Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Opportunità e rischi per un social editore<br />Gianluigi CogoESSERCI O STARCI?<br />
Opportunitàindotte dai social media<br />1<br />3<br />2<br />Offrire un esperienza diversa<br />Interagiredirettamentecon...
Aumentarei potenziali lettori<br />Presidio di molticanalisociali<br />1<br />
“Go whereyourcustomers are”.<br />Lo slogan di Obama, rappresenta un inversione di paradigma. Non sono più i clienti che d...
Metodo push digitale<br />Predisporre i contenuti alla fruizione digitale.<br />Organizzarsi per il social web<br />È abba...
Metodo push sociale<br />Predisporre i contenuti alla canalizzazione sociale.<br />Organizzarsi per il social web<br />Si ...
Metodo pull sociale<br />Predisporsi per favorire il contributo sociale.<br />Organizzarsi per il social web<br />E’ neces...
2<br />Offrireun esperienza diversa<br />Adeguare il linguaggio, predisporsi all’ascolto e alla conversazione, favorire la...
Tesi n. 1 del Cluetrain manifesto: I mercati sono conversazioni!<br />Non si tratta di restyling del sito, ma di un vero e...
Tesi n. 19 del Cluetrain manifesto: <br />Le aziende possono ora comunicare direttamente con i loro mercati. Se non lo cap...
Alcuni strumentiper conversare<br />   sono        creo       abito         animo<br />partecipo<br />
La Community produce<br />blogging<br />
La Community produce<br />digital story telling<br />
Far vivere un esperienzadiversa<br />L’ editore aggrega i contenuti prodotti dalla comunità e li mescola con i contenuti r...
Se non oraquando?<br />Alle aziende tradizionali le conversazioni online possono sembrare confuse. Ma ci stiamo organizzan...
3<br />Interagireconversando<br />Chi èpreposto a presidiareil web sociale in azienda?<br />
Chi?<br />“…Social media can’t belong to one person; it needs to be part of everyone’s job,” Preston said. “It has to be i...
<ul><li>Adeguarsi alla mutazione dei linguaggi
Muoversi velocemente
Ridurre a zero il margine di errore
Difendere e bonificare la reputazione personale e del brand
Organizzare momenti analogici di incontro</li></ul>Il presidio del web sociale presuppone fatica<br />
Un caso estremo<br />Redazioneeterogenea,svincolata dal brand aziendale.  <br />Case study<br />Uscire completamente dai c...
Il blog di Marsilio editore<br />Redazioneinterna,vincolata al brand aziendale.  <br />Case study<br />… diamo vita a un b...
Fortykey<br />Editore digitale,che sfrutta servizi terzi.<br />Case study<br />Ci si concentra sugli autori, sullo story t...
Social Must have!<br />
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

ESSERCI O STARCI? - Opportunità e rischi dell’essere online (per un editore)

1,318 views

Published on

- Opportunità (aumentare gli utenti, offrire un’esperienza diversa, interagire conversando)
- Ruoli e organizzazione
- Tempi e linguaggi
- Modelli da imitare
- Errori da non fare

Published in: Technology, Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

ESSERCI O STARCI? - Opportunità e rischi dell’essere online (per un editore)

