I NUOVI BULLI                                     Dimenticatevi del ragazzino prepotente che vi ruba la merenda o         ...
più recenti, i danni su cyberbulli e cybervittime sono                                        comunque simili rispetto a q...
Oggi il 34% del bullismo è online, in chat, questultimo viene definito cyberbullismo. Pur presentandosi in forma diversa, ...
Pisano e Saturno (Italia, 2008) in uno studio su 1047 studenti, di età compresa tra i 14 e i 20 anni, hanno rilevato che i...
11. A chi ci si può rivolgere in caso di necessità?Il Ministero della Pubblica Istruzione ha attivato dal 2007 il numero v...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

I nuovi bulli

603 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
603
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
109
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I nuovi bulli

  1. 1. I NUOVI BULLI Dimenticatevi del ragazzino prepotente che vi ruba la merenda o vi costringe a fare i compiti al posto suo. Dimenticate la figura del bulletto che vi infastidisce alluscita di scuola: in seguito allevolversi delle tecnologie imparate a difendervi da una nuova tipologia di bullismo, un bullismo che ha assunto nuove forme. Oggi si parla di cyberbullismo, una forma di prevaricazione perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione (telefonate o invio di SMS e MMS con testi o immagini volgari, offensivi o minacciosi; diffusione di informazioni private su un’altra persona, anche pubblicando filmati e foto su Internet; calunnie diffuse tramite mail, chat o blog). Secondo la definizione di uno dei più importanti studiosi di bullismo, Peter Smith, per cyberbullismo si intende una forma di prevaricazione volontaria e ripetuta, attuata attraverso un testo elettronico, agita contro un singolo o un gruppo con l’obiettivo di ferire e mettere a disagio la vittima di tale comportamento che non riesce adifendersi. Questa tipologia in evoluzione comporta lassenza di contatto diretto tra la vittima e ilbullo che spesso riesce a rimanere nellanonimato. La vittima trova maggiore difficoltà nel sottrarsialle prepotenze che si possono ricevere in qualsiasi momento del giorno e della notte, anche perchéa volte non sa di essere presa "di mira". Il bullo ha anche la possibilità di colpire più persone inmeno tempo e di usufruire di diverse identità, e questo contribuisce a rendre il problema piùcomplesso da affrontare. In Italia, secondo l’Indagine nazionale sulla Condizione dell’Infanzia edell’Adolescenza pubblicata nel 2011, un quinto dei ragazzi ha trovato in Internet informazionifalse sul proprio conto. Con minore frequenza si registrano casi di messaggi, foto o video daicontenuti offensivi e minacciosi. Il Cyberbullismo risulta peggiore del tipo di prepotenza che siamoabituati a conoscere. Di peggiore si riscontra lanonimato del molestatore (comunque illusoriopoiché ogni comunicazione elettronica lascia delle tracce), un indebolimento delle remore etiche(rese minori dalla possibilità di essere "unaltra persona" online che spesso porta la gente a fare e adire cose che non farebbe o direbbe nella vita reale), lassenza di limiti spaziotemporali (mentre ilbullismo tradizionale infatti avviene di solito in luoghi e momenti specifici, il cyberbullismo investela vittima ogni volta che si collega al mezzo elettronicoutilizzato dal cyberbullo).Tra i ricercatori è aperto ildibattito se il bullismo elettronico vada consideratosemplicemente una forma nuova di un vecchio fenomeno, ose sia invece qualcosa di diverso. La maggior parte deglistudiosi ritiene che sia una nuova manifestazione delbullismo tradizionale e, a conferma di questa ipotesi, ci sonoalcune ricerche che sottolineano come chi mette in atto ilbullismo tradizionale utilizzi con maggiore frequenza ancheil cyberbullismo. In Italia il primo episodio che ha aperto ildibattito sul cyberbullismo risale al 2006 e ha coinvolto unragazzo disabile: i compagni