Hinduismo:<br />tradizioni  religiose  <br />della  terra  dei   Bharata<br />
RELIGIONI:<br />Induisti              83%<br />Musulmani        11%<br />Sikh                    2,5%<br />Cristiani      ...
Nell’Induismo <br />gli uomini scrutano <br />il mistero divino e <br />lo esprimono con la inesauribile fecondità dei mit...
“Il dialogo interreligioso è caratterizzato dalla disponibilità a imparare dagli altri”.<br />
Come deve essere un sincero apprezzamento per una religione diversa dalla propria?<br />Io penso che si debba essere pront...
D’altra parte, questa disposizione a imparare dagli altri non comporta una rinuncia alla certezza di verità del Cristianes...
L’ India ha un fondo multireligioso.<br />   E’ la culla di alcune religioni, le più antiche del mondo: l’induismo, il bud...
Non è da escludere a priori che le grandi tradizioni religiose non cristiane possano contenere elementi importanti della v...
Bramanesimo:  <br />   il nome usato in occidente  designare l’ortodossia del primo grande periodo indo-ariano (la religio...
Induismo: il nome del periodo post-buddhista e dell’India moderna (la religione della Bhagavad Gīta e dei maestri vedāntic...
Evoluzione idee hindū<br />Periodo Vedico: Veda (vera o sacra conoscenza) considerati come auto-rivelazione dell’energia d...
Evoluzione idee hindū<br />2. Impero Maurya (560-200 a.C.) età dei Sutra o Kalpa-sutra e dei Vedanga (supplementi ai Veda ...
Evoluzione idee hindū<br />3. Fine dinastia Gupta(200 a.C.-300 d.C.) produzioneItihasa(Così invero fu) poemi di carattere ...
Evoluzione idee hindū<br />4. Epoca dei Purana 300- 650 d.C.(raccolta di storie dei tempi antichi che trattano cinque argo...
Il contesto indiano è contrassegnato dal pluralismo culturale e religioso, dalle caste e dalla povertà.<br />L’India è un ...
La cultura indiana <br />è assimilatrice <br />e non eliminatrice. Le credenze hindū sono molteplici.<br />Le sei principa...
Le culture indiane soffrono per l’impatto dell’occidentalizzazione che ha colpito il loro sistema di valori, introducendo ...
Le grandi religioni asiatiche non riconoscono un carattere personale al divino, né concepiscono il mondo come una creazion...
Questa via dell’interiorità porta ad una teologia strettamente apofatica [negativa, ndr.], che rinuncia ad ogni definizion...
È, nelle principali tradizioni spirituali dell&apos;India e, in particolare, nello Yoga della Bhagavad-gita, la Realtà ult...
Con il termine Induismo oggi si intende una miriadi di fedi, culture e filosofie, a volte anche distanti teologicamente tr...
La vita è radicalmente male: <br />sofferenza, disagio, malattia, vecchiaia, morte.<br />I nove mesi di gestazione sono or...
PURUSARTHA:<br /> La dottrina dei quattro scopi (artha) <br />dell’esistenza dell’uomo (purusa) sono:<br />1. Kāma : pass...
2. Artha: possesso materiale, ricchezza, l’utile con particolare riferimento agli interessi economici e politici;<br />3. ...
I primi tre purusartha (trivarga- il gruppo dei tre- sono ciò che viene ricercato nel mondo) caratterizzano la vita<br />d...
DHARMA   È uno dei concetti principali della tradizione religiosa hindū. <br />Alcuni testi vedici lo descrivono come “il ...
KARMAN  = CONSEGUENZE DELLE AZIONI<br />LE AZIONI LASCIANO UN’IMPRONTA, UN SEGNO NELL’ANIMA  DI COLUI CHE AGISCE, E QUESTI...
Non c’è più bisogno di un Dio che punisca e anche la ricompensa per le buone azioni si trova già in esse. Le qualità di qu...
SAMSARA<br />IL CICLO ETERNO DEL NASCERE E DEL RIMORIRE<br />La necessità di dare una risposta al problema della sofferenz...
SAMSARA<br />Solo un cuore intelligente, un amore illuminato dalla sapienza realizza l’affrancamento dal samsara. <br />Ne...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

