SlideShare a Scribd company logo
1 of 30
Download to read offline
Le nuove tecnologie sono nuove?
MOOC e Illich
Metodi e tecnologie per
l'insegnamento della
matematica
Dipartimento di Scienze della formazione, dei Beni culturali e del
Turismo
Università degli studi di Macerata
(da Alessandri G, 2013,Tecnologie autonome nella didattica.
Verso la robotica educativa, Morlacchi, Perugia)
Nuove tecnologie (?)-MOOC
• MOOC (Massive Open Online Course)
MOOC (Massive Open Online Course)
• proposta di Ivan Illich
– e confronto
• con proposte degli attuali sistemi di
formazione online, in particolare MOOC
Ivan Illich[1]
• Ivan Illich è stato uno scrittore, storico,
pedagogista e filosofo austriaco. Personaggio
di vasta cultura, viene citato spesso come
teologo, linguista, per la sua vasta conoscenza
di svariati idiomi, e storico. Wikipedia
• Data di nascita: 4 settembre 1926, Vienna
• Data di morte: 2 dicembre 2002, Brema
Ivan Illich[2]
Ivan Illich[3]
• In Descolarizzare la società (1971)
–analisi avversa alla scolarizzazione
istituzionale,
–ciascuno deve gestire autonomamente il
proprio percorso formativo
–la scuola non è un luogo generatore di
apprendimento,
–in essa s’istruisce, ma istruire non
corrisponde necessariamente ad apprendere.
Ivan Illich[4]
• no scuola=istruzione, ma
–valorizzazione della vita quotidiana, dove si
apprende attraverso incidentalità, ma anche
partecipazione, interessamento
• a tutti un’uguale possibilità d’istruzione è
lodevole ed anche possibile, però non è
raggiungibile attraverso una scolarizzazione
obbligatoria che garantisce solamente una
successione di diplomi
Ivan Illich[5]
• conseguimento di una serie di titoli a definire
il profilo del ruolo da acquisire per accedere ad
una qualsivoglia professione?
• quella successione garantisce un
apprendimento o l’aver rispettato una serie di
regole che si arrogano il diritto di certificare
quali presunte qualità siano state acquisite?
Ivan Illich[6]
• Illich non accetta l’idea che la società
stabilisca degli accessi ai ruoli, precisando
quali siano i diplomi necessari e poi essa stessa
provveda, attraverso la scuola, ad organizzare
questi percorsi
• secondo l’autore essi sono il risultato di una
monopolizzazione della loro gestione e
distribuzione da parte del sistema scolastico
Ivan Illich[7]
• quasi tutto ciò che s'impara lo si apprende
casualmente e l’acquisizione di determinate
competenze propedeutiche ad un lavoro,
possono/debbono essere ottenuta in centri ‘forniti’ di
persone specializzate in minor tempo e con minor
costi rispetto alla scuola;
• alcuni di questi centri potrebbero essere istituiti dalle
stesse aziende;
• assegnare a tutti, all’atto della nascita, dei crediti, da
utilizzare presso tutti i centri anche in età adulta, per
soddisfare le proprie necessità formative
Ivan Illich[8]
• Illich: “intendo dimostrare che il contrario
della scuola è possibile; che possiamo affidarci
a un apprendimento autonomo invece di
assumere insegnanti che allettino o
costringano lo studente a trovare il tempo e la
voglia d'imparare; che possiamo fornire al
discente nuovi agganci con il mondo anziché
continuare a somministrare tutti i programmi
didattici attraverso l'imbuto dell'insegnante”
[ivi, pag. 76].
Ivan Illich[9]
• potrebbero essere sufficienti dei centri di raccolta
e scambio delle risorse fra coloro che decidano di
usufruirne ai fini del proprio apprendimento.
• non più percorsi prestabiliti che sostengono di
individuare i bisogni di coloro che vogliono
imparare e invece, nella maggior parte dei casi,
decidono cosa deve imparare chi vuole imparare,
bensì risposte alle esigenze di chi cerca “con quali
oggetti e quali persone possono voler mettersi in
contatto […] per poter imparare” [ivi, pag. 80].
Ivan Illich[10]
• restituire allo studente l’autonomia nella scelta
degli obiettivi personali di apprendimento e la
possibilità di soddisfarli attraverso l’accesso a
idonei servizi messi a disposizione della
comunità;
• propone un sistema che si articola in quattro
servizi per gestire la formazione: servizi per la
consultazione di oggetti didattici, centrali delle
capacità, assortimento degli eguali, servizi per
la consultazione di educatori
Ivan Illich[11]
servizi per la consultazione di oggetti didattici -
facilitino l'accesso alle cose o ai processi usati per
l’apprendimento formale. Tali risorse possono essere in
parte riservate a questo scopo e conservate in
biblioteche, agenzie di noleggio, laboratori e sale
d'esposizione come i musei e i teatri; oppure adoperate
quotidianamente nelle fabbriche, negli aeroporti o nelle
fattorie, ma messe a disposizione degli studenti, siano
essi apprendisti o frequentatori fuori orario
centrali delle capacità - permettano agli individui di
esporre le proprie capacità, le condizioni che pongono
per servire da modelli a chi vuole impararle, e gli
indirizzi ai quali sia possibile reperirli
Ivan Illich[12]
assortimento degli eguali - una rete di comunicazione
che permetta alle persone di descrivere il tipo di
apprendimento cui vogliono dedicarsi, nella speranza di
trovare un compagno di ricerca
servizi per la consultazione di educatori in genere -
professionisti, para-professionisti e liberi operatori, che
potrebbero essere elencati in una guida con l'indirizzo,
una descrizione fatta dagli stessi interessati e le
condizioni per accedere ai loro servizi. Questi
professionisti potrebbero essere scelti mediante un voto
o una consultazione dei loro ex clienti.
Ivan Illich[13];
in definitiva, occorrerebbe rivoluzionare l’istruzione sulla base dei seguenti
principi
• “Liberare l'accesso alle cose, sopprimendo il controllo che oggi persone
e istituzioni esercitano sui loro valori didattici.” Servizi per la
consultazione di oggetti didattici
• “Liberare la trasmissione delle capacità, riconoscendo a chi ne faccia
richiesta la libertà di insegnarle o esercitarle.” Centrali delle capacità
• “Liberare le risorse critiche e creative della gente, restituendo ai singoli
la possibilità di indire e tenere riunioni, possibilità che oggi è sempre
più monopolizzata da istituzioni che pretendono di parlare in nome di
tutti.” Assortimento degli eguali
