Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Norme in materia di pluralismo informatico, diffusione del riuso e adozione di formati per documenti digitali aperti e sta...
Perché una legge? Le Regioni sono enti di programmazione con compiti e responsabilità ben precise per lo sviluppo delle ca...
Partecipazione Art. 1 della legge: “ Al fine di favorire la  partecipazione alla vita democratica  e la fruibilità dei ser...
Pubblico e privato Art. 2 della legge: “ La presente legge si applica alle azioni e agli interventi della Regione del Vene...
Pluralismo solo uno slogan? Art. 3 della legge: “ Al fine di garantire la più ampia libertà di accesso all'informazione pu...
Dunque Open Data? Siamo sulla giusta strada. “Aperto” non è “grezzo” e quindi non è ancora “linked data”,  ma permette, co...
Riuso del software. Art. 5, comma 3 della legge: “ La Regione del Veneto, nella produzione e gestione di servizi di intero...
Perchè software libero? Software proprietario, molto spesso, può significare un aggravamento, in termini di licenze e di c...
Due grandi libertà alla base della legge regionale
Principali azioni intraprese
Esempi di gestione del cambiamento
Esempi di gestione del cambiamento
Impatto sul territorio e impegno della Regione <ul><li>censire, aggiornare, gestire e pubblicizzare una mappa delle richie...
Grazie http://www.consiglioveneto.it/crvportal/leggi/2008/08lr0019.html
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Pluralismo informatico, oltre i principi come declinare le azioni concrete. L'esperienza di Regione Veneto

1,196 views

Published on

Presentazione al Confsl 2010: http://www.confsl.org in occasione del convegno: Software libero e PA: http://www.confsl.org/confsl10/index.php/swliberopa

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Pluralismo informatico, oltre i principi come declinare le azioni concrete. L'esperienza di Regione Veneto

  1. 1. Norme in materia di pluralismo informatico, diffusione del riuso e adozione di formati per documenti digitali aperti e standard nella società dell'informazione LR del 14 novembre 2008, n. 19 (BUR n. 95/2008) Gianluigi Cogo – DSI Regione del Veneto
  2. 2. Perché una legge? Le Regioni sono enti di programmazione con compiti e responsabilità ben precise per lo sviluppo delle capacità umane, imprenditoriali e sociali. Cit: art. 3 dello Statuto di Regione Veneto: “ La Regione ha per fine l'affermazione della persona umana e la partecipazione di tutti i cittadini alla organizzazione politica, economica e sociale della Repubblica. La Regione per rendere effettive la libertà e l'uguaglianza, promuove lo sviluppo sociale ed economico con riforme idonee ad affermare il ruolo dei lavoratori nella società, a favorire le libere attività delle comunità, ad eliminare gli squilibri territoriali e settoriali ”
  3. 3. Partecipazione Art. 1 della legge: “ Al fine di favorire la partecipazione alla vita democratica e la fruibilità dei servizi pubblici da parte dei cittadini e delle imprese……..”
  4. 4. Pubblico e privato Art. 2 della legge: “ La presente legge si applica alle azioni e agli interventi della Regione del Veneto e degli enti pubblici e privati ….”
  5. 5. Pluralismo solo uno slogan? Art. 3 della legge: “ Al fine di garantire la più ampia libertà di accesso all'informazione pubblica attraverso il pluralismo informatico, la Regione del Veneto promuove e incentiva l'uso di formati digitali aperti e non proprietari , per la documentazione elettronica e per le basi di dati”
  6. 6. Dunque Open Data? Siamo sulla giusta strada. “Aperto” non è “grezzo” e quindi non è ancora “linked data”, ma permette, comunque, di interoperare con gli standard attuali di SPC che si rifanno, anch’essi, a protocolli aperti (XML, SOAP, ecc.)
  7. 7. Riuso del software. Art. 5, comma 3 della legge: “ La Regione del Veneto, nella produzione e gestione di servizi di interoperabilità e di applicativi, si impegna a realizzare e a cedere in riuso programmi software basati su codice sorgente aperto e sull'utilizzo di protocolli e formati, standard ed aperti”.
  8. 8. Perchè software libero? Software proprietario, molto spesso, può significare un aggravamento, in termini di licenze e di contratti di manutenzione e assistenza. “Software libero” e “software as a service” potrebbero ridurre le spese delle organizzazioni pubbliche per la produzione e l’erogazione di servizi al cittadino e favorire lo sviluppo delle PMI del settore ICT. Queste sensazioni devono essere supportate da un TCO.
  9. 9. Due grandi libertà alla base della legge regionale
  10. 10. Principali azioni intraprese
  11. 11. Esempi di gestione del cambiamento
  12. 12. Esempi di gestione del cambiamento
  13. 13. Impatto sul territorio e impegno della Regione <ul><li>censire, aggiornare, gestire e pubblicizzare una mappa delle richieste, delle competenze e delle esperienze disponibili sul territorio; </li></ul><ul><li>favorire la diffusione dei programmi riusabili e a codice aperto anche collaborando con i soggetti pubblici e privati previsti dalla legge regionale; </li></ul><ul><li>promuovere attività di formazione e informazione dirette alle amministrazioni locali e alle piccole e medie imprese (PMI); </li></ul><ul><li>promuovere forme di coordinamento interregionale e di collaborazione con le amministrazioni locali e con altri soggetti pubblici e privati del territorio Veneto, operanti nel settore. </li></ul>
  14. 14. Grazie http://www.consiglioveneto.it/crvportal/leggi/2008/08lr0019.html

×