Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

12 - Social media

502 views

Published on

Introduzione ai social media

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

12 - Social media

  1. 1. Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web 12. I social media Giuseppe Vizzari Edizione 2017-18
  2. 2. Queste slides Queste slides fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova in https://gvizzari.hopto.org/wp/. Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it ): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shot, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.
  3. 3. Social media Servizi online che permettono la creazione, la condivisione e lo scambio di contenuti informativi di vario tipo all'interno di comunità virtuali Due categorie principali: • Social networking sites ("social networks”) Servizi online che permettono di comunicare e interagire con la propria "rete sociale" • Content sharing sites Servizi online che permettono di pubblicare in rete e di condividere con altri utenti materiale di varia natura 3
  4. 4. Social media Social networking sites Private (Ning) Public Generic (Facebook, Google+) Focused (LinkedIn, ResearchGate) Content sharing sites Photos (Flickr, Instagram) Videos (YouTube) Documents (Scribd) Messages* (Twitter) Presentations (Slideshare) (supposedly) self- destructing videos / pictures (Snapchat) ... Principali social media (oggi)
  5. 5. Social media: definizione funzionale Servizi online in cui l'utente può: • Creare un proprio profilo, con le sue informazioni essenziali • Costruire e manutenere una rete di relazioni con altri utenti • Pubblicare dei contenuti sulla propria bacheca, o compiere delle azioni, visibili ad altri utenti del servizio, secondo le impostazioni di privacy da lui definite • Vedere sul proprio stream i contenuti pubblicati da altri utenti del servizio, o le azioni da loro compiute, secondo le impostazioni di privacy da essi definite • Commentare o condividere con altri utenti i contenuti a lui visibili • Comunicare direttamente con altri utenti o gruppi di utenti del servizio 5
  6. 6. Social media: gli elementi di base 6 Bacheca Timeline Wall Diario Album Canale …. Visibile secondo le regole di privacy impostate dall’utente Stream Notizie Cronologia …. Visibili solo all’utente Profilo …. www.socialmedium.com/nome Nei siti di condivisione dei contenuti si possono organizzare in vario modo: Set Playlist, sezioni Board … Notifiche
  7. 7. Social media: tipi di relazioni 7   Amico di B A B Amico di A • Simmetriche (devono essere richieste e accettate) Es.: Facebook, LinkedIn “amico” “contatto”   A Seguace (follower) di B B Seguìto (followed) da A • Asimmetriche (non devono essere richieste) Es.: Siti di condivisione dei contenuti, Twitter, Google+
  8. 8.                    A B C D Nodo Link (orientato) Hub Relazioni: rappresentazione mediante grafi8
  9. 9. Tratto da: http://www.fmsasg.com/SocialNet workAnalysis/ Social graph 9
  10. 10. Reti sociali e leggi di potenza In una rete sociale gli hub sono distribuiti secondo una legge di potenza, e non secondo una distribuzione a campana: 10 Distribuzione a campana (anche detta “normale”) Distribuzione secondo una legge di Potenza (power law) Numero di link Numero di link numerodinodi connlink N(n) numerodinodi connlink N(n) n n NON COSI’ …. …. MA COSI’
  11. 11. gli amici dei miei amici (2° grado) B Gradi di separazione 11 gli amici degli amici dei miei amici (3°grado) D C I miei amici (”contatti") (1° grado) A A e D si possono conoscere attraverso 2 persone (B e C) che possono metterli in contatto (si dice che hanno 3 gradi di separazione)
  12. 12. I 6 gradi di separazione • Un esperimento dello psicologo Stanley Milgram (1967) mostrò che ogni abitante degli Stati Uniti aveva, in media, circa 3 gradi di separazione da ogni altro abitante del paese • Esperimenti recenti (attraverso mail) suggeriscono che i gradi di separazione fra gli abitanti del pianeta siano, in media, fra 6 e 7 • Il concetto dei 6 gradi di separazione è diventato, dai primi anni ‘90, popolare sui media; da esso è nato la prima social network su internet, sixdegrees.com (1997) • http://en.wikipedia.org/wiki/Six_degr ees_of_separation 12