• “Liberare l'individuo dall'obbligo di adattare le proprie aspettative ai
servizi offerti da una professione costituita, fornendogli la possibilità di
attingere dall'esperienza dei suoi eguali e di affidarsi all'insegnante, alla
guida, al consulente o al guaritore da lui stesso scelto” [ivi, pag. 103]
Servizi per la consultazione di educatori in genere
MOOC[1]
Massive Open Online Course
• i centri delineati da Illich costituiscono delle
reti che, ad oggi, possono assumere
denominazioni quali: reti di contenuti (Servizi
per la consultazione di oggetti didattici), reti di
buone pratiche (Centrali delle capacità ), reti
per aggregare e collaborare (Assortimento
degli eguali ), reti di tutor (Servizi per la
consultazione di educatori). Reti che delineano
e permettono, nel campo della formazione,
diverse composizioni di percorsi
MOOC[2]
Massive Open Online Course
• uno di questi possibili percorsi è il MOOC
(Massive Open Online Course): una galassia
che ingloba PLE (Personal Learning
Environment), ambienti, collaborazione,
modalità di apprendimento, personalizzazione,
adattività, connettività, ma anche qualcosa di
simile a servizi per la consultazione di oggetti
didattici, centrali delle capacità, assortimento
degli eguali, servizi per la consultazione di
educatori, di illichiana memoria
MOOC[3]
• esempio:
http://change.mooc.ca/index.html
• in un MOOC abbiamo disponibili: servizi
per la consultazione di oggetti didattici,
centrali delle capacità, assortimento
degli eguali, servizi per la consultazione
di educatori
MOOC[4]
Massive Open Online Course
• un corso MOOC è un corso con molti
partecipanti, distribuiti in tutto il mondo e con
accesso modulato secondo tempi e ritmi personali,
che integra propri materiali e strumenti di
comunicazione e collaborazione con social
networking e risorse accessibili online;
• l’aggettivo “molti” riferito agli studenti è da
intendersi in senso indefinito, dovuto al fatto che,
essendo il corso aperto a tutti, si prevede e spesso
accade che i frequentanti siano presenti in numeri
anche molto significativi
MOOC[5]
Massive Open Online Course
• i corsi sono predisposti da un esperto, molto
spesso da un gruppo di esperti, e riguardano
diversi campi disciplinari; viene creata la
struttura fondamentale, comunque flessibile,
che orienta la partecipazione alle attività del
corso; altri docenti o esperti operano come
tutor, privilegiando i profili di facilitatori e
moderatori, sollecitando discussioni fra pari su
questioni significative del corso
Sviluppo formazione in rete[1]
• inizialmente, nel web, la formazione veniva erogata
in maniera esclusivamente trasmissiva e
unidirezionale attraverso siti di presentazione di
materiale organizzato in corsi;
• in seguito si è iniziato ad erogare formazione
all’interno di ambienti entro i quali convivevano corsi
ed attività che erano sviluppate, dai partecipanti,
attraverso appositi tool. Il paradigma prevalente era
legato ad una visione maggiormente orientata alla
comunicazione, condivisione e collaborazione fra pari
Sviluppo formazione in rete[2]
• successivamente si assiste ad un fiorire di nuove
applicazioni nel web libero. Ciascuno, si sostiene, è libero di
realizzare itinerari personali, vivendo proprie esperienze
attraverso questi tool. Gli utenti si organizzano secondo
modelli di PLE che possono essere identificati o con il
proprio desktop (sul quale realizzare collegamenti alle
applicazioni nel web proprie o altrui) oppure come degli
effettivi ambienti nel web, dai quali connettersi alle proprie
ed altrui applicazioni
• in entrambi i casi distinguiamo una struttura (il desktop o
una piattaforma) e un processo: quello che la persona mette
in atto per strutturare la propria formazione
MOOC/PLE/reti
• servizi per la consultazione di oggetti didattici
(reti di contenuti), centrali delle capacità (reti
di buone pratiche) (portali/siti che presentano
materiali, forniscono esperti) liberi nella rete,
sono ‘certificati’ nei MOOC
• Ple: l’utente aggrega itinerari secondo
‘esigenze’ personali invece Mooc: proposte di
formazione (flessibili)
Perché possiamo dire che un MOOC
ingloba un PLE
• riportiamo una frase di Downes tratta dalla presentazione delle
modalità di lavoro in un corso
(http://change.mooc.ca/how.htm) :
– “This is an unusual course. It does not consist of a body of
content you are supposed to remember. Rather, the learning
in the course results from the activities you undertake, and
will be different for each person. In addition, this course is
not conducted in a single place or environment. It is
distributed across the web. We will provide some facilities.
But we expect your activities to take place all over the
internet. We will ask you to visit other people's web pages,
and even to create some of your own.”
• In definitiva internamente a un
MOOC che ha un
itinerario macro/una proposta macro,
l’utente può sviluppare le proprie
azioni aggregando applicazioni,
sviluppando itinerari personali,
creando propri contenuti (come in un
PLE)
Una sintesi
• Illich rete
• IllichMOOC
• MOOC sono in alternativa alla formazione/istruzione
istituzionale rifiutata da Illich:
– nei MOOC si enfatizzano i concetti di gratuità, di
assenza di percorsi standard canalizzati, quindi di
assoluta libertà di composizione del proprio profilo
professionale, senza dover seguire percorsi che si
compongono in base all’obbligatorietà di segmenti
formativi precedenti; in definitiva attuano un
superamento della formazione erogata in modo
istituzionale.
problemi
• Certificazione del percorso:
1. approccio maggiormente formale (sembra che i
MOOC si stiano orientando verso questo
obiettivo)
– MOOC+portfolio personale delle competenze
• In About This Course del precedente esempio
si dice “This course will introduce participants
to the major contributions being made to the
field of instructional technology by
researchers today. Each week, a new professor
or researcher will introduce his or her central
contribution to the field.”
bibliografia
• Alessandri G, 2013,Tecnologie autonome nella didattica. Verso la robotica educativa,
Morlacchi, Perugia
• Illich I.,1971, Descolarizzare la società, Mondadori, Milano.

