LexBook, Tutela dei dati personali.

1,473 views

Published on

LexBook, il social network per gli avvocati.
Presentazione sulla normativa in materia di protezione dei dati personali.
Avv. Girolamo De Rada

Published in: Education, Technology, Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,473
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

LexBook, Tutela dei dati personali.

  1. 1. <ul><li>Tutela della privacy e gestione dei dati aziendali. </li></ul><ul><li>Gli adempimenti aziendali:obblighi e </li></ul><ul><li>responsabilità. </li></ul><ul><li>Avv. Girolamo De Rada </li></ul><ul><li>www.lexbook.it </li></ul>
  2. 2. Argomenti della discussione <ul><li>Concetto di “trattamento di dati personali”. </li></ul><ul><li>Che cosa sono i dati sensibili? </li></ul><ul><li>Gli adempimenti aziendali. </li></ul><ul><li>Notificazione del trattamento dei dati personali. </li></ul><ul><li>Modalità operative relative alla raccolta dei dati. </li></ul><ul><li>Consenso dell’interessato ed i diritti di tutela dello stesso. </li></ul><ul><li>L’autorizzazione del Garante. </li></ul><ul><li>Obblighi ed adempimenti per la sicurezza dei dati personali. </li></ul>
  3. 3. Il “ right to privacy ” o “ right to be let alone ” <ul><li>Il diritto alla privacy ( right to privacy ) apparve per la prima volta nel 1881 come titolo di un articolo di Samuel D. Warren e Louis D. Brandeis, pubblicato sulla Harvard Law Review. </li></ul>
  4. 4. Concetto di “trattamento di dati personali” Per trattamento dei dati personali si intende qualunque operazione o complesso di operazioni, effettuati anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca di dati. ( art. 4, comma 1 lettera a) D. Lgs. 30 giugno 2003 n° 196 ).
  5. 5. Che cosa sono i dati sensibili? <ul><li>I dati sensibili sono quelli idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni o organizzazioni a carattere religioso, politico, filosofico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale ( art. 4, comma 1 lettera d del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ). </li></ul><ul><li>Essi possono essere trattati solo ed esclusivamente con il consenso scritto dell’interessato e previa autorizzazione del garante ( art. 26 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ) . </li></ul>
  6. 6. Gli adempimenti aziendali . <ul><li>Fare il censimento dei dati per accertare: </li></ul><ul><li>la data della loro raccolta : se prima o dopo </li></ul><ul><li>l’8 maggio 1997; </li></ul><ul><li>la loro natura: se i dati sono sensibili o meno; </li></ul><ul><li>le esistenti procedure relative alla sicurezza dei loro trattamenti; </li></ul><ul><li>la loro origine; </li></ul><ul><li>le finalità del loro trattamento. </li></ul>
  7. 7. Gli adempimenti aziendali. <ul><li>provvedere ad effettuare la notifica al Garante ex art. 37 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 (se richiesta); </li></ul><ul><li>predisporre l’informativa ex art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196; </li></ul><ul><li>ottenere il consenso dell’interessato (se richiesto); </li></ul><ul><li>richiedere l’autorizzazione al trattamento dei dati al Garante (se richiesta); </li></ul><ul><li>informare e sensibilizzare tutto il personale circa la portata della nuova disciplina e le sue conseguenze; </li></ul><ul><li>istituire le procedure che consentano di attuare le nuove misure di sicurezza previste dall’allegato B) del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 contenente il Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza; </li></ul><ul><li>elaborare, in caso di trattamento di dati sensibili o di dati giudiziari, entro il 31 marzo di ogni anno un documento programmatico della sicurezza; </li></ul><ul><li>conformare tutti i trattamenti al dettato dell’art. 11 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 che disciplina la modalità di raccolta dei dati; </li></ul><ul><li>predisporsi a soddisfare nel periodo di quindici giorni (art. 146, comma secondo, Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196) i diritti che possono essere esercitati dagli interessati ai sensi dell’art. 7 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196; </li></ul>
  8. 8. Notificazione ai sensi dell’art. 37 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 <ul><li>a) una notificazione generale preventiva in caso di avvio dell'attività di trattamento di dati personali (articolo 38, comma 1, Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196); </li></ul><ul><li>b) una notificazione generale finale in caso di cessazione dell'attività di trattamento dei dati personali (articolo 38, comma 4, Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196); </li></ul><ul><li>c) una notificazione speciale in mutamento di taluno degli elementi da indicare nella notificazione medesima (articolo 38, comma 4, Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196). </li></ul>
