Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Bove R. Sciagura Nel Vermont ASMaD 2010

1,501 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Bove R. Sciagura Nel Vermont ASMaD 2010

  1. 1. DISTURBI EMOTIVO COMPORTAMENTALI ACQUISITI <ul><li>Ambulatorio dei Disturbi Emotivo-Comportamentali Acquisiti </li></ul><ul><li>Dr. Raffaele Bove- Neurologo U.O.C. di Neurologia S. Eugenio </li></ul><ul><li>Dott.ssa Maria Carla Massimetti- Specialista in Neuropsicologia </li></ul><ul><li>Dott.ssa Valentina Pavino- Psicologa </li></ul><ul><li>Aggiornamenti in Neurologia, 03 Novembre 2009 </li></ul>
  2. 2. SCIAGURA NEL VERMONT <ul><li>Fine Estate 1848,New England,incidente a Phineas P.Gage,caposquadra efficiente di 25 anni.Una barra metallica penetra nel suo cranio dal basso verso l’alto provocando una lesione nella parte ventromediana di entrambi i lobi prefrontali. </li></ul>
  3. 4. Esame Neurologico <ul><li>Linguaggio e motilità in ordine ma cambia il suo comportamento in famiglia e sul lavoro,non è piu’ in grado di prendere decisioni vantaggiose e di pianificare la sua vita,perderà il lavoro e andrà in rovina. </li></ul>
  4. 5. LOBO FRONTALE <ul><li>I lobi frontali dirigono il nostro comportamento e sono formati da varie regioni ognuna con una propria specializzazione.La regione orbitoventromediana è al centro della rete neurale che è alla base del concetto di MARCATORE SOMATICO di A.Damasio. </li></ul>
  5. 8. MARCATORE SOMATICO <ul><li>Disfunzione del marcatore somatico nei pz “frontali”, pazienti nei quali una patologia colpisce i lobi prefrontali (trauma,tumore,FTD). </li></ul><ul><li>Il pz frontale “ sa”ma non “sente ”,in genere i test neuropsicologici nel set ambulatoriale sono negativi ma nella situazione sociale il loro comportamento non è congruo. </li></ul>
  6. 11. TEST DI COGNIZIONE SOCIALE <ul><li>Consentono di valutare aspetti relativi al comportamento sociale che dipendono dai lobi frontali e che non vengono evidenziati dai test neuropsicologici abituali. </li></ul>
  7. 25. BEHAVIOURAL NEUROLOGY <ul><li>Negli USA designa la “Neurologia del Comportamento” che si occupa dei disturbi del comportamento successivi a patologie neurologiche che colpiscono l’encefalo in varie regioni. </li></ul>
  8. 27. SISTEMA NERVOSO CENTRALE E RELAZIONE <ul><li>Il SNC è l’organo della “relazione”,quindi ogni patologia del SNC è per definizione una patologia della nostra relazione con il mondo che si esprime con un disturbo del comportamento. </li></ul>
  9. 28. IL NEUROLOGO <ul><li>Tradizionalmente il Neurologo codifica la diagnosi e quando è possibile la terapia farmacologica e non si occupa del disturbo del comportamento.Lo Psichiatra “rimanda”al Neurologo quando c’è una patologia neurologica.C’è un vuoto assistenziale nei confronti di questi pazienti. </li></ul>
  10. 29. MODELLO BIOPSICOSOCIALE <ul><li>Il presupposto teorico con cui lavoriamo è il modello bio-psico-sociale e cioè un approccio integrato che tiene conto delle tre componenti contemporaneamente e che supera la divisione fra mente e corpo di matrice Platonica e Cartesiana sulla quale si è sviluppata tutta la medicina occidentale. </li></ul>
  11. 31. MALATTIE ORGANICHE E FUNZIONALI <ul><li>Si assiste pertanto ad un superamento della classica distinzione fra malattie di origine organica e quelle di origine funzionale,distinzione scomparsa nell’ultima edizione del DSMIV. </li></ul>
  12. 32. NEURONI SPECCHIO <ul><li>La scoperta dei neuroni specchio ha sancito scientificamente la capacità dell’ambiente di modificare la struttura del cervello.Quindi l’intervento terapeutico sarà sempre su due fronti,uno farmacologico e l’altro sull’ambiente,entrambi diretti a modificare la struttura cerebrale in base alla sua plasticità. </li></ul>
  13. 36. LAVORO DI EQUIPE <ul><li>Il pz viene seguito contemporaneamente dal Neuropsicologo che delinea un profilo neuropsicologico mettendo a fuoco le funzioni deficitarie e non, dal Neurologo che inscrive il disturbo in una sindrome nota e dallo Psicologo che interviene sull’ambiente e sulle relazioni del pz in vista di un intervento terapeutico integrato. </li></ul>
  14. 37. NEUROPSICOLOGIA STUDIA I DEFICIT COGNITIVI ED EMOTIVO-MOTIVAZIONALI SECONDARI AD UN DANNO NEUROLOGICO ESPLORA LA STRUTTURA FUNZIONALE DELLA MENTE ED I SUOI CORRELATI NEURALI SCOPO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO Maria Carla Massimetti : 03 Novembre 2009
  15. 38. <ul><li>ARCHITETTURA </li></ul><ul><li>DELLE FUNZIONI </li></ul><ul><li>NEUROPSICOLOGICHE </li></ul><ul><li>DI CONTROLLO E STRUMENTALI </li></ul>UMORE MOTIVAZIONE ATTENZIONE LINGUAGGIO FUNZIONI ESECUTIVE MEMORIA ABILITA’ SPAZIALI E PERCETTIVE Maria Carla Massimetti : 03 Novembre 2009
  16. 39. IL CERVELLO è IN RELAZIONE CON L ’AMBIENTE ( NEURONI SPECCHIO, NEUROPLASTICITA’ ) <ul><li>CAREGIVER COME TARGET LEGITTIMO DELL’INTERVENTO PER MODIFICARE POSITIVAMENTE L’ANDAMENTO DEI DISTURBI EMOTIVO-COMPORTAMENTALI DEL PAZIENTE ATTRAVERSO INTERVENTI SULLA RELAZIONE CON IL SUO CONTESTO DI VITA </li></ul>IL PAZIENTE EQUIPE MULTIDISCIPLINARE L’AMBIENTE
  17. 40. DIAGNOSI CATEGORIALE E DIMENSIONALE <ul><li>La diagnosi non è più categoriale ma dimensionale e cioè si pone il paziente al centro del processo diagnostico precisando i vari sintomi(umore depresso) che appartengono a varie dimensioni(tristezza) che codificano vari spettri(depressivo). </li></ul>
  18. 41. GRAZIE A TUTTI PER L’ATTENZIONE

×