Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

1 - Introduzione al corso 18/19

967 views

Published on

Introduzione al corso di Strumenti e Applicazioni del Web edizione 2018/19

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

1 - Introduzione al corso 18/19

  1. 1. Edizione 2018-19 Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Corso di Strumenti e applicazioni del Web 1.Introduzione al corso Giuseppe Vizzari
  2. 2. Queste slide Queste slide fanno parte del corso “Strumenti e applicazioni del Web”. Il sito del corso, con il materiale completo, si trova presso https://gvizzari.hopto.org/wp. Data la rapida evoluzione della rete, il corso viene aggiornato ogni anno. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo – 3.0” (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/deed.it): La licenza non si estende alle immagini provenienti da altre fonti e alle screen shot, i cui diritti restano in capo ai rispettivi proprietari, che, ove possibile, sono stati indicati. L'autore si scusa per eventuali omissioni, e resta a disposizione per correggerle.
  3. 3. Obiettivi del corso • Fornire un inquadramento di base sulle applicazioni e i paradigmi di comunicazione nel Web… • …anche attraverso esperienze pratiche di presenza sul Web e di utilizzo degli strumenti disponibili online • Progettato per gli studenti del corso di laurea magistrale in Teoria e tecnologia della comunicazione • non richiede conoscenze tecniche… • ma propone di svilupparne alcune, anche in maniera diversificata a seconda del proprio profilo, nel tentativo di proporre qualche sfida interessante a ognuno di voi • Il corso cambia, magari in modo non rivoluzionario, ogni anno 3
  4. 4. Di che Web stiamo parlando? 4 Circa 1995 + Circa 2005 + Circa 2010 + Web 1.0 +Social Web +Mobile Web …..???
  5. 5. L’evoluzione del Web 5 2000 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 PayPal Twitter Slideshare Scribd YouTube Joomla Ning Flickr Facebook Skype WordPress LinkedIn iPhone Tumblr Android, Dropbox WhatsApp iPad, Pinterest Instagram Google+ Google Drive Social Web Mobile WebWeb 1.0
  6. 6. L’evoluzione del Web: acquisizioni 6 2000 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 PayPal Twitter Slideshare Scribd YouTube Joomla Ning Flickr Facebook Skype WordPress LinkedIn iPhone Tumblr Android, Dropbox WhatsApp iPad, Pinterest Instagram Google+ Google Drive Social Web Mobile WebWeb 1.0 2011 Yahoo MS 2016 2016 Verizon
  7. 7. L’evoluzione del Web: RIP 7 2006 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18
  8. 8. Che cosa succede in 7 anni… R.Polillo - Marzo 2015 8
  9. 9. Che cosa succede in 7 anni… 9 https://trends.google.com/trends/explore?date=all&q=nokia,apple,samsung
  10. 10. Job Titles in the Web Industry (lista opinabile, probabilmente parziale e anche già vecchia)
  11. 11. Chi e quando • Giuseppe Vizzari (giuseppe.vizzari@disco.unimib.it) • Andrea Gorrini (andrea.gorrini@unimib.it) Martedì 13:30-15:30 (varia) * Giovedì 15:30-18:30 Aula U24-C02 Mercoledì 16:30-18:30 Aula U6-01f * *dall’anno scorso l’orario è stabile temporalmente ma non necessariamente le lezioni si svolgono sempre nelle stesse aule. Suggerisco di utilizzare l’app UniMiB Course (iOS e Android) o mantenere monitorato il sito degli orari. 11
  12. 12. Organizzazione del corso • Corso non propriamente tradizionale, in parte (ma dipenderà molto da voi) come workshop collaborativo • Non si studia solo sui libri o su articoli scientifici, ma anche facendo, esplorando, “facendo” e comunicando insieme • Quindi, anche se il corso non ha obbligo di frequenza, verranno raccolte le firme di presenza ed è richiesta una partecipazione attiva (in particolar modo per le esercitazioni); il voto finale ne tiene conto per quanto possibile 12
  13. 13. Quando si dovrebbe lavorare 13 6 10 10 10 10 4 2 0 0 0 2 0 0 0 0 0 6 10 10 10 6 2 3 4 4 8 6 10 2 0 0 2 6 0 2 4 6 8 10 12 Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio ATTENZIONE ED ENERGIA NEL TEMPO Attenzione Docente (1S) Attenzione Docente (2S) Attenzione Studente (1S)
  14. 14. La struttura del corso • Lezioni (parte istituzionale) • Lavori di gruppo (parti monografiche) • Interventi di speaker invitati (da valutare, probabilmente interventi oltre la fine del corso) 14
  15. 15. Argomenti della parte istituzionale  Concetti base di Internet e reti di computer  Concetti base del Web  Architetture Web e CMS  I browser  I motori di ricerca  Evoluzione del Web: dal web 1.0 al Web 2.0  Blog e microblog  I social media  Modelli di business sul Web  Strumenti per il monitoraggio dei visitatori di un sito  Automazione di task nel web e primi cenni di programmazione di applicazioni web
