L'Italia unita, 1861-1890

13,320 views

Published on

The first three decade since Italy became a united state was an hard period of

0 Comments
10 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
13,320
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
219
Actions
Shares
0
Downloads
444
Comments
0
Likes
10
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'Italia unita, 1861-1890

  1. 1. L‟Italia unita, I 1861 - 1890
  2. 2. L‟Italia prima e dopo l‟unificazioneL‟Italia alla vigiliadell‟unificazioe
  3. 3. Dati statistici al momento dell‟unificazione abitanti: 22 milioni istruzione elementare: 5 milioni tasso di analfabetismo: 78% (90% territori ex pontifici, Mezzogiorno, Sicilia e Sardegna) Uso corrente della lingua italiana: 200.000 lingua di comunicazione: dialetti
  4. 4. Le città Città più popolose Napoli: 450.000 Milano: 200.000 Torino: 200.000 Palermo: 200.000 Popolazione urbana: 20% del totale
  5. 5. Popolazione e attività in Italia al momento dell‟unificazione Popolazione attività settore terziario 12% città 20 % settore secondario 18% campagna 80 % settore primario 70%
  6. 6. Le specializzazione agricole Nord: agricoltura cerealicola piccola proprietà agricoltura capitalistica (Pianura padana) Centro: mezzadria Sud e isole: latifondo (più alcune zone di agricoltura specializzata)
  7. 7. Agricoltura al NordL‟agricoltura era diversificata, ma poveraal Nord, esistevano aziende agricole moderne che univano agricoltura e allevamento bovino, erano condotte con criteri capitalistici e impiegavano lavoratori salariati (in Pianura Padana) grandi proprietà dedite alla cerealicoltura(diffuse) piccole proprietà a conduzione famigliare (zone collinari di Piemonte e Lombardia)
  8. 8. Agricoltura meridionale e isolanaNel Sud e isole poche aree in Sicilia, Puglia e Campania erano dedite alle colture specializzate (frutta, ortaggi,vite) prevaleva il latifondo grandi aree coltivate a cereali (grano) e popolazione concentrata in grandi borghi rurali contratti agrari arcaici e basati sullo scambio in natura rapporti tra signori e contadini fondati sulla dipendenza personale (l‟ordinamento feudale era stato abolito solo all‟inizio dell‟800)
  9. 9. La mezzadria in Italia centrale Nell‟Italia centrale prevaleva la mezzadria terra divisa in poderi piccoli o medio – piccoli colture cerealicole e arboree (olivo,vite, alberi da frutto) oneri e ricavi ripartiti tra proprietario e coltivatore: il coltivatore dà al proprietario metà del prodotto e concorre alle spese per attrezzi e bestiame, ai lavori di manutenzione e agli oneri aggiuntivi La mezzadria era un sistema che ostacolava la modernizzazione produttiva, ma garantiva una certa pace sociale
  10. 10. Condizioni dei contadini italiani I contadini italiani vivevano in maggioranza in condizioni pessime Autoconsumo e scambio in natura prevalevano Le condizioni di vita erano al livello della sussistenza Il cibo: pane (nero) e pochi legumi Erano diffuse le malattie da denutrizione, specie la pellagra L‟abitazione era costituita spesso da case piccole e malsane, oppure da capanne o grotte, soprattutto nel Mezzogiorno
  11. 11. Gli elettori in Italia Il diritto di voto era molto selettivo e creava un elettorato assai ristretto Bisognava essere maschi, avere 25 anni, sapere leggere e scrivere e si dovevano pagare almeno 40 lire di imposte all‟anno elettori rispetto alle popolazione elettori 400.000 pari al 2% popolazione 22.000.000
  12. 12. Gli uomini politici italiani Il tasso di astensione era altissimo (fino al 50%) Il sistema elettorale era uninominale: ogni circoscrizione elettorale (in genere piccola) eleggeva un solo deputato Un deputato poteva essere eletto con solo qualche centinaio o addirittura qualche decina di voti La vita politica era basata sull‟operato e l‟ascendente di singole personalità, e non su partiti, che non esistevano, o su programmi definiti I leader politici erano pochi notabili, e il governo riusciva a far eleggere i deputati che si impegnavano a sostenerlo In queste condizioni la classe dirigente era isolata rispetto alla popolazione
  13. 13. La Destra storica  Lo schieramento politico che governò l‟Italia dal 1861 al 1876 fu la cosiddetta Destra storica (dalla posizione del Parlamento che occuparono solitamente)  Era un gruppo dirigente formato da membriQuintino provenienti da famiglie di grandiSella (Piemonte) proprietari terrieri, spesso aristocratici Stefano Jacini  Essi provenivano soprattutto da Piemonte, (Lombardia) Lombardia,Toscana, mentre era minore la presenza politica dei meridionali  Politicamente la Destra storica rappresentava un centro moderato-conservatoreMarco Minghetti(Emilia – Rom.)  I veri conservatori erano tuttavia rimasti fuori dalle istituzioni: erano i clericali e i Bettino Ricasoli nostalgici dei regimi rovesciati dall‟unificazione (Toscana)
  14. 14. Le idee della Destra storica Gli uomini della Destra erano convinti di essere la parte migliore del paese Erano sicuramente onesti e rigorosi Il loro errore politico fu di considerare le sorti della loro parte politica indistinguibili da quella della nazione e delle istituzioni statali Ritenevano che esse andassero difese contro i “neri”, cioè i sostenitori della Chiesa cattolica, e i “rossi”, i repubblicani più accesi Non comprendevano il significato delle inquietudini e dei fermenti sociali, che consideravano solo minacce all‟unità d‟Italia.