di classe lo hanno picchiato euno di loro ha ripreso tutto l’accaduto con il telefono cellulare. Il fenomeno del cyberbullismoriguarda e avviene esclusivamente tra i minorenni. Le molestie che avvengono attraverso letecnologie tra adulti, oppure tra adulti e minorenni, invece, vengono definite con un’altra parola, iltermine inglese cyberharrassment, “cyber molesie”. Non sono state ancora condotte ricercheapprofondite sulle conseguenze del cyberbullismo, a differenza di quanto invece avvenuto per ilbullismo tradizionale del quale si conoscono a fondo le conseguenze per i ragazzi. Secondo gli studi
  2. 2. più recenti, i danni su cyberbulli e cybervittime sono comunque simili rispetto a quelli di bulli e vittime tradizionali. Le vittime, ad esempio, molto frequentemente sviluppano un’autostima bassa, depressione, ansia, paure, problemi di rendimento scolastico, problemi relazionali e nei casi più gravi anche pensieri di suicidio. Alcune ricerche hanno dimostrato che, secondo bambini e adolescenti, offese e minacce attuate attraverso e-mail o messaggini telefonici hanno un impatto minore rispetto al bullismo tradizionale. Al contrario le forme di cyberbullismo messe in atto con telefonate hanno effetti simili a quelli del bullismo tradizionale, mentre il diffondere foto o video chedanneggiano o umiliano la vittima ha un impatto molto elevato. Anche per il cyberbullismo, cosìcome avviene nei casi di bullismo, bambini e adolescenti difficilmente parlano con gli adulti o congli amici degli episodi di cui sono vittime. Il fenomeno del cyberbullismo, così come ogni forma diprepotenza, va assolutamente evitato e combattuto dalla scocietà. I soggetti perseguitati non devonoavere remore nel parlare del problema e denunciarlo. La scomparsa di fenomeni di prevaricazionecome il cyberbullismo è un tassello del puzzle di una società migliore. Dario MottaDiversi istituti di ricercaCosè il cyberbullismo?Il bullismo è un fenomeno sociale in evoluzione, sempre più complesso nelle sue manifestazioni. Negli ultimi anni, in seguito all’evolversi delle tecnologie, ha assunto nuove forme: oggi si parla di cyberbullismo, inteso come forma di prevaricazione perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione (telefonate o invio di SMS e MMS con testi o immagini volgari, offensivi o minacciosi; diffusione di informazioni private su un’altra persona, anche pubblicando filmati e foto su Internet; calunnie diffuse tramite mail, chat o blog). Questa tipologia emergente di bullismo implica l’assenza di unarelazione e di un contatto diretto tra vittima e bullo, che in molti casi riesce a mantenere l’anonimato. Per la vittima, inoltre, è più difficile sottrarsi alla prepotenza, anche perché a volte non sa di essere “presa di mira”: proprio il minore controllo, la possibilità di attuare le prepotenze in qualsiasi momento del giorno e della notte, colpendo più persone in meno tempo e usufruendo di “diverse identità”, rende questo problema molto complesso da affrontare e per alcuni aspetti affine ad altre problematiche legate all’utilizzo delle nuove tecnologie.Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia "bullismo" online) è il termine che indica atti di bullismo e di molestia effettuati tramite mezzi elettronici come le-mail, la messaggistica istantanea, i blog, i telefoni cellulari, i cercapersone e/o i siti web[1].Il termine cyberbullying è stato coniato dalleducatore canadese Bill Belsey. I giuristi anglofoni distinguono di solito tra il cyberbullying(cyberbullismo), che avviene tra minorenni, e il cyberharassment ("cybermolestia") che avviene tra adulti o tra un adulto e un minorenne[2]. Tuttavia nelluso corrente cyberbullying viene utilizzato indifferentemente per entrambi. Come il bullismo nella vita reale, il cyberbullismo può a volte costituire una violazione del Codice civile, del Codice penale e, per quanto riguarda lordinamento italiano, del Codice della Privacy (D.Lgs 196 del 2003).
