Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online - 13

237 views

Published on

Il primo periodico di informazione dedicato completamente al mondo della salute e della sanità integrativa

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Health Online - 13

  1. 1. Il periodico di informazione sulla Sanità Integrativa HEALTH maggio/giugno 2016 - N°13 èun’infiammazionecronicaepuòcolpiretuttoilcanalealimentare: LamalattiadiCrohn.neabbiamoparlatoconilsignorFerrazza, associato di Mba, che da sette anni convive con la malattia salute innovazione sanità integrativa in evidenza La fisioterapia per combattere acidità e bruciore di stomaco Apnee notturne, un disturbo da non sottovalutare Tumori: con il Cancer-ID si valuta l’efficacia della terapia Società di mutuo soccorso: presentata la prima indagine italiana speciale “la voce di mba”
  2. 2. Presentano Diventa un associato e cambia adesso il tuo futuro, richiedi la consulenza di un promotore! www.garanziasalute.it garanziasalute@radioradio.it Il Fondo Garanzia Salute nasce nell’ottica di offrire un servizio in linea con i principi cardine cui si ispira una Società di Mutuo Soccorso, la solidarietà e la cooperazione, che riconoscono nella sanità integrativa l’unica forma di assistenza concreta e sostenibile che opera senza scopo di lucro. La volontà di diffondere il più possibile il principio di prevenzione ha spinto Mutua MBA ad affidarsi a Radio Radio, emittente radiofonica romana che sin dalla sua nascita si è caratterizzata come talk radio, ed elaborare per gli ascoltatori un’offerta di 9 sussidi: Pop, Rock, Techno e Dance dedicati agli under 65, Jazz, Classica, Blues, Country e Folk per gli over 65. La sanità d’eccellenza per le famiglie di Radio Radio!
  3. 3. Health Online periodico bimestrale di informazione sulla Sanità Integrativa Anno 3° maggio/giugno 2016 - N°13 Direttore responsabile Ing. Roberto Anzanello Comitato di redazione Alessandro Brigato Manuela Fabbretti Mariachiara Manopulo Nicoletta Mele Giulia Riganelli Fabio Vitale Redazione e produzione Fabio Vitale Direzione e Proprietà Health Italia Via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM) info@healthonline.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo senza permesso scritto del direttore editoriale. Articoli, notizie e recensioni firmati o siglati esprimono soltanto l’opinione dell’autore e comportano di conseguenza esclusivamente la sua responsabilità diretta. iscritto presso il Registro Stampa del Tribunale di Tivoli n. 2/2016 - diffusione telematica n.3/2016 - diffusione cartacea 9 maggio 2016 ImPaginazione e grafica Giulia Riganelli Tiratura 100.235 copie Visita anche il sito www.healthonline.it potrai scaricare la versione digitale di questo numero e di quelli precedenti! E se non vuoi perderti neanche una delle prossime uscite contattaci via email a info@healthonline.it e richiedi l’abbonamento gratuito alla rivista, sarà nostra premura inviarti via web ogni uscita! Per la tua pubblicità su Health Online contatta mkt@healthonline.it HEALTH
  4. 4. Ci è sembrata un’ottima idea dedicare un numero intero agli articoli apparsi sul blog “La Voce di MBA” al fine di consentire ai nostri lettori di non perdere neanche un possibile argomento di interesse od un potenziale approfondimento, quindi questo numero 13 raccoglie proprio tali articoli. Abbiamo pensato fosse interessante agire in questo modo in un tempo in cui, ancora molto spesso, si dibatte in ogni dove sui problemi dell’assistenza sanitaria, articoli di giornale, convegni, proposte più o meno scientifiche ove il dato univoco che ne esce è la necessità di applicare una soluzione strutturale che consenta allo stato di contenere il costo della spesa sanitaria nel rispetto dei limiti fissati per la spesa pubblica ed ai cittadini di ricevere comunque l’adeguata assistenza dando corso al diritto alla salute sancito dalla nostra Costituzione. Sempre più spesso si può notare che la soluzione, peraltro già in atto, di fornire assistenza sanitaria mutualizzata tramite Fondi Sanitari e Società di Mutuo Soccorso assume una significativa rilevanza nelle valutazioni politiche, economiche, gestionali ed operative. Già da più di venti anni i governanti del nostro paese hanno implementato leggi e decreti atti a consentire, agli enti che forniscono assistenza sanitaria complementare tramite il principio mutualistico, di attuare soluzioni efficaci rivolte alle aziende, ai singoli ed alle famiglie ed in questo ambito, bisogna sottolinearlo, siamo sicuramente un paese all’avanguardia. In questi anni se qualcosa è mancato è stata la capacità di comunicare chiaramente a tutti i cittadini che la sanità pubblica, per elementi puramente matematici, non sarebbe più stata in grado di assistere tutti sempre e comunque e che la soluzione complementare fornita dai Fondi Sanitari e dalle Società di Mutuo Soccorso era l’unica alternativa applicabile. D’altronde le radici della mutualità risalgono a tempi antichi ed il principio mutualistico è sempre stata l’unica forma di tutela del singolo. L’associazione ISNET, che si occupa di promozione e sviluppo delle imprese sociali, ha pensato bene di realizzare una ricerca, i cui risultati sono stati presentati l’ultimo 4 luglio, per fotografare l’importante realtà delle Società di Mutuo Soccorso ed alcuni dati, qui riportati in sintesi, sono emblematici: • nel nostro paese ci sono 509 società di mutuo soccorso attive; • il 54,5% di queste già svolge attività di tipo socio-sanitario insieme ad altre attività sociali e culturali; • il 9% di queste svolge esclusivamente attività di tipo socio- sanitario; • è previsto un incremento medio dei soci di queste ultime per il 2017 pari al 16,7%. Questi dati certificano alcuni concetti, che questa rivista specializzata ha sempre sostenuto, e cioè che: • la mutualità è un concetto insito in ogni individuo, soprattutto in un paese come l’Italia; • nel campo dell’assistenza sanitaria l’interesse verso questi enti sta notevolmente crescendo; • l’assistenza sanitaria integrativa e complementare garantita dalle Società di Mutuo Soccorso è già una realtà. Quindi bene hanno fatto i governi che si sono succeduti negli ultimi venti anni a favorire da un punto di vista legislativo e fiscale questi enti. Quindi bene hanno operato questi enti facendo crescere i propri modelli organizzativi e la propria base associativa. Quindi bene hanno fatto i cittadini che si sono rivolti a questi enti per garantire il proprio diritto alla salute. Di fatto siamo in presenza di una ulteriore significativa testimonianza che il problema della sanità pubblica può essere risolto solo dando sempre maggiore forza ai Fondi Sanitari ed alle Società di Mutuo Soccorso favorendo un percorso di tipo mutualistico garantista dell’equità sociale a soluzioni di tipo speculativo che non farebbero altro che avvantaggiare i pochi che gestiscono a scapito dei molti da assistere. Rimane però da fare qualche ulteriore passo e precisamente: • favorire la conoscenza di questo modello in modo tale che ogni cittadino ne sia informato; • favorire la diffusione di queste soluzioni di sanità integrativa in modo tale che ogni singolo individuo possa accedervi; • favorire l’efficientamento del sistema mutualistico dandogli la possibilità di applicare modelli di sviluppo evoluti. In conclusione non diamo retta a chi per interessi corporativi e/o di parte sostiene che anche altri soggetti imprenditoriali abbiano il diritto di fornire ai cittadini forme di assistenza sanitaria integrativa, non ascoltiamo chi cerca di ostacolare la diffusione del modello mutualistico richiamando regole applicate correttamente ad altri ambiti aventi origine strutturalmente differente, non facciamo caso a chi critica solo per favorire fenomeni speculativi. Andiamo dritti per la strada già disegnata e già in parte percorsa di una sanità integrativa basata su valori sociali, proseguiamo convinti verso l’obbiettivo finale di consentire ad ogni individuo di proteggere la propria salute e quella dei propri cari tramite sistemi di sanità integrativa e complementare garantiti da Fondo Sanitari e Società di Mutuo Soccorso, definiamo tutti insieme una volta per tutte che per la domanda di assistenza sanitaria integrativa dei cittadini la risposta è solo la mutualità. A cura di Roberto Anzanello editoriale La risposta è unicamente la mutualità
  5. 5. ommari 18 10 12 8 24 22 Il cancro della pelle: le cure per combattere il melanoma metastatico Prevenzione: alcol e farmaci, tutto quello che c’è da sapere Dislessia, con la stimolazione cerebrale migliora la capacità di lettura nei bambini Sudamina: l’irritante eruzione cutanea frequente nel periodo estivo Malattia di crohn: che cos’è, i sintomi, le cause e le cure Il ruolo delle società di mutuo soccorso nel nuovo welfare in evidenza 15 Una sinergia tra sanità digitale, sanità pubblica e sanità integrativa: il futuro della salute è questo 28 Apnee notturne, un disturbo da non sottovalutare
  6. 6. ommari34 Mal di testa cronico? Finalmente c’è il “vaccino” 41 50 32 36 Società di Mutuo Soccorso: presentata la prima indagine italiana Le ricette della salute Tumori: con il Cancer-id si valuta l’efficacia della terapia La fisioterapia per combattere acidità e bruciore di stomaco 44 47 Shopping e salute: quando l’acquisto diventa un disturbo ossessivo-compulsivo Parkinson: l’analisi della saliva rivela la malattia e la possibile evoluzione
  7. 7. Health tips Sapevi che... L’OCT è un esame diagnostico per immagini: ci dà informazioni sullo spessore della retina, sulla sua conformazione e sul rapporto tra i vari strati che la compongono. Le zucchine hanno proprietà anti-infiammatorie e diuretiche: aiutano a combattere i problemi di ipertensione e di infiammazione delle vie urinarie. La proteina C-reattiva (PCR) è una proteina prodotta dal fegato la cui quantità può essere misurata nel sangue; appare in concentrazioni elevate quando c’è una qualche infiammazione nell’organismo, diversamente non si trova, se non in tracce. L’anguria contiene moltissima acqua e sali minerali: è perfetta dopo l’attività sportiva per reidratare il corpo e stabilizzare la pressione. I sintomi del colpo di calore sono diversi e possono manifestarsi con più o meno intensità: nausea, mal di testa, aumento della temperatura corporea, crampi, sincopi (svenimenti) fino, nei casi più gravi, a disturbi della coscienza. È dovuto soprattutto al combinato disposto di caldo e umidità. Il calcio contenuto nei semi di chia è pari a 177 milligrammi per ogni porzione da 100 grammi, ovvero il 18% del fabbisogno giornaliero. Assicurano inoltre un elevato apporto di vitamina C, di potassio e ferro. La prevenzione prima dell’esposizione al sole è fondamentale: gli esperti consigliano di applicare uno schermo solare SPF 50 almeno 30 minuti prima dell’esposizione come buona abitudine quotidiana. Per quanto riguarda gli occhi, è importante indossare sempre gli occhiali da sole. La zucca ha grandi proprietà emollienti e lenitive e come la carota è ricca di betacarotene, utile per fissare l’abbronzatura e tenere la pelle elastica. La vitamina K interviene in numerose funzioni, dalla protezione delle ossa alla prevenzione contro la calcificazione delle arterie, dalla coagulazione del sangue alla regolazione della risposta infiammatoria. La sua funzione, quindi, è indispensabile all’interno dell’organismo.
