Presentazione Completa

19,480 views

Published on

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
19,480
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2,768
Actions
Shares
0
Downloads
389
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Completa

  1. 1. Università Claude Bernarde - LYON 1 DOSSIER SULLA PREPARAZIONE FISICA NEL CALCIO Diploma Europeo Universitario Preparatore Fisico negli Sport di Squadra Roberto De Filippis Studente Chiar.mo Prof. Claudio Gaudino Relatore
  2. 2. <ul><li>Lo scopo di questa mia ricerca è stato quello di mettere in evidenza come il cambiamento dei sistemi di gioco e delle regole e l’aumento delle competizioni, abbiano influito sui sistemi di preparazione. </li></ul>
  3. 3. <ul><li>In questi ultimi anni il calcio ha subito una grande trasformazione. </li></ul>
  4. 4. <ul><li>Di conseguenza è aumentato il numero degli infortuni; secondo Monod e Kahn (1995), gli incidenti nel calcio dipendono: </li></ul>34% incidenti muscolari 29% incidenti articolari 23% pubalgie 13,4% altro
  5. 5. <ul><li>L’atto motorio del calciatore non è solo l’espressione che appare visivamente,ma è la risultante di un complesso di organi, funzioni e sistemi strettamente legati fra loro e interagenti. </li></ul><ul><li>E’ quindi corretto parlare di </li></ul><ul><li>“ allenamento integrato” . </li></ul>
  6. 6. Lavoro intermittente 15”-15” 100% VAM Pot. Aerobica + tecnica + psicocinetica
  7. 7. <ul><li>Ultimamente il Brasile ha criticato i sistemi di preparazione europei: dopo il secondo pareggio consecutivo in partite valide per le qualificazioni ai mondiali 2006. </li></ul>
  8. 8. <ul><li>Ultimamente è stata fatta una ricerca dai Prof. Tibaudi e Sassi su questo argomento </li></ul>
  9. 9. <ul><li>Visti i numerosi impegni sportivi (partite di coppa, campionato, nazionale) la figura del preparatore atletico riveste ormai un ruolo di primo piano </li></ul><ul><li>Secondo il mio parere personale il preparatore deve riuscire a coordinare i parametri di intensità tra lavoro fisico e lavoro tecnico. </li></ul>
  10. 10. <ul><li>Prima di stilare un piano d’allenamento, è utile conoscere le caratteristiche individuali dei propri atleti. Una volta individuati i punti di forza e i punti deboli di ogni singolo atleta si potrà attuare una programmazione dell’allenamento. </li></ul><ul><li>A mio parere l’allenamento può essere diviso in: </li></ul><ul><li>-     allenamento di prevenzione </li></ul><ul><li>-   allenamento di sviluppo e costruzione </li></ul><ul><li>-   allenamento di recupero </li></ul><ul><li>-   allenamento di mantenimento </li></ul>
  11. 11. <ul><li>Suddivisione dell’allenamento del calciatore </li></ul>Allenamento di sviluppo e costruzione Allenamento di prevenzione Allenamento di recupero Allenamento di Potenziamento Allenamento di mantenimento
  12. 12. <ul><li>A questo ha fatto seguito il dibattito molto acceso tra il prof. Comettì ed i vari addetti ai lavori italiani. </li></ul>
  13. 14. LA PREPARAZIONE FISICA DEI GIOVANI CALCIATORI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA CATEGORIA (GIOVANISSIMI 13/15 ANNI)
  14. 15. <ul><li>Il periodo da me preso in considerazione è quello della fase pre-puberale-puberale nella quale l’organismo subisce le più profonde trasformazioni. </li></ul>
  15. 16. <ul><li>Secondo numerose statistiche dal 50 al 65% degli studenti oggi mostra debolezze posturali. </li></ul><ul><li>A questi scompensi di natura muscolare e posturali, si fa sempre più rilevante la problematica relativa all’obesità nei bambini aumentata dal 3% al 20%. </li></ul>
