TERRA - quotidiano - 05/03/2011

601 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
601
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

TERRA - quotidiano - 05/03/2011

  1. 1. Caos Napoli La città verso il voto. Le richieste di 8 personalità ai candidati sindaco a pagina 11 Anno VI - n. 54 - sabato 5 marzo 2011 - E 1,50 Rinnovabili Le associazioni di categoria si rivolgono al Capo dello Stato: «Non firmi». E preparano il ricorso alla Consulta Decreto incostituzionale Rivolta contro il provvedimento varato giovedì dal governo. Gli ambientalisti a Bruxelles: «Violata la delega». Allarme delle banche: «Da oggi chiudiamo i rubinetti». Intanto l’Emilia Romagna approva il primo piano regionale De Pascale a pagina 3 Ambiente Nucleare Lettera aperta «Noi medici, Caro Galan, allibiti sugli Ogm da Veronesi» sei inadempiente Unita Angelo Baracca Mario Capanna, presidente Università di Firenze Fondazione diritti genetici Isde Italia Ernesto Burgio caro Ministro Galan, il 7 ottobre Coordinatore Comitato scorso i presidenti di tutte le re- Scientifico Isde Italia gioni hanno deciso all’unanimi- tà (si è astenuto solo il lombar- l’intervista rilasciata da Um- do formigoni) che l’italia deb- berto Veronesi al quotidiano ba essere Paese libero da ogm, dal cemento La Stampa due giorni fa lascia e hanno chiesto a te di attivare allibiti per la sicumera con cui in tal senso a Bruxelles la “clau- il professore si lascia andare ad sola di salvaguardia”, anche per affermazioni prive di supporto impedire da noi la coltivazione scientifico, rischiando di bana- del mais Mon810 e della patata lizzare una tematica estrema- Amflora, ambedue transgenici. mente complessa e di condi- A distanza di sei mesi non risul- zionare con la propria “autori- ta che tu abbia compiuto l’atto tà” l’opinione pubblica, sempre richiesto. comportamento assai più costretta a subire l’offensi- grave – e reso ancora più inac- va mediatica della potente lob- cettabile dal passare del tempo by nuclearista. Non ci è possi- – vista la competenza in mate- bile ribattere in poche righe e in ria di agricoltura riconosciuta questa sede la lunga serie di af- alle regioni dalla costituzione. fermazioni discutibili messe in oltretutto: gli ogm sono obsole- campo dal professor Umberto ti. Non ti dice nulla il fatto che Veronesi: in questa occasione le multinazionali del settore, in ci limiteremo a contestare alcu- venti anni e a fronte di colossa- ni passaggi di quella che appa- li investimenti, sono riuscite a re come una superficiale apolo- modificare solo quattro piante gia della fonte energetica in as- (mais, soia, cotone, colza) col- soluto più dispendiosa e peri- tivabili su scala mondiale, ren- colosa per la salute umana: il dendole resistenti solamente a nucleare. due fattori, erbicidi e insetti? Segue a pagina 8 Segue a pagina 15 legambiente denuncia Federalismo Rivoluzioni Sped. in Abb. Post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DCB - Roma l’urbanizzazione selvaggia che devasta il Paese. Le partite Iva cancellati 500 km Bombe in Libia, bocciano quadrati di suolo ogni morte in Yemen, anno. escalation favorita la Lega Nord dal Milleproroghe gioia in Egitto Giorgio Mottola Carmignani a pagina 2 Annalena Di Giovanni Quando è stato approvato qual- Sono scesi almeno in mille ieri che giorno fa, le truppe leghiste a Tripoli, urlando «Gheddafi è alla camera hanno festeggiato nemico di Dio», per protestare sventolando bandiere e fazzoletti verdi. Bossi lo ha rivendicato con orgoglio come «un traguardo sto- Immigrazione 4 Arsenico 5 Ecostyle 13 contro il regime del colonnello Muammar. Nonostante gli spari sentiti nel rico», una boccata d’ossigeno per Troppi i migranti irregolari Sarebbero 34 i comuni il lancio del nuovo iPad distretto di Tajoura, i corrispon- la gente del Nord. Ma del federa- che stanno attraversando nella Provincia di Viterbo segna la fine del vecchio denti di al Jazeera da Tripoli lismo municipale in Veneto e in la frontiera italo-francese. con concentrazioni illegali modello. oltre 15 milioni di hanno confermato che gli scon- lombardia molti hanno un’opi- il monito del ministro nell’acqua. Dai Verdi esemplari che rischiano di tri si sono limitati a cinque lan- nione assai diversa da quella de Gueant: «Tratteneteli» un esposto in Procura diventare rifiuti elettronici ci di lacrimogeni e qualche co-10305 Senatur. il popolo delle partite iva pertone bruciato, decisamente grida al tradimento e boccia sen- niente a che vedere con la vio- za mezzi termini la riforma, su cui lenta repressione delle scorse 9 772036 443007 il carroccio aveva puntato tutto. settimane. «con il federalismo municipale Ma la vera battaglia ormai, fra il ci sarà un aumento di tasse per le colonnello Gheddafi e insorti, flickr/Slow flyer imprese», è l’allarme che lancia la è ancora lontana dalle strade e cgia. D’ora in poi però non si po- dalle proteste e si combatte con trà più incolpare roma ladrona. le armi. Segue a pagina 5 Segue a pagina 7
