Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Health Online - 1

97 views

Published on

Il primo periodico di informazione dedicato alla salute e alla sanità integrativa

Published in: Healthcare
  • Be the first to comment

Health Online - 1

  1. 1. IL PERIODICO DI INFORMAZIONE SULLA SANITÀ INTEGRATIVA HEALTH IN EVIDENZA maggio 2014 - N°1
  2. 2. Periodico  di  Informazione  sulla  Sanità  Integra6va SOMMARIO HEALTH  ONLINE   PERIODICO  BIMESTRALE  DI   INFORMAZIONE  SULLA  SANITA’   INTEGRATIVA   !ANNO  1°  -­‐  MAGGIO  2014  -­‐  N°  1   ! DIRETTORE  RESPONSABILE   Ing.  Roberto  Anzanello   !DIRETTORE  EDITORIALE   Massimiliano  Alfieri   !COMITATO  DI  REDAZIONE   Manuela  FabbreL   Fabio  Vitale   Luciano  DragoneL   !REDAZIONE  E  PRODUZIONE   Fabio  Vitale   !DIREZIONE  E  PROPRIETA’   Health  Holding  S.r.l.   Via  Cesare  BaLsQ,  23   20122  -­‐  Milano   info@hhg.it   !TuL   i   diriL   sono   riservaQ.   Nessuna   parte   può   essere   riprodoYa  in  alcun  modo  senza  il   permesso   scriYo   del   direYore   editoriale.   ArQcoli,   noQzie   e   recensioni   firmaQ   o   siglaQ   esprimono   soltanto   l’opinione   dell’autore   e   comportano   di   conseguenza   esclusivamente   la   sua  responsabilità  direYa.   !Registrazione  del   Tribunale  Civile  di  Roma   N°  29  del  10  Marzo  2014   !Impaginazione  e  grafica   Fabio  Vitale   !Copia  inviata  a  86.432  e-­‐mail La  sfida  di  un  nuovo  organo  di  informazione   ________________________________________  pag.  2   Ing.  Roberto  Anzanello Società  di  Mutuo  Soccorso  e  Mutualità   ________________________________________  pag.  2   Pierfrancesco  Marini Il  costo  della  salute  oggi   ________________________________________  pag.  3   Carmina  San6llo La  salute  come  bene  comune
 Il  ruolo  delle  Società  di  Mutuo  Soccorso   ________________________________________  pag.  4   Maria  Cagnoni Il  Museo  del  Mutuo  Soccorso  -­‐  sito  in  Via  di  Santa   Cornelia,  9,  00060  Formello  (RM)  -­‐  ha  al  suo  interno  più  di   500  reperS  di  valore  storico  e  mutualisSco.   Aperto  dal  Lunedì  al  Venerdì  solo  su  appuntamento   contaVando  il  numero  telefonico  +39.331.6893067 Inserzione Fumo,  alcool  e  obesità:  lo  sguardo  d’insieme   ________________________________________  pag.  5   Manuela  FabbreK
  3. 3. I n   u n   m o n d o   d o v e   l a   comunicazione  è  un  elemento  ormai   universale  che  permeYe  a  chiunque   di   essere   sempre   interconnesso,   la   possibilità   di   rappresentare   argomenQ  di  interesse  comune  in  via   immediata   e   direYa   diviene   uno   strumento  indispensabile.   Nel   nostro   paese.   però,   non   esiste   oggi   nessuno   strumento   che   consenta   di   ricevere,   leggere,   analizzare   informazioni   inerenQ   relaQvamente   ad   uno   degli   aspeL   più  importanQ  della  nostra  vita  quale   è   il   benessere   psicofisico   cioè   la   nostra  salute.   L’importanza   dell’argomento   richiede  la  necessaria  aYenzione,  ma   aYualmente   le   uniche   informazioni   di  cui  possiamo  disporre  sono  quelle     di   cronaca   riportate   dalla   stampa,   quelle   scienQfiche   pubblicate   sulle   riviste  desQnate  agli  addeL  ai  lavori,   quelle   che   emergono   in   modo   non   struYurato  da  internet.   