More Related Content

What's hot

Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...
Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...
Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...Giovanni Marconato
 
Didattica efficace con le tecnologie Abstract
Didattica efficace con le tecnologie AbstractDidattica efficace con le tecnologie Abstract
Didattica efficace con le tecnologie AbstractGiovanni Marconato
 
Dove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconato
Dove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconatoDove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconato
Dove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconatoGiovanni Marconato
 
Coding, pattern e pensiero computazionale
Coding, pattern e pensiero computazionaleCoding, pattern e pensiero computazionale
Coding, pattern e pensiero computazionaleAlessandri Giuseppe
 
Pier giuseppe rossi
Pier giuseppe rossiPier giuseppe rossi
Pier giuseppe rossicremit
 
Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.
Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.
Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.fmann
 
Fare Formazione On Line
Fare Formazione On LineFare Formazione On Line
Fare Formazione On LineCarlo Columba
 
COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE
COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE
COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE Giovanni Marconato
 
Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0
Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0
Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0Pier Giuseppe
 
La didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenuti
La didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenutiLa didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenuti
La didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenutiAldo Torrebruno
 
uso della lim, luci ed ombre
uso della lim, luci ed ombreuso della lim, luci ed ombre
uso della lim, luci ed ombreRoberto Flenghi
 
Copernicius, una piattaforma multitool opensource
Copernicius, una piattaforma multitool opensourceCopernicius, una piattaforma multitool opensource
Copernicius, una piattaforma multitool opensourceGiovanni Marconato
 
Lim In Classe
Lim In ClasseLim In Classe
Lim In ClasseIvan
 
Web 2.0 nella formazione degli insegnanti
Web 2.0 nella formazione degli insegnantiWeb 2.0 nella formazione degli insegnanti
Web 2.0 nella formazione degli insegnantiLuisanna Fiorini
 

What's hot (20)

Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...
Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...
Il lato oscuro dell’e-learning: l’innovazione dei processi di insegnamento. C...
 
