Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online 38 - Luglio / Agosto 2020

137 views

Published on

Il periodico di informazione sulla sanità integrativa

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Health Online 38 - Luglio / Agosto 2020

  1. 1. ATTUALITÀ Popolazione in calo nel 2100 SALUTE Epatite C: l’obiettivo dell’OMS è eliminare il virus entro il 2030 AZIENDE DEL GRUPPO H-Digital: creatività, sviluppo tecnologico e sicurezza informatica in un’unica entità il periodico di informazione sulla sanità integrativa luglio agosto 2020 Anno VII N°38 teleriabilitazionecome terapia per la SINDROME di MOEBIUS PARLIAMO DI... Mancinismo La
  2. 2. ABBIAMO LA RISPOSTA PRONTA Health Assistance fornisce le soluzioni più qualificate in ambito di salute integrativa, servizi sociali e assistenza sanitaria, per privati e aziende. Siamo un Service Provider indipendente sul mercato dell’Assistenza Sanitaria Integrativa, dei servizi Socio Assistenziali e Socio Sanitari, nel comparto del Welfare Aziendale e privato. Per offrirti il meglio, abbiamo stipulato accordi e convenzioni con le più accreditate Società di Mutuo Soccorso, Casse di Assistenza, Fondi Sanitari e Compagnie di Assicurazione, nonché Cooperative, Società di Servizi, strutture sanitarie e liberi professionisti. Per i servizi sanitari e socio assistenziali, anche domiciliari: Numero Verde: 800.511.311 Numero dall’estero: +39 06 90198080 Health Assistance S.C.p.A. c/o Palasalute Via di Santa Cornelia, 9 00060 Formello (RM) Per le strutture del Network o a coloro che intendano candidarsi al convenzionamento Ufficio Convenzioni: 06.9019801 (Tasto 2) email: network@healthassistance.it www.healthassistance.it
  3. 3. sommario attualità benessere salute parliamo di... mancinismo aziende del gruppo health italia lo specialista rispondein evidenza pag. 22 pag. 06 pag. 16 pag. 38 pag. 30 pag. 42 pag. 60 pag. 46 pag. 52 pag. 56 pag. 05 - Editoriale pag. 12 Popolazione mondiale in calo nel 2100, urgente una revisione delle politiche sanitarie Epatite C: conosci, previeni, fai il test, curati. L’obiettivo dell’OMS è quello si eliminare il virus entro il 2030 Responsabilità sociale: Health Italia si racconta nel primo Bilancio di Sostenibilità H-Digital: un passo avanti, sempre Acqua Pradis festeggia i successi sportivi della Totti Sporting Club I mancini, una popolazione (quasi) estinta. Da mano del diavolo a virtù, tutte le letture del mancinismo Come curare la pelle dopo l’abbronzatura Capelli distrutti dopo l’estate? Le regole da seguire per rimetterli in sesto! Mascherine, proteggersi con stile Aiuto umanitario, necessario un intervento concreto dell’Unione Europea Sindrome di Moebius: con la teleriabilitazione i bimbi ritrovano il sorriso
  4. 4. PERIODICO BIMESTRALE DI INFORMAZIONE SULLA SANITÀ INTEGRATIVA Anno 7° - luglio/agosto 2020 - N°38 DIRETTORE RESPONSABILE Nicoletta Mele DIRETTORE EDITORIALE Ing. Roberto Anzanello COORDINAMENTO GENERALE H-Digital SpA COMITATO DI REDAZIONE Michela Dominicis Francesco Maddalena Mariachiara Manopulo Giulia Riganelli HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO Alessia Elem Alessandro Notarnicola DIREZIONE E PROPRIETÀ Health Italia SpA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) www.healthitalia.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. ISCRITTO PRESSO IL REGISTRO STAMPA DEL TRIBUNALE DI TIVOLI n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 IDEA GRAFICA H-Digital SpA IMPAGINAZIONE Giulia Riganelli IMMAGINI © AdobeStock Tiratura 103.302 copie Scarica Health Online in versione digitale su www.healthonline.it Se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita. Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it
  5. 5. E DI TO RIA LE RICOMINCIAMO DALLA SANITÀ È innegabile che la tragedia pandemica che il mondo sta vivendo richieda un ripensamento approfondito delle priorità che qualsiasi comunità nazionale ed internazionale debba esercitare per garantire la tutela della vita e della salute dei propri cittadini, elemento base della genesi sociale di qualunque comunità esistente. Lo sviluppo tecnologico, l’innovazione, la crescita finanziaria, l’evoluzione stessa della specie umana rimangono concetti privi di contenuto se, in tutto il mondo, non siamo in grado di preservare il diritto alla vita ed alla salute di tutti gli individui, vita e salute che il Covid-19 ha messo a dura prova. Darsi nuove priorità significa avere la capacità di interpretare correttamente i segnali che le grandi tragedie dell’umanità storicamente hanno rappresentato in modo chiaro ed inequivocabile e la capacità di rinascita del sistema passa attraverso questo semplice concetto, come sempre è avvenuto nella storia. È, quindi, evidente a chiunque che la principale priorità che l’attuale pandemia richiede è quella diretta a mettere in campo tutti i sistemi possibili e tutti i modelli più evoluti per salvaguardare la salute e la vita, realizzando rapidamente un sistema sanitario internazionale adeguato a fronteggiare malattie, epidemie, emergenze sanitarie, criticità mediche. Diviene quindi indispensabile progettare un nuovo sistema sociale iniziando dal settore della sanità in senso allargato, che significa operare un modello nel quale il concetto guida sia la difesa della specie umana, formando medici preparati, specializzando infermieri competenti, realizzando strutture sanitarie adeguate, progettando strumenti sempre più evoluti e creando nuove tecnologie che funzionalizzino il sistema. In questo contesto il nostro paese, che da sempre ha avuto un modello sanitario preso ad esempio nel mondo in quanto fondato sul rispetto sociale di ogni individuo, può essere all’avanguardia, se non addirittura fare da elemento trainante. Il trascorrere del tempo sta evidenziando sempre più, dopo un iniziale smarrimento, alcuni errori interpretativi e alcune prese di posizione inadeguate, come il sistema sanitario del paese Italia, seppur colpito tra i primi, abbia risposto meglio di molti altri, come i numeri di contagi e decessi, anche a confronto di paesi considerati più ricchi, evoluti, sviluppati. Questo perché il nostro sistema sanitario è sempre stato fondato su una duplice caratura: un’assistenza sanitaria pubblica diffusa affiancata da un’assistenza sanitaria integrativa sempre più in fase di crescita. Se si esaminano con adeguata capacità prospettica gli elementi fondanti del nostro sistema sanitario diviene evidente come il valore sociale che lega l’obiettivo principale della sanità pubblica, la salvaguardia dei cittadini, all’obiettivo principale delle forme di sanità integrativa quali quelle esercitate da Fondi Sanitari, Società Generali di Mutuo Soccorso e Casse di Assistenza Sanitaria, la salvaguardia dei propri associati, sia rappresentato da due concetti complementari e compatibili. Esercitare compiutamente un modello performante di sanità integrativa significa esclusivamente, a fronte dell’impossibilità dello Stato di sostenere integralmente il sistema sanitario per gli illimitati investimenti continui necessari in sviluppo tecnologico, ricerca, organizzazione, raggiungere l’obiettivo di realizzare, tramite la complementarietà sociale ed operativa tra sanità pubblica e sanità integrativa, un sistema sanitario universale. Mantenere e migliorare l’efficienza del sistema sanitario pubblico garantito dallo Stato e l’efficacia del sistema sanitario integrativo fornito dagli enti di sanità integrativa diviene quindi un obiettivo imprescindibile sia da un punto di vista sanitario che sociale ed economico. Un sistema sanitario che garantisca pubblicamente la difesa delle fasce più deboli della popolazione, la ricerca, la formazione universitaria e lo sviluppo tecnologico unitamente ad un sistema sanitario integrativo che investa sulla tecnologia, sui modelli, sulla prossimità delle cure, sono sicuramente la nuova frontiera sociale. Razionalizzare ed organizzare in una logica di efficienza la sanità pubblica nonché sostenere e rafforzare in una logica di efficacia la sanità integrativa dovrà essere il concetto guida per il futuro, in modo che, avendo anche la capacità politica di sviluppare un trait d’union sanitario con gli altri paesi, si possa confermare il ruolo trainante che l’Italia ha avuto e potrà avere, anche internazionalmente, in campo sanitario. Solo in questo modo tecnologie evolute quali la Telemedicina, servizi sanitari adeguati e mirati, accessibilità alle cure, prossimità delle prestazioni, diritto alla salute avranno un senso, uno scopo preciso, un risultato adeguato. Sostanzialmente la crisi pandemica ha determinato una situazione critica e per uscirne dobbiamo avere la forza di ripensare agli errori commessi e seguire nuove strade, ricominciando dalla sanità. Milanese,homaturatoun’esperienza ultraventennalenelsettoreassicurativo efinanziario,occupandomi siadeiprodottichedelmarketing edellosviluppocommerciale,fino alladirezionedicompagnieassicurative, nazionaliedestere.Nel2005sviluppo unprogettodiconsulenzaestrategia aziendalechehaconsentito dioperareconimaggioriplayer delsettoreassicurativoperrealizzare pianistrategicidisviluppocommerciale. Dal2009mioccupodiSanitàIntegrativa, assumendolacaricadiPresidenteANSI, AssociazioneNazionaleSanitàIntegrativa eWelfare,econtestualmentediHealth HoldingGroup,importanterealtà delsettore.Dal2016sonopresidente diHealthItalia,unadellepiùgrandirealtà nelpanoramadellaSanitàIntegrativa ItalianaesocietàquotatainBorsa sulmercatoAIMItalia. a cura di Roberto Anzanello healthonline.it | 05
  6. 6. 06 | Attualità IN CALO NEL 2100 Popolazione mondiale La parola a Simone Garroni di “Azione contro la fame” Urgente una revisione delle POLITICHE SANITARIE ATTUALITÀ
  7. 7. healthonline.it | 07
  8. 8. Un giorno fortemente voluto dalle Nazioni Unite e che per sua natura non esclude nessuno senza innalzare muri o chiudere ponti. Una giornata di fatto dai toni democratici che annualmente esorta i leader mondiali a riflettere su quelle che sono le problematiche più urgenti da affrontare a livello globale. Mai come quest’anno la Giornata mondiale della popolazione (World population day), che si celebra l’11 luglio, acquisisce un significato storico e sociale. Una giornata per tutti. Un momento per soffermarsi su quanto tutti i Paesi del globo abbiano dovuto affrontare in un inizio d’anno certamente straordinario. Inaugurato dal consiglio direttivo del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite nel 1989, questo giorno particolare potrebbe essere considerato il secondo compleanno di ogni uomo e di ciascuna donna che vivono sulla Terra. L’idea di istituire la celebrazione infatti fu ispirata dall’interessamento pubblico sollevato dalla “giornata dei 5 miliardi” caduta nel giorno 11 luglio 1987, data in cui approssimativamente la popolazione mondiale raggiunse la quota di 5 miliardi. L’obbiettivo è proprio quello di aumentare la consapevolezza riguardo a tematiche legate alla demografia come l’importanza del controllo familiare sulle nascite, la parità tra i sessi, la povertà, la salute durante la maternità e i diritti umani. Sono proprio le politiche sanitarie uno dei tasselli più urgenti e da affrontare congiuntamente. La pensa in questo modo Simone Garroni, Direttore generale di “Azione contro la fame”, organizzazione umanitaria internazionale impegnata a eliminare la fame nel mondo e riconosciuta leader nella lotta contro la malnutrizione. Direttore Garroni, quest’anno la Giornata mondiale della popolazione ci fornisce diversi spunti soprattutto in considerazione dell’attuale contesto emergenziale, dal punto di vista sanitario. Quanto incidono le politiche sanitarie sulla salute di un popolo? Incidono molto e, nei prossimi anni, incideranno sempre di più. Lo ha confermato l’emergenza Covid-19 che, di fatto, ha proiettato i fari dell’opinione pubblica sul tema della tenuta delle infrastrutture sanitarie a livello di Alessandro Notarnicola Simone Garroni Direttore generale di “Azione contro la fame” 08 | Attualità
