Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Aferesi Multicomponent

3,562 views

Published on

a cura del Dott.Giorgio Giannotti, primario del S.I.M.T. AUSL3 Catania P.O. SS.Salvatore di Paternò

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

Aferesi Multicomponent

  1. 1. AFERESI MULTICOMPONENT Paternò 22 Novembre 2008 DR. GIORGIO GIANNOTTI S.I.M.T. A.U.S.L. 3 CATANIA – P.O. PATERNO’
  2. 2. <ul><li>Tradizionali </li></ul><ul><ul><li>Donazione di sangue intero </li></ul></ul><ul><ul><li>Piastrinoaferesi e plasmaferesi produttive </li></ul></ul><ul><li>Nuove tecniche di raccolta automatizzata </li></ul><ul><ul><li>Donazione Multicomponent </li></ul></ul>Tecniche di raccolta sangue ed emocomponenti
  3. 3. <ul><li>Tutela del donatore </li></ul><ul><li>Sicurezza delle procedure di prelievo </li></ul><ul><li>Salvaguardia del paziente </li></ul><ul><li>Sicurezza del sangue e degli emocomponenti </li></ul><ul><li>Raggiungimento dell’autosufficienza </li></ul><ul><li>Produzione di emocomponenti di alta qualità </li></ul><ul><li>Standardizzazione delle procedure </li></ul>Obiettivi S.I.M.T.
  4. 4. <ul><li>RAGGIUNGIMENTO AUTOSUFFICIENZA: </li></ul><ul><li>Razionalizzazione impiego emocomponenti </li></ul><ul><ul><li>Correttezza delle indicazioni </li></ul></ul><ul><ul><li>Congruità delle richieste </li></ul></ul><ul><li>Riduzione fabbisogno trasfusionale </li></ul><ul><ul><li>Pratiche autodonazionali </li></ul></ul><ul><ul><li>Riduzione sanguinamento perioperatorio </li></ul></ul>Obiettivi S.I.M.T.
  5. 5. <ul><li>RAGGIUNGIMENTO AUTOSUFFICIENZA: </li></ul><ul><li>Incremento della produttività </li></ul><ul><ul><li>Aumento dei donatori </li></ul></ul><ul><ul><li>Attivazione programmi di raccolta multicomponent (MCC) </li></ul></ul>Obiettivi S.I.M.T.
  6. 6. <ul><li>Anni ’70: Aferesi produttiva </li></ul><ul><li>Riduzione carichi di lavoro </li></ul><ul><li>Aumento dei volumi di PFC e PLT da singolo donatore </li></ul><ul><li>Anni ’90: MCC </li></ul><ul><li>Eritroplasmaferesi </li></ul><ul><li>Eritropiastrinoaferesi </li></ul><ul><li>Plasmapiastrinoaferesi </li></ul><ul><li>Doppia unità eritrocitaria </li></ul><ul><li>Doppia unità piastrinica </li></ul>AFERESI PRODUTTIVA
  7. 7. <ul><li>Un tipo di donazione che permette di realizzare in unica seduta la raccolta di 2 emocomponenti. </li></ul><ul><li>Coerenza con i due doveri fondamentali di un sistema trasfusionale: </li></ul><ul><ul><li>Salvaguardia della salute del donatore (personalizzazione della donazione sui parametri biologici e fisici). </li></ul></ul><ul><ul><li>Promozione della salute del ricevente. </li></ul></ul>Che cosa è
  8. 8. <ul><li>Utilizza un circuito sterile, monouso e biocompatibile. </li></ul><ul><li>Munito di sistemi di controllo e sicurezza. </li></ul><ul><li>Nello specifico .... </li></ul>Come si fa
  9. 9. <ul><li>Reazioni avverse identiche a quelle che possono, eventualmente, riscontrarsi durante una donazione ordinaria con in più: </li></ul><ul><ul><li>Effetti da citrato. </li></ul></ul><ul><ul><li>Emolisi dei globuli rossi. </li></ul></ul>E’ sicura
  10. 10. <ul><li>Plasma: la parte liquida in poche ore. le proteine entro 72 ore. </li></ul><ul><li>Piastrine: in poche ore. </li></ul><ul><li>Globuli rossi: circa 2-3 settimane. </li></ul>Recupero emocomponenti donati
  11. 11. <ul><li>UNO SOLO: </li></ul>Svantaggi il tempo
  12. 12. <ul><li>Personalizzazione della donazione: </li></ul><ul><ul><li>caratteristiche fisiche </li></ul></ul><ul><ul><li>caratteristiche ematologiche </li></ul></ul><ul><li>Ottimizzazione della donazione </li></ul><ul><ul><li>qualità del prodotto </li></ul></ul><ul><ul><li>quantità del prodotto </li></ul></ul><ul><ul><li>(caratteristiche del donatore e scelte dell’operatore ) </li></ul></ul><ul><li>Raccolta di prodotti standardizzati </li></ul><ul><ul><li>maggiore efficacia trasfusionale </li></ul></ul>VANTAGGI
  13. 13. <ul><li>Raccolta flessibile </li></ul><ul><ul><li>modulazione del tipo e numero degli emocomponenti </li></ul></ul><ul><li>Ottenimento di prodotti finiti </li></ul><ul><ul><li>concentrati di G.R. e PLT leucodepleti con i filtri in linea </li></ul></ul><ul><li>Aumento della produttività dei donatori </li></ul><ul><ul><li>per cui si può sopperire alla loro carenza e/o diminuzione </li></ul></ul>VANTAGGI