  2. 2. 2 sabato 5 marzo 2011 >>Primo TerritorioTerritorio Nel dossier Ambiente Italia 2011 di Legambiente le conseguenze dell’urbanizzazione selvaggia. Ogni annoconsumati 500 chilometri quadrati di suolo. Mobilità, inquinamento e trasporti: i nodi che ci separano dagli obiettivi di KyotoIl futuro del Belpaese sepoltosotto una colata di cementoDiego CarmignaniB envenuti in Italia: cementi- ficata, depredata, impove- rita dalle proprie ricchezze e lontana dagli obiettivi diKyoto. È una fotografia spietata ead ampio spettro quella offerta daLegambiete nel rapporto Ambien-te Italia 2011, il consumo di suoloin Italia, presentato ieri, elaboratodall’Istituto di ricerche ambien-te Italia e curato di Duccio bian-chi e edoardo Zanchini. secon-do lo studio, nel nostro Paese ven-gono mediamente consumati ol-tre 500 chilometri quadrati di ter-ritorio all’anno: cioè, ogni quat-tro mesi, una città uguale all’areaurbanizzata del comune di Mila-no. L’analisi ha prodotto una sti-ma attendibile di su-perficie urbanizzata to- In Europatale pari a 2.350.000 et- la crescita © scrobogna/LaPressetari, estensione equi- urbana vienevalente a quella di Pu-glia e Molise messe in- regolatasieme, ovvero il 7,6 per e frenata. Ilcento del territorio na- Milleproroghezionale e a 415 metri fa il contrarioquadri per abitante. si-tuazione concretizzatasi negli ul-timi 15 anni, periodo in cui il con- glia e basilicata, che, pur essendo nomico evidenziate dal rappor- ropei che stanno ponendo un fre- è lunga la lista di dati offerta dal-sumo di suolo è cresciuto in mo- caratterizzate da ruralità, stanno to ambiente Italia. La recessione no all’urbanizzazione selvaggia, lo studio in cui si evidenziano tut-do abnorme e incontrollato, de- paurosamente accelerando nel- degli ultimi anni ha avuto nel no- mentre nell’ultimo Milleproro- te quelle prove di “insostenibilità”terminando una realtà fisica ca- la loro urbanizzazione. Ma l’esca- stro Paese una delle vittime prefe- ghe si fa il contrario, consentendo connessi al consumo del suolo.ratterizzata, come denuncia Le- lation del cemento significa tan- rite, danneggiando pesantemen- ai comuni di usare il 75 per cen- La mobilità delle persone in Italiagambiente, da «informi fenome- te altre cose. a fronte di questa te le possibilità di investimen- to degli oneri di urbanizzazione è tra le più alte d’europa: i mezzini insediativi»: estese periferie dif- emergenza nazionale, la più natu- to nel benessere e nella sosteni- per le spese correnti: nuovi per- privati coprono circa l’82 per cen-fuse, grappoli disordinati di sob- rale conseguenza, cioè le maggio- bilità e favorendo la speculazio- messi a edificare, anche dove non to della domanda; stesso discorsoborghi residenziali, blocchi com- re possibilità abitativa, non si veri- ne edilizia e la corsa al mattone. necessario. come dichiara il Pre- per il trasporto merci, con ben ilmerciali connessi da arterie stra- fica: sono tante le persone che ri- Devastante l’impatto su irrinun- sidente nazionale dei Verdi ange- 71,9 per cento che viaggia su stra-dali. Un deprimente paesaggio, mangono senza casa perché non ciabili processi di grande rilevan- lo bonelli, «L’Italia non solo detie- da; polveri sottili e ossidi di azo-che campeggia sulla preziosa ter- se la possono permettere: nono- za ambientale, a livello naziona- ne il triste primato del consumo to restano due emergenze con unra dello stivale, e che compor- stante 4 milioni di abitazioni cir- le e globale: primo tra tutti la tra- del suolo a livello europeo, ma an- lieve peggioramento: il valore limi-ta enormi difficoltà di quantifi- ca realizzate negli ultimi tre lustri, sformazione del sistema energeti- che il record di produzione di ce- te del biossido di azoto è superatocazione del fenomeno, poiché le nelle grandi città italiane alme- co e delle sue risorse. I dati relativi mento in europa con ben 50 mi- nel 67 per cento dei comuni capo-banche dati sono differenti l’una no 200.000 famiglie non riescono al 2009 mostrano come l’Unione lioni di tonnellate l’anno». secon- luogo; performance tra le peggio-dall’altra e spesso non sufficiente- a pagare il mutuo o la rata dell’af- europea conseguirà nel suo insie- do il curatore del dossier Duccio ri in europa nelle sfere occupa-mente aggiornate, ma anche per- fitto. Inoltre, la crescita senza cri- me gli obiettivi di Kyoto ed è sul- bianchi, consumo del suolo e svi- zione, educazione universitaria eché la pressione sul territorio è re- teri né regole, è causa, come sot- la buona strada per raggiungere luppo delle rinnovabili sono facce spesa per ricerca e sviluppo. nonsa maggiore da due cancri ormai tolinea in particolare il presiden- nel 2020 la meta di riduzione del di una stessa medaglia: «Lo stop mancano alcuni saldi in positivonel dna italiano: carenze di pia- te di Legambiente Vittorio co- 20 per cento delle emissioni del al consumo di suolo e la risposta evidenziati nell’onnicomprensivonificazione e abusivismo edilizio. gliati Dezza, dei periodici proble- 1990. solo l’Italia, che venti anni ai problemi della casa e delle cit- dossier di Legambiente: nel setto-La fotografia