  9. 9. nazionale. In questi mesi di crisi, noi che operiamo nelle aree più vulnerabili al mondo, abbiamo però continuato a porci una domanda: se Paesi come Italia, Spagna e Stati Uniti non erano pronti a gestire l’impatto del virus, cosa può accadere, adesso, in aree densamente popolate, come un campo profughi, o in zone dove sono in corso guerre, crisi economiche e altre epidemie? Faccio qualche esempio: in Africa, nei Paesi a basso e medio reddito, il 38% della popolazione non ha, oggi, accesso all’acqua potabile e il 35% non dispone di sapone e di acqua per lavarsi le mani. Ancora: in Siria solo la metà degli ospedali continua a operare, ma sono sprovvisti di forniture mediche sufficienti, e meno di 500 sono le unità di terapia intensiva dotate di ventilatori all’interno dei nosocomi pubblici. Come affrontare questa criticità dunque? È chiaro che l’impossibilità di adottare le principali regole di base per evitare il contagio e la debolezza del comparto sanitario costituiscono, oggi, una spada di Damocle che pende sulle teste di milioni di persone. Le cause di queste criticità sono le stesse che determinano gli attuali livelli di fame: conflitti, cambiamenti climatici, povertà che logorano il tessuto sociale di qualunque comunità, oltre a compromettere il ricorso ai servizi essenziali. La protezione del personale sanitario e il rafforzamento della capacità dei sistemi sanitari sono, dunque, cruciali ma, alla luce degli effetti indiretti del coronavirus, occorre anche una risposta che tenga anche conto delle conseguenze socioeconomiche legate alle restrizioni messe in atto per contenere la diffusione del Covid. healthonline.it | 09 SI PREVEDE CHE DOPO AVER TOCCATO IL PICCO, ATTESO FRA 44 ANNI, IL NUMERO DI ESSERI UMANI SI RIDURRÀ A 8,8 MILIARDI. L’ULTIMA VOLTA CHE FU REGISTRATA UNA DECRESCITA DEMOGRAFICA GLOBALE È ACCADUTO IN PIENO MEDIOEVO
  10. 10. “Azione contro la Fame” ha manifestato particolare preoccupazione per il costante aumento del numero di persone affamate: un dato inquietante che il Covid-19 aggrava ulteriormente. Qual è la relazione e in che modo si evolverà la situazione? Il rischio, come ha evidenziato l’ultimo rapporto della Fao (SOFI 2020) ma anche Azione contro la Fame nelle scorse settimane, è che il numero di persone affamate nel mondo aumenti tanto da mettere in dubbio il raggiungimento dell’obiettivo ‘Fame Zero’ che la comunità internazionale si è posta per il 2030, attraverso i suoi Obiettivi di sviluppo sostenibile. Gli effetti del virus rischiano infatti di trascinare verso la fame fino a 132 milioni di persone quest’anno. Il perché è presto detto: l’emergenza non è solo determinata dalla fragilità dei sistemi sanitari, ma riguarda anche la compresenza di una grave pandemia con le crisi alimentari preesistenti. Criticità che saranno, inevitabilmente, aggravate dal numero di adulti e genitori contagiati, che non potranno prendersi cura dei propri figli, o dalle restrizioni promosse dai governi per limitare la diffusione del virus, che avranno un impatto negativo su economie già deboli e sull’accesso ai beni di prima necessità. Tali restrizioni, del resto, sospenderanno gli spostamenti legati alla pastorizia, uno dei principali settori che garantiscono la sussistenza in queste regioni, incrementando il numero dei pascoli impoveriti e, dunque, la fame. 10 | Attualità Stando all’ultimo Rapporto di revisione biennale sulle Stime della Popolazione Mondiale presentato lo scorso anno dal Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UN-DESA) sulla Terra convivono indicativamente 7,7 miliardi di individui. Si stima che al 2050 saranno 9,7 miliardi, per raggiungere i 10,9 miliardi nel 2100, quando la crescita si fermerà e l’Europa sarà quasi del tutto scomparsa. Come interpreta questo scenario? Siamo di fronte a una fotografia globale più che realistica. Entro il 2100 la linea demografica subirà uno storico calo, a seguito un’impennata che la porterà a circa 9,7 miliardi di abitanti nel 2064. Si prevede infatti che dopo aver toccato il picco, atteso fra 44 anni, il numero di esseri umani si ridurrà a 8,8 miliardi. L’ultima volta che fu registrata una decrescita demografica globale è accaduto in pieno Medioevo, a causa della diffusione della peste nera uccise decine di milioni di persone, tra le quali un terzo della popolazione europea. Questo scenario è sorretto da evidenze scientifiche e si basa sull’impatto che fattori come la mortalità, il declino della fertilità, le migrazioni e i cambiamenti climatici avranno sulla popolazione globale umana dei prossimi otto decenni.
  11. 11. ATTUALITÀ 12 | AIUTO UMANITARIO Unione Europea La testimonianza di Daniela Pompei Attualità necessario un intervento dell’
  12. 12. healthonline.it | 13
  13. 13. Daniela Pompei Responsabile per i servizi agli immigrati della Comunità di Sant’Egidio “Sono in viaggio verso Lesbo, forse non mi sentirà bene, ma ci proviamo”. Risponde in questo modo alla nostra telefonata Daniela Pompei, responsabile per i servizi agli immigrati della Comunità di Sant’Egidio, che dopo la ripresa post lockdown ha ripreso la sua attività accompagnando i volontari dell’organizzazione nei viaggi che rappresentano la prima tappa dei corridoi umanitari, modello di accoglienza e integrazione e risposta alle difficili condizioni dei campi profughi. Sono più di 20 mila i rifugiati e i migranti bloccati sull’isola di Lesbo, nel Mediterraneo. Circa 16 mila sono sistemati in condizioni sovraffollate e precarie nelle strutture e tende circostanti del campo profughi di Moria, i rimanenti nell’altro centro di “Kara Tepe” e in appartamenti nella vicina Mitilene. Tanti i minori non accompagnati, circa 4 mila. “Se davvero – racconta Pompei – si vuole cogliere il senso dell’aiuto umanitario bisogna guardare questa gente negli occhi. Oggi, dopo i duri mesi dovuti all’emergenza sanitaria, la tensione nei campi profughi è alle stelle. Noi della Comunità cerchiamo di alleviare il viaggio, creiamo diversivi, ma non basta. Questa gente implora l’inizio di una nuova vita”. Umanità, imparzialità, neutralità. Sono questi i principi su cui si basa l’aiuto umanitario. Quanto è complesso per un’Organizzazione che opera in questo ambito essere neutrali davanti a situazioni emergenziali dovute a conflitti o ad altre criticità di diversa natura? Il principio del rispetto dell’umanità è quello che guida le azioni davanti a situazioni di estrema difficoltà, è difficile essere neutrali davanti a coloro che soffrono a causa della guerra, della estrema povertà o per le ragioni più disparate. È proprio qui che subentra la grande macchina dei ‘Corridoi Umanitari’ nati per rispondere al dramma delle morti in mare di molti profughi, per togliere dalle mani dei trafficanti di uomini i rifugiati e per trovare una via sicura per far entrare dei richiedenti asilo. Pochi giorni fa il primo corridoio umanitario dopo il lockdown. Come è andata? È andata molto bene, era rimasto un piccolo gruppo di 10 profughi che per motivi burocratici non erano riusciti a partire nel dicembre 2019 dall’isola di Lesbo. Sarebbero dovuti arrivare nel mese di marzo ma il COVID ha bloccato 14 | Attualità di Alessandro Notarnicola
  14. 14. tutto. Appena è stato possibile siamo ritornati ed eccoci in Italia, tutto ciò è stato possibile grazie all’aiuto del Ministero dell’Interno italiano e a quello degli Esteri, attraverso il consolato italiano ad Atene. Inoltre, per questa operazione hanno collaborato le autorità greche e l’Elemosineria apostolica del Vaticano. Adesso però torna nuovamente a Lesbo? La Comunità di Sant’Egidio è presente per tutto l’anno sull’isola distante circa 12 miglia dalla costa turca. Il lockdown non ha interrotto del tutto la nostra attività. I nostri volontari saranno presenti anche quest’estate per distribuire beni di prima necessità, cibo e per sostenere percorsi di integrazione, come corsi di lingua: dobbiamo esserci soprattutto per i più piccoli, sia per coloro che hanno la famiglia al proprio fianco sia per gli altri che si ritrovano soli. healthonline.it | 15 LeidatempovaaprenderedalloroPaese di origine le famiglie e le riaccompagna in Italia dando loro l’augurio di una nuova vita. Come vive le diverse fasi del ‘viaggio della vita’? Per far giungere in Italia delle persone che chiedono asilo c’è bisogno di tempo, di molti colloqui, di ricostruire la storia ma alla fine viviamo insieme l’emozione di prendere un visto. Si pensi solo che la maggioranza dei profughi che è giunta dalla Grecia non era mai salita su un aereo, pur avendo fatto molti chilometri di strada dai loro Paesi hanno sempre camminato a piedi nella maggior parte dei casi. Emozione, contentezza, paura, sono questi isentimentimaquellochevinceèlafelicità. In Italia inizia la nuova vita fatta di corsi di lingua, documenti, ricerca di un lavoro che permetta a ciascuna di conquistare una propria autonomia economica. Al centro di tutto questo c’è il viaggio. Si passa da traversate legali ad altre che invece sonoinveceveriepropriinferni.ComeiflussiimmigratoridelMediterraneo,adesempio, possono essere contenuti? È necessario che i Paesi europei decidano di aprire dei modi legali affinché tutti coloro che intendo arrivare in Europa possano farlo con i visti rilasciati dai vari consolati. I sistemi possono essere diversi: aumentare le quote di resettlement per i già riconosciuti rifugiati, introdurre un sistema di quote di ingresso programmato che siano però adeguate alla richiesta, aumentare i Corridoi Umanitari. In alcuni casi, è questo il caso della Libia, è necessario fare delle evacuazioni veloci umanitarie da parte almeno di alcuni paesi europei, bisogna liberare i profughi dai centri di detenzione. Per altri Paesi della sponda sud del Mediterraneo è invece importante creare e attuare progetti di cooperazione che aiutino i cittadini a rimanere nei loro Paesi, si pensi alla Tunisia. Molti cittadini tunisini lavoravano in Libia ma la guerra ha sconvolto ogni equilibrio ed è per questo che sono tornati nel loro Paese ma la crisi economica non consente loro una ripresa piena e dignitosa.