  8. 8. 8 Sudamina: l’irritante eruzione cutanea frequente nel periodo estivo a cura di Nicoletta Mele L’estate è ormai entrata nel vivo, ma il caldo torrido di questi giorni si sta facendo sentire sempre di più, tant’è che non è facile trovare delle valide soluzioni per evitare di sudare in maniera eccessiva e permettere al nostro organismo di refrigerarsi. è ormai risaputo che le elevate temperature e l’alto tasso di umidità sono dannose per la salute. In questi giorni siamo più esposti a fonti di calore, con la conseguenza di un’eccessiva sudorazione che potrebbe dare origine ad una fastidiosissima eruzione cutanea: la sudamina o miliaria. Che cos’è? Come prevenirla e come curarla una volta che si presenta? “La miliaria o sudamina, è una reazione alla sudorazione eccessiva che crea delle occlusioni alle ghiandole sudoripare. Può presentarsi in maniera lieve e superficiale, sudamina cristallina, con la comparsa di vescicole chiare, mentre quando è più profonda si crea un fenomeno infiammatorio dell’epidermide con la presenza di papule rosse. è comunque bene ricordare che è un fenomeno frequente nel periodo estivo a causa del caldo-umido al quale siamo maggiormente esposti ed è transitorio perché si risolve in pochi giorni seguendo determinate accortezze”. Questo è quanto ha affermato a Mutua MBA la Dottoressa Patrizia Teofoli, Dirigente I livello Istituto Dermopatico dell’Immacolata, IRCCS-Roma, che nel corso dell’intervista ha anche spiegato quali possono essere i rimedi per combattere questo fastidiosissimo sfogo dell’epidermide. Dottoressa Teofoli, come riconoscere la sudamina? Può essere confusa con altra patologie? “No, la clinica è abbastanza facile e la diagnosi è chiara perché generalmente la comparsa di vescicole avviene sul tronco o sul viso, in rarissimi casi sugli arti. Chi sono i soggetti più a rischio? “Sono i bambini, perché hanno una termoregolazione più delicata e le persone affette da alcune patologie, come diabete o tiroide perché tendono a sudare di più. Ci sono anche dei farmaci, come gli antidepressivi che alterano la sudorazione e questo potrebbe provocare la comparsa della sudamina”. In che modo contrastarla e, nel caso in cui compare, permettere all’epidermide di rigenerarsi? “Ovviamente dipende dallo stadio dell’eruzione cutanea, ma in linea generale è sufficientefaredegliimpacchi con acqua fresca e amido o bicarbonato che consentono alla temperatura corporea di abbassarsi. La sudamina, quella cristallina, come già detto è una patologia cutanea transitoria, infatti tende già a regredire quando si frequentano luoghi freschi”. é possibile la prevenzione? In che modo? “è importante frequentare il più possibile ambienti freschi e indossare indumenti di fibre naturali e non sintetiche che lasciano traspirare la pelle. Per quanto concerne i bambini, è utile sempre ricordare di non coprirli troppo, soprattutto i neonati, che fanno più fatica a rigenerarsi perché hanno una superficie di evaporazione molto ridotta”. é necessario seguire un’alimentazione adeguata? “In linea di massima no, ma è meglio evitare alcuni cibi speziati, che possono alterare la sudorazione. Limitare le bibite gassate e idratarsi con acqua, mangiare più frequentemente frutta e verdura”. Mutua MBA, Società di Mutuo Soccorso sempre attenta ad informare “in tempo reale” tutti coloro che seguono l’attività divulgativa della Mutua, invita tutti gli associati a seguire con molta attenzione i consigli della dottoressa Teofoli proprio per evitare quei fastidiosissimi problemi “stagionali” della pelle e ricorda sempre che… “La salute è il primo dovere della vita”. Oscar Wilde.
  9. 9. 10 Dislessia, con la stimolazione cerebrale migliora la capacità di lettura nei bambini a cura di Mariachiara Manopulo Uno studio dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in collaborazione con la Fondazione Santa Lucia dimostra che dopo 6 settimane di trattamento non invasivo, velocità e accuratezza di lettura aumentano del 60% Ci sono novità per il trattamento della dislessia. I ricercatori di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in collaborazione con il Laboratorio di Stimolazione Cerebrale della Fondazione Santa Lucia hanno infatti sperimentato una nuova tecnica, dimostrando che con la stimolazione cerebrale non invasiva è possibile migliorare le capacità di lettura dei bambini dislessici in tempi molto ridotti. I risultati dello studio, finanziato dal ministero della Salute, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Restorative, Neurology and Neuroscience. La dislessia è un disturbo specifico della lettura, che si manifesta con una difficoltà nella decodifica del testo. è legata alla difficoltà di individuare le lettere, le sillabe e le parole. Nel nostro Paese colpisce circa il 3% dei bambini in età scolare, e ha ripercussioni sull’apprendimento, sulla sfera sociale e psicologica. Un bambino dislessico può leggere e scrivere, ma deve impiegare tutte le proprie energie. Si stanca presto, si distrae, commette errori e si sente costantemente in difficoltà. La diagnosi può essere fatta solo dopo la fine della seconda elementare, ma alcuni indicatori precoci possono essere individuati già dai 4 o 5 anni del bambino, se mostra un’inattesa difficoltà nell’apprendimento della lettura e della scrittura. Per la sperimentazione, coordinata dalla dott.ssa Deny Menghini, è stata utilizzata la tecnica di Stimolazione Transcranica a Corrente Diretta (tDCS), una tecnica non invasiva che prevede il passaggio di corrente a basso voltaggio, impiegata da tempo per la terapia dell’epilessia focale e di altri disturbi. Il trattamento, completamente indolore, avviene attraverso un dispositivo portatile, che eroga una corrente continua ad intensità molto bassa, 1 milliampere. Nell’esperimento, durato sei settimane, sono stati coinvolti 19 ragazzi dislessici, tra i 10 e i 17 anni di età, che hanno seguito un’attività di
  10. 10. Direzione operativa ed organizzazione Back Office Consulenza mirata per costituzione o restyling societario Assistenza soci dedicata ad hoc con numero verde e personale dedicato Health Service Provider con 1560 strutture sanitarie sul territorio Marketing e strategie di comunicazione ai soci Organizzazione di convegni nazionali di settore Formazione personale interno ed incaricati al contatto con i soci Social Media Strategist per una comunicazione al passo con i tempi Consulenza per compliance e policy interna Consulenza giuridica e fiscale Operation per la gestione dei regolamenti applicativi Assistenza, realizzazione piattaforme, siti web ed aree intranet Dati, studi e ricerche sul mondo della Sanità Integrativa Ansi, Associazione Nazionale Sanità Integrativa, nasce dalla volontà di alcuni primari fondi sanitari di creare non solo un’associazione di categoria “indipendente”,maancheuninterlocutorequalificato che si renda portavoce attivo tra Istituzioni, Sistema Sanitario Nazionale e Fondi Sanitari Integrativi. ANSI vuole diventare il soggetto capace di tutelare, aggregare e sostenere le diverse forme mutualistiche operanti in Italia, che garantiscono la salute di circa ¼ della popolazione italiana. “Auspichiamoilbenessereelasalutepertuttii cittadini,comedirittofondamentaledell’uomo epatrimoniosocialedellacollettività” www.sanitaintegrativa.org segreteria@sanitaintegrativa.com tipo logopedico per favorire la correttezza e la velocità di lettura. Alcuni partecipanti hanno poi effettuato alcune sedute di stimolazione elettrica cerebrale – in tutto 18, tre volte alla settimana per 20 minuti alla volta – mentre altri sono stati sottoposti ad un trattamento “placebo”, cioè con il dispositivo spento. Né i bambini né i ricercatori erano a conoscenza di chi fosse stato sottoposto al trattamento attivo o placebo. Nei bambini sottoposti alla procedura attiva c’è stato un miglioramento del 60% nella velocità e nell’accuratezza di lettura, con un passaggio da 0,5 a 0,8 sillabe lette al secondo. Può sembrare poco, ma non lo è: 0,3 sillabe di miglioramento al secondo è quanto di solito un bambino dislessico ottiene spontaneamente in un anno intero. Il miglioramento è rimasto stabile anche dopo un mese dall’ultima seduta e nei prossimi mesi ne sarà verificata l’efficacia a lungo termine. I bambini sottoposti al trattamento “finto” non hanno invece mostrato un miglioramento significativo (incremento di circa 0,04 sillabe al secondo). Come ha sottolineato Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria Infantile del Bambino Gesù, “si tratta di uno studio preliminare i cui dati attendono di essere supportati da indagini su casistiche ancora più ampie, ma i risultati ottenuti in questa prima fase sono di grande importanza dal punto di vista clinico”. “Questa ricerca può aprire la strada a nuove prospettive di riabilitazione della dislessia, con una sostanziale riduzione dei tempi, dei costi della terapia e del disagio per le famiglie nel dover sostenere lunghi percorsi di cura e di ridotta efficacia documentata. La tDCS non vuole sostituirsi, ma integrare la terapia logopedica tradizionale, tanto che i nostri risultati dimostrano la sua particolare efficacia in combinazione con la terapia tradizionale”. Per Giacomo Stella, fondatore dell’Associazione Italiana Dislessia (AID) e professore ordinario di Psicologia Clinica all’Università di Modena e Reggio Emilia, “i risultati confermano quanto evidenziato anche dalle nostre ricerche. Alcuni dislessici presentano in alcune aree della corteccia una bassa connettività neuronale, anche a riposo, come se fosse un motore mal carburato che gira male al minimo e che non risponde quindi con la dovuta prontezza alle sollecitazioni quando c’è bisogno di accelerare (in questo caso alla richiesta di attività posta dalla lettura). La tDCS interviene proprio su questo meccanismo inefficiente e quindi può essere molto utile al recupero. Naturalmente è importante ricordare che, come ogni terapia, non va applicata a tutti e che vanno ancora studiati bene gli effetti a distanza”. Questo è un esempio di come la ricerca scientifica sta facendo importanti passi avanti per contrastare e prevenire questi disturbi.
  11. 11. 12 Prevenzione: alcol e farmaci, tutto quello che c’è da sapere a cura di Nicoletta Mele Associare alcol e farmaci può essere molto pericoloso, perché modifica l’efficacia dei farmaci stessi con effetti talvolta imprevedibili. Prevenire è meglio che curare e spetta a noi, attraverso il buon senso, attuare le giuste misure preventive per evitare di mettere a serio rischio il benessere del nostro organismo. “Alcol e farmaci, un cocktail pericoloso” è stato lo slogan dell’ultima campagna di prevenzione alcologica dell’Azienda Usl di Modena, che quest’anno ha avuto l’obiettivo di informare la popolazione sui gravi rischi per la salute connessi all’utilizzo di sostanze alcoliche associate ai farmaci. Diverse sono state le iniziative messe in campo per tutto il mese di aprile, tradizionalmente legato alla prevenzione alcologica, questa volta incentrato sul tema “Alcol e farmaci”. Dopo il fumo e l’ipertensione, in Europa, l’alcol può essere considerato il terzo fattore di rischio di malattie e morte prematura. Stando ai dati, il consumo dei medicinali in Italia negli ultimi anni ha subito un costante aumento. Nel 2014 sono state dispensate oltre un miliardo di confezioni di medicinali, corrispondenti a 18.7 confezioni per ogni abitante e sono state consumate, in media, 1039 dosi di farmaco al giorno per ogni mille abitanti, contro le 763 registrate nel 2004. Un incremento del 36%. Il 75% di questi farmaci è stato erogato dal Servizio Sanitario Nazionale. In generale, le donne consumano più farmaci degli uomini, in particolare nella fascia di età 15-64 anni con una differenza tra i due sessi del 9%. I medicinali più utilizzati sono quelli per il sistema cardiovascolare seguiti dai farmaci del sangue e da quelli dell’apparato gastrointestinale (i dati sono dell’Osservatorio Nazionale sull’impiego dei medicinali). Per quanto concerne invece il consumo di alcol, a livello nazionale,nel2014il63%dellapopolazioneitalianaconpiùdi11 anni ha consumato almeno una bevanda alcolica nell’ultimo anno e i consumatori giornalieri di bevande alcoliche sono invece il 22%. Secondo i dati Istat del 2015, i comportamenti “a rischio” riguardano attualmente circa 8 milioni e 265 mila persone, pari al 15,2% della popolazione nazionale. “Quando assumi farmaci di qualsiasi tipo, consumare alcol anche in piccole quantità è sempre un rischio per la tua salute” questo è stato uno dei messaggi della campagna 2016 di prevenzione alcologica dell’Azienda Usl di Modena. L’iniziativa, è stata sostenuta dalla Conferenza territoriale socialeesanitaria(Ctss)erealizzatainsiemeanumerosipartner. Mutua Mba, società di mutuo soccorso, da sempre impegnata nel panorama della Sanità Integrativa, per saperne di più ha intervistato il dott. Claudio Annovi, Responsabile Unità Operativa Dipendenze Patologiche Area Sud Ausl Modena, nonché responsabile del progetto. Dott. Annovi, in Europa l’alcol può essere considerato il terzo fattore di rischio di malattie e morte prematura, insieme ai farmaci può provocare dei seri danni per la nostra salute. Quali sono i maggiori rischi? “Nella nostra società l’alcol fa parte della cultura e della vita quotidiana: il consumo di bevande alcoliche è molto diffuso. Chi assume alcol, anche in piccole quantità, nel corso di una qualsiasi terapia farmacologica, è esposto a seri rischi per la salute perché può modificare le proprietà dei medicinali e di conseguenza le performance del paziente, con un aumento di incidenti sul lavoro, in casa e in strada. Se una persona è portatrice di una malattia cronica, il consumo di alcol può produrre delle possibili riduzioni dell’effetto del farmaco. I farmaci, inoltre, possono rallentare l’eliminazione dell’alcol dal corpo, aumentando di conseguenza gli effetti collaterali come vampate di calore, cefalea, nausea, palpitazioni e ipotensione. è importante adottare delle misure di prevenzione per evitare i rischi aggiunti legati al consumo associato di alcol con farmaci”. Il consumo di alcol è maggiormente diffuso tra i giovani, l’identikit, stando agli ultimi dati nazionali, è maschio di età compresa tra i 18 e i 24 anni, conferma? “Per quanto riguarda questa categoria il rischio è elevato perché i giovani seguono il fenomeno del “binge drinking” ovvero bere tanto in poco tempo (almeno 5 unità alcoliche o bicchieri di bevande alcoliche in massimo due ore), con conseguenze importanti per la salute e la sicurezza”.