  15. 15. La Sinistra storica  Lo schieramento avversario fu la Sinistra  I suoi deputati erano gli esponenti della “sinistra piemontese”e  ex mazziniani e sostenitori di Garibaldi, che avevano rinunciato al loro repubblicanesimo e deciso di inserirsi nelleAgostino Depretis(sinistra piemontese) istituzioni monarchiche  I sostenitori della Sinistra erano la piccola e media borghesia cittadina (professionisti, intellettuali, commercianti, Francesco Crispi imprenditori), artigiani e operai del (Sicilia, ex garibaldino) Nord (che non votavano)  I punti qualificanti del suo programma: suffragio universale, decentramento amministrativo e completamento dell‟Unità (Roma e il Triveneto) Benedetto Cairoli (Lombardia, ex garibaldino)
  16. 16. Il forte accentramento amministrativo La strategia della Destra storica perseguì un forte accentramento politico e amministrativo per avere un controllo strettissimo sull‟intero paese Il motivo più pressante che spinse i governanti a attuare questa strategia fu la situazione del Mezzogiorno Qui il disagio sociale dei contadini si unì al malcontento subentrato alle speranze suscitate dal processo di unificazione nazionale: il nuovo stato unitario non aveva migliorato le condizioni di vita e i rapporti sociali tra proprietari e masse rurali La pesantezza delle tasse e la leva obbligatoria imposta dal governo unitario resero il Mezzogiorno sempre più incontrollabile
  17. 17. Il brigantaggio  Un moto di rivolta esteso a tutta l‟Italia meridionale continentale durò per alcuni anni  Esso era sostenuto da una parte delIl brigante abruzzese Fasanella clero e sostenuto economicamentemesso in posa dopo la cattura anche da membri della corte borbonica, in esilio a Roma  Il moto era animato da bande di “briganti”, composte da malviventi, contadini insorti, ex soldati dell‟esercito borbonico e cospiratori anti-unitari  Il modus operandi di queste bande era l‟assalto a piccoli centri, l‟assassinio dei notabili liberali, l‟incendio degli archivi comunali e la fuga successiva tra le montagne Il brigante campano Michele Caruso, detto “colonnello”
  18. 18. La repressione del brigantaggio  I governi repressero il brigantaggio con notevole violenza  Nel 1863 circa metà dell‟esercito italiano fu impiegato per combattere il fenomeno  Nello stesso anno fu approvata una legge che imponeva il regime di guerra alle regioni dichiarateLa brigante Il brigante “in stato di brigantaggio” : tribunaliMichelina di Cesare Napolitano militari e fucilazioni immediate per chi ucciso da un avesse resistito all‟arresto bersagliere  Il brigantaggio venne debellato Cifre(1861-1863) : entro il 1865, sia grazie all‟efficacia briganti1038 fucilati; 2413 morti in dell‟azione repressiva, sia per la conflitto; 2768 arrestati; 932 stanchezza della popolazione coinvolta costituitisi.  Il bilancio finale: 5200 morti e 5000 Esercito: 307 morti, 91 feriti, 6 arrestati prigionieri,19 dispersi
  19. 19. Problemi economico - socialiI problemi economici aperti al momento dell‟unificazione erano uniformare sistemi monetari e fiscali diversi rimuovere le barriere doganali esistenti tra gli Stati preunitari costruire infrastrutture di comunicazione efficienti in modo da avvicinare i territori del paese, affinchè si formasse un mercato nazionale (fine pratico) e per dare l‟impressione ai cittadini di vivere in un un paese moderno e progredito (fine “simbolico”)
  20. 20. Una politica economica liberista I governi della destra storica operarono secondo una mentalità liberista e vedevano per l‟Italia un solo modello di sviluppo possibile. quello legato all‟agricoltura, in quanto ritenevano che dovessero essere sfruttate al massimo le potenzialità naturali del paese I settori più evoluti e strategici per uno sviluppo futuro (industria meccanica, siderurgia) non ebbero sostegni da parte governativa Inoltre i primi governi post-unitari si dovettero confrontare con problemi strutturali gravi: mercato interno ristretto e difficoltà finanziarie notevoli
