Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
I Social Media nella Didattica
Nuovi strumenti di apprendimento
Candidato: Giovanni Fantasia
Corso di Laurea: Industria Cu...
Dall’alfabetizzazione alla literacy
Gettare una luce positiva sulla rete e sulle sue
applicazioni in ambito didattico;
Nel...
Media Education
La media education (educazione ai media) è il
processo di insegnamento e apprendimento
centrato sui media
...
Social media nella didattica
DEFINZIONI
Termine generico che indica tecnologie e pratiche
online che le persone adottano p...
I social media nella didattica
• Condividere sapere, materiale didattico, opinioni
e riflessioni;
• Collaborare: docente-s...
Attività di Ricerca
Obiettivo
verificare la conoscenza e l’esistenza della
media education e dell’uso didattico dei
social...
Attività di Ricerca
Ipotesi di partenza
Nelle scuole in oggetto si
rileva una scarsa
conoscenza della media
education (edu...
Attività di Ricerca
Periodo: Marzo-Aprile 2013
3 Scuole: I.I.S.S. Caboto, I.I.S.S. Fermi, I.C.
Carducci
60 docenti intervi...
Attività di Ricerca
Analisi dei risultati
3 Macrotemi:
1. Utilizzo dei social media (personale e
didattico);
2. Preparazio...
Attività di Ricerca
Macrotema 1
Utilizzo dei social media (personale e didattico)
L’uso dei social media nella didattica è...
Attività di Ricerca
Macrotema 2
Preparazione dei docenti per utilizzare questi
strumenti
«Solo la teoria non è sufficiente...
Attività di Ricerca
Macrotema 3
Gli ostacoli (precariato, scarsità di mezzi, ecc.)
«Si è perso il valore della scuola e la...
Riflessioni conclusive
Esiste il bisogno di conoscere in maniera
approfondita e specifica l’utilizzo dei social
media:
• p...
Grazie
per l’attenzione
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

I Social Media nella didattica. Nuovi strumenti di apprendimento.

1,051 views

Published on

Tesi Magistrale in Industria Culturale e Comunicazione Digitale (Università di Roma La Sapienza).
Il mutamento introdotto con il web 2.0 e le tecnologie che lo supportano parte dalla mentalità: non basta più limitarsi a spiegare una lezione scrivendo qualche concetto sulla lavagna, parlando e poi assegnando le pagine da studiare, oppure gli esercizi previsti dal libro di testo. Il concetto di alfabetizzazione, innanzitutto, ha subìto dei cambiamenti sostanziali: non si tratta più di insegnare a leggere, scrivere e far di conto, ma cambia il modo in cui queste stesse abilità possono essere insegnate tenendo conto dello scenario tecnologico che negli ultimi anni si è fatto sempre più pervasivo. La media education (educazione ai media) è la strada individuata per tenere testa ai cambiamenti ed inserire nella formazione degli studenti anche le risorse cognitive per saper leggere e capire i testi mediali nelle loro diverse forme. Infatti, chiudere gli occhi di fronte all’esplosione dei mezzi di comunicazione vuol dire abdicare al proprio ruolo di agenzia formativa e fornire alle giovani generazioni strumenti poco adatti ad affrontare quello che c’è fuori la scuola. Il passaggio da compiere è quello di adottare una visione multidisciplinare: la media education non è una materia nel senso comune del termine ma «un insieme di temi di riflessione e di quesiti, lo sfondo per una educazione alla cittadinanza attiva e consapevole».
In questo lavoro, si è analizzato il cambiamento avvenuto nell’apprendimento a causa della diffusione dei media, ed in particolare dei social media, e come la scuola dovrebbe integrare le forme di apprendimento informale con quelle “istituzionali”. L’obiettivo di questa agenzia formativa è lo sviluppo di uno stile di insegnamento ed apprendimento più riflessivo, nel quale gli studenti possano riflettere sia come lettori che come scrittori di testi mediatici, inserendoli nel più ampio contesto sociale ed economico.
Nell’ultimo capitolo di questa tesi vengono illustrati i risultati di una ricerca qualitativa svolta in tre scuole di Gaeta che ha coinvolto circa 60 insegnanti. Questi sono stati intervistati e coinvolti in un incontro nel quale è stato spiegato come i social media possano diventare parte integrante di una didattica innovativa.

Published in: Education
  • Be the first to comment

I Social Media nella didattica. Nuovi strumenti di apprendimento.

