Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online - 2

0 views

Published on

Il primo periodico di informazione dedicato completamente al mondo della salute e della sanità integrativa

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Health Online - 2

  1. 1. IL PERIODICO DI INFORMAZIONE SULLA SANITÀ INTEGRATIVA HEALTH IN EVIDENZA agosto 2014 - N°2
  2. 2. Periodico  di  Informazione  sulla  Sanità  Integra6va SOMMARIO HEALTH  ONLINE   PERIODICO  BIMESTRALE  DI   INFORMAZIONE  SULLA  SANITA’   INTEGRATIVA   !ANNO  1°  -­‐  AGOSTO  2014  -­‐  N°  2   ! DIRETTORE  RESPONSABILE   Ing.  Roberto  Anzanello   !DIRETTORE  EDITORIALE   Massimiliano  Alfieri   !COMITATO  DI  REDAZIONE   Manuela  FabbreL   Fabio  Vitale   Luciano  DragoneL   !REDAZIONE  E  PRODUZIONE   Fabio  Vitale   !DIREZIONE  E  PROPRIETA’   Health  Holding  Group  S.p.A.   Via  di  Santa  Cornelia,  9   00060  -­‐  Formello  (RM)   info@hhg.it   !TuL   i   diriL   sono   riservaZ.   Nessuna   parte   può   essere   riprodoa  in  alcun  modo  senza  il   permesso   scrio   del   direore   editoriale.   ArZcoli,   noZzie   e   recensioni   firmaZ   o   siglaZ   esprimono   soltanto   l’opinione   dell’autore   e   comportano   di   conseguenza   esclusivamente   la   sua  responsabilità  direa.   !Registrazione  del   Tribunale  Civile  di  Roma   N°  29  del  10  Marzo  2014   !Impaginazione  e  grafica   Fabio  Vitale   !Copia  inviata  a  86.432  e-­‐mail La  salute:  un  valore  assoluto   ________________________________________  pag.  2   di  Ing.  Roberto  Anzanello Crescere  in  professionalità   ________________________________________  pag.  3   di  Ivo  Fiorelli Prevenzione:  un’arma  contro  il  cancro   ________________________________________  pag.  5   di  Giulia  Di  Michele I  tempi  della  sanità  pubblica  e  le  società  di  mutuo   soccorso   ________________________________________  pag.  6   di  Daniela  Pastore Il  Museo  del  Mutuo  Soccorso  -­‐  sito  in  Via  di  Santa   Cornelia,  9,  00060  Formello  (RM)  -­‐  ha  al  suo  interno  più  di   500  reperS  di  valore  storico  e  mutualisSco.   Aperto  dal  Lunedì  al  Venerdì  solo  su  appuntamento   contaVando  il  numero  telefonico  +39.331.6893067 Inserzione
  3. 3. Tue  il  sistema  di  informazione,  giornali,   radio,   tv,   internet,     che   rappresenta,   riporta,  pubblica    comunicazioni  sul  tema   della  salute  si  accentra  su  due  elemenZ   essenziali:   •   i  disservizi  del  sistema  sanitario   pubblico;   •   la   varietà   non   integrata   di   possibili   soluzioni   di   cui   nessuna  risolutoria.   Per  fare  chiarezza  e  fornire  un  contributo   concreto   è   invece   necessario   parZre   da   una   considerazione   oggeLva:   il   sistema   sanitario  pubblico  non  potrà  più  esistere   così  come  è  sempre  stato  concepito  nel   nostro  paese  non  per  ragioni  poliZche  o   finanziarie  ma  molto  più  semplicemente   per  ragioni  matemaZche.   InfaL,   l’insieme   oggeLvo   dei   daZ   che   possiamo   osservare   e   registrare   porta   esclusivamente   e   con   una   facile   equazione   all’insostenibilità   dell’auale   sistema   di   sanità   pubblica,   vediamo   come:   1.   l ’ i nv e c c h i a m e n t o   d e l l a   popolazione   determina   un   numero   crescente   di   persone   che   avranno   bisogno  di  cure  mediche;   2.   l’evoluzione   tecnologica   in   campo   sanitario   determina   la   nascita   di   macchinari  sempre  più  evoluZ  e  sempre   più  costosi  sia  in  termini  di  acquisizione   che   in   termini   di   manutenzione,   formazione   del   personale   abilitato,   consumo  dei  materiali;   3.   lo   sviluppo   della   scienza   medica   apre   conZnuamente   nuove   fronZere   e   nuovi   campi   di   applicazione   che   richiedono   importanZ   e   costanZ   invesZmenZ  in  ricerca  e  sviluppo;   4.   la  mobilità  delle  persone  causa   una   maggiore   diffusione   delle   patologie   epidemiche   con   conseguente   aumento   dei  cosZ  di  prevenzione  e  controllo;   5.   il   senso   eZco   impone   che   anche   patologie   a   scarsa   diffusione   debbano   essere   studiate   e,   se   possibile   curate,   con   incrementale   aumento   dei   cosZ   di   specializzazione   sia   dei   medici   che  degli  strumenZ  di  analisi.