Sembra   quasi   impossibile   ma   uno   dei   beni   più   preziosi   che   possediamo,  la  salute,  non  ha  ancora   ricevuto   la   dovuta   aYenzione   editoriale   finalizzata   a   creare   strumenQ   che   consentano   una   diffusione   conQnua   di   informazioni   indispensabili,   necessarie   ed   imprescindibili  per  la  nostra  vita.   La   “sfida”   che   Health   Online   vuole   cogliere   è   proprio   questa:   realizzare  un  organo  di  informazione     che   sia   uno   strumento   di   ampia   diffusione   alla   portata   di   chiunque   per  ricevere,  leggere  e  comprendere   argomenQ   di   interesse   generale   e   personale   rispeYo   al   bene   più   prezioso  che  tuL  noi  possediamo:  la   nostra  salute.     L’impegno   di   tuYa   la   redazione   della   nuova   testata   sarà   proprio   quello  di  fornire  a  ciascun  leYore  una   chiave   di   leYura   imparziale,   aggiornata  e  comprensibile.   Buona  leYura  a  tuL La  sfida  di  un  nuovo  organo  di  Informazione dell’Ing.  Roberto  Anzanello  -­‐  DireNore  Responsabile La  comparsa  delle  Società  di  Mutuo   Soccorso  risale  al  XIX  secolo  circa  quando   in  seguito  allo  sviluppo  industriale  nasce   l’esigenza   di   tutela   dei   diriL   previdenziali.   L’assistenza   sociale   di   ogni   individuo,   sia   essa   economica   che   sanitaria,   era  in  quei  tempi  preYamente   oligarchica   ovvero   era   un   beneficio   per   coloro   che   avevano     un   certo   reddito   o   patrimonio,   tale   da   garanQre   una   pensione   dignitosa,   ma   sopraYuYo   l’esistenza   di   una   vita  sana  aYraverso  l’aLvità  di   prevenzione     e   cure   delle   malaLe.   Gruppi   di   lavoratori,   spesso   della   stessa   categoria,   così   decidono   di   organizzarsi   per   meYere   insieme  parte  dei  loro  risparmi  dai  quali   poter  aLngere  nei  momenQ  di  necessità   per  fronteggiare  quegli  evenQ  patologici   che   spesso   conducevano   alla   morte   di   intere  famiglie.  La  forma  di  aggregazione   sociale  e  la  solidarietà,  appare  da  subito   una  soluzione  efficace  alla  carenza  totale   dello   Stato   nel   campo   previdenziale.   I   lavoratori   e   le   associazioni   di   categoria   iniziano   a   cosQtuire   fondi   dedicaQ   a   determinaQ  evenQ,  permeYendo  così  ad   ogni   lavoratore   aderente   e   ai   loro   familiari   di   poter   ricevere   i   sussidi   necessari  per  sostenere  le  spese  mediche   necessarie.  AYraverso  questo  sistema  di   aggregazione   sociale,   che   si   basa   sulla   Società  di  Mutuo  Soccorso  e  Mutualità di  Pierfrancesco  Marini pag.  2  
  4. 4. forma   associaQva,   di   faYo   ogni   lavoratore  aiuta  l’altro,  ogni  contribuente   versa  una  quota  parte  che  potrà  servire   ad  un  suo  collega  o  ad  un  suo  familiare   ponendo   in   essere   un   sistema   MutualisQco    puro,  che  oggi  chiameremo   a   Mutualità   prevalente,   essendo   i   soli   iscriL   al   fondo   comune   cosQtuito   i   soli   beneficiari.     Parlare  di  assicurazione  in  tale  ambito  è   sbagliato   per   vari   moQvi.   