Visioni Urbane




Spazi creativi a confronto
        Alberto Cottica
Cittadellarte - Biella
            ●   Mission: “ispirare e
                produrre un
                cambiamento
      ...
Cittadellarte nel 2007
Cos'è              Una ex filanda a Biella. Ospita atelier,
                   spazi espositivi, un...
Cittadellarte nel 2007/2
Ricavi (Keuro)                                                                      1200
Dalla Re...
Officina giovani - Prato
            ●   Mission: essere un
                luogo di crescita e
                una vetrin...
Officina giovani nel 2007

Cos'è             Un ex macello comunale a Prato. Ospita una sala
                  eventi da c...
Officina giovani nel 2007/2
Quanto ricava         circa 20K da affitti di spazi. Tutte le altre attività sono
            ...
OZU – Monteleone di Sabina (RI)
                ●   “creare un posto
                    dell’incontro, della
            ...
OZU nel 2007

Cos'è        Una ex fabbrica di caramelle in aperta campagna, a
             Monteleone di Sabina. Il paese ...
OZU nel 2007/2
Quanto ricava         0 (?). Non ci sono finanziamenti pubblici. I ricavi
                      vengono dal...
The Junction - Cambridge
            ●   Mission: essere un
                receiving venue, un
                luogo dove...
The Junction nel 2006
Cos'è              Un edificio di Cambridge salvato dalla
                   demolizione e riadattat...
The Junction nel 2006/2
Concerti (anno 2003/2004)                                                56
Club nights           ...
La Friche de la Belle de Mai - Marsiglia
                     ●   Mission: incubatore
                         culturale a...
La Friche nel 2007
Cos'è             UN'ex manifattura tabacchi di Marsiglia,
                  chiusa nel 1990. E' uno sp...
La Friche nel 2007/2
Quanto costa          Nel 2001 l'associazione System Friche
                      Theatre costava cir...
Cable Factory - Helsinki
            ●   Mission: creare le
                condizioni di lavoro
                favorevol...
Cable Factory nel 2007
Cos'è               Una ex fabbrica di cavi sottomarini anni 40.
                    Nokia ne affit...
Cable Factory nel 2007/2
Ricavi (Keuro)                                                       3500
Reinvestiti nella strut...
Il modello ResArtis
●   Non uno spazio, ma un modo di gestire attività
●   Luoghi di grande fascino che contengono
    lab...
Riepilogo

                   Cittadellarte        Officina Giovani         OZU                   The Junction            ...
Idee guida per la Basilicata?
●   polifunzionalità. Luoghi che favoriscano l'incontro e
    l'ibridazione tra artisti e i ...
Idee guida per la Basilicata?/2
●   Una rete di spazi, con un coordinamento
    regionale
●   Un “consiglio di saggi” comp...
Avvertenza finale
●   Gestire uno spazio implica responsabilità
    rilevanti che può sottrarre energie all'attività
    a...
Fonti
●   Siti web degli spazi
●   Per Cittadellarte, Officina Giovani e OZU: interviste dirette, 19-
    21 dicembre 2007...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Spazi creativi a confronto

2,446 views

Published on

Un confronto tra spazi europei dedicati alla cultura e alla creatività. Presentazione al workshop del progetto Visioni Urbane, Matera 12 febbraio 2008

Published in: Health & Medicine, Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,446
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
143
Actions
Shares
0
Downloads
40
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Spazi creativi a confronto