le religioni dell'India

7,628 views

Published on

cenni sulle credenze religiose dell'India

  • Be the first to comment

le religioni dell'India

  1. 1. Hinduismo:<br />tradizioni religiose <br />della terra dei Bharata<br />
  2. 2. RELIGIONI:<br />Induisti 83%<br />Musulmani 11%<br />Sikh 2,5%<br />Cristiani 2%<br />Buddisti 1%<br />POVERTA’ : 34,7%<br />POPOLAZIONE: 1.135.613.848<br />59.132.187 (19%)<br />SUPERFICIE: 3.287.260 KMQ<br /> 301.340 KMQ ( 9,1%)<br />
  3. 3. Nell’Induismo <br />gli uomini scrutano <br />il mistero divino e <br />lo esprimono con la inesauribile fecondità dei miti<br />e con penetranti tentativi della filosofia;<br />essi cercano la liberazione dalle angosce della nostra condizione <br />sia attraverso forme di vita ascetica, <br />sia nella meditazione profonda,<br />sia infine nel rifugio in Dio<br />con amore e confidenza<br />CONCILIO ECUMENICO VATICANO II<br />Nostra Aetate, n. 2 (28 ottobre 1965)<br />
  4. 4. “Il dialogo interreligioso è caratterizzato dalla disponibilità a imparare dagli altri”.<br />
  5. 5. Come deve essere un sincero apprezzamento per una religione diversa dalla propria?<br />Io penso che si debba essere pronti a ‘rischiare’ se stessi sino a ‘perdersi’ nell’orizzonte di fede, immergendovisi fino in fondo, condividendo fin dove è umanamente possibile la stessa ottica e le stesse esperienze, con genuina passione e senza infingimenti (Antonio Rigopoulos, 124)<br />
  6. 6. D’altra parte, questa disposizione a imparare dagli altri non comporta una rinuncia alla certezza di verità del Cristianesimo, né una rinuncia alla sua vocazione missionaria<br />
  7. 7. L’ India ha un fondo multireligioso.<br /> E’ la culla di alcune religioni, le più antiche del mondo: l’induismo, il buddismo, il sikhismo, il giainismo.<br />
  8. 8. Non è da escludere a priori che le grandi tradizioni religiose non cristiane possano contenere elementi importanti della verità che salva; elementi che, incorporati al patrimonio della religione cristiana, possono contribuire a purificare la nostra fede<br />
  9. 9. Bramanesimo: <br /> il nome usato in occidente designare l’ortodossia del primo grande periodo indo-ariano (la religione dei Veda, dei Brāhmana e delle Upanisad) <br />
  10. 10. Induismo: il nome del periodo post-buddhista e dell’India moderna (la religione della Bhagavad Gīta e dei maestri vedāntici, puranici e tantrici) <br />
  11. 11. Evoluzione idee hindū<br />Periodo Vedico: Veda (vera o sacra conoscenza) considerati come auto-rivelazione dell’energia divina Brahman e redatti tra il 3000 e il 400 a.C. Suddiviso in 3 periodi Samhita (raccolta degli inni), Brahmana (composizioni sacerdotali di ritualistica) e delle Upanishad (parte speculativa-filosofica)<br />
  12. 12. Evoluzione idee hindū<br />2. Impero Maurya (560-200 a.C.) età dei Sutra o Kalpa-sutra e dei Vedanga (supplementi ai Veda per celebrare il rituale correttamente: corretta pronuncia, metrica, etimologia, grammatica, astronomia e norme per la cerimonia)<br />
  13. 13. Evoluzione idee hindū<br />3. Fine dinastia Gupta(200 a.C.-300 d.C.) produzioneItihasa(Così invero fu) poemi di carattere leggendario e popolari<br /> come il Ramayana e il Mahabharata<br />
  14. 14. Evoluzione idee hindū<br />4. Epoca dei Purana 300- 650 d.C.(raccolta di storie dei tempi antichi che trattano cinque argomenti: creazione dell’universo, sua distruzione e ricreazione, genealogia degli dei; regni e varie epoche del mondo;storia delle grandi dinastie solari e lunari), degli Agama (ciò che è stato tramandato secondo la tradizione Saiva) e dei Tantra (tradizioni hindu, jaina e buddhista testi sia religiosi sia laici)<br />
