Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Wiki e open internet

536 views

Published on

Wiki e open internet

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Wiki e open internet

  1. 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web 14. I Wiki, Wikipedia e “open internet” Giuseppe Vizzari Edizione 2018-19
  2. 2. Queste slides Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in https://gvizzari.hopto.org/wp/. Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shot, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.
  3. 3. Collaborazione in rete La rete permette numerose forme di collaborazione fra grandi popolazioni di individui per raggiungere obiettivi comuni • Pubblicazione di informazioni Es.: notizie, segnalazioni, recensioni, rating, … • Condivisione e supporto Es.: file sharing, sistemi di Q&A, … • Richiesta e fornitura di servizi Es.: crowdsourcing, crowdfunding, … • Realizzazione di opere collettive Es.: software, enciclopedie, mappe, …. •…. 3
  4. 4. I wiki Lo strumento più semplice per scrivere testi cooperativi bottom-up sul Web 4 Ward Cunningham ha realizzato il primo wiki nel 1995, come strumento collaborativo per discutere pattern languages "Wiki wiki" in lingua hawaiana che significa “molto veloce”: mette in evidenza la facilità con cui le pagine possono essere create e aggiornate Browser
  5. 5. Wiki: i problemi del lavoro cooperativo distribuito • Chiunque può cancellare il lavoro degli altri (per errore o volontariamente)  Ogni modifica viene registrata automaticamente in una cronologia, e può essere sempre ripristinata • Più utenti che lavorano contemporaneamente sullo stesso testo possono ostacolarsi → Regole di sincronizzazione 5
  6. 6. www.wikipedia.org • Nata il nel gennaio 2001 per iniziativa di Jimmy Wales, come progetto complementare di Nupedia (enciclopedia con redazione affidata ad esperti). • Enciclopedia online, multilingue, ipertestuale, a contenuto libero, redatta in modo collaborativo da volontari e sostenuta dalla Wikimedia Foundation, senza fini di lucro • Basata su MediaWiki: le pagine possono essere modificate da chiunque (anche anonimamente) • https://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia http://wikimediafoundation.org/wiki/Home 6
  7. 7. Wikipedia: crescita (lingua inglese) 7 http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Modelling_Wikipedia%27s_growth http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Size_of_Wikipedia
  8. 8. Wikipedia: la crescita genera un feedback positivo • La crescita delle voci attrae nuovi lettori, alcuni dei quali scrivono nuove voci • Nuovi articoli contenenti link a voci non esistenti (stubs) stimolano la creazione di nuove voci per “riempire” questi stubs • Nuovi "fatti" stimolano la creazione di nuove voci • In sostanza, Wikipedia non finisce mai, ma si “autosostiene”, generando nuove voci 8 D.Spinellis, P.Louridas, The collaborative organization of knowledge, http://www.spinellis.gr/pubs/jrnl/2008-CACM-Wikipedia/html/SL08.pdf
  9. 9. Wikipedia: dimensione oggi • 40+ ml di articoli in 295 lingue (284 attive) 9 http://en.wikipedia.org/wiki/Category:Wikipedia_statistics http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Size_of_Wikipedia
  10. 10. Wikipedia e analisi dei trend Quante volte un certo articolo è stato letto a una certa data? http://stats.grok.se 10
  11. 11. Wikipedia: i cinque pilastri 1. Wikipedia è un’enciclopedia Verificabilità /no fonte primaria/no ricerche originali /no dizionario/no giornale/no promozione 2. Wikipedia ha un punto di vista neutrale NPOV, neutral point of view: riporta i diversi punti di vista supportati da fonti attendibili / risoluzione dei conflitti tramite pagina di discussione / blocco temporaneo in caso di forti controversie 3. Wikipedia è libera Testi Creative Commons e GFDL, modificabili da chiunque 4. Wikipedia ha un codice di condotta Ricerca del consenso / buona fede / apertura 5. Wikipedia non ha regole fisse http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cinque_pilastri 11