  9. 9. Notificazione ai sensi dell’art. 37 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 <ul><li>E’ una dichiarazione con la quale si rappresenta l’esistenza di un &quot; trattamento &quot; dei dati personali. </li></ul><ul><li>Non si riferisce a singole banche dati o archivi. </li></ul><ul><li>È &quot; trattamento &quot; sia una singola operazione (raccolta, inserimento, registrazione, elaborazione, diffusione, etc.), sia un insieme di tali operazioni. </li></ul><ul><li>Il numero ed il tipo delle operazioni nonché la durata del &quot; trattamento &quot; sono irrilevanti. </li></ul><ul><li>È quindi possibile riunire in una sola notificazione l’insieme delle attività di raccolta e di utilizzazione delle informazioni poste in essere da un azienda, da una Pubblica Amministrazione, etc. </li></ul>
  10. 10. Notificazione ai sensi dell’art. 37 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 <ul><li>E’ anche possibile procedere ad un’unica notificazione relativa a più trattamenti (e cioè a più attività di raccolta ed elaborazione dei dati), purché essi siano svolti per finalità correlate. </li></ul><ul><li>La notificazione, una volta effettuata, non è soggetta a limiti temporali e va rinnovata soltanto quando muti uno degli elementi che la caratterizzano. </li></ul>
  11. 11. Trattamenti dei dati soggetti all’obbligo della notificazione ( art. 37 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196) <ul><li>a) dati genetici, biometrici o dati che indicano la posizione geografica di persone od oggetti mediante una rete di comunicazione elettronica; </li></ul><ul><li>b) dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, trattati a fini di procreazione assistita, prestazione di servizi sanitari per via telematica relativi a banche di dati o alla fornitura di beni, indagini epidemiologiche, rilevazione di malattie mentali, infettive e diffusive, sieropositività, trapianto di organi e tessuti e monitoraggio della spesa sanitaria; </li></ul><ul><li>c) dati idonei a rivelare la vita sessuale o la sfera psichica trattati da associazioni, enti od organismi senza scopo di lucro, anche non riconosciuti, a carattere politico, filosofico, religioso o sindacale; </li></ul><ul><li>d) dati trattati con l’ausilio di strumenti elettronici volti a definire il profilo o la personalità dell’interessato, o ad analizzare abitudini o scelte di consumo, ovvero a monitorare l’utilizzo di servizi di comunicazione elettronica con esclusione dei trattamenti tecnicamente indispensabili per fornire i servizi medesimi agli utenti; </li></ul><ul><li>e) dati sensibili registrati in banche di dati a fini di selezione del personale per conto terzi, nonché dati sensibili utilizzati per sondaggi di opinione, ricerche di mercato e altre ricerche campionarie; </li></ul><ul><li>f) dati registrati in apposite banche di dati gestite con strumenti elettronici e relative al rischio sulla solvibilità economica, alla situazione patrimoniale, al corretto adempimento di obbligazioni, a comportamenti illeciti o fraudolenti. </li></ul>
  12. 12. Il titolare, al momento della raccolta, deve informare l’interessato relativamente ( art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ) <ul><li>a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati; </li></ul><ul><li>b) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; </li></ul><ul><li>c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; </li></ul><ul><li>d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l'ambito di diffusione dei dati medesimi; </li></ul><ul><li>e) i diritti di cui all'articolo 7; </li></ul><ul><li>f) gli estremi identificativi del titolare e, se designati, del rappresentante nel territorio dello Stato ai sensi dell’articolo 5 e del responsabile. Quando il titolare ha designato più responsabili è indicato almeno uno di essi, indicando il sito della rete di comunicazione o le modalità attraverso le quali è conoscibile in modo agevole l’elenco aggiornato dei responsabili. Quando è stato designato un responsabile per il riscontro all’interessato in caso di esercizio dei diritti di cui all’articolo 7, è indicato tale responsabile. </li></ul>