  3. 3. Oggi il 34% del bullismo è online, in chat, questultimo viene definito cyberbullismo. Pur presentandosi in forma diversa, anche quello suinternet è bullismo: far circolare delle foto spiacevoli o inviare mail contenenti materiale offensivo può costituire un danno psicologico. InInghilterra, più di 1 ragazzo su 4, tra gli 11 e i 19, anni è stato minacciato da un bullo via e-mail o sms. In Italia, secondo l’Indagine nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza pubblicata nel 2011 [fonte: Eurispes, Telefono Azzurro, 2011] un quinto dei ragazzi ha trovato in Internet informazioni false sulproprio conto: “raramente” (12,9%), “qualche volta” (5,6%) o “spesso” (1,5%). Con minore frequenza si registrano casi di messaggi, foto o video dai contenuti offensivi e minacciosi, ricevuti “raramente”, “qualche volta” o “spesso” dal 4,3% del campione; analoga percentuale (4,7%) si registra anche per le situazioni di esclusione intenzionale da gruppi on-line.[senza fonte]Confronto tra cyberbullismo e bullismo [modifica]Rispetto al bullismo tradizionale nella vita reale, luso dei mezzi elettronici conferisce al cyberbullismo alcune caratteristiche proprie:• Anonimato del molestatore: in realtà, questo anonimato è illusorio: ogni comunicazione elettronica lascia delle tracce. Però per la vittima è difficile risalire da sola al molestatore.• Difficile reperibilità: se il cyberbullismo avviene via SMS, messaggeria istantanea o mail, o in un forum online privato, ad esempio, è più difficile reperirlo e rimediarvi.• Indebolimento delle remore etiche: le due caratteristiche precedenti, abbinate con la possibilità di essere "unaltra persona" online (vedi i giochi di ruolo), possono indebolire le remore etiche: spesso la gente fa e dice online cose che non farebbe o direbbe nella vita reale.• Assenza di limiti spaziotemporali: mentre il bullismo tradizionale avviene di solito in luoghi e momenti specifici (ad esempio in contesto scolastico), il cyberbullismo investe la vittima ogni volta che si collega al mezzo elettronico utilizzato dal cyberbullo.Tipi di cyberbullismo [modifica]Nancy Willard propone le seguenti categorie di cyberbullismo:[3]• Flaming: messaggi online violenti e volgari (vedi "flame") mirati a suscitare battaglie verbali in un forum.• Molestie (harassment): spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno.• Denigrazione: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione, via e-mail, messaggistica istantanea, ecc.• Sostituzione di persona ("impersonation"): farsi passare per unaltra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili.• Rivelazioni (exposure): pubblicare informazioni private e/o imbarazzanti su unaltra persona.• Inganno: (trickery); ottenere la fiducia di qualcuno con linganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici.• Esclusione: escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare in essa un sentimento di emarginazione.• Cyber-persecuzione ("cyberstalking"): molestie e denigrazioni ripetute e minacciose mirate a incutere paura.Diffusione del fenomeno [modifica]È bene premettere che i dati statistici, sino ad oggi disponibili, non sono facilmente generalizzabili alla popolazione, per le seguenti ragioni[4]:• Differenze nella definizione stessa di cyberbullismo (in alcuni studi chiaramente definito nelle sue forme, in altri identificato con una generica aggressività online);• Differenze nel periodo preso in esame (in alcuni studi si indaga sulle prepotenze online subite nellultimo mese, in altri negli ultimi due mesi, in alcuni casi non viene affatto specificato il periodo di riferimento);• Differenze nella natura del campione (alcuni studiosi hanno intervistato solo abituali frequentatori di internet, altri, studenti nelle scuole, a prescindere dallabitudine alluso);• Momento storico della rilevazione (vista la rapidità di cambiamento che caratterizza gli stili di comportamento adolescenziale, le ricerche effettuate possono risentire degli effetti delle mode del momento).In ogni caso, i risultati ottenuti sembrano concordare sul fatto che il cyberbullismo, sebbene meno diffuso del tradizionale bullismo, rappresenti un fenomeno che coinvolge sempre più preadolescenti e adolescenti.NCH (Formerly National Childrens Home, UK, 2002, 2005) ha svolto due ricerche in Inghilterra. Nella prima, del 2002, i ricercatori hanno