Conversazione Sui Learning Object

1,079 views

Published on

Traccia per una lezione

Published in: Education
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,079
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
92
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Portabilità: facile installazione in qualunque LMS
  • Conversazione Sui Learning Object

    1. 1. Conversazione (riflessiva) sui Learning Object con Gianni Marconato Padova 22 febbraio 2010 Innovascuola
    2. 2. Cosa volete imparare oggi? <ul><li>L IM e problemi di apprendimento (dislessia) </li></ul><ul><li>Come i LO aiutano nell’insegnamento e a migliorare la didattica </li></ul><ul><li>SW PER LO </li></ul><ul><li>Come si valuta la. Con i LO </li></ul><ul><li>Caratteristiche generali dei LO </li></ul><ul><li>Come si creano i LO </li></ul><ul><li>Cosa sono i LO </li></ul><ul><li>Indicazioni metodologiche per il loro sviluppo </li></ul>
    3. 3. Perché vi interessate di Learning Object? <ul><li>Il ministero ce lo chiede altrimenti no € </li></ul><ul><li>Per interessare gli studenti </li></ul><ul><li>Per aumentare la motivazione </li></ul><ul><li>Per innovarci anche noi </li></ul><ul><li>Per usare la LIM </li></ul><ul><li>.. una cosa in più non guasta </li></ul>
    4. 4. Cosa sono i LO <ul><li>Molte definizioni </li></ul><ul><li>Molti formati </li></ul><ul><li>Molte modalità d’uso </li></ul><ul><li>Molti contesti d’uso </li></ul><ul><li>Ma, essenzialmente </li></ul><ul><li>“ contenuti” in formato digitale per la didattica </li></ul>
    5. 5. Concetti associati <ul><li>Granularità (a tomi di conoscenza) </li></ul><ul><li>Modularità (aggregabilità) </li></ul><ul><li>Destrutturazione - ristrutturazione </li></ul><ul><li>Auto-sufficienza (stand-alone) </li></ul><ul><li>Standardizzazione (SCORM, …) </li></ul><ul><li>Riusabilità </li></ul><ul><li>Portabilità </li></ul><ul><li>Interoperabilità </li></ul>
    6. 6. Sono ….. <ul><li>Lessico (e associati concetti) di derivazione informatica </li></ul><ul><li>La base tecnica e concettuale è la programmazione per oggetti </li></ul><ul><li>Trasferimento meccanico al mondo della didattica </li></ul><ul><li>Imperniati sulla presentazione di contenuti </li></ul><ul><li>Contenuti trattati informaticamente (digitalizzati, multimedializzati, ipertestualizzati) </li></ul><ul><li>Contenuti per la didattica trattati come per qualsiasi altro uso </li></ul><ul><li>Nessuna specificità per la didattica </li></ul>
    7. 7. Visione sottesa <ul><li>Insegnare vuol dire presentare (trasmettere) contenuti </li></ul><ul><li>Apprendere vuol dire </li></ul><ul><ul><li>Fruire contenuti </li></ul></ul><ul><ul><li>Memorizzare contenuti </li></ul></ul><ul><ul><li>Sommare contenuti nuovi a quelli vecchi </li></ul></ul><ul><li>Processi cognitivi coinvolti </li></ul><ul><ul><li>Memorizzazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Ripetizione </li></ul></ul>
    8. 8. Ma l’apprendimento <ul><li>È un processo più complesso della semplice trasmissione-memorizzazione di contenuti </li></ul><ul><li>Non è un processo di sommatoria di componenti elementari </li></ul><ul><li>Non si sviluppa in modo lineare </li></ul><ul><li>Non segue un percorso uguale per tutti </li></ul><ul><li>Non produce sempre lo stesso risultato </li></ul>
    9. 9. Il Learning Object <ul><li>Non è un “oggetto d’apprendimento </li></ul><ul><li>Non contiene in sé i meccanismi dell’apprendimento </li></ul><ul><li>Non “insegna” </li></ul>
    10. 10. Quindi, la mia tesi: i LO sono <ul><li>Una metafora insensata </li></ul><ul><li>Un costrutto inutile </li></ul><ul><li>Unica concessione è di denominarli Instructional Object </li></ul>
    11. 11. Una “vision” realizzata 1900 - 2001
    12. 12. <ul><li>1900 – una visione della scuola del 2000 </li></ul>