  15. 15. SALUTE 16 | Salute Ne parliamo con la Professoressa Erica Villa, Direttore della Gastroenterologia del Policlinico di Modena EPATITE C:CONOSCI, PREVIENI, FAI IL TEST, CURATI L’obiettivo dell’OMS è quello di eliminare il virus entro il 2030
  16. 16. healthonline.it | 17 Oggi ci sono dei validi strumenti per curare e guarire dall’Epatite C. L’epatite C, tra le cinque forme di epatite virale, è un’infezione virale che colpisce il fegato, causata dal virus denominato hepatitis C (HCV). Il contagio avviene prevalentemente in via ematica attraverso il contatto diretto con il sangue. Il maggior fattore di rischio è la condivisione di aghi o siringhe infetti, ma il contagio può avvenire anche se vengono utilizzati strumenti non sterilizzati nei centri estetici, di tatuaggi e di agopuntura. Il consiglio è quello di verificare sempre che, prima di sottoporsi a qualunque trattamento, vengano usati strumenti monouso. Il periodo di incubazione va da 2 settimane a 6 mesi. Dopo aver contratto l’infezione del virus, circa l’80% delle persone non presenta alcun sintomo. La fase acuta pertanto decorre quasi sempre in modo asintomatico e se non riconosciuta può diventare cronica. Sintomi come febbre, nausea, vomito, spossatezza, inappetenza, ittero, urine di colore giallo scuro sono comuni sia alla fase acuta che cronica ma sono discretamente rari. Se non diagnosticata e curata, la malattia può provocare complicanze molto gravi. Il 20-30% dei pazienti con epatite cronica C sviluppa, nell’arco di 10-20 anni, cirrosi (malattia cronica e degenerativa del fegato) e, in circa l’1-4%, successivo epatocarcinoma (fonte: Epicentro Istituto superiore sanità). L’epatiteCèunadelleprincipalicausedicancroalfegato. Al livello globale si stima che 71 milioni di persone abbiano un’infezione cronica da virus dell’epatite C (Fonte: OMS). Il problema principale di questa patologia è che spesso la fase acuta dell’infezione è asintomatica, infatti l’epatite C è stata anche definita un “silent killer”. In che modo combattere la malattia e ridurre la mortalità? Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità l’obiettivo è eliminare il virus dell’Epatite C entro il 2030 con la raccomandazione di testare le persone che potrebbero di Nicoletta Mele
  17. 17. essereadaumentatorischiodiinfezione.Larispostadell’Italia è stata quella di puntare alla riduzione delle morti correlate all’HCV entro il 2022, attraverso uno screening mirato su particolari gruppi della popolazione, cercando di individuare tutti coloro che non sanno di aver contratto l’infezione. Quali sono gli strumenti per riconoscere la malattia in fase iniziale e quali i trattamenti per bloccarne il decorso e riuscire a raggiungere gli obiettivi? L’abbiamo chiesto alla Professoressa Erica Villa, Direttore della Gastroenterologia del Policlinico di Modena. L’epatite C è una malattia spesso asintomatica, ci sono persone che hanno contratto il virus ma non sanno di averlo. Quali sono le strategie di screening per identificare il paziente prima di questa fase? Non sono ancora state implementate campagne di screening di popolazione, anche a causa delle maggiori urgenze sanitarie degli ultimi mesi, che hanno interferito con la loro programmazione. Vi è comunque consenso che lo screening generalizzato non è costo-efficace mentre lo è quello diretto a popolazioni specifiche, che per motivi di età o di appartenenza a gruppi sensibili, più a rischio di infezione, massimizzano l’utilità dello screening. Quali sono i sintomi da non sottovalutare e quando consultare il medico? I sintomi sono spesso assenti ed in ogni caso aspecifici. Ciò che i nostri pazienti più spesso lamentano è una forte astenia, che talora arriva ad essere invalidante. Uno dei risultati più positivi delle nuove terapie antivirali, oltre ovviamente all’eradicazione virale, è il veloce recupero di uno stato di benessere a cui il paziente non era più abituato. Il contagio avviene con il contatto diretto del sangue. Si può anche trasmettere attraverso rapporti sessuali? La maggioranza delle infezioni in passato avveniva attraverso contatto con sangue infetto, sia attraverso trasfusioni che per condivisione di siringhe infette. Ormai le trasfusioni sono molto sicure, poiché vengono fatti controlli estremamente accurate sulle singole donazioni. La trasmissione per via sessuale è possibile ma molto infrequente. La via principale di acquisizione dell’HCV rimane quella attraverso la condivisione di siringhe infette. 18 | Prof.ssa Erica Villa Direttore della Gastroenterologia del Policlinico di Modena Salute
  18. 18. healthonline.it | 19 Il virus dell’epatite C provoca un’infezione inizialmente acuta che può, se non diagnosticata e curata, diventare cronica. Quanto è importante la diagnosi precoce e la consapevolezza da parte del paziente di sottoporsi alle cure? La scarsa identificazione dell’epatite acuta HCV-positiva previene sicuramente la possibilità di una cura precoce (è infatti stato dimostrato che una precoce terapia antivirale previene la cronicizzazione dell’infezione). In passato, quando l’acquisizione dell’HCV avveniva in larga misura anche per via parenterale inapparente (come detto sopra attraverso l’utilizzo di dispositivi non sterili), era molto difficile identificare i soggetti infettati. Attualmente, è più facile identificarli perché spesso chi si infetta appartiene a popolazioni sensibili già inserite in protocolli di sorveglianza sanitaria. È vero che ci sono dei casi di persone infette che eliminano il virus spontaneamente entro 6 mesi dall’infezione senza alcun trattamento? Sì, una piccola percentuale di pazienti, che si stima in circa il 20%, è in grado di guarire spontaneamente dall’epatite acuta. Al momento non esiste un vaccino contro l’epatite C, tuttavia, la ricerca sta lavorando in questa direzione. Dal fronte trattamento, rispetto al passato, oggi sono disponibili delle terapie innovative.
  19. 19. Professoressa, quali sono le ultime linee guida e quali i benefici? Il trattamento dell’Epatite C è ormai stato esteso alla generalità dei pazienti, indipendentemente dalla gravità di malattia. La sicurezza e l’efficacia dei DAAs li rendono uno strumento di cura sicuro ed estremamente efficace in tutti. Nella nostra provincia (così come nelle altre province della RER) è attivo un gruppo multidisciplinare dedicato alla terapia dei pazienti con HCV. I risultati sono estremamente positivi, con percentuali di successo che sfiorano il 100%. Per quei pochi individui che non rispondono completamente, abbiamo adesso disponibili farmaci di cosiddetta linea, in grado di recuperare i pochi non responders. L’impegno dell’OMS è quello di eliminare il virus dell’epatite C entro il 2030 e raccomanda di testare le persone che potrebbero essere ad aumentato rischio di infezione. Secondo uno studio coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità e pubblicato sulla rivista Liver International, l’Italia è in anticipo di otto anni sul primo obiettivo dell’Oms, ovvero quello della riduzione delle morti correlate all’HCV, in quanto si è prefissata di raggiungere la diminuzione del 65% entro il 2022. Questo traguardo, che pone il nostro Paese come modello nella lotta al virus, sarà possibile grazie ad uno screening mirato su particolari gruppi della popolazione, cercando di individuare tutti coloro che non sanno di aver contratto l’infezione. Professoressa cosa ne pensa, si riuscirà a raggiungere tale obiettivo? Cosa resta ancora da fare in Italia per eliminare l’infezione dell’Epatite C? L’Italia e la Regione Emilia-Romagna (non va dimenticato che sono state le regioni che hanno investito in modo dedicato finanziamenti oltre quelli indicati dal Ministero della Sanità) hanno veramente investito moltissimo per riuscire a centrare l’obiettivo dell’OMS. Certamente, fra i vari disastri che il virus SARS-CoV-2 ha determinato, rientrano anche la sospensione dei trattamenti per oltre 6 mesi e la dilazione dell’avvio dei progetti di screening delle popolazioni speciali. È auspicabile che in autunno si possa ripartire a pieno regime per entrambi questi aspetti. 20 | Salute COME EVITARE L’INFEZIONE? Interventi di prevenzione primaria dell’OMS • Uso sicuro e appropriato delle iniezioni di assistenza sanitaria; • Manipolazione e smaltimento sicuri di oggetti taglienti e rifiuti; • Fornitura di servizi completi di riduzione del danno alle persone che si iniettano droghe, comprese le apparecchiature di iniezione sterili e un trattamento efficace della dipendenza; • Analisi del sangue donato per hbv e hcv (nonché per hiv e sifilide); • Formazione del personale sanitario; • Prevenzione dell’esposizione al sangue durante il sesso; • Igiene delle mani, compresa la preparazione chirurgica delle mani, lavaggio delle mani e l’uso di guanti; • Promozione dell’uso corretto e coerente dei preservativi.