  12. 12. 1. Wikipedia è un’enciclopedia “Wikipedia è un’enciclopedia che comprende gli elementi tipici delle enciclopedie "generaliste", delle enciclopedie "specialistiche" e degli almanacchi. Wikipedia non è una raccolta indiscriminata di informazioni. Quindi non è una fonte primaria ma piuttosto uno strumento di divulgazione secondaria; non è un dizionario né un palco per comizi, né un giornale; non è neanche un luogo dove fare autopromozione, o un banco di prova per l'anarchia o la democrazia; non è neppure uno spazio web utilizzabile indiscriminatamente né un posto dove inserire le proprie opinioni, esperienze o argomentazioni soggettive; tutti i contributori devono sforzarsi di seguire le politiche comunitariamente basate sulla verificabilità e sul divieto di ricerche originali.” (26 maggio 2013: confrontarlo con il testo di oggi) http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cosa_Wikipedia_non_%C3%A8 12
  13. 13. • Verifiability http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Verifiability • No original research http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:No_original_research • Biographies of living persons http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Biographies_of_living_persons 13
  14. 14. 2. Wikipedia ha un punto di vista neutrale “Wikipedia ha un punto di vista neutrale, ovvero le voci non devono contenere le opinioni di una sola parte, ma piuttosto riportare le diverse teorie inerenti all'argomento. Tali teorie devono essere presentate in modo chiaro, imparziale, proporzionale alla loro rilevanza, e con il supporto delle necessarie fonti. Nessuna teoria deve essere presentata come "la migliore" o come "la verità", ma deve essere il più possibile supporatta da fonti attendibili , specialmente nelle voci su argomenti controversi. Nel caso sorgessero conflitti circa la versione da ritenersi maggiormente neutrale, è opportuno astenersi da ulteriori modifiche e procedere al suo sviluppo tramite il confronto nella pagina di discussione, seguendo la procedura per la risoluzione dei conflitti e – nei casi più controversi – bloccando momentaneamente la voce" http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Punto_di_vista_neutrale (26 maggio 2013) 14
  15. 15. Dispute 15
  16. 16. 3. Wikipedia è libera • "Wikipedia è libera, il suo contenuto è quindi modificabile da chiunque seguendo alcuni codici di condotta. Tutti i testi sono rilasciati sotto licenza Creative Commons – Attibuzione – Condividi allo stesso modo (CC BY-SA) e GNU Free Documentation License (GFDL) e possono essere citati o distribuiti rispettandone le prescrizioni. Tenere presente che le voci possono essere modificate da chiunque e non sono mai sotto il controllo di un singolo, nemmeno qualora si tratti del soggetto della voce; di conseguenza ciascuna voce aggiunta o modificata può essere a sua volta modificata liberamente e ridistribuita dalla comunità. Inserire solo materiale compatibile con la licenza CC BY-SA.” (26 maggio 2013) • http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Testo_della_GNU_Free_Do cumentation_License 16
  17. 17. 4. Wikipedia ha un codice di condotta "Wikipedia ha un codice di condotta: occorre rispettare ciascun wikipediano anche quando non si è d'accordo con lui; ci si comporti civilmente, cercando di prediligere il WikiLove ed evitando conflitti di interesse, attacchi personali o facili generalizzazioni; Wikipedia è un progetto collaborativo: si cerchi il consenso, si evitino inutili "guerre di modifiche", non ricorrendo a ripetuti ripristini di pagine; si ricordi che ci sono 1 035 483 voci nella Wikipedia in italiano sulle quali lavorare e discutere si agisca in buona fede senza mai danneggiare Wikipedia per sostenere il proprio punto di vista e presumendo, ache nel valutare il lavoro altrui, la medesima buon afede. Si cerchi di mantenere un atteggiamento il più aperto e pacato possibile nei rapporti fra wikipediani, mostrandosi accoglienti con i nuovi arrivati.” (26 maggio 2013) http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Wikiquette 17
  18. 18. 5. Wikipedia non ha regole fisse • "Wikipedia non ha regole fisse, eccetto i cinque principi elencati in questa pagina. Si cerchi dunque di non essere timidi nel modificare le voci, poiché il piacere di contribuire non richiede per forza di raggiungere la perfezione, nonostanet questo sia l'obiettivo ultimo dell'enciclopedia. Non ci si preoccupi eccessivamente di fare eventuali pasticci: tutte le versioni precedenti di una voce vengono salvate, per cui è impossibile danneggiare Wikipedia in maniera irreparabile. Ma ci si ricordi che, allo stesso modo, tutto ciò che si scrive sarà conservato per i posteri.” (26 maggio 2013) • http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Ignora_le_regole 18