La   logica   assicuraQva   ha   di   base   un   profiYo,   prevede   limitazioni   e   restrizioni   alla   garanzia   di   essere   tutelaQ,   come   l’età,   patologie   pregresse   e   stato   di   salute.     Diversa   è   la   logica   della   mutualità   prevalente,  propria  delle  Società  Generali   di   Mutuo   Soccorso,   le   quali   intervengo   tramite   l’erogazione   di   sussidi   in   favore   dei   lavoratori   aderenQ   al   “fondo”   e   dei   loro   familiari,   ponendo   in   essere   un   grande   forma   di   solidarietà   sociale,   fronteggiando   momenQ   di   crisi   del   welfare   che   oggi   purtroppo   grava   in   diversi  Paesi  d’europa  e  del  mondo.         Le  società  operaie  di  mutuo  soccorso   sono  state  le  prime  forme  di   aggregazione  che  hanno  saputo  reagire   contro  i  rischi  dell’esistenzialismo,  come   la  salute,  la  vecchiaia  e  la  morte,   aYraverso  la  cosQtuzione  delle  Società  di   Mutuo  Soccorso.  Ad  oggi  sono  ancora   diverse  le  Mutue  aLve  in  Italia,  circa  due   mila,  che  erogano  contribuQ  in  favore  dei   propri  assisQQ,  venendo  a  svolgere  anche   oggi  un  ruolo  di  notevole  importanza  nel   campo  del  welfare.  Sembra  quasi  essere   tornaQ  al  passato,  sembra  quasi  essere   tornaQ  in  quei  tempi  in  cui  lo  Stato  non   era  vicino  alle  famiglie  più  deboli  e  la   logica  mutualisQca  sembra  essere  più  che   mai  aYuale.  Le  odierne  Mutuo  soccorso   italiane  ed  europee  sono  più  che  mai   aLve  nel  campo  sanitario  integraQvo,  nel   campo  ricreaQvo  e  culturale  a  favore  dei   propri  associaQ.  Pertanto  possiamo  dire   che  le  “nuove”  Mutue  sono  al  passo  con  i   tempi  offrendo  sempre  più  servizi  in   favore  esclusivo  dei  propri  assisQQ,   aumentando  sempre  più  il  vero  senso   della  Mutualità  restando  fuori  da  ogni   logica  speculaQva  ed  elitaria.  L’aYuale   crisi  del  sistema  sanitario  nazionale  ha   portato  al  risorgimento  delle  società  di   mutuo  soccorso,  dando  ad  esse   l’opportunità  di  intervenire   sussidiariamente  in  favore  dei  ciYadini   che  necessitano  di  cure  e  prevenzione,   trovando  il  più  delle  volte  convenienza   per  gli  associaQ  a  rivolgersi  a  cliniche   sanitarie  altamente  specializzate  e   moderne,  convenzionate  con  le  diverse   società  di  mutuo  soccorso  di   appartenenza.  Nell’ulQmo  quinquennio   sempre  più  persone  hanno  riscoperto  il   vantaggio  della  mutualità,  capendo  che   la  solidarietà,  di  fronte  alla  malaLa  e  alla   perdita  di  autosufficienza,  è  la  formula   vincente  per  vivere  serenamente  il   È   ben   noto   che,   ad   oggi,     la   crisi   e c o n o m i c a   c h e   i n c o m b e ,   s Q a   minacciando   fortemente   le   tasche   degli   italiani…   ma   che   le   persone   debbano   rinunciare   a   curarsi   perché   “CURARSI   E’   SEMPRE  PIÙ  CARO”  è  un  altro  discorso!  Il   problema   alla   base,   purtroppo,   non   è   solo   la   riduzione   delle   disponibilità   economiche,   ma   sono   anche   cosQ   che   bisogna   affrontare   per   le   prestazioni   sanitarie.  