Enterprise 2.0: istruzioni per l'uso

1,502 views

Published on

Internet, che si espande con successo da 20 anni, ha dimostrato di essere un formidabile strumento per comunicare, collaborare, coordinare, conoscere e quindi prendere decisioni. In particolare da qualche anno la libera e spontanea partecipazione delle persone (Web 2.0) ha permesso di esprimere un enorme potenziale di creatività, conoscenza e intelligenza. Che benefici si rendono possibili in azienda adottando un approccio a rete (Enterprise 2.0) ? L'organizzazione può essere semplificata, i costi di coordinamento possono essere tagliati drasticamente, ma soprattutto si può aumentare la capacità di fronteggiare un mercato turbolento ed una complessità di competenze, che riguardano oggi qualsiasi settore. Naturalmente questi nuovi modelli si possono applicare a tutta l’azienda o ad alcuni reparti, a seconda delle caratteristiche dell'azienda stessa e del comparto in cui opera. Inoltre adottare un approccio a rete, non consiste solo nell'acquisire un software, ma nell'avviare un progetto di cambiamento organizzativo e culturale.

Published in: Business, Technology
0 Comments
11 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,502
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
86
Actions
Shares
0
Downloads
41
Comments
0
Likes
11
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Enterprise 2.0: istruzioni per l'uso