del consumo di suo- mi di dissesto idrogeologico, di fa non aveva nucleare, pochissi- tà va di pari passo con una riqua- re energetico, continua la riduzio-lo relativa al 2010 mostra la Lom- congestione e inquinamento del- mo carbone, basse emissioni pro lificazione energetica complessi- ne dei consumi delle materie pri-bardia in testa alle regioni italiane le città, dell’eccessiva emissione capite e una delle migliori inten- va del patrimonio edilizio. L’Italia me; cala la produzione dei rifiu-con il 14 per cento di superfici ar- di co2, della perdita di valore di sità energetiche, corre il rischio di deve smettere di remare contro lo ti urbani, poco meno di 32,5 mi-tificiali sul totale della sua esten- tanti paesaggi italiani e di una di- essere l’unico Paese europeo fuo- sviluppo delle energie pulite: dove lioni di tonnellate; in trend positi-sione, seguita da Veneto (11), spersione e disgregazione sociale ri da Kyoto. Il sistema Italia è in- la politica lo ha permesso, il ter- vo l’agricoltura biologica e la tute-campania (10,7), Lazio e l’emi- senza precedenti. a peggiorare il dubbiamente malato e, sempre ritorio ha dimostrato di avere le la delle risorse naturali: l’estensio-lia romagna (9). a preoccupare è quadro, ci sono alcune necessarie secondo cogliati Dezza, bisogne- capacità per una svolta energeti- ne delle foreste nel 2010 raggiun-anche la situazione di Molise, Pu- considerazioni di carattere eco- rebbe fare come in molti Paesi eu- ca verde». Da opportuni raffronti, ge, infatti, i 9.149mila ettari. Berlusconi-1 «Il nostro amico silvio berlusconi si interessa non solo alle ragazze ma si occupa anche di cose concrete, come l’ecologia». non è una Berlusconi-2 «Il Cavaliere gag, come potrebbe sembrare, ma quanto ha affermato testualmen- te il premier Vladimir Putin a briansk durante una riunione del suo “Silvio forever” è un ecologista» La Rai censura © DI Meo/ansa partito, russia Unita, trasmessa in diretta tv. sempre secondo Putin, l’Italia sarebbe un Paese all’avanguardia in europa per l’attenzione ai Parola di Putin problemi ecologici. Tutto merito del cavaliere, ovviamente. lo spot del film
  3. 3. piano>> sabato 5 marzo 2011 3 Rinnovabili Rinnovabili Le associazioni di categoria chiedono al Capo dello Stato di non firmare il decreto: «È incostituzionale». Legambiente si rivolge a Bruxelles. Le banche: «Da oggi chiudiamo i rubinetti» Appello a Napolitano Alessandro De Pascale L e ultime a lanciare l’allar- me, per il decreto sulle rin- novabili approvato giove- «Salvi l’energia solare» dì dal Consiglio dei mini- stri, sono le banche. Pio Forte di Unicredit leasing, specializzato in finanziamento alle energie pu- lite, annuncia la «riunione di un comitato strategico per valuta- re l’impatto del provvedimento», ro, lo stop degli ordinativi in cor- politano, chiedendo «non firmi il ritto amministrativo, energia e in- tivi», attacca la Piscitelli. «Violata entro il 16 marzo. «Il mondo ban- so per un valore di circa 8 miliar- decreto», perché presenta «pro- frastrutture, che bolla come inco- anche l’intesa con le Regioni» rag- cario è preoccupato, le banche si di e dei contratti già stipulati per fili di incostituzionalità». e qua- stituzionali «almeno quattro pun- giunta su «un testo diverso» da sono fermate e i primi effetti si av- circa 20 miliardi». Tanto che Gi- lora il testo dovesse essere pro- ti del decreto». L’articolo 25 «vio- quello approvato dal Cdm. Come vertono già da oggi», aggiunge. fi, Aper (Associazioni produtto- mulgato, annunciano manifesta- la un enorme numero di norme già contestato dagli esperti di Sos Per Maurizio Flammini, presiden- ri energie rinnovabili), Asso ener- zioni di piazza e ricorsi, anche in costituzionali», riguardo «alla ri- Rinnovabili (oltre 14mila firme te di Pmitalia (Associazione pic- gie Future e Asso Solare, scrivo- sede europea. Li seguirà l’avvoca- duzione da tre anni a tre mesi dei raccolte, tra cui di 70 parlamenta- cole e medie imprese), «la conse- no al Capo dello Stato Giorgio na- to Stefania Piscitelli, esperta in di- tempi per poter ricevere gli incen- ri), ci sarebbe inoltre «un eccesso guenza di questa instabilità sarà di delega» con riferimento all’arti- un immediato freno agli investi- colo 76 della Costituzione, perché menti già previsti con le relative l’unico mandato del governo era ripercussioni sulle aziende forni- «recepire nel nostro ordinamento trici e su migliaia di lavoratori. In una direttiva europea». Anche Le- un momento così difficile per la gambiente chiederà alla Commis- nostra economia ci sarebbe biso- sione europea di verificare la con- gno di sostenere le imprese e non formità del decreto: «Appare fol- di frenarle». Le principali associa- le e miope - spiega Angelo Genti- zioni di settore, che bocciano sen- li, della segreteria nazionale - che za mezzi termini il testo appro- al contrario di quello che sta ac- vato dal governo, sono sul piede cadendo in tutti gli altri Paesi eu- di guerra e parlano di una scel- ropei, in Italia non si vuole favo- ta «irresponsabile del