I  ciYadini  italiani,  nel  momento   in   cui   devono   soYoporsi   a   visite   specialisQche,   intervenQ   o   quant’altro,   sono  costreL  a  combaYere  con  i  prezzi   che  si  presentano  sul  “mercato  sanitario   italiano”.   OltretuYo,   oggi,   il   ricorso   al   Sistema   Sanitario   Nazionale,   non   è   sempre   più   conveniente   rispeYo   al   privato   e,   quando   si   presentano   situazioni   di   urgenza   per   cui   il   tempo   è   elemento  vitale,  la  strada  verso  il  privato   diventa  a  direzione  obbligatoria.   Alcune  ricerche  effeYuate  nel  corso  degli   ulQmi   anni,   dimostrano   la   crescita   e   l’esuberanza   dei   cosQ   sanitari,   sia   pubblici   che   privaQ   e   una   delle   ulQme   (“Altroconsumo”-­‐   2012)   conferma,   per   alcune   prestazioni,   il   raggiungimento   a   veYe   molto   elevate.   La   gastroscopia,   ad   esempio,   esame   complesso   per   cui   spesso   i   risultaQ   richiesQ   devono   essere   imminenQ,   richiede   cosQ   in   media     alQssimi.   Ma   un   ciYadino   italiano,   che   mediamente    guadagna  €  1.300  al  mese,   per   soYoporsi   ad   un   gastroscopia   può   Il  costo  della  salute  oggi di  Carmina  San6llo pag.  3  
  5. 5. affrontare  una  spesa  che  raggiunge  quasi   i   €   600?   L’alternaQva   potrebbe   essere   il   Sistema  Sanitario  Nazionale  che,  per  una   simile   prestazione,   richiederebbe   in   media   €   50;     ma   quanto   bisognerebbe   aspeNare?   Prestazioni  come  l’ecografia  all’addome  e   la   visita   ortopedica   si   aggirano,   mediamente,  sui  €  120,00:  ma,  per  visite   così  frequenQ,  in  un  “nucleo  familiare”  a   che   livello   di   spesa   sanitaria   si   arriverebbe?   Per   entrambe,   il   SSN   si   presenta   ancora   in   veste   compeQQva,   anche   se   non   per   tuYe   le   province   oggeYo  di  studio;  Bari,  ad  esempio,  per   un’ecografia   all’addome   praQca   prezzi   poco  superiori  al  pubblico.     La   compeQzione,   invece,   è   del   tuYo   filtrata   dai   prezzi   esercitaQ   dal   privato   per  eseguire  una  semplice  panoramica  ai   denQ:  tranne  qualche  caso  eccezionale,  il   costo  medio  pubblico  è  pressoché  simile,     se   non   inferiore,   ai   €   30   di   Qcket   sanitario.   Come   venire   in   aiuto   a   tuL   coloro   che   non  possono  aspeYare  i  tempi  deYaQ  dal   Sistema   Sanitario   Nazionale   e   non   riescono   a   sostenere   i   cosQ   elevaQ   del   privato?   L’aiuto   delle   Mutue   potrebbe   divenire   fondamentale   per   tuL   i   ciYadini   che   si   trovano   o   potrebbero   trovarsi   in   situazioni  di  disagio  simili.  Il  supporto  si   concreQzza,   quindi,   nell’offrire   sostegno   economico   aYraverso   formule   di   assistenza   sanitaria   che   vanno   dai   rimborsi   delle   prestazioni   effeYuate   in   struYure   private   all’assistenza   sanitaria   pubblica. È  un  dato  oramai  certo  la  crisi  nel  nostro   sistema  sanitario  nazionale,  che    sembra   ormai   un   vecchio   e   stanco   funambolo   che   faQca   a   mantenere   l'equilibrio   a   causa   delle   molteplici   spallate   che   da   anni  conQnuano  a  colpirlo  e  della  lenta  e   progressiva   erosione   della   base   su   cui   cammina.  
 
