malattie come il Parkinson e l’Alzheimer, ma molto costosi.“Questo è il vero grande problema di tutti i sistemi sanitari avanzati”, dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano “La Stampa” -“sono in arrivo nuove e costose terapie immunologiche contro il Parkinson e l’Alzheimer. Per questo abbiamo avviato un confronto con i ministri europei, ma anche con Usa e Canada. Serve un’alleanza per contrattare al meglio i prezzi, pur remunerando gli investimenti in ricerca. Nel frattempo ho avviato un tavolo per il rilancio della sanità integrativa che non è mai decollata. Se dobbiamo assicurare cure importanti e costose a tutti qualcosa di meno essenziale potrà essere sostenuto da questa terza gamba”. Gli italiani stanno iniziando a virare verso questa direzione affidandosi a Casse Sanitarie, Fondi Sanitari Integrativi e Società di Mutuo Soccorso che offrono un sostegno considerevole al cittadino in termini di facilità di accesso alle prestazioni e ai servizi. “Le società di Mutuo Soccorso hanno una dinamicità di attività che li permette di essere presenti su tutto il territorio nazionale” afferma Luciano Dragonetti, consigliere di MBA e presidente di A.NA.PRO.M. “la presenza è fondamentale – continua Dragonetti – anche perché consente di essere sempre attenti alle più importanti esigenze dell’associato. Fare mutualità è anche vivere la comunità”.
  18. 18. 18 Cancro al colon-retto: tutto quello che c’è da sapere. L’importanza della prevenzione per combattere la neoplasia a cura di Nicoletta Mele Il cancro al colon è uno dei tumori più diagnosticati in tutto il mondo e nei Paesi occidentali rappresenta il terzo tumore maligno per incidenza e mortalità, dopo quello della mammella nella donna e quello del polmone nell’uomo, escludendo i carcinomi della cute. Ogni anno in Italia vengono diagnosticati circa 40.000 nuovi casi di neoplasie colon-rettali. Negli ultimi anni grazie all’informazione e alla diagnosi precoce si è avuta una diminuzione del tasso di mortalità. Il cancro al colon si sviluppa nella zona dell’apparato digerente, il colon retto, in un periodo di tempo che va dai 10 a i 15 anni. È una neoplasia lenta, subdola e silenziosa perché spesso ai sintomi viene data poca importanza o confusi con altri tipo di malattie della zona digerente e questo porta alla conseguenza di una diagnosi tardiva. È importante, soprattutto dopo i 50 anni (il rischio di ammalarsi sotto i 40 anni è abbastanza raro, mentre risulta essere più frequente dopo 50-55 anni fino ad un livello elevato oltre i 60 anni) recarsi dal medico o dallo specialista per un controllo approfondito quando si notano problemi digestivi, presenza di sangue nelle feci (questo sintomo spesso viene erroneamente correlato alla presenza di emorroidi) o calo dell’appetito e perdita di peso. I fattori che determinano il cancro al colon sono: stili di vita non corretti, diete ad alto contenuto calorico e scarse di fibre vegetali, pochissima attività fisica, oltre ai fattori genetici. Anche le malattie infiammatorie del colon, come il Morbo di Crohn e la retto-colite ulcerosa sono altri fattori che determinano la malattia. La neoplasia al colon retto è considerata ereditaria per il 5-10% e si manifesta sotto forma di “poliposi adenomatosa familiare del colon”. In questo caso il rischio di sviluppare un tumore del colon aumenta di 2 o 3 volte per chi ha parenti di primo grado affetti da cancro o da polipi del grosso intestino dopo i 50 anni. Mentre quando si ha la presenza di uno o più familiari di primo grado con cancro colorettale diagnosticato prima dei 50 anni, il rischio è da 4 a 6 volte superiore 18
  19. 19. 19 di sviluppare una neoplasia. Quando si è di fronte a situazioni di questo tipo è consigliabile effettuare prima dei 50 anni l’esame della colonscopia per verificare la presenza o meno di polipi, cioè lesioni pre-tumorali di origine benigna che, se individuati e rimossi, arrestano lo sviluppo del tumore. Nello specifico, per i figli, il controllo deve iniziare ad un’età pari a 10 anni in meno di quella che aveva il genitore quando gli è stato diagnosticato il tumore, ad esempio se il genitore ha scoperto la neoplasia al colon all’età di 43 anni, il figlio dovrà iniziare gli esami di screening a 33 anni. E proprio per sensibilizzare e informare il più possibile sulla prevenzione del cancro al colon-retto che l’AMOC Onlus - Associazione Malati Oncologici Colon-Retto, associazione di volontariato nata nel 2006, realizza delle campagne come quella “Io non rischio contro il tumore al colon-retto scelgo la prevenzione, non aspetto!” messa in campo all’inizio dell’anno mediante l’affissione di cartelloni vicino alle maggiori stazioni metropolitane della capitale. Il presidente dell’Associazione, la signora Isabella Francisetti si ritiene molto soddisfatta dei risultati ottenuti con questa iniziativa. “Ho ricevuto moltissime telefonate e richieste e siamo contenti del successo perché le persone hanno capito il messaggio di familiarità che abbiamo voluto dare. Ad oggi abbiamo terminato le disponibilità, ma già stiamo pensando di riproporre un’iniziativa di questo tipo per la fine di quest’anno o per l’inizio del prossimo.” Ci può spiegare quale sono le finalità della Onlus e quali sono le vostre attività? “L’AMOC è una Onlus con finalità esclusivamente di utilità sociale quali la prevenzione, l’informazione e supporto morale a favore dei pazienti colpiti da tumore del colon-retto e loro familiari. Sono diversi i volontari