governo». rire un reale e concre- Per Valerio natalizia, presidente Anche le Pmi to abbattimento delle del Gifi (Gruppo imprese fotovol- contro il testo: emissioni climalteranti taiche italiane), tra i primi effetti «Immediato e della CO2, attraverso una © MeRLInI/LAPReSSe c’è «il ricorso immediato alla cas- green economy che ab- sa integrazione straordinaria (ol- freno agli bia le fonti rinnovabi- tre 10mila unità dirette), il bloc- investimenti li come strumento es- co delle assunzioni e degli investi- già previsti, in senziale di innovazione tempo di crisi» e sviluppo». Fotovoltaico menti per oltre 40 miliardi di eu- Il presidente della Repubblica Giorgio napolitano Fotovoltaico L’Emilia Romagna è la prima Regione italiana che ha realizzato «una mappa per illustrare a imprese e cittadini dove mettere i pannelli», come spiega l’assessore all’Ambiente «R «Regole per gli impianti egolamentare al po- sto di vietare». È con questo obiettivo che la Regione emilia Romagna ha realizzato la “Carta invece dei soliti divieti» unica dei criteri generali localizza- tivi degli impianti fotovoltaici”, la prima d’Italia, in attuazione delle linee guida ministeriali del 10 set- tembre 2010, relative agli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. «È uno stru- voltaici a terra. In altre zone sarà certificate e di qualità, nelle aree C favorita al massimo «l’installazio- soprattutto in un momento in cui mento conoscitivo rivolto sia agli invece possibile installare modu- dei Parchi e riserve e in quelle in- ne di impianti fotovoltaici nelle ex questo settore non va molto be- operatori che ai cittadini per met- li ubicati al suolo, soltanto rispet- cluse nella Rete natura 2000 (Si- discariche» e i pannelli «collocati ne - confida Freda - c’erano mol- terli nelle condizioni di sapere do- tando determinate condizioni e li- ti d’interesse comunitario e Zone sugli edifici esistenti ovunque ubi- ti agricoltori che affittavano ettari ve possono essere realizzati sen- miti. Ad esempio su laghi, bacini a protezione speciale), l’impianto cati», per i quali «basterà osserva- ed ettari alle società che realizza- za problemi impianti fotovoltai- e corsi d’acqua tutelati, l’impianto non deve occupare una superficie re la normativa di tutela degli stes- no parchi solari». La mappa, alle- ci a terra», spiega Sabrina Freda, può essere realizzato da un’impre- superiore al 10 per cento del ter- si e le norme di sicurezza sismi- gata alla delibera regionale 28 del- assessore all’Ambiente dell’emi- sa agricola con una potenza no- reno e con una potenza non su- ca». Il primo intervento della Re- lo scorso dicembre, è soltanto «il lia Romagna. Una cartografia re- minale complessiva non superio- periore ai 200 KW. Stessa cosa per gione è stato sul fotovoltaico, con primo provvedimento di un più gionale e addirittura divisa per re a 200 KW. Sui crinali e lungo il alcuni Comuni montani, in ragio- un «provvedimento tampone», ampio progetto di regolamenta- singoli comuni, realizzata in di- sistema collinare, oltre i 1.200 me- ne delle particolari caratteristiche perché «i ritardi del governo nello zione complessiva delle rinnova- verse scale, per segnalare tutte le tri, possono essere installati solo di questi territori. nelle aree mar- stabilire regole e priorità nazionali bili in emilia Romagna», assicura aree sottoposte a vincoli paesag- se destinati all’autoconsumo. nel- ginali è invece possibile realizza- avevano creato un far west a livel- l’assessore. Un progetto «sul quale gistici, ambientali o culturali, nel- le zone di interesse paesaggisti- re impianti, «senza dover rispetta- lo locale, soprattutto riguardo agli la giunta regionale sta attualmen- le quali la Regione esclude la pos- co e ambientale, aree agricole nel- re alcun limite dimensionale o di impianti sui terreni agricoli», con- te lavorando», conclude Sabrina sibilità di realizzare parchi foto- le quali sono ci sono coltivazioni potenza nominale». Viene inoltre tinua l’assessore all’Ambiente. «e Freda. a.d.p. niente intervista a mamma Rosa («non si vedrà mai una foto di Silvio in giro con le donne o altro»). neppure una battuta del premier («In Sicurezza La crisi economica, che ha colpito soprattutto il settore dell’edilizia, sembra avere avuto almeno un effetto positivo. Gli incidenti morta- casa mia entrano solo persone perbene e, soprattutto, si comportano correttamente»). e tantomeno le immagini delle feste a Palazzo Gra- Nel 2010 meno li sul lavoro nel 2010 sono stati 980, in calo del 6,9% rispetto ai 1.053 dell’anno precedente. Si lavora poco, sembra di capire, e si muore di zioli. Queste e altre anticipazioni, contenute nel trailer del film “Silvio forever” (nella sale dal 25 marzo), sono state censurate dalla Rai, che morti sul lavoro, meno. L’Inail, sottolineando che si tratta del dato più basso dal dopo- guerra, lo giudica in ogni caso, e giustamente, «inaccettabile». Gli in- ha sospeso la messa in onda dello spot, programmata da domani. grazie alla crisi fortuni sul lavoro sono stati 775mila (meno 1,9% rispetto al 2009).