Didattica efficace con le tecnologie Abstract
Didattica efficace con le tecnologie AbstractDidattica efficace con le tecnologie Abstract
Didattica efficace con le tecnologie Abstract
 
dietro_il_coding_2
dietro_il_coding_2dietro_il_coding_2
dietro_il_coding_2
 
Dove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconato
Dove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconatoDove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconato
Dove le tecnologie incontrano l’apprendimento marconato
 
Coding, pattern e pensiero computazionale
Coding, pattern e pensiero computazionaleCoding, pattern e pensiero computazionale
Coding, pattern e pensiero computazionale
 
Didattica per coding capitolo 1
Didattica per coding capitolo 1Didattica per coding capitolo 1
Didattica per coding capitolo 1
 
Pier giuseppe rossi
Pier giuseppe rossiPier giuseppe rossi
Pier giuseppe rossi
 
Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.
Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.
Il pensiero computazionale - Che cosa è - Perché usarlo a scuola.
 
Fare Formazione On Line
Fare Formazione On LineFare Formazione On Line
Fare Formazione On Line
 
COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE
COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE
COMPETENZE PER LO SVILUPPO, TECNOLOGIE PER LE COMPETENZE
 
Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0
Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0
Introduzione: dal web 2.0 all'e-l 3.0
 
Pensiero computazionale
Pensiero computazionalePensiero computazionale
Pensiero computazionale
 
La didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenuti
La didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenutiLa didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenuti
La didattica per la new generetion: te teorie, i setting e i contenuti
 
uso della lim, luci ed ombre
uso della lim, luci ed ombreuso della lim, luci ed ombre
uso della lim, luci ed ombre
 
Tecnologie e didattica
Tecnologie e didatticaTecnologie e didattica
Tecnologie e didattica
 
Copernicius, una piattaforma multitool opensource
Copernicius, una piattaforma multitool opensourceCopernicius, una piattaforma multitool opensource
Copernicius, una piattaforma multitool opensource
 
I LIKE CODING ... AND YOU?
I LIKE CODING ... AND YOU?I LIKE CODING ... AND YOU?
I LIKE CODING ... AND YOU?
 
Lim In Classe
Lim In ClasseLim In Classe
Lim In Classe
 
Web 2.0 nella formazione degli insegnanti
Web 2.0 nella formazione degli insegnantiWeb 2.0 nella formazione degli insegnanti
Web 2.0 nella formazione degli insegnanti
 
Il progetto europeo AVATAR
Il progetto europeo AVATARIl progetto europeo AVATAR
Il progetto europeo AVATAR
 

Similar to Le nuove tecnologie sono nuove? MOOC e Illich

Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?Maria Grazia Fiore
 
InquietaMente 2013: sperimentazione MOOC
InquietaMente 2013: sperimentazione MOOCInquietaMente 2013: sperimentazione MOOC
InquietaMente 2013: sperimentazione MOOCCircolo degli Inquieti
 
Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...
Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...
Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...Matteo Uggeri
 
L‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCs
L‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCsL‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCs
L‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCsUniversità di Padova
 
Copia di oer univirtual 2010b
Copia di oer univirtual 2010bCopia di oer univirtual 2010b
Copia di oer univirtual 2010bUnivirtual
 
oer univirtual 2010b
oer univirtual 2010boer univirtual 2010b
oer univirtual 2010bUnivirtual
 
Esercizio di Autosservazione
Esercizio di AutosservazioneEsercizio di Autosservazione
Esercizio di Autosservazioneinformistica
 
Piemonte 2010 innovazione scapin
Piemonte 2010 innovazione scapinPiemonte 2010 innovazione scapin
Piemonte 2010 innovazione scapinAIF Piemonte
 
Indicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomena
Indicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomenaIndicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomena
Indicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomenaSCUOLAPR
 
Oltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitali
Oltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitaliOltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitali
Oltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitaliGiovanni Marconato
 
Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0
Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0
Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0Teleskill Italia
 
L'apprendimento a rete - 29ottobre2007
L'apprendimento a rete - 29ottobre2007L'apprendimento a rete - 29ottobre2007
L'apprendimento a rete - 29ottobre2007Elisabetta Cigognini
 
Corso blog docenti educatori tecnologie per la didattica blog
Corso blog docenti educatori   tecnologie per la didattica blogCorso blog docenti educatori   tecnologie per la didattica blog
Corso blog docenti educatori tecnologie per la didattica blogIppolito Simonetta
 
Open Education: opportunita e nuovi sviluppi
Open Education: opportunita e nuovi sviluppiOpen Education: opportunita e nuovi sviluppi
Open Education: opportunita e nuovi sviluppiFabio Nascimbeni
 

Similar to Le nuove tecnologie sono nuove? MOOC e Illich (20)

Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
Open Educational Resources. Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
 
Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
Cosa possono offrire al mondo dell'educazione?
 