dell’AMOC impegnati e presenti ogni giorno presso il Day Hospital Oncologico dell’ Istituto dei tumori Regina Elena di Roma, a sostegno dei pazienti e delle loro famiglie mediante azioni di supporto pratico e morale, inoltre forniscono informazioni di tipo amministrativo per coloro che intendono usufruire delle disposizioni di legge esistenti a favore dei pazienti oncologici. Organizziamo incontri a tema tra i pazienti affetti da neoplasie del colon-retto, i loro familiari e gli oncologi per il trattamento di questa patologia”. Essendo questo tipo di tumore silenzioso e subdolo, la prevenzione assume un’importanza fondamentale per diagnosticare in tempo la neoplasia. È stimato, infatti, che nel 25% dei casi il cancro al colon viene diagnosticato in fase avanzata, insieme alla presenza dei sintomi come maggiore debolezza, dolori addominali o nella regione del fegato, una febbricola nelle ore pomeridiane o dimagramento, che inducono il paziente a sottoporsi a degli accertamenti specifici. Quali sono i segnali da tenere in considerazione per identificare in tempo il cancro al colon? Lo spiega il dottor Oscar Berretto, Direttore della Rete Oncologica Regionale del Piemonte e della Valle d’Aosta. “Le cause principali che determinano il tumore al colon-retto per il 90% sono dovute all’ambiente e in particolare all’educazione alimentare, la restante percentuale riguarda i fattori genetici. E l’individuazione tempestiva del tumore al colon- retto dipende dalla sede dell’intestino nella quale si sviluppa. Se è la parte sinistra, quella bassa dell’intestino, ad essere coinvolta i primi sintomi che fanno scattare i campanelli di allarme sono i cambiamenti delle abitudini dell’intestino e perdite di sangue rosso vivo nelle feci. Mentre se è la parte destra ad essere colpita i segnali sono la perdita di appetito e dimagrimento,anemia cronica dovuta alla mancanza di ferro a causa delle emorragie nascoste, ma frequenti, nelle feci.” Quali sono i principali esami di screening? “Sono la ricerca del sangue occulto nelle feci (Sof) e la rettosigmoidoscopia,un esame che si esegue mediante l’utilizzo di uno strumento che permette di esplorare le pareti degli ultimi due tratti dell’intestino, il sigma e il retto, dove si sviluppa un’alta percentuale di polipi e che se colpiti dal tumore sono più problematici da trattare. L’esame consente non solo di una diagnosi precoce, ma anche di asportare eventuali polipi in sede ambulatoriale senza dover ricorrere all’intervento chirurgico, interrompendo così la loro evoluzione verso il cancro. Per un esame ancor più approfondito c’è la colonscopia che permette di guardare dall’interno il retto, il sigma e il colon con un sottile strumento flessibile di lunghezza variabile contenente una piccola telecamera che passa attraverso il canale anale e grazie al quale è possibile con le pinze da biopsie l’esportazione di polipi e accertare che sia neoplasia”. Qual è la terapia che viene applicata una volta diagnosticato il tumore? “L’esportazione chirurgica”. E proprio grazie da una parte ad una maggiore attenzione nei confronti della prevenzione e dall’altra
  20. 20. 20 Qual è il suo messaggio? “Innanzitutto adottare delle abitudini alimentari adeguate con un maggior apporto di frutta e verdura e meno consumi di carni rosse e zuccheri di rapido assorbimento, fare attività fisica perché essere sedentari non aiuta. E poi partecipare agli esami di screening che sono molto efficienti ed efficaci per combattere questo male”. Lei è il direttore della Rete Oncologica delle Regioni Piemonte e Valle D’Aosta, quali sono le caratteristiche di questa struttura? “È una struttura dettagliata, sorta nel 2000, la prima in Italia. Sono 4 anni che è stato creato un dipartimento funzionale interaziendale che mette in relazione tutti gli ospedali per costruire insieme le strade migliori da adottare controllando la qualità delle prestazioni”. In generale, quindi, per combattere i tumori le due azioni principali sono: la prevenzione primaria, cioè attraverso un corretto stile di vita e quella secondaria con la diagnosi preventiva. I test di screening consentono di diagnosticare una determinata neoplasia in fase iniziale, l’adesione è del tutto volontaria e sostenuta sia al livello nazionale che internazionale. ad avere a disposizione degli strumenti efficaci in grado di diagnosticare in tempo il tumore che oggi il tasso di mortalità è diminuito? “Sì, rispetto a 30 anni fa su 10 persone malate di cancro al colon retto, solo 3 riuscivano sopravvivere, negli ultimi 5 anni invece la sopravvivenza è migliorata, su 10 persone ne guariscono in media 6. La sopravvivenza a 5 anni è aumentata con un’attesa di circa il 60% questo dato positivo è dovuto, appunto, ad una maggiore tempestività nella diagnosi e ad una maggiore efficacia dei trattamenti”. Qual è, secondo lei, il grado di cognizione da parte delle persone rispetto al tumore e, di conseguenza, all’attività di prevenzione? “Secondo me la consapevolezza oggi è abbastanza importante grazie anche all’informazione, ma il passaggio dal pensiero all’atto non è purtroppo così immediato perché sottoporsi ad esami di screening come la rettosigmoidoscopia o la colonscopia spaventa e vengono vissuti come un’invasione. In più c’è da considerare tutta la fase di preparazione voltaallapuliziadell’intestino,tuttiquesticomponenti non aiutano e molte persone denunciano infatti un certo disagio e dei dolori, soprattutto con un colon contorto e con curve molto strette.”