  19. 19. Wikipedia: la community (dati gen 2014) • Autori (“wikipediani”): • Registrati (oltre 25 milioni, di cui 130.000 attivi negli ultimi 30 giorni) o anonimi (dati per versione inglese) • Possono avere pagine personali • Amministratori: • >1.300 volontari, accettati per consenso dalla comunità • Hanno accesso a strumenti di amministrazione per bloccare e cancellare pagine, bloccare altri autori, … • Non sono pagati, e non fanno parte della Wikimedia Foundation • http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Who_writes_Wikipedia • http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Community_portal#Collaborations 19
  20. 20. Wikipedia: affidabilità • Wikipedia non contiene alcun processo formale e sistematico di revisione: gli stessi contributori potrebbero non essere esperti negli argomenti di cui scrivono • Quindi sono possibili errori, imprecisioni e vandalismi • Ma l'esposizione di una voce a un grande numero di lettori genera un processo di correzione alquanto rapido che, di fatto, produce affidabilità 20
  21. 21. Wikipedia: le modifiche Log delle modifiche recenti: http://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Special:RecentChanges&hidebots =0&hideminor=0&hideliu=1 Una visione in tempo reale: http://www.lkozma.net/wpv/index.html 21
  22. 22. Wikipedia: affidabilità • Nel 2006 la rivista Nature ha confrontato Wikipedia e la prestigiosa Enciclopedia Britannica, giungendo a un giudizio di sostanziale parità quanto ad autorevolezza (3.86 errori per voce per Wikipedia, 2.92 l’enciclopedia britannica) • L’argomento è controverso… anche perché per affidabilità intendiamo probabilmente diverse cose • Wikipedia, d’altro canto, ha una pagina dedicata al tema che non nasconde certo gli incidenti notevoli 22 https://studylib.net/doc/8225636/internet-encyclopaedias-go-head-to-head https://en.wikipedia.org/wiki/Reliability_of_Wikipedia
  23. 23. Wikipedia: affidabilità (segue) “Il punto non è che ogni voce di Wikipedia sia probabilistica, ma che l'intera enciclopedia si comporto in modo probabilistico ... Per dirlo in altro modo, nella Britannica la qualità varia da, diciamo, 5 a 9 con una media di 7. In Wikipedia varia da 0 a 10, con una media, diciamo, di 5. Ma visto che Wikipedia ha dieci volte le voci della Britannica, avete maggiori probabilità di trovare su Wikipedia una voce sensata su un qualunque argomento” “A rendere Wikipedia davvero straordinaria è il fatto che migliora nel corso del tempo: si cura organicamente come se la sua enorme e crescente armata di addetti fosse un sistema immunitario” “Il vero miracolo di Wikipedia è che questo sistema, aperto ai contributi di utenti non professionisti, non collassi nell'anarchia” C. Anderson, La Coda Lunga 23
  24. 24. Wikipedia: affidabilità (segue) Scherzi: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Scherzi_e_STUBidaggini Vandalismo: http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Gestione_del_vandalismo 24
  25. 25. Citizendium • www.citizendium.org (“citizen compendium”) Enciclopedia collaborativa basata su wiki, lanciata la Larry Sanger (co-fondatore di Wikipedia) nel febbraio 2007 • Intende costituire una enciclopedia “affidabile”, migliorando il processo usato da Wikipedia: • Gli autori usano i loro nomi reali • Gli articoli sono moderati da esperti • Gli articoli “approvati” vengono chiusi, e le modifiche vengono proposte su draft separati • Ago 2013: circa 16.500 articoli in draft, e 165 approvati, 10 autori che fanno almeno 20 edit al mese • http://en.wikipedia.org/wiki/Citizendium 25
  26. 26. Esempio Confrontare: http://en.wikipedia.org/wiki/Citizendium e http://en.citizendium.org/wiki/Citizendium (draft) http://en.wikipedia.org/wiki/Homeopathy e http://en.citizendium.org/wiki/Homeopathy (approvato) 26
  27. 27. Altri esempi di peer production (fra i tantissimi) • www.openstreetmap.org/ Realizzazione cooperativa di mappe libere del territorio (dal 2004) http://en.wikipedia.org/wiki/OpenStreetMap http://wiki.openstreetmap.org/wiki/Beginners%27_Guide • www.discogs.com “A community-built database of music information. Imagine a site with discographies of all labels, all artists, all cross-referenced.” (dal 2000) http://en.wikipedia.org/wiki/Discogs 27
  28. 28. Open internet 28 La rete può essere considerata un gigantesco ambiente cooperativo “aperto” che stimola e rende possibile la creatività • Gli utenti creano contenuti • I contenuti sono condivisi e riutilizzati • La partecipazione e la comunicazione sono libere