  21. 21. Legislazione doganale e interscambi La legislazione doganale, liberista (bassi dazi) del Piemonte fu estesa a tutta Italia Le vie di comunicazione furono rafforzate, in particolare vennero fatti da governo e privati notevoli investimenti nel settore ferroviario per collegare le principali città del Regno da Nord a Sud L‟interscambio commerciale tra le diverse zone del paese crebbe, soprattutto giovando alle popolazioni abituate a produrre per l‟autoconsumo La produzione agricola ebbe una decisa crescita
  22. 22. Il settore industrialeIl settore industriale non ebbe effetti positivi dall‟unificazione Il settore più florido fu la produzione della seta (tradizionalmente export – oriented) La produzione laniera arretrò Settori strategici, la siderurgia e la meccanica, entrarono in crisi: erano troppo deboli per partecipare al business ferroviario (il governo dovette affidarsi a imprese straniere per costruire binari e vagoni) La scarsa industria del sud fu soffocata dalla politica libero-scambista e le lavorazioni artigianali con cui le famiglie integravano lo scarso reddito agricolo furono messe in crisi dalla penetrazione dei rapporti di mercato nelle campagne
  23. 23. Integrazione europea e tasse La politica liberista determinò l‟integrazione dell‟Italia nel sistema economico d‟Europa Lo sviluppo agricolo degli anni 1860/70 permise una modesta accumulazione di ricchezza da poter reinvestire Tali capitali furono in parte prelevati dal governo sotto forma di tasse e sostennero la costruzione delle infrastrutture,oltre che pagare le spese correnti del nuovo Stato La tassazione si mantenne relativamente equilibrata per cinque anni, 1861-1866:imposte dirette, sui redditi e sulle proprietà terriere; imposte indirette, sul sale, i tabacchi, sui generi alimentari, su ipoteche, successioni, imposte di bollo e registro La situazione fiscale si aggravò dopo la III Guerra di indipendenza, nel 1866, a causa del conflitto e di una crisi economica internazionale
  24. 24. Corso forzoso e tassa sul macinato  Lo Stato dovette reperire soldi in grande quantità e avviò alcune misure decisamente pesanti  Nel 1867 venne introdotto il corso forzoso: lo Stato non era obbligato a convertire in oro i biglietti di carta emessi dalle banche e permetteva la stampa di questi in stock maggiori  Le imposte indirette furono inasprite, in particolare fu introdotta nel 1868 dal ministro Sella l‟odiatissima tassa sul macinato: un‟imposta da pagare al mugnaio al momento del ritiro della farina, e che colpiva in pratica il pane, cibo popolare per eccellenzaIl ministro Quintino  Si ebbero,in conseguenza di essa, grandi Sella agitazioni sociali specie nella campagne padane, dove la repressione governativa calò pesantemente (i morti a livello nazionale furono 250)
  25. 25. Breccia a Porta Pia, RomaIl completamento dell‟unità (1866 – 1871)
  26. 26. Il problema di Roma Era aperto il problema dell‟unificazione non completa, in quanto esistevano territori abitati da popolazioni italiane, ma rimasti esclusi dal processo di unità nazionale Si trattava di Roma (e del Lazio) e del Triveneto La questione più problematica riguardava Roma, che lo stesso Cavour rivendicò come capitale d‟Italia poco prima di morire La Destra intendeva raggiungere l‟obiettivo – Roma per via diplomatica La Sinistra avrebbe voluto invece una guerra popolare, che sarebbe stata anche una via di iniziativa politica
  27. 27. La questione romana: la posizione di Cavour e Pio IX  La questione centrale per giungere a Roma capitale era costituita dalla presenza in essa del papa  Cavour aveva portato avanti trattative segrete per giungere a una soluzione di compromesso: lo Stato italiano avrebbe lasciato a papa e clero la libera facoltà di esercitare pienamente il loro magistero spirituale e in cambio il pontefice avrebbe dovuto rinunciare al potere temporale e riconoscere l‟Italia  Papa Pio IX però rifiutava ogni idea di compromesso