  21. 21. Questo, come abbiamo detto, negli anni ha determinato un cambiamento nella storia naturale dei tumori soprattutto quelli alla mammella, alla cervice uterina e al colon retto. In Italia i programmi di screening attivati da parte delle Regioni prevedono l’esame del sangue occulto nelle feci ogni due anni per le donne e gli uomini tra i 50 e i 54 anni e una colonscopia tra i 58 e i 60 anni da ripetere dopo 10 anni. Le misure di prevenzione sono state adottate dalla Regione Piemonte, che a fine anno scorso ha festeggiato i 10 anni dell’iniziativa Prevenzione Serena che prevede l’invito a tutta la popolazione residente ad effettuare una sigmoidoscopia all’età di 58 anni. Il programma di screening ha permesso in questi anni di diagnosticare 1460 tumori: nel 70% dei casi si trattava di lesioni in stadio iniziale (stadi I e II), con una sopravvivenza a 5 anni variabile tra il 95% e l’85% e caratterizzate da una elevata probabilità di guarigione, ed il trattamento ha potuto essere limitato alla sola escissione endoscopica nel 13% dei casi. Soprattutto, grazie all’asportazione endoscopica delle lesioni che possono dare origine ad un tumore (gli adenomi del grosso intestino), l’attività del programma di sigmoidoscopia permetterà, su un arco di 15 anni dall’avvio del programma, di prevenire l’insorgenza di circa 1500 casi di cancro colorettale. Il trend determina un consistente risparmio sui costi del trattamento per questi tumori, stimabile, al netto dei costi di funzionamento del programma di screening, in più di 4.000.000 di euro. Le 1500 persone che non si ammaleranno di tumore del colon eviteranno inoltre i disturbi e le sofferenze legati alla terapia che sarebbe stata necessaria se il tumore si fosse manifestato. Il programma piemontese si caratterizza anche per l’elevata qualità dell’attività di ricerca. In particolare negli ultimi anni è stato completato uno studio multicentrico di valutazione della colonscopia virtuale come test di screening primario, che ha coinvolto i dipartimenti di Torino, Biella e Novara, e sono stati avviati a Torino due studi di valutazione di tecnologie innovative: la video capsula del colon ed una tecnologia endoscopica che garantisce una visualizzazione molto più completa e quindi, potenzialmente, una maggiore accuratezza dell’esame, rispetto agli endoscopi in uso. Prevenire il cancro al colon è possibile e ognuno di noi è chiamato a sottoporsi a tutte le misure di prevenzione necessarie perché, purtroppo, siamo una popolazione predisposta a svilupparlo. Direzione operativa ed organizzazione Back Office Consulenza mirata per costituzione o restyling societario Assistenza soci dedicata ad hoc con numero verde e personale dedicato Health Service Provider con 1560 strutture sanitarie sul territorio Marketing e strategie di comunicazione ai soci Organizzazione di convegni nazionali di settore Formazione personale interno ed incaricati al contatto con i soci Social Media Strategist per una comunicazione al passo con i tempi Consulenza per compliance e policy interna Consulenza giuridica e fiscale Operation per la gestione dei regolamenti applicativi Assistenza, realizzazione piattaforme, siti web ed aree intranet Dati, studi e ricerche sul mondo della Sanità Integrativa Ansi, Associazione Nazionale Sanità Integrativa, nasce dalla volontà di alcuni primari fondi sanitari di creare non solo un’associazione di categoria “indipendente”,maancheuninterlocutorequalificato che si renda portavoce attivo tra Istituzioni, Sistema Sanitario Nazionale e Fondi Sanitari Integrativi. ANSI vuole diventare il soggetto capace di tutelare, aggregare e sostenere le diverse forme mutualistiche operanti in Italia, che garantiscono la salute di circa ¼ della popolazione italiana. “Auspichiamoilbenessereelasalutepertuttii cittadini,comedirittofondamentaledell’uomo epatrimoniosocialedellacollettività” www.sanitaintegrativa.org segreteria@sanitaintegrativa.com
  22. 22. 22 Tumore: la cuffia refrigerata “Paxman” contrasta la caduta dei capelli causata dagli effetti della chemioterapia a cura di Alessia Elem Secondo l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), si stima che in Italia, ogni giorno si manifestano 1000 nuovi casi di cancro e in un anno ci sono 366.000 nuove diagnosi di neoplasie, escludendo quelle della cute, che colpiscono circa 196.000 (54%) di uomini e circa 169.000 (46%) di donne. I cinque tumori più frequenti, fra gli uomini sono: il tumore della prostata (20%), il tumore del polmone (15%), il tumore del colon-retto (14%), il tumore della vescica(10%)equellodellostomaco(5%),traledonne, invece il tumore della mammella ha un’incidenza maggiore, pari al 29%, segue il tumore del colon-retto con il 14%, il tumore del polmone (6%), il tumore del corpo dell’utero (5%) e quello della tiroide (5%). Tra gli strumenti a disposizione per combattere il tumore, c’è la chemioterapia che si serve di farmaci citotossici, tossici per le cellule, che hanno la capacità di bloccare la divisione delle cellule in rapida replicazione, senza però distinguere tra cellule sane e cellule malate, motivo per il quale le chemioterapie hanno effetti collaterali su tutti i tessuti a rapido ricambio, come le mucose, i capelli e il sangue. La caduta dei capelli, soprattutto per le donne, rappresenta un problema che va ad aggiungersi ad una difficile convivenza con la malattia. Sotto il profilo psicologico e nelle relazioni sociali cambia la vita delle persone colpite dal tumore, perché la maggior parte tende a chiudersi nel proprio mondo del quale, a volte, possono farne parte solo pochi intimi tenendo nascosta, il più possibile, la malattia. Ma l’inevitabile caduta dei capelli, dovuta proprio agli effetti della chemioterapia, è una situazione che difficilmente, soprattutto la donna riesce a tollerare iniziando anche a preoccuparsi di avere puntati addosso gli occhi degli altri perché “Ora la gente saprà che sono malata”. Per ridurre al