 E’   opportuno   soolineare   che   la   possibilità  di  invecchiare  di  più  e  meglio,   l’evoluzione   tecnologica   e   lo   sviluppo   scienZfico,   la   mobilità   ed   il   senso   eZco   sono   tuL   elemenZ   assolutamente   posiZvi   e   che   dobbiamo   cogliere   con   estrema  soddisfazione  nel  nostro  sistema   di   vita,   ma   dobbiamo   essere   anche   così   consapevoli   da   comprendere   che   in   campo  sanitario  sono  tuL  elemenZ  che   hanno  già  portato  e  porteranno  sempre   più   il   sistema   di   sanità   pubblica   all’insostenibilità  economica.   Vero  che  ci  sono  gli  “sprechi”  come  molZ   correamente  soolineano,  ma  anche  su   questo   argomento   necessità   chiarezza:   gli   “sprechi”   in   campo   sanitario   sono   molZ   e   vanno   indispensabilmente   recuperaZ   e   ricondoL   a   valori   determinaZ   dalla   casualità   e   non   dal   costante   disservizio   o   dall’inesistente   senso   civico,   ma   per   quanto   si   possano   recuperare   tuL   i   cosZ   causaZ   dagli   “sprechi”   tali   valori   non   saranno   mai   sufficienZ   a   coprire   il   fabbisogno   finanziario   determinato   dal   trend   irrevocabile   dei   cinque   elemenZ   sopra   descriL.   ! Ed   allora   siamo   desZnaZ   ad   avere   un   modello   sanitario   inefficiente,   anZ   economico  e  che  salvaguardi  solo  alcune   fasce  della  popolazione?   La   risposta   naturalmente   è   no,   però   è   necessario   discernere   con   estrema   chiarezza  tra  le  soluzioni  applicabili.   Vero   è   che   la   soluzione   non   può   che   essere   una   sanità   gesZta   in   un   correo   equilibrio  tra  sistema  pubblico  e  sistema   privato.   Ed   è   altreanto   vero   che   sul   sistema  pubblico  non  possiamo  tuL  che   concordare   affinché   sostenga   in   modo   totale  i  meno  abbienZ  e  in  modo  sempre   più   marginale   le   fasce   di   popolazione   a   reddito,  con  cosZ  crescenZ  a  carico  della   popolazione  al  crescere  del  reddito  degli   individui  e  delle  famiglie.   Però  è  sul  sistema  privato  che  dobbiamo   concentrare   la   nostra   aenzione.   InfaL   privaZsZcamente  esistono  due  possibilità   per  integrare  il  sistema  pubblico:            •  le  polizze  assicuraZve;            •  i  fondi  sanitari.       in   quanto   è   altreanto   chiaro   e   ormai   matemaZcamente   provato   che   solo   la   mutualità   tra   individui   è   la   soluzione   correa   per   determinare   la   sostenibilità   dei  cosZ  sanitari.  Però  dobbiamo  essere   consapevoli  che  siamo  in  presenza  di  due   modelli   di   mutualità   differenZ   e   precisamente   un   modello,   quello   assicuraZvo,   dove   la   mutualità   tra   gli   individui   è   gesZta   da   un   terzo   che   da   questo  vuole  trarre  del  reddito  e  che  non   può   farlo   senza   sorarre   valore   economico   al   sistema   ed   un   altro   modello,   quello   dei   fondi   sanitari,   delle   casse   di   assistenza   e   delle   società   di   muto  soccorso  dove  siamo  in  presenza  di   una   mutualità   “pura”   tramite   un   approccio  che  ridistribuisce  tuo  quanto   ricevuto   senza   perdere   valore   per   determinare  reddito  di  terzi.   Di  conseguenza  dobbiamo  prendere  ao   dei   trend   in   ao   e   senza   dietrologie   concentrare   i   nostri   sforzi   per   realizzare   sempre   più   compiutamente   le   soluzioni   corree,   che   già   esistono   da   anni,   considerato  che  la  prima  legge  isZtuZva   delle  mutue  sanitarie  nel  nostro  paese  è   datata  1889.   