  1. 1. Visioni Urbane Spazi creativi a confronto Alberto Cottica
  2. 2. Cittadellarte - Biella ● Mission: “ispirare e produrre un cambiamento responsabile nella società attraverso idee e progetti creativi”. ● Molta attenzione per l'economia (edilizia sostenibile, comunicazione valoriale per i distretti industriali ecc.)
  3. 3. Cittadellarte nel 2007 Cos'è Una ex filanda a Biella. Ospita atelier, spazi espositivi, una mostra permanente, un ristorante, un bookshop e spazi per associazioni satelliti Cosa fa Il motore dell'attività è un programma di residenza per 30 giovani artisti da tutto il mondo, che vivono e lavorano a Cittadellarte durante l'estate Superficie Circa 10K mq. Un altro fabbricato da 10K è in attesa di restauro. Gestione Fondazione privata che controlla associazioni e srl. Ne è direttore artistico Michelangelo Pistoletto. Personale 30 persone in sede, più o meno tutte a progetto, più collaboratori
  4. 4. Cittadellarte nel 2007/2 Ricavi (Keuro) 1200 Dalla Regione 250 Dalle fondazioni bancarie 100 Da progetti o bandi 400 Da mostre o altri eventi 450 Costi di personale 520 Riscaldamento 56 Costi finanziari 60 Problemi principali “L'economia della cultura in Italia funziona con pagamenti molto ritardati: se non si sta attenti si lavora per le banche. Il nonprofit ha vincoli giuridici che rende difficile crescere.” Vantaggi principali “Il sistema ci sorregge, abbiamo un sistema finanziario competitivo, lavoriamo con 10 banche, il salone del libro, tutto il cosiddetto terziario evoluto. E Pistoletto!” Hanno anche una rete di relazioni di classe mondiale.
  5. 5. Officina giovani - Prato ● Mission: essere un luogo di crescita e una vetrina per i giovani artisti ● Si tiene al di fuori dai circuiti professionali: gli spettacoli non vengono pagati. Mira un po' più alta sui workshops tematici.
  6. 6. Officina giovani nel 2007 Cos'è Un ex macello comunale a Prato. Ospita una sala eventi da circa 400 posti, un bar e vari spazi minori per laboratori o prove musicali e teatrali. Cosa fa Programma spettacoli (quasi tutti i giorni, 11 mesi all'anno) di artisti giovani e destinati ai giovani. Ha anche un programma di workshops e di corsi per aiutare i giovani artisti a muovere i primi passi Superficie 5-6K mq Gestione Servizio del Comune di Prato. Sorveglianza, pulizia, manutenzione e i 3 assistenti sono a carico di un consorzio di cooperative, che può affittare lo spazio per matrimoni e simili. La direttrice ha un contratto con il Comune. Personale 4 più i docenti, tecnici avventizi, ecc.
  7. 7. Officina giovani nel 2007/2 Quanto ricava circa 20K da affitti di spazi. Tutte le altre attività sono gratuite. Quanto costa circa 180K (54K al consorzio per la gestione, più circa 50K per le attività, 12K per le utenze, 55K lo stipendio della direttrice) Principali vantaggi “Questa è una terra molto ricca, ci sono istituzioni culturali di buon livello e artisti importanti che vivono qui con cui possiamo collaborare.” Principali problemi “Non c'è autonomia amministrativa, e servono 5 passaggi amministrativi per pagare un rimborso da 100 euro; mancano i soldi per la promozione.”
  8. 8. OZU – Monteleone di Sabina (RI) ● “creare un posto dell’incontro, della mescolanza e della contaminazione tra il mondo e il territorio della Sabina” ● Molti progetti con il territorio, partendo dalle attività e le risorse culturali locali. Residenze artistiche, con molti legami internazionali
  9. 9. OZU nel 2007 Cos'è Una ex fabbrica di caramelle in aperta campagna, a Monteleone di Sabina. Il paese più vicino è a cinque minuti d'auto e conta 900 abitanti Cosa fa Laboratori e residenze per artisti, di cui molti stranieri. Progetti sul territorio: alcuni sul cibo, un festival musicale, video, storia e memoria, ecc. Superficie 1.250 mq Gestione Associazione culturale privata. I soci sono 14 (molto giovani salvo un capo carismatico 60enne), di cui cinque vivono all'OZU Personale nessun dipendente. I soci mandano avanti le attività.
