Introduzione alle Grammatiche Adposizionali

918 views

Published on

Lucidi della lezione su invito del prof. Fabrizio Pennacchietti tenuta al corso di Interlinguistica ed Esperantologia presso l'Università di Torino martedì 17 febbraio 2009.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
918
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
86
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Introduzione alle Grammatiche Adposizionali

  1. 1. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Grammatiche adposizionali Introduzione agli aspetti linguistici Federico Gobbo federico.gobbo@uninsubria.it Universit` dell’Insubria, Varese a Alcuni diritti riservati. CC Corso di Interlinguistica, Torino, 17 febbraio 2009 1/26
  2. 2. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni L’eredit` di Leibniz a 2/26
  3. 3. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Grammatiche adposizionali Perch´ un formalismo computabile per fare grammatiche? e rigore matematico d` solidit` linguistica al formalismo a a verifica dei modelli mediante calcolatore necessit` di testare i modelli su diverse lingue, per capire cosa a ` generale e cosa pertiene alle singole lingue di test e 3/26
  4. 4. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Grammatiche adposizionali Perch´ un formalismo computabile per fare grammatiche? e rigore matematico d` solidit` linguistica al formalismo a a verifica dei modelli mediante calcolatore necessit` di testare i modelli su diverse lingue, per capire cosa a ` generale e cosa pertiene alle singole lingue di test e Ogni lingua ha la sua propria grammatica adposizionale 3/26
  5. 5. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Motivazioni linguistiche grammatiche tradizionali ambigue perch´ poco formalizzate e grammatiche generative buone computazionalmente ma linguisticamente poco motivate grammatiche della dipendenza motivate linguisticamente ma difficili da rendere computazionalmente 4/26
  6. 6. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Motivazioni linguistiche grammatiche tradizionali ambigue perch´ poco formalizzate e grammatiche generative buone computazionalmente ma linguisticamente poco motivate grammatiche della dipendenza motivate linguisticamente ma difficili da rendere computazionalmente Bisogno di sostituire il morfema alla parola come unit` a linguistica fondamentale 4/26
  7. 7. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Matrici delle grammatiche adposizionali ricerche sulle preposizioni di Pennnacchietti studio pionieristico delle preposizioni di Brøndal opposizione Figura/Sfondo dalla Grammatica Cognitiva concetto di carattere grammaticale di Whorf nozione di traslazione di Tesni`re e 5/26
  8. 8. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Albero adposizionale astratto minimo q ¡e ¡↔e ¡e ¡ adp e ¡ e tr lm adp: adposizione tr: Trajector (Figura) lm: Landmark (Sfondo) 6/26
  9. 9. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Che cos’` un’adposizione e preposizione (lingue nostre) posposizione (per esempio, giapponese o turco) circumposizione altri morfemi grammaticali (indicano la struttura morfologica) adposizioni zero (indicano la struttura sintattica) 7/26
  10. 10. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Che cos’` un’adposizione e preposizione (lingue nostre) posposizione (per esempio, giapponese o turco) circumposizione altri morfemi grammaticali (indicano la struttura morfologica) adposizioni zero (indicano la struttura sintattica) A volte possiamo avere dei pattern adposizionali 7/26
  11. 11. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Un esempio di albero adposizionale semplice q ⊕ ¡e ¡→e -o -e ¡ e ¡ e ¡ e corr- Carl- Figura: Adposizione prototipica applicativa dimensionale ⊕ Esempio: Carlo corre 8/26
  12. 12. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Adposizioni applicative Vado a Milano. (adimensionale, Minus, ) Vado in Milano. (dimensionale, Plus, ⊕) 9/26
  13. 13. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Spazio adposizionale applicativo adimensionale dimensionale applicativo ⊕: relazione SV, ... : relazione VO, ... retroapplicativo ... ... 10/26
  14. 14. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Ricorsivit` del modello a In evidenza le adposizioni principali q ⊕ ¡e ¡→e -o -e ¡ e ¡ e eq ¡ Leonard- ¡e ¡←e ¡ -o e ¡ e eq ¡ ¡e ¡←e il barattol- su-/-o e ¡ e ¡ e ¡ mett- -l tavol- Figura: Leonardo mette il barattolo sul tavolo 11/26
  15. 15. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Ricorsivit` del modello a In evidenza l’adposizione Plus q ⊕ ¡e ¡→e ¡ -o e ¡ e ¡ e Leonard- mette il barattolo sul tavolo Figura: Leonardo mette il barattolo sul tavolo 12/26
  16. 16. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Ricorsivit` del modello a Adposizioni retroapplicative Leonardo mette il barattolo di marmellata sul tavolo. (⊕) Leonardo prende il barattolo di marmellata dal tavolo. ( ) Leonardo prende il barattolo di marmellata con Susanna. (⊗) 13/26