rilevato che un quarto degli studenti, di età compresa tra gli 11 e i 19 anni, sono stati vittime di cyberbullismo, attraverso telefono cellulare o computer, mentre il 16% ha ricevuto messaggi di testo offensivi. In un successivo studio su 770 studenti di età compresa tra gli 11 e i 19 anni, il 20% ha affermato di essere stato cyberbullizzato, mentre l11% ha dichiarato di aver inviato messaggi minacciosi a qualcuno.Noret e Rivers (UK, 2006), hanno svolto una ricerca su 11.000 studenti, di età compresa tra gli 11 e i 15 anni, ai quali fu chiesto se avessero mai ricevuto SMS o E-mail offensive o minacciose. Il 6,5% ha riferito che è successo almeno una volta. Il dato è più elevato nel campione delle ragazze rispetto a quello dei ragazzi.Smith et al. (UK, 2006) hanno svolto un dettagliato studio su 92 studenti, di età compresa tra gli 11 e i 16 anni, provenienti da 14 scuole di Londra. Nello studio il cyberbullismo fu suddiviso in sette differenti categorie: 1) SMS, 2) immagini e video clip (attraverso cellulare), 3) chiamate telefoniche, 4) E-mail, 5) Chat Rooms, 6) Istant messaging (via cellulare), 7) web site. Il 22% degli studenti hanno riferito di essere stati vittime di cyberbullismo almeno una volta, mentre il 7% più volte. Le forme più comuni di cyberbullismo sono risultate le telefonate (mute o sgradevoli) e le e-mail offensive,mentre il bullismo in Chat Rooms è risultato il meno frequente.Olweus (Norvegia, 2005) ha svolto una ricerca su 4000 studenti, rilevando che il 3,6% di studenti e il 2% delle studentesse hanno subito cyberbullismo (due, tre volte o più al mese).Slonje e Smith (Svezia, 2006) hanno svolto un ricerca su 360 adolescenti tra i 12 e i 20 anni. La ricerca ha evidenziato che il 12% è stato cyberbullizzato una o due volte, mentre il 10% ha dichiarato di aver agito prepotenze online.Salmivalli (Finlandia, 2007), in una ricerca rivolta a 6500 studenti, di età compresa tra i 9 e gli 11 anni, ha rilevato che il 2% degli studenti e il 2,4 delle studentesse è vittima di cyberbullismo (una o due volte al mese).Vandebosh (Belgio, 2007), ha svolto una ricerca su 2052 studenti, ha rilevato che il 62% è stato vittima di cyberbullismo.Van den Eijnden, Vermulst, Rooij e Meerkerk (Olanda, 2006) hanno svolto una ricerca su 4500 studenti, di età compresa tra gli 11 e i 15 anni. Il 17% ha riferito di essere stato vittima di cyberbullismo una volta al mese ed il 3% una volta a settimana.Kapatzia e Syngollitou (Grecia, 2007) hanno svolto una ricerca su 544 studenti, di età compresa tra i 14 e i 19 anni. Le vittime di cyberbullismo sono risultate il 15% (una o due volte al mese), il 6% (due o tre volte al mese), mentre i cyberbulli il 9% (una o due volte al mese) e il 7% (due o tre volte al mese).Li (Canada, 2006) ha svolto unindagine su 264 studenti di età compresa tra i 12 e i 14 anni. Circa il 25% riferisce di aver subito cyberbullismo, mentre il 17% afferma di aver cyberbullizzato un coetaneo. In un recente studio, Beran e Li (2007) hanno scoperto che la percentuale di studenti vittime di cyberbullismo è salita al 35%.Campbell e Gardner (Australia, 2005) ha riscontrato che il 14% di 120 studenti di otto anni è stato oggetto di cyberbullismo mentre l11% ha cyberbullizzato un compagno nellultimo anno.Ybarra e Mitchell (USA, 2004) hanno svolto una ricerca su 1501 studenti di età compresa tra i 10 e i 17 anni che usano regolarmente Internet. Il 12% ha riferito di essere diventato aggressivo con qualcuno, on line, mentre il 4% afferma di aver subito aggressioni. Il 3% dichiara, inoltre, di aver qualche volta subito cyberbullismo, altre volte di essersi comportato aggressivamente on line. Gli autori ipotizzano, allora, che alcune vittime di bullismo (reale) possano usare internet per attaccare gli altri, e vendicarsi on line delle offese subite nella vita reale.Ybarra, Mitchell, Wolak e Finkelhor (USA, 2006), in uno studio di follow up, hanno trovato che la percentuale di studenti vittime di cyberbullismo era salita al 9%.Raskauskas e Stoltz (USA, 2007) in uno studio su 84 studenti, di età compresa tra i 13 e i 18 anni, hanno riscontrato che il 49% ha subito cyberbullismo, mentre il 21% ha riferito di essere un cyberbullo.Patchin e Hinduja (USA, 2006, 2007) in uno studio su 1388 studenti, di età compresa tra i 6 e i 17 anni, hanno rilevato che il 34% sono stati vittime di cyberbullismo.