  1. 1. Opportunità e rischi per un social editore<br />Gianluigi CogoESSERCI O STARCI?<br />
  2. 2. Opportunitàindotte dai social media<br />1<br />3<br />2<br />Offrire un esperienza diversa<br />Interagiredirettamenteconversando<br />Aumentare i lettori<br />Un mondo nuovo, una presenza adeguata<br />
  3. 3. Aumentarei potenziali lettori<br />Presidio di molticanalisociali<br />1<br />
  4. 4. “Go whereyourcustomers are”.<br />Lo slogan di Obama, rappresenta un inversione di paradigma. Non sono più i clienti che devono accedere ai nostri servizi, siamo noi (fornitori) che dobbiamo spostarci sul palinsesto sociale.<br />Il palinsesto sociale (social media e social network) vive e si sviluppa in beta perpetua. Nulla è per sempre e bisogna farsi trovare preparati quando è necessario, od opportuno, aprire nuove ambasciate.<br />Presidiare la maggior parte dei social media<br />
  5. 5. Metodo push digitale<br />Predisporre i contenuti alla fruizione digitale.<br />Organizzarsi per il social web<br />È abbastanza semplice ingegnerizzare un sistema di push digitale. Il modello si sostiene grazie agli abbonamenti.<br />
  6. 6. Metodo push sociale<br />Predisporre i contenuti alla canalizzazione sociale.<br />Organizzarsi per il social web<br />Si può ingegnerizzare un sistema di push sociale. Il modello si sostiene grazie alla multicanalità implicita e indotta, ad esempio, dagli rss.<br />http://www.egov.maggioli.it/<br />
  7. 7. Metodo pull sociale<br />Predisporsi per favorire il contributo sociale.<br />Organizzarsi per il social web<br />E’ necessario facilitare e favorire la creazione di community.<br />Ogni potenziare lettore/cliente può partecipare alla creazione del palinsesto.<br />http://community.donnamoderna.com/<br />
  8. 8. 2<br />Offrireun esperienza diversa<br />Adeguare il linguaggio, predisporsi all’ascolto e alla conversazione, favorire la partecipazione<br />
  9. 9. Tesi n. 1 del Cluetrain manifesto: I mercati sono conversazioni!<br />Non si tratta di restyling del sito, ma di un vero e proprio<br />CAMBIAMENTO<br />
  10. 10. Tesi n. 19 del Cluetrain manifesto: <br />Le aziende possono ora comunicare direttamente con i loro mercati. Se non lo capiscono, potrebbe essere la loro ultima occasione. <br />
  11. 11. Alcuni strumentiper conversare<br /> sono creo abito animo<br />partecipo<br />
  12. 12. La Community produce<br />blogging<br />
  13. 13. La Community produce<br />digital story telling<br />
  14. 14. Far vivere un esperienzadiversa<br />L’ editore aggrega i contenuti prodotti dalla comunità e li mescola con i contenuti redazionali. La nuova presenza in rete è unmashupdi esperienze interne ed esterne all’azienda. Il cliente/lettore partecipa alla produzione e alla conversazione e si sente parte del progetto editoriale.<br />Il cliente/lettore deve sentirsi protagonista, deve avere la sensazione di essere ascoltato. Deve avere la sensazione che le sue idee possano portare valore dentro e fuori l’azienda con cui si è fidelizzato.<br />
  15. 15. Se non oraquando?<br />Alle aziende tradizionali le conversazioni online possono sembrare confuse. Ma ci stiamo organizzando più rapidamente di loro. Abbiamo strumenti migliori, più idee nuove, nessuna regola che ci rallenti.<br />tesi 94 del Cluetrain manifesto<br />
  16. 16. 3<br />Interagireconversando<br />Chi èpreposto a presidiareil web sociale in azienda?<br />
  17. 17. Chi?<br />“…Social media can’t belong to one person; it needs to be part of everyone’s job,” Preston said. “It has to be integrated into the existing editorial process and production process…”<br />http://tinyurl.com/nysmeditor<br />
  18. 18. <ul><li>Adeguarsi alla mutazione dei linguaggi
  19. 19. Muoversi velocemente
  20. 20. Ridurre a zero il margine di errore
  21. 21. Difendere e bonificare la reputazione personale e del brand
  22. 22. Organizzare momenti analogici di incontro</li></ul>Il presidio del web sociale presuppone fatica<br />
  23. 23. Un caso estremo<br />Redazioneeterogenea,svincolata dal brand aziendale. <br />Case study<br />Uscire completamente dai canoni convenzionali e dai vincoli organizzativi. Concentrarsi sulle dinamiche di rete, abitarla e affrontare visioni diverse .<br />http://www.minimaetmoralia.it/<br />
  24. 24. Il blog di Marsilio editore<br />Redazioneinterna,vincolata al brand aziendale. <br />Case study<br />… diamo vita a un blog, uno spazio nel quale vogliamo rafforzare il legame con i nostri lettori e autori ... icontenuti del blog non avranno un’agenda ... vi aggiorneremo sul mondo che ruota attorno a Marsilio ...<br />http://blog.marsilioeditori.it/<br />
  25. 25. Fortykey<br />Editore digitale,che sfrutta servizi terzi.<br />Case study<br />Ci si concentra sugli autori, sullo story telling, sulla vita che ruota attorno alle loro opere e, per snellire, l’impatto organizzativo ci si avvale di servizi terzi (Bookrepubblic e Goodreads)<br />http://www.40kbooks.com/<br />
  26. 26. Social Must have!<br />
  27. 27. Errori da evitare<br /><ul><li>I social media non fanno per me, sono tecnologia.
  28. 28. Parlare solo tu! (Il cliente vuol essere ascoltato).
  29. 29. Presidiare il web sociale senza un media plan.
  30. 30. Pensare che tutti i social media e i social network siano adatti al tuo brand.
  31. 31. Ignorare le critiche. (Equivale a un suicidio).
  32. 32. Usare account fakeper generare commenti positivi. (Vengono sgammati subito).</li></li></ul><li>Fatalerror<br />
  33. 33. Fatalerror<br />
  34. 34. Gianluigi Cogo<br />gigi.cogo@gmail.com<br />

×