 Le   minacce   provengono   da   più   fronQ   e   sono  sempre  più  forQ,  tanto  da  meYere   in  discussione  la  "sostenibilità"  stessa  del   Servizio   Sanitario   Nazionale,   ovvero   la   tutela   della   salute   aYraverso   quelli   che   sono   i   principi   di   universalità,   uguaglianza  e  globalità  delle  cure  che  ne   hanno   faYo   negli   anni   uno   dei   sistemi   sanitari  migliori  al  mondo.
 
 Corollario   di   questo   scenario   sono   gli   ulQmi   decenni   caraYerizzaQ   da   poliQche   di   riduzione   dell'intervento   pubblico,   di   arretramento   dello   Stato   e   di   compressione  delle  tutele  sociali.  La  crisi   economica,   infaL,   ha   trasformato   il   p o l i Q c a m e n t e   i m p o s s i b i l e   n e l   poliQcamente  inevitabile  e  offerto  strade   per  nuove  opportunità  per  sopperire  alle   cogenQ  mancanze  di  un  sistema  sanitario   nazionale  sino  ad  ora  fulcro  del  substrato   sociale  nazionale.
 
 La  nostra  CosQtuzione  all’art.  32  sancisce   che  “la  Repubblica  tutela  la  salute  come   fondamentale   diriYo   dell'individuo   e   interesse   della   colleLvità,   e   garanQsce   cure  gratuite  agli  indigenQ.  Nessuno  può   essere   obbligato   a   un   determinato   traYamento   sanitario   se   non   per   disposizione  di  legge.  La  legge  non  può  in   nessun   caso   violare   i   limiQ   imposQ   dal   rispeYo   della   persona   umana.”   DeYo   arQcolo   sancisce   il   principio   secondo   il   quale   la   salute   sia   un   bene   comune,   ovvero   inteso   come   un     “bene”   di   cui   tuL   hanno   diriYo   di   usufruire,   indipendentemente   da   ogni   condizione   di   reddito,   di   radici   etniche   e   di   opzioni   ideologiche,   l’idea   e   l’esigenza,   dunque,   che   la   salute,   intesa   come   bene   essenziale   per   la   vita   dell’uomo   debba   sfuggire   alla   logica   della   proprietà   privata,   del   mercato   e   del   profiYo   e   vadano   comunque   tutelaQ   dalla   legge   come  beni  colleLvamente    controllaQ  e   potenzialmente  disponibili  “per  tuL”,  di   interesse  di  tuL.
 
 Nel   nostro   Paese,   dotato   di   un   sistema   sanitario   pubblico,   anche   il   diriYo   egualitario   di   tuL   gli   uomini   alla   difesa   della  propria  salute  appare  ufficialmente   riconosciuto.   TuYavia     esso   appare   manifestamente   limitato   ad   un   gran   numero  di  diseguaglianze  sociali  di  vario   ordine,   che   pesano   fortemente   sia   in   relazione   ai   faYori   di   rischio   sia   in   relazione   all’accesso   e   ai   benefici   dei   servizi   sanitari.   È   ben   chiaro   che   la   promozione   della   salute   investe   quasi   ogni   seYore   della   programmazione   socio-­‐poliQca.   E   tuYavia   ,   anche   in   questo   orizzonte   sembra   importante   d o m a n d a r s i   s e ,   p e r   q u a n t o   specificatamente  le  concerne,  la  gesQone   della  sanità  possa  essere  in  grado,  nelle   sue   forme   aYuali   e   nelle   aYuali   condizioni,   di   affrontare   gli   odierni   compiQ   della   difesa   e   della   promozione   della   salute   per   tuL   i   ciYadini.   Come   tuYe   le   crisi   oltre   i   cosQ   economici   e   La  salute  come  bene  comune
 Il  ruolo  delle  Società  di  Mutuo  Soccorso di  Maria  Cagnoni pag.  4  
  6. 6. sociali   da   pagare,   spesso   si   aprono   anche  nuove  opportunità.
 
