Lorenzetti R. Screening CRC: Updates. ASMaD 2013

648 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
648
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Unnecessary secondary investigations for false positives
  • RIVEDERE PESCARA
  • This module provides background on the prevalence and risk for colorectal cancer, and reviews current early detection techniques and screening recommendations from leading professional organizations.
  • Lorenzetti R. Screening CRC: Updates. ASMaD 2013

    1. 1. Update sullo screening del cancro colorettale Roberto Lorenzetti UOC di Gastroenterologia PTP Nuovo Regina Margherita Roma
    2. 2. “Lo screening é il processo mediante il quale una malattia o una alterazione dell’organismo non diagnosticata viene identificata mediante uno o più test, che possono essere applicati rapidamente e su larga scala”. (WHO) (WHO)
    3. 3. Inizio dello sviluppo Benessere Sano Malattia curabile Fase abituale di trattamento SCREENING Età Morte
    4. 4. Tipologia di screening Incidenza Incidenza Mortalità Mortalità Inizio screening Screening basato sulla diagnosi precoce Inizio screening Screening basato sull’identificazione delle lesioni a rischio
    5. 5. Criteri per intraprendere campagne di screening  La malattia deve essere grave, ad alta prevalenza nella popolazione bersaglio e con lungo periodo di latenza  Il test di screening deve essere sensibile, specifico, semplice, economico, sicuro, accettabile ed efficace  Diagnosi e trattamento devono essere efficaci e accettabili » (WHO)
    6. 6. Requisiti essenziali di un test di screening  Accuratezza  Sensibilità   Specificità Valore predittivo positivo  Accessibilità  Accettabilità  Sicurezza  Basso costo
    7. 7. Potenziali “effetti collaterali” di un test di screening  Stress ed ansia causati da un falso positivo  Falsa rassicurazione derivante da un falso negativo  Complicanze delle procedure diagnostiche o esposizione a radiazioni ionizzanti non necessaria  Uso eccessivo di risorse sanitarie
    8. 8. E’ giustificato oggi intraprendere uno screening del cancro colorettale su larga scala?
    9. 9. CANCRO COLORETTALE NELL’UNIONE EUROPEA Incidenza Mortalità 10% DI TUTTI I DECESSI PER CANCRO Boyle P et al. Ann Oncol 2005 16:481-488 •
    10. 10. Sopravvivenza a 5 anni Cancro colorettale EARLY LATE STADIO DI DUKES
    11. 11. La ricerca di sangue occulto fecale è utile come test di screening per il CCR? Quale è oggi la metodica più affidabile?
    12. 12. 329,642 soggetti randomizzati Outcome: mortalità per CCR FU 12-17 anni -25% -13% -16% -16% RR 0.84 (0.78-0.90) Hewitson P et al.Am J Gastroenterol 2008
    13. 13. MORTALITA’ RR 0.91 (95% CI 84-98%) INCIDENZA NS Scholefield JH et al. Gut 2012
    14. 14. Emoglobina Eme Globina Guaiaco; perossidasi Immunochimico Interferenze da Carne, vitamina C, FANS. NO Interferenze. Evidenzia sanguinamenti da stomaco, tenue, colon. Evidenzia sanguinamenti da colon GFOBT FIT
    15. 15. GFOBT vs FIT Population RCT comparing GFOBT (Hemoccult) with FIT (OC-Sensor) in 20,623 individuals. GFOBT FIT Participants 4836 (47%) 6157 (60%) p<0.01 Positivity rate 2.4% 5.5% Cancers detected 11 (0.1% ITS) 24 (0.2% ITS) (0.3% PP) Advanced adenomas 46 (0.4% ITS) detected 121 (1.2% ITS) (1.9% PP) p<0.01 Van Rossum LG et al. Gastroenterology 2008;135:82-90
    16. 16. Test al guaiaco (FOBT) vs test immunologico (FIT) Cancer detection rate Advanced neoplasia detection rate Hassan C et al. APT 2012; 36:929-40
    17. 17. Riduzione del 22% dopo 11 anni Digestive & Liver Disease 2013. In press
    18. 18. (FIT)
    19. 19. PROGETTO PILOTA (2005-2007) 20% della popolazione a rischio Soggetti di 50 -74 anni (1.500.000) 8 comuni 21 centri di endoscopia 500 medici di medicina generale
    20. 20. Modello organizzativo del progetto pilota (2005-2007) Soggetto target Soggetto target Centro Gast-end MMG I livello: distribuzione e riconsegna SOF GE lettura GE Approf. diagnostico CH riferimento II livello:Colonscopia III livello: + polipept. endosc Trattamento
    21. 21. Risultati progetto pilota Popolazione campionata: 300.000 soggetti (50-74 anni) N centri attivati: 50% (10/20 campionati ) Partecipazione dei MMG: 10,8% (57/526 campionati) Estensione teorica programma: 22% (65.000/300.000) Estensione inviti corretta totale: 63% (41.000/65.000) Adesione al FOBT, totale: 25.0% MMG: 75.3% Centro: 18.3%
    22. 22. Risultati progetto pilota Tasso di positività: 7.1% (6,7% media nazionale 2007) Adesione alla colonscopia: 62,0 % (78.7% media nazionale, 2007) Tasso di identificazione carcinoma: 3,4 per 1000 (2.7 per mille, 2007) adenoma avanzato: 12.6 per 1000 Tempo di attesa per la colonscopia (stardard 90% entro 30gg) entro 30 gg da FOBT: 55,1% tra 30 e 60 gg da FOBT: 22,8% oltre 60 gg da FOBT: 22,1%
    23. 23. Estensione teorica ed effettiva (numero di inviti) Regione Lazio ADESIONE ALL’INVITO = 30% (12-66%) (standard > 45%) 27% 22% 9% 76.000 9% 77.000 166.000 230.000
    24. 24. Adesione all’invito per Regione 100 80 60 40 20 0
    25. 25. Tasso di positività (> 100 ng/ml) distinto per sesso e fascia di età TASSO MEDIO = 6% (standard ≤ 6%; media nazionale 5.5%) 7.5% 5.1%
    26. 26. Compliance alla colonscopia distinta per fascia di età e sesso ADESIONE ALLA COLONSCOPIA = 69.6% (standard ≥ 85%) 72% 66%
    27. 27. Detection Rate per carcinoma ed adenoma avanzato per età e sesso 21.7‰ DETECTION RATE CARCINOMA = 3 ‰ 5.07‰ (standard ≥ 2.5 ‰; 9.4‰ media nazionale 2.1 ‰) ADENONA AVANZATO = 14‰ (standard ≥ 10‰; 1.7‰ media nazionale 10.1‰)
    28. 28. CONCLUSIONI  La superiorità del test immunologico sul test al guaiaco per la ricerca del sangue occulto fecale è “evidence based”  La ricerca del sangue occulto fecale è un test adeguato per effettuare programmi di screening per il CCR su larga scala  Organizzare programmi di screening per la diagnosi precoce del CCR è una necessità prioritaria dei sistemi sanitari  La loro fattibilità ed efficacia in termini di riduzione della mortalità è dimostrata
    29. 29. “We now have clearer insight into the natural history of colorectal cancer and clinical skills with which to intervene and make a difference for many people. Colorectal cancer screening has come of age.” Sidney J. Winawer, MD
    30. 30. • Gr Grazie dell’attenzione

    ×