  20. 20. IN E VI DEN ZA22 | In evidenza
  21. 21. con la teleriabilitazione i bimbi ritrovano il sorriso SINDROME di MOEBIUS: Intervista a Renzo De Grandi, presidente dell’Associazione Sindrome di Moebius healthonline.it | 23
  22. 22. 24 | In evidenza Renzo De Grandi Presidente dell’Associazione Sindrome di Moebius Il primo sorriso di un neonato non si scorda mai. Ma ci sono alcuni genitori che purtroppo non lo possono vedere, a causa di una malattia rarissima, la sindrome di Moebius, che si presenta dalla nascita e ha come caratteristica principale la paralisi facciale permanente. I bimbi colpiti da questa patologia, causata dalla ridotta o mancata formazione dei nervi cranici 6 e 7, non possono fare smorfie, sorridere, a volte nemmeno chiudere o muovere gli occhi; la Sindrome di Moebius causa difficoltà a parlare, problemi ai denti e alla deglutizione. In Italia si contano circa 200 casi e una ventina di persone sono in attesa di una conferma di diagnosi. Nel nostro Paese l’Associazione Sindrome di Moebius si occupa di dare supporto ai malati e alle loro famiglie. Abbiamo incontrato il presidente, Renzo De Grandi, per cercare di scoprire di più su questa patologia. Cosa si sa della Sindrome di Moebius? La Sindrome di Moebius essendo una malattia rara, è poco conosciuta. Proprio per la scarsa conoscenza della malattia, spesso la sindrome non viene diagnosticata se non dopo mesi/anni dalla nascita. La rarità della Sindrome di Moebius diventa quindi una complicazione in più oltre alle problematiche fisiche della malattia stessa. La mancanza di conoscenza causa agli individui affetti dalla Sindrome di Moebius ed alle loro famiglie insicurezza, sconforto e angoscia. La mancanza di informazione limita anche la diagnosi e la ricerca, col risultato che non vengono sviluppate le conoscenze sulle possibili cure, terapie esistenti nel mondo. La Sindrome di Moebius si presenta subito dalla nascita. La causa per cui si verifica sembra sia di natura genetica anche se non ne esiste la certezza; la letteratura medica presenta infatti teorie diverse. Colpisce maschi e femmine in maniera uguale, e sembra che ci sia, in alcuni casi, un rischio maggiore di trasmissione della malattia da genitori affetti ai loro bambini. Anche se nessun test prenatale atto a individuare il possibile verificarsi della Sindrome di Moebius è attualmente disponibile in alcuni casi analisi genetiche potrebbero fornire delle indicazioni utili ad una eventuale diagnosi della malattia. Quindi non c’è modo di diagnosticare la malattia durante la gravidanza. Non esiste un test specifico che possa specificare il rischio di nascita con sindrome di Moebius in quanto dal punto di vista genetico non c’è ancora una certezza che la SdM possa essere dovuta ad alterazione della catena cromosomica. di Mariachiara Manopulo
  23. 23. healthonline.it | 25 Come si può curare la malattia, e soprattutto come si può rimediare alle conseguenze, come lo strabismo, i problemi di suzione, e le difficoltà nel linguaggio? Per quanto riguarda i problemi di suzione, i bambini piccoli a volte possono essere nutriti con biberon speciali o con tubi appositi atti a garantire una alimentazione sufficiente. Lo strabismo è solitamente correggibile con chirurgia. In molti casi con apposite terapie fisiche si ottengono dei miglioramenti nella motorietà dei muscoli; con la Logopedia in genere si riesce raggiungere una buona capacità di dizione. La tecnica “Oral-motor-therapy” è finalizzata al miglioramento della motorietà dei muscoli, soprattutto del viso. L’associazione ha già organizzato dei corsi di formazione per logopediste. Questa tecnica è pertanto applicata anche in Italia. Per correggere le malformazioni degli arti e della mascella molto spesso si può ricorrere alla chirurgia. Ormai da diversi anni c’è la possibilità di operare presso l’ospedale di Parma chi è colpito dalla malattia, con un intervento speciale chiamato “Smile Surgery”, ideato in Canada dal prof. Ronald Zuker dell’Hospital for Sick Children di Toronto: in che cosa consiste? Purtroppo ad oggi non è possibile ricostruire tutta la muscolatura mimica facciale responsabile delle molteplici espressioni del nostro viso, tuttavia le persone affette da Sindrome di Moebius possono recuperare il sorriso grazie a un intervento chirurgico di trapianto muscolare a livello del viso. La tecnica utilizzata a Parma è quella descritta per la prima volta da Ronald Zuker, chirurgo plastico canadese (Sick Children Hospital Toronto), il piu grande esperto mondiale nella rianimazione facciale pediatrica con tecnica microvascolare. L’intervento prevede il prelievo di un segmento di muscolo gracile comprensivo di arteria, vena e nervo motore, attraverso un’incisione sulla faccia interna della coscia. Il gracile viene trapiantato nel viso al di sotto della guancia attraverso un’incisione tipo “lifting” e ancorato a livello della commissuraoraleealivellopreauricolare. Ivasidellembosonoquindianastomizzati con l’aiuto del microscopio ai vasi facciali (arteria e vena). Differente a seconda del tipo di paralisi sarà la scelta dell’impulso contrattile e di conseguenza anche la tecnica e la tempistica dell’operazione: in caso di forma monolaterale un innesto nervoso porterà l’impulso contrattile dal nervo facciale controlaterale, mentre in caso di interessamento bilaterale l’inervazione avverrà per coaptazione con il nervo masseterino (ramo motorio del nervo trigemino). L’intervento è eseguibile a partire dai 5 anni di età, ovvero quando il bambino entra in età scolare. Il risultato dell’intervento è evidente a distanza di alcuni mesi e permette al paziente non solo di sorridere ma di risolvere in maniera efficace problemi di scolo salivare, di gestione dei liquidi e solidi, di fonazione, apportando un miglioramento di tutte le complesse funzioni orali e orofaringee.
  24. 24. Dopo l’operazione, parte la terapia di recupero motorio, che ha quindi un ruolo fondamentale per sconfiggere definitivamente la malattia. Quanto può durare il percorso riabilitativo e con che frequenza si devono seguire le terapie? Il percorso riabilitativo indicativamente può durare circa 6 mesi anche se non c’è una regola fissa sulla durata. Dipende da soggetto a soggetto. Le terapie soprattutto legate all’aspetto logopedico vanno eseguite regolarmente con esercizi specifici. Oggi, in aiuto dei piccoli pazienti, arriva anche la tecnologia. Già prima dell’emergenza Covid-19, l’Associazione Moebius ha lanciato infatti un nuovo progetto di teleriabilitazione, per svolgere la terapia ancheadistanza,conl’obiettivodisupportareimalati e le loro famiglie evitando spostamenti nel Paese. Come funziona il percorso di teleriabilitazione? Quali sono le differenze principali rispetto ad una riabilitazione tradizionale in ospedale? Scopo di questo progetto è quello di proporre la creazione di un ambiente virtuale a supporto del trattamento dei pazienti che da tutta l’Italia afferiscono al Nostro Centro. La teleriabilitazione permette di erogare il trattamento da eseguire a casa garantendo un controllo remoto sicuro ed efficace che riduce i controlli ambulatoriali, il numero di trasferte a carico del paziente, e assicura un monitoraggio attento lungo tutto il percorso riabilitativo. Dopo il trattamento chirurgico e ai primi segni di innervazione, su indicazione del chirurgo maxillo, ha inizio il periodo di trattamento logopedico utilizzando il video-protocol: i pazienti vengono istruiti ad osservare i movimenti della bocca su video senza feedback visivo. Ai soggetti viene chiesto di esercitarsi a casa giornalmente seguendo la gerarchia di esercizi prestabilita e, allo stesso tempo, devono video registrarsi durante l’esecuzione degli esercizi. I file video dei pazienti si sono rivelati utili per monitorare la compliance al trattamento e l’evoluzione della performance nel tempo. Il trattamento dura circa 6 mesi. 26 | In evidenza
  25. 25. LA TELERIABILITAZIONE VIENE ACCETTATA CON FACILITÀ DAI BAMBINI. QUESTO SISTEMA, INFATTI, VIENE PERCEPITO QUASI COME UN GIOCO Questo tipo di trattamento in video presenta alcuni punti di forza: • Trattamento a casa giornaliero in completa autonomia • Le audio istruzioni sono utili per mantenere il ritmo • Utilizzo di un modello senza lo specchio migliora la performance e riduce il disagio durante l’esecuzione degli esercizi • Le ripetizioni garantiscono un’adeguata calibrazione tra contrazione e pausa • Il trattamento è meno noioso rispetto al trattamento allo specchio • Leregistrazionidegliesercizideipazientipermettonounmonitoraggiodelmiglioramento di perfomance I pazienti sono bambini: come hanno preso la novità di questo percorso da remoto? I pazienti bambini interagiscono con facilità con questo sistema, che viene visto quasi come un gioco. La possibilità di caricare video da PC o direttamente dal cellulare con gli esercizi eseguiti coinvolge positivamente i pazienti. healthonline.it | 27
  26. 26. Con l’emergenza Covid la telemedicina e percorsi riabilitativi a distanza hanno ricevuto un forte slancio. Nel futuro, probabilmente, saranno sempre più diffusi. Quali sono i progetti futuri in tal senso? Ulteriormente spinta dall’emergenza Covid-19 nasce l’esigenza di implementare il protocollo riabilitativo in un contesto di tele-riabilitazione: i pazienti che afferiscono al serviziodiLogopediaprovengonodatuttaItaliae,datalanecessitàdimonitorareiprogressi nel tempo e l’impossibilità di vedere con assiduità la maggior parte dei pazienti, si presenta sempre più l’esigenza di una piattaforma virtuale che permetta il contatto a distanza tra professionista e paziente. La teleriabilitazione permette di mantenere il contatto con il centro di riferimento e di effettuare esercizi con controllo a distanza utilizzando sistemi audiovisivi registrati dove è possibile applicarsi con esercizi programmati secondo una gerarchia modulata nel tempo dal centro di riferimento. In questo modo è possibile uniformare le procedure di trattamento e, dove necessario, personalizzare l’approccio. Il progetto si propone di costruire un percorso riabilitativo in teleriabilitazione “ibrida”, inteso come combinazione di un servizio on line sincrono e asincrono e in persona. Gli obiettivi a breve termine sono: • Inserire il trattamento in video all’interno di una piattaforma riconosciuta in Azienda Ospedaliera che consenta il controllo e la comunicazione a distanza (tele-riabilitazione asincrona) • Entrare in video conferenza in caso di necessità (tele-riabilitazione sincrona) Gli obiettivi a lungo termine sono: • Monitorare l’efficacia della piattaforma • Estendere il progetto ad altre patologie (es. paralisi del faciale in fase prechirurgica). 28 | In evidenza La Sindrome di Moebius è una patologia molto rara: a che punto è la ricerca e qual è la situazione in Italia? Possiamo affermare che con l’attività di diffusione, informazione e formazione svolta in Italia ora la SdM non è più una rara sconosciuta. Abbiamo creato una rete di specialisti e strutture che garantiscono la corretta diagnosi della malattia, la presa in carico del paziente che viene seguito in tutto il suo percorso di cura. Diversi progetti di ricerca sono in corso per sviluppare nuove conoscenze e migliorare i trattamenti applicabili per questa rara malattia. È in corso uno studio di genetica in collaborazione con colleghi olandesi e americani e un progetto con termocamera per individuare le emozione e le reazioni nei pazienti e valutare se e come si possa interagire su questi aspetti. Negli ultimi anni ci siamo focalizzati sul benessere delle famiglie e sul miglioramento dei servizi.
