Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Introduzione al web (2/2) - 18/19

629 views

Published on

Introduzione al web (2/2) - edizione 2018/19

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Introduzione al web (2/2) - 18/19

  1. 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web 5. Introduzione al Web (II) Giuseppe Vizzari Edizione 2018-19
  2. 2. Queste slides Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in https://gvizzari.hopto.org/wp/. Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shot, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.
  3. 3. Naming: URI, URL, URN 3 URI Uniform Resource Identifier URN Uniform Resource Name Specifica il nome della risorsa Esempio: (International Standard Book Number) URL Uniform Resource Locator Specifica l'indirizzo della risorsa
  4. 4. Esempio 4 Web server Root / A corso B Index.html Filesystemdelcomputer
  5. 5. Se non mettete l’URL completo… 5 rpolillo.it Web server Web server (pathname di default)browser Se ci sono vari siti sullo stesso server, Si usano varie tecniche per fornire il sito di default. La soluzione più elegante è quella di definire vari host virtuali, ciascuno con un proprio indirizzo IP. http://en.wikipedia.org/wiki/Virtual_hosting
  6. 6. URL shortening • Gli URL tendono ad essere lunghi  servizi che accorciano gli URL • Esempio: http://www.rpolillo.it/index.php/2013/01/workshop-su-digital-heritage- levoluzione-della-memoria-1-feb-2012-in-bicocca/  http://bit.ly/1FKg3oN 6 Esempi: bit.ly tinyurl.com t.Co …. Statistiche d'accesso e altri servizi HTTP internet Browser Web server HTML HTML PUT GET Servizio di URL shortening
  7. 7. Il linguaggio HTML • Esigenza: distinguere contenuto, struttura logica e modalità di presentazione delle pagine • Ogni pagina contiene, oltre al suo contenuto informativo, anche “meta-informazioni” che specificano struttura e presentazione • Queste sono scritte in un linguaggio denominato “HyperText Markup Language” (HTML), poi anche CSS (Cascading Style Sheet, circa 1996+) • Il "rendering" è gestito localmente dal browser, che conosce le caratteristiche del device • Markup, non programmazione! 7
  8. 8. Markup vs Programmazione • Linguaggio di programmazione: utilizzato per comunicare istruzioni a una macchina di calcolo, per definire programmi che controllino il comportamento di un calcolatore • Linguaggio di markup: utilizzato per annotare un documento in modo tale che l'annotazione sia sintatticamente distinguibile dal testo • Esempi di linguaggi di markup: • TeX (e LaTeX) • SGML • HTML, XHTML, XML • Le annotazioni possono avere diverse finalità: • di presentazione (definiscono come visualizzare il testo al quale sono associate) • procedurali (definiscono istruzioni per programmi che elaborino il testo al quale sono associate) • descrittive (etichettano semplicemente parti del testo, disaccoppiando la struttura dalla presentazione del testo stesso)
  9. 9. Esempio 9 1.Bla bla bla 1.1 Blu blu blu Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing Nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. 1.2 Bli bli bli Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit Struttura Heading 1 Heading 2 paragrafo Verdana, bold, 24 Verdana, bold, 18 Verdana, corsivo, 12 PresentazioneContenuto
  10. 10. HTML: esempio 10
  11. 11. HTML: link 11
  12. 12. Testo attivo Immagine attiva BottoneTab I link possono assumere diverse forme 12
  13. 13. HTML: immagini 13
  14. 14. HTML: iframe 14 <iframe width="560" height="315" src="http://www.youtube.com/embed/qrO4YZeyl0I" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>
  15. 15. Sito YouTube Flickr Incorporazione ("embedding") 15 iFrame
  16. 16. Embedding e diritto d’autore In una sentenza del novembre 2014, la Corte di Giustizia Europea ha stabilito che l’embedding non viola il diritto d’autore http://www.key4biz.it/elex-corte-giustizia-ue-lembedding-non- viola-copyright/ 16
  17. 17. Le cose si complicano in fretta… <!DOCTYPE html> <html lang="en-IT”> <head> <meta content= "/images/branding/googleg/1x/googleg_standard_color_128dp.p ng"> <link href="/images/branding/product/ico/googleg_lodp.ico" rel= "shortcut icon"> <meta content="origin" id="mref" name="referrer"> <title>Google</title> <script> [...] </script> <style> [...] </style> [...] </head> <body alink="#DD4B39" bgcolor="#fff" class="hp vasq" id="gsr" link="#12c” onload=“ […]"> <div class="ctr-p" id="viewport"> <div data-jiis="cc" id="doc-info"></div> <div data-jiis="cc" id="cst”> <style> [...] </style> </div> <a href= "/setprefs?suggon=2&amp;prev=https://www.google.it/?gws_rd% 3Dssl&amp;sig=0_ySMtAze5Ck2H5XZmqjKIpBxszV4%3D" style="left:-1000em;position:absolute">Screen-reader users, click here to turn off Google Instant.</a> <textarea id="csi" style="display:none"> </textarea> …