  28. 28. Il tentativo fallito dell‟Aspromonte  Garibaldi nel 1862 in Sicilia annunciò la sua volontà di attaccare lo Stato pontificio alla guida di volontari, sperando che il governo italiano non sarebbe intervenuto per bloccarlo o impedire il raduno dei volontari  Napoleone III, protettore del papa, fece però intendere a Vittorio Emanuele II che non avrebbe accettato un‟altra iniziativa come quelle del 1859-1860  Il re d‟Italia proclamò lo stato d‟assedio per l‟intero Mezzogiorno e la Sicilia  Alla fine di agosto 1862 i volontari di Garibaldi radunatisi in Calabria furono affrontati dall‟esercito regolare sull‟Aspromonte  Il confronto armato si concluse con il ritiro dei volontari, alcuni morti da entrambi le parti e il ferimento di Garibaldi, che fu deportato in una fortezza militare e poi si ritirò nell‟isola di Caprera  Il governo italiano con la “convenzione di settembre” delGaribaldi ferito 1864, si impegnò con Napoleone III a rispettare i confini dello Stato pontificio, in cambio del ritiro della guarnigione francesevisitato dal medico dal Lazio. Come garanzia del suo impegno, il governo Minghettiinglese Partridge trasferì la capitale da Torino a Firenze
  29. 29. La III Guerra di indipendenza  L‟altro fronte aperto per completare l‟unificazione era il Triveneto, considerato parte indispensabile d‟Italia per completare il territorio nazionale secondo i suoi “confini naturali” (le Alpi)  L‟occasione per annetterlo fu l‟offerta di Bismarck al governo italiano: alleanza con la Prussia nella guerra contro gli Asburgo in cambio del Veneto, 1866  La guerra contro gli Asburgo, ricordata come III Guerra di indipendenza, fu militarmente negativa: l‟esercito italiano mal guidato da ufficiali non all‟altezza perse due battaglie, una di terra a Custoza, vicino a Verona, l‟altraOssario di Custoza per mare presso l‟isola di Lissa (di fronte all‟attuale Crozia)  La pace di Vienna fu un parziale insuccesso per l‟Italia, che ebbe solo il Veneto, e non Venezia Giulia e Trentino, da allora chiamate “terre irredente”  Altre conseguenze negative: il grande dispendio finanziario e la crisi morale dell‟opinione pubblica italiana, che sentiva il nuovo Stato come indadeguato rispetto alle altre grandi nazioni europeeBattaglia di Lissa
  30. 30. La presa di Roma  L‟ultimo tentativo di riprendere Roma attraverso il volontarismo fu messo in atto da Garibaldi, organizzò l un corpo di volontari radunatosi in Toscana .  i garibaldini furono respinti a Mentana da un corpo di spedizione francese intervenuto a difesa del papa  Nel 1870, dopo la sconfitta della Francia a Sedan, il governo italiano mandò in Lazio un corpo di spedizione e cercò di aprire L‟apertura della breccia a Porta Pia una trattativa con Pio IX, che però rifiutò  il 20 settembre 1870 truppe italiane aprirono con l‟artiglieria una breccia a Porta Pia, nella cinta muraria di Roma, e dopo un breve combattimento con le truppe pontificie, entrarono a Roma.  Gli abitanti di Roma e del Lazio con un plebiscito votato a larghissima maggioranza, approvarono l‟annessione al regno d‟ItaliaLa breccia a Porta Pia in una foto dell‟epoca
  31. 31. L‟Italia nel 1870
  32. 32. La legge “delle guarentigie”  Lo Stato italiano regolò i rapporti con il papato attraverso una legge chiamata “delle guarentigie” (cioè delle garanzie), 13 settembre 1871  La legge prevedeva che lo Stato italiano garantisse al papa le condizioni per lo svolgimento libero del suo magistero spirituale  Il papa avrebbe avuto onori sovrani, la facoltà di tenere un suo corpo di guardie armate, diritto di rappresentanza diplomatica, extraterritorialità per i palazzi del Vaticano e del Laterano, libertà di comunicazione di ogni tipo con il resto del mondo  Inoltre lo Stato offrì al pontefice una dotazione annua alla corte papale pari alla cifra stabilita nel bilancio dello Stato della Chiesa, ma il papa rifiutò
  33. 33. Il non expedit  Già nel 1861 il clero cattolico aveva rivolto ai cittadini italiani un invito non ufficiale a non partecipare alla vita politica del nuovo Stato  Il papa Pio IX ampliò la frattura con lo Stato italiano nel 1874  In questa data la Curia romana pronunciò il divieto esplicito di partecipare alle elezioni politiche per i cattolici  Tale invito fu pronunciato con la formula «non expedit»,cioè “non giova”, “non è opportuno”
  34. 34. Dalla Destra alla Sinistra
