Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Comunicato stampa sindaco

1,159 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Comunicato stampa sindaco

  1. 1. 1 COMUNICATO STAMPA Quando l’Amministrazione che guido si è insediata nel maggio 2012, aveva davanti a se una situazione drammatica, ben nota a tutti. Non abbiamo nascosto questa circostanza agli elettori e ai concittadini, ma abbiamo parlato responsabilmente e in maniera impopolare di operazione lacrime e sangue. Una frase che ben sintetizzava lo sforzo che avremmo dovuto compiere come comunità per sanare una condizione sull’orlo del dissesto finanziario. I debiti fuori bilancio, così come riconosciuti dal Commissario prefettizio, ammontavano a quasi 4 milioni di euro. Vale la pena entrare nel dettaglio: • 2.047.000€ relativi a Spes • 1.500.000€ per la sentenza di esproprio della Meridionale Grigliati emessa dalla Corte di Appello di Bari dalla quale altri non si sono saputi difendere • 330.000€ di rate scadute (ben 4!) a favore del Credito sportivo e il conseguente accollamento del mutuo di 1.727.000€, relativo alla piscina, spalmato sul bilancio pluriennale Oltre questo vi erano contenziosi pendenti per altri 5,5 milioni circa oggi completamente risolti o in via di soluzione: • 2.760.000€ Reti Ferroviarie Italiane • 1.350.000€ Vigeura • 1.500.000€ Star Questa voragine debitoria – conclamata da diversi atti e documenti – è stata completamente appianata nel primo anno di questo mandato. A questo si aggiunge la drammatica esosità dei tagli agli Enti locali e i vincoli del patto di stabilità. Dati pubblicati su quotidiani nazionali stimano – con riferimento all’intero comparto Enti Locali – i primi in 8,5 miliardi tra il 2011 e il 2014 e i secondi in 9 miliardi nello stesso range temporale. Nonostante il taglio delle risorse economiche, grande propulsione è stata data alla programmazione e alla realizzazione delle opere, grazie alla capacità di attingere ai fondi comunitari, nazionali e regionali. Vorrei ricordare • l’adesione al programma europeo “Patto dei Sindaci” e l’elaborazione del PAES, che ci consentirà di accedere a fondi dedicati della programmazione 2014-2020. • l’adesione al programma regionale Apulian ICT Living Labs
  2. 2. 2 • i tavoli di partecipazione degli stakeholder • l’elaborazione del Piano Urbanistico Generale • il problema interpretativo sulle zone F • l’istituzione del Gruppo Comunale di Protezione Civile • la gestione della crisi AQP-Caseifici • il completamento di Via Roma • la riqualificazione e il completamento di via Einaudi secondo quando previsto dal Piano di Recupero Urbano • la riqualificazione di Via Vicinale la Villa e via Lagomagno • la Banda Ultralarga in zona artigianale • la gestione dell’indisponibilità di loculi al Cimitero • la soluzione definitiva dell’annosa questione degli impianti di depurazione • il percorso di conversione delle vecchie tratte ferroviarie in itinerari naturalistici ciclo-pedonali • l’istituzione dell’ARO e del SAC e il ruolo capofila di Gioia del Colle • il Social Housing • la partecipazione alla cordata di Comuni “Cuore di Puglia – Expo 2015” per la promozione associata del territorio • l’imminente adesione all’Antenna PON Ricerca e Competitività nell’ambito del percorso Smart City che abbiamo avviato fin dal nostro insediamento • la partecipazione al bando POI del MISE per l’efficientamento energetico del parco edilizio comunale • l’accordo transattivo con RFI e le opere pubbliche che ne discendono (parcheggio di scambio, possibilità di adoperare i locali della stazione e l’ex scalo merci) per attività pubbliche • il consolidamento strutturale di Palazzo Serino e la realizzazione del centro interculturale per immigrati • la mensa sociale
  3. 3. • il Piano di Zona e i servizi socio-assistenziali d’eccellenza tra i quali: il PAC per l'asilo nido, la Carica dei 101 per la pratica dello sport gratuito per i minori, Home Care Premium, l'imminente apertura del centro antiviolenza per le donne 3 • il progetto dell’Enoteca Regionale presso la Distilleria Cassano • i progetti di recupero delle varietà viticole e frutticole antiche • l’intervento di riqualificazione sul verde periurbano e sull’ex discarica di via vicinale del Monte • l’efficientamento della pubblica illuminazione • l’accesso alle strutture sportive anche da parte degli utenti meno abbienti • l’uso del teatro E sono certo di dimenticare molto altro. Tutte queste cose sono state ribadite più volte in Consiglio Comunale e in diverse riunioni alla presenza di Consiglieri e rappresentanti di partito. Considerati i tempi (poco più di 2 anni) e la situazione di partenza, abbiamo conseguito un risultato di tutto rispetto; chi parla di assenza di programmazione o di assenza di fattualità viene smentito non da uno spot elettorale ma dai fatti. Concludo con una nota a margine. Gli obiettivi di ciascun servizio comunale – e conseguentemente gli indicatori di prestazione e la loro misura – non sono fissati arbitrariamente dai tecnici dell’Ente ma discendono direttamente dal programma di mandato ovvero dalla visione strategica di medio-lungo termine elaborata dalla classe politica. In questo senso la funzione politico-amministrativa e quella tecnica riguardano ambiti di applicazione specifici, separati e tuttavia complementari. Se da un lato all’organo politico competono le scelte di indirizzo e di governance, è evidente che queste devono necessariamente sostanziarsi su documenti e valutazioni di tipo tecnico-specialistico. D’altro canto l’azione tecnico amministrativa non è arbitraria ma è continuamente orientata dalla vision politica e monitorata dall’Organismo Indipendente di Valutazione. Discutere di razionalizzazione della spesa senza che il processo decisionale venga sostanziato da un’analisi puntuale dei centri di costo rischia di rilevarsi vago e inconcludente, per di più con un bilancio preventivo che viene approvato alla fine di settembre. Interessare i tecnici della redazione di un piano di razionalizzazione delle spese – ciascuno nel proprio comparto – non significa abdicare alla propria funzione di indirizzo, ma piuttosto poterla esperire con maggiore cognizione di causa e concretezza, attraverso l’analisi di un report tecnico. Del resto, tanto la classe politica quanto i funzionari comunali perseguono un obiettivo – l’ottimizzazione della macchina amministrativa – condiviso e non concorrente.
  4. 4. La progressiva diffusione dei dati sulle aliquote Tasi applicate dai Comuni italiani restituisce un quadro reale che i tartassati di recente memoria troveranno certamente interessante. L’aliquota media applicata dai Comuni – così come riportato dall’ANCI – ammonta al 2,46‰ (il massimo è di 2,5‰) e molti di questi hanno applicato anche la maggiorazione dello 0,8‰ per finanziare le detrazioni (portando così l’aliquota finale al 3,3‰). Noi invece stiamo cercando di reperire i fondi necessari alle detrazioni, circa 70.000€, nel bilancio proprio dell’Ente senza ulteriori aggravi per la collettività. Scusate se è poco… 4 Gioia del Colle, 13 settembre 2014 Il Sindaco Sergio Povia

×