L'Applicazione Del Marketing Territoriale Nelle Regioni Italiane - Il Caso Campania E Sicilia

1,741 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,741
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'Applicazione Del Marketing Territoriale Nelle Regioni Italiane - Il Caso Campania E Sicilia

  1. 1. L’APPLICAZIONE DEL MARKETING TERRITORIALE NELLE REGIONI ITALIANE il caso Campania e SiciliaRelatoreProf. Matteo Giuliano Caroli Candidato Gianluca Miniero matr. 613221CorrelatoreProf. Luca Pirolo Anno Accademico 2008/2009
  2. 2. OBIETTIVO E METODOLOGIAVerifica sul campo delle attività di marketing territoriale
  3. 3. OBIETTIVO E METODOLOGIA Verifica sul campo delle attività di marketing territoriale๏ Somministrazione di un questionario di ricerca
  4. 4. SCHEMA DI LAVORO‣ Analisi dei contesti territoriali di riferimento
  5. 5. SCHEMA DI LAVORO‣ Analisi dei contesti territoriali di riferimento‣ Risultati della ricerca
  6. 6. SCHEMA DI LAVORO‣ Analisi dei contesti territoriali di riferimento‣ Risultati della ricerca‣ Caso “Bagnolifutura S.p.A.”: il rilancio di un’area brownfield
  7. 7. ANALISI SOCIO-ECONOMICA Punti di forza Punti di forza ✓elevata percentuale di giovani nella forza lavoro ✓elevata natalità delle imprese ✓presenza di realtà produttive in settori innovativi ✓discreta propensione all’export di alcuni settoriC ✓discreta dotazione infrastrutturale ✓soddisfacenti infrastrutture portuali ed aeroportuali Sa im ✓presenza di risorse di grande valore culturale ✓disponibilità di risorse turistiche diffuse su tutto il territorio cp ia Punti di debolezza Punti di debolezza ln - elevato tasso di disoccupazione femminile e giovanile - debole capacità innovativa e di cooperazione delle PMI ii - grande diffusione del lavoro irregolare - inadeguata destagionalizzazione dei flussi turistici aa - offerta turistica concentrata territorialmente - abbandono dei beni culturali dell’entroterra - elevata presenza di emergenze ambientali - scarsa dotazione di infrastrutture ferroviarie e stradali - insufficienti condizioni di sicurezza - scarso livello di percezione della legalità
  8. 8. APPLICAZIONE DEL MARKETING TERRITORIALE• Questionari differenziati per attori istituzionali ed operatori privati
  9. 9. APPLICAZIONE DEL MARKETING TERRITORIALE• Questionari differenziati per attori istituzionali ed operatori privati Funzioni, contenuti Aree d’azione e e attività impatto• 4 Macro aree: Comunicazione, collaborazione e Prospettive future misurazione
  10. 10. APPLICAZIONE DEL MARKETING TERRITORIALE• Questionari differenziati per attori istituzionali ed operatori privati Funzioni, contenuti Aree d’azione e e attività impatto• 4 Macro aree: Comunicazione, collaborazione e Prospettive future misurazione• Confronto inter e intra regionale
  11. 11. ATTORI COINVOLTI Campania Sicilia14 Attori Istituzionali / 5 Operatori Privati 17 Attori Istituzionali / 9 Operatori Privati
  12. 12. ATTORI COINVOLTI Campania Sicilia14 Attori Istituzionali / 5 Operatori Privati 17 Attori Istituzionali / 9 Operatori Privati Comune Napoli - Francesco Crispino Regione Sicilia - Giuseppe Scorciapino Provincia Benevento - Giuseppe Porcaro Provincia di Palermo - Francesco Trapani Provincia Caserta - Elisabetta Milone Provincia Palermo - Andrea Supporta EPT Napoli - Dario Scalabrini Provincia Palermo - Filippo Spallina Bagnolifutura - Emanuele Imperiali Sviluppo Italia Sicilia - Vincenzo ParadisoConfindustria Campania - Giuseppe Cannistrà Confindustria Sicilia - Paolo Chiappara Confindustria Caserta - Lucio Lombardi Confindustria Palermo - Gaetano Bonafede Confindustria Avellino - Giacinto Maioli Federalberghi Palermo - Nicola Farruggio
  13. 13. FUNZIONI, CONTENUTI E ATTIVITA’✓ Ruolo preminente di Assessorati e CCIAA
  14. 14. FUNZIONI, CONTENUTI E ATTIVITA’✓ Ruolo preminente di Assessorati e CCIAA- Assenza di attività da parte di Agenzie di marketing territoriale
  15. 15. FUNZIONI, CONTENUTI E ATTIVITA’✓ Ruolo preminente di Assessorati e CCIAA- Assenza di attività da parte di Agenzie di marketing territoriale✓ Livelli territoriali maggiormente attivi: Regionale e Provinciale
  16. 16. FUNZIONI, CONTENUTI E ATTIVITA’✓ Ruolo preminente di Assessorati e CCIAA- Assenza di attività da parte di Agenzie di marketing territoriale✓ Livelli territoriali maggiormente attivi: Regionale e Provinciale- Netta spaccatura tra attori istituzionali e operatori privati
  17. 17. AREE D’AZIONE E IMPATTO✓ Tessuto produttivo locale e Turismo le tematiche maggiormente presidiate
  18. 18. AREE D’AZIONE E IMPATTO✓ Tessuto produttivo locale e Turismo le tematiche maggiormente presidiate- Sottovalutazione della tematica di Investimenti produttivi dall’esterno