  16. 16. Aree tematiche delle parti monografiche A. Applicazioni mobili B. Web marketing C. Collaborazione e creatività in rete D. Luci e ombre della rete 16
  17. 17. A. Applicazioni mobili Alcune aree possibii: • Realtà aumentata • M-commerce, m-payments • Geolocalizzazione • Mobile social games •… 17 Classi di applicazioni *specifiche*
  18. 18. B. Web marketing 18
  19. 19. B. Web marketing Alcune aree possibili: • Il sito istituzionale, oggi • Il social media marketing: metodi, strumenti, esempi • L'analisi dei trend: strumenti ed esempi • Web reputation: concetti e strumenti • Presenza nei social: strategie e casi di studio • Crowdfunding • … 19 Argomenti *specifici*
  20. 20. C. Collaborazione e creatività in rete
  21. 21. C. Collaborazione e creatività in rete Alcune aree possibili: • Open internet e creazione collettiva • Crowdsourcing • Evoluzione (o involuzione?) dei media • Il data journalism • …. 21 Argomenti *specifici*
  22. 22. D. Luci e ombre della rete
  23. 23. D. Luci e ombre Alcuni problemi molto importanti: • La neutralità della rete • Nuove forme di malware: il ransomware • I Bot: addio ai call center? • Computational propaganda: costruire il consenso online? • Privacy e fiducia nei social dopo l’affaire «Cambridge Analytica» • Antitrust nell’era del web: la UE e Google • Implicazioni della “sharing” / “gig” / ??? economy • I “giustizieri” della rete • Ad-Blocking: una difesa ragionevole o un modo di “uccidere il web”? • AI o “Weapons of math destruction”? • … Argomenti *specifici*
  24. 24. D. Luci e ombre 24
  25. 25. Che cosa dovrete fare 1. Sviluppare e sperimentare la vostra presenza individuale in rete (anche semplicemente seguendo il corso… e usando il gruppo Facebook ad inviti, o il canale Telegram che avete senz’altro già creato) • … cercate magari di sperimentare qualcosa di meno scontato / più sperimentale 2. Seguire le lezioni istituzionali e approfondire i temi svolti in aula (compito scritto) 3. Effettuare del lavoro in gruppo (un blog tematico) • Definire un tema, lavorare insieme all’idea, preparare una presentazione da condividere con la classe che verrà discussa pubblicamente • Realizzare il blog in termini di struttura e idea grafica, organizzazione dei contenuti, scrittura dei post, collegarlo ai social più rilevanti, monitorare e analizzare l’impatto • Realizzare un post risultante da un lavoro individuale, di lunghezza significativa (almeno 5000 parole), che verrà valutato in termini di approfondimento sul tema del blog; può avere carattere tutoriale, di rassegna, di approfondimento specifico… nel dubbio, concordiamolo Il blog verrà pre-valutato pubblicamente prima della fine del corso, in modo da avere indicazioni su cosa/come migliorare prima della discussione finale 25
  26. 26. Che cosa dovrete fare 1. Sviluppare e sperimentare la vostra presenza individuale in rete (anche semplicemente seguendo il corso… e usando il gruppo Facebook ad inviti, o il canale Telegram che avete senz’altro già creato) • … cercate magari di sperimentare qualcosa di meno scontato / più sperimentale 2. Seguire le lezioni istituzionali e approfondire i temi svolti in aula (compito scritto) 3. Effettuare del lavoro in gruppo (un blog tematico) • Definire un tema, lavorare insieme all’idea, preparare una presentazione da condividere con la classe che verrà discussa pubblicamente • Realizzare il blog in termini di struttura e idea grafica, organizzazione dei contenuti, scrittura dei post, collegarlo ai social più rilevanti, monitorare e analizzare l’impatto • Realizzare un post risultante da un lavoro individuale, di lunghezza significativa (almeno 5000 parole), che verrà valutato in termini di approfondimento sul tema del blog; può avere carattere tutoriale, di rassegna, di approfondimento specifico… nel dubbio, concordiamolo Il blog verrà pre-valutato pubblicamente prima della fine del corso, in modo da avere indicazioni su cosa/come migliorare prima della discussione finale 26 Attenzione: 5000 parole non sono poi granché… inoltre, andate a vedere le modalità d’esame di corsi all’estero. Saggi brevi (essay) di questo genere sono molto frequenti nelle cosidette humanities. Inoltre, alcune modalità di scrittura, gestione dei riferimenti, canoni vanno sperimentati e fatti propri ben prima di iniziare un lavoro di tesi magistrale, che (in fin dei conti) non è troppo lontano nel tempo!
  27. 27. Una timeline preliminare
  28. 28. Il blog del corso Blog collegato a Wordpress.com: create un’utenza! Potrete quindi ricevere via mail notifiche di pubblicazione di post, commenti, altro…
  29. 29. Il blog del corso Il primo commento può avere un ritardo nella pubblicazione, per via del controllo antispam…
