Le Caratteristiche Delle Imprese Industrisli

5,735 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
5,735
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
52
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le Caratteristiche Delle Imprese Industrisli

  1. 1. Il sistema produttivo Le caratteristiche delle imprese industriali Prof.ssa Sonia Nodari
  2. 2. La produzione è l’attività umana che, mediante la combinazione di beni ed energie, rende disponibili nuovi beni o accresce l’utilità di quelli preesistenti o fornisce servizi. PRODUZIONE Diretta Indiretta Trasformazione fisico-tecnica Accrescimento di utilità Produzione di Processi di beni servizi conservazione distribuzione Prof.ssa Sonia Nodari
  3. 3. Nei Paesi ad economia di mercato il sistema produttivo è formato prevalentemente da imprese che attraverso aziende orientate al profitto operano nei diversi settori dell’attività economica:  Settore primario (imprese agricole, imprese estrattive, imprese di caccia e pesca)  Settore secondario (imprese di costruzione e imprese industriali)  Settore terziario (imprese commerciali e imprese di servizi tradizionali - quali il trasporto e l’intermediazione creditizia – e specializzati - quali consulenza finanziaria e fiscale, ricerche di mercato,ecc…) e terziario avanzato (fornitura dei moderni servizi specializzati) Prof.ssa Sonia Nodari
  4. 4. Tanto più un sistema produttivo è sviluppato, quanto più elevata è la ricchezza prodotta dalla nazione  Sia in termini di occupati  Sia in termini di PIL (prodotto interno lordo) Prof.ssa Sonia Nodari
  5. 5. Le imprese industriali  Attuano un processo di trasformazione di materie prime e semilavorati, o di assemblaggio di parti componenti per ottenere prodotti finiti (processo di produzione tecnica)  Attuano un processo produttivo in senso economico con lo scambio dei prodotti ottenuti Prof.ssa Sonia Nodari
  6. 6. Indipendentemente dal settore di appartenenza, il processo tecnico di produzione consente di ottenere alternativamente o congiuntamente:  semilavorati o parti componenti, per successive operazioni di trasformazione o montaggio attuate da altre imprese industriali;  beni strumentali, che serviranno a loro volta per ottenere altri beni e/o servizi;  prodotti finiti, destinati ai consumatori o agli utilizzatori finali. Prof.ssa Sonia Nodari
  7. 7. Il processo di fabbricazione È l’insieme di operazioni, tra loro coordinate, attraverso le quali i fattori della produzione vengono inseriti nell’attività tecnica di trasformazione secondo determinate regole, modalità, quantità e rapporti, con l’obiettivo di ottenere un prodotto Prof.ssa Sonia Nodari
  8. 8. Le tecniche di produzione che ciascuna azienda utilizza dipendono da:  costo dei fattori produttivi utilizzati e dalla possibilità di sostituirli per ottenere una stessa quantità di prodotto  conoscenze tecnologiche (es: robotica aziendale)  organizzazione del lavoro (ruoli, mansioni, responsabilità, professionalità e motivazione persone assegnate alle diverse fasi del processo di fabbricazione) Prof.ssa Sonia Nodari
  9. 9. Nella fabbrica del passato Le lavorazioni avvenivano con le tecniche proprie della catena di montaggio, che richiedeva l’estrema parcellizzazione del lavoro in movimenti elementari e dalla quale scaturivano prodotti identici e standardizzati Prof.ssa Sonia Nodari
  10. 10. Oggi le nuove tendenze si sviluppano verso forme di organizzazione che implicano il lavoro in èquipe e la consapevolezza a tutti i livelli aziendali degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Prof.ssa Sonia Nodari
  11. 11. Modalità per organizzare un processo di fabbricazione Produzione Produzione verticalizzata deverticalizzata (in outsourcing) Accentramento di tutte le Decentramento di alcune operazioni e le fasi operazioni o alcune fasi necessarie per produrre il presso diverse unità bene/servizio all’interno di produttive. La produzione un’unica impresa avviene con il concorso di più imprese Prof.ssa Sonia Nodari
  12. 12. La classificazione delle imprese industriali può essere a seconda  Dell’attività produttiva  Dei fattori produttivi principalmente impiegati nel processo produttivo  Di chi fornisce i materiali da trasformare  Delle caratteristiche del flusso produttivo  Della destinazione immediata della produzione effettuata  Del numero dei prodotti ottenuti  Delle dimensioni Prof.ssa Sonia Nodari
  13. 13. Attività produttiva Imprese Imprese labour intensive capital intensive  è impiegato principalmente il  bassa intensità di lavoro fattore umano  alta intensità di capitale  vi è una bassa intensità di capitale  richiedono elevati investimenti  operano nei settori tradizionali (es: in ricerca e sviluppo e in beni tessile) strumentali  forte concorrenza dei paesi del  operano anche nei settori sud-est asiatico tradizionali ma con produzioni fortemente automatizzate Prof.ssa Sonia Nodari
  14. 14. A seconda di chi fornisce i materiali da trasformare si hanno:  Imprese che trasformano materiali propri, precedentemente acquistati  Imprese che effettuano lavorazioni per conto terzi, trasformando le materie fornite da imprese clienti. Sono in genere di piccole dimensioni e hanno scarsa autonomia operativa Prof.ssa Sonia Nodari
  15. 15. A seconda delle caratteristiche del flusso produttivo, si hanno • Imprese con produzioni job-shop: realizzano un numero limitato di prodotti conformi a specifiche caratteristiche definite dal cliente • Imprese con produzioni a lotti: i prodotti sono fabbricati in serie, ossia sono tutti uguali e per quantità prestabilite (lotti) • Imprese con produzioni in linea: realizzano elevati volumi di produzioni di varietà piuttosto contenuta; i cicli produttivi, ripartiti per linee di prodotti, sono ripetitivi e omogenei • Imprese con produzioni di processo: realizzano ingenti volumi di prodotti fortemente standardizzati, la cui natura richiede la realizzazione di un ciclo di trasformazione senza interruzioni (es: acciaierie, cementifici) Prof.ssa Sonia Nodari
  16. 16. A seconda della destinazione immediata della produzione effettuata, si hanno:  Imprese che effettuano lavorazioni su commessa I prodotti ottenuti sono immediatamente consegnati al cliente che li ha ordinati  Imprese che effettuano lavorazioni per il mercato Producono sulla base della presunta domanda di mercato (“imprese che producono per il magazzino”)  Imprese che effettuano sia lavorazioni su commessa sia produzioni per il mercato (in genere producono per il mercato nel momento in cui non ricevono ordinazioni da parte di terzi) Prof.ssa Sonia Nodari
  17. 17. A seconda del numero dei prodotti ottenuti si hanno:  Imprese monoprodotto  Imprese a produzione differenziata o multiprodotto la produzione ha per oggetto diversi tipi di prodotto, ciascuno con un processo di trasformazione proprio  Imprese a produzione congiunta da un unico processo di lavorazione vengono ottenuti più prodotti Prof.ssa Sonia Nodari
  18. 18. A seconda delle dimensioni le imprese industriali possono essere classificate in piccole, medie e grandi. Il concetto di dimensione non è univoco; si può fare riferimento a parametri sia di tipo quantitativo sia di tipo qualitativo  ammontare dei capitali investiti  numero dei lavoratori dipendenti  giro d’affari (fatturato realizzato in 1 esercizio) • Grado di autonomia decisionale  volume produzione ottenuta in 1 anno (imprese controllate o indipendenti)  quota di mercato detenuta • struttura organizzativa utilizzata (accentrata o decentrata) Prof.ssa Sonia Nodari

×