  4. 4. Pisano e Saturno (Italia, 2008) in uno studio su 1047 studenti, di età compresa tra i 14 e i 20 anni, hanno rilevato che il 14% degli studenti delle scuole medie inferiori ed il 16% delle scuole medie superiori sono state vittime di cyberbullismo[5].Il cyberbullismo è un fenomeno nato negli ultimi anni tra i ragazzi e viene messo in atto attraverso internet, telefoni cellulari o computer. Il bullo invia messaggi molesti alla vittima tramite sms, e-mail o in chat oppure la fotografa e filma in momenti in cui non desidera essere ripresa. Solitamente il bullo invia poi le immagini della vittima ad altri, per diffamarla, minacciarla o infastidirla. Secondo la definizione di uno dei più importanti studiosi di bullismo, Peter Smith, per cyberbullismo si intende “una forma di prevaricazione volontaria e ripetuta, attuata attraverso un testo elettronico, agitacontro un singolo o un gruppo con l’obiettivo di ferire e mettere a disagio la vittima di tale comportamento che non riesce a difendersi” (2008). Il cyberbullismo o bullismo elettronico comprende quindi tutte le forme di prevaricazione e prepotenze tra coetanei messe in atto attraverso e-mail, messaggini con i cellulari, chat, blog, siti internet, immagini o video diffusi sulla rete. L’obiettivo del bullo è sempre lo stesso: molestare la vittima, minacciarla, deriderla. Il fenomeno è in crescita, anche perché attraverso il web o il telefono cellulare il bullo si può nascondere dietro l’anonimato e agireindisturbato. Non solo: il bullismo elettronico può essere maggiormente nascosto al mondo degli adulti poiché i ragazzi hanno in genere una competenza informatica maggiore rispetto ai genitori o agli insegnanti.Torna allindice2. Il cyberbullismo è solo una nuova forma di bullismo?Tra i ricercatori è aperto il dibattito se il bullismo elettronico vada considerato semplicemente una forma nuova di un vecchio fenomeno, il bullismo, o se sia invece qualcosa di diverso. La maggior parte degli studiosi ritiene che sia una nuova manifestazione del bullismo tradizionale e, a conferma di questa ipotesi, ci sono alcune ricerche che sottolineano come chi mette in atto il bullismo tradizionale utilizzi con maggiore frequenza anche il cyberbullismo. In Italia il primo episodio che ha aperto il dibattito sul cyberbullismo risale al 2006 e ha coinvolto un ragazzo disabile: i compagni di classe lohanno picchiato e uno di loro ha ripreso tutto l’accaduto con il telefono cellulare.Torna allindice3. Quanto è diffuso il cyberbullismo?Il cyberbullismo è un fenomeno molto recente e, anche per questo motivo, non è facile da quantificare. Sono state tuttavia condotte alcune ricerche che fanno capire la dimensione del fenomeno. Negli Stati Uniti un’indagine condotta su oltre 1400 studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, sottolinea come il 41% dei ragazzi siano stati vittima di cyberbullismo almeno una volta nell’ultimo anno. Le forme più frequenti, secondo il campione intervistato, sono gli insulti (66%) e violazione della privacy entrando nelle pagine personali del web (33%). Altre ricerche sono state condottein Inghilterra, in Olanda, in Svezia, in Australia, mentre in Italia i dati sono ancora limitati: secondo il decimo Rapporto nazionale sull’infanzia e l’adolescenza di Telefono Azzurro ed Eurispes (www.azzurro.it/index.php?id=225), il 3,2% degli adolescenti intervistati ha dichiarato di avere inviato o diffuso messaggi offensivi o minacciosi attraverso supporti tecnologici, il 4% ha utilizzato Internet o il telefonino cellulare per diffondere informazioni false sul conto di un compagno, mentre il 7,5% ha intenzionalmente escluso qualcuno da gruppi online. Un’indagine dell’Istituto di formazione sardo,portata avanti nel 2008 su un campione di oltre mille ragazzi di età compresa tra gli undici e i venti anni di Sardegna, Lazio, Marche, Sicilia e Lombardia, ha rilevato che il 14% degli studenti della scuola secondaria di primo grado e il 16% di quella di secondo grado sono stati vittima di atti di cyberbullismo nell’ultimo anno.Torna allindice4. Che differenza c’è tra cyberbullismo e cyberharrassment?Il cyberbullismo riguarda e avviene esclusivamente tra i minorenni. Le molestie attraverso le tecnologie che avvengono tra adulti, oppure tra adulti e minorenni, vengono definite con un’altra parola, e cioè con il termine inglese cyberharrassment, “cyber molesie”.Torna allindice5.Quali sono i tratti distintivi del cyberbullismo?Ci sono alcune particolari caratteristiche che differenziano il cyberbullismo da quello tradizionale:• assenza di