  1. 1. I Social Media nella Didattica Nuovi strumenti di apprendimento Candidato: Giovanni Fantasia Corso di Laurea: Industria Culturale e Comunicazione Digitale
  2. 2. Dall’alfabetizzazione alla literacy Gettare una luce positiva sulla rete e sulle sue applicazioni in ambito didattico; Nella formazione degli studenti devono esserci anche le risorse cognitive per saper leggere e capire i testi mediali nelle loro diverse forme (literacy); Le nuove competenze non devono sostituire quelle “classiche”, ma devono integrarsi.
  3. 3. Media Education La media education (educazione ai media) è il processo di insegnamento e apprendimento centrato sui media La media literacy (alfabetizzazione ai media) è la conoscenza e le competenze che si acquisiscono in tema di mezzi di comunicazione (Buckingham, 2006). Sviluppo di uno stile di insegnamento ed apprendimento più riflessivo, nel quale gli studenti possano riflettere sia come lettori che come scrittori di testi mediatici.
  4. 4. Social media nella didattica DEFINZIONI Termine generico che indica tecnologie e pratiche online che le persone adottano per condividere contenuti testuali, immagini, video e audio (Wikipedia); Strumenti che «rendono possibile la socializzazione sia del trasporto che della trasformazione del messaggio» (Vincenzo Cosenza);
  5. 5. I social media nella didattica • Condividere sapere, materiale didattico, opinioni e riflessioni; • Collaborare: docente-studente, studente- studente, gruppi di studenti, gruppi di docenti, ecc.; • Interagire ed usando la multimedialità come alternativa alla lezione classica; • Partecipare; • Utilizzarli come punto di accesso alla conoscenza in rete (risorse, relazioni, informazioni, eventi) Caterina Policaro
  6. 6. Attività di Ricerca Obiettivo verificare la conoscenza e l’esistenza della media education e dell’uso didattico dei social media nelle scuole di Gaeta (LT)
  7. 7. Attività di Ricerca Ipotesi di partenza Nelle scuole in oggetto si rileva una scarsa conoscenza della media education (educazione all’uso critico e responsabile dei media) Nelle scuole in oggetto si rileva una scarsa conoscenza dei social media sotto l’aspetto tecnico e delle capacità di stimolare l’apprendimento
  8. 8. Attività di Ricerca Periodo: Marzo-Aprile 2013 3 Scuole: I.I.S.S. Caboto, I.I.S.S. Fermi, I.C. Carducci 60 docenti intervistati (Interviste semi- strutturate) 3 incontri con i docenti
  9. 9. Attività di Ricerca Analisi dei risultati 3 Macrotemi: 1. Utilizzo dei social media (personale e didattico); 2. Preparazione dei docenti per utilizzare questi strumenti; 3. Gli ostacoli (precariato, scarsità di mezzi, ecc.).
  10. 10. Attività di Ricerca Macrotema 1 Utilizzo dei social media (personale e didattico) L’uso dei social media nella didattica è limitato «Non uso social media per principio. Non mi affascina» (Professore, 54 anni). «Ho imparato da poco ad usare il computer e a mandare le email» (Professoressa, 47 anni). «Utilizzo molto i social media ed in particolare social network, blog e forum» (Professoressa , 57 anni).
  11. 11. Attività di Ricerca Macrotema 2 Preparazione dei docenti per utilizzare questi strumenti «Solo la teoria non è sufficiente: serve la pratica quotidiana ed attenta». (Professoressa, 32 anni). «Dovremmo seguire dei corsi di aggiornamento. Rischi di entrare in classe e fare brutte figure». (Professoressa, 57 anni). «La preparazione dei docenti è affidata alla loro buona volontà: devono autofinanziarsi e trovare dentro di sé la volontà di aggiornarsi e prepararsi». (Professoressa, 43 anni).
  12. 12. Attività di Ricerca Macrotema 3 Gli ostacoli (precariato, scarsità di mezzi, ecc.) «Si è perso il valore della scuola e la dignità del docente. Non si tratta di una questione economica, ma soprattutto di soddisfazione professionale». (Professore, 48 anni). «Per utilizzare questi strumenti c’è bisogno di pratica quotidiana ed una scuola che ti metta nelle condizioni di poter fare lezione in maniera innovativa». (Prof.ssa, 46 anni) «Il precariato incide molto. La sensazione è quella di essere inibiti a fare progetti a lungo termine». (Prof.ssa, 53 anni)
  13. 13. Riflessioni conclusive Esiste il bisogno di conoscere in maniera approfondita e specifica l’utilizzo dei social media: • per essere più vicini ai propri alunni (privacy, comportamenti online); • per sentirsi preparati ad affrontare un mondo in larga parte inesplorato o conosciuto per sentito dire.
  14. 14. Grazie per l’attenzione

×