  30. 30. La vostra presenza individuale in rete • Servizi che è obbligatorio conoscere (e quindi usare, almeno occasionalmente): • Google search, drive, maps • Facebook • Twitter • YouTube • Flickr • Instagram • … • Slideshare • Dropbox • Wikipedia • Skype • WhatsApp • LinkedIn • Un browser a vostra scelta • WordPress • Un dispositivo mobile (iOs, Android, Windows)* • Strumenti che è obbligatorio conoscere e usare:
  31. 31. Formazione del gruppo e sua presentazione • 3/4 studenti per gruppo, possibilmente non tutti con la stessa laurea triennale • Tema concordato su un tema specifico della parte monografica • Ne discuteremo, anche online • Presentazione entro una deadline precisa, uguale per tutti; slide in rete su slideshare, demo / video / … • Discusse pubblicamente secondo un calendario concordato: probabilmente a metà novembre • Senso della cosa: iniziare a lavorare per tempo, presentarsi, pubblicizzare il blog, condividere/discutere scelte progettuali, problematiche… 31
  32. 32. Il blog tematico di gruppo • Realizzato con WordPress.org su un provider a vostra scelta; suggerito Altervista (gratuito e con possibilità di installare plugin) • I post sono firmati dagli autori • Si valuta la qualità del blog nel suo complesso (struttura, grafica) e la qualità dei contenuti individuali • Come anticipato un “featured post” per ogni membro, che verrà letto con attenzione e valutato come contributo di approfondimento legato al tema del blog • Il monitoraggio e l’analisi dei comportamenti dei visitatori del sito, con strumenti di analytics è un’ulteriore attività richiesta • L’uso documentato di strumenti di automazione dei task, customizzazione del blog, miglioramento dell’organizzazione del lavoro di gruppo è considerato un plus 32
  33. 33. L’esame: criteri di valutazione Attività Contributo al punteggio Blog: struttura, aspetto, valutazione generale 7-8 Blog: contributo individuale e “featured post” a firma singola 7-8 Blog: analisi dell’impatto e discussione 4-5 Scritto* 8 Presenze e partecipazione in aula e su blog 5 Bonus engagement su blog, altri canali (a me visibili), attività facoltative concordate (vi proporrò presto delle ipotesi di lavoro), naturalmente rilevanti 3 Totale 32+ * Se il voto è insufficiente o mancante non si può concludere l'esame
  34. 34. La presenza non basta… Presenza Attenzione Partecipazione Approfondimento individuale e autonomo 34
  35. 35. Le slides (mie e vostre) • Le troverete sul blog del corso https://gvizzari.hopto.org/wp/ (nel mio profilo Slideshare trovate anche le slide degli anni passati) • Nelle slides ci sono numerosi link: quelli segnalati con si riferiscono a materiale importante, che tutti prima o poi dovrebbero conoscere • Alla fine di quasi ogni argomento, una slide di suggerimenti per il lavoro individuale 35
  36. 36. 36 Tutto il materiale da me prodotto viene reso disponibile in rete con licenza Creative Commons: Attribuzione Non commerciale Condividi allo stesso modo
  37. 37. Introduzione al corso LAVORO INDIVIDUALE • Se non li avete di già, iniziate ad aprire i vostri profili su FB, Twitter, flickr, youtube, google drive, google+, dropbox, slideshare, skype, LinkedIn, IFTTT, … • Valutate la possibilità di utilizzare strumenti di condivisione di materiale didattico o coordinamento di lavori di gruppo anche diversi dal banale gruppo/pagina FB o dal gruppo WhatsApp: esistono tool come Slack, Twist, Trello, (Microsoft) Teams, (Facebook) Workplace, Twist, … • C’è una seconda giovinezza dei sistemi di groupware… • … anche molta confusione: potrebbe essere un ottimo tema per un blog! • Importante: fate in modo che https://gvizzari.hopto.org/wp/ vi avvisi quando ci sono dei post, secondo la modalità che preferite 37
  38. 38. Introduzione al corso LAVORO INDIVIDUALE • Scegliete almeno un libro rilevante e (relativamente) attuale da leggere nel semestre; qualche esempio: • Dieci ragioni per cancellare subito i tuoi account social, Jaron Lanier • Internet non salverà il mondo: Perchè non dobbiamo credere a chi pensa che la Rete possa risolvere ogni problema, Evgeny Morozov • Sotto controllo: No place to Hide. Edward Snowden e la sorveglianza di massa, Glenn • Bassa risoluzione, Massimo Mantellini • The Attention Merchants: The Epic Scramble to Get Inside Our Heads, Tim Wu • Weapons of Math Destruction: How Big Data Increases Inequality and Threatens Democracy, Cathy O’Neil • The Knowledge Illusion: Why We Never Think Alone, Steven Sloman, Philip Fernbach • … altri che i colleghi sono invitati a consigliare come commento al post nel quale sono pubblicate queste slide • … sono benvenute anche segnalazioni di risorse rilevanti su web (tipo il blog «Amo il web non ricambiato», purtroppo al momento inattivo) 38
  39. 39. Benvenuti a bordo! 39

×