  1. 1. Enterprise 2.0: istruzioni per l'uso Gino Tocchetti Knowwing srl – knowledge collaboration innovation Workshop Laboratorio Enterprise 2.0 Confindustria Padova 12/5/2009, Padova
  2. 2. Agenda Cosa intendiamo per Enterprise 2.0  Perche' conviene considerare l'Enterprise 2.0  Ci sono vantaggi per tutti  Il lato B: vincoli e rischi  La via per l'Enterprise 2.0  2
  3. 3. Vi ricordate quando solo 10-15 anni fa ... Pubblicavano su Internet solo Aziende e  Istituzioni I “siti aziendali” erano quasi sempre  “brochure online” (il www dal 1991) Pubblicare e gestire un sito richiedeva  assistenza tecnica e l'incarico ad un webmaster Avere la mail era sufficiente per dire di “essere” in internet (dal 1978)  Le persone “partecipavano” “solo” ai newsgroup (dal 1988)  Gli “utenti” di internet erano “appassionati”  3
  4. 4. Quel “passato” e' la versione 1.0 Rispetto alla TV c'erano importanti vantaggi  – si poteva scegliere quello che si voleva vedere • a qualsiasi ora, per il tempo desiderato • accedendo a piu' informazioni • grazie ai motori di ricerca (Google, 1998) Ma...  – i contenuti erano decisi dall' “alto” • la comunicazione era mono-direzionale – l'aggregazione degli utenti era limitata ai newsgroup • che erano organizzati come “silos” – la New Economy non era cosi' “new” e troppo sovrastimata (flop del 2001) 4
  5. 5. … e poi un cambio epocale Prende piede l'open-software (Linux, 1991)  – il prezzo di molti software tende a zero L'accesso ad internet e' disponibile nelle case  – i costi diventano accessibili a molti Le funzionalita' dei software si semplificano  – nascono strumenti semplici e per “tutti”, come il blog (Dave Winer, 1997) Nascono le piattaforme di servizi web, che offrono accesso facilitato  e gratuito a tutti (e anche visibilita') – I primi social network aprono nel 2002 – O'Reilly lancia il primo Web 2.0 Summit nel 2004 LE PERSONE iniziano a prendere “possesso” della Rete  5
  6. 6. Dunque il Web 2.0 e' ... PERSONE, PERSONE, PERSONE  – Contenuti prodotti dagli utenti “dal basso” t – Conversazione da pari a pari – Relazione e socialita' – Generosita' e scambio non economico – Conoscenza e trasparenza – Lifestreaming – Reputazione e fiducia spontanea – Narcisismo e protagonismo – Liberta' e democrazia – Assenza di gerarchia e controllo – Creativita' e “intelligenza collettiva” – Disponibilita' e collaborazione 6
  7. 7. Non solo socializzazione ... … MA ANCHE COLLABORAZIONE  – Condivisione (e modifica) di file – Condivisione di agende – Collaborazione alla stesura di documenti – Alerting e monitoring – Coordinamento di team – Analisi e intelligence di gruppo – Assistenza e trasferimento di conoscenza – Streaming di eventi e riunioni – Apprendimento assistito 7
  8. 8. In sintesi 8
  9. 9. Allora perche' non in azienda ? Enterprise 2.0 consiste nell'utilizzo delle piattaforme emergenti di tipo “sociale” all'interno delle aziende, o tra le aziende e i loro partner e clienti. (*) Andrew McAfee, professore ad Harvard dal 1998, in Technology and Operations Management, ha usato per la prima volta il termine nell'articolo “Enterprise 2.0: The Dawn of Emergent Collaboration”, 2006 (*) Piattaforme nel senso che danno “persistenza nel tempo” ai contributi degli utenti. “Emergenti” nel senso di “prive-di- credenziali”, dinamiche, navigabili, estensibili, e svincolate dai flussi di lavoro. 9
  10. 10. Migliora tutto l'ecosistema aziendale (*) (*) dipende dal comparto e dalle caratteristiche dell'azienda MGMT PROPRIETA' RETE FORNITORI VENDITA PARTNER CLIENTI AGENZIE ISTITUZIONI PERSONALE IT 10
  11. 11. I mercati sono conversazioni In internet un link vale come “amico”  – perche' l'atteggiamento e' di disponibilita' • disponibilita' che non puo' essere tradita – perche' si scambiano molte informazioni • l'omerta' genera sfiducia • Informazioni incoerenti vengono subito (1999) “scoperte” – la reputazione online e' quindi legata alla sincerita' e alla generosita' • il messaggio dichiaratamente inganevole della pubblicita' non funziona • la comunicazione di tipo 1.0 sui canali tipicamente 2.0, NON funziona, e puo' essere spesso un boomerang (2006) 11
  12. 12. Partecipare alla conversazione 1.0 2.0 12
  13. 13. Parlarsi conviene sempre... 13
  14. 14. ...purche' le informazioni siano “usabili” 14
  15. 15. Legare persone, contenuti e contesti Non si tratta di trovare il miglior documento, ma la migliore persona in un dato contesto La migliore risposta ai 400.000.000.000 di mail al giorno, solo in Italia 15
  16. 16. Raggiungere le persone e' il “punto” 16
  17. 17. Ci sono vantaggi per tutti (1) PERSONALE  – Apprezzano un uso migliore del proprio tempo – Hanno occasione di emergere come persone – Trovano aiuto nella collaborazione – Migliore clima in azienda MANAGEMENT E PROPRIETA'  – Strutture piu' snelle e meno costose – Maggiore capacita' di ascolto del mercato – Maggiore velocita' di risposta – Qualita' piu' elevata nelle decisioni – Prodotti/servizi a maggior valore aggiunto – Fidelizzazione delle risorse 17