Per  questo  moZvo  il  nostro  periodico  Vi   informerà  costantemente  sulle  evoluzioni   del   sistema   sanitario   sia   pubblico   che   assicuraZvo   ma   sicuramente   si   focalizzerà   sulle   soluzioni,   le   innovazioni   e   le   proposte   del   sistema   mutualisZco   con   la   forte   convinzione   che   sia   l’unica   v e r a   s o l u z i o n e   p e r   i n t e g r a r e   correamente   sanità   pubblica   e   sanità   privata   in   un   sistema   che   protegga   concretamente   ed   efficacemente   un   nostro  dirio  ed    un  valore  assoluto:  la   nostra  salute. La  salute:  un  valore  assoluto dell’Ing.  Roberto  Anzanello  -­‐  DireMore  Responsabile pag.  2  
  4. 4. pag.  3   Osservando   dall’esterno   le   gesZone   di   fascicoli  relaZvi  ad  assistenza  malaLa,  o   infortuni,   difficilmente   ci   si   rende   conto   della  complessità  cui  l’operatore  si  trova   di  fronte.   Superficialmente   si   è   portaZ   a   credere   che   sia   sufficiente   seguire   i   protocolli:   applicare   le   normaZve   che   prescrivono   per  ogni  singolo  assisZto  le  estensioni  e  i   limiZ,   delle   prestazioni,   le   eventuali   franchigie   o   scoperZ,   e   quali   di   queste   prestazioni   siano   escluse,   per   loro   natura,  dal  beneficio  del  rimborso.     Ma  non  è  così,  o  almeno  non  è   così   semplice!   È   pur   vero   che   un   buon   sistema   informaZco   è   di   grande   ausilio,   permeendo  la  gesZone  delle  praZche  di   rimborso   in   modo   automaZco,   calcolando   per   ogni   singola   patologia,   e   conseguente   prestazione,   quale   sia   il   limite   della   somma   rimborsabile,   quali   siano  gli  scoperZ  o  franchigie  relaZva  al   Zpo   di   contrao,   eliminando   il   possibile   errore   umano   nei   calcoli   numerici   di   queste   somme,   ma,   come   tue   le   macchine,   resZtuisce   quello   che   gli   è   stato  inserito.   In   altre   parole   colpi   che   potremmo   chiamare  “liquidatore”,  deve  valutare  per   ogni   fascicolo   quali   siano   i   criteri   da   adoare  nel  singolo  caso,  che  spesso  può   avere   caraerisZche,   anche   se   soLlmente  sfumate,  diverse  da  altri,  con   conseguenZ  diversi  criteri  di  applicazione   delle  regole.   Per  chiarire  meglio  lo  spirito  di   quanto  esposto,  indichiamo  un   semplice  caso,  fra  i  tanZ,    in  cui   l’operatore   deve   soffermarsi   prima   di   inserire   un   codice   n u m e r i c o   c h e   a p p l i c a   meccanicamente  la  normaZva:   m o l Z s s i m i   d i s c i p l i n a r i ,   disZnguendo  per  Ente  e  livello   professionale   dell’assisZto,   p o n go n o,   g i u sta m e nte ,   parZcolari   limiZ   o   scoperZ,   quando   non   addiriura   esclusioni,   a   cure   dentarie   e   ortodonZche;   questo   avviene   inserendo   un   codice   numerico   corrispondente   a   quanto  inerente  qualcosa  come  “bocca  e   cavo   orale”,   intendendo   ivi   comprese   tue   le   cure   relaZve   a   questa   parte   dell’organismo.   Ma  le  esclusioni  e  i  limiZ  sopra  descriL,   nello   spirito   della   norma,   devono   intendersi   relaZvi   a   ogni   intervento   che   riguardi   la   dentatura,   l’impiantologia,   intervenZ   che   in   massima   parte,   poi,   sono   di   natura   esteZca,   e   non   altro.   Se   nel  cavo  orale,  soo  la  lingua  o  nel  palato   emerge   una   neoformazione   sospea,   che  magari  necessita  di  biopsia  e  relaZvo   esame   istologico,   questa   patologia   non   riguarda   una   cura   dentaria,   è   ben   altra   cosa,   e   come   tale   va   traata   e   rimborsata.   