minimo questo disagio, dovuto ad un cambiamento fisico da parte del paziente, alcune strutture ospedaliere italiane da qualche anno utilizzano una cuffia refrigerata, dal nome Paxman, una vera e propria innovazione in campo medico considerata ad oggi, l’unico strumento in grado di contrastare la caduta dei capelli. Il sistema Paxman, ideato in Gran Bretagna, dalla famiglia di imprenditori Paxman, dalla quale prende il nome, consente di contrastare nel 50-70% la caduta dei capelli dovuta all’uso di alcuni farmaci chemioterapici. Da cosa nasce l’idea? La storia degli imprenditori Paxman inizia negli anni ‘50, con l’invenzione di un sistema di raffreddamento per la birra. La produzione dell’azienda, però, è destinata a mutare radicalmente. La moglie del figlio del fondatore, infatti, si ammala di tumore al seno. E il consorte Glenn, aiutato dal padre, decide di investire tutta la propria conoscenza nel campo dei sistemi di raffreddamento per plasmarli e renderli utili ai malati di tumore che devono sottoporsi alla chemioterapia. Stando vicino alla moglie, Glenn si rende ben presto conto di quanto sia difficile accettare la perdita dei capelli durante i trattamenti chemioterapici. Un dolore che lui vuole riuscire a evitare a chi soffre già per una malattia così grave. La moglie diventa la prima donna a sperimentare la ‘cuffia’, anche se su di lei lo strumento, ancora ‘primitivo’, non sortisce l’effetto sperato. Dopo alcuni mesi la malattia, inesorabilmente, strappa a Glenn l’amore della moglie per la quale ha tanto lottato. Ma, ormai, la famiglia ha segnato la propria storia. Dopo diversi studi, nel 1997, Paxman produce il primo prototipo ufficiale della ‘cuffia’ che viene installata presso la Huddersfield Royal Infirmary. Oggi Paxman è l’unico produttore di questo tipo di tecnologia. Il sistema in Gran Bretagna è usato in più di mille strutture. In Europa sono molte le strutture ospedaliere che si avvalgono della cuffia, mentre attualmente in Italia, il sistema è utilizzato oltre che dall’ospedale di Carpi, prima struttura a livello nazionale per numero di pazienti reclutati (88 donne e 1 uomo), da quello di Avellino e di Parma. La ‘cuffia’ refrigerata Paxman dal mese di maggio del 2013, è stata messa a disposizione dei pazienti del reparto di Oncologia dell’Ospedale di Carpi,grazie al contributo (30 mila euro) dell’Associazione Malati Oncologici (AMO). Dopo aver visitato due strutture pubbliche inglesi,
  23. 23. 23
  24. 24. 24 un messaggio di speranza alle donne che stanno vivendo lo stesso dolore che ha vissuto lei. “Certo non è come andare dal parrucchiere – ha raccontato Bianca – perché si sente molto freddo e si prova una forte sensazione di costrizione. Durante le prime sedute guardavo continuamente l’orologio e non riuscivo a fare niente. Era come se dicessi a me stessa: concentrati, funzionerà meglio. Per fortuna ho incontrato persone straordinarie, che mi hanno seguito passo dopo passo. Infermiere preparatissime,comeEmilia,cheognivoltasapevano regalarmi un sorriso, una parola di incoraggiamento. Guardando indietro, oggi, mi sembra di aver intrapreso un percorso di miglioramento prima di tutto interiore. E se potessi parlare con le persone che si trovano a dover affrontare malattie come questa, mi piacerebbe ricordare loro una frase che ha pronunciato di recente Emma Bonino, dopo aver detto pubblicamente di avere un tumore: io non sono la mia malattia. Quando ho scoperto di essere malata volevo tenere nascosta la mia condizione di salute per non far soffrire le persone a me più vicine. Un attimo dopo, però, ricordo di aver pensato: perderò i capelli e così tutti verranno a sapere che ho un tumore. Non sapevo dell’esistenza della cuffia, è stata mia sorella a cercare su internet, dopo che le venne in mente Caro Diario di Nanni Moretti, un film dove il protagonista mette una cuffia da pallanuoto in freezer prima di fare chemioterapia. Per certi aspetti, se possibile ho vissuto peggio questo problema che non dover affrontare il percorso di cura. Potrebbe sembrare un aspetto secondario della malattia, ma non perdere i capelli, soprattutto per una donna, è un aiuto importante per continuare a vivere ‘fuori’. Ti senti meno malata e non hai continuamente paura dello sguardo degli altri. Fortunatamente sono guarita ed è tempo di guardare avanti”. il “Christies Hospital” a Manchester e l’ospedale di Huddesfield,simileperdimensioniaquellocarpigiano, l’equipe della Medicina Oncologica del Ramazzini, diretta da Fabrizio Artioli con il coordinamento infermieristico di Angela Righi e in collaborazione con l’Associazione Malati Oncologici (AMO), hanno deciso di acquistare una ‘cuffia’ Paxman. Come funziona questo strumento innovativo? Health Online ha contattato la struttura ospedaliera di Carpi la quale ha spiegato il funzionamento della cuffia Paxman e informato sui risultati del loro primo bilancio di attività a distanza di quasi 2 anni fornendo anche la testimonianza di una paziente. Ilprincipioconilqualelarefrigerazioneriduceglieffetti della perdita dei capelli era noto, ma il problema era il mantenimento delle basse temperature, risolto da questo nuovo tipo di dispositivo, che riesce a trattare 2 pazienti per volta, per un totale di 4 al giorno, mantenendo una temperatura fissa di -4°C generando così una sensibile riduzione del flusso di sangue ai follicoli piliferi e salvaguardandoli dalla distruzione. In questo modo, si riesce ad evitare nel 50-70% dei casi la perdita dei capelli dovuta all’uso di alcuni farmaci chemioterapici. In passato queste cuffie erano costituite da una gelatina che veniva raffreddata nel freezer, ma una volta indossata dalla paziente perdeva velocemente il suo effetto refrigerante. Aver ideato uno strumento di questo tipo è stato un valido aiuto perché permette al di ridare fiducia ai pazienti e dare loro uno stimolo positivo nei confronti della terapia. Ad oggi, il Day Hospital dell’ospedale Ramazzini, diretto da