relazione tra vittima e bullo: per chi subisce le molestie è ancora più difficile difendersi, perché molto spesso le vittime non riescono neppure a individuare chi è il bullo; • l’anonimato: spesso il bullo si nasconde dietro nomi falsi, pensando di non poter essere scoperto. Non avere un contatto diretto con la vittima abbassa l’inibizione dei bulli: questo è uno degli aspetti che rende il fenomeno tanto diffuso; • assenza di remore etiche: l’anonimato e il fatto di utilizzare strumenti informatici spesso tolgono qualsiasi genere di freno al bullo. Chi mette in atto le prepotenze giustifica così le proprie azioni, pensando che il cyberbullismo sia solo un gioco virtuale. • mancanza di limiti spazio-temporali: il cyberbullismo può invadere la privacy della vittima, in ogni momento del giorno o della notte;Torna allindiceCome si manifesta il cyberbullismo?Il cyberbullismo viene messo in atto in diversi modi: • attraverso internet: posta elettronica, blog, reti sociali informatiche, siti personali, siti di diffusione di immagini o filmati; • attraverso telefoni cellulari: sms, fotografie scattate senza permesso, scambio di filmati, diffusione di filmati intimi o riservati.Anche il tipo di azione ha caratteristiche differenti: • può molestare: con la diffusione di messaggi elettronici o sul cellulare;può offendere: insultare utilizzando messaggi elettronici con linguaggio volgare; • può appropriarsi di identità altrui: entrando nel sito internet della vittima, scrivendo o mandando messaggi a suo nome per metterla in cattiva luce o rovinare le sue amicizie; • può diffamare: denigrare con pettegolezzi per rovinare limmagine o la reputazione della vittima o rompere dei legami di amicizia; • può escludere: isolare intenzionalmente la vittima da un gruppo online, come ad esempio da una lista di amici; • può diffondere informazioni riservate: svelare o scoprire con linganno questioni private che riguardano la vittima, divulgare informazioni imbarazzanti, oppure diffondere con internet o il cellulare immagini intime o a contenuto sessuale; • può perseguitare: inviare alla vittima ripetuti messaggi minacciosi; • può agire attraverso il cosiddetto happy slapping: il termine indica la ripresa, con videotelefono, macchina fotografica o videocamera, di scene violente per mostrale ad amici o diffonderle.Torna allindice7. Quali sono degli esempi di cyberbullismo?Emma frequenta le scuole medie e ha dovuto cambiare numero di telefono e dire ai compagni che aveva perso il cellulare. Ogni giorno, soprattutto di pomeriggio e di sera, le arrivavano decide di messaggini, da un numero sconosciuto. Gli sms riguardavano sempre il suo modo di vestire oppure il suo aspetto fisico, deridendola, insultandola oppure prendendola in giro per i suoi jeans non firmati. Aveva sempre la sensazione di essere osservata e giudicata da qualcuno quando era a scuola, perché i messaggi arrivavano di sicuro da qualche compagna. Emma non ha osato dire nulla nemmeno alle sueamiche più care e ai suoi genitori.Luca ha 16 anni e diversi suoi compagni di scuola hanno ricevuto messaggi offensivi via mail, provenienti dal suo indirizzo di posta elettronica. Hanno così cominciato a eliminarlo dai propri indirizzi, escludendolo anche dalle chat. Luca all’inizio non capiva, ma poi ha scoperto che qualche altro compagno di classe, di cui però non è mai riuscito a sapere lidentità, conosceva la sua password e inviava mail offensive dal suo indirizzo: con l’obiettivo di rovinare tutti i suoi rapporti di amicizia e isolarlo dal resto del gruppo.Torna allindice8. Quali sono le conseguenze del cyberbullismo sulla vittima?Non sono state ancora condotte ricerche approfondite sulle conseguenze del cyberbullismo, a differenza di quanto invece avvenuto per il bullismo tradizionale del quale si conoscono a fondo le conseguenze per i ragazzi. Secondo gli studi più recenti, i danni su cyberbulli e cybervittime sono comunque simili rispetto a quelli di bulli e vittime tradizionali. Le vittime, ad esempio, molto frequentemente sviluppano un’autostima bassa, depressione, ansia, paure, problemi di rendimento scolastico, problemi relazionali e nei casi più gravi anche pensieri di suicidio. Alcune ricerche hanno dimostrato che,secondo bambini e adolescenti, offese e minacce attuate attraverso e-mail o messaggini telefonici hanno un impatto minore rispetto al bullismo tradizionale. Al contrario le forme di cyberbullismo messe in atto con telefonate hanno effetti simili a quelli del bullismo tradizionale, mentre il diffondere foto o video che danneggiano o umiliano