  14. 14. <ul><li>Riduzione della manipolazione degli emocomponenti : </li></ul><ul><ul><li>rischi </li></ul></ul><ul><ul><li>numero di personale </li></ul></ul><ul><ul><li>spazi </li></ul></ul><ul><ul><li>attrezzature per le lavorazioni </li></ul></ul><ul><li>Riduzione dei rischi infettivi ed immunologici </li></ul><ul><ul><li>assegnazione dei doppi prodotti allo stesso paziente </li></ul></ul><ul><li>Vantaggio economico </li></ul><ul><ul><li>Riduzione del 50% dei costi per i test di validazione </li></ul></ul>VANTAGGI
  15. 15. <ul><li>D. M. 25/1/2001, art. 2 e all. 1 </li></ul><ul><li>Sedi </li></ul><ul><ul><li>ambienti idonei </li></ul></ul><ul><ul><li>dotazioni per interventi d’urgenza </li></ul></ul><ul><li>Personale </li></ul><ul><ul><li>specificatamente formato e addestrato sulla </li></ul></ul><ul><ul><li>base di PROTOCOLLI </li></ul></ul><ul><ul><li>di attuazione delle singole procedure </li></ul></ul><ul><ul><li>di gestione delle reazioni avverse </li></ul></ul><ul><li>Separatori cellulari </li></ul><ul><ul><li>costante manutenzione </li></ul></ul><ul><ul><li>controlli periodici </li></ul></ul>LEGITTIMAZIONE GIURIDICA
  16. 16. <ul><li>Assicurazione della qualità (tracciabilità di ogni operazione e identificazione del responsabile di ogni fase della procedura) </li></ul><ul><ul><li>registrazione parametri ematologici </li></ul></ul><ul><ul><li>registrazione dati del programma </li></ul></ul><ul><ul><li>registrazione dati del prodotto raccolto </li></ul></ul><ul><ul><li>Registrazione delle reazioni avverse </li></ul></ul>LEGITTIMAZIONE GIURIDICA
  17. 17. IDONEITA’ ALLA PROCEDURA <ul><li>D. M. 26/1/01, all. 6, lettera D </li></ul><ul><li>Possesso dei requisiti per la donazione di sangue intero e/o dei singoli emocomponenti in aferesi ad eccezione di: </li></ul><ul><ul><li>peso corporeo non inferiore a Kg. 60 (D.M. 3/3/2005: nel caso la procedura preveda la raccolta di GR) </li></ul></ul><ul><ul><li>conteggio PLT non < a 250.000 mm 3 (nel caso della doppia unità piastrinica) </li></ul></ul>
  18. 18. CRITERI DI PROTEZIONE <ul><li>Volume complessivo degli emocomponenti non > a 650 ml. </li></ul><ul><li>Hb post - donazione </li></ul><ul><ul><li>non < a 11, 5 g % nella donna </li></ul></ul><ul><ul><li>non < a 12,5 g % nell’uomo </li></ul></ul><ul><li>PLT post – donazione </li></ul><ul><ul><li>non inferiore a 120.000 mm 3 </li></ul></ul>
  19. 19. 3665 PROCEDURE MULTICOMPONENT DAL 1998 AL 2007
  20. 20. 1998/2007 (MCC 18%)
  21. 21. REAZIONI AVVERSE <ul><li>Totale procedure aferetiche: 3665 </li></ul><ul><li>Totale reazioni avverse: 177 (6,5%) </li></ul><ul><ul><li>Reazioni lievi: 170 (6,2%) </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>formicolio circumorale </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>brivido </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>sensazione di freddo </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Ematoma (10) </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Reazioni medio – gravi: 7 (0,3%) </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>reazioni vaso – vagali: 2 </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Disturbi digestivi: 5 </li></ul></ul></ul>
  22. 22. REAZIONI AVVERSE <ul><li>Rappresentano un rischio limitato. </li></ul><ul><li>Non sono percentualmente più frequenti rispetto alla donazione ordinaria in sacca </li></ul><ul><li>Sono più rare in quei centri in cui l’equipe medico – infermieristica è molto esperta nell’intrattenimento del donatore </li></ul><ul><li>Ogni struttura trasfusionale deve, necessariamente, predisporre protocolli per gli interventi terapeutici in caso di reazioni avverse (D. M. 25/1/2001, art. 2) </li></ul>
  23. 23. CONCLUSIONI <ul><li>La MCC rappresenta un valido e necessario complemento alla tradizionale raccolta di sangue intero in quanto permette un incremento della produttività e un miglioramento della qualità degli emocomponenti </li></ul><ul><li>La MCC consente di poter adattare la raccolta sia alle esigenze del S.I.M.T. che alle caratteristiche del donatore </li></ul><ul><li>I principali limiti ad una diffusione massiva sono principalmente rappresentati dal costo e dal tempo di donazione cui il donatore è sottoposto </li></ul><ul><li>La riduzione delle procedure di lavorazione del sangue e del personale addetto rappresenta una caratteristica molto attraente in un periodo di contrazione delle risorse destinate alla acquisizione di personale </li></ul>
  24. 24. SISTEMA SANGUE VOLONTARIATO STRUTTURE TRASFUSIONALI ISTITUZIONI AMMINISTRATIVE E POLITICHE “ Cultura” e “stile di vita” del Donatore periodico “ Cultura” del Buon Uso del Sangue Consolidamento di questi valori Oggetto principale della Sanità l’UOMO

×