  35. 35. Il governo della Sinistra  La Destra entrò in crisi nella prima metà degli anni ‟70 A a causa delle divisioni interne tra gruppi regionali  La sua caduta avvenne nel 1876, quando durante una votazione sul progetto di legge relativo alla gestione statale delle ferrovie il governo Minghetti fu battuto e si dimise  Vittorio Emanuele II affidò l‟incarico di Presidente del Consiglio a Agostino Depretis, leader della Sinistra  La Sinistra aveva moderato le sueAgostino Depretis posizioni politiche, in parte come conseguenza del timore suscitato in Italia dalla Comune di Parigi  In parte per l‟allargamento dello schieramento di Depretis alla “sinistra giovane”, deputati moderati che non avevano interesse ai valori risorgimentali, ma invece intendevano difendere i propri interessi territoriali o personali
  36. 36. Riforma elettorale Altra riforma del governo Depretis fu quella del suffragio I nuovi requisiti per votare erano: avere compiuto 21 anni avere completato l‟obbligo scolastico (o sapere leggere e scrivere) il censo era alternativo all‟istruzione, ma era abbassato a 20 lire di reddito annuo Elettori (dal 1882) 2.000.000 popolazione 28.500.000 votanti
  37. 37. Mutamenti del corpo elettorale  Il corpo elettorale aveva una composizione più ampia e variegata rispetto a quanto accadeva in precedenza  Acquisirono diritto di voto sia una parte della piccola borghesia urbana, sia una frazione non trascurabile di operai e artigiani del Nord  Fatto notevole fu che nelle prime elezioni a suffragio allargato venneAndrea Costa, eletto il primo deputatoprimo deputatosocialista del Parlamento dichiaratamente socialista, l‟exitaliano anarchico Andrea Costa
  38. 38. Legge Coppino sulla scuola  Depretis guidò la politica italiana per più di dieci anni, tra 1878 e 1887 (tranne quando guidò il governo Benedetto Cairoli, tra 1878 e 1871)  Il programma della Sinistra non mantenuto del tutto: rinunciò al decentramento amministrativo  Riformò l‟istruzione elementare, 1901 almeno sulla carta, portando l‟obbligo 1881 scolastico a nove anni con la legge Coppino (secondo la precedente legge 1871 Casati, del 1859, era di otto anni): 1877  Sia la povertà di molti italiani, siaanalfabet 50% l‟incapacità dei comuni di far rispettare 63% l‟obbligo, resero la legge poco efficace per ismo 70% contrastare in tempi brevi il problema 0% 50% 100% dell‟analfabetismo, che scese al 50% solo all‟inizio del „900
  39. 39. La pratica del trasformismo  Depretis temeva che l‟allargamento del suffragio rafforzasse l‟estrema sinistra  Decise quindi di cercare una convergenza politica con uomini della Destra, guidati da Minghetti, stringendo con essi un‟alleanza elettoraleMarco Minghetti  Questa convergenza elettorale trasformò laprotagonista del politica italiana: da un bipartitismo all‟inglesetrasformismo (destra/sinistra, conservatori/progressisti) si passò a un nuovo equilibrio politico dominato da un grande centro, che spinse ai margini della lotta politica gli schieramenti estremi (conservatori e estrema sinistra, definita “radicale”)  La maggioranza non era basata su precise distinzioni programmatiche, ma veniva costruita attraverso compromessi e patteggiamentiFelice Cavallotti,leader dei radicali  Questa pratica politica fu definita spregiativamente dai contemporanei “trasformismo”
  40. 40. I miglioramenti relativi dell‟agricoltura L‟inchiesta Jacini  L‟agricoltura italiana era migliorata nel ventennio 1860-1880 per le quantità prodotte, mentre sia i rapporti di lavoro, sia le tecniche impiegate erano rimasti invariati  Gli unici progressi qualitativi riguardarono le zone agricole e i settori produttivi più moderni: Pianura padana e coltivazioni specializzate nel Sud Italia  Una famosa inchiesta condotta dal Parlamento italiano e guidata dal senatore della Destra Stefano Jacini mise in luce la situazione miseranda di buona parte dei contadini della penisola: analfabeti, sottopagati, malnutriti  L‟inchiesta, lunga e difficile (1877-1882) chiese ai proprietari e al governo stesso di introdurre riforme: attuare bonifiche, migliorare i sistemi di irrigazione, avvicendare le colture con maggiore raziocinio, e variarle