la vittima ha un impatto molto elevato. Anche per il cyberbullismo, così come avviene nei casi di bullismo, bambini e adolescenti difficilmente parlano con gli adulti o con gli amici degli episodi di cui sono vittime.Torna allindice9. Il cyberbullismo ha conseguenze sul piano legale?Gli episodi più gravi di cyberbullismo possono sfociare in reati: come ad esempio alcune azioni dei bulli che violano la privacy della vittima, molestie o adescamenti a fini sessuali, ma anche persecuzioni gravi e ripetute che alterano la normale vita quotidiana della vittima. Un’indagine condotta online su un gruppo di oltre 1500 ragazzi statunitensi di età compresa tra gli 11 e i 15 anni ha dimostrato che il 35% delle vittime di molestie digitali ha subito approcci sessuali indesiderati anche fuori dal Web e che il 21% dei cyberbulli ha cercato contatti con le vittime nel mondo reale.Torna allindice10. Per quali motivi agisce il cyberbullo?Il cyberbullo in genere compie azioni di prepotenza per ottenere popolarità all’interno di un gruppo, per divertimento o semplicemente per noia.Per il cyberbullismo, in particolare, sono stati definiti alcuni comportamenti specifici che possono scatenare il fenomeno: • un utilizzo eccessivo di Internet: in particolare la vittima, utilizza il Web più frequentemente rispetto ai coetanei; • un accesso alla rete senza controllo da parte degli adulti: sia il bullo che la vittima navigano su Internet senza un controllo da parte dei genitori o di qualche adulto. • partecipazione a gruppi online particolari, e diffusi tra i giovanissimi, nei quali ci sono anche incitazioni esplicite alla violenza;può offendere: insultare utilizzando messaggi elettronici con linguaggio volgare; • utilizzo di webcam e social network che possono favorire la diffusione di immagini o informazioni personali; • utilizzo molto frequente di videogiochi violenti che rafforzano nel cyberbullo l’idea che minacce o insulti sul Web siano solo virtuali e quindi un gioco.Torna allindice
  5. 5. 11. A chi ci si può rivolgere in caso di necessità?Il Ministero della Pubblica Istruzione ha attivato dal 2007 il numero verde nazionale 800 669696, all’interno della campagna per la lotta al bullismo "Smonta il bullo". Gli operatori rispondono a dubbi e domande, raccolgono segnalazioni di atti di bullismo, danno informazioni sul fenomeno e consigliano i comportamenti migliori da tenere in situazioni critiche. L’equipe del numero anti bullismo è formata da psicologi, insegnanti, genitori e personale ministeriale. Il numero è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19. Le domande più frequenti poste agli operatori del numeroverde sono disponibili sul sito web www.smontailbullo.it.E’ possibile rivolgersi anche alle linee di consulenza telefonica di Telefono Azzurro. Il Centro nazionale di ascolto dell’associazione è attivo in tutta Italia 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.Esistono due linee: • la linea gratuita 19696: a disposizione di tutti i bambini e gli adolescenti fino a 18 anni di età che desiderano parlare con un consulente (psicologo o pedagogista) per affrontare il proprio disagio. • la linea istituzionale 199151515: a disposizione dei ragazzi oltre i 14 anni e degli adulti che desiderano confrontarsi su situazioni di disagio.In caso di pericolo o della necessità di un intervento di emergenza, è possibile fare riferimento anche alla linea 114 - Emergenza Infanzia. Il servizio é una linea telefonica accessibile gratuitamente da telefonia fissa e mobile 24ore su 24 e dedicata a chiunque intenda segnalare situazioni di pericolo immediato per l’incolumità psico-fisica di bambini e adolescenti. Il 114 è gestito da Telefono Azzurro e promosso dal Ministero delle Comunicazioni in collaborazione con il Ministero della Solidarietà Sociale, il Dipartimento Politiche per la Famiglia, il Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità.In caso di minacce gravi o molestie sessuali è possibile rivolgersi alla Polizia o ai Carabinieri.Torna allindice12. Cosa si può fare per fermare il cyberbullismo?Esistono dei segnali ai quali i genitori dovrebbero fare attenzione. Gli indicatori che il proprio figlio potrebbe essere coinvolto in episodi di cyberbullismo, come vittima o come bullo, possono essere riassunti così: • si rifiuta di parlare di ciò che fa online; • utilizza Internet fino a tarda notte; • fa un uso eccessivo del computer e di Internet; • ha un calo dei voti scolastici; • è turbato dopo aver utilizzato Internet.Se i genitori temono che il proprio figlio sia vittima di cyberbullismo possono mettere in atto alcuni accorgimenti pratici: • tenere il computer in una stanza della casa frequentata da tutti; • controllare con regolarità che cosa faccia il proprio figlio, condividendo con lui anche le attività sul computer; • cercare di parlargli per capire quale genere di attività online gli piacciono; • cercare online il suo nome: esaminando i suoi profili o i messaggi sui siti delle comunità di teenager, si può capire se è coinvolto in atti di bullismo.