Però   se   un   operatore   inserisce  nel  sistema  il  codice  di  “bocca  e   cavo   orale”,   il   sistema   rifiuta   quell’intervento!Ecco   dove   emerge   la   professionalità  di  chi  ha  la  responsabilità   di   corrispondere   agli   assisZZ   la   correa   prestazione,  il  giusto  rimborso,  evitando   eventuali  reclami  e  richieste  di  revisione,   che,   oltre   a   costare   tempo,   non   contribuiscono   al   mantenimento   del   rapporto   fiduciario   fondamentale   in   un   seore  delicato  come  quello  della  salute   tra  Ente  assistenziale  e  assisZZ.  E  questa   professionalità   come   si   forma?   A   meno   che   non   si   provenga   almeno   da   alcuni   anni  di  studio  in  facoltà  sanitarie,  se  non   alla  laurea,  un  giovane  non  possiede  quel   bagaglio   culturale   ineludibile   per   poter   consapevolmente   gesZre   il   sistema   meccanico,   valutando   le   singole   situazione,   inserendo   correamente   quanto   permee   poi   al   sistema   di   resZtuire  le  risposte  giuste.   Questo  bagaglio  culturale,  che  genera  la   competenza,   deve   essere   acquisito,   come   dire,   “sul   campo”,   ovvero   lavorando   e   imparando   ….   strada   facendo.   Per   oenerlo,   innanzi   tuo,   occorre  avere  buoni  maestri;  nella  fase  di   formazione,   che   avviene   mediante   affiancamento,   ovvero   gesZone   di   fascicoli  insieme  a  collega  già  esperto,  il   cui  compito  è  proprio  quello  di  insegnare   la   metodologia   da   seguire   per   liquidare   correamente   re   un   sinistro.   In   questa,   delicata,   fase   chi   è   preposto   alla   formazione  dei  nuovi  colleghi  deve  avere   la   capacità   di   trasferire   non   solo   le   competenze  già  acquisite,  ma  il  metodo   stesso  con  il  quale  le  ha  acquisite,  quindi   i   buoni   maestri   sono   merce   abbastanza   ra ra ,   r i s o rs e   p rez i o s e   d a   n o n   soovalutare.   Ma   non   solo:   c’è   una   componente   fondamentale   per   costruire   la   professionalità,   e   questa   è   la   curiosità,   curiosità   intesa   come   negazione   della   superficialità,della   rouZne,   della   meccanicità  nella  propria  aLvità.   È   curioso   chi   vuole   capire   perché   si   applica   o   no   una   certa   regola,   perché   questo  caso  è  diverso  da  un  altro,  anche   se   apparentemente   sono   assai   simili,   come  ogni  individuo  è  diverso  dagli  altri.   È  curioso  chi  poi  conZnua  ad  aggiornarsi,   chi   vuole   conoscere   le   nuove   tecniche   diagnosZche   e   terapeuZche,   chi   insomma   non   si   limita   a   applicazioni   Crescere  in  professionalità di  Ivo  Fiorelli
  5. 5. pag.  4   ripeZZve  di  norme  meccaniche.  È  curioso   chi   si   confronta   costruLvamente   con   i   colleghi,   chi   pone   domande,   chi   insomma   desidera   ampliare   la   propria   professionalità  e  non  limitarsi  alla  rouZne   sopra   menzionata.   Questo   è   un   buon   professionista,   e   questa   consapevolezza   è   di   per   se   graZficante,   e   aggiunge   sZmoli  alla  propria  crescita.  Altro  faore   importante   è   la   propria   semanZca,   la   proprietà   di   linguaggio,   la   capacità   di   esprimere   chiaramente   i   conceL   che   si   vogliono  trasferire.   In   questo   lavoro   il   rapporto   con   il   pubblico   è   fondamentale,   e   occupa,     inoltre,  gran  parte  del  tempo  lavoraZvo;   quando   si   devono   illustrare   le   modalità   da   seguire   per   oenere   quanto   dovuto,   oppure,  cosa  più  difficile,  quando  si  deve   spiegare   a   un   assisZto   che   non   ha   compreso.   O   non   è   soddisfao,   del   rimborso   oenuto,   bisogna   essere  ragionevolmente  cerZ   d i   c o n o s c e r e   b e n e   l’argomento   e   di   poter   dare   le  informazioni  corree,  con   linguaggio   comprensibile,   e   possibilmente  sinteZco.   