InquietaMente 2013: sperimentazione MOOC
InquietaMente 2013: sperimentazione MOOCInquietaMente 2013: sperimentazione MOOC
InquietaMente 2013: sperimentazione MOOC
 
Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...
Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...
Le potenzialità offerte dalle Open Educational Resources, strumento per l’ugu...
 
L‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCs
L‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCsL‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCs
L‘accesso aperto nella Didattica (OpenAccess): dalle OER ai MOOCs
 
Copia di oer univirtual 2010b
Copia di oer univirtual 2010bCopia di oer univirtual 2010b
Copia di oer univirtual 2010b
 
oer univirtual 2010b
oer univirtual 2010boer univirtual 2010b
oer univirtual 2010b
 
Esercizio di Autosservazione
Esercizio di AutosservazioneEsercizio di Autosservazione
Esercizio di Autosservazione
 
Piemonte 2010 innovazione scapin
Piemonte 2010 innovazione scapinPiemonte 2010 innovazione scapin
Piemonte 2010 innovazione scapin
 
Smart school
Smart school Smart school
Smart school
 
Indicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomena
Indicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomenaIndicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomena
Indicazioni nazionali esperienze dall’italia filippis filomena
 
Marche
MarcheMarche
Marche
 
Oltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitali
Oltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitaliOltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitali
Oltre la metafora "libro": ambienti di apprendimento digitali
 
Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0
Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0
Classe Virtuale e Applicazioni per la Scuola 2.0
 
L'apprendimento a rete - 29ottobre2007
L'apprendimento a rete - 29ottobre2007L'apprendimento a rete - 29ottobre2007
L'apprendimento a rete - 29ottobre2007
 
Corso blog docenti educatori tecnologie per la didattica blog
Corso blog docenti educatori   tecnologie per la didattica blogCorso blog docenti educatori   tecnologie per la didattica blog
Corso blog docenti educatori tecnologie per la didattica blog
 
Open day - 15 dicembre 2012
Open day - 15 dicembre 2012Open day - 15 dicembre 2012
Open day - 15 dicembre 2012
 
Open Education: opportunita e nuovi sviluppi
Open Education: opportunita e nuovi sviluppiOpen Education: opportunita e nuovi sviluppi
Open Education: opportunita e nuovi sviluppi
 
Etwinning reloaded
Etwinning reloadedEtwinning reloaded
Etwinning reloaded
 
LO
LOLO
LO
 

More from Alessandri Giuseppe

Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...
Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...
Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...Alessandri Giuseppe
 
Progettazione e intelligenza artificiale
Progettazione e intelligenza artificialeProgettazione e intelligenza artificiale
Progettazione e intelligenza artificialeAlessandri Giuseppe
 
Da un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learning
Da un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learningDa un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learning
Da un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learningAlessandri Giuseppe
 
Costruire applicazioni e formazione
Costruire applicazioni e formazioneCostruire applicazioni e formazione
Costruire applicazioni e formazioneAlessandri Giuseppe
 
Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...
Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...
Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...Alessandri Giuseppe
 
Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono??
Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono?? Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono??
Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono?? Alessandri Giuseppe
 
Per una rifondazione (!?) delle tecnologie didattiche
Per una rifondazione (!?) delle tecnologie didattichePer una rifondazione (!?) delle tecnologie didattiche
Per una rifondazione (!?) delle tecnologie didatticheAlessandri Giuseppe
 
Educational Robotics Between Narration and Simulation
Educational Robotics Between Narration and SimulationEducational Robotics Between Narration and Simulation
Educational Robotics Between Narration and SimulationAlessandri Giuseppe
 
Realtà virtuale, realtà aumentata
Realtà virtuale, realtà aumentataRealtà virtuale, realtà aumentata
Realtà virtuale, realtà aumentataAlessandri Giuseppe
 

More from Alessandri Giuseppe (18)

Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...
Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...
Robotica educativa la robotica da strumento di fantasia a strumento per la fa...
 
La cocolla - Macerata
La cocolla - MacerataLa cocolla - Macerata
La cocolla - Macerata
 
Progettazione e intelligenza artificiale
Progettazione e intelligenza artificialeProgettazione e intelligenza artificiale
Progettazione e intelligenza artificiale
 
Un nuovo digital_divide
Un nuovo digital_divideUn nuovo digital_divide
Un nuovo digital_divide
 
Didattica deliberativa reattiva
Didattica deliberativa reattivaDidattica deliberativa reattiva
Didattica deliberativa reattiva
 
Da un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learning
Da un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learningDa un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learning
Da un click esplorativo a un click riflessivo - verso uno slow learning
 
Costruire applicazioni e formazione
Costruire applicazioni e formazioneCostruire applicazioni e formazione
Costruire applicazioni e formazione
 
Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...
Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...
Approccio lettore e autore alle tecnologie. Verso uno slow learning - l’esemp...
 