  13. 13. I dati trattati devono essere ( art. 11 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ) <ul><li>a) trattati in modo lecito e secondo correttezza; </li></ul><ul><li>b) raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi; </li></ul><ul><li>c) esatti e, se necessario, aggiornati; </li></ul><ul><li>d) pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati; </li></ul><ul><li>e) conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati. </li></ul>
  14. 14. Consenso dell’interessato: <ul><li>Il trattamento di dati personali da parte di privati o di enti pubblici economici è ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato (salvi i casi previsti dall’ art. 24 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ). </li></ul><ul><li>Il consenso può riguardare l'intero trattamento ovvero una o più operazioni dello stesso. </li></ul><ul><li>Esso è validamente prestato solo se è espresso liberamente, in forma specifica e documentata per iscritto, e se sono state rese all'interessato le informazioni di cui all'articolo 13. </li></ul>
  15. 15. L’autorizzazione del Garante <ul><li>Per i dati sensibili, infatti, non è sufficiente l'acquisizione del consenso scritto dell'interessato e l'informativa allo stesso, ma è necessaria, ai sensi dell'articolo 26, comma 1, del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196, anche l'autorizzazione preventiva del Garante. </li></ul><ul><li>Le disposizioni del predetto decreto che prevedono un’autorizzazione del Garante sono applicate anche mediante il rilascio di autorizzazioni relative a determinate categorie di titolari o di trattamenti, pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana (art. 40 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ). </li></ul>
  16. 16. Obblighi ed adempimenti per la sicurezza dei dati personali. <ul><li>Il titolare ed il responsabile sono tenuti ad adottare le misure di sicurezza previste dall’allegato B) del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 contenente il Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza. </li></ul><ul><li>Ai sensi dell’art. 180 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 le misure minime di sicurezza che non erano previste dal decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 1999, n. 318, dovranno essere adottate entro il 30 giugno 2004. </li></ul>
  17. 17. Il lavoratore ha il diritto: ( art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 ) <ul><li>1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. </li></ul><ul><li>2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione: </li></ul><ul><li>a) dell’origine dei dati personali; </li></ul><ul><li>b) delle finalità e modalità del trattamento; </li></ul><ul><li>c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici; </li></ul><ul><li>d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2; </li></ul><ul><li>e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. </li></ul><ul><li>3. L’interessato ha diritto di ottenere: </li></ul><ul><li>a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; </li></ul><ul><li>b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; </li></ul><ul><li>c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. </li></ul><ul><li>4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: </li></ul><ul><li>a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; </li></ul><ul><li>b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale . </li></ul>
  18. 18. <ul><li>Argomenti della discussione </li></ul><ul><li>Il “right to privacy” o “right to be let alone” </li></ul><ul><li>Che cosa sono i dati sensibili? </li></ul><ul><li>Gli adempimenti aziendali. </li></ul><ul><li>Gli adempimenti aziendali. </li></ul><ul><li>Notificazione ai sensi dell’art. 37 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 </li></ul><ul><li>Notificazione ai sensi dell’art. 37 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 </li></ul><ul><li>Notificazione ai sensi dell’art. 37 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196 </li></ul><ul><li>Trattamenti dei dati soggetti all’obbligo della notificazione (art. 37 Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196) </li></ul><ul><li>Il titolare, al momento della raccolta, deve informare l’interessato relativamente (art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196) </li></ul><ul><li>I dati trattati devono essere (art. 11 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196) </li></ul><ul><li>Consenso dell’interessato: </li></ul><ul><li>L’autorizzazione del Garante </li></ul><ul><li>Obblighi ed adempimenti per la sicurezza dei dati personali. </li></ul><ul><li>Il lavoratore ha il diritto: (art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n° 196) </li></ul>

×