Q u e s t o   l i n g u a g g i o ,   soprauo,  non  deve  essere   c o m p r e n s i b i l e   p e r   l’operatore,   ma   per   chi   ascolta,   ovvero   deve   essere   al  livello  della  casalinga  seantenne,  o  al   top   manager,   quindi   occorre   affinare   le   proprie  aLtudini  intuiZve  per  valutare  in   tempi   rapidi   quale   è   il   livello   di   comprensione   dell’interlocutore,   e   adaare   tempesZvamente   il   discorso   a   questo:  non  si  deve  parlare  a  noi  stessi,  e   non  vi  è  alcun  bisogno  di  essere  arZficiosi   o  forbiZ.   Anche   questa   parte   di   professionalità   si   incrementa  col  tempo  e  con  l’aenzione   a  cosa  (  e  a  volte  a  come)  ci  esprimiamo,   osservando   come   cambi   l’aeggiamento   di   chi   ci   ascolta   quando   si   rende   conto   della   qualità   della   nostra   figura   professionale. Prevenzione:  un’arma  contro  il  cancro di  Giulia  Di  Michele La  prevenzione  sembra  essere  l’arma  più   efficace  che  abbiamo  oggi  a  disposizione   per  ridurre  la  mortalità  da  cancro.   I   daZ   parlano   chiaro:   le   malaLe   neoplasZche   cosZtuiscono   la   seconda   causa  di  morte  in  Italia  con  un  aumento   di   incidenza   in   forte   crescita;   al   2010   sono   staZ   sZmaZ   220,5   decessi   per   tumore   per   100.000   abitanZ.   (fonte:   I   tumori  in  Italia).   ! Sembra   essere   arrivaZ,   ormai,   sia   nella   comunità   scienZfica   che   nella   popolazione  in  generale,  ad  un  processo   di   profonda   maturazione   che   ha   sensibilmente   contribuito   a   migliorare   negli   ulZmi   anni   l’efficacia   degli   intervenZ   di   prevenzione   e   di   igiene   ambientale,   che   ha   modificato   le   abitudini   alimentari,   reso   possibile   l’apertura  di  nuovi  filoni  di  ricerca  medica   e,  soprauo,  accertato  i  vantaggi  che  si   oengono   dalla   realizzazione   di   programmi  di  screening.     ! La  prevenzione  può  auarsi  a  vari  livelli.   La   prevenzione   primaria   è   rivolta   ai   soggeL   sani   e   mira   ad   eliminare   o   ridurre   l’esposizione   a   sostanze   cancerogene  note,  araverso  il  tentaZvo   di   modificare   i   comportamenZ   e   le   abitudini   di   vita   insane,   purtroppo   consolidate   e,   dunque,   dure   da   scalfire.   E s e m p i o   n e   è   l ’ i n t e r r u z i o n e   dell’abitudine   al   fumo.   Le   dimensioni     dell’epidemia   legata   al   consumo   di   tabacco   nel   mondo   sono   ben   note.   Prevenirne   l’assunzione   tra   gli   adolescenZ   è   un   punto   chiave   in   ogni   programma,   considerato   che   la   gran   parte   degli   individui   inizia   a   fumare   prima  dei  20  anni.  La  scuola  rappresenta   per   esempio,   per   sua   natura,   il   luogo   dove   i   programmi   di   prevenzione   possono   raggiungere   migliaia   di   giovani   in  maniera  semplice  e  veloce.   Prevenzione   nelle   varie   fasi   della   vita,   dunque.   Ma   si   può   allora   sin   da   piccoli   auare   un   comportamento   sano   e   prevenire   le   più   comuni   patologie?   E’   n o t o   l ’ i m p o r t a n t e   n e s s o   t r a   alimentazione,   aLvità   fisica   e   il   benessere  psicofisico  dell’individuo.     Il   ruolo   della   dieta   nell’eziologia   dei   tumori,   tuavia,   rimane   un   argomento   estremamente   controverso   e   di   difficile   valutazione.   Una   forte   correlazione   è   riportata   tra   consumo   di   grassi   e   incidenza  di  mortalità  per  neoplasie  varie   come   quelle   del   colon-­‐reo,   della   mammella,  della  prostata,  dell’ovaio.  Una   vasta   leeratura   scienZfica   esiste   anche   sul  ruolo  proteLvo  di  frua  e  verdura.  E   sempre   nell’ambito   delle   abitudini  