  12. 12. 13 Lei è il responsabile del progetto “Alcol e farmaci, un cocktail pericoloso”, che si è concluso da poco. Da cosa nasce l’idea di mettere in campo una campagna di informazione e sensibilizzazione? “Nasce dalla necessità di informare l’opinione pubblica, di qualunque età, a prestare attenzione al consumo di alcol. Il mese di aprile è dedicato alla prevenzione alcologica e ogni anno, dal 2002, attuiamo interventi grazie alle nostre campagne informative. Dopo aver affrontato tanti temi, quest’anno abbiamo voluto evidenziare quello inerente ai rischi che si possono verificare assumendo insieme alcol e farmaci. è un tema che meritava di essere approfondito perché riguarda una moltitudine di persone. Obiettivo della campagna 2016 è stato modificare i comportamenti legati al consumo di alcol associato all’assunzione dei farmaci”. Come sono stati i risultati raggiunti? “Eccellenti, oltre le aspettative con delle risposte da parte degli utenti più che positive. Un traguardo che abbiamo raggiunto grazie anche al coinvolgimento dei farmacisti e degli operatori sanitari che hanno offerto servizi ai cittadini. Siamo riusciti anche a interessare pazienti affetti da patologie croniche, come i diabetici che, usufruendo delle iniziative, sono stati informati del rapporto tra i loro farmaci e il consumo di alcol”. Quali sono i suoi consigli? “Le raccomandazioni sono quelle di prestare attenzione perché l’alcol è considerato una bevanda che presenta fattori di rischio: più il consumo viene incrementato tanto più il rischio aumenta. Le conseguenze per la salute aumentano ancor di più se è associato ad altre sostanze che agiscono sul sistema nervoso centrale. Chi segue terapie farmacologiche per breve o lungo tempo deve limitare il consumo di alcol che va assunto lontano dall’assunzione dei farmaci”. Come ha spiegato il dott. Annovi, associare alcol e farmaci può essere altamente pericoloso perché modifica l’efficaciadeifarmacistessiconeffettitalvoltaimprevedibili. Prevenire è meglio che curare e spetta a noi attraverso il buon senso attuare le giuste misure preventive per evitare di mettere a serio rischio il benessere del nostro organismo. 13
  13. 13. L’allestimento museale è stato progettato per offrire al visitatore un quadro completo ed esaustivo sulla storia delle società di mutuo soccorso. Il percorso si apre con dei pannelli informativi che raccontano, in una sequenza cronologica, il fenomeno del mutualismo e continua con delle grandi teche espositive in cui è racchiusa una notevole varietà di materiale documentario, nonché un ragguardevole insieme di medaglie, spille, distintivi ed alcuni cimeli di notevole rarità, riconducibilli ad oltre duecentro tra enti e società di mutuo soccorso, con sedi in Italia e all’estero. All’interno del museo è presente uno spazio multifunzionale nel quale coesistono un archivio storico, una biblioteca e un centro studi. Inoltre, è stato riservato uno spazio per ospitare ogni forma d’arte: mostre, concerti di musica e rappresentazioni teatrali. Previa prenotazione, ogni artista potrà esporre o esibirsi gratuitamente all’interno dello spazio dedicato. Il Museo del Mutuo Soccorso, nato dalla volontà di valorizzare la storia delle società di mutuo soccorso, si prefigge di salvaguardare e rendere fruibile al pubblico i beni attualmente in dotazione e di promuovere la conoscenza e la ricerca sul tema della mutualità. Visitando il museo si ha la possibilità di conoscere da vicino le società di mutuo soccorso, le loro tradizioni e l’importanza sociale che hanno ricoperto nelle varie vicende storiche del nostro Paese. La struttura accoglie i visitatori anche con visite guidate e per le scuole sono pensati percorsi e laboratori didattici tematici. Sono, inoltre, previste aperture straordinarie nelle quali sarà possibile visitare le mostre in corso, assistere agli spettacoli e partecipare ad eventi e attività didattiche Apertura: Dal lunedì al venerdì previa prenotazione 11.00 - 13.00 | 15.00 - 18.00 Ultimo ingresso 17.30 (ingresso libero) Info e prenotazioni: +39 337 1590905 info@fondazionebasis.org www.museomutuosoccorso.it Indirizzo: Palasalute via di Santa Cornelia, 9 00060 - Formello (RM)
  14. 14. 15 Meno giorni in ospedale, cura dei pazienti da remoto, monitoraggio continuo, analisi delle cartelle cliniche dei pazienti: benvenuta sanità digitale. Ma serve anche il contributo della sanità integrativa. Telemedicina: è una parola che fa pensare al futuro, a servizi veloci, efficienti, ad una connessione in tempo reale tra medico e paziente. In effetti è proprio così. Per definizione, la Telemedicina è una modalità di erogazione di servizi di assistenza sanitaria, attraverso tecnologie innovative, in particolare Information and Communication Technologies (ICT), in situazioni in cui il professionista della salute e il paziente (o due professionisti) non si trovano nella stessa località. Consente sia di trovare nuove risposte ai problemi tradizionali della medicina, sia di creare nuove opportunità per il miglioramento del servizio sanitario, grazie ad una maggiore collaborazione tra i vari professionisti sanitari coinvolti e i pazienti. È nata proprio per rispondere a cura di Andrea Mazzola Una sinergia tra sanità digitale, sanità pubblica e sanità integrativa: il futuro della salute è questo ai crescenti bisogni di salute della popolazione che, con l’aumento dell’aspettativa di vita e di conseguenza con una quota sempre maggiore di anziani e di affetti da patologie croniche, necessita di una rete di servizi e di assistenza sempre più efficiente e capillare. L’innovazione tecnologica può e deve contribuire a una riorganizzazione della assistenza sanitaria, anche spostandone il fulcro dalle strutture al territorio, proponendo modelli innovativi incentrati sul cittadino e facilitando l’accesso alle prestazioni. Ecco perché l’erogazione di prestazioni sanitarie e socio sanitarie tramite telemedicina sono fondamentali: contribuiscono ad assicurare equità nell’accesso all’assistenza, anche nei territori più isolati e difficili da raggiungere, offrono un supporto per gestire le emergenze e garantiscono la continuità delle cure. Non trascuriamo poi il lato economico: la razionalizzazione dei processi 15
  15. 15. 16 socio-sanitari può portare ad un contenimento della spesa sanitaria. La Telemedicina può infatti anche essere di supporto alla dimissione protetta ospedaliera, alla riduzione delle ospedalizzazioni dei malati cronici, al minor ricorso ai ricoveri in casa di cura e di riposo degli anziani, alla riduzione della mobilità dei pazienti alla ricerca di cure migliori. Il panorama dell’e-health è molto vario. Ma in concreto parliamo soprattutto di m-health (mobile health) e tecno-assistenza, cioè di tecnologie che consentono il monitoraggio e il controllo a distanza dei pazienti, permettendo anche agli anziani e ai malati cronici di rimanere a vivere nelle loro case, anche da soli: programmi che ricordano quali sono le compresse da prendere, sensori che misurano la glicemia, software che fanno check up continui e danno l’allarme se c’è qualcosa che non va. In molti paesi Europei la Telemedicina è molto diffusa, spesso sostenuta da interventi normativi, da documenti strategici, da progetti a livello nazionale. Il nostro Paese ha assunto diverse iniziative, che però spesso sono rimasti progetti, sperimentazioni, limitate a pochi casi e terminate troppo in fretta. Nel 2012, il ministero della Salute ha pubblicato le Linee Guida sulla Telemedicina: un passo avanti, ma ancora c’è molto da fare per incentivare l’utilizzo delle nuove tecnologie nel mondo sanitario italiano. Sono ancora pochi gli italiani che si affidano al teleconsulto che, secondo i più tenaci sostenitori della Telemedicina, permetterebbe ai pazienti di risparmiare tempo, limitando il numero delle visite a quelle davvero necessarie. Secondo i dati dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano, diffusi recentemente, solo il 14% delle strutture sanitarie italiane offre questi servizi. In alcune realtà la telemedicina è ormai consolidata, come all’ospedale Maria Vittoria di Torino, dove sono seguiti e monitorati a distanza 350 persone; a 52 di loro l’anno scorso è stato impiantato un dispositivo sotto la pelle del torace, che monitora il ritmo cardiaco per riconoscere la presenza di fibrillazione atriale, spesso causa di ictus cerebrale ischemico. Soprattutto, i cittadini utilizzano le nuove tecnologie per cercare informazioni sui medici e sulle strutture sanitarie, prenotare prestazioni, consultare i proprio documenti clinici. E che dire di tutte le app disponibili per i nostri smartphone, dedicate alla salute e al benessere? Ce ne sono circa 165.000, ma il loro numero aumenta di giorno in giorno. È vero che spesso non sono applicazioni professionali, ma questi grandi numeri fanno capire l’enorme potenziale che c’è dietro alla “salute digitale”. E poi ancora, cartelle digitali cliniche, su cui ad esempio gli Stati Uniti stanno puntando moltissimo: il presidente Obama ha fatto grandi investimenti sulla digitalizzazione dei dati di milioni di pazienti americani. Le potenzialità sono enormi: l’analisi di tutti i dati può aiutare la ricerca, contribuendo a identificare nuove patologie e di conseguenza a trovare nuove cure. Come Mutua MBA, siamo attenti da sempre a tutto ciò che è innovazione. La nostra mission è portare la salute nelle case dei nostri associati, e rispondere ai loro crescenti bisogni di cure e di assistenza, garantendo un veloce e corretto accesso alla diagnosi e alle informazioni. Le nuove tecnologie possono giocare un ruolo fondamentale per aiutare il cittadino ad esercitare il diritto alla salute. Ripensare in digitale tutto il sistema socio-sanitario vuol dire puntare su servizi più efficienti, su nuovi modelli di assistenza vicini al malato, e su risparmi di lungo periodo; allo stesso tempo, significa investire in un settore in grande crescita, importantissimo per lo sviluppo economico del nostro Paese. La rivoluzione è alle porte, e anche l’Italia piano piano si sta adeguando, ma deve fare di più. Il Servizio Sanitario Nazionale, però, in questi anni ha dimostrato tutte le sue pecche, lacune, inefficienze. Sono sempre di più i cittadini che pagano di tasca propria le prestazioni che lo Stato non riesce più a garantire. E come se non bastasse, l’amministrazione pubblica si sta dimostrando anche in questo campo restia ai cambiamenti. Per questo la sanità integrativa, il cosiddetto secondo pilastro, rappresenta una opportunità e una risorsa straordinaria: può affiancare e integrare il Servizio Sanitario Nazionale, garantendo omogeneità delle cure e attenuando così le disuguaglianze nell’assistenza che esistono nel nostro Paese tra le varie regioni, o più semplicemente tra Nord e Sud. E soprattutto, può aiutare la Telemedicina a rompere quelle barriere, quei vincoli ancora imposti da una visione “tradizionale” del sistema sanitario. Sanità pubblica e sanità integrativa potrebbero e dovrebbero quindi lavorare insieme per diffondere sempre di più il concetto di sanità digitale, per creare modelli di assistenza e cura innovativi, meno costosi e più efficienti.
