Digital trend nel fashion retail: dall’interazione all’acquisto

4,885 views

Published on

Le aziende del fashion ti vendono vestiti su Internet e tu non lo sai - 8 modi per farlo

3 Comments
11 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
4,885
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2,531
Actions
Shares
0
Downloads
174
Comments
3
Likes
11
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Digital trend nel fashion retail: dall’interazione all’acquisto

  1. 1. Francesca De Gottardo - @thePorden Digital trend nel fashion retail: dall’interazione all’acquisto Social network e nuove tecnologie per il fashion retail
  2. 2. Di cosa parliamo oggi? Indice 2 • Social network per il fashion retail • Pinterest • Instagram • Twitter • Snapchat • Jelly • Technologies
  3. 3. Pinterest
  4. 4. Pinterest per il fashion retail Search VS discovery 4 •Pinterest sta cambiando il modo in cui le persone acquistano online •Sottolinea la differenza tra • search (cerchi una cosa che già vuoi) • discovery (scopri di volere una cosa bellissima tra altre cose belle)
  5. 5. Pinterest per il fashion retail Trusted word-of-mouth 5 •La ricerca Nielsen del 2012 ha dimostrato che il 92% dei consumatori mondiali si fida delle raccomandazioni via passaparola •Di conseguenza, i prodotti che ricevono molti pin sono garanzia maggiore, perché i consumatori si fidano del giudizio di altri consumatori •Pinterest in questo modo incoraggia la fiducia del consumatore nell’acquisto
  6. 6. Pinterest per il fashion retail Strumenti utili 6 •Pin it button permette all’utente di pinnare un oggetto da qualsiasi sito direttamente nelle proprie board •Rich pin permettono all’azienda di inserire info di prodotto, disponibilità, punto vendita più vicino e link all’e-commerce •Promoted pin pin sponsorizzati, ancora in sperimentazione •Now-trending tool per il momento disponibile solo per i partner Walmart.com e Zappos.com, è uno strumento che consente all’azienda di aggiornare i propri prodotti e-commerce in tempo reale con i dati di Pinterest •Analytics
  7. 7. Pinterest per il fashion retail - Best Case Pinterest + Target = Awesome shop 7Grazie ai rich pins, Target ha aumentato il traffico da Pinterest all’ecommerce del 70%. Per sfruttare questa potenzialità, ha creato il sito http://awesomeshop.target.com/
  8. 8. Cos’è Awesome shop? 8 •È un database di oltre 1.000 prodotti che incrociano il sistema di rating di Target con il numero di pin ricevuti dagli utenti •È una lista di prodotti altamente raccomandati, non da Target ma dagli altri utenti •La selezione di un prodotto rimanda al sito principale Target.com per acquisto Pinterest per il fashion retail - Best Case
  9. 9. Dear Topshop 9 Integrazione di Pinterest online e in store Pinterest per il fashion retail - Best Case
  10. 10. Pinterest per il fashion retail - Best Case Pinterest come guida online 10 •“Dear Topshop” è una gift search embeddata nel sito di Topshop •I prodotti con più pin sono mostrati nella homepage del sito •I prodotti possono essere pinnati, condivisi e comprati da tutti i canali online di Topshop
  11. 11. Pinterest in store 11 La campagna Dear Topshop in collaborazione con Pinterest coinvolge anche gli store del brand •I prodotti più pinnati online sono segnalati in store con tag di Pinterest •Touch screen giganti nei negozi di Londra e New York permettono ai clienti di pinnare / condividere / comprare i prodotti in diretta •iPad in mano a commessi con magliette con il logo di Pinterest amplificano la campagna Pinterest per il fashion retail - Best Case
  12. 12. Nordstrom 12 • Nordstrom organizza il proprio e- commerce sulla base dei pin ricevuti dai prodotti • Cura una sezione Pinspiration, aggiornata settimanalmente • Anche in store sono segnalati i prodotti top pinned Pinterest per il fashion retail - Best Case
  13. 13. Instagram
  14. 14. Instagram per il fashion retail Pro e contro 14 PRO: •Instagram ottiene 15 volte i livelli di engagement di Facebook •È un social diffuso anche in Cina •La sua forma altamente visiva ne fa una sorta di window shopping tool CONTRO: •Non è possibile usare link e click through •Difficile misurare il tasso di conversione dell’engagement in vendite
  15. 15. Instagram per il fashion retail Cos’è Instagram Direct 15 A dicembre, Instagram ha lanciato una nuova funzione per inviare messaggi solo a determinati utenti • iOS e Android • massimo 15 destinatari alla volta • ci deve essere sempre una foto/ video
  16. 16. Instagram per il fashion retail Che cosa si può fare 16 • Premiazione ai follower che interagiscono più velocemente / meglio • Photo contest per un gruppo selezionato di persone • Invio di coupon • Scambio di contenuti esclusivi / UGC • Customer service • Promozioni speciali L’invio di coupon converte l’engagement in acquisto