 Ed  infaL,  la  proposta  della  salute  e  della   sanità  come  “beni  comuni”  non  può  non   comportare,  inevitabilmente,  qualcosa  di   più   di   una   generica   gesQone   pubblica   della  sanità  e,  comunque,  il  superamento   dell’aYuale   modello   economiciQsco   aziendalisQco   di   sistema   sanitario   pubblico.   Pertanto   la   proposta   di   un   passaggio   della   gesQone   del   seYore   sanitario   dal   “pubblico”   al   “comune”   comporta   una   forte   enfasi   sulla     soggeLvità   sociale     e,   in   parQcolar   modo,  sull’aLva  partecipazione  colleLva   ai   vari   processi   decisionali   e   operaQvi   concernenQ  la  salute.  Da  ciò  ne  consegue   l’uQlizzazione  e  la  messa  in  campo  della   soggeLvità  dei  ciYadini,  delle  loro  varie   forme   di   organizzazione   colleLva   e   di   rappresentanza   locale   e   seYoriale,   delle   aLvità  e  dei  movimenQ  per  la  riduzione   delle  disuguaglianze  di  opportunità  e  per   la  costruzione  di  contesQ  ambientali  più   vivibili,   l’uQlizzazione   e   la   messa   in   campo,   dunque,   delle   allargate   risorse   che  ne  possono  risultare  e  che  vengono   oggi   complessivamente   definite   con   il   termine  di  “capitale  sociale”.  
 
 In   questo   quadro,   pertanto,   trovano   il   loro   spazio   e   la   loro   forza   le   Società   di   Mutuo  soccorso,  isQtuite  con  la  legge  n.   3818   del   1886,   ulQmamente   modificata   dal   D.Lgs.   n.   179   del   18   OYobre   2012,   converQto  in  Legge  il  13  Dicembre  2012.   Queste   ulQme   cosQtuiscono   la   rappresentazione   del   ruolo   della   mutualità   in   risposta   alla   crisi   del   welfare.  AYualmente  in  Italia  sono  aLve   circa   2.000   società   di   mutuo   soccorso   che  svolgono  principalmente  fornitura  di   assicurazione   sanitaria   integraQva   e   di   sostegno  in  caso  di  fabbisogno.  
 
 Il   mutuo   soccorso   nasce   principalmente   come  risposta  colleLva  alle  conseguenze   d r a m m a Q c h e   d e l   p r o c e s s o   d i   industrializzazione  e  segna  l’affermazione   concreta  della  rivendicazione  di  dignità  e   di  autonomia  di  interi  gruppi  sociali  che   affermano   concretamente   la   volontà   di   difendersi   colleLvamente   dai   rischi   del   mercato
 