  16. 16. Scegliere ITALIA
  17. 17. 18 a cura di Nicoletta MeleIl cancro della pelle: le cure per combattere il melanoma metastatico Il cancro è una brutta malattia che colpisce, purtroppo, tante, troppe persone. Solo pronunciare la parola “tumore” fa salire i brividi. Le neoplasie sono ancora la seconda causa di morte, il 30% dei decessi, dopo le malattie cardiovascolari. Oggi però grazie alla ricerca, all’informazione e ad una maggiore partecipazione alle campagne di screening, che permettono di individuare la malattia in tempo, la situazione sta migliorando per sconfiggere questo male subdolo. Secondo la recente pubblicazione dell’Associazione Italiana registro dei tumori (AIRTUM), ogni anno in Italia si scoprono 366.000 casi di nuovi tumori, esclusi quelli della pelle, circa 196.000 (54%) fra gli uomini e circa 169.000 (46%) fra le donne. Se si analizza l’incidenza di questo male, facendo una differenziazione per sesso, si evince che i cinque tumori più frequentemente diagnosticati fra gli uomini sono il tumore della prostata (20%), il tumore del polmone (15%), il tumore del colon-retto (14%), il tumore della vescica (10%) e quello dello stomaco (5%); tra le donne, il tumore della mammella (29%), il tumore del colon-retto (14%), il tumore del polmone (6%), il tumore del corpo dell’utero (5%) e quello della tiroide (5%). Dal punto di vista territoriale e a paragone con il resto del mondo, il nostro Paese ha una frequenza di neoplasie sia per gli uomini sia per le donne simile o anche più elevata rispetto ai Paesi Nord-europei e agli Stati Uniti. Negli ultimi anni le percentuali di guarigione sono migliorate e fanno ben sperare, il 63% delle donne e il 55% degli uomini è vivo a cinque anni dalla diagnosi, grazie appunto alle nuove frontiere scientifiche e alla maggiore efficacia delle terapie.
  18. 18. 19 Discorso a parte per i tumori della pelle: i melanomi. Il melanoma metastatico ogni anno colpisce quasi 200 mila persone in tutto il mondo e più di 7 mila italiani, con un incremento dell’incidenza del 30% negli ultimi 10 anni e con una media di sopravvivenza per la malattia metastatica di 6-9 mesi. Dall’indagine “Gli italiani, l’ossessione abbronzatura e il melanoma” emerge che più del 20% della popolazione non conosce il melanoma o lo confonde con altre malattie della pelle e il 64% non ha mai fatto il controllo dei nei. Le abitudini sbagliate sono tra le cause che possono far insorgere il tumore: 1 italiano su 3 si spaventa quando vede l’insorgere di un nuovo neo, ma non rinuncia all’esposizione solare prolungata e in orari sbagliati; 3 persone su 4 sottovalutano la pericolosità delle lampade abbronzanti che, secondo gli esperti, fanno gli stessi danni del fumo delle sigarette per il tumore al polmone. Negli ultimi anni la terapia del melanoma metastatico ha fatto passi avanti con la diminuzione del rischio del decesso sceso al 63%. Con la ricerca è stato scoperto un nuovo farmaco, ad opera di un gruppo internazionale, all’interno del quale un team di ricercatori, guidato dal professor Alberto Bardelli, Direttore del Laboratorio di Genetica Molecolare dell’Istituto di Candiolo e Federico Bussolino, DirettorescientificodellaFondazione piemontese per la ricerca sul cancro onlus, ha assunto un ruolo di primaria importanza. Originariamente con la sigla PLX472O per identificare il principio attivo e da un paio di anni disponibile in commercio in Italia con il nome Vemurafenib e con il nome Zelboraf, questo farmaco combatte il tumore della pelle, non solo bloccando la crescita della cellula tumorale, ma aggredendo anche il micro-ambiente che la circonda. Noi di Mba, abbiamo contattato il professor Alberto Bardelli che ci ha spiegato come nasce e le caratteristiche del farmaco. Come nasce la scoperta del farmaco PLX472O? Oggetto dello studio è stata la mutazione dell’oncogene BRAF? “Sì, la scoperta nasce da un gran lavoro di squadra iniziato diversi anni fa. Il farmaco, non solo blocca la crescita della cellula tumorale, ma agisce anche sul sistema vascolare del tumore. È in grado di agire in modo specifico sulla mutazione del gene BRAF e inibisce la proteina mutata, che è responsabile della proliferazione cellulare nel 50% dei casi di melanoma metastatico. È indicato per i pazienti dove i geni delle cellule del tumore mostrano una mutazione del BRAF, la proteina che partecipa alla stimolazione della divisione cellulare.” Professor Bardelli, il farmaco è rivolto a determinati tipi di cancro? “Principalmente per i melanomi, ma la mutazione del gene BRAF è importante anche per i tumori del colon, della tiroide e dell’ovaio”. Quasi il 70% dei tumori potrebbe, infatti, essere prevenuto o diagnosticato in tempo, se tutti adottassero stili di vita corretti e aderissero ai protocolli di screening e di diagnosi precoce. Per il Prof. Bardelli alcune forme tumorali, come quello all’intestino e alla mammella, potrebbero essere prevenuti con una buona prevenzione di screening. La sigla PLX472O, è un’altra conquista del mondo della ricerca per la lotta contro il cancro. Professor Bardelli, qual è il suo messaggio? “Che la scienza di oggi sia la medicina di domani, in questo la ricerca è fondamentale. Bisogna sempre essere ottimisti e l’ho imparato negli anni che mi hanno visto impegnato sia nel nostro Paese che all’estero.” Mba, dopo aver ascoltato la voce della ricerca, grazie all’AIRC è riuscita a intervistare il Prof. Michele Maio, Direttore del reparto di Immunoterapia Oncologica del Policlinico Santa Maria alla Scotte di Siena, considerato tra i migliori al mondo nello studio dei tumori, il quale ha spiegato quali sono stati gli effetti del farmaco Zelboraf/Vemurafenib a distanza di due anni dalla presentazione e commercializzazione del prodotto. Secondo quanto riportato da ARTOI, Associazione Ricerca Terapie Oncologiche Integrate, è stato constatato che il rischio di decesso è diminuito del 63% per le persone a cui è stato somministrato Zelboraf -vemurafenib. Inoltre, Zelboraf ha ridotto in modo significativo, fino al 9%, il rischio di peggioramento della malattia. I risultati sono estremamente incoraggianti, in quanto hanno dimostrato un miglioramento significativo sia della sopravvivenza complessiva sia della sopravvivenza libera da progressione rispetto ai pazienti che hanno ricevuto la terapia con dacarbazina. Professor Maio, che ne pensa di questi dati? Può raccontare la sua esperienza da quanto cura pazienti con questo farmaco? “Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti negli ultimi anni, ma vogliamo di più. Zelboraf, per il trattamento del melanoma
  19. 19. 20 avanzato positivo alla mutazione di BRAF, che è presente in poco meno del 50% dei malati, ha la caratteristica di bloccare, già in poche settimane, il diffondersi ed il progredire della malattia in una percentuale molto alta di ammalati. Per il trattamento della malattia avanzata, Zelboraf -Vemurafenib si sostituisce completamente alla chemioterapia tradizionale perché, rispetto ad essa, ha dimostrato di incrementare significativamente non solo la percentuale di pazienti in cui la malattia si arresta o regredisce, ma anche la sopravvivenza complessiva dei pazienti affetti da melanoma. Abbiamo quindi speranza, come già dimostrato per l’immunoterapia che rende sopravviventi oltre i 5 anni almeno il 20% dei pazienti trattati con questa strategia innovativa, che si possa rendere lungo-sopravviventi anche i soggetti affetti da melanoma trattati con Zelboraf-Vemurafenib. Circa il 40% dei pazienti affetti da melanoma metastatico che vediamo presso il nostro Centro di Siena viene trattato con questo farmaco.” Zelboraf -Vemurafenib, è in grado di agire rapidamente anche in presenza di un volume tumorale importante? “Sì, proprio per la sua capacità di agire molto velocemente nel controllare la malattia, anche in poche settimane in alcuni casi, rappresenta il trattamento ideale da utilizzare quando il melanoma avanza molto rapidamente ed il paziente è sintomatico”. La somministrazione ha una tempistica? E quali sono gli effetti collaterali? “Al contrario della chemioterapia, può essere utilizzato per periodi lunghi e senza interruzione. Dal punto di vista sia psicologico che pratico, ha il vantaggio di essere un farmaco in compresse che non necessita, quindi, di frequenti terapie endovenose come accade per molti farmaci chemioterapici convenzionali. Il farmaco è in genere abbastanza ben tollerato, ci sono alcuni effetti collaterali, quali ad esempio la fotosensibilizzazione, per cui i pazienti devono evitare esposizioni anche brevi alla luce solare diretta, eruzioni cutanee e, molto più raramente, l’insorgenza di nuovi melanomi primitivi o di altri tumori cutanei. Proprio per questo, è buona norma che i pazienti che assumono il farmaco siano seguiti in modo sistematico anche da un dermatologo”. Qual è la reazione del paziente? “Grazie all’informazione, in molti casi i pazienti arrivano al nostro Centro consapevoli di essere in una struttura all’avanguardia in cui sono disponibili sperimentazioni cliniche con nuovi farmaci, potenzialmente più efficaci di quelli già in commercio, non solo nel melanoma ma anche in molti altri tipi di tumori solidi”. Grazie alla ricerca e alla prevenzione, con maggiori campagne di screening si sta riuscendo a sconfiggere questo brutto male? “La prevenzione è importante e deve essere fatta anche attraverso un corretto stile di vita, ma l’altro aspetto fondamentale è avere a disposizione farmaci che ci consentano un trattamento sempre più efficace quando la malattia non è più aggredibile con la sola chirurgia. Questo può avvenire esclusivamente attraverso la ricerca, che ci fornisce sempre una maggiore frequenza tali strumenti. Siamo peraltro orgogliosi che l’Italia abbia partecipato molto attivamente alle sperimentazioni cliniche internazionali su questo farmaco, ma anche su molti altri che abbiamo oggi disponibili per i nostri pazienti oncologici. Nel nostro Centro di Siena abbiamo ogni anno circa 300 nuovi pazienti con diagnosi da melanoma e ci sono in atto sperimentazioni, tutte italiane, che ci permetteranno di raggiungere nuovi traguardi, con particolare riguardo all’aumento dei pazienti che diventano lungo-sopravviventi e con una qualità di vita molto buona”. Vemurafenib sta dando grandi risultati grazie appunto ad un’altra conquista del mondo della ricerca per la lotta contro il cancro, che ha visto l’Italia parte attiva della scoperta. Lo scorso anno in nostro Paese ha anche aderito al Piano di Azione Globale contro le malattie croniche dell’OMS che ha, tra gli altri obiettivi, quello di ridurre del 25% il tasso di mortalità precoce dovuta a tumori, diabete, malattie cardiovascolari e respiratorie croniche. Mutua MBA, ricorda inoltre che ogni anno, il 4 febbraio si celebra la giornata alla lotta contro il cancro organizzata dalla UNION INTERNATIONAL CANCER CONTROL, con l’obiettivo di focalizzare gli interventi necessari per prevenire, curare e gestire le neoplasie. Per il trattamento della malattia avanzata, Zelboraf -Vemurafenib si sostituisce completamente alla chemioterapia tradizionale perché, rispetto ad essa, ha dimostrato di incrementare significativamente non solo la percentuale di pazienti in cui la malattia si arresta o regredisce, ma anche la sopravvivenza complessiva dei pazienti affetti da melanoma
  20. 20. 21 La Selvotta Suite è un’elegante Guest House nel cuore del Parco di Vejo, a pochi chilometri dallo storico comune di Formello ed a soli 17 Km a nord della città di Roma. La bellezza del bosco di querce e la vicinanza al Parco della Selvotta rendono questa location unica nel suo genere, offrendo un’oasi di pace per varie specie di animali la cui compagnia sorprenderà piacevolmente i propri ospiti. La camere, curate nei dettagli in forme e colori,dispongonotuttediserviziprivaticon doccia, asciugacapelli, TV, riscaldamento autonomo, aria condizionata, frigobar, cassaforte e Wi-Fi free. Su richiesta inoltre, è possibile usufruire del servizio lavanderia. www.laselvottasuite.it | info@laselvottasuite.it Via della Selvotta, 23 | 00060 | Formello (RM)