  16. 17. <ul><li>Gli esercizi con il corpo in appoggio (E.C.A.). </li></ul><ul><li>Tenute isometriche (Gainage) </li></ul><ul><li>Gli esercizi di forza veloce. </li></ul><ul><li>Balzi a contrazione concentrica (esplosivi). </li></ul><ul><li>Balzi statico-dinamici (gambe 90^). </li></ul><ul><li>Lavori con funicella (A. Piron) </li></ul>Quali esercitazioni per la forza?
  17. 18. L’allenamento della velocità. <ul><li>Modello di Weineck: </li></ul>1° esercitazione generica della coordinazione con esercizi di corsa; 2° miglioramento della capacità di forza esplosiva e della reattività in allenamenti con riferimento alla pratica calcistica; 3° allenamento della velocità in forme d’allenamento specifiche al calcio con il pallone; 4° allenamento di potenziamento.
  18. 19. L’allenamento della resistenza. 1° esercitazione sotto forma di gioco (giochi coordinativi); 2° esercitazioni di allenamento “integrato”; 3° esercitazioni a secco.
  19. 20. STAGE IN SITUAZIONE <ul><li>Consulenza sulla preparazione atletica </li></ul><ul><li>A.C Virtus Lenola Cat. Giovanissimi Provinciali </li></ul><ul><li>Presentazione della struttura societaria e analisi della situazione di partenza </li></ul>
  20. 21. <ul><li>L’analisi della situazione di partenza, in riferimento alle quattro aree da noi prese in considerazione, e cioè: </li></ul><ul><li>l’area auxologica </li></ul><ul><li>l’area motoria </li></ul><ul><li>l’area socio-affettiva e comportamentale </li></ul><ul><li>l’area tecnico tattica </li></ul>
  21. 22. La valutazione  Quali tipi di test e perchè? <ul><li>-Body Mass Index </li></ul><ul><li>-Test di flessibilità e valutazione della catena muscolare posteriore </li></ul><ul><li>-Test di Gacon 45/15 (VAM) velocità aerobica massimale </li></ul><ul><li>-Test di velocità m 10, m 20, </li></ul><ul><li>-Prova di velocità con cambi di direzione Bosco (9-3-6-3-9) </li></ul><ul><li>-Salto in lungo da fermo </li></ul>
  22. 23. <ul><li>(Periodo preparatorio: durata 21 giorni) dal 30/09/03 – al 22/10/03 </li></ul><ul><li>Primo ciclo: resistenza generale </li></ul><ul><li>Secondo ciclo: resistenza speciale </li></ul><ul><li>Terzo ciclo: velocità e rapidità </li></ul><ul><li>Periodo di campionato (comprende il periodo che va dal 22/10/ 2003 al 23/05/ 2004) ed è suddiviso in 3 macrocicli </li></ul>Periodizzazione dell’allenamento
  23. 24. <ul><li>Primo macrociclo Ottobre – Novembre - Dicembre fino al 21/12/03 </li></ul><ul><li>Pausa invernale dal 22/12/03 – al 11/01/2004 (Tornei di Natale) </li></ul><ul><li>Secondo macrociclo Gennaio (dal 12/01/04) – Febbraio – Marzo </li></ul><ul><li>Terzo macrociclo Aprile - Maggio </li></ul>
  24. 25. 1° macrociclo Settimana tipo = 2 sedute settimanali + partita   Martedì   Giovedì   Sabato-Domenica - lavoro aerobico a bassa intensità -tonificazione generale (potenza aerobica) -lavoro tecnico -lavoro tecnico-tattico Anaerobico alattacido (velocità)   -lavoro tecnico-tattico -Partita amichevole     -Riscaldamento generale -Gara ufficiale 60’
  25. 26. Esempio di una seduta avente come obiettivo lo sviluppo della potenza aerobica <ul><li>Periodo di campionato 1° macrociclo </li></ul><ul><li>-20 riscaldamento generale: </li></ul><ul><li>-corsa lenta + mobiltà CV + mobiltà coxo femorale + stretching </li></ul><ul><li>-skip coordinativi: -alto </li></ul><ul><li>-basso </li></ul><ul><li>-laterale + 5 m piccolo sprint </li></ul><ul><li>-calciato dietro </li></ul>