  27. 27. Più in dettaglio: 1. Si pone il paziente e la sua famiglia realmente al centro dell’attenzione e si cerca di fornire un appoggio non solo strettamente sanitario ma anche orientato alle problematiche affettive, psicologiche, relazionali, sociali ed economiche che la malattia rara e cronica comporta. In questo senso è fondamentale un continuo e attivo interscambio tra l’equipe medica “core”, orientata a correggere le alterazioni fisiche, gli specialisti che possono svolgere un’azione di supporto psicologico e pedagogico e l’associazione dei familiari che vive quotidianamente le difficoltà connesse alla patologia. 2. Si è creato un team di specialisti che si dedica specificamente ad affrontare i vari aspetti connessi alla patologia, affinando le conoscenze anche con i contatti internazionali che possono proporre costantemente le migliori tecniche d’intervento poiché la centralizzazione di cura per patologie rare o rarissime permette agli specialisti di poter svolgere la propria opera su un numero relativamente elevato di pazienti e di sviluppare di conseguenza una reale esperienza. 3. Si sono superati i limiti di assistenza regionale con la creazione di una rete più ampia alfinediraccogliereemettereinconnessionegliespertidelsettoreindipendentemente dalla regione in cui operano. 4. Si è coinvolta la struttura sanitaria territoriale di base (pediatra di libera scelta e medico di medicina generale) che rappresenta un fondamentale punto di riferimento per la famiglia e per il paziente e che deve essere strettamente connessa alla rete specialistica al fine di fornire gli strumenti conoscitivi per arrivare il più rapidamente possibile alla diagnosi e per seguire in modo condiviso il follow up del paziente. 5. Si sono organizzati incontri con il coinvolgimento delle famiglie rivolti sia ai professionisti della sanità sia al pubblico generico per far conoscere la realtà della malattia sicuramente poco conosciuta data la sua rarità. 6. Si è cercato di aiutare e stimolare la ricerca medica sia sugli aspetti applicativi sia anche su problematiche più di base per permettere di comprendere meglio gli aspetti patogenetici e pervenire quindi ad una efficace azione di prevenzione. L’Associazione Italiana Sindrome di Moebius O.N.L.U.S. è una organizzazione senza fini di lucro fondata da genitori che si sono uniti con lo scopo di combattere insieme la Sindrome di Moebius, promuovere nel nostro Paese lo sviluppo e la diffusione della ricerca scientifica e offrire un supporto per migliorare i servizi e l’assistenza socio-sanitaria nei confronti dei bambini colpiti dalla malattia e delle loro famiglie. healthonline.it | 29
  28. 28. AZIENDE DEL GRUP 30 | H-DIGITAL: un passo avanti sempre A colloquio con il CEO Diego Facchini Aziende del gruppo Health Italia
  29. 29. healthonline.it | 31 PO HEALTH ITALIA
  30. 30. Innovazione, telemedicina, software development, cyber security, web, design, mobile app, branding,marketing.Inunasolaparola:H-Digital,un’unicaentità,innovativaeall’avanguardia, al servizio delle aziende che vogliono realizzare progetti innovativi e di Digital Business. H-Digital fa parte del gruppo Health Italia S.p.A - società quotata sul mercato AIM Italia - e si occupa della gestione delle attività tecnologiche, digitali e di marketing di una delle più grandi e indipendenti realtà del panorama dell’Healthcare italiano. Nasce dalla fusione di tre importanti poli in ambito tecnologico, digitale e di marketing (le società Fingerlinks S.r.l., Area 51 S.r.l. e Cornelia Technology S.r.l.) per dare “maggiore efficienza e supporto innovativo alle risorse del Gruppo valorizzando quelle peculiarità, in termini di innovazione e know-how, che hanno consentito ad Health Italia S.p.A. di raggiungere eccellenti risultati e consolidare il proprio valore competitivo sul mercato” ha spiegato il CEO Diego Facchini. H-Digital: un passo avanti sempre 32 | Aziende del gruppo Health Italia di Nicoletta Mele “LE PERSONE FANNO LA DIFFERENZA, SEMPRE. SONO CONVINTO CHE IL SUCCESSO SIA FORTEMENTE LEGATO ALLA QUALITÀ DEI COLLABORATORI CON CUI CONDIVIDERE VALORI, PASSIONE PER L’INNOVAZIONE E ORIENTAMENTO AL TEAM WORKING”
  31. 31. La società, infatti, è impegnata nel mercato nella fornitura di servizi innovativi e ad alto valore aggiunto per le realtà del Gruppo Health Italia, ma anche per le aziende esterne. Progetta e implementa le piattaforme di riferimento per l’innovativo modello di telemedicina di Health Point S.p.A. e proprio con Health Point, azienda specializzata in servizi di telemedicina e centri polispecialistici in Italia dedicati alla cura della persona e alla diffusione della cultura della prevenzione, H-Digital è scesa in campo a sostegno dell’emergenza COVID-19 “Abbiamo sviluppato una piattaforma per servizi di telemedicina a distanza - ci mostra dal monitor il Dottor Facchini - da cui è possibile effettuare un consulto telefonico e/o una televisita con un medico specializzato che può valutare lo stato di salute dell’utente grazie all’acquisizione di alcuni parametri fisici, facilmente rilevabili con l’utilizzo di comuni dispositivi elettronici”. Forte del principio che nel mondo digitale un risultato può definirsi vincente quando è in grado di generare valore, H-Digital studia soluzioni mirate e personalizzate grazie al lavoro di esperti professionisti in grado di sviluppare ogni singola attività secondo i più alti standard tecnologici. Per conoscere meglio questa realtà e il mondo digitale abbiamo intervistato il CEO di H-Digital Diego Facchini. Quali sono le principali competenze per fare comunicazione digitale ed essere vincenti sul mercato? “Stiamo vivendo un’epoca in piena evoluzione digitale, per questo è fondamentale non solo essere al passo con i tempi, attraverso un costante aggiornamento, ma anche anticipare soluzioni e strategie per accettare e affrontare preparati le sfide del futuro. I nostri team hanno grandi competenze nello sviluppo software (Mobile App e Piattaforme) e nel digital marketing (SEO, SEM e Content Strategy). Abbiamo un’importante esperienza nell’analisi ed ottimizzazione dei processi (Process Re-engineering), competenze importanti nel campo dell’IoT (Internet of Things) ma anche sensori o device elettromedicali, e grandi capacità di integrazione e sviluppo di soluzioni in ambito AI (Intelligenza Artificiale). healthonline.it | 33 Diego Facchini CEO H-Digital
  32. 32. Qual è il modello sul quale si fonda l’attività di H-Digital? “Conosciamo bene quante e quali criticità le imprese si trovano ad affrontare sul mercato in un contesto così imprevedibile e complesso come quello odierno. Per questo offriamo ai nostri clienti un modello basato sulla capacità di rispondere in modo dinamico e innovativo agli obiettivi del business, combinando: creatività, sviluppo tecnologico e sicurezza informatica. Tre fattori determinanti per la creazione di servizi e prodotti tecnologici competitivi e di successo. Affrontiamo ogni progetto come una nuova sfida, partendo dall’idea originale, traducendola in strategia, pianificazione delle attività e gestione efficace delle risorse”. La caratteristica principale che contraddistingue H-Digital sul panorama digitale, oltre alla costante Ricerca e Innovazione, è di racchiudere in una sola realtà il settore tecnologico, digitale e il comparto marketing. Possiamo definire questa caratteristica uno dei punti di forza di H-Digital? “Sì, è una delle caratteristiche che differenzia H-Digital nel mercato digitale. Normalmente le aziende hanno molti partner diversi a seconda delle competenze richieste: sviluppo applicativo, sicurezza informatica, digital marketing, campagne pubblicitarie e social media. Noi 34 | Aziende del gruppo Health Italia
  33. 33. invece siamo tra le pochissime realtà oggi sul mercato che possono presentarsi come interlocutore unico e offrire servizi innovativi, integrati e con un approccio “end to end” in grado di proporre soluzioni e tecnologie adatte alle singole esigenze e dimensioni di impresa. Queste sinergie si traducono in cost saving e time to market ridotto per i nostri clienti. Interminidiorganizzazione,qualèilfattore che differenzia H-Digital sul mercato? “Le persone fanno la differenza, sempre. Sono convinto che il successo sia fortemente legato alla qualità dei collaboratori con cui condividere valori, passione per l’innovazione e orientamento al team working. Nel profondo processo di riorganizzazione aziendale che ha portato ad un grande turnover della forza lavoro, abbiamodatoseguitoadun’accurataricerca delle figure professionali, selezionando attentamente un gran numero di persone tenendo conto non solo delle competenze, ma soprattutto delle caratteristiche personali di ogni candidato. È stato un percorso lungo e faticoso, ma ad oggi sono molto orgoglioso della squadra che abbiamo costruito. healthonline.it | 35
  34. 34. DottorFacchini,sipartedaun’ideaperarrivarealrisultatofinaleattraverso delle specifiche strategie di business. Può spiegare meglio in che modo H-Digital guida i clienti nel percorso di trasformazione e crescita digitale? “Il cliente che si rivolge a H-Digital, ha come riferimento un Account Manager dedicato in grado di guidarlo e supportarlo in tutte le fasi di implementazione dei servizi, oltre ad avere a disposizione la professionalità e le competenze dei nostri professionisti. Siamo i primi sostenitori della Digital Trasformation nelle aziende, ma sappiamo anche quanto questo impatti nelle organizzazioni influenzando i processi interni. Per questo, restiamo accanto alle aziende per tutto il tempo necessario a garantire performance di valore, usabilità e adattabilità dei nuovi progetti. Tra i nostri obiettivi principali c’è la volontà di costruire relazioni uniche con i clienti”. 36 | Aziende del gruppo Health Italia