  21. 21. 22 a cura di Mariachiara ManopuloIl ruolo delle società di mutuo soccorso nel nuovo welfare Lunghe liste d’attesa e ticket cari, gli italiani non si curano più, dal Censis arriva l’ennesima conferma che il SSN non riesce a soddisfare la sempre crescente domanda di salute degli italiani: le società di mutuo soccorso possono essere una risposta. I dati dell’ultima ricerca del Censis sullo stato della sanità in Italia, presentata lo scorso 8 giugno, non fanno altro che confermare quello che già è chiaro ormai da tempo: la crisi del Servizio Sanitario Nazionale. Forse anche per i continui tagli, la qualità e l’efficacia della sanità pubblica peggiora di giorno in giorno, e sta progressivamente diventando inadeguata da tutti i punti di vista: strutture, assistenza, tempi di attesa. I ticket, poi, oramai sono arrivati ad essere equiparabili con le tariffe del privato. Tutto questo si accompagna ad un’ascesa della sanità privata, oltre che ad una quota sempre più vasta di cittadini che, non avendo una disponibilità economica adeguata, rinunciano o rinviano le visite o le terapie. E ciò avviene in un Paese sempre più anziano, in cui la domanda di assistenza e di sanità cresce sempre più. Ma lo Stato, da solo, non è in grado di rispondere. In questo quadro, cresce la legittimazione sociale della sanità integrativa, sempre più considerata come un’opportunità, utile per colmare le lacune del servizio pubblico e per rispondere alla domanda di salute dei cittadini. Veniamo ai dati del Censis: per la maggioranza degli italiani il Servizio sanitario della propria regione è peggiorato negli ultimi due anni (lo pensa il 45,1% degli italiani, +2,4% rispetto al 2015). Nelle regioni del Sud Italia il peggioramento riguarda strutture e servizi che erano già consideratiscarsieinadeguatirispettoaifabbisognisanitari locali. Sono 10,2 milioni gli italiani che dichiarano di aver fatto ricorso al privato negli ultimi anni. Il motivo principale è la lunghezza delle liste di attesa, in certi posti davvero insostenibile, ma ci sono anche ragioni più di comodità, legate agli orari lunghi o all’apertura nel weekend o alla contrazione della matrice di prestazioni offerte nel servizio sanitario pubblico. Liste di attesa lunghissime hanno spinto 7 milioni di italiani in un anno a fare ricorso all’intramoenia. A volte (22,9%) è stato proprio il medico a consigliare la sanità a pagamento all’interno delle strutture pubbliche. Per usufruire del sistema sanitario pubblico devi aspettare tanto, troppo. E una volta ottenuto il tanto desiderato e atteso appuntamento, si affrontano costi che non sono molto lontani da quello proposti dal privato. Ma il dato che più di tutti colpisce ancora è che continua ad aumentare il numero di italiani che rinuncia o rinvia cure o prestazioni sanitarie: nel 2012 erano 9 milioni, ora sono oltre 11. Anziani ma anche giovani, nati tra gli anni ’80 e il 2000. Quindi: meno sanità pubblica, più sanità privata, ma anche meno sanità – e meno salute – per chi ha difficoltà economiche. La spesa sanitaria privata nel 2015 è salita a 34,5 miliardi di euro, con un aumento reale di +3,2% rispetto al 2013: un vero e proprio boom. Tra il 2012 e il 2016, la sanità pubblica ha perso 6,79 miliardi di euro. E il futuro non fa ben sperare: il Def per il 2016 prevede una progressiva diminuzione della quota di Pil destinata al finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale, portando a servizi più cari e di minore qualità. Qui si inserisce la sanità integrativa. Secondo il Censis, il 57,1% degli italiani è a favore del cosiddetto “secondo pilastro”, e sono 26,5 milioni gli italiani che si dicono propensi ad aderirvi. Se utilizzassero risorse annuali pari alla spesa sanitaria privata procapite potrebbero mettere in moto risorse pari a 15 miliardi di euro l’anno. Grazie al meccanismo della mutualità, con le stesse risorse si potrebbero acquistare quantità più elevate di prestazioni rispetto a quanto si fa oggi sui mercati molecolari privati. Sta quindi crescendo l’attenzione per la sanità integrativa. All’interno del settore, le società di mutuo soccorso devono giocare un ruolo di primissimo piano. Si potrà pensare: perché una società di mutuo soccorso e non una assicurazione? Innanzitutto, le mutue, a differenza delle assicurazioni, non hanno scopo di lucro, regolamentate dalla normativa che si fonda sulla legge del 15 Aprile 1886 n. 3818, e offrono agli associati diversi vantaggi: in primis, non fanno discriminazione alle persone assistite; in secondo luogo, non esercitano il diritto di recesso, garantendo così l’assistenza per
  22. 22. 23 tutta la vita. Il perseguimento dell’interesse generale, la centralità del socio, il rispetto della dignità umana, la durata dell’assistenza per tutta la vita, la partecipazione e la trasparenza, la difesa del diritto alla salute, garantito dalla Costituzione, attraverso l’integrazione con il servizio pubblico e la collaborazione con le istituzioni, sono alcuni dei principi su cui si regge ogni società di mutuo soccorso, che ha come obiettivo principale garantire una buona qualità di vita e una buona salute ai cittadini. La più grande società di mutuo soccorso per numero di soci è Mutua Mba: la sua mission è salvaguardare la salute e la qualità di vita dei propri associati. Per questo, cerca sempre di sviluppare nuove coperture sanitarie che soddisfino le aspettative di tutti e di ottenere convenzioni mediche strategiche e il coinvolgimento delle migliori strutture private. L’offerta mutualistica comprende diverse prestazioni, dal ricovero con o senza intervento anche in regime di Day-Hospital, a grandi interventi chirurgici, dalle visite specialistiche e l’alta diagnostica, al check up oncologico e cardiovascolare. I sussidi proposti sono all’avanguardia in tema di prevenzione, salute, assistenza e sostegno. E ancora, grazie ad un sistema di gestione moderno e ben sperimentato, ai tutti i soci viene assicurato un corretto e veloce accesso alle informazioni ed alla diagnosi precoce. Il ruolo delle società di mutuo soccorso si può agganciare a quella che sta diventando un’altra grande realtà nel nostro Paese: il welfare aziendale. Forti della convinzione che esiste uno stretto legame tra benessere dei dipendenti, produttività ed engagement, sempre più aziende mettono a punto “pacchetti” di benefit per i propri dipendenti. Tra i servizi più richiesti vi è proprio il sussidio sanitario. Una buona opportunità per le aziende e per i dipendenti, che porterebbe a vantaggi fiscali, sociali, e reputazionali, oltre che a un “decollo” per la sanità integrativa, potrebbe essere quella di agganciare le tutele di welfare al premio di produttività. Si parte dalla legge di Stabilità 2016: un decreto attuativo prevede una tassazione agevolata, con imposta sostitutiva del 10%, per i premi di risultato e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa. Il beneficio fiscale potrebbe essere esteso anche alle forme di sanità integrativa verso professionisti e lavoratori autonomi. 23
  23. 23. 24 a cura di Nicoletta Mele La malattia di Crohn è un’infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all’ano, ma che si localizza prevalentemente nell’ultima parte dell’intestino tenue chiamato ileo (ileite) e/o nel colon destro/cieco (ileocolite), oppure solo nel colon in una sua qualsiasi parte (colite). Pur non essendoci attualmente un Registro Nazionale, si calcola che in Italia ci siano almeno 100.000 persone affette da malattie infiammatorie intestinali, di cui un circa 30-40% colpite dalla malattia di Crohn. Questa patologia colpisce generalmente in giovane età, 25-35 anni, o in terza età. I sintomi più comuni, anche se sono variabili da caso a caso, sono i dolori addominali (talvolta, se acutissimi, possono simulare un attacco d’appendicite) associati a diarrea e, talora, a febbre. Il dolore si localizza nella sede dell’ombelico o nella parte destra dell’addome e spesso si presenta dopo i pasti. Ad oggi le cause sono ignote, ma sulla base delle conoscenze scientifiche non è una malattia contagiosa, non è causata dagli alimenti, non è psicosomatica e non è una patologia ereditaria. Le complicanze della MC, che colpiscono circa il 10-20% dei pazienti, sono di tipo intestinale (stenosi) e extra-intestinale, queste ultime simili a quelle della colite ulcerosa. Alcune complicanze sono correlate all’attività della malattia, mentre altre sembrano seguire un decorso indipendente: quelle correlate all’attività della malattia possono interessare la cute, la bocca e gli occhi, così come le grosse articolazioni, mentre le affezioni sistematiche sono: infiammazioni delle articolazioni, come ad esempio Malattia di Crohn: che cos’è, i sintomi, le cause e le cure La testimonianza del signor Antonio Ferrazza, associato di Mba Colite ulcerosaMalattia di Crohn
  24. 24. 25 spondilite anchilosante, sacroileite, dolore lombare, calcoli nella cistifellea e calcoli renali. La terapia medica che viene seguita a seconda dei casi, è di tipo chirurgico e/o di tipo farmacologico, attraverso la somministrazione di cortisonici e antibiotici. È stata definita una malattia cronica perché, purtroppo, non è ancora stata scoperta una terapia in grado di dare una guarigione definitiva, e il suo decorso, quindi,è caratterizzato da periodi di benessere alternati ad altri in cui si ripresentano i sintomi. Mutua MBA, Società di Mutuo Soccorso, ha intervistato un associato, il signor Antonio Ferrazza, che da 6 anni combatte e convive con la malattia di Crohn. Come ha scoperto di essere malato di Crohn? E quali sono stati i sintomi? “Era aprile del 2009. a causa di una sub occlusione intestinale sono andato al pronto soccorso di uno degli ospedali della Capitale, e proprio in quell’occasione mi è stata diagnosticata la malattia. Prima di quel momento non avevo mai avvertito nessun tipo di sintomo, anche se la malattia si è presentata sin da subito molto aggressiva e fuori dagli schemi. Sono stato affetto dalla patologia a 40 anni e non ho mai avuto una fase di regressione (nella maggior parte dei casi la malattia va in fase di regressione anche per 5 anni), dopo 6 mesi dall’intervento mi ritrovavo a combattere nuovamente con la malattia”. Una volta diagnosticata la malattia, quali sono state le terapie e come ha reagito? Ho subito 3 interventi nel giro di 4 anni, e sin dall’inizio ho dovuto eseguire delle terapie con farmaci biologici e cortisonici. La malattia provoca delle ulcere nella mucosa intestinale che stringono il lume dell’intestino e creano problemi di transito, questo genera delle subocclusioni intestinali e quando raggiungono un certo livello è necessario eliminare una parte dell’intestino. Nello stesso anno della diagnosi della malattia ho subito il primo intervento chirurgico dove sono stati resecati 35 cm dell’intestino. Dopo un paio di anni, nel 2011, mi sono sottoposto al secondo intervento, attraverso il quale mi sono stati tolti altri 25 cm di intestino e nel 2013, durante l’ultimo intervento chirurgico, mi hanno tolto altri 10 cm. Questi anni non sono stati facili perché all’improvviso mi sono trovato a vivere con un “ospite fisso”, ma grazie anche a delle sedute di psicoterapia sono riuscito ad elaborare l’accettazione. Secondo me è fondamentale farsi aiutare e supportare nella fase iniziale da psicologi, perché sono delle figure importanti in grado di aiutarti a non cadere in depressione e accettare la convivenza con la malattia”. Lei fa parte di quella percentuale che ha avuto complicanze extraintestinali. Dopo quanto tempo e quali sono state le terapie? “Esatto. Le complicanze più importanti sono state a carico del sistema scheletrico, ho una spondiloartrite enteropatica e i dolori alle articolazioni si sono presentati dopo circa 8 mesi dalla diagnosi della malattia. Anche prima dell’evento avvertivo dei dolori articolari ma è stata accertata una correlazione con la malattia”. Recentemente ha subito anche un intervento alle ginocchia. Perchè? “Sì, un paio di settimane fa, perché probabilmente a causa della malattia non riuscivo ad assorbire la vitamina D3 e il calcio. Questo ha provocato una mancanza sistemica di vitamina D3, e quindi il fisico assorbiva calcio dalle ossa con la conseguenza di un’osteocondrite dissecante alle ossa delle ginocchia, cioè una necrosi dell’osseo e una sofferenza della cartilagine delle ginocchia. Ho effettuato un intervento nel quale sono state inserite delle cellule staminali autologhe, prese dallo stato adiposo della pancia, al fine di favorire la ricrescita dell’osso e della cartilagine”. Cosa ha comportato nella sua vita la malattia? “La mia vita si è trasformata completamente, tutto in funzione delle varie fasi della malattia. Non è stato facile arrivare alla consapevolezza di essere un malato cronico e di dover combattere e convivere con la patologia per tutta la vita. Oggi vivo in maniera serena e sono tranquillo anche sotto il profilo assistenziale perché mi sono rivolto ad una società di mutuo soccorso, Mutua MBA, la quale è in grado di sopportarmi laddove non riesce il Sistema Sanitario Nazionale. Grazie alla sottoscrizione del piano assistenziale ho potuto usufruire di una serie di servizi come, ad esempio, colonscopia, risonanze al bacino e alla colonna vertebrale, alle ginocchia e visite ortopediche. Al in evidenza
