Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

greenleather2017 Valentina De Marchi, Università di Padova

174 views

Published on

L'impatto socio economico di greenLIFE nella relazione di Valentina De Marchi, Università di Padova.

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

greenleather2017 Valentina De Marchi, Università di Padova

  1. 1. Gli impatti socio-economici del progetto e una proposta di azioni di comunicazione Valentina De Marchi Università di Padova Dipartimento Scienze Economiche e Aziendali
  2. 2. Il comparto conciario: una visione d’insieme
  3. 3. Il comparto della pelle in Italia valore della produzione in UE export pelli finite verso extra-UE aziende in UE addetti in UE produzione mondiale export mondiale pelli finite 65% 70% 78% 52% 19% 25% Fonte: Unic, dati 2015
  4. 4. Il comparto della pelle in Veneto Aziende Addetti Valore produttivo (mil. €) Fatturato (mil €) Redditività (ROA) 37,6% 4,7% 53,9% 48,7% +1,6 467 841 2.808 3.232 2,7 DatiVeneto ConfrontoItalia Fonte: Unic e AIDA, dati 2015
  5. 5. Sostenibilità nel settore conciario italiano Fonte: Unic, dati 2015 Aumento dei costi per investimenti in sostenibilità (03-15) Incidenza media sul fatturato al 2015 Incidenza della depurazione reflui sui costi totali Incidenza gestione rifiuti sui costi totali Peso rifiuti generati da cascami, ritagli, polveri su tot rifiuti Peso bagni di concia su totale rifiuti +105,3% 4,3% 64,8% 18,7% 31,9% 30,8%
  6. 6. Impatti economici e sociali delle sperimentazioni Greenlife
  7. 7. Costi Impatti economici: partner di progetto Benefici Industrializzazione nuovi prodotti/processi Nuovi (parti di) impianti Maggiori costi per adattamento a nuovi processi Costo gestione/stoccaggio/ trattamento sotto-prodotti Consolidamento mercati esistenti Nuovi mercati Competenze e visibilità Riduzione costi Maggior controllo processi Riduzione costi gestione sottoprodotti CompetitivitàEfficienza Investimenti produttivi Costi gestionali
  8. 8. Macchinari Applicazioni sotto- prodotti Alimentare Farmaceutico Medicale Beauty Fertilizzanti … Bovine Caprine Vitelline Altri animali Ovine MacelliImportatori/ altri intermediari Pelli Carrozzeria Calzatura Prodotti finiti Abbigliamento & guanti Arredamento Pelletteria Settori di supporto Prodotti chimici Depurazione Imprese di logistica Concerie Concerie ‘senza produzione’ Ciclocompleto LavorazioneWet-blue Lavorazione crust (Asciugaggio) Follon. Stampa Smerigl. Sub-fornitura Impatti economici: catena del valore
  9. 9. • Maggiore odore dei nuovi prodotti Impatti economici: catena del valore (2) • Rafforzamento posizione/entrata in nicchie green • Prodotto più performante (alcune applicazioni) • Riduzione costi trattamento fine vita prodotto • Prodotto meno performante (alcune applicazioni) • Riduzione ciclo vita prodotto finito Prodotto finito • Ampliamento portafoglio prodotti • Rafforzamento/ mantenimento posizione nei mercati esistenti • Possibilità entrare in nicchie green • Riduzione vendite prodotti 'personalizzati' • Costi per sviluppo prodotti nuovi e 'collegati' • Diversa struttura costi per gestione rifiuti • Ampliamento portafoglio prodotti • Costi gestione e stoccaggio pelo • Costi sviluppo standard rifiuto Prodotti chimici Depurazione Settori trattamento scarti produzione
  10. 10. • Migliore benessere? • Consapevolezza impatto ambientale • Migliore qualità della vita  Ridotto inquinamento in atmosfera  Ridotto odore • Competitività territorio • Attrattività (occupazionale) • Incremento mansioni e arricchimento delle competenze Personale imprese Comunità locale Consumatori finali Impatti sociali
  11. 11. Alcune criticità • Diversi significati e priorità lungo la catena del valoreSostenibilità • Crescente ruolo nel determinare standard tecnologici e orientare scelte di produzione e consumo Clienti / fornitori globali • Difficoltà amministrative nella gestione e valorizzazione dei rifiutiRegolazione • Gestione risorse locali e competitività nei mercati globali Competitività di filiera
  12. 12. Comunicazione e diffusione del progetto: alcune proposte
  13. 13. Le finalità della comunicazione Diffondere conoscenza risultati raggiunti Sviluppare nuove partnership Accrescere la reputazione del comparto concia Informare sul reale impatto ambientale e investimenti in corso
  14. 14. La comunicazione per la comunità locale • Mostre ‘fuori salone’ • Hackaton • Fabbriche aperte • Museo della pelle • Video – il ciclo della pelle • Pubblicazioni in partnership con ONG/istituzioni ‘ambientaliste’ • Con scuole professionali (es: concorsi creativi) • Con imprese ‘complementari’ Eventi Story- telling Collabo- razioni
  15. 15. La comunicazione per la comunità locale • Mostre ‘fuori salone’ • Hackaton • Fabbriche aperte • Museo della pelle • Video – il ciclo della pelle • Pubblicazioni in partnership con ONG/istituzioni ‘ambientaliste’ • Con scuole professionali (es: concorsi creativi) • Con imprese ‘complementari’ Eventi Story- telling Collabo- razioni
  16. 16. La comunicazione per la comunità locale • Mostre ‘fuori salone’ • Hackaton • Fabbriche aperte • Museo della pelle • Video – il ciclo della pelle • Pubblicazioni in partnership con ONG/istituzioni ‘ambientaliste’ • Con scuole professionali (es: concorsi creativi) • Con imprese ‘complementari’ Eventi Story- telling Collabo- razioni
  17. 17. La comunicazione per gli altri soggetti • R&D Tour • ‘Fuori salone’ • Video – ciclo pelle e presentazione concerie • Merchandising & nuovi prodotti da sottoprodotti • Collaborazioni con creativi • Conferenza scientifica internazionale • Pubblicazioni scientifiche • Piattaforma open data su processi conciari (Grandi) clienti Consumers Influencers Comunità scientifica

×