Costruire curricolo
Costruire curricoloCostruire curricolo
Costruire curricolo
 
Competenze
CompetenzeCompetenze
Competenze
 
Introduzione curricolo
Introduzione curricoloIntroduzione curricolo
Introduzione curricolo
 
Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono??
Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono?? Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono??
Scuola digitale, nativi digitali, didattica digitale: esistono??
 
Didattiche e modelli
Didattiche e modelliDidattiche e modelli
Didattiche e modelli
 
Un nuovo digital divide
Un nuovo digital divideUn nuovo digital divide
Un nuovo digital divide
 
Per una rifondazione (!?) delle tecnologie didattiche
Per una rifondazione (!?) delle tecnologie didattichePer una rifondazione (!?) delle tecnologie didattiche
Per una rifondazione (!?) delle tecnologie didattiche
 
Progettazione
Progettazione Progettazione
Progettazione
 
Educational Robotics Between Narration and Simulation
Educational Robotics Between Narration and SimulationEducational Robotics Between Narration and Simulation
Educational Robotics Between Narration and Simulation
 
Realtà virtuale, realtà aumentata
Realtà virtuale, realtà aumentataRealtà virtuale, realtà aumentata
Realtà virtuale, realtà aumentata
 

Recently uploaded

Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...
Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...
Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...Associazione Digital Days
 
Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...
Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...
Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...Associazione Digital Days
 
Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...
Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...
Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...Associazione Digital Days
 
ScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AI
ScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AIScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AI
ScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AIinfogdgmi
 
Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”
Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”
Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”Associazione Digital Days
 
Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...
Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...
Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...Associazione Digital Days
 

Recently uploaded (6)

Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...
Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...
Federico Bottino, Lead Venture Builder – “Riflessioni sull’Innovazione: La Cu...
 
Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...
Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...
Daniele Lunassi, CEO & Head of Design @Eye Studios – “Creare prodotti e servi...
 
Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...
Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...
Alessio Mazzotti, Aaron Brancotti; Writer, Screenwriter, Director, UX, Autore...
 
ScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AI
ScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AIScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AI
ScrapeGraphAI: a new way to scrape context with AI
 
Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”
Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”
Edoardo Di Pietro – “Virtual Influencer vs Umano: Rubiamo il lavoro all’AI”
 
Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...
Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...
Luigi Di Carlo, CEO & Founder @Evometrika srl – “Ruolo della computer vision ...
 