  25. 25. 26 mattino mi dedico al lavoro di impiegato e al pomeriggio mi sottopongo alle terapie che dovrò eseguire per il resto della vita. Attualmente eseguo a ciclo continuo terapie con farmaci biologici, perché al momento è l’unico modo di mantenere sotto controllo la malattia. Tutte le patologie autoimmuni, purtroppo, non hanno protocolli specifici di cura, ma vengono tenute sotto controllo, nella maggior parte dei casi, con farmaci molto potenti e debilitanti”. Oggi il sistema sanitario nazionale non riesce più ad erogare e garantire i servizi e lei per tutelare la propria salute si è affidato a Mutua MBA. Secondo lei la Sanità integrativa potrebbe essere una valida alternativa alle lacune del SSN e dare la possibilità di usufruire di assistenza sanitaria in tempi rapidi? “Sulla base della mia esperienza, la sanità integrativa è sicuramente un valido aiuto per la diagnosi precoce di alcune patologie. Allo stato attuale è fondamentale avere un’integrazione sanitaria per una maggiore tutela della propria salute anche perché per le patologie come la mia occorre agire in tempi strettissimi e oggi questo è possibile solo attraverso la sottoscrizione di piani assistenziali integrativi. Sono associato a Mutua MBA e la mia esperienza è positiva: è una Società di Mutuo soccorso che agisce nell’immediato ed è presente in molte strutture ospedaliere pubbliche, convenzionate e private. Faccio un esempio: recentemente ho dovuto effettuare una colonscopia e solitamente mi rivolgo all’ospedale Sandro Pertini di Roma, ma questa volta, per cause della struttura, in tempi rapidi mi sono dovuto rivolgere ad una clinica privata convenzionata con Mutua MBA. Ho effettuato l’esame nel giro di qualche giorno e senza nessun problema.” La testimonianza del signor Ferrazza è un messaggio di speranza per tutti coloro che sono affetti da malattie croniche dalle quali purtroppo ad oggi non è ancora possibile guarire, ma grazie al sostengo dei familiari e all’assistenza medica, attraverso l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia e alla sottoscrizione di piani assistenziali integrativi è possibile convivere con la patologia in maniera serena. 26
  26. 26. 27 Caritas della Parrocchia di San Lorenzo Martire La Fondazione ha elaborato un sussidio sanitario che consente la copertura di spese per medicinali e spese mediche che il Servizio Sanitario nazionale non copre adeguatamente. In questo modo i costi medici sostenuti dalle famiglie sono alleggeriti e le stesse famiglie sono stimolate a curare e preservare la loro salute! museo del mutuo soccorso La Fondazione ha ereditato da MBA la collezione del Museo del Mutuo Soccorso; il museo, nato con la volontà di raccogliere significative testimonianze sulla storia del movimento mutualistico dal 1886 ad oggi, si prefigge da un lato di salvaguardare e rendere fruibile al pubblico i beni attualmente in dotazione e dall’altro di promuovere la conoscenza e la ricerca sul tema della Mutualità. La Fondazione Basis, costituita per iniziativa congiunta di Mutua MBA, Health Italia e Coopsalute, insieme di realtà impegnate nel sociale e operanti primariamente nel settore della Sanità Integrativa, si propone di svolgere le proprie attività nei settori dell’assistenza socio- sanitaria, nella promozione e nella gestione di servizi educativi, culturali, sportivi e ricreativi, nella istituzione di borse di studio ed iniziative volte a migliorare e gratificare l’esperienza didattica, avvalendosi di strutture ricettive e servizi di accoglienza per giovani e per studenti. Fondazione Basis | Via di Santa Cornelia, 9 | 00060 | Formello (RM) | www.fondazionebasis.org | info@fondazionebasis.org supportare favorire promuovere Un servizio dedicato alle realtà che costituiscono espressione della Società Civile! Tra le varie attività, la Fondazione Basis si è dedicata a:
  27. 27. 28 Apnee notturne, un disturbo da non sottovalutare a cura di Mariachiara Manopulo La sindrome delle Apnee notturne è una vera e propria patologia, che può avere delle gravissime conseguenze sulla salute del paziente. I disturbi respiratori del sonno, come il russamento e le apnee notturne, sono un problema sempre più diffuso nella popolazione. Secondo le statistiche ufficiali, il problema del russamento interessa il 40-45% degli uomini e il 25-30% delle donne con percentuali fino all’80% sopra i 40 anni. È dovuto alla vibrazione dei tessuti molli orofaringei al passaggio dell’aria durante la respirazione, e di solito non ha conseguenze negative sulla salute del paziente; spesso infatti è solo causa di problemi di natura sociale e relazionale per il disturbo che può arrecare al partner. Per questo da molti viene sottovalutato. Altre volte può essere però sintomo di altri problemi, anche estremi. A una complicanza respiratoria nasale, ad esempio, può seguire un problema cardiologico, o neurologico, o di ipertensione. O può evolversi in sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS), una vera e propria patologia medica che può avere delle gravissime conseguenze sulla salute del paziente. È causata da un’ostruzione parziale delle vie aeree superiori, che spesso provoca una cessazione completa o parziale del flusso respiratorio. Sono due milioni gli italiani che soffrono di questo disturbo. Chiunque occasionalmente, può trattenere il respiro durante la notte. Ma se la pausa dura più di dieci secondi, il fenomeno diventa preoccupante, e se si ripete più volte può avere ripercussioni anche quando si è svegli, durante la giornata. I ‘micro risvegli’ di notte a causa delle apnee, infatti, portano eccessiva sonnolenza diurna, facile irritabilità, perdita di energia. Il problema riguarda anche i bambini: il 10% soffre di questo disturbo. Al contrario dell’adulto, il bambino di giorno è iperattivo ed è una condizione pericolosa, che può causare deficit cognitivi e nel rendimento scolastico. La sindrome delle Apnee quindi non è solo semplicemente causa di eccessiva sonnolenza, ma può anche essere legata a patologie come obesità, sindrome metabolica e diabete, infarto del miocardio, ictus, fibrillazione atriale, scompenso cardiaco, disturbi cognitivi ed insufficienza respiratoria. La Casa di Cura Villa Maria di Rimini l’anno scorso ha inaugurato un servizio di cura e prevenzione per chi soffre di problemi di russamento e apnee notturne, con un team di lavoro dedicato. Come ha sottolineato il dott. Paolo Canzi, otorinolaringoiatra e coordinatore del team, “le apnee notturne sono una patologia complessa che può coinvolgere diverse branche della medicina. Proprio per questo Villa Maria ha messo a punto un approccio multidisciplinare che prevede in prima analisi una visita otorinolaringoiatrica e l’intervento, quando necessario, di altri specialisti quali il cardiologo, il neurologo, il pneumologo e il nutrizionista”. Mutua MBA, prima società di Mutuo Soccorso per numero di soci, ha sentito sulle complicanze della sindrome delle apnee notturne il dottor Roberto Manopulo, cardiologo di Villa Maria e membro del team. Dottore, perché c’è una stretta correlazione tra la sindrome delle apnee ostruttive e i problemi cardiaci? “Perché quando il paziente durante il sonno interrompe per alcuni secondi la respirazione si crea una condizione di ipossia cerebrale: una minore ossigenazione del cervello, che si accompagna a una riduzione della negatività, della pressione intra- toracica. Questo comporta un ritorno maggiore di sangue venoso al cuore. Il sangue, proprio per questa condizione di ipossia, diventa più denso. Tutto questo può favorire l’insorgenza di disturbi del ritmo cardiaco. Si è visto che la sindrome delle apnee ostruttive interessa il 30% dei pazienti coronaropatici e il 25% dei pazienti con scompenso cardiaco. Non solo: una correlazione con questo disturbo è stata evidenziata anche nel 40% dei casi di ictus. Quindi si innesta una sorta di circolo vizioso: il russamento può complicarsi con questa condizione di arresto parziale respiratorio transitorio, e ancora con una serie importante di disturbi del ritmo cardiaco. La sindrome delle apnee ostruttive è correlata anche all’ipertensione? Sì, il 50% dei soggetti con ipertensione arteriosa soffre di sindrome delle apnee ostruttive. Durante l’apnea che si verifica nel sonno, i valori di pressione arteriosa si innalzano notevolmente. Si può arrivare anche a 220-230 mmHg di pressione massima e 120-130 mmHg di pressione minima.
  28. 28. 29 È una pressione che varia in continuazione, si innalza e si riduce a seconda delle varie fasi della respirazione durante il sonno. Questo comporta un sovraccarico del cuore, in particolar modo del ventricolo sinistro, la fibrocellula muscolare che compone il cuore viene sottoposta a una serie di stimoli che provocano una condizione di ipertensione e di ipertrofia del cuore, predisponendo a scompensi cardiaci. Questo si accompagna anche, molto spesso, a dei disturbi del ritmo cardiaco. Possono essere dei disturbi di tipo ipercinetico, con una frequenza cardiaca molto elevata, con battiti irregolari. Quindi una fibrillazione atriale. Possono esserci però anche condizioni di blocco, cioè un rallentamento del battito cardiaco con blocchi seno atriali ed atrioventricolari. Questo si verifica soprattutto nei pazienti tra i 40 e i 50 anni che durante il sonno presentano episodi di transitori blocchi atrio ventricolari. Come si fa a capire se questo avviene, se si verifica solo durante la notte? Si può vedere con l’elettrocardiografia dinamica, cioè con una registrazione di 24 ore dell’elettrocardiogramma. Se si cura la sindrome delle apnee ostruttive, si può addirittura evitare di impiantare un peacemaker. Per quanto riguarda i pazienti che hanno uno scompenso cardiaco molto avanzato e importante, che richiede una terapia di resincronizzazione del cuore, se vengono trattati anche per la sindrome delle apnee ostruttive attraverso una CPAP, cioè una ventilazione a pressioni positive, ne risente favorevolmente tutta la funzione cardiaca. Questi pazienti hanno un profilo pressorio caratteristico: di giorno possono essere normotesi, ma di notte sono ipertesi e questo si può capire soltanto attraverso una pressurometria dinamica che misura la pressione durante la notte oltre che durante il giorno”. Lo scorso 12 maggio, la Conferenza Stato-Regioni ha dato il via libera al documento “La Sindrome delle Apnee Ostruttive nel sonno (OSAS)”, elaborato tenendo presenti le linee guida e le raccomandazioni nazionali e internazionali disponibili, oltre alle competenze delle Regioni in materia di organizzazione dei servizi, la diversità e variabilità degli assetti regionali. Obiettivo del documento approvato è quello proporre una strategia organizzativa sostenibile, finalizzata all’individuazione di casi di OSAS misconosciuti nella popolazione, attraverso fasi di interventi differenziate per assicurare una soddisfacente risposta ai bisogni di prevenzione ed assistenza delle persone affette da OSAS. L’OSAS è oggi riconosciuta come una delle cause
  29. 29. 30 più frequenti di eccessiva sonnolenza diurna (Excessive Daytime Sleepiness – EDS), e come tale individuata quale fattore o cofattore determinante o favorente in un rilevante numero di incidenti stradali e lavorativi. Si stima infatti che solo 2014 sia stata la causa di oltre 7mila incidenti stradali, con un bilancio di 231 morti. L’Italia, con il decreto legge 22 dicembre 2015, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 13 gennaio 2016, ha recepito una direttiva Ue sulla patente di guida, per la quale i decreti del ministero dei Trasporti e della Salute impongono di inserire l’informazione sul documento e di subirne il ritiro se la sindrome non viene curata adeguatamente. Secondo il decreto, infatti, le apnee notturne “determinano una grave ed incoercibile sonnolenza diurna, con accentuata riduzione delle capacità dell’attenzione”: questa stanchezza cronica, che aumenta il rischio di incorrere in incidenti, è la causa principale dei famosi “colpi di sonno” al volante e di una minore ricettività verso gli stimoli esterni. Il medico che effettua la visita della patente, se sospetta una sindrome da apnee notturne, dovrà quindi indirizzare il soggetto verso la commissione medica locale, che autorizzerà il rilascio della patente solo nel caso in cui il soggetto dimostri un “adeguato controllo della sintomatologia presentata, con relativo miglioramento della sonnolenza diurna”. Chi soffre di OSAS di grado moderato o grave dovrà quindi sottoporsi ad esami specifici e ad un percorso di cura adeguato, che gli permetta non solo di continuare ad avere la patente, ma soprattutto di migliorare la qualità di vita. La validità della patente sarà comunque ridotta a un anno (per i conducenti del gruppo 2 – veicoli di categorie C e D) o a tre anni (per i conducenti del gruppo 1 – veicoli di categorie A e B), per favorire un monitoraggio continuo sul rispetto delle cure. Non bisogna quindi sottovalutare questo disturbo, perché una mancata diagnosi e una mancata cura, hanno diverse serie ripercussioni sul piano sanitario e sociale. Uno stile di vita sano è importante: l’alimentazione riveste un ruolo cruciale nella prevenzione di questi disturbi. Un ruolo fondamentale è svolto anche dal fumo, o dall’assunzione di altre sostanze eccitanti come l’alcol. Il sonno è un’attività vitale, ma dormire non basta: occorre dormire bene.