  15. 15. Il contesto indiano è contrassegnato dal pluralismo culturale e religioso, dalle caste e dalla povertà.<br />L’India è un mosaico di culture diverse, antiche e moderne.<br />Può essere definita una “cultura composita”, perché il popolo che appartiene alle diverse tradizioni culturali vive insieme in “una stessa società indiana”.<br />
  16. 16. La cultura indiana <br />è assimilatrice <br />e non eliminatrice. Le credenze hindū sono molteplici.<br />Le sei principali “visioni” (darśana) del mondo elaborate dal pensiero brahamanico alcuni secoli prima dell’era cristiana, sono state codificate solo tra il II e il IV secolo d.C.<br /> <br />
  17. 17. Le culture indiane soffrono per l’impatto dell’occidentalizzazione che ha colpito il loro sistema di valori, introducendo l’individualismo, il materialismo, l’egoismo.<br />Queste idee indeboliscono il senso indiano del sacro.<br />Le culture tradizionali perdono il senso della rettitudine morale, che le grandi religioni hanno trasmesso di generazione in generazione.<br />
  18. 18. Le grandi religioni asiatiche non riconoscono un carattere personale al divino, né concepiscono il mondo come una creazione. Piuttosto, la loro esperienza di fede fondamentale è di natura mistica ed è raggiungibile attraverso il raccoglimento interiore che porta la persona ad immergersi nella profondità muta dell’essere.<br />
  19. 19. Questa via dell’interiorità porta ad una teologia strettamente apofatica [negativa, ndr.], che rinuncia ad ogni definizione dogmatica e <br /> a ogni struttura istituzionale. Le differenze con il cristianesimo sono sicuramente molto evidenti.<br />
  20. 20. È, nelle principali tradizioni spirituali dell&apos;India e, in particolare, nello Yoga della Bhagavad-gita, la Realtà ultima, concepita come Spirito supremo, cioè come una realtà spirituale priva di qualità e di attributi, che è al di là non solo del mondo fisico e psichico, ma anche della coscienza individuale.<br />ASSOLUTO<br />INNO DEL RIGVEDA SAMHITA X,129<br />
  21. 21. Con il termine Induismo oggi si intende una miriadi di fedi, culture e filosofie, a volte anche distanti teologicamente tra loro. I punti di convergenza sono:<br />La teoria del Karma e del samsara<br />La possibilità di liberazione (moksa)<br />L’accettazione dei Veda<br />Il vasto numero di divinità adorate <br />
  22. 22. La vita è radicalmente male: <br />sofferenza, disagio, malattia, vecchiaia, morte.<br />I nove mesi di gestazione sono orribili per il nascituro in una prigione stretta.<br />La nascita è una prova terribile.<br />
  23. 23. PURUSARTHA:<br /> La dottrina dei quattro scopi (artha) <br />dell’esistenza dell’uomo (purusa) sono:<br />1. Kāma : passione, desiderio,amore sensuale, che non comprende solo la sfera erotica, ma anche quella del godimento estetico e del piacere nel senso più comprensivo del termine;<br />
  24. 24. 2. Artha: possesso materiale, ricchezza, l’utile con particolare riferimento agli interessi economici e politici;<br />3. Dharma: inteso come il complesso delle leggi e dei doveri morali e religiosi che uniformano la vita dell’individuo all’ordine universale: a esso Kāma e artha devono essere rigidamente subordinati e di fronte ad esso devono recedere i caso di incompatibilità;<br />4. Moksa: liberazione dalle rinascite.<br />