Le nuove tecnologie sono nuove? MOOC e Illich

  • 1. Le nuove tecnologie sono nuove? MOOC e Illich Metodi e tecnologie per l'insegnamento della matematica Dipartimento di Scienze della formazione, dei Beni culturali e del Turismo Università degli studi di Macerata (da Alessandri G, 2013,Tecnologie autonome nella didattica. Verso la robotica educativa, Morlacchi, Perugia)
  • 2. Nuove tecnologie (?)-MOOC • MOOC (Massive Open Online Course)
  • 3. MOOC (Massive Open Online Course) • proposta di Ivan Illich – e confronto • con proposte degli attuali sistemi di formazione online, in particolare MOOC
  • 4. Ivan Illich[1] • Ivan Illich è stato uno scrittore, storico, pedagogista e filosofo austriaco. Personaggio di vasta cultura, viene citato spesso come teologo, linguista, per la sua vasta conoscenza di svariati idiomi, e storico. Wikipedia • Data di nascita: 4 settembre 1926, Vienna • Data di morte: 2 dicembre 2002, Brema
  • 6. Ivan Illich[3] • In Descolarizzare la società (1971) –analisi avversa alla scolarizzazione istituzionale, –ciascuno deve gestire autonomamente il proprio percorso formativo –la scuola non è un luogo generatore di apprendimento, –in essa s’istruisce, ma istruire non corrisponde necessariamente ad apprendere.
  • 7. Ivan Illich[4] • no scuola=istruzione, ma –valorizzazione della vita quotidiana, dove si apprende attraverso incidentalità, ma anche partecipazione, interessamento • a tutti un’uguale possibilità d’istruzione è lodevole ed anche possibile, però non è raggiungibile attraverso una scolarizzazione obbligatoria che garantisce solamente una successione di diplomi
  • 8. Ivan Illich[5] • conseguimento di una serie di titoli a definire il profilo del ruolo da acquisire per accedere ad una qualsivoglia professione? • quella successione garantisce un apprendimento o l’aver rispettato una serie di regole che si arrogano il diritto di certificare quali presunte qualità siano state acquisite?
  • 9. Ivan Illich[6] • Illich non accetta l’idea che la società stabilisca degli accessi ai ruoli, precisando quali siano i diplomi necessari e poi essa stessa provveda, attraverso la scuola, ad organizzare questi percorsi • secondo l’autore essi sono il risultato di una monopolizzazione della loro gestione e distribuzione da parte del sistema scolastico
  • 10. Ivan Illich[7] • quasi tutto ciò che s'impara lo si apprende casualmente e l’acquisizione di determinate competenze propedeutiche ad un lavoro, possono/debbono essere ottenuta in centri ‘forniti’ di persone specializzate in minor tempo e con minor costi rispetto alla scuola; • alcuni di questi centri potrebbero essere istituiti dalle stesse aziende; • assegnare a tutti, all’atto della nascita, dei crediti, da utilizzare presso tutti i centri anche in età adulta, per soddisfare le proprie necessità formative
  • 11. Ivan Illich[8] • Illich: “intendo dimostrare che il contrario della scuola è possibile; che possiamo affidarci a un apprendimento autonomo invece di assumere insegnanti che allettino o costringano lo studente a trovare il tempo e la voglia d'imparare; che possiamo fornire al discente nuovi agganci con il mondo anziché continuare a somministrare tutti i programmi didattici attraverso l'imbuto dell'insegnante” [ivi, pag. 76].
  • 12. Ivan Illich[9] • potrebbero essere sufficienti dei centri di raccolta e scambio delle risorse fra coloro che decidano di usufruirne ai fini del proprio apprendimento. • non più percorsi prestabiliti che sostengono di individuare i bisogni di coloro che vogliono imparare e invece, nella maggior parte dei casi, decidono cosa deve imparare chi vuole imparare, bensì risposte alle esigenze di chi cerca “con quali oggetti e quali persone possono voler mettersi in contatto […] per poter imparare” [ivi, pag. 80].
  • 13. Ivan Illich[10] • restituire allo studente l’autonomia nella scelta degli obiettivi personali di apprendimento e la possibilità di soddisfarli attraverso l’accesso a idonei servizi messi a disposizione della comunità; • propone un sistema che si articola in quattro servizi per gestire la formazione: servizi per la consultazione di oggetti didattici, centrali delle capacità, assortimento degli eguali, servizi per la consultazione di educatori
  • 14. Ivan Illich[11] servizi per la consultazione di oggetti didattici - facilitino l'accesso alle cose o ai processi usati per l’apprendimento formale. Tali risorse possono essere in parte riservate a questo scopo e conservate in biblioteche, agenzie di noleggio, laboratori e sale d'esposizione come i musei e i teatri; oppure adoperate quotidianamente nelle fabbriche, negli aeroporti o nelle fattorie, ma messe a disposizione degli studenti, siano essi apprendisti o frequentatori fuori orario centrali delle capacità - permettano agli individui di esporre le proprie capacità, le condizioni che pongono per servire da modelli a chi vuole impararle, e gli indirizzi ai quali sia possibile reperirli
  • 15. Ivan Illich[12] assortimento degli eguali - una rete di comunicazione che permetta alle persone di descrivere il tipo di apprendimento cui vogliono dedicarsi, nella speranza di trovare un compagno di ricerca servizi per la consultazione di educatori in genere - professionisti, para-professionisti e liberi operatori, che potrebbero essere elencati in una guida con l'indirizzo, una descrizione fatta dagli stessi interessati e le condizioni per accedere ai loro servizi. Questi professionisti potrebbero essere scelti mediante un voto o una consultazione dei loro ex clienti.
  • 16. Ivan Illich[13]; in definitiva, occorrerebbe rivoluzionare l’istruzione sulla base dei seguenti principi • “Liberare l'accesso alle cose, sopprimendo il controllo che oggi persone e istituzioni esercitano sui loro valori didattici.” Servizi per la consultazione di oggetti didattici • “Liberare la trasmissione delle capacità, riconoscendo a chi ne faccia richiesta la libertà di insegnarle o esercitarle.” Centrali delle capacità • “Liberare le risorse critiche e creative della gente, restituendo ai singoli la possibilità di indire e tenere riunioni, possibilità che oggi è sempre più monopolizzata da istituzioni che pretendono di parlare in nome di tutti.” Assortimento degli eguali • “Liberare l'individuo dall'obbligo di adattare le proprie aspettative ai servizi offerti da una professione costituita, fornendogli la possibilità di attingere dall'esperienza dei suoi eguali e di affidarsi all'insegnante, alla guida, al consulente o al guaritore da lui stesso scelto” [ivi, pag. 103] Servizi per la consultazione di educatori in genere