    13. 13. <ul><li>2001 - Il modello didattico ADL basato su </li></ul><ul><li>Learning Object </li></ul><ul><li>SCORM </li></ul><ul><li>LMS </li></ul>
    14. 14. Un Instructional Object <ul><li>È un’entità neutra </li></ul><ul><li>Che viene usata dall’insegnante </li></ul><ul><li>Che è guidato da una intenzionalità didattica </li></ul><ul><li>All’interno di una strategia didattica in cui usa una molteplicità di “oggetti” </li></ul><ul><li>Per una pluralità di strategie didattiche </li></ul>
    15. 15. L’apprendimento <ul><li>E’ integrazione delle nuove informazioni con quelle esistenti, non una sommatoria </li></ul><ul><li>Va oltre l’ascolto o la lettura di informazioni </li></ul><ul><li>Richiede un ruolo attivo per l’appropriazione </li></ul><ul><li>Richiede l’esercizio del pensiero </li></ul><ul><li>Richiede uno sforzo cognitivo </li></ul><ul><li>È comprensione, non memorizzaztione </li></ul>
    16. 16. Si apprende <ul><li>investigando </li></ul><ul><li>esplorando </li></ul><ul><li>scrivendo </li></ul><ul><li>costruendo modelli </li></ul><ul><li>costruendo comunità </li></ul><ul><li>comunicando con altri </li></ul><ul><li>progettando </li></ul><ul><li>visualizzando </li></ul><ul><li>valutando </li></ul>
    17. 17. … perché l’apprendimento è <ul><li>attivo: si interagisce con l’ambiente, si manipolano gli oggetti presenti in quell’ambiente e si osserva l’esito dell’azione </li></ul><ul><li>costruttivo: si articolare cosa è stato fatto e si riflettere sulle attività e sulle osservazioni </li></ul><ul><li>intenzionale (goal-directed): si fa qualcosa per uno scopo </li></ul><ul><li>cooperativo, conversazionale, collaborativo: si negozia socialmente una comune comprensione </li></ul><ul><li>autentico: è complesso e contestualizzato </li></ul>
    18. 18. Una alternativa praticabile <ul><li>Attività di apprendimento </li></ul><ul><li>Co-costruzione di artefatti cognitivi </li></ul><ul><li>Utilizzando semplici strumenti informatici </li></ul><ul><ul><li>Mappe mentali e concettuali </li></ul></ul><ul><ul><li>Slide </li></ul></ul><ul><ul><li>Wiki </li></ul></ul><ul><ul><li>Blog </li></ul></ul><ul><ul><li>Ipertesti </li></ul></ul><ul><ul><li>Ask System </li></ul></ul>
    19. 19. Agganciarci alle teorie contemporanee dell’apprendimento
    20. 20. Un invito a una riflessione
    21. 21. Cosa significa per me <ul><li>Conoscenza </li></ul><ul><li>Apprendimento </li></ul><ul><li>Insegnamento </li></ul><ul><li>Avere appreso </li></ul>
    22. 22. … .. inolltre <ul><li>Come insegno? </li></ul><ul><li>Quali i suoi punti di forza? </li></ul><ul><li>Quali i suoi punti deboli? </li></ul><ul><li>Quali sono le mie “teorie implicite” </li></ul><ul><li>Il mio insegnamento richiederebbe cambiamenti? </li></ul><ul><li>Cosa dovrei cambiare </li></ul><ul><li>Perché? </li></ul><ul><li>Come? </li></ul>
    23. 23. Alcuni riferimenti <ul><li>http://www.giannimarconato.it/2009/02/scorm-no-grazie/ </li></ul><ul><li>http://www.giannimarconato.it/2009/02/no-lo-meglio-attivita-di-apprendimento/ </li></ul><ul><li>http://www.giannimarconato.it/2009/03/tracciare-apprendere/ </li></ul><ul><li>http://www.giannimarconato.it/2009/03/stravaganze/ </li></ul><ul><li>http://www.giannimarconato.it/2008/01/risorse-didattiche-ma-per-farne-cosa/ </li></ul><ul><li>http://oltreelearning.blogspot.com/2008/01/learning-object-chi-li-vuole-e-chi-no.html </li></ul><ul><li>http://www.giannimarconato.it/2008/02/risorse-didattiche-come-costruirle-e-come-usarle/ </li></ul><ul><li>http://orientamentiedisorientamenti.ning.com/forum/topic/show?id=1193143%3ATopic%3A4721 </li></ul>
    24. 24. Grazie per la conversazione www.giannimarconato.it http://lascuolachefunziona.ning.com/ http://lascuolachefunziona.ning.com/group/tecnologieperinsegnareeperapprendere [email_address]

    ×