È importante, inoltre, insegnare ai ragazzi alcune regole base per un uso sicuro di Internet: • mai dare informazioni personali, come nome, indirizzo, numero di telefono, età, nome e località della scuola o nome degli amici a chi non si conosce personalmente o a chi si conosce sul web; • non condividere le proprie password, neanche con gli amici; • non accettare incontri di persona con qualcuno conosciuto online; • mai rispondere a un messaggio che faccia sentire confusi o a disagio. Meglio ignorare il mittente, terminare la comunicazione e riferire quanto accaduto a un adulto; • mai usare un linguaggio offensivo o mandare messaggi volgari online.Torna allindice13. Se un ragazzo è vittima di cyberbullismo, come dovrebbe comportarsi?Ci sono consigli pratici anche per i ragazzi: • non rispondere a e-mail o sms molesti e offensivi; • non rispondere a chi insulta o prende in giro; • non rispondere a chi offende nelle chat o esclude da una chat; • salvare i messaggi offensivi che si ricevono (sms, mms, e-mail), prendendo nota del giorno e dell’ora in cui il messaggio è arrivato; • cambiare il proprio nickname; • cambiare il proprio numero di cellulare e comunicalo solo agli amici; • utilizzare filtri per bloccare le e-mail moleste; • non fornire mai dati personali (nome, cognome, indirizzo di residenza) a chi si conosce in chat o sul web; • parlane immediatamente con un adulto (genitori o insegnanti); • in caso di minacce fisiche o sessuali, è possibile contattare anche la Polizia.Le dinamiche che provocano episodi di cyberbullismo sono le stesse del bullismo tradizionale. Per prevenirlo ci può quindi attenere agli gli stessi consigli: cercare di comprendere e migliorare i comportamenti e le relazioni tra i ragazzi. Tuttavia, il bullismo elettronico può essere più facile da bloccare. La Commissione europea, ad esempio, è riuscita a fare firmare a diciassette compagnie del web un accordo per introdurre dispositivi che rendano più sicura la partecipazione dei minorenni alle reti sociali online. Uniniziativa necessaria sia per il numero crescente di utenti dei social network inEuropa (41,7 milioni e 107,4 milioni stimati nel 2012) sia per l’alto numero di episodi di abuso che coinvolgono i minorenni. Laccordo prevede, in particolare, che le compagnie attivino il tasto “segnalazione di abusi”: gli utenti possono quindi cliccare sul bottone per segnalare contatti o comportamenti inappropriati di altri utenti. Non solo: il documento assicura che i profili online e gli elenchi dei contatti di utenti di siti Internet registrati come minorenni siano automaticamente classificati come "privati" e garantisce che non sia possibile compiere ricerche sui loro profili (su siti Internet o con imotori di ricerca). Infine, impedisce di utilizzare i servizi a utenti che non abbiano letà minima richiesta: se un sito di socializzazione in rete è destinato ad adolescenti con più di 13 anni, dovrebbe essere difficile registrarsi per chi ha meno di quelletà.Torna allindice14. Quali sono i metodi più efficaci per contrastare il cyberbullismo?Secondo diverse associazioni che si occupano di bullismo e cyberbullismo, le azioni di prevenzioni più efficaci sono state quelle che hanno coinvolto gli adulti, responsabilizzando genitori e insegnanti sull’importanza di educare i ragazzi all’uso delle nuove tecnologie. Oltre ad indicazioni su cosa concretante insegnare, in diversi contesti si sono dimostrati utili anche lavori sulle capacità relazionali dei ragazzi: rispetto, assertività, empatia, senso critico. Si sono rivelate utili anche le campagne portate avanti dal Ministero della Pubblica Istruzione che, dal 2007, ha emanato le “Linee di indirizzogenerali e azioni a livello nazionale per la prevenzione e la lotta al bullismo” (www.smontailbullo.it/normative/20070219_Direttiva_Bullismo.pdf).15. Link utiliCampagna nazionale contro il bullismowww.smontailbullo.itSito del Ministero della Pubblica Istruzione dedicato agli studentihttp://iostudio.pubblica.istruzione.itIl bullismo, a cura della Polizia di Statowww.poliziadistato.itTelefono azzurrowww.azzurro.it

×