  35. 35. Dott. Facchini, quanto è importante in questo momento storico per un’azienda la presenza online? E come differenziarsi e raggiungere il successo? “In un contesto così veloce e in movimento, in cui ogni giorno milioni di utenti sono online e altrettante realtà offrono risposte sempre più interessanti ed immediate ai loro bisogni, H-Digital, con le sue competenze nel mondo digitale, è il partner giusto per chi vuole distinguersi e dare visibilità al proprio business. Per le aziende è sempre più importante la capacità di attrarre attenzione ed essere percepiti per la propria unicità, riuscendo ad emergere e a diventare un punto di riferimento dei propri clienti.” H-Digital è un passo avanti (payoff: Simply Ahead) nell’innovazione della tecnologia per guidare le aziende nel mondo digitale al di fuori dei canoni conosciuti. Il segreto è in qualche modo legato al famoso concetto (e stile di vita) del “Think different” o “To be different”? “Pensare in modo diverso e innovativo ed essere differenti nel mondo digitale, sono le caratteristiche principali che deve avere chi vuole fare business ed essere vincente in un mercato così competitivo e dinamico. Solo così si può essere sempre “semplicemente avanti”. Per me non è solo un concetto, ma un vero e proprio stile di vita che cerco di trasmettere tutti i giorni ai miei collaboratori”. E se, come affermato da Steve Jobs, autore originale dello spot pubblicitario di Apple “Think different”, “l’innovazione distingue tra un leader e un seguace”, possiamo dire che H-Digital è sicuramente una realtà leader nel settore del mondo digitale in grado di identificare per ogni cliente la corretta strategia, creare il giusto brand, sviluppare i prodotti, posizionarli sul mercato e portare il business al successo. healthonline.it | 37
  36. 36. AZIENDE DEL GRUP 38 | Aziende del gruppo Health Italia BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ Responsabilità sociale:Health Italia si racconta nel suo primo
  37. 37. PO HEALTH ITALIA healthonline.it | 39 Loscorso13luglioilGruppoHealthItaliaS.p.A.hapubblicato il primo bilancio di Sostenibilità (o “bilancio sociale”). Di cosa si tratta? Il Bilancio di Sostenibilità è, come dice il nome stesso, un bilancio. Un documento che però racconta qualcosa di più di numeri e risultati economici, mettendo in luce l’impatto sociale e ambientale che le attività dell’azienda hanno sulla zona in cui opera. Se vogliamo dare una definizione di “responsabilità sociale”, possiamo seguire quella data dalla Commissione Europea nel Libro Verde pubblicato nel 2001: “integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali e ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate”. Un concetto che col tempo è stato assimilato dalla cultura aziendale, che vede le politiche per l’ambiente e il sociale come opportunità, non più solo come un costo. di Mariachiara Manopulo
  38. 38. A chi è dedicato? Se il bilancio di esercizio interessa prevalentemente gli azionisti, il bilancio di sostenibilità riguarda tutti coloro che sono in qualche modo coinvolti nelle attività aziendali, le influenzano o ne sono influenzati: gli stakeholder, ovvero i portatori di interesse. Si tratta dei cittadini, dei dipendenti, dei fornitori, delle istituzioni, degli azionisti. Il bilancio sociale permette di valorizzare la propria attività e accrescere la reputazione, comunicando all’esterno che l’azienda persegue la propria “mission” nel rispetto delle esigenze degli stakeholder e ispirando la propria azione ad un sistema valoriale in linea con uno sviluppo responsabile del sistema economico. Allo stesso tempo, gli stakeholder hanno a disposizione uno strumento di valutazione e analisi dei risultatipiùcompletoeperlorofunzionale rispetto al bilancio di esercizio. Con la redazione del Bilancio di sostenibilità, l’azienda riesce inoltre a valutare la “coerenza” tra mission e scelte strategiche, organizzative e operative, acquistando maggiore consapevolezza sui suoi punti di forza e sui correttivi che possono essere adottati per migliorare i risultati. Si rafforza così a capacità dell’azienda di agire in modo responsabile e di sviluppare politiche di Corporate Social Responsability (CSR) sempre più efficaci. 40 | Aziende del gruppo Health Italia
  39. 39. Per la prima volta, Health Italia ha così deciso di raccontarsi a fondo in un documento, mettendo in evidenza gli aspetti più importanti delle attività portate avanti in termini sociali, ambientali e di governance e illustrando i programmi futuri, finalizzati a realizzare un modello di business altamente sostenibile, in sintonia con i risultati economici. L’obiettivo principale è sicuramente quello di rafforzare il dialogo e il confronto con tutti gli stakeholder, ma anche comunicare in maniera trasparente gli obiettivi e i risultati economici, sociali e ambientali delle diverse attività del Gruppo, fotografando un percorso pluriennale che ha visto diventare la sostenibilità un elemento cardine e strategico della visione aziendale. Health Italia ha redatto il Bilancio di Sostenibilità su base completamente volontaria, visto che l’azienda,aisensidelDecretoLegislativo254/2016,nonrientranellacasisticadegliEntidiinteresse pubblico di grandi dimensioni tenuti a rendicontare le proprie performance non finanziarie. Il Bilancio include tutte le società del Gruppo e prende le mosse dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell’ONU, elaborando le informazioni di carattere qualitativo e quantitativo, secondo quanto previsto dai GRI Sustainability Reporting Standards, emanati nel 2016 dalla Global Reporting Initiative. healthonline.it | 41 Si apre con una lettera agli stakeholder firmata dall’amministratore delegato, Massimiliano Alfieri e a seguire sono delineate mission e vision aziendali. Ildocumentoèpoidivisoinquattroparti,che rendicontano tutte le attività della Società: • Identità e governance • Valoreaggiuntoprodottoedistribuito, conunadescrizionedelleperformance economiche • Il nostro business e il contesto di rifermento • Le relazioni con gli stakeholder: dipendenti,clienti,fornitori,collettività, istituzioni, ambiente • Rating ESG e obiettivi di miglioramento Per misurare concretamente gli impatti sociali, ambientali e di governance del Gruppo, unica tra le società quotate al mercato AIM di Borsa Italiana, Health Italia ha ottenuto dalla società specializzata Cerved Rating Agency la valutazione del proprioRatingESGconunaclassificazione “BBB” che evidenzia “un’alta capacità di gestione dei fattori ESG”. L’azienda si è infine posta diversi obiettivi di miglioramento: la definizione di un piano di Sostenibilità integrato con il Piano strategico aziendale, la formalizzazione di un piano di formazione su temi di sostenibilità a tutto il personale, l’adozione di un sistema di gestione di salute e sicurezza certificato secondo standard internazionali, l’individuazione delle aree di rischio socio ambientale e dei relativi presidi e attività per mitigarlo. Con questi contenuti, il documento conferma l’impegno di Health Italia per uno sviluppo responsabile e più sostenibile del business e rappresenta un nuovo importante step verso una sempre maggiore trasparenza nei confronti degli stakeholder.
  40. 40. AZIENDE DEL GRUP 42 | Aziende del gruppo Health Italia TOTTIfesteggia i successi sportivi della Sporting Club Acqua Pradis La squadra fondata da Francesco Totti è campione d’Italia di Lega Calcio a 8 nella sua prima stagione di attività.
  41. 41. PO HEALTH ITALIA healthonline.it | 43 Acqua Pradis, dalle vette del Monte Dagn in Friuli, alle vette del Campionato di Lega Calcio a 8 per festeggiare con la Totti Sporting Club un fantastico doppio traguardo che ha suggellato al meglio un epilogo probabilmente inatteso. Un successo costruito partita dopo partita in una stagione segnata dall’interruzione per l’emergenza Covid, e chiusa infine nel migliore dei modi per la squadra sponsorizzata da Acqua Pradis, azienda del Gruppo Health Italia, che quest’anno ha brandizzato le maglie dei campioni e si è impegnata a fornire la giusta idratazione a bordo campo. I ragazzi del Totti Sporting Club hanno vinto il Campionato di Lega Calcio a 8 e la Coppa Italia, dimostrando carattere, forza e umiltà. di Michela Dominicis
  42. 42. La Coppa Italia è stata alzata l’11 luglio scorso, dopo una bella vittoria contro la Roma Calcio a 8, senza il Pupone in campo. Pochi giorni dopo si è giocata la finale scudetto contro la Lazio, e questa volta il Capitano è stato presente, risolvendo in bellezza, con una incredibile punizione dalla distanza, una partita che si era mantenuta equilibrata e tirata, dapprima con la Lazio in vantaggio e poi sul punteggio 1 a 1 fino a pochi minuti dallo scadere. 2 a 1 e scudetto per la Totti Sporting Club, e tutti a festeggiare tra fuochi d’artificio e cori festanti dei tifosi presenti. Acqua Pradis, che sta espandendo la sua presenza in tutto il territorio nazionale, può ritenersi orgogliosa e onorata di aver scommesso su questo splendido gruppo di calciatori professionisti, associando il suo nome ad un campione universamente ammirato come Francesco Totti, e agli altri giocatori che lo hanno affiancato nel corso delle partite, da Pizarro a Nainggolan, a Floro Flores. Con il suo alto Ph alcalino e il suo bassissimo livello di sodio, Acqua Pradis è stata un accompagnamento perfetto per partite e allenamenti, garantendo la giusta idratazione e reintegro di liquidi nelle umide serate romane. Tra i partner della squadra anche Banca delle Visite, progetto solidale di Fondazione Health Italia, con cui Acqua Pradis collabora attivamente per raggiungere l’obiettivo di #1000visite da donare a chi non se lo può permettere riconoscendo un piccolo contributo per ogni bottiglia consumata. Fare del bene fa bene, e se aggiungiamo anche una sana dose di agonismo sportivo, tanto divertimento e belle vittorie, sicuramente il benessere non può che essere diffuso e condiviso. Un grosso in bocca al lupo per la squadra, affinchè continui nel suo progetto sportivo, e chissà che la storia insieme non possa continuare… CON IL SUO ALTO PH ALCALINO E IL SUO BASSISSIMO LIVELLO DI SODIO, ACQUA PRADIS È STATA UN ACCOMPAGNAMENTO PERFETTO PER PARTITE E ALLENAMENTI, GARANTENDO LA GIUSTA IDRATAZIONE E REINTEGRO DI LIQUIDI NELLE UMIDE SERATE ROMANE 44 | Aziende del gruppo Health Italia
  43. 43. www.acquapradis.com 8.2 pH Acqua alcalina , 0,001 % di Sodio, imbottigliata a soli 140 Passi dalla Sorgente Immersa nella natura delle Prealpi Carniche, in Friuli Venezia Giulia, sgorga un’acqua minerale microbiologicamente pura, dal gusto equilibrato e leggero, che racchiude in sé tutte le benefiche proprietà del luogo in cui nasce. Acqua Pradis è dissetante e perfetta in ogni momento della giornata: al lavoro, in palestra, nel tempo libero e durante i pasti. PH 8.2 Acqua Pradis. Naturalmente buona, naturalmente salutare. Naturalmente.