  10. 10. OZU nel 2007/2 Quanto ricava 0 (?). Non ci sono finanziamenti pubblici. I ricavi vengono dalle attività dei soci ospitate in OZU (esempio: Camera Chiara, lo studio grafico del presidente Enrico Blasi) Quanto costa I costi fissi sono circa 26K (1,2 Keuro di affitto – l'immobile è della Comunità montana - e 1 Keuro per un mutuo che ha finanziato la ristrutturazione). Non abbiamo informazioni sui costi delle attività. Principali vantaggi Spirito di iniziativa, relazioni internazionali forti (rete Trans European Halles, come The Junction; due dei soci sono stranieri); la ristrutturazione affidata direttamente ai creativi ha prodotto uno spazio bello e funzionale a costi contenuti. Principali problemi Molto inesperti nella ricerca di finanziamenti pubblici e di sbocchi di mercato. Il territorio è spopolato e apatico; la vicinanza di Roma “spiazza” le attività culturali locali.
  11. 11. The Junction - Cambridge ● Mission: essere un receiving venue, un luogo dove si fa spettacolo ● Nasce per iniziativa di un gruppo di giovani, insoddisfatti per la mancanza in città di strutture per l'intrattenimento.
  12. 12. The Junction nel 2006 Cos'è Un edificio di Cambridge salvato dalla demolizione e riadattato. Ospita una sala da 1000 posti, una da 220 e uno spazio prove, oltre a sale corsi, tre bar e un ristorante. Cosa fa Spettacoli, laboratori ed eventi locali (1050 nel 2005), soprattutto musicali. Fa anche corsi e programmi di valorizzazione ed esportazione delle produzioni artistiche locali (Escalator). Superficie ? Gestione Ente privato non profit. Controlla una società for profit di produzione eventi. Personale 35 fissi, più circa 100 collaboratori, buttafuori etc.
  13. 13. The Junction nel 2006/2 Concerti (anno 2003/2004) 56 Club nights 120 Teatro e danza 58 Community events 50 Lezioni e laboratori 520 Ricavi (Keuro) 4000 Contributi pubblici 540 Vendite biglietti (123.000!) 1350 Bar 1200 Ricavi TJ Export 540 Vantaggi principali Rapporto fortissimo con il territorio (Cambridge ha solo 120.000 abitanti), che lo porta in palmo di mano. Grande esperienza e abilità nel gestire lo spazio. Problemi principali Non genera un vero indotto sulle produzioni artistiche locali. Ha un programma di sostegno al talento, ma non sembra ci creda davvero.
  14. 14. La Friche de la Belle de Mai - Marsiglia ● Mission: incubatore culturale a vocazione prevalentemente teatrale ● Inserito in un quartiere disagiato di Marsiglia, il centro ha forti benefici sociali. Ospita 60 strutture che si occupano di arte a vario titolo.
  15. 15. La Friche nel 2007 Cos'è UN'ex manifattura tabacchi di Marsiglia, chiusa nel 1990. E' uno spazio enorme (120K mq), che ospita anche gli archivi cittadini e spazi commerciali. Cosa fa Affitta gli spazi a disposizione – a prezzo politico – a soggetti che vogliono produrre e rappresentare arte. Nel 2001 le strutture ospitate erano 60, tra media e comunicazione, produttori e artisti Superficie 45K mq Gestione Associazione privata. Gli associati sono il Massalia Theatre de Marionettes e Aide de Musiques Innovatrices Personale 45 nell'associazione (senza contare le strutture ospitate)
  16. 16. La Friche nel 2007/2 Quanto costa Nel 2001 l'associazione System Friche Theatre costava circa 2300 Keuro; le 60 strutture ospiti portavano il totale a circa 7600. Nel 2003 dichiarava un totale di 10600 Keuro. Quota finanziamento 85% per System Friche Theatre; 75% pubblico (2001) comprendendo anche le 60 strutture ospiti Vantaggi principali Grande prestigio associato all'idea di produrre arte alla Friche. Direttore carismatico, di formazione artistica. Rapporto forte con il comune. Problemi principali Fortemente dipendente dai trasferimenti pubblici
  17. 17. Cable Factory - Helsinki ● Mission: creare le condizioni di lavoro favorevoli per gli artisti e i creativi gestendo uno spazio. ● “Gestire” in questo caso vuol dire “affittare”. L'operazione è di servizio alla creatività, non di produzione artistica diretta.