  4. 4. 4 sabato 5 marzo 2011 >>Primo ImmigrazioneImmigrazione Il ministro dell’Interno Gueant bacchetta l’Italia per il flusso di irregolari chepassano la frontiera: «Tratteneteli». Da Ginevra, il presidente Napolitano richiama l’attenzione dell’UeMigranti in fuga Oltralpe li che le nostre istituzioni rivolgo- no all’Europa affinché prenda in consegna la questione immigra- zione. Non ultimo, il presidenteLa Francia alza la voce della Repubblica Napolitano che, dall’autorevole sede del Consiglio diritti umani dell’Onu di Ginevra, ieri è tornato a chiedere all’Ue di «definire regole migliori su diritti d’asilo e protezione dei rifugiati»Dina Galano perché si tratta «non della fron-F tiera dell’Italia, bensì dell’Euro- inora era stato afferma- pa». E, con uno occhio attento to soltanto da fonti gior- alle decisioni dei governi nazio- nalistiche. Ieri, con l’inter- nali, Napolitano ha aggiunto che vento del ministro dell’In- «in un mondo interdipendenteterno francese, Claude Gueant, nessuno può più costruire muri,si è avuta la conferma ufficiale evitare il movimento delle perso-del numero cospicuo di migran- ne e limitare la circolazione delleti che stanno superando il con- idee. Questo vale anche per l’ideafine nord occidentale del no- che si debbano rispettare e pro-stro Paese, raggiun- teggere i diritti umani». Un mes-gendo illegalmen- Il nostro sistema saggio che, pur se salva l’imma-te il territorio fran- di accoglienza sta gine dell’Italia di fronte alla sedecofono. Il sospetto mostrando le sue internazionale, stride con alcu-che il sistema di ac- ne politiche sostenute dal mini- falle. Dalla Caritas © LAPRESSEcoglienza e control- stero dell’Interno. Primo fra tutti,lo dei nordafricani «contrarietà il progetto del “Villaggio della so-giunti nel Belpaese e dissenso» per lidarietà” di Mineo nel catanese,fosse inadeguato, al il progetto Mineo che ieri, alla vigilia della definiti-punto da far valuta- va apertura, ha incassato la boc-re come male minore per le stes- rebbe quello di «accompagnare ti oltre mille irregolari, in mag- mo che (gli italiani) trattengano i ciatura perfino della Caritas ita-se forze dell’ordine consentire la il cammino verso la democrazia gioranza di nazionalità tunisina, clandestini che si presentano da liana. Ultima di una lunga lista dilibera circolazione di alcuni di lo- e la libertà e di fare in modo di lungo la linea franco-italiana. Il loro e che riprendano le perso- soggetti che in questi giorni stan-ro sul territorio, è tutto racchiuso non essere sommersa dall’onda- doppio dei fermati nel mese di ne che gli consegneremo quan- no protestando per l’approvazio-in quel «tratteneteli» pronuncia- ta di immigrati». La “marea” sta febbraio (591), ben più numerosi do le fermiamo nel nostro Pae- ne del campo in cui saranno tra-to ieri dal ministro francese. «Le superando anche lo scoglio do- della media di 367 persone regi- se e che sappiamo con sicurezza sferiti i rifugiati già ospitati in al-nostre autorità sono determina- ganale mettendo a repentaglio strata dal Centro di cooperazio- essere passate prima per l’Italia». tri centri d’Italia e non i nuovi ar-te a resistere» all’afflusso di stra- la serenità diplomatica tra i due ne di polizia e dogana di Mento- Che il problema non sia di facile rivati, l’ente cattolico ha finitonieri, ha rilanciato Gueant, e tra Paesi. Soltanto negli ultimi gior- ne nel 2010. Da qui il tono duro soluzione lungo la penisola, poi, per esprimere «contrarietà e dis-gli obblighi della Francia ci sa- ni, infatti, sono stati intercetta- del ministro francese: «Attendia- è dimostrato dai continui appel- senso» al piano accoglienza.Roma Lavoro e sviluppo sostenibile sono da sempre due dei cavalli di battaglia Informazionedel presidente Zingaretti. Che, però, alla prova dei fatti licenzia ventuno operatori della Lea Donne,Sui precari ambientali giornaliste e migrantila scure della Provincia «L’informazione è femmina», affermano le partecipanti alla prima convention internazio- nale dedicata alle reti indipen- denti di giornaliste ed esperte della comunicazione in corsoPalmiro Sardu tunati che fino a qualche mese fa menti più consapevoli tra i citta- una soluzione «in grado di salva- fino a domani a Roma. Le sin-«M erano impegnati ad educare alla dini. Un lavoro quanto mai attua- guardare i lavoratori e le funzioni gole esperienze professionali e ontalbano sono, sostenibilità la popolazione dal- le, quindi, svolto però in una con- ambientali dei laboratori». di vita confluiscono in un pro- e licenzio pre- le loro sedi di Anzio, Cave, Civi- dizione di precariato che li ha visti I lavoratori sono pessimisti, e si getto Cronache migranti. Don- cari». Questo è tavecchia, Mentana, Ostia, Roma passare attraverso un iter dram- dicono convinti che si tratti del ne fuori dai luoghi comuni, che quanto potreb- e Tivoli, si chiedono infatti se sia maticamente diffuso di tipologie «classico scarica barile» tra isti- muove dall’esigenza di emer-be scrivere Camilleri, se la sua questa «la misura della sensibi- contrattuali, dalla ritenuta d’ac- tuzioni, con la giunta Zingaret- gere nella competizione deiarte traesse ispirazione da ripe- lità e dell’impegno tanto pubbli- conto ai contratti di collaborazio- ti ad accusare la regione di aver media sfruttando forme di co-tute visioni dei film di Taranti- camente sbandierato dal nostro ne, fino a quelli a progetto e alla tagliato