  41. 41. La crisi agraria degli anni „80 La crisi agraria cominciò all‟inizio degli anni „80, quando i prodotti agricoli statunitensi, giunti sulle navi a vapore in Europa grazie ai progressi della navigazione, determinarono uno shock sui mercati europei per i loro prezzi bassi La concorrenza statunitense costrinse i produttori italiani a abbattere i prezzi, soprattutto dei cereali e in seguito a diminuire la produzione (25% in dieci anni) La conseguenza della crisi furono forti tensioni sociali nelle campagne e una forte emigrazione dalle campagne verso le città e soprattutto verso l‟estero
  42. 42. Un cambiamento di politica economica La tariffa protezionistica del 1887 L‟effetto positivo della crisi fu che essa costrinse gli uomini politici italiani a cambiare le loro idee sull‟economia, che non poteva imperniarsi solo sull‟agricoltura Gli esponenti della Sinistra decisero di attuare una politica meno liberista e più attenta a tutelare la produzione industriale italiana attraverso appositi dazi Nel 1887 fu introdotta dall‟ultimo governo Depretis una tariffa generale che proteggeva dalla concorrenza straniera i prodotti di alcuni settori industriali e agricoli: siderurgia, lana, cotone e zucchero (industria) e cereali (agricoltura) Tale tariffa nacque da una esplicita convergenza di interessi tra gli imprenditori industriali del Nord, titolari di industrie protette, e i grandi proprietari terrieri di Nord e Sud
  43. 43. Gli effetti negativi della tariffa del 1887Effetti negativi della nuova tariffa dell‟ 87 Non veniva protetta l‟industria meccanica Non veniva sostenuta l‟industria della seta (export oriented) il dazio sul grano fece crescere i prezzi dei cereali: questo andava a vantaggio dei produttori (maggiori ricavi),ma danneggiava i consumatori Le colture specializzate del Sud entrarono in crisi,perché ad esse si chiusero molti sbocchi di mercato all‟estero, specie in Francia (con la quale l‟Italia cominciò una dura e lunga guerra doganale)
  44. 44. Debolezza e isolamento dell‟Italia L‟Italia aveva una posizione internazionale debole, e era sostanzialmente isolata rispetto alle grandi potenze europee: Gran Bretagna, Germania, Francia, Impero Asburgo Durante il congresso diplomatico di Berlino del 1878, voluto da Bismarck per sistemare gli equilibri europei in modo da rendere inoffensiva la Francia, l‟Italia non ottenne nulla, mentre l‟Impero Asburgo ebbe la possibilità di espandersi nei Balcani senza cedere nè Trentino, né Venezia Giulia Nel 1881, la Francia aveva conquistato militarmente la Tunisia, che l‟Italia sperava diventasse la sua prima colonia, in quanto in essa era presente una nutrita comunità italiana (soprattutto siciliana)
  45. 45. Il congresso di Berlino, 1878
  46. 46. La Triplice Alleanza: un accordo difensivo (1882)  L‟isolamento spinse la diplomazia italiana a firmare con Impero Asburgo e Germania la Triplice Alleanza nel maggio 1882  Era un‟alleanza difensiva in cui gli Stati coinvolti avrebbero dovuto garantirsi aiuto reciproco se fossero state attaccati da altri Stati  L‟Italia diventava in questo modo parte del sistema di Bismarck, in cui non otteneva alcun vantaggio plausibile: essa era garantita solo contro un (improbabile) attacco francese, e doveva rinunciare a qualsiasi pretesa sullaFazzoletto che celebra laTriplice Alleanza: Venezia Giulia e il TrentinoUmberto I (sn), stringe la mano  L‟alleanza era stata caldeggiata dal nuovoa Francesco Giuseppe (centro),che tiene stretta la mano di re Umberto I e dagli ambienti militari perGuglielmo I (dx) dare stabilità alle istituzioni dello Stato che avrebbero tratto giovamento dal sostegno delle nazioni conservatrici d‟Europa
  47. 47. Gli Stati che firmarono la Triplice alleanza (1882)