  26. 27. -10’ stretching + posture
  27. 30. 2° macrociclo Settimana tipo = 2 sedute settimanali + partita Martedì Giovedì Sabato-Domenica   -Lavoro aerobico a bassa intensità - Anaerobico alattacido (velocità) -Tonificazione generale -Potenza aerobica -Lavoro tecnico tattico     -Lavoro misto (pliometria semplice + velocità) (cerchi + funicelle) -Forza esplosivo- elastica + reattivo esplosiva -Lavoro tecnico-tattico -Partita amichevole a campo ridotto   -riscaldamento generale   -Gara ufficiale
  28. 32. 3° macrociclo Settimana tipo = 2 sedute settimanali + partita Martedì Giovedì Sabato Domenica   - Lavoro aerobico a bassa intensità -Tonificazione generale -Anaerobico alattacido Velocità -Potenza aerobica -Lavoro tecnico-tattico       -Forza esplosivo + reaattivo elastica -Lavoro misto (pliometria semplice (cerchi-funicelle) -Lavoro tecnico tattico -Partita amichevole   -Riscaldamento generale     -Gara ufficiale
  29. 35. Bilancio stagionale   Distruzione delle attività durante il periodo di preparazione Attività Tempo/ minuti Stretching + posture 210 Mobiltà articolare 112 Lavoro tecnico 335 Lavoro aerobico a bassa intensità 28 Potenza aerobica 62 Velocità 60 Tonificazione generale 50
  30. 36. Distribuzione delle attività durante il periodo di campionato Attività Tempo- Minuti Stretching + posture 960 Mobilità articolare 512 Lavoro tecnico 1920 Potenza aerobica 768 Velocità 640 Forza espoliva+ elastico-reattiva 160 Tonificazione generale 120
  31. 37. <ul><li>Tabella di riepilogo riguardante l’aspetto tecnico </li></ul>  Girone andata     17 punti Goal fatti 30   Goal subiti 32   Girone ritorno     22 punti   Goal fatti 24   Goal subiti 16
  32. 38. CONCLUSIONI <ul><li>Per far fronte alle problematiche emerse in sede di valutazione, abbiamo stabilito alcune priorità di intervento diretto, come: </li></ul><ul><li>- ginnastica posturale (Mezierès); </li></ul><ul><li>- tenute isometriche per tonificare la catena muscolare anteriore e posteriore, evitando lavori isotonici sulla catena posteriore; </li></ul><ul><li>- evitare lavori sui balzi a tensioni elevate. </li></ul>Stretching + posture 210 Stretching + posture 960     Totale 1170            
  33. 39. <ul><li>Comparazione test 9-3-6-3-9 </li></ul>  Prima prova Seconda prova 9-3-6-3-9 9.12 8,31 8,88%
  34. 40. <ul><li>Per quanto concerne i test organici abbiamo utilizzato il test di Gacon intermittente 45/15 per la valutazione della VAM (velocità massimale aerobica). I risultati sono stati abbastanza buoni, infatti alcuni ragazzi hanno fatto registrare valori di VAM di 16.5 Km/h. e considerando che un calciatore di alto livello in media ha una VAM di 17 Km/h i risultati ottenuti sono abbastanza sorprendenti. </li></ul>
  35. 41. <ul><li>Comparazione test salto in lungo </li></ul>        Prima prova   Seconda prova Salto in lungo 179,81 cm 192 cm 6.68%
  36. 42. <ul><li>Comparazione test velocità 10 e 20 m. </li></ul>  Prima prova Seconda prova Velocità m 20 4,08 3,98 2,45% Velocità m10 2,40 2,39 2,39%
  37. 43. “… il bravo preparatore atletico sarà sempre di più colui che si interessa dei vari aspetti della preparazione, che riguardano il movimento e in particolare la prevenzione degli infortuni, la postura, la rieducazione, e dovrà fare le scelte dei lavori che meglio si prestano agli adattamenti metabolici anche quando questi siano compiuti con la palla”. Arcelli-Borino (2004)
  38. 44. GRAZIE PER L’ATTENZIONE!

×