  6. 6. pag.  5   alimentari,   il   consumo   di   alcol   rappresenta   un   faore   eziologico   determinante   nei   tumori   del   trao   aerodigesZvo   superiore,   con   un   chiaro   effeo  sinergico  con  il  fumo  di  tabacco.     Secondo   quanto   indicato   dalle   raccomandazioni   del   Fondo   Mondiale   per  la  Ricerca  sul  Cancro  (WCRF),  che  ha   prodoo  un  lavoro  di  revisione  di  tuL  gli   studi   scienZfici   effeuaZ   in   materia   di   relazione   tra   alimentazione   e   tumori,   esistono   10   faori   che   riassumono   ad   oggi   i   comportamenZ   da   auare   e   assumere   come   proprie   abitudini   per   ridurre  l’incidenza  dei  tumori.   ! 1. Tendere   ad   una   forma   fisica   magra   per  tua  la  vita.   2. P raZ ca re   aL v i tà   s p o r Z va   e   mantenersi   fisicamente   aLvi   possibilmente  tuL  i  giorni.   3. Limitare   il   consumo   di   alimenZ   ad   alto   tasso   calorico   ed   evitare   il   consumo  di  bevande  zuccherate.   4. I m p o s t a r e   l ’a l i m e n t a z i o n e   p reva l entemente   s u   ci b i   d i   provenienza   vegetale,   consumando   cereali  non  industrialmente  raffinaZ  e   legumi   in   ogni   pasto,   insieme   con   un’ampia   varietà   di   verdure   non   amidacee  e  di  frua.   5. Limitare  il  consumo  di  carni  rosse  ed   evitare   il   consumo   di   carni   conservate.   6. Limitare   il   consumo   di   bevande   alcoliche.   7. Limitare   il   consumo   di   sale   e   di   cibi   conservaZ   soo   sale.   Evitare   cibi   contaminaZ  da  muffe.   8. Assicurarsi   un   apporto   sufficiente   di   tuL  i  nutrienZ  essenziali  araverso  il   cibo.   9. Allaare   i   bambini   al   seno   per   almeno  sei  mesi.   10. Evitare  l’uso  di  tabacco.       La  prevenzione  secondaria  mira  invece  a   diagnosZcare   la   malaLa   in   una   fase   precoce,   aumentando   così   le   possibilità   di   guarigione.   Si   può   auare   araverso   due  strategie:     -­‐   La   diagnosi   tempesZva   che   comporta  una  vigile  aenzione   sui   sintomi   iniziali   della   malaLa.   -­‐   Lo  screening  di  massa  volto  alla   scoperta   della   malaLa   in   pazienZ  asintomaZci.   Il  programma  di  screening  è  un  processo   complesso   in   cui   ciascun   soggeo   della   popolazione   “bersaglio”   viene   inviato   periodicamente  ad  effeuare  test  medici   allo  scopo  di  una  maggiore  anZcipazione   diagnosZca.   !Il   test   di   screening,   per   essere   un   buon   test,  deve  essere  semplice,  non  invasivo,   accurato   ed   economico   e   deve   essere   rivolto  ad  una  patologia  che  deve  essere   causa  di  morbilità  e  mortalità  sufficienZ  a   giusZficare   rischi   e   cosZ   dell’esame   stesso.     Un   seore   relaZvamente   nuovo   è   oggi   quello  della  cosiddea  oncogeneZca,  che   si   dedica   allo   studio   della   componente   ereditaria  delle  malaLe  tumorali  con  lo   scopo  di  sviluppare  misure  prevenZve  nei   soggeL  a  rischio.  Un  esempio  per  tuL  è   il  test  geneZco  per  l’idenZficazione  delle   mutazioni   nei   geni   BRCA1   e   BRCA2   responsabili   della   maggior   parte   delle   forZ  aggregazioni  familiari  di  tumori  della   mammella.     Negli     ulZmi   anni   l’impegno   nella   p r e v e n z i o n e   è   c r e s c i u t o   esponenzialmente,   prova   ne   sono   i   programmi   di   screening   ormai   aLvi   e   gratuiZ   anche   in   Italia   che   riguardano   il   cancro   mammario,   quello   della   cervice   uterina  e  del  colon  –  reo.   