Fabrizio Artioli, ha deciso di concentrare il suo utilizzo sui tumori alla mammella, sia maschile che femminile, perché la maggior parte dei farmaci alopecizzanti sono contenuti nei trattamenti chemioterapici propri di questo carcinoma. Finora sono 89 i pazienti ‘reclutati’per utilizzare la cuffia. Dai dati raccolti finora, il ‘Ramazzini’ ha ottenutorisultatinonsolosovrapponibilimaaddirittura migliori di quelli riscontrati in altri ospedali europei dove è in uso la strumentazione. La percentuale di successo del trattamento oscilla tra il 55 e il 62% dei casi. Non è previsto nessun limite di età, ma la media dei pazienti finora reclutati è di 53 anni. Una delle 88 donne reclutate per utilizzare la cuffia è Bianca (nome di fantasia), un’insegnante d’inglese in una scuola media di Modena, di 48 anni che a gennaio ha terminato il ciclo di chemioterapia dopo che le era stato diagnosticato un tumore al seno. Oggi, Bianca, ha voluto raccontare la sua storia proprio per far conoscere a più persone possibili i benefici della cuffia Paxman e per lanciare
  25. 25. 25 La così chiamata White Economy, non è altro che il quadro complessivo dell’economia della salute e dell’assistenza, ovvero le attività connesse con la salute e il benessere della persona. Chiarito questo quesito interpretativo che spesso genera nei lettori una lieve confusione che distoglie il focus dall’argomento, possiamo analizzare cosa e come questa economia sta crescendo o regredendo nel nostro paese. L’integrazione di questo importante aspetto, resta ancora nel 2015 uno degli obbiettivi fondamentali da raggiungere, attraversando percorsi diversi, ma che conducono allo stesso comune punto di arrivo, cioè rendere il welfare più accessibile a tutti utilizzando strumenti integrativi, alleggerire il SSN, accrescere l’occupazione e le imprese della white economy con impatti positivi e produttivi sull’intero sistema economico nazionale. è ormai assodato che il sistema sanitario pubblico è sinonimo di grandi e lunghissime attese a fronte di un ticket più basso, ad esempio per una visita oculistica pubblica si spendono 30 euro in ticket per 74 giorni di attesa, cioè due mesi e mezzo, mentre nel privato pagando 98 euro, si aspettano solo 7 giorni. La stessa situazione di ripropone su molti altri settori specifici come le per visite cardiologiche, 40 euro il ticket e 51 giorni di attesa mentre nel privato abbiamo 107 euro con 7 giorni di attesa, lo stesso per visite ortopediche, ginecologiche, accertamenti diagnostici e riabilitazione. In sintesi per accorciare i tempi di attesa bisogna pagare di più. Questa situazione evidenzia una grande disparità tra prezzi e tempi di attesa, discriminando automaticamente coloro che possono permettersi le cure privatamente e coloro che non potrebbero, costringendo molte famiglie a fare sacrifici per arrivare in tempo su una questione delicata come la propria salute. Purtroppo l’approccio degli Italiani agli strumenti di sanità integrativa continua ad essere molto freddo e distaccato, a causa delle difficoltà che si incontrano nel comprendere come tali strumenti funzionino e come possano portare dei vantaggi. Questo tipo di considerazione rende sempre più complesso il raggiungimento dell’obbiettivo comune, cioè creare una più forte integrazione tra il welfare pubblico e welfare privato che oggi risulta essere una delle poche soluzioni a disposizione per ampliare i livelli di accesso alle cure e sopperire alla grande domanda rimasta inevasa. Il fattore più ostativo in assoluto per un approccio più aperto alla sanità integrativa è sicuramente quello economico: il 40% di coloro che non hanno e che vorrebbero una copertura sanitaria integrativa, ritiene che sarebbe troppo oneroso rispetto al proprio reddito. Inoltre se si escludono coloro che non possono accedervi, ad esempio per limiti di età, la seconda ragione del mancato utilizzo della sanità integrativa è la mancanza di fiducia in tali strumenti. Sfortunatamente la diffidenza, conoscenza limitata, costi elevati quindi alimentano il distacco che c’è tra gli strumenti a disposizione e la domanda contenuta degli stessi, è evidente quindi la necessità di migliorare la comunicazione al fine di consentire a tutti di valutare la possibilità o meno di utilizzare questi preziosi strumenti. Anche la crisi economica del paese contribuisce ad allontanare i cittadini dalle cure, ormai divenute quasi un lusso, e tendenzialmente posticipate fino al campanello di urgenza o alla stretta necessità, in ogni caso ricorrendo al settore privato che garantisce un servizio senza la condizione di un’attesa toppo lunga. Ecco dunque il quadro completo che prospetta diversi e molteplici obbiettivi per l’imminente futuro. Diffondere una cultura più consapevole del welfare integrativo, rendere più conosciuti e accessibili tali strumenti, agevolare i prezzi per da modo ad una fascia sempre più grande di richiedenti di usufruire dei servizi integrativi di qualità che il nostro paese può mettere a disposizione. La White Economy, sviluppo o regresso? a cura di Manuela Fabbretti
  26. 26. 26 Chi è I 3 pilastri della sanità Struttura e servizi Winsalute nasce dalla volontà di avviare un Service Provider indipendente sul mercato dell’assistenza sanitaria integrativa, che potesse offrire i propri servizi nei rami malattia e infortuni a tutti i clienti del Gruppo e a terzi nell’attività di gestione di tutti gli adempimenti amministrativi e liquidativi. Attualmente si attesta come un punto di riferimento nel panorama dei Servizi di Assistenza volti al settore della Sanità Integrativa, gestisce oltre 280.000 sinistri annui garantendo 1.440.000 assistenze annue. GestioneCentrale salute Network - 2 call center - Servizio SMS - Servizio CHAT - Network senza eguali in Italia - Scanner professionali Winsalute S.p.A. +39 06 90198081 (dall’estero) www.winsalute.it info@winsalute.it 800 598 291 Numero Verde 800 511 311