  17. 17. Instagram per il fashion retail - Best Case Il primo photo contest con ID - Gap 17 GAP ha lanciato un photo contest solo due ore dopo il rilascio di Instagram Direct. Le prime 15 persone che avessero commentato la foto sul profilo del brand avrebbero partecipato a un contest ristretto sul tema What I Wore Today. In palio una custodia per tablet.
  18. 18. Reward per i super users - Michael Kors 18 Instagram per il fashion retail - Best Case Michael Kors ha utilizzato Intagram Direct per premiare i propri fan più fedeli, invitandoli a postare una foto con hashtag #MKDirect. I primi 50 che l’avessero fatto avrebbero ricevuto un messaggio personale di Michael Kors entro 24 ore.
  19. 19. Twitter
  20. 20. Twitter per il fashion retail Twitter e i flash sales 20 • Twitter consente di condividere link all’e- commerce e codici promozione con numero molto alto di utenti nello stesso momento • Sfrutta il meccanismo del RT per aumentare il reach e raggiungere più utenti, anche non follower del brand • Fa leva su due principi: • senso di esclusività (solo chi è online in quel preciso lasso di tempo ha diritto allo sconto) • acquisto d’impulso (call to action a scadenza brevissima)
  21. 21. Twitter per il fashion retail - Best Case American Apparel 21 • Applica flash sales • Usa Twitter card e promoted tweets per raggiungere nuovi consumatori • Invia codici sconto e gift card • Collega online e offline grazie a hashtag tematici (es #AAHalloween)
  22. 22. Snapchat
  23. 23. Snapchat per il fashion retail Snapchat per il fashion 23 • Snapchat è una app di messaggistica istantanea che consente di inviare foto agli amici • La foto è visibile per 10 secondi e poi scompare Nel fashion viene usata per: • sneak peek delle nuove collezioni • condividere contenuti backstage • instant giveaways • flash sales
  24. 24. Snapchat per il fashion retail - Best Case Karmaloop invia coupon su Snapchat 24 • Gli utenti hanno 10 secondi di tempo per fare uno screenshot dello sconto Perché funziona: • Esclusività: solo chi è abbastanza veloce ed è online in quel momento avrà diritto allo sconto • Gamification: metodo di engagement perfetto per il target del brand • Acquisto d’impulso
  25. 25. Jelly
  26. 26. Jelly per il fashion retail La app per chiedere cose 26 • Jelly è una app per fare domande e ricevere risposte sfruttando le proprie amicizie sui social network • L’utente condivide un’immagine accompagnata da una domanda e amici + amici di amici di Fb e Tw rispondono (o inoltrano la domanda)
  27. 27. Jelly per il fashion retail A cosa può servire nel fashion retail 27 • Fare domande su un proprio prodotto • Dare risposte alle domande dei consumatori sui propri prodotti • Interrogare i consumatori sulle scelte future Obiettivi 1. Brand awareness 2. Engagement 3. Innovazione di prodotto (focus group allargato)
  28. 28. Technologies
  29. 29. Queste tecnologie possono essere utilizzate per 1. Proximity marketing 2. Organizzare flash sales / inviare coupon personalizzati per il consumatore in store 3. Fornire informazioni sui prodotti secondo la geolocalizzazione del consumatore 4. Pagamenti contacless 29 Technologies for fashion retail Tracking technologies 1 2 3 4
  30. 30. •Tecnologia basata su access point che si collegano automaticamente agli iPhone nelle vicinanze se hanno •bluetooth attivo •app installata •In sperimentazione negli Apple stores e in punti vendita di Macy’s selezionati 30 iBeacon traccia i movimenti in store Technologies for fashion retail
  31. 31. 31 Stufi del QR code? Snaptag! • Consente di codificare il logo stesso del brand al posto dell’anonimo quadratino bianco e nero • Se inquadrato con un device che ha installata la app, dà accesso a offerte, promozioni e informazioni • Il logo diventa uno strumento di branding e di vendita Technologies for fashion retail
  32. 32. 32 Stylewhile: una app per il virtual try-on • Scelta tra modelle con diversi body type • Personalizzazione con il proprio volto • Possibilità di visualizzare l’effetto dell’abito indossato senza realmente provarlo • In partnership con Saks Fifth Avenue Technologies for fashion retail
  33. 33. 33 Shoppable storefronts • Consentono di fare browsing dei prodotti e di procedere all’acquisto via PayPal senza entrare nel negozio • Touch screen situati fuori dagli store • Risparmio di tempo, invio dei prodotti a casa / ritiro in magazzino • ES: Kate Spade Saturday, eBay Technologies for fashion retail
  34. 34. Gummy Industries S.r.l. Via Manzoni 22/c 25126, Brescia Tel 030 5241468 www.gummyindustries.com twitter.com/gummyindustries info@gummyindustries.com Grazie!

×