  48. 48. Il rinnovo della “Triplice”  Rimase aperto il problema delle terre “irredente”, che fece nascere associazioni “irredentistiche” di matrice radicale e repubblicana  Nel 1887, l‟Italia rinnovò la Triplice ottenendo due nuove clausole migliorative  1. Modifiche territoriali nei BalcaniCartolina commemorativa sarebbero state concordate tra Austria edi Guglielmo Oberdan, Italia e eventuali vantaggi per uno Statoirredentista triestino avrebbero fatto scattare “compensi” perche cercò di attentare alla vitadell‟imperatore Francesco l‟altroGiuseppe e per questo fucondannato a morte dal  2. La Germania avrebbe aiutatogoverno austriaco militarmente l‟Italia in caso di guerra provocata da un attacco della Francia contro i territori di Marocco e Tripolitania
  49. 49. La penetrazione in Eritrea (1882-1885) Il governo di Depretis diede inizio a una penetrazione in Africa Orientale, in una zona scelta per la presunta facilità della sua conquista Nel 1882 l‟Italia aveva acquistato una baia sul Mar Rosso, Assab (da una compagnia di navigazione italiana, la Rubattino) e nel 1885 era stato mandato qui un corpo di spedizione, che occupò un‟area tra Assab e la città di Massaua, mettendo sotto controllo il porto della città, nella regione dell‟Eritrea, al confine con l‟impero Etiopico In questa zona però non esistevano interessi economici o strategici che motivassero un intervento L‟impero d‟Etiopia (detta Abissinia) era un vasto dominio territoriale guidato dal negus(imperatore) Giovanni IV e controllato da signorotti locali (ras): povero, di prevalente religione cristiana copta, viveva di pastorizia
  50. 50. La zona di stanziamento italiano in Eritrea 1885 1882
  51. 51. Eccidio di Dogali  Gli italiani cercarono di entrare militarmente dalle coste nell‟interno, di fatto sconfinando nel territorio dell‟impero etiopico con l‟uso della forza  Il negus e soprattutto i ras si opposero militarmente a quella che si configurava come un‟invasione  All‟inizio del 1887, a Dogali, una colonna di soldati italiani subì un‟imboscata e venne sterminata dai soldati etiopi di ras Allula  L‟episodio determinò durissime reazioni in Italia, sia da parte dell‟estrema sinistra, contraria alle iniziative coloniali, che scese inLa colonna di 540 soldati italiani e 50eritrei fu sorpresa da 5000 soldati piazza per protestareetiopici mentre portava aiuto a unpresidio militare italiano.  Sia da parte della Camera, che decise unoMorirono in 433, gli altri rimasero stanziamento straordinario per sostenere lagravemente feriti presenza militare italiana nella zona
  52. 52. Il governo di Francesco Crispi  Francesco Crispi, ministro dell‟interno, succedette a Depretis quando questi scomparve nell‟estate del 1887  Crispi sembrava mettere d‟accordo tutti: era ben visto a sinistra in quanto ex mazziniano e garibaldino  Era guardato con fiducia dai conservatori, perché promise un governo autorevole, se non autoritario, e deciso, sul modello di Bismarck  Era sorretto da una maggioranza assai ampia e occupò tutti i ruoli chiave del governo: Presidenza del consiglio, ministero dell‟Interno, ministero degli Esteri  Il suo governo equilibrò autoritarismo, razionalizzazione dell‟apparato statale e aperture sociali
  53. 53. Tra progressismo e conservatorismoSignificativo il caso di leggi come 1. la legge che allargò il suffragio delle elezioni amministrative (tutti i maschi maggiorenni che sapessero leggere e scrivere o pagassero 5 lire di tasse) e rese elettivi (e non scelti dal governo) i sindaci delle città superiori a 10.000 abitanti Il codice penale Zanardelli, che abolì la pena di morte e riconobbe (anche se non nella lettera delle leggi) il diritto di scioperoequilibrato da la nuova legge di Pubblica Sicurezza, che limitava le libertà sindacali e permetteva alla polizia, senza autorizzazione della magistratura, di inviare al domicilio coatto preventivo gli elementi “pericolosi” Tale legge servì a Crispi come strumento repressivo contro il movimento operaio, le organizzazioni cattoliche e gli ambienti repubblicani irredentisti