  29. 29. Filosofia “open” 29 Favorire al massimo grado la disponibilità di opere dell’ingegno in formati che ne permettano l’uso, la riproduzione, la modifica e il riutilizzo da parte di chiunque, nel rispetto di specificate regole (“licenze d’uso”) • Open source http://en.wikipedia.org/wiki/Open_source • Open content http://it.wikipedia.org/wiki/Open_content • Open data http://en.wikipedia.org/wiki/Open_Data • Open API http://en.wikipedia.org/wiki/Open_API
  30. 30. Il riuso di opere altrui per creare nuove opere c'è sempre stato, ma ora è possibile a un livello mai visto prima: Tecnologie di riproduzione ed editing Tecnologie di aggregazione Tecnologie di distribuzione
  31. 31. Alcuni problemi • Che cos'è un'opera derivata? • Quali sono le modalità lecite per produrla? • Chi è l'autore di un'opera derivata? • Chi è l'autore di un'opera [massivamente] collettiva? • Quali sono i diritti degli autori e dei fruitori? 31
  32. 32. Il problema della pirateria • Utilizzo illecito di opere dell'ingegno altrui • In alcuni Paesi è molto diffusa • Costituisce un grave danno per l'economia • È molto difficile da contrastare 32
  33. 33. Diritto d'autore Art.2575 CC: Formano oggetto del diritto di autore le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alle scienze, alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro e alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione. Art.2577 CC: L’autore ha il diritto esclusivo di pubblicare l’opera e di utilizzarla economicamente in ogni forma e modo, nei limiti e per gli effetti fissati dalla legge. L’autore, anche dopo la cessione dei diritti previsti dal comma precedente, può rivendicare la paternità dell’opera e può opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione o altra modificazione dell’opera stessa, che possa essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione. http://it.wikipedia.org/wiki/Diritto_d%27autore_italiano 33
  34. 34. Pubblico dominio 34 • Un’opera d'ingegno si dice di pubblico dominio quando non esiste nessuna legge che stabilisce dei diritti di proprietà, o quando l'oggetto in questione è specificatamente escluso da tali diritti dalle leggi vigenti • Esempio: Quando il diritto d’autore di un’opera scade, essa rientra nel pubblico dominio (i termini variano a seconda dei Paesi) • http://it.wikipedia.org/wiki/Pubblico_dominio
  35. 35. Creative commons (CC) 35 • Organizzazione non-profit costituita nel 2001, per iniziativa di Laurence Lessig, professore di diritto a Stanford, con la missione di: “design methods and technologies that facilitate sharing of scientific, creative and other intellectual works with the general public.” • CC ha prodotto diversi modelli di licenze che permettono ai creatori di opere di specificare in modo semplice e chiaro quali diritti sulla loro opera sono riservati, e quali vengono ceduti ad altri creatori (NB Le licenze CC non riguardano il software) • http://www.creativecommons.it
  36. 36. L'idea: uno spettro di possibilità 36 “Share, Remix, Reuse – legally
  37. 37. Le licenze Creative Commons 37 http://creativecommons.org/licenses/ BY NC ND/SA Es.: Wikipedia Es.: Queste slides
  38. 38. La licenza di Wikipedia 38 http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Copyrights http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Text_of_Creative_Commons_Attribution- ShareAlike_3.0_Unported_License
  39. 39. Le licenze di Wikipedia 39 • All text in Wikipedia was covered by GNU Free Documentation License (GFDL), a copyleft license permitting the redistribution, creation of derivative works, and commercial use of content while authors retain copyright of their work, up until June 2009, when the site switched to Creative Commons Attribution-ShareAlike (CC-by- SA) 3.0. • Wikipedia had been working on the switch to Creative Commons licenses because the GFDL, initially designed for software manuals, is not suitable for online reference works and because the two licenses were incompatible. • In response to the Wikimedia Foundation's request, in November 2008, the Free Software Foundation (FSF) released a new version of GFDL designed specifically to allow Wikipedia to relicense its content to CC-BY-SA by August 1, 2009. Wikipedia and its sister projects held a community-wide referendum to decide whether or not to make the license switch • In consequence of the referendum, the Wikimedia Board of Trustees voted to change to the Creative Commons license, effective June 15, 2009