il suo contributo, mentre municazione non tradiziona-no, nel commentare la vicenda presidente Zingaretti rispetto al partita Iva, per arrivare infine a un la provincia avrebbe mantenuto li. La consapevolezza di tutte èche vede protagonisti 21 opera- precariato ed allo sviluppo soste- tempo determinato triennale con la quota di 700mila euro per tre che il mondo dell’informazionetori dei Laboratori di educazio- nibile» e proprio con questo slo- Capitale Lavoro S.p.A. (società in anni, pari a quella stanziata per ha una natura ancora pretta-ne ambientale (L.E.A.) della Pro- gan hanno manifestato il primo house della Provincia di Roma) il periodo precedente, che peral- mente maschile. Lungi dall’es-vincia di Roma, mandati a casa febbraio davanti a Palazzo Valen- visto da molti di loro come l’anti- tro secondo i precari basterebbe sere un mero tavolo di denun-a settembre 2010 dopo ben dieci tini, nel silenzio totale dei media, camera di una sospirata stabiliz- «per andare avanti con i labora- cia, la convention organizzataanni di precariato. compresi quelli “alternativi” (an- zazione, ma che invece si è rivela- tori riorganizzati». dall’associazione Stampa ro-Nonostante i tentativi di difesa che di sinistra), stranamente si- to una strada a senso unico verso Ai precari sarebbe anche stato mana e dal dipartimento Dirit-dei suoi assessori, che coinvolgo- lenziosi sulla vicenda. la disoccupazione. detto che Capitale Lavoro sareb- ti e pari opportunità si presen-no nella responsabilità dei man- Tra i compiti dei L.E.A., sensibi- A senso unico perché ancora oggi, be “altro” rispetto alla Provincia, ta innanzitutto come un luogocati rinnovi la giunta regionale lizzare sulla sostenibilità, pro- a distanza di quasi sei mesi dalla ma secondo gli operatori «non di confronto e di condivisionedi centrodestra, guidata da Re- muovere progetti mirati alla co- scadenza dei contratti, non si in- può nemmeno acquistare una di idee. A partecipare sono lenata Polverini, è infatti proprio noscenza del territorio, stimolare travede una soluzione, nonostan- matita senza l’ok della dirigenza giornaliste dell’area mediterra-al presidente della provincia, Ni- un confronto fra realtà territoria- te l’assessore provinciale al lavo- provinciale del bilancio, figuria- nea e del Sudamerica, ma an-cola Zingaretti, che si rivolgono li sullo sviluppo sostenibile e con- ro, Massimiliano Smeriglio, abbia moci se può decidere di conclu- che economiste, ricercatrici dile accuse dei precari. I 21 sfor- tribuire a diffondere comporta- da tempo promesso la ricerca di dere un progetto».
  5. 5. piano>> sabato 5 marzo 2011 5 Il caso Il caso Le associazioni delle piccole imprese del Veneto e della Lombardia contro la riforma voluta dal Carroccio. Confcommercio: «Pagheremo più tasse». La Lega si difende: «Critiche pretestuose» Le partite Iva bocciano Giorgio Mottola I l federalismo sarà pagato so- prattutto dalle aziende che il federalismo leghista dovranno versare ciascu- na in media 410 euro in più all’anno. La stima è riportata in uno studio della Cgia di Mestre, l’associazione che raggruppa le piccole e medie imprese. L’ag- gravio è causato dall’introduzio- dica anche un’altra ombra della ri- ne dell’Imu, l’imposta unica isti- forma: «Non ci convince l’ampia tuita dal decreto sul federalismo facoltà riconosciuta ai Comuni di municipale, che sostituirà l’Ici e procedere all’attivazione della tas- l’Irpef sui redditi fondiari. Un sa- sa di soggiorno che rischia di dan- lasso da circa tre miliardi di eu- neggiare soprattutto il settore al- ro. Secondo le previsioni della berghiero». Cgia, l’Imu applicata dai Comuni Il provvedimento che consente ai dovrebbe fissarsi intorno a una sindaci di imporre ai turisti il pa- media del 7,6 per mille (a fronte gamento di una tassa sul pernot- del 6,4 adottata nei Municipi nel tamento in hotel ha fatto infuria- 2006). In questo modo, il carico re soprattutto il pre- di tasse per le imprese si incre- Con l’introduzione sidente di Confturi- menterà di circa il 17 per cento. dell’Imu, secondo smo Veneto, Marco Il popolo delle partite Iva è per uno studio della Michielli. Questa ri- questo in rivolta contro il gover- forma per lui è quasi no e contro la Lega Nord. Le cri- Cgia, le aziende un tradimento: «Sia- pagheranno 410 © BAZZI/ANSA tiche più dure vengono dal Vene- mo da sempre favo- to, la roccaforte del Carroccio go- euro di imposte revoli al federalismo, vernata dall’ex ministro Luca Za- in più all’anno ma in questo mo- ia. «Non ci sono tagli significa- do si penalizza inte- tivi agli sprechi, mentre chi pa- mento delle imposte graverebbe, nalmente la logica del pago ve- preoccupazione anche durante ro comparto economico, si cre- ga le tasse - è l’accusa che il pre- ancora una volta sugli imprendi- do voto, che consente ai sindaci l’iter parlamentare. Il federalismo ano sperequazioni tra le diverse sidente di Confcommercio Vene- tori onesti». di avere finalmente autonomia di muncipale, così com’è, si tradu- categorie che di turismo vivono to Massimo Zanon muove all’im- Il segretario veneto della Lega iniziativa e ai cittadini di valuta- ce solo in un aumento delle tas- e lavorano e produce distorsioni pianto del federalismo municipa- Nord e sindaco di Treviso Giam- re obiettivamente il lavoro svolto se. E invece noi avremmo bisogno nella concorrenza». L’unico mo- le - ne pagherà ancora di più. Si paolo Gobbo