Tuavia   sembra   che   le   risorse   dedicate   alla   prevenzione,   in   parZcolare   economiche,  non  siano  mai  soddisfacenZ   rispeo   ai   vantaggi   che   si   potrebbero   oenere   con   un   “impegno”   sempre   più   conZnuo  e  mirato.   Una   buona   prevenzione   determina   inoltre,   da   un   punto   di   vista   di   cosZ   a   carico  del  Sistema  Stato,  una  significaZva   diminuzione  di  intervento  successivo  per   la   cura   del   paziente   malato,   laddove   la   prevenzione   sia   in   grado   di   scoprire   o   fermare   la   malaLa   in   corso   ed   evitare   che  possa  degenerare  ulteriormente.   Il  Sistema  Sanitario  Nazionale,  pur  con  i   suoi  limiZ  e  problemi,  è  ancora  uno  dei   migliori   al   mondo   perché   garanZsce   assistenza   a   tuL.   Ma   è   obieLvamente   sovraccarico   e,   alimentare   un   regime   di   sinergia   tra   SSN   stesso   e   sistemi   assicuraZvi   privaZ   o   fondi   e   casse   di   assistenza   sanitaria   privata,   sembra   essere   l’unica   via   per   un   accesso   alla   Sanità  e  alle  cure  veloce  e  semplificato.   Dunque  prevenzione  costante  e  in  tue   le  forme:  diventa  allora  importante   cercare  di  tutelarci  anche  nella  fortunata   condizione  di  persona  sana,  una   condizione  che  merita  di  essere   salvaguardata.
  7. 7. pag.  6   I  tempi  della  sanità  pubblica  e  le  società  di   mutuo  soccorso   di  Daniela  Pastore “Mia   madre   aspea   invano   da   più   di   2   mesi  un  intervento  in  Day  hospital.  È  in   lista  con  il  foglio  di  ricovero  con  dicitura   “urgente”.   Ha   effeuato   tue   le   analisi   per   affrontare   l’intervento,   ma   fino   ad   oggi  non  abbiamo  avuto  noZzie.  Ha  una   massa  all’altezza  del  lombo  sacrale  di  cui   non   si   capisce   la   natura   che,   a   dea   di   vari  medici,  è  possibile  appurare  solo  con   un   intervento   in   loco   di   biopsia.   Mia   madre   sta   male,   ha   dolori   terribili   e,   malgrado   questo,   è   andata   più   volte   in   ospedale  a  chiedere  informazioni.  È  stata   traata   male,   nessuno   le   ha   dato   rea,   mancandole  di  rispeo  e  minando  così  la   sua  dignità  di  persona  malata.  Mi  sembra   assurdo   non   poter   avere   noZzie   nemmeno  su  quando  e  se  verrà  chiamata   visto  che  l’informazione  è  un  suo  dirio   primario.“  [XII  Rapporto  Pit  Salute  2008]   ! La   tesZmonianza   riportata   è   una   delle   molteplici   denunce   da   parte   di   ciadini   sempre   più   sbalordiZ   di   fronte   a   liste   d’aesa   infinite   e   tempi   divenuZ   inacceabili  quando  il  tema  in  quesZone   è  la  salute.     Ad   oggi,   nonostante   i   recenZ   sforzi   a d o a Z   i n   s e n s o   c o r r e L v o   e   miglioraZvo,   sono   ancora   molte   le   prestazioni   sanitarie,   siano   esse   visite   specialisZche,  intervenZ  chirurgici,  esami   diagnosZci,  la  cui  erogazione  richiede  dei   tempi  tali  da  limitarne  l’equità  di  accesso   da  parte  degli  utenZ  e,  di  conseguenza,  a   peggiorare  la  percezione  di  scarsa  qualità   del  Servizio  Sanitario.   Tue   le   prestazioni   considerate   richiedono  giorni  di  aesa  inammissibili;   anche   per   una   Visita   specialisZca,   che   rispeo   alle   altre   presenta   valori   più   bassi,   è   necessario   aendere   in   media   quasi   oo   mesi   nel   2011.   Gli   Esami   diagnosZci  si  collocano  nel  mezzo,  e  sono   gli   unici   che   registrano   nel   triennio   un   andamento   nell’aesa   pressoché   costante.   ! Per   avere   un’idea   della   situazione   italiana,   è   uZle   dare   uno   sguardo   ai   tempi   massimi   di   erogazione   delle   prestazioni   registraZ   nelle   regioni     rappresentate  nell’immagine  qui  sopra  a   destra.     ! Dai   daZ   emergono,   per   le   visite   specialisZche,   delle   situazioni   molto   differenziate  da  territorio  a  territorio  con   punte  di  aesa,  in  alcune  struure,  che   raggiungono   addiriura   256   giorni   per   una   Visita   urologica;   si   aende,   inoltre,   140  giorni  per  una  MOC  (Mineralometria   Ossea   Computerizzata)   e   fino   a   550   giorni  per  una  Mammografia.   Da   quello   che   si   evince,   la   maglia   nera   nei   ritardi   all'accesso   alle   cure   spea   al   Friuli   Venezia   Giulia,   Puglia   e  Basilicata.     I  moZvi  della  costruzione  e   dell’allungamento  delle  liste   d’aesa   sono   certamente   molteplici.  In    primo  luogo  il   progressivo  invecchiamento   della  popolazione;  a  seguire   il   conZnuo   cambiamento   della  percezione  dello  stato   di   salute   da   parte   della     popolazione,  i  cambiamenZ   delle   valutazioni   delle  
  8. 8. pag.  7   necessità   sanitarie   che   evolvono   all’aumentare    delle  conoscenze  ed  infine   la  limitatezza  delle  risorse  disponibili.   Ai   tempi   di   aesa   sempre   più   lunghi   si   aggiungono   cosZ   dei   Zcket   sempre   più   alZ,  e  spesso  più  elevaZ  del  costo  intero   della   prestazione   nel   privato.   Appare   sempre  più  una  strada  obbligata  quella  di   rivolgersi   a   professionisZ   privaZ   in   quanto   gli   unici   in   grado,   dietro   alZ   pagamenZ   e   in   tempi   più   rapidi,   di   soddisfare  le  esigenze  dei  pazienZ  che  il   SSN  non  è  in  grado  di  fare.   Una   conferma   di   quanto   deo   è   data   dalla  seguente  rappresentazione  grafica,   che   evidenzia   il   vantaggio   in   termini   di   tempo  del  rivolgersi  alle  struure  private   rispeo   a   quelle   pubbliche.   Questa   situazione   finisce   per   colpire   in   misura   maggiore   le   famiglie   con   risorse   economiche  sempre  più  ridoe  e  su  cui   viene   trasferito   l’onere   delle   cure,     a   rinviare   le   visite,   trascurando   quindi     la   propria  salute.   E’   proprio   in   considerazione   di   tale   situazione   che   le   Società   di   Mutuo   Soccorso   devono   intervenire   aiutando   i   ciadini  ad  usufruire  delle  prestazioni  di   cui   necessitano   in   tempi   molto   più   ridoL,     facendo   capo   alle   struure   private  ad  essa  convenzionate  e  non.     La   tempesZvità   è   fondamentale;   basZ   solo   pensare   alle   cure   oncologiche.   Nonostante   negli   ulZmi   quarant’anni   la   medicina  abbia  fao  grandissimi  passi  in   ava n Z   n e l l a   c u ra   d e i   t u m o r i ,   consentendo   terapie   personalizzate   che   hanno   incrementato   la   percentuale   di   sopravvivenza,   ancora   oggi   la   diagnosi   precoce  e  la  prevenzione  rappresentano   aspeL   essenziali   nel   traamento   dei   tumori.     Da  qui  la  necessità  di  intervenire  in  modo   efficiente,   grazie   ad   una   riduzione   dei   tempi,   oltre   ad   una   mag giore   informazione   e   aenzione   da   parte   di   medici  e  pazienZ.     La   “solidarietà”   per   il   mondo   della   Mutualità   è   sinonimo   di   altruismo,   di   amore  per  il  prossimo,  di  organizzazione   di  tue  quelle  azioni  che  consentono  di   fornire   un   aiuto   concreto   a   chi   ha   bisogno   e   di   intervenire   là   dove   si   registrano   delle   carenze   da   parte   dello   Stato.

×