  25. 25. I primi tre purusartha (trivarga- il gruppo dei tre- sono ciò che viene ricercato nel mondo) caratterizzano la vita<br />del mondo e sono quindi peculiari del grhastha (padre di famiglia) mentre il quarto è <br />proprio del samnyasin (rinunciante, monaco) e pur collocandosi su un piano infinitamente superiore agli altri tre, ne rappresenta anche il termine supremo.<br />
  26. 26. DHARMA È uno dei concetti principali della tradizione religiosa hindū. <br />Alcuni testi vedici lo descrivono come “il fondamento di tutto l’universo” oppure l’identificano con la verità, sostenendo che nulla esiste di superiore al D. Le fonti della smrti (tradizione) presentano due tipi di D.:<br /> 1. ilsanātana-dharma o “norma eterna”, che è l’insieme delle leggi universali e che, nella sua forma comune (sāmānya o sādhārana) è valido per tutti gli uomini, <br />2. il viśesa-dharma o “norma specifica”<br /> che ciascun hindū deve scrupolosamente osservare e che varia a secondo del posto che egli occupa e del ruolo che egli svolge nella società delle caste gerarchicamente organizzata sulla base del principio della purezza rituale.<br />
  27. 27. KARMAN = CONSEGUENZE DELLE AZIONI<br />LE AZIONI LASCIANO UN’IMPRONTA, UN SEGNO NELL’ANIMA DI COLUI CHE AGISCE, E QUESTI SEGNI COSTITUISCONO IL GERME DELLA FELICITǍ O SOFFERENZA ULTIME.<br />QUINDI OGNI AZIONE COMPORTA AUTOMATICAMENTE LA PROPRIA RICOMPENSA O PUNIZIONE CON IL GRADO DI CERTEZZA DI UNA LEGGE NATURALE.<br />
  28. 28. Non c’è più bisogno di un Dio che punisca e anche la ricompensa per le buone azioni si trova già in esse. Le qualità di questo corpo e le esperienze future di felicità e sofferenza in paradiso o all’inferno sono già predeterminate dalle azioni precedenti. Nel caso di azioni mosse soltanto da egoismo o cattiveria si ha una contaminazione e un oscuramento dell’anima, pura per natura, e dei suoi organi di percezione. Quando invece si agisce in modo altruista, per il bene o per la conoscenza di una necessità, il Karman conduce a una maggiore purificazione del jīva (anima vivente) e dei suoi organi fatti materia sottile.<br />KARMAN<br />
  29. 29. SAMSARA<br />IL CICLO ETERNO DEL NASCERE E DEL RIMORIRE<br />La necessità di dare una risposta al problema della sofferenza ha condotto i brahamani dell’India a formulare tale dottrina. <br />Le esistenze si ripetono all’infinito.<br />Nell’agire umano c’è una forza misteriosa il KARMA che determina questa rinascita (punarjanman). Si crede che al momento della (ri)nascita di ognuno il demiurgo Brahma scriva con dita invisibili sulla sua fronte i piaceri e i dolori che inevitabilmente gli spetteranno nella vita.<br />
  30. 30. SAMSARA<br />Solo un cuore intelligente, un amore illuminato dalla sapienza realizza l’affrancamento dal samsara. <br />Nella prospettiva upanisadica soltanto la conoscenza (vidya) può veicolare la salvezza.<br />“ Chi pratica le tecniche dello yoga relative al controllo del Sé, costui ottiene il fine ultimo,<br /> che consiste nell’unione con lo Spirito divino”.<br />“Colui che rimembri il Sapiente antico,/il Maestro più sottile di ciò che vi è di più sottile,/ fondatore dell’universo, la cui forma sfugge al pensiero/ che ha il colore del sole ed è al di là della tenebra (avidyā - ignoranza)/con mente immobile nel momento del trapasso/interamente assorto in amorosa devozione, padrone della forza dello yoga:/costui, convogliando interamente il proprio soffio vitale/in mezzo alle sopracciglia, raggiunge il supremo Spirito divino. / (BG 8,9-10 p. 176)<br />

×