liquida le critiche dai primi cittadini». che venga alleggerita la pressione do per pagare di meno, la provo- continua dunque a pensare che come «pretestuose»: «Non dico- La riforma voluta dalla Lega non fiscale sulle aziende e sulle fami- cazione di Michielli, è trasforma- le aziende siano galline dalle uova no la verità, il federalismo muni- convince però nemmeno le as- glie», spiega Pietro Rosa Gastaldo, re gli hotel in luogo di culto, «dal d’oro anche in un periodo di cri- cipale è una grande opportuni- sociazioni delle imprese lombar- direttore di Confesercenti Milano. momento che gli alberghi della si come questo. Un’ulteriore au- tà per tutto il Nord. Introduce fi- de. «Abbiamo espresso grandi La Confcommercio lombarda in- chiesa non pagano l’Ici». sociologia e antropologia, stu- La denuncia Sarebbero 38 i Comuni nella provincia con concentrazioni fuorilegge del veleno. diose delle politiche di genere. Angelo Bonelli ha presentato un esposto: «Basta inganni da parte delle istituzioni. Rischi per la salute» «L’importanza è costruire una Viterbo, Verdi in Procura rete accessibile su cui scam- biare informazioni - ha chia- rito Samila Balzeranti di don- neinnetwork - ma anche ab- battere il digital divide: l’obiet- per l’acqua all’arsenico tivo è garantire l’accesso an- che alle nostre madri e alle no- stre sorelle delle aree più svan- taggiate». Protagoniste so- no le croniste del Nord Africa, di Egitto, Iran, Marocco, testi- moni in questi giorni dei con- Rossella Anitori paganda a danno dei cittadini». gionale e provinciale e per tutti supera i 10 microgrammi di ar- A flitti e delle rivolte, che pon- Secondo quanto emerso duran- i cittadini, non solo per i bambi- senico per litro, con indicazio- gono l’urgenza di cambiare la rsenico, operazione ve- te l’audizione in Commissione ni. Le ordinanze comunali che ni chiare e precise, mettendo in prospettiva con cui è ricostru- rità. Si moltiplicano a Ambiente del Consiglio regiona- vietano l’uso dell’acqua desti- programma azioni adeguate ad ito il lavoro dei media: di fron- macchia d’olio gli espo- le del Lazio, del 18 febbraio, sa- nata al consumo umano solo ai affrontare l’emergenza, fornen- te alle ricostruzioni allarmisti- sti presso le procure per rebbero 38 i comuni del viterbe- bambini fino a tre anni sono il- do acqua sana con le autobotti che - e, in altri casi, gonfiate - segnalare le negligenze delle am- se interessati dal problema. Do- legittime perché non corrispon- oppure con dearseneficatori, at- dei fatti di cronaca, le giornali- ministrazioni locali e delle auto- dici con parametri di arsenico dono alle norme vigenti, ma so- tingendo ai fondi della Protezio- ste si sono poste l’obiettivo di rità competenti al controllo del- sopra i 20 microgrammi per li- prattutto ledono la salute dei ne civile regionale come afferma adottare un “Carta” che uni- le acque dei nostri rubinetti. Do- tro, ventisei tra i 10 e i 20. Valori cittadini. È ora che le istituzio- il decreto di nomina di Commis- formi l’informazione su regole po Latina, ieri è toccato a Viter- dunque ben al di sopra del limite ni smettano di giocare con i nu- sario delegato all’emergenza ar- vincolanti. Dalla tenacia e dal- bo. «Su una questione impor- massimo consentito dalla legge meri sulla salute dei cittadini in- senico Lazio, che nomina com- la costanza di alcune profes- tante come quella dell’arseni- che si attesta a 10 microgrammi gannandoli e le società private missario la presidente regionale sioniste, per esempio, la Rai ha co nell’acqua e di fronte a quel- per litro, così come disposto dal- che hanno voluto la privatizza- Renata Polverini. La seconda è il adottato un pacchetto di rego- li che sono veri e propri ingan- la Commissione europea. Su 128 zione dell’acqua a questo pun- monitoraggio continuo dei poz- le che Gabriella Cims, promo- ni verso i cittadini - dice il presi- richieste di deroga l’istituzione to mettano mano alle casse per zi, anche privati, delle sorgenti trice dell’Appello Donne e me- dente nazionale dei Verdi, Ange- comunitaria ne ha concesse solo fornire acqua sicura e non vele- e degli acquedotti. La terza è la dia, ha definito «fondamenta- lo Bonelli - è necessario ristabili- otto in tutta Italia. «In tutta la re- nosa a cittadini che la pagano pubblicazione sul web dei dati le per i diritti delle donne». Do- re la verità, cosa che non fanno gione Lazio non sono state con- a caro prezzo». E il leader am- relativi ai monitoraggi. La quar- dici emendamenti che aspet- nemmeno le istituzioni che do- cesse deroghe e non ne saran- bientalista indica quelle che so- ta è la pubblicazione, sempre tano la rettifica del governo e vrebbero garantirla, e per que- no concesse - prosegue Bonelli no le priorità da seguire: «Sono sul web, dei piani infrastruttu- che per ora trovano un unico sto motivo abbiamo presenta- -. Quindi il valore massimo di ar- quattro le cose da fare. La prima rali che saranno messi in campo avamposto, non ancora opera- to un esposto alla Procura della senico consentito dalle leggi vi- è che tutte le istituzioni coinvol- per affrontare in maniera defini- tivo, nel servizio pubblico d.g. Repubblica affinché fermi quel- genti è, e resta, di 10 microgram- te facciano atti per dichiarare tiva la crisi dell’arsenico nell’ac- la che è una vera e propria pro- mi litro per tutto il territorio re- la non potabilità dell’acqua che qua potabile».