  13. 13. Le reti piccolo mondo • Nella teoria dei grafi, una rete piccolo mondo (small world network) è un grafo in cui da ogni nodo si può raggiungere ogni altro nodo attraverso un piccolo numero di link • Il World Wide Web, la blogosfera, le reti sociali, i social graph dei social network posseggono caratteristiche delle reti piccolo mondo • http://en.wikipedia.org/wiki/Small-world_network • Un libro molto importante: Albert-Laszlo Barabasi, Link – La scienza delle reti, Einaudi 13
  14. 14. Facebook è una rete “piccolo mondo” Sulla rete di Facebook, a maggio 2011 (721 ml utenti, 69 mdi di link di amicizia) il grado di separazione medio era 3,74 (distanza: 4,74) 14 Four Degrees of Separation Lars Backstrom, Paolo Boldi, Marco Rosa, Johan Ugander, Sebastiano Vigna http://arxiv.org/abs/1111.4570
  15. 15. Condivisione (sharing) 15 Un meccanismo fondamentale dei social media
  16. 16. Condivisione (sharing) 16 Un meccanismo fondamentale dei social media
  17. 17. messaggio        a b Contatti di a Contatti di b Passaparola tradizionale         a b Condivisione sui social media messaggio Seguaci di a Seguaci di b Sharing e propagazione virale 17 Propagazion e "virale"
  18. 18. Chi vede i miei contenuti su Facebook? • Risposta naif, inizialmente vicina al vero, ma ora certo non più: “tutti i miei amici e chi mi segue” • Profili/pagine molto popolari avrebbero avuto un eccessivo potere di diffusione dell’informazione • Non avrebbero bisogno di pagare per fare della pubblicità • La scelta di cosa far vedere a un utente dipende da molti fattori in una ricetta segreta • Un requisito non detto è quello di non consentire troppo facilmente la diffusione dell’informazione che penalizzerebbe la raccolta pubblicitaria http://edgerank.net/
  19. 19. Approfondimenti sul famoso “algoritmo” di Facebook http://www.slate.com/articles/technology/cover_story/2016/01/how_facebook_s_news_feed_algorithm_works.html “Every time you open Facebook, one of the world’s most influential, controversial, and misunderstood algorithms springs into action. It scans and collects everything posted in the past week by each of your friends, everyone you follow, each group you belong to, and every Facebook page you’ve liked. For the average Facebook user, that’s more than 1,500 posts. If you have several hundred friends, it could be as many as 10,000. Then, according to a closely guarded and constantly shifting formula, Facebook’s news feed algorithm ranks them all, in what it believes to be the precise order of how likely you are to find each post worthwhile. Most users will only ever see the top few hundred.”
  20. 20. Ma non è tutto… Facebook ed esperimenti di influenza sociale https://www.theguardian.com/technology/2014/oct/02/facebook-sorry-secret-psychological-experiment-users Unbeknown to users, Facebook had tampered with the news feeds of nearly 700,000 people, showing them an abnormally low number of either positive or negative posts. The experiment aimed to determine whether the company could alter the emotional state of its users. News of the research sparked outrage from people who felt manipulated by the company. “What many of us feared is already a reality: Facebook is using us as lab rats, and not just to figure out which ads we’ll respond to but actually change our emotions,” wrote animalnewyork.com, a blogpost that drew attention to the study in June.
  21. 21. Propagazione sugli altri social media R.Polillo - Marzo 2015 21
  22. 22. Esempi 22 Condivisione interna al social medium Condivisione esterna al social medium
  23. 23. 23
  24. 24. E da noi? http://politica.excite.it/gasparri-insulti-su-twitter-ora-tutti-seguono-la-nullita-N128433.html