  27. 27. 27 Perché ogni volta che c’è la necessità di fare sacrifici economici a causa dei tagli alle Regioni, il settore sanitario è il primo ad essere colpito? È una domanda che negli ultimi anni ci poniamo spesso soprattutto perché a farne le spese è proprio il diritto alla salute del cittadino. A farci riflettere ancor di più sono i dati che evidenziano una situazione non proprio florida per il nostro Paese con la nuova legge di stabilità che ha sancito tagli alle regioni per 4 miliardi di euro. Il rapporto “Noi Italia” 2015 dell’ISTAT, offre una fotografia di come stanno andando le cose. La spesa sanitaria italiana dal 2010 al 2013 è calata del 2,8%. Nel 2012 risultava essere poco meno di 2.500 euro procapite, inferiore a quella dei maggiori paesi europei, ammontando a circa 111 miliardi di euro pari al 7% del PIL. Sempre nel 2012 le famiglie italiane hanno contribuito con le proprie tasche alla spesa sanitaria con una quota pari al 20,8%, in calo di più di 2 punti percentuali rispetto al 2001. La spesa sanitaria delle famiglie era nell’ordine dell’1,8% del PIL nazionale. Per quanto riguarda l’offerta dei posti letto da parte delle strutture ospedaliere l’Italia, nel 2011, con 3,4 posti ogni mille abitanti, si collocava al 23° gradino della classifica. L’offerta di questi dipendeva dalle scelte di politica sanitaria e dalle caratteristiche del nostro sistema sanitario. Insomma, un quadro questo che evidenzia che con i tagli al bilancio della Sanità degli ultimi anni, la situazione in Italia è diventata sempre più precaria. Secondo le stime delle Regioni, nel 2012 sono mancati complessivamente 3 miliardi di euro e nel 2013 ben 5 miliardi e mezzo. È notizia recente, inoltre, la discussione sull’ennesima riduzione di finanziamenti per una cifra di 2,450 a cura di Nicoletta Mele Sanità quanto mi costi? La realtà degli ospedali classificati e le soluzioni a tariffe sociali 27
  28. 28. 28 miliardi di euro. Per l’ISTAT ci sono 210.406 posti letto (quelli pubblici e quelli privati accreditati), dato compatibile, secondo il nuovo regolamento, con una popolazione di 70 milioni di persone (superiore quindi ai 60,783 milioni, ultimo dato disponibile dell’ISTAT). E i nuovi standard messi a punto dal Governo, prevedono che i posti ospedalieri non possano superare il 3,7 per mille, di cui il 3 per mille per gli acuti e lo 0,7 per la lungo-degenza e la riabilitazione. Questo potrebbe comportare ticket più cari, tagli al personale medico e infermieristico e alla spesa per macchinari e un’ ulteriore riduzione dei posti letto. Le conseguenze di un sistema sempre più costretto a stringere la cinta, da Nord a Sud del Paese, porta a situazioni nelle quali i medici e i direttori sanitari sono chiamati a prendere decisioni importanti davanti a eventi delicati e di grande responsabilità, proprio per salvaguardare la salute del cittadino. Un esempio è quello che si è verificato qualche mese fa in un noto ospedale pediatrico di Milano che ha visto i medici dover prendere una decisione difficile: accettare o meno il ricovero di un bambino affetto da una grave malattia che avrebbe comportato una spesa pari a circa 50 mila euro nonostante il budget fosse già in rosso di 100 mila euro. I medici hanno deciso per “alzata di mano” a favore del ricovero e il bambino è stato curato. Ma di fronte a una situazione del genere sorge spontanea una domanda: è possibile che un medico, che dovrebbe soltanto applicare il codice deontologico debba soffermarsi a riflettere se la struttura ospedaliera per la quale lavora è in grado o no di sostenere le spese e le cure necessarie per un ricovero? La risposta è NO! Se ci spostiamo al Sud d’Italia ricordiamo un altro caso, del quale si è discusso molto in questi giorni, quello della morte in ambulanza di Nicole, neonata di Catania, nata in una clinica privata che, a causa di problemi ai polmoni, era diretta nell’ospedale di Ragusa perché negli ospedali catanesi non si trovava un posto di rianimazione neo-natale. Tagli ai posti letto, appunto. Una sanità, quella italiana, che da Nord a Sud è sempre più costretta a stringere la cinta con conseguenze devastanti. Per capire meglio l’attuale situazione in cui verte la sanità e i “conti” che i direttori sanitari devono fronteggiare ogni giorno, abbiamo incontrato il Dott. Giovanni Roberti, Direttore Sanitario Aziendale degli Ospedali Fatebenefratelli Provincia Romana. Il dottor Roberti, opera nel settore da circa 35 anni e dirige quattro strutture ospedaliere classificate, una nel Lazio, due in Campania, una in Sicilia e una struttura di riabilitazione e Alzheimer nel Lazio, presso la città di Genzano di Roma. Con lui abbiamo affrontato, innanzitutto, le differenze tra il sistema sanitario pubblico e quello convenzionato classificato,inparticolareconsiderandoledifferenzenella modalità di finanziamento da parte della Regione, sulla diversa incidenza dei tagli, e sui costi paradossalmente differenti per erogare la stessa prestazione. Dott. Roberti, gli ospedali Fatebenefratelli sono ospedali classificati, mi spiega bene come funzionano e come operate rispetto alle strutture pubbliche? “Ospedale classificato significa equiparato, nel senso che i requisiti strutturali e l’organizzazione delle attività e servizi devono essere qualitativamente gli stessi delle Strutture Pubbliche. Per poter erogare qualsiasi prestazione, oltre alla struttura, occorre attenersi e rispettare i cosiddetti Livelli Essenziali di Assistenza ( L.E.A.) con cui il SSN assicura prestazioni e servizi a tutti i cittadini indipendentemente dal reddito e luogo di residenza esigendo o meno il pagamento di un contributo meglio noto come ticket. La prima differenza tra il classificato e la struttura pubblica è il titolo di proprietà. I Fatebenefratelli sono di proprietà di un Ordine Religioso, la Struttura pubblica è dello Stato, ma entrambi hanno l’obbligo di erogare i servizi sanitari qualitativamente idonei per il cittadino. La seconda è il finanziamento: quello di un ospedale convenzionato/classificato come quelli che rappresento, è a tariffe predeterminate con tetto di Budget definito. In pratica, le Regioni ci forniscono un finanziamento sapendo già quanto spenderanno a preventivo per i servizi richiesti. Il Pubblico invece usufruisce di un finanziamento “a bilancio” sostanzialmente quindi a consuntivo. Il sistema tariffario è uguale per tutti (tutte le patologie sono state raggruppate in circa 550 gruppi e per ciascuno corrisponde una tariffa) con la differenza che per i classificati vengono applicate in maniera tassativa, (cioè in funzione di quello che facciamo