  17. 17. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Ricorsivit` del modello a Spazio adposizionale completo adimensionale dimensionale applicativo ⊕: relazione SV, ... : relazione VO, ... retroapplicativo ⊗: [+simmetrico], ... : genitivo, ... 14/26
  18. 18. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Ricorsivit` del modello a Alberi adposizionali astratti minimi q q ⊕ ¡e ¡e ¡←e ¡→e ¡ adp e ¡ adp e ¡ e ¡ e ¡ e ¡ e tr tr lm lm q q ⊗ ¡e ¡e ¡→e ¡←e ¡ adp e ¡ adp e ¡ e ¡ e ¡ e ¡ e tr tr lm lm 15/26
  19. 19. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni I quattro caratteri grammaticali fondamentali verbale (I); 1 circostanziale (E); 2 aggiuntivo (A); 3 stativo (O). 4 16/26
  20. 20. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Selezione... Lessemi stativi per selezione: elefant, strument; Lessemi verbali per selezione: viv, ridur. 17/26
  21. 21. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Selezione... Lessemi stativi per selezione: elefant, strument; Lessemi verbali per selezione: viv, ridur. Infatti: Non *elefantarsi ma atteggiarsi da elefante; Non *strumentare ma usare uno strumento. 17/26
  22. 22. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni ...e collocazione Lessema primariamente stativo: vant; Lessemi primariamente verbale: comunic. 18/26
  23. 23. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni ...e collocazione Lessema primariamente stativo: vant; Lessemi primariamente verbale: comunic. Infatti: farne un vanto e vantarsi; comunicare e fare una comunicazione. 18/26
  24. 24. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni La traslazione di Tesni`re e trasl. Inglese Italiano Francese Tedesco Turco A long lung-o long lang uzun AO length lungh-ezz-a longeu-er L¨nge a uzun-luk AE long lung-amente longu-ement lang uzun AI length-en al-lung-are (r)al-long-er ver-l¨ng-ern a uzatma- 19/26
  25. 25. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni La traslazione di Tesni`re e trasl. Inglese Italiano Francese Tedesco Turco A long lung-o long lang uzun AO length lungh-ezz-a longeu-er L¨nge a uzun-luk AE long lung-amente longu-ement lang uzun AI length-en al-lung-are (r)al-long-er ver-l¨ng-ern a uzatma- Tre strategie: per Ablaut (lenght, L¨nge); a 1 per traslatore (-ezz-, -luk); 2 per supplettivit` (OA: acqua idrico). a 3 19/26
  26. 26. Albero d’esempio con le adposizioni esplicitate q ⊗ ¡e ¡←e ¡ con e ¡ e q ¡ e lei ⊕e ¡e ¡→ -o -e ¡ e ¡ e eq ¡ Leonard- ¡e ¡←e ¡ -o e ¡ e q e ¡ ¡e e ¡→e e ¡ e e ¡ e e eq e ¡ il ¡e e ¡→e e -a de-e ¡ e e ¡ e q e e ¡ barattol- ¡e e ¡→e e ¡ e e ¡ e e eq e ¡ -lla marmellat- ⊕ ¡e ¡→e -o su- ¡ e ¡ e q e ¡ mett- ¡e ¡→e ¡ e ¡ e e ¡ -l tavol-
  27. 27. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni La nozione di valenza Mutuata dalla chimica (valenza degli elementi) valenza 0: nevicare; valenza 1: crescere; valenza 2: mangiare; valenza 3: gradire. 21/26
  28. 28. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni La nozione di valenza Mutuata dalla chimica (valenza degli elementi) valenza 0: nevicare; valenza 1: crescere; valenza 2: mangiare; valenza 3: gradire. Attenzione: mettere su verbo a valenza 3! 21/26
  29. 29. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Il livello testuale Alfredo pu` pagare, poich´ ` ricco. ( ) o ee ` E ricco, dunque Alfredo pu` pagare. (⊗) o 22/26
  30. 30. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni L’importanza della punteggiatura Esempio di Gianni Rodari il maestro dice il direttore ` un asino e 1 Il maestro dice: il direttore ` un asino. e 2 Il maestro – dice il direttore – ` un asino. e 3 23/26
  31. 31. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni L’albero adposizionale di un breve testo q ⊗ ¡e ¡←e ¡?e ¡ e q ¡ e ¡e ¡→e Susi legge un libro ¡:e ¡ e q ¡ e ⊗ ¡e ¡←e No, non legge ¡.e ¡ e ¡ e ` stanca e 24/26
  32. 32. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Conclusioni Abbiamo visto: il concetto di adposizione e spazio adposizionale; 1 l’albero sintagmatico, il mattone degli alberi adposizionali; 2 isomorfismo strutturale nei tre livelli sintagmatico, frasale e 3 testuale; 25/26
  33. 33. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Conclusioni Abbiamo visto: il concetto di adposizione e spazio adposizionale; 1 l’albero sintagmatico, il mattone degli alberi adposizionali; 2 isomorfismo strutturale nei tre livelli sintagmatico, frasale e 3 testuale; Applicazioni linguistiche e computazionali: analisi comparata delle lingue; 1 didattica delle lingue straniere; 2 teoria della traduzione. 3 25/26
  34. 34. Introduzione Alberi e spazi adposizionali I lessemi Struttura Conclusioni Grazie. Domande? Potete scaricare questa presentazione qui: http://federicogobbo.name/ Minuta dell’intervento anche disponibile C Federico Gobbo 2009. Pubblicato in Italia. BY: $ CC Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5 26/26

×