  54. 54. Fine del governo Crispi  Crispi impostò e attuò una politica estera aggressiva, con l‟obiettivo di affermare il ruolo dell‟Italia come grande potenza internazionale  Per ottenere questo risultato volle rafforzare i legami tra Italia e Germania, nell‟ambito della Triplice Alleanza  Inoltre,sulla base di questo legame con la Germania, volle continuare e consolidare l‟iniziativa coloniale nella zona del Corno d‟Africa Antonio di Rudinì  Fece mandare a Massaua un corpo di spedizione più poderoso, riorganizzò con il nome di Colonia Eritrea i territori controllati dagli italiani e progettò una ulteriore espansione verso la Somalia  La politica coloniale era però malvista in Italia a causa dei suoi costi economici, e la crescente avversione nei confronti della sua azione lo costrinse alle dimissioni dopo un voto di sfiducia  Gli succedettero prima il marchese di Rudinì, quindi Giovanni GiolittiGiovanni Giolitti
  55. 55. Giolitti: idee fiscali e sociali Giolitti, nato nel 1842, fu il primo Presidente del Consiglio a non essere stato coinvolto nel Risorgimento Era stato un alto funzionario statale e come politico si era distinto per le critiche alla gestione economica della Sinistra Le sue idee fiscali erano “progressiste” per l‟epoca: riteneva che il carico fiscale andasse ripartito in modo più equo così da pesare meno sulle classi sociali meno abbienti, mentre le aliquote “progressive” avrebbero dovuto essere più alte per i redditi maggiori Rivestendo anche la carica di ministro degli Interni preferì una strategia di contenimento del movimento operaio e delle organizzazioni popolari, anziché un‟azione indiscriminatamente repressiva
  56. 56. I fasci siciliani, 1892 -1893  Durante il suo primo governo si verificò un episodio di grande peso, i cosiddetti Fasci Siciliani, 1892-1893  Si trattò di un ampio movimento di protesta sociale scoppiato in Sicilia  I suoi obiettivi erano: la diminuzione delle tasse, la denuncia del malgoverno locale  Le sue richieste: terre per i contadini e patti agrari meno favorevoli ai grandi latifondisti  Il movimento era guidato da uomini di tendenza socialista e durante le sue manifestazioni si verificarono episodi anche molto violente  Nonostante la pressione degli ambienti conservatori sia del Parlamento, sia della corte umbertina, Giolitti decise di controllare il movimento senza adottare leggi eccezionali, ma solo attraverso l‟intervento della forza pubblica
  57. 57. Lo scandalo della Banca Romana, 1893  Il governo di Giolitti fu però indebolito dall‟episodio dei Fasci, tanto che non sopravvisse ad uno scandalo che lo travolse  Tale scandalo era legato alla Banca Romana, un grande istituto di credito che dopo essersi arricchito durante gli anni della speculazione edilizia nella Roma post-unitaria, aveva subito le conseguenze della crisi economicaLa Banca Romana fu ancheistituto di emissione  I debitori della Banca erano soprattutto costruttori, che, con il fallimento delle proprie imprese edilizie, non potevano onorare i loro impegni  La Banca tenne nascoste le sue vere condizioni di difficoltà attraverso operazioni contabili e finanziarie illegali, coperte dai governi dell‟epoca, soprattutto quando ministro delUn‟immagine del processo Tesoro, responsabile di vigilare sulle irregolarità, nelad alcuni responsabili governo Crispi era proprio Giolittidello scandalo della  Lo scandalo scoppiato nel 1893 costrinseBanca Romana Giolitti alle dimissioni da Presidente del Consiglio
  58. 58. Il ritorno al governo di Crispi Una commissione d‟inchiesta parlamentare scoprì che in realtà esistevano legami stretti e molto pericolosi che univano da anni molti politici e giornalisti italiani alla Banca Essa finanziava questi politici e giornalisti per averne adeguata copertura, e i governi sia di Crispi, sia di Giolitti avevano ricevuto anticipazioni di denaro che veniva utilizzato per comprare la stampa e influenzare così l‟opinione pubblica durante le campagne elettorali Paradossalmente, successore di Giolitti alla Presidenza del Consiglio fu Crispi, che era implicato nello scandalo allo stesso modo del politico piemontese Tale scelta fu dovuta alle pressioni su Umberto I fatte dai gruppi conservatori e da Crispi stesso, che volevano eliminare dalla scena politica un uomo ritenuto debole come Giolitti
  59. 59. Bibliografia G. Sabbatucci – V.Vidotto, Storia contemporanea. “L‟Ottocento”, Roma – Bari, Laterza, 2002 G.Candeloro, Storia dell’Italia moderna, vol.VI, “Lo sviluppo del capitalismo e del movimento operaio”, Milano, Feltrinelli, 1970

×