  29. 29. 29 rispettando i limiti di spesa imposti), mentre il pubblico mantiene la possibilità di avere la flessibilità del tetto usufruendo necessariamente di “ripiani” rispetto al preventivato. Ad esempio, quest’anno nell’ospedale di Roma San Pietro Fatebenefratelli abbiamo un eccesso di produzione di 1 milione di euro che, eccedendo il tetto prefissato, non sarà pagato nonostante si siano comunque erogate le prestazioni relative, molte di esse con accesso di P.S.”. Quanto incide il taglio alla sanità per le strutture come quelle gestite da lei, rispetto al pubblico? Siete più sacrificati? “Sì, e c’è un altro aspetto che non deve essere sottovalutato: puà prevedersi che i tagli alle regioni non saranno omogenei perché ci sono regioni come il Trentino e il Veneto che sono in grado di lavorare meglio anche nel pubblico. Quindi dove andranno ad incidere le sforbiciate? In quelle realtà dove la spesa Sanitaria è maggiore e per noi, Strutture classificate, i tagli saranno maggiori rispetto al pubblico perché insistenti in Regioni quali Lazio, Campania e Sicilia dove l’efficienza del Sistema è più debole. Le strutture classificate, ogni anno, percepiscono un finanziamento ben determinato per effettuare un certo numero di prestazioni altrettanto tariffate. Questo finanziamento, per la “produzione” da ricovero , corrisponde a c.a. l’ 80% del totale di Budget, mentre il restante è legato ai servizi di pronto soccorso e alla attività della unità di rianimazione. Risulta invece che il servizio pubblico, indipendentemente dalla produzione può usufruire di ripiani dal preventivato. Sostanzialmente per lo stesso numero e tipo di prestazioni, nel pubblico si spende dal 20 al 30% in più che da noi, con minore possibilità di controllo della spesa. Per le strutture classificate non può esservi alcuni ripiano per via del tetto fisso” predefinito”. Quindi lavorate allo stesso modo del pubblico, con gli stessi standard di qualità, ma con risorse economiche predefinite sempre di minore entità e con meno personale? “Sì, come ho detto prima, la struttura pubblica ha costi maggiori rispetto alle Strutture Classificate, con risorse vincolate e quindi “costrette” alla massima efficienza. Ad esempio, sulla base dello stesso numero di ricoveri corrispondente su base tariffaria ad un costo X, i classificati con oculata gestione del personale e con un budget a “preventivo” limitato e certo, lavorano allo stesso modo del pubblico che ha un budget a consuntivo e variabili del personale meno controllate. Il costo della sanità con i nostri ospedali ritengo sia pari al 50% di quella delle strutture pubbliche, considerato che anche ristrutturazioni, messe a norma e acquisizioni di tecnologie pesanti sono a totale carico del Fatebenefratelli”. E in che modo riuscite a far quadrare i conti? “I ripetuti abbattimenti di Budget negli ultimi anni ci hanno fatto necessariamente agire preventivamente e sono ormai 15 anni che adottiamo questo sistema. Esercitiamo un controllo minuzioso sulla spesa (acquisti, consumi e personale) e attuiamo strategie per raggiungere dei compromessi: una delle misure è un relativo blocco del turnover, la rinegoziazione dei contratti con i fornitori, l’attuazione di “acquisti centralizzati” per le 5 Strutture, il contenimento degli incentivi dello straordinario per il personale, la sostituzione del personale con liberi professionisti. Tutto questo ha portato conseguenze: il paziente si troverà di fronte a liste di attesa più lunghe. Ma da Gestore devo comunque cercare di compensare la perdita economica dovuta ai tagli di budget ai fini della sostenibilità aziendale e per questo si è cercato di offrire i servizi, sia ambulatoriali che di ricovero, attraverso una nuova offerta “a pagamento”, con “tariffe sociali” le minori possibili per il cittadino. Ovviamente usufruire di questi servizi è a totale discrezione dell’utente e io Gestore devo chiaramente documentarne il motivo.” È per questo quindi che un utente, davanti a un qualunque sportello del Cup, può scegliere se usufruire di una prestazione erogata secondo le regolamentazioni del SSN, cioè con impegnativa e relativo pagamento del ticket, dove i tempi sono medio-lunghi (per i tetti impartiti dalla Regione), mentre pagando una “tariffa sociale”, credo pochi euro in più del Ticket, il paziente ha la possibilità di avere la stessa prestazione, con stessi mezzi e stessa qualità, nel giro di solo qualche giorno? È così? “Sì e non ho alternative, devo continuare a garantire il servizio.Facciamounesempio:seinunannoabbiamo a disposizione un Budget di finanziamento per la radiologia (che per il sistema tariffario corrispondono a 100 tac, 100 risonanze magnetiche, 100 eco) e nel mese di marzo abbiamo terminato il budget, per erogare il servizio al cittadino per i successivi 9 mesi non possiamo fare altro che offrire questo altro servizio con un pagamento leggermente superiore rispetto a quello che si sarebbe pagato con il ticket. Quella piccola cifra in più è costruita sulla base dei costi che si hanno per sostenere l’erogazione del servizio (turni di lavoro suppletivi, utilizzo dei macchinari,etc). Il tutto nella speranza e nella informazione dell’utente. Questo sistema è stato adottato a seguito dal taglio del 7% del 2012” e degli ulteriori tagli di Budget negli anni successivi”.