  18. 18. Ci sono vantaggi per tutti (2) IT  – Strumenti a basso costo, spesso di tipo SAAS – Estrema facilita' di utilizzo – Elevata integrabilita' e aderenza a standard – Competenza diffusa sulle tecnologie sottostanti CLIENTI / PARTNER  – Maggiore trasparenza da parte dell'azienda – Interazione e collaborazione facilitate – Risposte piu' rapide e pertinenti – Maggiore livello di soddisfazione – Minori costi di coordinamento 18
  19. 19. Le previsioni sono ottimistiche 19
  20. 20. Ma c'e' anche un lato B Introdurre i modelli a rete che hanno avuto  successo in Internet, nel contesto aziendale, pone sfide: sul piano organizzativo (persone)  – la cultura e il sistema di regole deve favorire la collaborazione – il sistema incentivante e' un fattore critico di successo – la struttura organizzativa pre-esistente dev'essere sufficiente flessibile da permettere ampi spazi di autonomia su quello tecnologico  – gli strumenti devono essere facili da usare – la gestione dei rischi per la “sicurezza” diventa critica 20
  21. 21. Apertura e perdita di controllo La perdita di Requisiti per Requisiti per  controllo non e' l'azienda moderna l'Enterprise 2.0 un “effetto Organizzazione piatta si si collaterale” Processi fluidi si si negativo Agilita' e adattamento si si dell'Enterprise 2.0, ma una Semplicita' si si necessita' da Velocita' si si fronteggiare in Sistemi informativi flessibili si si ogni caso Capacita' di ascolto si si Architettura distribuita si si Ampie deleghe si si Orari flessibili si si Orientamento alla si si conoscenza Collaborazione si si Trasparenza si si Norme proscrittive, etiquette si si 21
  22. 22. La questione del ROI Occorre misurare il costo del NON-INTERVENTO, cioe' quello del modo  di lavorare tradizionale, e usarlo come riferimento Occorre considerare che l'Enterprise 2.0 accelera, in generale, le  dinamiche relazionali e conoscitive pre-esistenti, ma in taluni casi rivoluziona le stesse dinamiche, e quindi vecchi parametri non hanno piu' senso dopo l'intervento Occorre ricordare che qualunque schema metrico si adotti, esso  consente solo un'approssimazione del valore generato in termini di capitale sociale e intellettuale E' veramente utile calcolare il ROI ? Conviene svolgere piccoli interventi e misurarne i risultati: ma il vero  valore si ottiene quando e' coinvolta una massa significaiva di utenti Si stanno accumulando casi studio di riferimento (per lo piu' all'estero)  22
  23. 23. ROI: un'indagine Forrester “IT Will Measure Web 2.0 Tools Like Any Other App”, Forrester.com 23
  24. 24. Per la Gen Y, il Web 2.0 e' lo status quo Per la prima volta nella storia, ci sono 4 generazioni che lavorano nella  stessa azienda (Lynne Lancaster, David Stillman, 2002): – i Traditionalisti (61/>80 anni): nati prima del 1946, hanno conosciuto la guerra, e costumi sociali molto rigorosi – i Baby boomers (42/60): nati tra il 1946 e 1964, costituiscono la maggior parte della popolazione di lavoratori attivi; hanno visto la comparsa sul mercato di molti prodotti e quindi ne ricordano il periodo in cui non esistevano; si sono informati a lungo soltanto con la TV, necessariamente – la Generazione X (26/41): sono entrati nel mondo del lavoro negli anni '90, e sono una fascia piu' piccola (famiglie meno numerose, madri lavoratrici); abituati alla tecnologia e al cambiamento; hanno ottenuto in meno tempo, rispetto alla generazione precedente, condizioni di lavoro piu' consone e favorevoli – la Generazione Y o anche “Millennials” (18/25): hanno iniziato a lavorare nel 2000, immersi nella tecnologia multimediale, nel mondo globalizzato; disponibili alla mobilita', dovranno cambiare lavoro 7/10 volte e probabilmente anche carriera. Questi danno l'Enterprise 2.0 per scontato. 24
  25. 25. La via per l'Enterprise 2.0 Sperimentale  – La tecnologia consente di sperimentare a costo bassissimo – Identificare aree di intervento nei processi di business – Predisporre soluzioni efficaci nella quotidianita' – Obiettivi semplici e misurabili – Approccio a piccoli passi, time-boxed, replicabili Focalizzata sulle “persone”  – La trasformazione culturale e' il vero obiettivo – Le idee migliori le hanno spesso proprio gli utenti – Utenti motivati ed entusiasti sono una garanzia di successo – Coinvolgere l'intero ecosistema dei referenti, per non averli come interlocutori intransigenti nel seguito 25
  26. 26. Ci sono tecniche e linguaggi da imparare MarketIQ – Enterprise Content Management Association, USA, 2008 26
  27. 27. Morale gia' condivisa da molti Non c'e' altro modo per comprendere i “social media” se non partecipando 27
  28. 28. Gino Tocchetti Consulente direzionale, interim manager, business developer Titolare di Knowwing srl - gino.tocchetti@knowwing.it Fondatore di Ecosistema 2.0 – ecosistema20.ning.com Blog: knowledgeecosystem.blogspot.com enterprise2punto0.blogspot.com enterprise20cookies.tumblr.com Gtalk (IM): gino.tocchetti@gmail.com Skype: gino.tocchetti 28

×