  6. 6. 6 sabato 5 marzo 2011 >>EsteClimate change Nel 2010 circa 6,6 miliardi di dollari, il 116% in più rispetto all’annoprecedente, sono andati in progetti per generare energia da fonti combustibili fossilila Banca mondialeche finanzia il carboneEmanuele Bompanda Washington DC.N ei giorni scorsi centina- ia di attivisti a Washing- ton hanno manifesta- to davanti alla sede cen-trale della Banca Mondiale perchiedere che questa smetta di fi-nanziarie progetti per l’estrazio-ne di petrolio, carbone e gas. ar-mati di cartelli e striscioni, han-no occupato H street cantando«free us from fossil fuel» (liberatecidai combustibili fossili, ndr) men-te sulla rete net-attivisti inonda-vano con migliaia di messaggi lepagine Facebook e Twitter del-la World Bank stessa. proteste si-mili si sono tenute roma, londra,parigi, Berlino e Madrid.secondo dati ufficiali, nel 2010circa 6,6 miliardi didollari, il 116% in Non c’è più tracciapiù rispetto all’an- del documento © Keplicz/ap/lapresseno precedente, so- che nel 2003no andati in pro-getti per genera- annunciavare energia da fon- l’abbandono diti combustibili fos- carbone e petroliosili. per Greenpe- entro il 2008ace Usa, «la Ban-ca Mondiale deve fermare ogni do in «uno dei paesi con il più al- of the Earth che sostiene: «nono- condo Oil Change International ficio stampa della Banca mondia-finanziamento al carbone e con- to potenziale per gli investimenti stante i rischi del cambiamento «nessuno dei progetti della Banca le, contattato da Terra, non ha vo-centrarsi sulle rinnovabili». a far nelle energie rinnovabili» si legge climatico, la Bm afferma che non Mondiale legato a petrolio, gas, o luto rilasciare commenti. le de-lievitare i finanziamenti è sta- in un comunicato dell’associazio- può fornire energia ai paesi più carbone del 2009-2010 è stato fi- nunce dei manifestanti indeboli-to il progetto della mega centra- ne Campagna per la riforma del- poveri senza produrre tonnellate nanziato nello specifico per prov- scono ulteriormente il ruolo dellale a carbone di Medupi, in suda- la Banca Mondiale. Un parados- di co2 e inquinamento. Questa è vedere accesso a fonti energetiche banca nella sfida contro il cambia-frica, la terza più grande al mon- so per Karen Orenstein, di Friends una falsa dicotomia». inoltre, se- alle popolazioni più povere». l’uf- mento climatico. Negli ultimi an- ni, infatti, la Banca ha giocato un ruolo sempre maggiore all’inter- no della cosiddetta climate finan- ce, i meccanismi economico-fi- nanziari per contrastare i cambia- menti climatici, gestendo miliardi di dollari generati dai mercati del- le emissioni per finanziare proget- ti di sviluppo puliti, meccanismi che in passato sono stati criticati, anche dalla stessa istituzione per lo sviluppo che ha cercato di mi- Abbonati gliorare il suo operato attraverso la carbon Finance Unit. Un stra- tegia che per alcune organizzazio- ni internazionali, costituisce uno strumento inefficacie a cui sareb- Scegli la tua formula Il tuo alleato bero preferibili soluzioni alternati- Cartaceo On line ve, come una carbon tax. le con- traddizioni della World Bank so- quotidiano FORMULA STANDARD FORMULA SEMESTRALE Durata: 12 mesi Prezzo: 20 euro/mese Durata: 6 mesi Prezzo: 9,16 euro al mese no note. Nel 2003 pubblicò la Ex- (per un totale di 240 euro all’anno) (per un totale di 55,00 euro a semestre) tractive Industries Review dove si ogni mattina FORMULA 6 MESI FORMULA ANNUALE delineava uno stop definitivo del Durata: 6 mesi Durata: 12 mesi Prezzo: 22,50 euro/mese (per un totale di 135 euro a semestre) Prezzo: 8,33 euro al mese (per un totale di 100,00 euro) sostegno al carbone e un gradua- FORMULA SOSTENITORI le abbandono del petrolio entro il a casa Durata: 12 mesi Prezzo: 500 euro/anno 2008. Ma la vocazione green del- Pagamenti tramite bonifico, bollettino postale, oppure su internet tramite la Banca è scomparsa presto. Nel- tutte le principali carte di credito e carte prepagate. la nuova strategia decennale della • Bollettino postale: C/C n°: 62474630, intestato a: Undicidue srl, Banca per il periodo 2011-2021, in • causale: Inserite la tipologia di abbonamento scelta uscita ad aprile, nonostante l’ap- A partire • conto corrente: Undicidue srl, Banca di Credito Cooperativo di Roma, • IBAN IT 55 M 08327 03221 000000002587 • Per pagamenti su Internet: visita www.terranews.it poggio alla finanza climatica, pa- re non esserci traccia di limitazio- da 8,33 euro al mese www.terranews.it ne al finanziamento di progetti le- gati ai combustibili fossili.

×