  18. 18. Pagine statiche / dinamiche • Ogni pagina web è stata scritta (a mano) da un utente umano? • Chiaramente no… • Un elemento fondamentale del cosiddetto Web 2.0 è il fatto che i contenuti sono spesso generati dagli utenti stessi (che di norma non conoscono HTML) • Inoltre, ben prima, siti come portali di notizie, e-commerce, annunci e soprattutto i motori di ricerca, dovevano generare automaticamente e dinamicamente pagine web a partire da basi di dati, archivi, altre sorgenti di informazione • Introduzione di linguaggi di scripting per poter definire template di pagine basate sul contenuto di una sorgente di dati
  19. 19. Linguaggi di Scripting • Linguaggio di programmazione per l'automazione di compiti altrimenti eseguibili da un utente umano all'interno di un ambiente software • Variano da linguaggi molto specifici per applicazioni e domini ristretti (e.g. MAXScript per 3ds Max), a linguaggi general purpose (e.g. Python) • Caratteristiche tipiche: • Semplicità ma... • Specificità, orientamento a funzionalità limitate • Interpretati, raramente compilati, spesso molto dinamici • Curiosità • Lisp (nella sua variante AutoLISP) è incluso nelle versioni complete di AutoCAD
  20. 20. JavaScript • JavaScript è un linguaggio di programmazione interpretato inizialmente progettato per permettere l'esecuzione di script all'interno di browser web, lato client, per l'interazione con l'utente, la validazione di dati all'interno di form, la modifica di documenti web senza effetto 'pagina bianca', ... • JavaScript è un linguaggio dinamico, debolmente tipizzato, la cui sintassi è stata influenzata dal C e da Java… • Oggi è utilizzato in modo pervasivo per costruire pagine web dinamiche, capaci di riutilizzare servizi web resi disponibili da terze parti, componendo – più che programmando – applicazioni web
  21. 21. Lato client o lato server? • JavaScript è (di norma) eseguito ‘lato client’ • Nel mondo web una serie di tecnologie (non ultime le servlet e JSP, ma anche PHP, Ruby on Rails, …) rappresentano tecnologie ‘lato server’ • Nella tipica architettura a 3 tier le tecnologie lato server realizzano gran parte delle logiche applicative e accesso ai dati (logic e data tier) • Altre tecnologie ‘lato client’ sono ad esempio Flash, le Applet di Java http://en.wikipedia.org/wiki/Multitier_architecture
  22. 22. Scripts (server side) 22 Script in linguaggio PHP eseguito dal server <html> <body> <?php echo "ciao" ?> </body> </html> <html> <body> ciao </body> </html> ciao Pagina sul server Pagina trasferita al client
  23. 23. WordPress, ad esempio... (1/2) • Gli utenti non scrivono pagina HTML, ma da qualche parte i dati delle pagine, degli utenti, dei commenti, dei contenuti multimediali, … devono essere memorizzati • Questo a destra è lo schema del DB relazionale di WordPress… • Non è rilevante per il tipico utente, sebbene sia potenzialmente molto utile, addirittura fondamentale per scrivere nuovi plugin • Non è importante conoscerlo a memoria… • D’altronde è necessario sapere che esiste e magari avere qualche rudimentale conoscenza di come è strutturato 23
  24. 24. WordPress, ad esempio… (2/2) • La cartella principale dell’installazione di default di WordPress include diversi file PHP • In particolare, index.php è il template della pagina indice del blog, che riporta l’elenco dei post in ordine cronologico decrescente… • … non aprite il file index.php sperando di vedere direttamente il codice che effettua questa operazione: WordPress è molto complicato, internamente, e index.php è molto piccolo… ma richiama numerosi altri file https://www.optimizesmart.com/wordpress-ninja-15-minutes/
  25. 25. Scripts (client side) 25 Script eseguito dal browser Può esserci anche un link allo script (quindi, si possono importare librerie di terze parti) Pagina trasferita al client
  26. 26. WordPress, ad esempio… Posso dinamicamente, e senza avere un refresh complessivo della pagina, passare dalla statistica delle viste singole a quella del numero di utenti
  27. 27. WordPress, ad esempio… Questo cambiamento implica un’interazione con il server, ma viene gestito dalla pagina attuale, in particolare da codice JavaScript
  28. 28. Scripts (server side + client side) Script in linguaggio PHP eseguito dal server <html> <body> <?php echo "ciao" ?> <script> document.write(“ Pippo…”); </script> </body> </html> <html> <body> ciao <script> document.write(“ Pippo…”); </script> </body> </html> ciao Pippo… Pagina sul server Pagina trasferita al client Script eseguito dal browser sul client Praticamente ogni web application minimamente interessante oggi adotta questo genere di schema architetturale
  29. 29. Embedding 29 <html> <body> embed code </body> </html> oggetto attivo disponibile sulla rete
  30. 30. In sintesi… 30 BROWSER File HTML
  31. 31. Lavoro individuale • Approfondite il concetto di URL • Provate qualche servizio di URL shortening, e verificate quali servizi aggiuntivi vi vengono offerti, e il modello di business che permette al servizio di sopravvivere sul mercato • Il fatto che sulla vostra macchina venga eseguito un programma scaricato da un sito vi lascia particolarmente tranquilli? • Perché si parla di “morte” di Flash? • In sintesi, quanti linguaggi dovrebbe conoscere un cosidetto “full stack developer” per essere davvero completo? Ripercorrete le slide e cercate di fare un elenco completo per quello che vi è stato detto… 31

×