  30. 30. 30 Un altro aspetto che preoccupa il cittadino è la progressiva diminuzione dei posti letto negli ospedali coinciso con aumento del numero di accessi ai pronto soccorso. Quanto influisce questo aspetto all’interno delle vostre strutture e come reagite? Negli ultimi anni quanti posti letto avete perso? “Negli ultimi 2 anni, in tutte e cinque le strutture del Fatebenefratelli Provincia Romana, abbiamo perso oltre 120 posti letto destinati ai ricoveri acuti, sia pur con parziale riconversione per ricoveri, riabilitazione, RSA, Alzheimer. Al Buccheri La Ferla di Palermo ad esempio è stata attivata la riconversione 3 anni fa realizzando una Struttura Polispecialistica di eccellenza in tale campo. Devo però precisare che la diminuzione dei posti letto è comunque un dato relativo, nel senso che se da un lato è cambiata la modalità dell’assistenza, (oggi si resta in ospedale mediamente 5-8 giorni, contro gli 8/10 di 10 anni fa), dall’altra risulta ancora carente quella rete territoriale che permette la rapida dimissione del paziente e la ricollocazione in altre strutture post acuzie. Purtroppo è visibile a tutti la d r a m m a t i c a realtà in cui vertono oggi i pronto soccorso che sono sempre affollati, personalmente non ho mai assistito ad una situazione come quella che stiamo vivendo oggi, correlata anche a questo squilibrio di p.l.. La Regione Lazio, per far fronte a questa situazione di emergenza, da dicembre a febbraio ha concesso 3 mesi di ulteriore budget alle case di cura private (senza P.S.) per aprire nuovi posti letto, cosa che invece non è stata concessa al Fatebenefratelli pur avendo ricoveri maggiori rispetto al previsto proprio perché sede di P.S..In questa fase di transizione dovrebbe esserci maggiore cautela con la chiusura di p.l. per acuti”. Lei è il direttore sanitario aziendale della Provincia Romana FBF che comprende, come abbiamo detto, 5 Strutture nel Lazio, Campania e Sicilia. Quali sono le differenze? E quale presenta maggiori criticità? “Nessunadifferenza,interminidirapportieaseconda delle annate, andiamo meglio in una Regione rispetto ad un’altra. A mio avviso non si comprende appieno che trattasi di Strutture “non profit”, che erogano un servizio pubblico e che costano alla comunità di meno, per altro ad oggi le uniche davvero controllate (e sanzionate) rispetto ai requisiti sull’accreditamento e all’appropriatezza delle prestazioni. Partecipiamo seriamente ai programmi di revisione della Rete Ospedaliera Regionale come dovuto, ma constatiamo il permanere di notevoli discriminazioni rispetto ai restanti erogatori “pubblici”. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in una recente intervista rilasciata ad un quotidiano nazionale ha dichiarato che ha avviato un tavolo per il rilancio della Sanità Integrativa perché per assicurare delle cure importanti e costose a tutta la collettività, una parte potrebbe essere sostenuta da questa terza gamba. Che ne pensa? “Come le ho detto prima, noi per quanto possibile, già dal 2012 cerchiamo di compensare i tagli attraverso un’offertadirettaal cittadino con delle linee di attività parallele che sono a pagamento adottando le tariffe più basse possibili”. In un quadro come questo dove, da una parte le strutture pubbliche con servizi carenti ed erogazioni limitate a causa dei crescenti e forti tagli economici, le strutture classificate, anch’esse ancora più colpite dalle sforbiciate delle Regioni, e dall’altra il cittadino che sempre più spesso è costretto a scegliere altre soluzioni per evitare sia lunghe liste di attesa che una riduzione all’osso delle spese per malattie o interventi chirurgici, il rilancio della Sanità Integrativa, con le Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza Sanitaria e Fondi Sanitari, senza scopo di lucro, risulterebbe essere l’unica valida soluzione. A differenza delle compagnie di assicurazione, infatti, il sistema in cui opera il Mutuo Soccorso, è di natura mutualistica, si rivolge a persone di ogni età, professione indipendentemente dal loro stato di salute o storia clinica e sono organizzazioni no profit regolamentate dalla normativa che si fonda sulla legge del 15 Aprile 1886 n°3818.
  31. 31. Museo del Mutuo Soccorso MBA Via di Santa Cornelia, 9 | 00060 | Formello (RM) Aperto dal lunedì al venerdì solo su appuntamento contattando il numero +39 331 6893067 Il Museo del Mutuo Soccorso di MBA è il "forziere della storia della mutualità italiana". Al suo interno sono raccolti documenti, medaglie, gagliardetti, vessilli, statuti, regolamenti, cartoline di un pezzo dell'Italia che va dal 1840 fino al periodo fascista. Il museo ripercorre i passi salienti di questi ultimi 150 anni di storia sociale. Tra i reperti più rari, documenti dove risulta socio onorario Giuseppe Garibaldi, ma anche statuti e regolamenti ante Regio Decreto. è presente all'interno anche il testo integrale, originale del Regio Decreto n. 3818 del 15 aprile 1886, stampato dalla regia tipografia, oltre a una bandiera di Mutua emigrata con lo scudo Sabaudo rovesciato in segno di protesta.
  32. 32. nel prossimo numero... Benefici del pilates ...e tanto altro! Intervista alla Dottoressa Sonia D’Agostino, Direttore Generale delle cliniche Paideia e Mater Dei di Roma Tutto quello che c’è da sapere su questo particolare sistema di allenamento utilizzato sempre più spesso nelle nostre palestre. Hai qualcosa di interessante da raccontare e ti piacerebbe collaborare attivamente alle prossime uscite di Health Online? Collegati al sito www.healthonline.it e contattaci! Un’interessante approfondimento sulla realtà delle cliniche private attraverso una panoramica a 360° su servizi forniti, rapporto con i pazienti e sulla collaborazione sempre più stretta con le Società di Mutuo Soccorso.

×