  19. 19. AREE D’AZIONE E IMPATTO✓ Tessuto produttivo locale e Turismo le tematiche maggiormente presidiate- Sottovalutazione della tematica di Investimenti produttivi dall’esterno- Minore valutazione dell’impatto delle attività da parte degli operatori privati
  20. 20. AREE D’AZIONE E IMPATTO✓ Tessuto produttivo locale e Turismo le tematiche maggiormente presidiate- Sottovalutazione della tematica di Investimenti produttivi dall’esterno- Minore valutazione dell’impatto delle attività da parte degli operatori privati- Non considerazione dei Cittadini come beneficiari delle attività intraprese
  21. 21. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE✓ Utilizzo molto diffuso della comunicazione
  22. 22. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE✓ Utilizzo molto diffuso della comunicazione ✓ Comparto turistico ✓ Produzioni tipiche- Qualità sociale e ambientale - Qualità del capitale umano
  23. 23. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE✓ Utilizzo molto diffuso della comunicazione ✓ Comparto turistico ✓ Produzioni tipiche- Qualità sociale e ambientale - Qualità del capitale umano✓ Grandi investimenti in Pubblicità e Grandi eventi
  24. 24. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE✓ Utilizzo molto diffuso della comunicazione ✓ Comparto turistico ✓ Produzioni tipiche- Qualità sociale e ambientale - Qualità del capitale umano✓ Grandi investimenti in Pubblicità e Grandi eventi- Scarso impiego di forme di comunicazione “minori”
  25. 25. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE- Mancanza di collaborazione stabile
  26. 26. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE- Mancanza di collaborazione stabile- Percezione qualitativamente inferiore da parte degli operatori privati
  27. 27. COMUNICAZIONE, COLLABORAZIONE E MISURAZIONE- Mancanza di collaborazione stabile- Percezione qualitativamente inferiore da parte degli operatori privati Complessità dei fenomeni- Assenza di misurazione dei risultati Approccio culturale
  28. 28. PROSPETTIVE FUTURE- Auspicio di Maggiore coesione e integrazione tra gli attori coinvolti
  29. 29. PROSPETTIVE FUTURE- Auspicio di Maggiore coesione e integrazione tra gli attori coinvolti✓ Tessuto produttivo locale ✓ Infrastrutture
  30. 30. PROSPETTIVE FUTURE- Auspicio di Maggiore coesione e integrazione tra gli attori coinvolti ✓ Tessuto produttivo locale ✓ Infrastrutture✓ Prospettive ottimistiche circa gli investimenti futuri
  31. 31. PROSPETTIVE FUTURE- Auspicio di Maggiore coesione e integrazione tra gli attori coinvolti ✓ Tessuto produttivo locale ✓ Infrastrutture✓ Prospettive ottimistiche circa gli investimenti futuri- Voglia di cambiamento
  32. 32. BAGNOLIFUTURA S.P.A.• Società di Trasformazione Urbana, nata nel 2002: - 90% Comune di Napoli - 7,5% Regione Campania - 2,5% Provincia di Napoli• Mission: “acquisizione e bonifica dell’area ex Italsider di Bagnoli, nonché progettazione e realizzazione di interventi di trasformazione”
  33. 33. BAGNOLIFUTURA S.P.A.• Società di Trasformazione Urbana, nata nel 2002: - 90% Comune di Napoli - 7,5% Regione Campania - 2,5% Provincia di Napoli• Mission: “acquisizione e bonifica dell’area ex Italsider di Bagnoli, nonché progettazione e realizzazione di interventi di trasformazione” Innovazione Turismo• Progetto Bagnoli: Ambiente Tempo libero
  34. 34. BAGNOLIFUTURA S.P.A. 8 Grandi Opere1. Porto Canale2. Porta del Parco3. Parco dello Sport4. Acquario Tematico5. Parco Urbano6. Napoli Studios7. PoloTecnologico Ambiente8. Infrastrutture
  35. 35. PROGETTO BAGNOLI Bonifica Trasformazione• 4 Fasi: Gestione delle opere Vendita dei suoli ai privati
  36. 36. PROGETTO BAGNOLI Bonifica Trasformazione• 4 Fasi: Gestione delle opere Vendita dei suoli ai privati• Sostenibilità economica: Costo Zero per gli azionisti
  37. 37. EFFETTI SUL TERRITORIO✓ Più di una semplice trasformazione di un’area brownfield
  38. 38. EFFETTI SUL TERRITORIO✓ Più di una semplice trasformazione di un’area brownfield Equilibrio Ambientale✓ Sostenibilità a 360°: Crescita Economica Coesione Sociale
  39. 39. CONCLUSIONIObiettivo raggiunto
  40. 40. CONCLUSIONI Obiettivo raggiunto! Attività di marketing territoriale quasi gemellari
  41. 41. CONCLUSIONI Obiettivo raggiunto! Attività di marketing territoriale quasi gemellari- Situazione negativa
  42. 42. CONCLUSIONI Obiettivo raggiunto! Attività di marketing territoriale quasi gemellari Mancanza di conoscenze e competenze specifiche
  43. 43. CONCLUSIONI✓ Ottima performance della “Bagnolifutura S.p.A.”
  44. 44. CONCLUSIONI✓ Ottima performance della “Bagnolifutura S.p.A.” Affrontare ogni progetto come farebbe un privato
  45. 45. Grazie per la cortese attenzione “Be prepared. Luck is where preparation meets opportunity!”

×