  25. 25. La scienza ha qualcosa da dire? (1/2) J. Cheng, L. Adamic, A. Dow, J. Kleinberg, J. Leskovec. Can Cascades Be Predicted? Proc. 23rd International World Wide Web Conference, 2014. https://www.facebook.com/notes/facebook-data-science/can- cascades-be-predicted/10152056491448859?stream_ref=10
  26. 26. La scienza ha qualcosa da dire? (2/2) When-To-Post on Social Networks Nemanja Spasojevic, Zhisheng Li, Adithya Rao, Prantik Bhattacharyya. 21st ACM SIGKDD Conference on Knowledge Discovery and Data Mining http://arxiv.org/pdf/1506.02089v1.pdf
  27. 27. L’ecosistema di Facebook • Facebook ha pubblicato diverse versioni delle interfacce programmatiche (API) aperte a sviluppatori indipendenti • Esistono numerosissime applicazioni web per Facebook, alle quali l’utente cede il diritto di accedere a una certa porzione di dati personali… • … nel tempo le regole di questo gioco sono cambiate: oggi estrarre dati da Facebook senza contratti e accordi, e naturalmente un assenso dell’utente, non è affatto facile • Anche perché Facebook deve cercare di preservare il proprio vantaggio competitivo Facebook analytics
  28. 28. La tendenza verso la "forma breve" • Gli strumenti a disposizione ci permettono di comunicare sempre più spesso, ma l'overload informativo ci spinge sempre più verso "forme brevi" di comunicazione 28
  29. 29. Comunichiamo più spesso e più brevemente, e con molte più persone 29 1900+ 1970+ 1993+ 2006+ 500+ …
  30. 30. Introduciamo abbreviazioni nei nostri sistemi di scrittura 30 Emoticons (1980+) :-) ;-) :-D :-( Emoji (circa 2010+)
  31. 31. ISO Unicode 6.0 standardizza 722 Emoji (Oct 2010) Esempi: 31
  32. 32. Non copiamo, referenziamo (linking/embedding) 32
  33. 33. Anche i video si abbreviano • Esempio: distribuzione delle lunghezze dei video su YouTube (inizio 2007) 33 5minuti 1minuto Da: http://bit.ly/X7CnRb
  34. 34. Guardiamo di più i video brevi • Esempio: viewer engagement in funzione delle lunghezze dei video su Wistia (2012) 34 http://wistia.com/blog/does-length-matter-it-does-for-video-2k12-edition
  35. 35. La forma breve e i siti Web 35 Lo stile del Web: • Conciso • Scansionabile • Oggettivo Come leggiamo sul Web: Video: eye tracking nella lettura di una pagina Web: http://www.youtube.com/watch?v=O6DRl6tTjCU “Wall of text” (Jakob Nielsen)
  36. 36. Esempio “antico” 36
  37. 37. Esempio: http://www.governo.it (pre-novembre 2015) R.Polillo - Marzo 2015 37
  38. 38. Esempio: http://www.governo.it (da novembre 2015)
  39. 39. Stile a piramide capovoltaR.Polillo - Marzo 2015 39 SINTESI DETTAGLIO MATERIALE AGGIUNTIVO link link
  40. 40. 1 2 3 Stile a piramide capovolta: esempio 40
  41. 41. Principi della scrittura per il Web FORMA CONTENUTO Frasi brevi Un'idea per frase Poche frasi subordinate Mettere in ordine le idee Frasi di forma positiva Piramide capovolta Frasi di forma attiva Utilizzare il capoverso come unità di base del testo Ordine preferito: frase principale + frase subordinata Curare il collegamento fra capoversi Evitare impersonale Elenchi puntati o numerati Capoversi di 20 righe Parole chiave in evidenza Lessico Oggettività Evitare metafore e linguaggio poetico, evocativo Sintesi Stile oggettivo Tenere d'occhio la trovabilità dei contenuti Da: G.Fiorentino, Frontiere della scrittura – Lineamenti di web writing (Carocci Ed.)
  42. 42. Microblogging: www.twitter.com • Fondato nel 2006, ora 288 ml utenti attivi al mese (80% su mobile) • Il contesto della nascita di twitter: grande diffusione dei blog personali, e delle mail sui cellulari → l'idea: un blog che posta sul cellulare via sms • Gratuito, permette di inviare / ricevere “tweet” (max 140 caratteri), anche via SMS • Come in un blog, i tweet sono mostrati in ordine cronologico sul profilo dell’utente, e sono pubblici • Ogni utente riceve sul suo stream i tweet degli utente che segue (following) 42
  43. 43. Twitter data • IPO: nov 2013, 31 B$ market cap (ora 12,88 B$) • Last 12 mo: 2,5 B$ revenue, net income: -380,1 M$ • 313 ml utenti attivi mensilmente (ago 2016), 80% da mobile • 500 ml di tweet inviati ogni giorno in 33 lingue • Business model: ads-based 43