  18. 18. Cable Factory nel 2007 Cos'è Una ex fabbrica di cavi sottomarini anni 40. Nokia ne affitta una parte negli anni 80, e alcuni artisti vi si insediano. Negli anni 90 Nokia la regala al Comune (da ristrutturare). Cosa fa Affitta gli spazi a disposizione – ce ne sono molti, dai 2400 posti in giù – a artisti, creativi vari (per esempio produttori televisivi) e anche clienti corporate. Con i proventi ristruttura altre parti della fabbrica. Gli affitti sono sia di breve termine es. auditorium) che di lungo (es. studios). Superficie 55K mq Gestione Società immobiliare di proprietà del Comune. Personale 7 più 35 volontari e “socially employed workers”
  19. 19. Cable Factory nel 2007/2 Ricavi (Keuro) 3500 Reinvestiti nella struttura circa la metà dei ricavi nel 2001. Attualmente sconosciuto Contributi pubblici nessuno. Restano a carico del Comune (proprietario) i costi di manutenzione straordinaria Contratti in essere 320 Chi affitta? 100 artisti, 70 gruppi musicali, 3 musei, 8 gallerie d'arte, due stazioni radio, una televisiva, un ristorante e un café, scuole di danza, teatri, 6 palestre ecc. ecc. Gestione Società for profit di proprietà del Comune. Personale 7 più 35 volontari e “socially employed workers”
  20. 20. Il modello ResArtis ● Non uno spazio, ma un modo di gestire attività ● Luoghi di grande fascino che contengono laboratori e attività artistiche ● In parte formazione all'arte, in parte leisure
  21. 21. Riepilogo Cittadellarte Officina Giovani OZU The Junction La Friche Cable Factory Gestione Fondazione privata Servizio comunale + Associazione Associazione Associazione Società immobiliare consorzio coop Mission “cambiamento sociale “essere un luogo di “un posto “receving venue a “incubatore culturale “creare le condizioni responsabile nella crescita e una vetrina dell’incontro, della prezzi accessibili” in un luogo di disagio” perché i creativi società attraverso per i giovani artisti” mescolanza e della possano lavorare progetti creativi” contaminazione tra il bene” mondo e il territorio” Ospita altri? Sì No Sì No Sì Sì Mq 10.000 5.000 1.250 8.000 45.000 55.000 Personale fisso 30 4 0 35 45 7 Bilancio (Keuro) 1.200 180 26 4.000 10.600 3.500 3.000 l'associazione, 10.600 l'intero sistema
  22. 22. Idee guida per la Basilicata? ● polifunzionalità. Luoghi che favoriscano l'incontro e l'ibridazione tra artisti e i legami di scena (Officina Giovani, OZU, The Junction, La Friche, Cable Factory, Cittadellarte un po' meno) ● modularità vs. fascino. Edifici industriali o commerciali recuperati, semplici da suddividere all'interno a seconda delle necessità (tutti, ma in Italia esistono altre vie). ● residenzialità. Ospitare artisti “da fuori” per aumentare la propria offerta sul territorio e acquisire nuovi rapporti (Cittadellarte, OZU, La Friche, Cable Factory). ● offerta di servizi (es. spettacoli) rivolta al territorio per acquisire consenso e generare ricavi (Officina Giovani, OZU, The Junction, La Friche).
  23. 23. Idee guida per la Basilicata?/2 ● Una rete di spazi, con un coordinamento regionale ● Un “consiglio di saggi” composto di persone di livello internazionale, che elabora una strategia culturale (o industrial-creativa) per il territorio
  24. 24. Avvertenza finale ● Gestire uno spazio implica responsabilità rilevanti che può sottrarre energie all'attività artistica ● Un artista che sente di dovere seguire il proprio percorso al di sopra di tutto probabilmente farà bene a non assumersi responsabilità gestionali di lungo periodo ● Per un organizzatore culturale non c'è conflitto tra responsabilità e crescita culturale ● Siete più artisti o più organizzatori culturali?
  25. 25. Fonti ● Siti web degli spazi ● Per Cittadellarte, Officina Giovani e OZU: interviste dirette, 19- 21 dicembre 2007 ● Per The Junction: intervista diretta e contatto email, estate 2006. A. Cottica, R. Falcone e A. Missingham, 2006, “Strumenti innovativi per lo sviluppo delle industrie creative: esperienze e lezioni dall'UK”, rapporto di ricerca, Milano (link) ● Per La Friche e Cable Factory: SDA Bocconi, 2001, “La Fabbrica del Vapore: prime indicazioni sulle possibile alternative organizzative”, rapporto di ricerca, Milano

×