Successfully reported this slideshow.

Direct Email Marketing: SPAM > HAM

917 views

Published on

COMUNICAZIONE AZIENDALE WEB 2.0 E NUOVI MEDIA PER PMI | Direct Email Marketing: SPAM > HAM

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Direct Email Marketing: SPAM > HAM

  1. 1. COMUNICAZIONE AZIENDALE WEB 2.0 E NUOVI MEDIA PER PMI DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM TREND E SOLUZIONI sabato 15 maggio 2010
  2. 2. RESPONSABILITA’: E’ NECESSARIO CONSIDERARE IL QUADRO GIURIDICO DI INFORMATIVA E CONSENSO PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  3. 3. SPAM E’ L’INVIO MASSIVO DI MESSAGGI EMAIL AD UTENTI CHE NON L’HANNO RICHIESTO ESPLICITAMENTE. PROPONIAMO PER QUESTO UN APPROCCIO HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  4. 4. sabato 15 maggio 2010
  5. 5. AZIONI DELL’UTENTE ONLINE: 1 - IDENTIFICAZIONE DEL BRAND 2 - ACCONDISCENDENZA DEL BRAND 3 - CONSIDERAZIONI 4 - RACCOLTA D’INFORMAZIONI 5 - COSTRUZIONE DI UNA RELAZIONE 6 - ACQUISTO PRODOTTO/SERVIZIO HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) > DIFFONDE L’IMMAGINE DEL BRAND > CREA RAPPORTI > GENERA RITORNO DI VENDITE > GENERA NUOVI CONTATTI PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  6. 6. OBIETTIVI DI UNA CAMPAGNA HAM: EMAIL MARKETING UTILE AGLI UTENTI CONTENUTI UNICI PROMOZIONE DEL AFFILIAZIONE CON E UTILI PER L’UTENTE BRAND AZIENDALE L’UTENTE PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  7. 7. HAM: HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES EMAIL MARKETING UTILE AGLI UTENTI ATTIVITA’ DI LINK INDIRETTI PASSAPAROLA SUI EMAIL MARKETING AI CONTENUTI SOCIAL NETWORK CREARE UNA PIATTAFORMA ONLINE PER DISTRIBUIRE CONTENUTI CREARE CONTENUTI UNICI DEDICATI AL SETTORE E AL TARGET DI RIFERIMENTO PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  8. 8. Il contesto tecnografico sociale per il settore, evidenzia una possibilità unica di generare valore partendo da contenuti di nicchia e creare un sempre più crescente brand awareness globale per l’azienda e i prodotti/servizi? ATTIVITA’ DI LINK INDIRETTI PASSAPAROLA SUI EMAIL MARKETING AI CONTENUTI SOCIAL NETWORK CREARE UNA PIATTAFORMA ONLINE PER DISTRIBUIRE CONTENUTI CREARE CONTENUTI UNICI DEDICATI AL SETTORE E AL TARGET DI RIFERIMENTO PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  9. 9. In questo ambiente di sviluppo un piano di Direct Email Marketing trova il suo spazio per una promozione di contenuti utili all’utente che sarà attirato verso la nuova piattaforma web 2.0 di riferimento promossa dall’azienda la quale deve puntare a massimizzare l’affiliazione e la relazione con l’utente. Fondamentale però resta il fattore alta qualità del prodotto commercializzato e l’immagine aziendale finora perseguita che deve restituire valori di: PRESENZA - APERTURA - TRASPARENZA - AFFIDABILITA’ PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  10. 10. L’IMPORTANZA DEL BRAND AWARENESS: PRESENZA - APERTURA - TRASPARENZA - AFFIDABILITA’ PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  11. 11. Essendo uno degli obiettivi del Direct Email Marketing di acquisire nuovi e potenziali clienti puntando a creare insieme una relazione e a co-operare nell’ambiente online, è necessaria una prima analisi degli strumenti e tecnologie di comunicazione online utilizzate dall’azienda prima del lancio di una qualsiasi campagna. Questa analisi ha l’obiettivo di “allineare” l’azienda ai suoi competitor (in riferimento al mercato a cui punta) rendendosi maggiormente competitivi e appetibili al contatto del potenziale cliente finale. PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  12. 12. UNA CAMPAGNA DI DIRECT EMAIL MARKETING COINVOLGE: L’IMMAGINE DEL PRODOTTO E DEL SERVIZIO PROPOSTO IL BRAND IDENTITY (ONLINE) DELL’AZIENDA IL BUZZ E I RUMORS (ONLINE) DEL BRAND AZIENDALE E DEI SUOI PRODOTTI/SERVIZI PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  13. 13. E’ NECESSARIO DARE AL POTENZIALE UTENTE FINALE CHE RICEVE L’EMAIL HAM TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE PER: 1 - TUTELARE LA PROPRIA PRIVACY (CANCELLAZIONE IMMEDIATA DAL DATABASE). 2 - FORNIRE UNA COMUNICAZIONE CHIARA, MISURATA E TRASPARENTE DEL PRODOTTO/SERVIZIO PUBBLICIZZATO DALL’AZIENDA. 3 - FORNIRE TUTTI I DATI NECESSARI PER FACILITARE IL CONTATTO E LA CONVERSAZIONE CON L’AZIENDA. PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  14. 14. L’AZIENDA PRIMA DI DARE IL VIA A QUALSIASI CAMPAGNA DEM PER MASSIMIZZARNE IL ROI (RITORNO D’INVESTIMENTO) DEVE CURARE NECESSARIAMENTE E DIRETTAMENTE QUESTI SUOI ASPETTI: L’IMMAGINE DEL PRODOTTO E DEL SERVIZIO PROPOSTO IL BRAND IDENTITY (ONLINE) DELL’AZIENDA VERSO UN CONCETTO E UN’AZIONE DI ... PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010
  15. 15. TRASPARENZA RADICALE PMI - DIRECT EMAIL MARKETING: SPAM > HAM (HELPFUL ACTIONABLE MESSAGES) sabato 15 maggio 2010

×