  44. 44. LO SPECIALISTA 46 | Lo specialista risponde CURARE la PELLE l’abbronzatura Come L’intervista alla dottoressa Galina Baranovskaia, Dermatologa e Specialista in Medicina Estetica dopo
  45. 45. RISPONDE IN COLLABORAZIONE CON healthonline.it | 47 L’estate è quasi finita e porta via con sè la spensieratezza delle vacanze. Tra i ricordi, quello di un’abbronzatura ottenuta con l’esposizione solare. Al rientro in città e con la ripresa della vita quotidiana l’obiettivo è quello di evitare che la tintarella svanisca nel giro di poco tempo. Come fare? Qual è il segreto per mantenere l’abbronzatura più a lungo e la pelle più luminosa e idratata? L’abbiamo chiesto alla dottoressa Galina Baranovskaia, Dermatologa e Specialista in Medicina Estetica presso Health Point Medical Care. Dottoressa, quanto dura in media l’abbronzatura? L’abbronzatura è il fenomeno che si verifica quando la pelle umana si scurisce in seguito all’esposizione ai raggi solari, è una reazione della pelle per difendersi dal sole. Un colorito intenso può avere durata di circa un mese (28/30 giorni). di Nicoletta Mele
  46. 46. Dott.ssa Galina Baranovskaia Dermatologa e Specialista in Medicina Estetica del network Health Point Perché e in che modo svanisce? L’abbronzatura svanisce perché le cellule cutanee che contengono melanina, prodotta dal sole, vengono eliminate con un processo chiamato esfoliazione (turnover cellulare). Quindi tutte le azioni meccaniche sulla superficie cutanea come cerette depilatorie, scrub con prodotti esfolianti o strofinamenti con asciugamani ruvidi, favoriscono lo scolorimento dell’abbronzatura. Anche l’uso di creme e bagnoschiuma a base di acido glicolico, retinolo, alfa- idrossiacidi e urea, tutte molecole che hanno effetto esfoliante riducono l’abbronzatura. Un’abbronzatura più duratura dipende anche da una giusta idratazione della pelle? Certamente, una corretta e costante idratazione cutanea rallenta il processo di esfoliazione. È consigliato quindi usare prodotti specifici quali: doposole, creme idratanti e oli vegetali (di cocco, di karitè, di mandorle, di jojoba) che hanno effetto idratante e antiossidante e nutrono la pelle. È vero che è meglio evitare di bere bevande gassate e alcolici in quanto contengono zuccheri nascosti che disidratano la pelle? Gli alcolici hanno un effetto vasodilatatore che contribuisce ad aumentare la perdita di idratazione ed evaporazione dell’acqua dagli strati superficiali dell’epidermide e causa quindi una maggiore secchezza cutanea. Le bevande gassate a causa del loro contenuto di zuccheri raffinati e altre sostanze chimiche, portano ad una riduzione di capacità di ossigenazione cutanea, perciò danno alla pelle un aspetto secco ed opaco. Per l’idratazione della pelle, soprattutto se secca, oltre a bere un giusto quantitativo di acqua giornaliero è anche molto importante scegliere dei prodotti ad hoc. Cosa devono contenere? Per favorire l’idratazione della pelle si consigliano integratori specifici che contengono: betacarotene, licopene, flavonoidi, omega3, omega6, vitamina E e vitamina A, nutrienti presenti anche in frutta e ortaggi di stagione come pomodori, albicocche, carote, meloni, pesche, anguria, ecc. 48 | Lo specialista risponde
  47. 47. Le lampade solari prolungano l’abbronzatura? Pro e contro... Se fatte regolarmente sicuramente prolungano la durata dell’abbronzatura. Le lampade solari non sono solo strumenti estetici, infatti possono prevenire eritemi solari e migliorare l’acne. Nei paesi poco esposti alla luce solare, queste vengono utilizzate a fini curativi. D’altronde, un abuso eccessivo può comportare dei rischi alla salute della pelle, nei casi più gravi la comparsa di un melanoma. L’esposizione ai raggi ultravioletti apporta diversi benefici al nostro organismo, tra gli altri: favorisce il rilassamento muscolare, stimola l’incremento del testosterone negli uomini e progesterone nelle donne, influenza il metabolismo e incide positivamente sulla qualità del sonno, produce la vitamina D fondamentale per la salute delle ossa. Tintarella sì, ma con le dovute cautele per evitare scottature solari. healthonline.it | 49
  48. 48. Dottoressa, cosa fare in caso di scottature ? Esistono gradi lievi di scottarure come l’arrossamento cutaneo e più gravi come l’eritema solare con bolle, in questo caso è fondamentale rivolgersi ad un dermatologo esperto. 50 | Lo specialista risponde Una prolungata esposizione al sole senza le opportune protezioni e precauzioni può comportare non solo un invecchiamento cutaneo precoce della pelle soprattutto del viso, ma anche dei seri problemi alla salute come il melanoma cutaneo. Lafrequenzadiquestotumoreèinnetto aumento in tutto il mondo: ogni anno si registranocirca100.000nuovicasi.InItalia i dati AIRTUM 2017 (Associazione italiana registri tumori) stimano circa 7.300 nuovi casi ogni anno tra gli uomini e 6.700 tra le donne. Negli ultimi anni è diventato il terzo tumore più frequente nelle persone sotto i 50 anni. ll principale fattore di rischio per il melanoma cutaneo è l’esposizione eccessiva alla luce ultravioletta, che arriva fino a noi sotto forma di raggi UVA e UVB, ed è principalmente veicolata dai raggi del sole (fonte AIRC). Dottoressa, come prevenire il tumore cutaneo? I consigli per difendersi dal sole, evitando scottature e prevenendo il tumore cutaneo sono: • evitare l’esposizione al sole nelle ore di picco (11-15); • non dimenticare di applicare creme con filtri solari ad alta protezione (che devono essere riapplicate dopo doccia o bagno) da utilizzare anche duranti i giorni meno soleggiati, in quanto l’azione dei raggi solari è sempre uguale; • Indossare cappelli, camice, o maglie a maniche lunghe se si pensa di restare esposti a lungo durante le ore critiche (esempio durante gite in barca); • Ai soggetti ad alto rischio, con pelle chiara o che hanno già sofferto di tumore cutaneo si sconsiglia l’esposizione al sole e l’utilizzo di lampade abbronzanti Alla luce di quanto detto, quali sono suoi consigli per curare la pelle dopo l’abbronzatura? Sicuramente mantenere un buon livello di idratazione sistemica (assumendo integratori/ cibi in grado di stimolare la produzione di melanina) e locale (utilizzando creme, bagnoschiuma oleosi e oli vegetali).
  49. 49. Hai bisogno di un consulto medico? Oggi puoi farlo comodamente da casa, grazie ai servizi in teleconsulto a distanza con medici specializzati. Health Point mette a disposizione una piattaforma dedicata ai servizi di telemedicina grazie ai quali è possibile effettuare un consulto telefonico e/o una televisita con un medico specializzato che, a distanza, potrà valutare lo stato di salute dell’utente anche grazie all’acquisizione di alcuni parametri fisici predefiniti facilmente riscontrabili utilizzando comuni device. Sono a disposizione anche consulti con figure come Psicologo e Psicoterapeuta che potranno fornire un supporto dedicato.Il nuovo servizio ha l’obiettivo di permettere ai cittadini di dialogare con un medico senza necessità di contatto fisico. Scopri di più su https://televisita.healthpointitalia.com/ Contact Center 06.5655.6371 tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 20.00 #iorestoacasa
  50. 50. BENESSERE 52 | Benessere DISTRUTTI Capelli dopo l’estate? LE REGOLE da seguire per rimetterli in sesto!
  51. 51. healthonline.it | 53
  52. 52. L’estate non è certo l’alleata migliore della nostra chioma: tra cloro, salsedine, sole e sabbia, i capelli non arrivano mai a settembre in forma: indeboliti, opachi, sfibrati. Spesso si pensa che il tema riguardi più spesso le donne, ma non è assolutamente così! Anche i capelli degli uomini subiscono forti stress in estate e anche loro devono prendersene cura e non sottovalutare assolutamente il problema! Tutti gli anni in ogni rivista da ombrellone che si rispetti si legge di rimedi fai da te, di prodotti più o meno costosi, si suggeriscono gli indirizzi dei migliori hairstylist, pronti a rimettere a nuovo le nostre chiome. Certo, il passaggio dal parrucchiere il più delle volte è inevitabile e fa sicuramente bene, ma ci sono in ogni caso alcune accortezze che possiamo prendere tutto l’anno, soprattutto nei mesi più caldi e al rientro dalle vacanze. La parola chiave è protezione: ebbene sì, non è solo la pelle che deve essere difesa dal sole. Anche i capelli vanno protetti dai raggi solari, dal cloro e dalla salsedine per evitare che si scoloriscano e si secchino. In commercio ci sono tantissimi spray ad alta protezione, di tutti i prezzi: vanno applicati prima di ogni esposizione al sole e più volte durante la giornata. L’utilizzo di un cappello è poi fortemente consigliato. Oltre ad essere trendy, protegge la cheratina e il cuoio capelluto dalle scottature. 54 | Benessere di Mariachiara Manopulo
  53. 53. Un secondo punto importante è sicuramente l’idratazione: già, bere molta acqua è un gesto fondamentale anche per il benessere dei nostri capelli. Attenzione anche all’alimentazione: ci sono alcuni cibi che fanno particolarmente bene alla salute del capello, come il salmone e le noci, ricchi di Omega 3 e quelli che contengono acido folico o vitamina B9 come asparagi, arance, barbabietole broccoli, o gli spinaci, grazie alla vitamina E, alleata preziosa contro la caduta. Ancora: il lavaggio. Se è vero che d’estate i capelli si lavano molto più spesso del normale, è altrettanto vero che lavaggi frequenti li possono indebolire. Scegliete prodotti delicati, naturali e nutrienti, magari a base di olio di mandorla, argan, cocco, oliva, meglio ancora se arricchiti di antiossidanti e vitamine, come la D, che idrata e rinforza. Usate pochissimo shampoo e sciacquate sempre molto bene. Una volta a settimana utilizzate una maschera nutriente, la vostra chioma vi ringrazierà. Attenzione: nell’applicare balsami, impacchi, maschere, concentratevi sulle lunghezze e sulle punte, che spesso sono le zone realmente più secche e spente. Di solito le radici sono più sane, e applicando troppi prodotti si rischia di appesantirle. Al ritorno dalle vacanze, con l’arrivo dell’autunno, è sempre bene dare una bella sforbiciata. Sì, perché non è un luogo comune “se li tagli li rinforzi”, funziona davvero così! Quando i capelli sono danneggiati, sfibrati, con le doppie punte, la soluzione è una sola: tagliare! E poi, cosa c’è di meglio per ricominciare dopo l’estate di un nuovo, bellissimo taglio di capelli? Lo stesso discorso vale per il colore. I bei riflessi biondi che spesso il sole ci dona durante l’estate col tempo svaniscono, lasciando i capelli scoloriti e opachi, con l’“effetto paglia”. Questo perché i raggi solari desquamano il fusto, favorendo la rottura e opacizzando il colore. Allora, perché non cogliere l’occasione per valorizzare la schiaritura, con un bel trattamento dal parrucchiere? Se vi serve un ritocchino per coprire i capelli bianchi, ricordatevi che dopo l’estate il colore va scelto di un mezzo tono più chiaro rispetto a quello abituale, per evitare stacchi decisi, ma anche perché il sole potrebbe avere sensibilizzato le radici e quindi la tinta potrebbe avere una presa anomala e risultare più scura del previsto. Il vostro parrucchiere saprà sicuramente consigliarvi al meglio e coccolare i vostri capelli con i trattamenti giusti! healthonline.it | 55