  40. 40. La licenza di queste slides 40
  41. 41. E per il software? Closed source • Il codice sorgente non viene diffuso • Tutti i diritti sono riservati all'autore, che è l'unico che può modificarlo • Il codice oggetto viene distribuito con licenza d'uso, ma rimane di proprietà dell'autore e non può essere copiato 41
  42. 42. E per il software? (segue) Open source • Il codice sorgente viene diffuso • Chiunque può modificarlo per migliorarlo o costruire opere derivate, a specificate condizioni (variano da licenza a licenza) • L'autore mantiene tutti i diritti • Viene spesso sviluppato in modo collaborativo, attraverso la rete 42
  43. 43. Le due anime del movimento open source 43 • Il movimento del free software, iniziato da Richard Stallman con il Progetto GNU (1983) e la Free Software Foundation (1985) http://www.fsf.org/ "Free software is a matter of liberty, not price. To understand the concept, you should think of 'free' as in ‘free speech’, not as in ‘free beer’ Richard Stallman • La Open Source Initiative, fondata da Bruce Peters e Eric Raymond (1989) http://opensource.org/
  44. 44. FLOSS – F/OSS - FOSS 44 Free[/Libre/]Open Source Software Acronimo usato per riferirsi genericamente a entrambi gli approcci Il termine “Libre” è usato per evitare l’ambiguità del termine “Free”, che significa anche “gratuito” NOTA IMPORTANTE Non confondere il software libero o open source (che è soggetto alle regole espresse nella licenza e il cui autore mantiene tutti i diritti) con il software public domain (PD) (il cui autore non ha più diritti, e che non è soggetto ad alcuna regola). Né FSF né OSI promuovono il concetto di PD.
  45. 45. Stallman: le 4 libertà 45 1. Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo 2. Libertà di studiare il programma e modificarlo 3. Libertà di copiare il programma in modo da aiutare il prossimo 4. Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio
  46. 46. Open Source Initiative 46 • Fondazione non profit costituita quando Netscape pubblicò il codice sorgente del suo browser • Adotta un punto di vista pragmatico e non ideologico, per promuovere l’uso del software open source, in particolare nelle applicazioni commerciali • “Open source is a development method for software that harnesses the power of distributed peer review and transparency of process. The promise of open source is better quality, higher reliability, more flexibility, lower cost, and an end to predatory vendor lock-in.The Open Source Initiative (OSI) is a non- profit corporation formed to educate about and advocate for the benefits of open source and to build bridges among different constituencies in the open- source community.” • Mantiene una lista di licenze software consistenti con i principi dell’open source (meno restrittivi di quelli di FSF) • http://en.wikipedia.org/wiki/Free_software
  47. 47. Esempio: Linux • Sistema operativo open-source • Sviluppato originalmente da Linus Torvald nel 1991, che mise il codice a disposizione gratuitamente di chi fosse interessato a migliorarlo • Distribuito con licenza GNU General Public License (GPL) • Il primo e più importante caso di sviluppo cooperativo di software open-source • Oggi circa 12% market share dei server OS (1% desktop OS) 47
  48. 48. Linux: come è nato 48 • Linus Torvalds, studente di sistemi operativi, realizza una prima versione elementare, per studio personale • Poi mette i sorgenti in rete e chiede aiuto a tutti coloro che sono interessati al progetto, via Internet (5 ott 1991) • Ciò crea una ampia comunità di programmatori, che comunicano attraverso la rete e producono un enorme numero di miglioramenti a partire dal codice iniziale • Linus Torvalds mantiene nel processo un controllo lasco, consultivo e non prescrittivo, assieme a numerosi “guru” emersi spontaneamente nel tempo • Le modifiche al codice vengono integrate e rese disponibili a tutti in rete con estrema frequenza • Il nuovo codice viene immediatamente testato da un gran numero di programmatori, che identificano e rimuovono gli errori
  49. 49. Linux: come è stato possibile? 49 • Miglioramenti spontanei, incrementali e locali, a partire da una architettura di massima preesistente • Testing e debugging immediato e contemporaneo da parte di un enorme numero di utenti • Problem solving massivamente parallelo • Integrazioni e rilasci frequentissimi (anche giornalieri)

×