  30. 30. ITALIA “La salute è la più grande forza di un popolo civile” Siamo una delle più grandi realtà nel panorama della Sanità Integrativa e lo dobbiamo al lavoro, alla passione e alla professionalità che mettiamo in ogni sfida che dobbiamo affrontare. Siamo impegnati nella ricerca costante di nuovi traguardi da raggiungere, forti di un credo che vede la Salute e il Benessere della persona al centro di ogni nostra attività, diritti fondamentali da tutelare e promuovere. In questi anni abbiamo formato professionisti della Salute, sposando i principi di una Società moderna e collaborativa in cui tutti possano contribuire alla costruzione di un sistema socio-assistenziale solido, orientato sulla Cura Totale della persona. Insieme abbiamo creato una rete efficiente e ben organizzata sul territorio credendo nei nostri progetti, ma soprattutto nelle persone che ci hanno dimostrato, nel tempo, dedizione e disponibilità a formarsi. Persone che, ogni giorno, ci consentono di scrutare l’orizzonte con serenità e voglia di fare e alle quali vorremmo dire il nostro grazie.
  31. 31. 32 Tumori: con il Cancer-id si valuta l’efficacia della terapia a cura di Nicoletta Mele Una sola goccia di saliva può accertare la presenza di un tumore ai polmoni, questo è il nuovo test sviluppato dall’Università della California ed è risultato efficace al 100% per la diagnosi precoce. La prevenzione e la diagnosi tempestiva sono le armi che abbiamo a disposizione per la lotta contro le neoplasie. L’innovativo test, a differenza degli esami del sangue che prevedono tempi più lunghi (almeno una settimana per la risposta), in soli 10 minuti si può effettuare anche presso uno studio medico, al costo di 20 euro. L’obiettivo futuro è quello di sperimentare un test che possa rilevare contemporaneamente più tumori. Sempre dagli Usa arriva anche il test del National Cancer Institute degli Stati Uniti che, dal sangue, è in grado di prevedere la ricomparsa del tumore con oltre tre mesi di anticipo rispetto alla tac e identificare i pazienti che probabilmente non hanno risposto alla terapia. Anche l’Italia è uno dei Paesi al mondo che si pone in prima linea nella ricerca. Tra le biopsie liquide in grado di diagnosticare in tempo una neoplasia ci sono quelle relative al progetto Europeo CANCER-ID, iniziato da un consorzio internazionale, cui partecipa l’Istituto Oncologico Veneto, attraverso il quale con l’esame del sangue è possibile individuare nuovi marker, permettendo di monitorare la riduzione o meno dei tumori e l’efficacia delle cure nei pazienti sotto terapia. Niente più biopsia quindi, ma metodi non invasivi per la lotta ai tumori. Mutua Mba, Società di Mutuo Soccorso, che agisce nell’ottica cooperativistica e mira a salvaguardare la salute dei propri associati, si pone sempre in prima linea nella divulgazione delle notizie che riportano i progressi della ricerca. Mba ha intervistato il Professor Giuseppe Opocher, Direttore Scientifico dell’IRCCS, Istituto Oncologico Veneto, il primo Istituto della Regione specificatamente destinato alla prevenzione, alla diagnosi, alla cura dei tumori e alla ricerca sul cancro. Obiettivo dell’Istituto è quello di fornire l’assistenza più avanzata ai malati neoplastici e svolgere allo stesso tempo ricerca biomedica, essenziale per il progresso delle conoscenze e il trasferimento ai pazienti delle cure più innovative. Professor Opocher da cosa nasce l’idea di mettere in campo un esame non invasivo in grado di individuare nuovi marker per monitorare i tumori e verificare l’efficacia delle terapie? “Sostanzialmente dalla necessità di disporre di indicatori delle trasformazioni che avvengono nel tessuto tumorale dopo la sua comparsa. In qualche modo abbiamo bisogno di marcatori molecolari della “vita biologica” del tumore che ci facciano sapere in tempo come si sta modificando dal punto di vista genetico e che ci forniscano le informazioni necessarie per un’eventuale modifica della terapia, possibilmente prima che compaiano delle metastasi”. I marker sono in grado di monitorare più facilmente l’efficacia delle terapie nei pazienti sotto trattamento e apportarvi rapidamente le opportune correzioni? “Ci aspettiamo molte informazioni da questi nuovi marcatori, in questa fase è importante che i marker ci aiutino a modificare in tempo il trattamento del tumore, prima che sviluppi una metastasi”. Il test della saliva realizzato in California è per individuare un tumore ai polmoni, Cancer-ID invece monitora come il paziente oncologico sta rispondendo alle cure, è esatto? è rivolto a tutti i tipi di tumore? “Il programma di ricerca CANCER-ID, di cui per l’Istituto Oncologico Veneto (OIV) è responsabile la Dott.ssa Rita Zamarchi, mira a individuare e rendere utilizzabili nuovi marcatori basati su elementi circolanti nel sangue periferico quali le cellule tumorali (CTC), il DNA libero tumorale (cfDNA) e microRNA (miRNA). Questi marker dovrebbero principalmente permettere di sostituire la biopsia, quando la massa tumorale non è accessibile e di monitorare più facilmente l’efficacia delle terapie nei pazienti in trattamento, consentendo al clinico di apportare rapidamente le opportune correzioni. Il progetto è potenzialmente rivolto a diversi tipi di tumore”. Qual è il protocollo da seguire?
  32. 32. 33 “I test basati sulla ricerca nel sangue periferico di cellule tumorali e acidi nucleici sono una sorta di ‘biopsia liquida’, che consentirà di avere in tempo reale informazioni rilevanti per la diagnosi e la terapia del cancro. Il progetto CANCER-ID vuole colmare il divario tra la ricerca di base sui metodi per rilevare e caratterizzare le cellule tumorali e gli acidi nucleici circolanti, e lo sviluppo di test affidabili in grado di introdurre questa biopsia liquida nella pratica clinica”. Quali sono gli obiettivi per il futuro? “Accorciare sempre più il divario tra ricerca e applicazione clinica. Portare in tempi rapidi i benefici della conoscenza all’ammalato oncologico, è una sfida che accomuna l’Istituto Oncologico Veneto a tanti altri centri oncologici”. Accorciare il divario tra ricerca e applicazione clinica è un obiettivo che si spera possa essere raggiunto quanto prima. La diagnosi precoce e la prevenzione sono aspetti fondamentali per la tutela della nostra salute. È proprio in questo contesto che si contraddistingue l’operato di Questi marker dovrebbero principalmente permettere di sostituire la biopsia, quando la massa tumorale non è accessibile e di monitorare più facilmente l’efficacia delle terapie nei pazienti in trattamento Mba che offre piani assistenziali innovativi in grado di rispondere alle esigenze dei singoli e delle famiglie, con una particolare attenzione nei confronti della prevenzione. Il check up personalizzato e l’Home Test (sistema di micro e auto-diagnosi che comprende un kit completo e pronto all’uso in grado di rilevare alcuni specifici valori nel sangue) sono alcuni servizi che hanno permesso a Mba di collocarsi nel panorama della Sanità integrativa come unica forma di assistenza concreta e sostenibile.
  33. 33. 34 Mal di testa cronico? Finalmente c’è il “vaccino” a cura di Mariachiara Manopulo Mal di testa cronico? “Per la prima volta abbiamo una cura specifica, una terapia biologica, come quelle che vengono impiegate nella cura dei tumori che agisce in modo specifico”. L’annuncio arriva dal San Raffaele Pisana di Roma: si tratta di “una cura rivoluzionaria per prevenire l’emicrania cronica di tipo specifico e selettivo”. Alzi la mano chi non ha mai sofferto di mal di testa. Ognuno di noi ha sicuramente avuto occasione di sperimentare una crisi, almeno una volta nella vita, per ragioni diverse. Nel nostro Paese colpisce quasi cinque milioni di persone, e ogni anno almeno 12 milioni di giornate lavorative sono perse a causa del mal di testa, il che comporta un costo sociale pari a oltre 6000 miliardi solo per la perdita di produttività. È uno dei disturbi in assoluto più diffusi: una percentuale variabile tra il 70 ed il 90% della popolazione generale soffre di almeno un attacco di cefalea l’anno e solo il 10% delle persone può riferire di non averne mai sofferto nel corso della propria vita. Molti soffrono di emicrania cronica, hanno cioè almeno 15 giorni di mal di testa al mese da almeno 3 mesi consecutivi. In Italia si calcola che ogni anno vengano effettuate almeno 4 milioni di visite proprio a causa delle cefalee, e che per la maggioranza dei pazienti questo disturbo sia così debilitante da influire pesantemente sui normali ritmi di vita, di relazione e di lavoro. Spesso le crisi sono così intense da impedire qualsiasi attività. Proprio per questo, la cefalea viene definita come una vera e propria malattia sociale; chi
  34. 34. 35 CARDEA CASSA MUTUA La forza di un sistema mutualistico è determinata dalla consapevolezza che la contribuzione di ogni singolo Socio produrrà un vantaggio comune a tutti, senza arricchire soggetti terzi che si limitano a calcolare il rischio e, di fatto, a scommettere sulla nostra salute, peraltro a fine di lucro. Una mutua che tutela, una mutua che previene, una mutua che unisce! www.cassamutuacardea.org info@cassamutuacardea.org ne soffre viene a volte fortemente limitato anche quando sta bene, poiché vive il timore che possa presentarsi una nuova crisi come un vero e proprio incubo. Ed ecco quindi che pastiglie, pastigliette, bustine di granulato effervescente non mancano mai nelle nostre case e nelle borse di moltissime donne. Ma finalmente ora, grazie ad un “vaccino”, o meglio, ad un anticorpo, l’emicrania cronica si potrà prevenire. Lo ha annunciato l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico San Raffaele Pisana di Roma, che in laboratorio ha messo a punto un anticorpo intelligente che scova e neutralizza una sostanza fisiologica chiamata CGRP (Calcitonin gene related peptide), il cui eccesso è implicato nell’emicrania. Mutua Mba, la più grande mutua sanitaria italiana per numero di soci, ha tra i suoi obiettivi quello di garantire una corretta informazione e guarda con estremo interesse a tutte le scoperte volte a migliorare la salute e la vita delle persone. Vediamo quindi di cosa si tratta. Il San Raffaele Pisana è stato il primo istituto in Europa, e tra i primi al mondo, a raggiungere questo obiettivo con anticorpi monoclonali anti-CGRP; il “vaccino” è stato testato su una giovane ragazza italiana che soffre di emicrania cronica. Come ha spiegato Piero Barbanti, responsabile del Centro per la diagnosi e terapia delle cefalee e del dolore dell’Irccs San Raffaele Pisana di Roma, sostanzialmente l’anticorpo monoclonale agisce come un vero e proprio “cecchino”, perché riesce a individuare con estrema precisione il colpevole prima che inneschi il meccanismo che provoca l’emicrania. “I risultati sperimentali pubblicati finora sono molto promettenti e indicano una riduzione degli attacchi superiore al 62% dopo 3 mesi e un’alta percentuale di responder (74%)”. Il trattamento dura nove mesi, l’anticorpo deve essere iniettato sottocute una volta al mese e la tollerabilità sembra essere al momento buona e senza effetti collaterali, a differenza dei farmaci, che possono invece indurre sonnolenza, astenia e aumento di peso. Farmaci, tra l’altro, che non sono nemmeno una cura specifica, ma terapie “riciclate”, cioè nate con l’obiettivo di curare altre malattie, come l’epilessia, l’ipertensione, la tachicardia, e con una valenza anti-emicrania scoperta quasi per caso. “Per la prima volta abbiamo una cura specifica, una terapia biologica, come quelle che vengono impiegate nella cura dei tumori che agisce in modo specifico”, ha precisato Barbanti. Sicuramente, per chi soffre di emicrania cronica, rappresenta una vera e propria rivoluzione, anche perché si tratta di una terapia facile da seguire che potrà certamente avere conseguenze positive anche dal punto di vista psicologico. Non si dovrà più subire il mal di testa, correre in farmacia, o cercare pastiglie di Moment nella borsa. Attenzione, però: “Curare un mal di testa complesso – ha sottolineato Barbanti -non può mai tradursi in un ‘mi dia una cura’: al paziente è richiesto un attento monitoraggio degli attacchi, un contenimento dell’uso improprio di analgesici e un trattamento delle eventuali situazioni (vedi stress, depressione, ansia) che alimentano la sua patologia”. Per adesso, il trattamento sperimentale è destinato solamente ai soggetti che soffrono di emicrania cronica, ma dalla seconda metà del 2016, al San Raffaele sarà accolto anche chi ne soffre sporadicamente.