 AYualmente   le   Società   di   Mutuo   Soccorso   (SOMS)   cosQtuiscono   organizzazioni   non   lucraQve   tenute   a   reinvesQre   i   propri   uQli   secondo   i   fini   statutari.   Coloro   che   vi   aderiscono   d i v e n t a n o   s o c i   c o n   d i r i Y o   d i   partecipazione  agli  organismi  di  governo.   Non   discriminano   all’accesso   e   non   praQcano   il   diriYo   di   recesso.   PraQcano   tariffe   inferiori   a   quelle   di   altre   organizzazioni  grazie  alla  loro  capacità  di   realizzare   economie   di   gesQone,   di   avvalersi,   almeno   in   parte,   di   volontariato,   di   sQpulare   convenzioni   v a n t a g g i o s e   s o p r a Y u Y o   c o n   organizzazioni   che   fanno   parte   del   sistema   cooperaQvo,   di   godere   di   una   fiscalità  agevolata.   La   struYura   organizzaQva   delle   società   di   mutuo   soccorso   mostra   concretamente  la  possibilità  di  coniugare   efficienza   e   democrazia,   salvaguardando   i   valori   di   giusQzia   sociale.Pertanto   sulla   base  di  quanto  sino  ad  ora  esposto  si  può   concretamente   affermare   che   le   Società   di  Mutuo  Soccorso  possono  cosQtuire  un   modello   di   sanità   privata   che   non   intenda  entrare  nelle  logiche  di  mercato   p r o p o s t e   d a l l e   c o m p a g n i e   d i   assicurazione.   Ed   infaL   per   chi   si   interroga   sul   futuro   del   welfare   e   sulle   sue   mancate   promesse,   l’interesse   scaturisce   dalla   r i c e rca   d i   fo nQ   a l te r n aQ ve   d i   finanziamento   della   sanità   e   dalla   constatazione   che   il   ricorso   al   mercato   aYraverso  le  compagnie  di  assicurazione   ha  dato  finora  risultaQ  modesQ.   Quale   sarà   il   futuro   percorso   delle   Società  di  Mutuo  Soccorso,  non  ci  è  dato   saperlo   ma   ciò   che   conta   in   questo   scenario  di  profonda  insoddisfazione  nel   Servizio  Sanitario  Nazionale  non  può  che   far   sperare   e   desiderare   uno   sviluppo   sempre  maggiore  di  queste  nuove  forme   di   mutualità,   che   vedono   come   punto   centrale   della   propria   struYura   l’individuo  e  la  colleLvità. pag.  5   Molte   delle   malaLe   croniche,   tra   le   principali   cause   di   morte,   si   possono   prevenire   adoYando   sQli   di   vita   salutari   fin   dall’età   giovanile.   Il   programma   “Guadagnare   salute”   della   Regione   europea   dell’Organizzazione   mondiale   della  sanità  (Oms)  è  stato  adoYato  anche   in   Italia   dal   2007.   Esso   sosQene   gli   intervenQ   dei   vari   seYori   economici,   sanitari   e   di   comunicazione,   aL   a   contrastare   la   diffusione   dei   principali   faYori   di   rischio,   quali   fumo,   alcol,   sQli   alimentari   non   salutari   e   sedentarietà,   quesQ   ulQmi   streYamente   connessi   all’obesità.   In   Italia,   nel   2012,   con   Fumo,  alcool  e  obesità:  lo  sguardo  d’insieme di  Manuela  FabbreK
  7. 7. riferimento  alla  popolazione  di  14  anni  e   più,  i  fumatori  rappresentano  il  21,9  per   cento,   i   consumatori   di   alcol   a   rischio   il   14,1   per   cento,   mentre   la   prevalenza   delle   persone   obese   ammonta   al   10,4   per  cento  della  popolazione  adulta  di  18   anni  e  più.   Nel  complesso,  fumo,  alcol  e  obesità   interessano  sopraYuYo  gli  uomini,  con   differenze  rispeYo  alle  fasce  di  età:  i   fumatori  raggiungono  le  percentuali  più   elevate  nelle  fasce  di  età  centrali  (35,9   tra  gli  uomini  di  25-­‐34  anni  e  23,4  tra  le   donne  di  45-­‐54  anni),  mentre  il  consumo   di  alcol  a  rischio  è  più  diffuso  tra  gli   anziani  di  65-­‐74  anni  (42,9  contro  l'11,6   delle  donne)  e  tra  i  giovani  di  18-­‐24  anni   (21,0  contro  il  9,5  delle  donne).  Infine,   l’obesità  aumenta  dopo  i  35  anni,  con   differenze  di  genere  a  svantaggio  degli   uomini  che  si  riducono  tra  le  persone   anziane.   La  promozione  e  la  prevenzione  della   salute  è  un  faYore  determinante  per  il   benessere  della  persona,  per  la  qualità   della  vita  ma  anche  per  la  sostenibilità   del  sistema  sanitario.  E’  importante   quindi,  intervenire  alla  radice,  cercando   di  istruire  e  costruire  un  sistema   autoregolato  dai  ciYadini,  volto  ad   influire  sulla  percezione  e  le  abitudini  in   termini  di  salute  per  noi  stessi  ed  i  nostri   cari.     Fonte  da6  sta6s6ci  “Istat  -­‐  Ministero   della  Salute” pag.  6  

×