  44. 44. Twitter growth http://techcrunch.com/2015/04/28/twitter-collapses-18-in-wake-of-lackluster-q1-revenue-user-growth/
  45. 45. L’idea R.Polillo - Marzo 2015 45
  46. 46. Anatomia di un tweet 46 • Links (shortened, 20 cars) • Hashtags • Menzioni
  47. 47. Anatomia di un tweet 47
  48. 48. Anatomia di un tweet 48
  49. 49. Retweet 49 Funzione nata dagli utenti. Inizialmente: • RT @nomeutente: <tweet retwittato> • MT @nomeutente: <tweet modificato con menzione> Dal 2009 Twitter ha introdotto il retweet come funzionalità del sistema http://www.annehelmond.nl/2013/01/19/on-retweet-analysis-and-a-short-history-of-retweets/
  50. 50. Menzioni 50 Menzione Il menzionato viene avvertito
  51. 51. Esempio 51
  52. 52. Evoluzione Prima: "Che cosa stai facendo?"
  53. 53. Esempio: Hudson Plane Crash (feb 2009) 53
  54. 54. Esempio: Rielezione di Obama (Nov 2012) 54
  55. 55. Esempio: Tweet durante il dibattito televisivo Obama – Romney (4.10.2012) 55 90 minuti 10,3 milioni di tweet
  56. 56. Twitter e la politica, a parte la propaganda… http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0095809 A Multi-Level Geographical Study of Italian Political Elections from Twitter Data Guido Caldarelli, Alessandro Chessa, Fabio Pammolli, Gabriele Pompa, Michelangelo Puliga, Massimo Riccaboni, Gianni Riotta On top: the pie-chart of the results obtained in the election by the parties. Then the forecast from the Twitter time series frozen at three different final times. Below: the cumulative number of tweets for the various parties and their daily evolution. The yellow and green vertical lines represent the election day and the day after respectively (when exit-polls are released).
  57. 57. … e, di stretta attualità… https://arxiv.org/abs/1610.01587
  58. 58. Esempi: emergenze e solidarietà 58
  59. 59. Esempi: utilità sociale
  60. 60. Storify… https://storify.com/reportedly/the-terrorist-attacks-in-paris
  61. 61. Second screen e reazioni immediate per tutelare un’azienda? https://storify.com/postoditacco/report-vs-eni “La parte probabilmente più interessante dell'inchiesta di Report la si è vista su Twitter, in real-time. Qualsiasi registrazione, qualsiasi curation dei contenuti social non fornirà mai la stessa esperienza a chi invece c'era. Ci sono poi il live fact-checking, la produzione/ condivisione di contenuti pensati specificatamente per il canale, lo spostamento del dibattito su un terreno neutro, il ritardo della Rai nell’intervenire sul nuovo fronte (che evidentemente non si aspettava si aprisse). E poi c’è un aspetto fondamentale come il passaggio da comunicazione crossmediale (quello che era Report fino a ieri) a comunicazione transmediale (suo malgrado).”
  62. 62. L'ecosistema di Twitter • Twitter fin da subito ha pubblicato delle interfacce programmatiche (API) aperte a sviluppatori indipendenti • Nel 2011, più di 1 milione di applicazioni (fonte: Twitter) • http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Tw itter_services_and_applications • Esempi di applicazioni: • L'attività di Twitter in tempo reale (mashup): http://www.tweetping.net • Analisi dell'attività Twitter di un profilo: http://klear.com/ Esempio: http://klear.com/profile/emergency_ong • Analisi di un profilo Twitter: www.twitonomy.com Esempio: http://www.twitonomy.com/dashboard.ph p • … 62 http://ctrlq.org/first/tweets/
  63. 63. Tutto “trasparente”? Realizzare dei “tweetbot” e cercare di alterare certi dati sta diventando sempre più semplice… Gli influencer e il loro successo è davvero genuino o magari alterato da uno sciame di agenti autonomi software, come per gli attacchi DDoS? http://www.giornalettismo.com/archives/1947493/matteo-salvini-twitter-bot/
  64. 64. www.vine.co • Fondata nel giugno 2012, acquistata da Twitter in ottobre, lancio servizio: gen 2013 • Video di 6 secondi, registrabile col telefonino • https://twitter.com/vine • “Twitter still might save Vine by selling it” - https://techcrunch.com/2016/11/07/revive-vine/ 64

×