Il “gioc-attore”   Tra palco e multimedialitàSu il sipario!                   www.giovannilacetera.it
Come si diventa                                  “attori”?E’ un po’ come modificare un’immagine conphotoshop… non esiste u...
Qualche                                                   termine                     Sulla wikipedia sono spiegati molto ...
MetateatroMetacinema     www.giovannilacetera.it
Il metodo Stanislavskij                                                  Rain Man (1988)Il metodo Stanislavskij pone alle ...
La recitazioneLa recitazione sia teatrale che cinematografica è una delicata combinazione di meticolosapreparazione e spon...
Ma “fare teatro”                  vuol dire…                       …tempo… …condivisione…    …ascolto… …attenzione…   …emo...
La zattera       La pallina invisibile          Tre mimi ciechiAd Hyde Park si parla di…                     www.giovannil...
Succedeva sempre che a un certo punto uno alzava la testa... ela vedeva. È una cosa difficile da capire. Voglio dire... Ci...
Attore… imprenditore di se stesso• La scuola…prima agenzia• Le agenzie (diffidate da chi vi chiedesoldi)• Portali dedicati...
Grazie a tutti!!          www.giovannilacetera.it
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

"Il gioc-attore" tra palco e multimedialità

269 views

Published on

Seminario sulla recitazione tenuto il 25 marzo 2013 presso il Centro Elis (Roma)

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

"Il gioc-attore" tra palco e multimedialità

  1. 1. Il “gioc-attore” Tra palco e multimedialitàSu il sipario! www.giovannilacetera.it
  2. 2. Come si diventa “attori”?E’ un po’ come modificare un’immagine conphotoshop… non esiste un “solo” modo www.accademiasilviodamico.it www.teatroazione.org www.teatro7.it Centro sperimentale di cinematografia www.giovannilacetera.it
  3. 3. Qualche termine Sulla wikipedia sono spiegati molto bene! Metateatro Tragedia Teatro dell’Assurdo Merda!Merda!Merda!Mai vestirsi di viola!! Commedia dell’Arte Commedia Teatro Canzone Musical www.giovannilacetera.it
  4. 4. MetateatroMetacinema www.giovannilacetera.it
  5. 5. Il metodo Stanislavskij Rain Man (1988)Il metodo Stanislavskij pone alle basi dellarte dellattore il concettodellimmedesimazioneIl metodo opposto si deve allo studio dellopera di Bertolt Brecht, cheinvece basa la tecnica recitativa sulle capacità di straniamento www.giovannilacetera.it
  6. 6. La recitazioneLa recitazione sia teatrale che cinematografica è una delicata combinazione di meticolosapreparazione e spontaneità. Che differenza cè tra recitare a teatro o al cinema?C’è una differenza sostanziale: a teatro un attore si abitua ad entrare nell’opera e nella suaparte in modo graduale, si fanno prove con tutta la compagnia, si legge il testo per giorni egiorni, mentre al cinema si procede per frammenti, per scene spesso in sequenze temporalisbagliate.La telecamera è il “corpo estraneo” sempre presente e imparare a conoscerla e “amarla” è lacosa fondamentale perché lei riesca a catturare ogni emozione che l’attore riesce a trasmettere.A teatro esiste la “quarta parete”, il pubblico, ogni sera l’attore scopre qualcosa in più delpersonaggio.Al cinema il personaggio deve appartenere in maniera totale all’attore già dal primo ciak, ma ilregista fermerà per “l’eternità” uno sguardo piuttosto che un altro, lo imprimerà sulla pellicola.A teatro l’attore ogni sera darà una sfumatura diversa su una battuta o su un’altra, al cinema lascena che si deciderà di montare in sala montaggio, sarà per sempre. www.giovannilacetera.it
  7. 7. Ma “fare teatro” vuol dire… …tempo… …condivisione… …ascolto… …attenzione… …emozione……azione… …soprattutto GIOCARE!! www.giovannilacetera.it
  8. 8. La zattera La pallina invisibile Tre mimi ciechiAd Hyde Park si parla di… www.giovannilacetera.it
  9. 9. Succedeva sempre che a un certo punto uno alzava la testa... ela vedeva. È una cosa difficile da capire. Voglio dire... Ci stavamoin più di mille, su quella nave, tra ricconi in viaggio, e emigranti,e gente strana, e noi... Eppure cera sempre uno, uno solo, unoche per primo... la vedeva. Magari era lì che stava mangiando, opasseggiando, semplicemente, sul ponte... magari era lì che sistava aggiustando i pantaloni... alzava la testa un attimo, buttavaun occhio verso il mare... e la vedeva.Allora si inchiodava, lì dovera, gli partiva il cuore a mille, e,sempre, tutte le maledette volte, giuro, sempre, si girava verso dinoi, verso la nave, verso tutti, e gridava (piano e lentamente):lAmerica. Poi rimaneva lì, immobile come se avesse dovutoentrare in una fotografia, con la faccia di uno che laveva fatta luilAmerica. www.giovannilacetera.it
  10. 10. Attore… imprenditore di se stesso• La scuola…prima agenzia• Le agenzie (diffidate da chi vi chiedesoldi)• Portali dedicati al casting (rb casting)• Passaparola• Utilizziamo la multimedialità! (il blog, ilcanale youtube, profilo facebook) www.giovannilacetera.it
  11. 11. Grazie a tutti!! www.giovannilacetera.it

×