  • 17. MOOC[1] Massive Open Online Course • i centri delineati da Illich costituiscono delle reti che, ad oggi, possono assumere denominazioni quali: reti di contenuti (Servizi per la consultazione di oggetti didattici), reti di buone pratiche (Centrali delle capacità ), reti per aggregare e collaborare (Assortimento degli eguali ), reti di tutor (Servizi per la consultazione di educatori). Reti che delineano e permettono, nel campo della formazione, diverse composizioni di percorsi
  • 18. MOOC[2] Massive Open Online Course • uno di questi possibili percorsi è il MOOC (Massive Open Online Course): una galassia che ingloba PLE (Personal Learning Environment), ambienti, collaborazione, modalità di apprendimento, personalizzazione, adattività, connettività, ma anche qualcosa di simile a servizi per la consultazione di oggetti didattici, centrali delle capacità, assortimento degli eguali, servizi per la consultazione di educatori, di illichiana memoria
  • 19. MOOC[3] • esempio: http://change.mooc.ca/index.html • in un MOOC abbiamo disponibili: servizi per la consultazione di oggetti didattici, centrali delle capacità, assortimento degli eguali, servizi per la consultazione di educatori
  • 20. MOOC[4] Massive Open Online Course • un corso MOOC è un corso con molti partecipanti, distribuiti in tutto il mondo e con accesso modulato secondo tempi e ritmi personali, che integra propri materiali e strumenti di comunicazione e collaborazione con social networking e risorse accessibili online; • l’aggettivo “molti” riferito agli studenti è da intendersi in senso indefinito, dovuto al fatto che, essendo il corso aperto a tutti, si prevede e spesso accade che i frequentanti siano presenti in numeri anche molto significativi
  • 21. MOOC[5] Massive Open Online Course • i corsi sono predisposti da un esperto, molto spesso da un gruppo di esperti, e riguardano diversi campi disciplinari; viene creata la struttura fondamentale, comunque flessibile, che orienta la partecipazione alle attività del corso; altri docenti o esperti operano come tutor, privilegiando i profili di facilitatori e moderatori, sollecitando discussioni fra pari su questioni significative del corso
  • 22. Sviluppo formazione in rete[1] • inizialmente, nel web, la formazione veniva erogata in maniera esclusivamente trasmissiva e unidirezionale attraverso siti di presentazione di materiale organizzato in corsi; • in seguito si è iniziato ad erogare formazione all’interno di ambienti entro i quali convivevano corsi ed attività che erano sviluppate, dai partecipanti, attraverso appositi tool. Il paradigma prevalente era legato ad una visione maggiormente orientata alla comunicazione, condivisione e collaborazione fra pari
  • 23. Sviluppo formazione in rete[2] • successivamente si assiste ad un fiorire di nuove applicazioni nel web libero. Ciascuno, si sostiene, è libero di realizzare itinerari personali, vivendo proprie esperienze attraverso questi tool. Gli utenti si organizzano secondo modelli di PLE che possono essere identificati o con il proprio desktop (sul quale realizzare collegamenti alle applicazioni nel web proprie o altrui) oppure come degli effettivi ambienti nel web, dai quali connettersi alle proprie ed altrui applicazioni • in entrambi i casi distinguiamo una struttura (il desktop o una piattaforma) e un processo: quello che la persona mette in atto per strutturare la propria formazione
  • 24. MOOC/PLE/reti • servizi per la consultazione di oggetti didattici (reti di contenuti), centrali delle capacità (reti di buone pratiche) (portali/siti che presentano materiali, forniscono esperti) liberi nella rete, sono ‘certificati’ nei MOOC • Ple: l’utente aggrega itinerari secondo ‘esigenze’ personali invece Mooc: proposte di formazione (flessibili)
  • 25. Perché possiamo dire che un MOOC ingloba un PLE • riportiamo una frase di Downes tratta dalla presentazione delle modalità di lavoro in un corso (http://change.mooc.ca/how.htm) : – “This is an unusual course. It does not consist of a body of content you are supposed to remember. Rather, the learning in the course results from the activities you undertake, and will be different for each person. In addition, this course is not conducted in a single place or environment. It is distributed across the web. We will provide some facilities. But we expect your activities to take place all over the internet. We will ask you to visit other people's web pages, and even to create some of your own.”
  • 26. • In definitiva internamente a un MOOC che ha un itinerario macro/una proposta macro, l’utente può sviluppare le proprie azioni aggregando applicazioni, sviluppando itinerari personali, creando propri contenuti (come in un PLE)
  • 27. Una sintesi • Illich rete • IllichMOOC • MOOC sono in alternativa alla formazione/istruzione istituzionale rifiutata da Illich: – nei MOOC si enfatizzano i concetti di gratuità, di assenza di percorsi standard canalizzati, quindi di assoluta libertà di composizione del proprio profilo professionale, senza dover seguire percorsi che si compongono in base all’obbligatorietà di segmenti formativi precedenti; in definitiva attuano un superamento della formazione erogata in modo istituzionale.
  • 28. problemi • Certificazione del percorso: 1. approccio maggiormente formale (sembra che i MOOC si stiano orientando verso questo obiettivo) – MOOC+portfolio personale delle competenze
  • 29. • In About This Course del precedente esempio si dice “This course will introduce participants to the major contributions being made to the field of instructional technology by researchers today. Each week, a new professor or researcher will introduce his or her central contribution to the field.”
  • 30. bibliografia • Alessandri G, 2013,Tecnologie autonome nella didattica. Verso la robotica educativa, Morlacchi, Perugia • Illich I.,1971, Descolarizzare la società, Mondadori, Milano.