  54. 54. BENESSERE 56 | Benessere MASCHERINE, stileproteggersi con
  55. 55. healthonline.it | 57
  56. 56. Colorata, in tinta unita, in tessuto, lavabile o usa e getta. Parliamo della mascherina, il dispositivo di sicurezza maggiormente utilizzato per contrastare la diffusione del nuovo Coronavirus, che oltre ad essere uno strumento indispensabile e obbligatorio, è anche diventato un accessorio di moda. Negli ultimi mesi abbiamo visto le mascherine calcare famose passerelle e partecipare ad eventi mondani, indossate da celebrità del mondo della musica e dello spettacolo, un esempio è la partecipazione di Billie Eilish con mascherina logata Gucci in tulle nero e doppia G di cristalli ai Grammy Award 2020. Tra i prototipi venduti nelle farmacie, le alternative alle mascherine chirurgiche in commercio sono non solo efficaci, ma molto fashion, con particolari design e confezionate con materiali riciclabili per non danneggiare l’ambiente. Dimmi che mascherina indossi e ti dirò chi sei! Per molti coordinare le mascherine con l’abbigliamento è diventato un gesto quotidiano non sottovalutando però la qualità, il livello di protezione e la traspirabilità del prodotto e facendo sempre attenzione che siano prive di sostanze nocive per la salute della pelle. A proporre l’abbinamento ci ha pensato la stilista Chiara Boni, che ha lanciato delle mascherine in jersey iconico 100% lavabili, coordinate a due modelli di t-shirt in bianco e nero. A fronte delle nuove esigenze in questo periodo c’è stato un vero e proprio boom di mercato e questo ha portato diverse aziende, principalmente del settore della moda, a riconvertire parzialmente la produzione. Le mascherine si sono diffuse come accessorio da indossare nei luoghi affollati e anche le griffe le hanno proposte e rilanciate contribuendo ad un’impennata commerciale del 147%, secondo quanto riferisce la piattaforma di moda Lyst. Tra le aziende più note spicca Fendi, uno dei marchi italiani del lusso più noti al livello internazionale per aver contribuito a far conoscere la moda made in Italy nel mondo, che ha messo in commercio una mascherina griffata e, nonostante il prezzo non alla portata di tutti, in poco tempo è andata sold out. Ma anche Salvatore Vignola, 58 | Benessere di Alessia Elem
  57. 57. healthonline.it | 59 lo stilista definito dagli addetti del settore, uno dei nomi promettenti del nuovo panorama di talenti su Milano, ha realizzato una mascherina in esclusiva per l’artista M¥SS KETA con una caratteristica particolare: l’accessorio è tempestato di Swarovski. Non solo moda, anche il make up sta vivendo una piccola rivoluzione: gran parte del viso è coperto dalla mascherina sotto la quale, suggeriscono gli esperti, è meglio evitare il rossetto e il fondotinta, quindi la nuova tendenza è quella di evidenziare lo sguardo con un make up ad hoc per ogni occasione. Insomma, ai tempi del post-Coronavirus dove il nemico è sempre in agguato, bisogna proteggersi dal contagio indossando la mascherina sicura, traspirabile, completamente priva di sostanze nocive e anche alla moda. healthonline.it | 59
  58. 58. PARLIAMO DI... MANCINI,I a 60 | Parliamo di...mancinismo una popolazione (quasi) estinta. Da mano del diavolo VIRTÙ,tutte le letture del mancinismo
  59. 59. mancinismo healthonline.it | 61 Sei mancino? Hai una marcia in più. Se fino a qualche decennio fa adoperare la mano sinistra rappresentava una condanna, da qualche anno le cose sono cambiate e certamente nessuno più – o quasi – dà importanza al potere della mano sinistra. In realtà, tutti gli uomini e tutte le donne hanno una mano dominante, ma anche un occhio, un piede, e così via discorrendo tra le pagine di anatomia. La verità è che la maggior parte degli organi dell’uomo hanno un proprio doppio, uno a destra e l’altro a sinistra: due braccia, due mani, due gambe, due occhi, due orecchie. Tutti questi organi, oltre a essere speculari, non sono identici, e ciascun essere umano ne predilige uno, che diviene appunto dominante: tutti siamo coscienti di essere destrimani o mancini nell’uso delle mani, ma, anche inconsciamente, siamo destrimani o mancini, indipendentemente dalle mani, nell’uso degli altri organi (si pensi ai calciatori che prediligono un piede sull’altro oppure ai musicisti che concentrano l’attenzione su un orecchio). Tuttavia, pur essendo la “dominazione” uno dei capisaldi dell’anatomia, per secoli l’essere mancini (oggi circa il 13% della popolazione mondiale) non è stato affatto un bene tanto per ragioni legate alla superstizione popolare quanto sulla base di un fondamento etimologico errato. Spesso infatti sbagliando si ritiene il mancinismo un difetto perché la stessa parola “mancino” deriva dal latino mancus (in siciliano, mancusu) che significa monco. di Alessandro Notarnicola
  60. 60. Per molto tempo dunque mancino è stato letto come sinonimo di diversità, handicap, condizione infelice, frutto, secondo la tradizione ebraica e cristiana, dell’influenza sull’individuo del maligno. Un’interpretazione anche musulmana: l’Islam vietava di lavarsi o mangiare utilizzando la mano “impura”. Per secoli i mancini sono stati visti con sospetto anche dalla scienza: in un trattato di psichiatria del 1921 il mancinismo era addirittura annoverato fra le patologie rivelatrici di demenza. A partire dagli anni ’70 del 900 alcuni studi hanno accostato la dominazione della mano sinistra sulla destra alla dislessia. 62 | Parliamo di...Covid-19 Da anni però il mancinismo non è più visto come un aspetto oscuro di difficile interpretazione o di lettura popolare: il mondo della scienza oggi ritiene che questa preferenza sia una vera e propria caratteristica dell’individuo da attribuire all’emisfero destro del cervello. Nei mancini la parte dominante del cervello è la destra, specializzata nell’elaborazione visiva e nella percezione delle immagini, nella loro organizzazione spaziale e nell’interpretazione emotiva. IL BAMBINO “SCEGLIE” LA SUA MANO DOMINANTE QUANDO È ANCORA UN FETO E LA SCELTA DIPENDE DAL MIDOLLO SPINALE, CHE IN QUELLA FASE DELLO SVILUPPO NON È ANCORA COLLEGATO ALLA CORTECCIA CEREBRALE 62 | Parliamo di...mancinismo
  61. 61. Alcuni studi effettuati da un team di studiosi dell’Università della Ruhr, in Germania, hanno dimostrato che il bambino “sceglie” la sua mano dominante quando è ancora un feto e la scelta dipende dal midollo spinale, che in quella fase dello sviluppo non è ancora collegato alla corteccia cerebrale. Tuttavia, pur nascendo nel grembo materno, il fenomeno del mancinismo si manifesta non prima dei tre anni d’età. Il cervello del futuro mancino subisce un processo di lateralizzazione a causa del quale l’emisfero cerebrale destro predomina su quello sinistro. Processo che si conclude un anno più tardi. Prima che la medicina arrivasse a fornire risposte adeguate che non contemplassero l’ostracismo per la persona interessata, il mancinismo era accostato a Satana tanto che per secoli la mano sinistra è stata soprannominata – con non poco terrore – la mano del diavolo, essendo invece la destra la mano con cui si impartisce la benedizione. Non sono pochi coloro che a scuola erano letteralmente costretti a non servirsi della mano sinistra per scrivere o per disegnare. Le educatrici legavano il braccio sinistro dello scolaro alla spalliera della sedia fino a che la mano destra non diventava la principale. Non è trascurabile il legame imprescindibile che per secoli ha legato il mondo dell’istruzione con la religione cristiana: nel Vecchio Testamento Isaia spiega che la mano destra “ha fondato la terra” e “ha misurato i cieli”; nel Nuovo Testamento, invece, si posiziona il buon ladrone alla destra di Gesù e il cattivo ladrone alla sua sinistra. E poi, “una volta asceso al Cielo, Gesù è seduto alla destra del Padre”. Ma non è solo la religione cristiana a prediligere il lato destro: lo stesso Maometto, per fare le abluzioni, adoperava la mano destra ritenendo la sinistra impura. Nonostante fosse ritenuta la “mano impura” non sono pochi i personaggi della storia che grazie alla mano sinistra sono oggi annoverati nell’albo dei geni. Albert Einstein, AlessandroMagno,AyrtonSenna,Aristotele,BarackObama, Benjamin Franklin, Bill Gates, Bob Dylan, Giulio Cesare, Carlo Magno, Celine Dion, Charlie Chaplin, Demi Moore, Diego Armando Maradona, Fidel Castro, Fred Astaire, Greta Garbo, Jimi Hendrix, John Davison Rockefeller, John Kennedy, Julia Roberts, Kim Basinger, Leonardo Da Vinci, Ludwig van Beethoven, Mahatma Gandhi, Immanuel Kant, healthonline.it | 63
  62. 62. 64 | Parliamo di...Covid-19 Marilyn Monroe, Mickey Rourke, Michel Platini, Morgan Freeman, Nicole Kidman, Paul McCartney, Phil Collins, Ringo Starr, Robert De Niro, Robert Redford, Ruud Gullit, Sergei Rachmaninoff, Sigmund Freud, Sylvester Stallone, Tom Cruise, Valentino Rossi, Winston Churchill e Wolfgang Amadeus Mozart, solo per citare i più noti. Nomi straordinari che incoraggiano i portatori di mancinismo alla consapevolezza che se di handicap si dovesse trattare, lo sono in maniera virtuosa. 64 | Parliamo di...mancinismo
  63. 63. healthonline.it | 65 Fino al CUORE della SALUTE Un Gruppo unito per sostenere e diffondere la Cultura della Salute e della Prevenzione dalla Ricerca Scientifica alle Soluzioni Personalizzate Health Italia S.p.A. · c/o Palasalute · Via di Santa Cornelia, 9 · 00060 Formello (RM)· info@healthitalia.itwww.healthitalia.it
  64. 64. make itYou Y Scatena il tuo benessere. Entra in Be Health. Be Health è un percorso concreto e coinvolgente per raggiungere l’indipendenza personale e professionale attraverso una concreta opportunità di business meritocratico, con un solido Gruppo alle spalle. Un percorso che inizia con la cura di se stessi e la ricerca di uno stile di vita sano e ispirato al ‘made in Italy’ fino all’unione di tante persone che hanno in comune la volontà di costruire la propria dimensione di benessere. Un vero e proprio Community Network dove poter scatenare e riscoprire il tuo naturale benessere. Scopri di più su www.behealthglobal.com
  65. 65. Mutua MBA c/o Palasalute - Via di Santa Cornelia, 9 - 00060 - Formello (RM) Tel. +39 06 90198060 - Fax +39 06 61568364 - www.mbamutua.org
  66. 66. SIMPLY AHEAD Il mondo è in piena trasformazione digitale H-Digital è il partner giusto per chi vuole distinguersi e dare visibilità al proprio business perché è in grado di garantire ai propri clienti la realizzazione di progetti “end to end” e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche adatte alle singole esigenze e dimensioni di impresa, con un time to market ridotto e una ottimizzazione dei costi di realizzazione. H-Digital è un interlocutore unico con cui generare valore, l’alleato ideale per conquistare rapidamente visibilità e generare interesse sul mercato digitale.

×