  35. 35. 36 La fisioterapia per combattere acidità e bruciore di stomaco a cura di Nicoletta Mele Acidità e bruciore di stomaco, questi sono i sintomi “tipici” del reflusso gastroesofageo, una malattia che, stando alle stime, colpisce circa il 20% della popolazione europea e che in Italia interessa circa il 30% della popolazione. è una patologia, seppur molto diffusa, spesso sottovalutata, tant’è che ci sono persone che ne soffrono senza esserne a conoscenza e altre, invece, che tendono a sottovalutarne i sintomi affrontando il disturbo con il “fai da te”, assumendo dei farmaci antiacido senza nessuna prescrizione medica. La malattia da reflusso gastroesofageo, invece, merita attenzione e approfondimento. Il reflusso consiste nella risalita del contenuto gastrico (succhi gastrici, alimenti, bile) dallo stomaco all’esofago. Quali sono le cause di questa malattia? In generale, si verifica un’alterazione della funzionalità dello sfintere (muscolo circola) che funge da valvola tra esofago e stomaco. L’alterazione può avere origine da tantissimi fattori, quali: congeniti, anatomici, funzionali, meccanici, tensivi, etc. Ansia e stress, anche se difficilmente sono i veri responsabili della malattia da reflusso, possono sicuramente aggravare la sintomatologia. Le cause determinano un passaggio di materiale acido dallo stomaco all’esofago (nel semplice reflusso) o addirittura di un porzione dello stomaco stesso al di sopra del piano diaframmatico verso l’esofago (ernia iatale). La presenza di un’ernia iatale potrebbe da sola giustificare il reflusso gastroesofageo, tant’è che da alcuni viene considerata la stessa cosa. In realtà, può essere presente il reflusso gastroesofageo patologico anche in assenza di ernia iatale. è importante ricordare che ci sono anche alcune specifiche condizioni che possono favorire il reflusso gastroesofageo come la gravidanza, il diabete e l’obesità. Oltreaisintomitipicisipossonoverificare anche altre situazioni “atipiche” quali: sensazione di nodo alla gola con difficoltà nella deglutizione, difficoltà digestive, nausea, laringite cronica, tosse, raucedine, abbassamento della voce, singhiozzo, asma, dolore toracico e insonnia. I sintomi tipici sono già sufficienti per fare una diagnosi. Se dopo un breve periodo di terapia con gastroprotettori non si ottengono risultati, è necessario eseguire alcuni test diagnostici come l’esame radiologico del tubo digerente, attraverso il quale al paziente viene fatta bere una piccola quantità di liquido di contrasto biancastro, che consente di vedere l’anatomia e la funzione dell’esofago, dello stomaco e delle prime parti dell’intestino tenue; la gastroscopia (EGDS) che consente di esaminare l’esofago, lo stomaco e il duodeno, attraverso l’introduzione di uno strumento flessibile nel quale è incorporata una telecamera e un sottile canale, attraverso il quale è possibile far passare la pinza bioptica per eseguire piccoli prelievi di mucosa (biopsie). Un altro strumento utile per la diagnosi è la manometria esofagea: consiste nell’introduzione di una sonda attraverso il naso e la somministrazione di acqua a piccoli sorsi. Può essere utile per valutare se ci sono anomalie della mobilità dell’esofago (peristalsi). La pH-impedenziometria delle 24 ore, invece, è un test in cui un sondino piccolo sottile, passando attraverso il naso, arriva fino all’esofago ed è connesso a un palmare. L’esame dura 24 ore e consente il monitoraggio della quantità di materiale refluito (sia acido che non acido) nell’esofago. Dopo aver effettuato gli esami e stabilita la diagnosi, la terapia iniziale si basa innanzitutto su un’adeguata educazione alimentare e su un corretto stile di vita, volta a ridurre il peso corporeo (soprattutto la circonferenza addominale), evitare il fumo e gli alimenti che potrebbero peggiorare l’acidità come cioccolata, menta, caffè, alcolici, pomodoro, agrumi. Gli specialisti consigliano di non coricarsi subito dopo i pasti, (sarebbe necessario attendere almeno 3 ore) e di consumare un pasto leggero alla sera. Solo nel caso in cui, nonostante questi accorgimenti, i disturbi persistono, è il caso di intervenire anche con dei farmaci antiacidi. La chirurgia per il trattamento del reflusso gastroesofageo è considerata una misura “estrema” ed è riservata a pazientichenonrispondonoaifarmaci e che presentano contemporanei problemi anatomici, come ernie iatali di grandi dimensioni. La cura, quindi, del reflusso gastroesofageo si basa essenzialmente sulla correzione dello stile di vita e, nel caso in cui non si trovi nessun giovamento, sulla terapia farmacologica. Negli ultimi anni è stato riscontrato che la fisioterapia è un buon trattamento per combattere
  36. 36. 37
  37. 37. 38 la malattia da reflusso. è un tipo di trattamento poco conosciuto, ragion per cui, Mutua MBA, che tra gli obiettivi ha quello di garantire una corretta informazione, ha intervistato la dottoressa Daniela Saccà, Fisioterapista, Responsabile direttiva del Centro di Fisioterapia FisioClinic di Roma, la quale da diversi anni tratta con la fisioterapia pazienti affetti dalla malattia del reflusso gastroesofageo, riscontrando ottimi risultati. Dottoressa Saccà, il vostro centro è stato tra i primi in Italia ad approfondire le relazioni tra le patologie gastroesofagee (reflusso, ernia natale), biomeccanica e postura. Com’è nata la collaborazione con il gastroenterologo e in che modo è possibile curare un paziente affetto da alterazioni gastroesofagee con la fisioterapia? “In questi ultimi 15 anni abbiamo avuto la fortuna di lavorare a stretto contatto con primari gastroenterologi di altissimo livello. Tra questi voglio citare il Prof. Giovanni Gasbarrini ed il Prof. Guido Costamagna che rappresentano l’eccellenza italiana in questo campo e hanno creduto nella nostra proposta terapeutica, valutandone i risultati e le potenzialità. Questa preziosa collaborazione ci ha permesso di mettere a punto un trattamento specifico per queste alterazioni partendo dai fondamenti di trattamento della metodica RPG Souchard, di cui il nostro centro è un riferimento. Attraverso manovre specifiche possiamo individuare e quindi trattare la maggior parte delle disfunzioni meccaniche gastroesofagee. Uno dei grandi protagonisti di queste patologie è un muscolo, il diaframma, che come suggerisce il nome, è una valvola tra esofago e stomaco. Un’alterata funzionalità diaframmatica può determinare una non perfetta coordinazione nel passaggio gastroesofageo con conseguente reflusso. Ancor prima di questo malessere, si può avere semplicemente la sensazione di avere la pancia gonfia di aria, essere immediatamente sazi pur avendo mangiato solo un piccolo pasto o addirittura un piccolo boccone etc. Il muscolo diaframma è molto particolare perché ha sia funzioni respiratorie, digestive, è di aiuto sia alla circolazione vascolare che linfatica, ma incide anche sulle funzioni meccaniche della colonna. Detto ciò, se il suo funzionamento viene alterato è necessario un attento studio almeno di queste 4 funzioni. Quello che possiamo fare noi in collaborazione con il gastroenterologo è analizzare se effettivamente ci sono gli elementi di alterazione in una delle zone su cui possiamo poi agire. Ad esempio, se una problematica vertebrale ha o meno alterato la funzionalità diaframmatica e quindi la funzionalità gastroesofagea, potremo agire direttamente alla base del problema. Il quadro è più semplice se l’alterazione è primaria, a livello del diaframma ovviamente, e si complica enormemente se la storia clinica del paziente e la ‘strada’ di queste alterazioni ha coinvolto più di uno di quei sistemi interconnessi che abbiamo citato. A volte può capitare che, lavorando su una di queste alterazioni, questa si riequilibra a discapito di un’altra. è il motivo per cui tutte le correzioni che vengono fatte saranno in globalità (cioè mettendo in relazione ciò che si è alterato in rapporto al problema gastroesofageo), concetto alla base della metodica RPG Souchard, che rappresenta lo strumento perfetto per essere sicuri di riequilibrare contemporaneamente e in maniera coordinata tutto ciò che ha a che vedere con la patologia di quello specifico paziente, senza rischiare, con un trattamento analitico di ‘spostare’ il problema altrove”. In che modo viene trattato il paziente? “Per il trattamento, il paziente deve necessariamente essere sottoposto a un esame biomeccanico/posturale, che evidenzi alterazioni strutturali ed eventualmente li metta in relazione con il problema gastroesofageo. Dopo questo esame, lo specialista saprà elaborare il piano di trattamento specifico per la persona che ha di fronte, sia inteso come trattamento globale e scelta delle posture attive di correzione, sia come trattamento locale per mezzo di manovre manuali specifiche.” La fisioterapia è un trattamento risolutivo? Deve essere associata alle terapie farmacologiche? “Sicuramente il processo di cura di un paziente ha sempre una base soggettiva, ma in generale i risultati ottenuti con un percorso di correzione delle alterazioni alla base del reflusso, sono ben mantenuti nel tempo proprio perché vanno ad affrontare la causa del problema. In questi 15 anni è capitato più spesso di rivedere lo stesso paziente per altre problematiche non legate al reflusso curato inizialmente, piuttosto che avere delle recidive che comunque possono esserci, ma in generale basta un piccolo richiamo di terapia o a volte anche esercizi che il paziente può fare da solo a casa”. In media, dopo quante sedute si raggiungono i primi benefici? “Anche qui non c’è una regola, in alcuni pazienti già dopo la prima seduta i risultati sono evidenti, in altri il percorso è molto più lungo e bisogna attendere anche 10 sedute, tutto dipende da tantissimi fattori e dalla loro interconnessione”. Ci può fare un esempio? “Di esempi potremmo farne tanti legati al passato, ma senza andare troppo in là nel tempo mi viene in mente un paziente che stiamo seguendo ora, tutt’ora in trattamento, siamo alla quinta seduta. Un ragazzo giovane che soffriva

×