Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Strumenti per fare scuola con i nativi digitali

217 views

Published on

Strumenti per fare scuola con i nativi digitali. Alla ricerca di una nuova didattica. (mio Articolo sul sito Indire)

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Strumenti per fare scuola con i nativi digitali

  1. 1. Home FORM AZIONE Istituto Contatti DOCUM ENT AZIONE DIDAT T ICA Modulistica COM UNICAZIONE Bandi di concorso Bandi di gara e contratti Amministrazione trasparente EUROPA 10 Settem bre 2013 Strumenti per fare scuola con i nativi digitali di Gi useppe Cor sa r o Alla r ice r ca di una nuova didattica Articoli corre lati Negli ultim i tem pi è em ers a con una certa evidenza la volontà da parte del MIUR di percorrere più decis am ente la s trada del “digitale a scuola” e tentare di recuperare il ritardo accumulato negli ultimi anni in quest’ambito. Sono s tati finanziati program m i a volte anche lungim iranti: Clas s i 2.0 [1], Scuole 2.0, Editoria digitale [2], Piano LIM [3], ForDoc [4], ecc…). Sono inoltre m olteplici gli interventi utili all’avvio di tale proces s o di innovazione attivati da alcune Regioni us ando ris ors e proprie, m inis teriali o europee. E nonos tante tutto ciò il digitale a s cuola fatica a decollare veram ente! Forse il motivo di tali difficoltà sta in buona parte nel fatto che le maggiori resistenze sembrano venire proprio dall’interno del mondo scolastico ed in particolare dagli insegnanti stessi. Ad onor del vero non s i può neanche dar loro del tutto torto. Tralas ciando tutta una s erie di gius tificazioni a carattere più o m eno s indacale (non perché poco valide m a s em plicem ente perché s arebbero qui fuori luogo) e s orvolando i tanti “m otivi dem otivanti” (s cus ate il bis ticcio di parole) che un ins egnante può oggi addurre com e s cus a per non cam biare il s uo m odo di lavorare, io pens o che ci s ia altro dietro alla forte ritros ia (per non dire netta oppos izione) di m olti ins egnanti nei confronti del digitale a s cuola. La riscoperta di un'arte antica per una scuola innovativa di Rudi Bartolini (07 Febbraio 2014) Il Ministro Maria Chiara Carrozza in visita all’Indire di Rudi Bartolini (01 Febbraio 2014) Cosa significa insegnare al tempo dei nativi digitali di Anna Pietra Ferraro (10 Settem bre 2013) Da dove nasce il bisogno di aggregarsi sui social network? di Iolanda Caponata (30 Agos to 2013) PON Scuola 2007-2013 di Sam uele Calzone e Claudia Chellini (19 Agos to 2013) A volte l’ins egnante ha paura di trovars i in difficoltà con dis pos itivi che non padroneggia (o che non conos ce del tutto). Forse pensa di perdere il suo ruolo. Forse vede nel “mondo digitale” un potenziale concorrente. O m agari tem e di es s er cos tretto ad accettare l’aiuto dai s uoi s tes s i alunni. Più concretam ente, di certo il docente s pes s o non crede nella reale utilità e nell’effettiva valenza didattica del digitale. E in effetti, a poco probabilm ente s erve la pres enza di nuove tecnologie e di dis pos itivi m odernis s im i nelle aule, a nulla la creazione e l’adozione dei più innovativi ed evoluti tes ti digitali, s e non si ripensa in maniera radicale e completa il nucleo stesso dell’azione educativa e con esso inevitabilmente il rapporto insegnante/discente e il ruolo del docente stesso. Ripens are (o fors e riscoprire) un’attività didattica che pos s a accogliere pienam ente tutte le potenzialità offerte dalle innovazioni tecnologiche (traendo profitto da es s e). Da qui s i dovrebbe iniziare. Trovare nuovi s trum enti per una nuova didattica [5]. PON Sviluppo dell’Istruzione: i primi risultati di Claudia Chellini (19 Agos to 2013) Ma perché tutto ques to s forzo? E’ proprio neces s ario? Tos i (12 Marzo 2013) Negli anni a venire s i s entirà s em pre più s pes s o parlare di “strum enti per insegnare ai nativi digitali” [6]. Pres to però non s arà più neanche indis pens abile aggiungere “...ai nativi digitali”. I bam bini e i ragazzi che s tanno popolando le nos tre s cuole in ques ti anni (e fra poco anche le univers ità) s ono s em pre più “abitanti del digitale”. C’è chi li ha definiti “una nuova specie in via di appariz ione”. Imparano ad usare i dispositivi digitali prima di imparare a parlare, interagis cono con s m artphone e tablet quando ancora non s anno leggere. Ques ti ragazzi non dovrebbero più tras cinare quotidianam ente pes anti zaini colm i di libri e ingom branti cartelle piene di s trum enti tecnici e artis tici dalle loro s tanzette vers o le loro clas s i e vicevers a. A loro potrebbe bas tare un tablet e una connes s ione ad Internet. Il progetto iTEC: sperimentare la "classe del futuro" di Andrea Benas s i (27 Febbraio 2013) Ques to è lo s cenario che i più ottim is ti (etichettati anche com e “vis ionari”) delineano per la s cuola che verrà [7]. Oggi ancora, i diretti interes s ati (docenti, s tudenti, genitori, s ociologi, form atori, educatori, ps icologi) non s ono tra loro d’accordo s u ques to. La s ens azione è che s i s tiano s em pre più delineando due fronti oppos ti m a as s olutam ente tras vers ali e del tutto s vincolati dall’agone politico. Pos s iam o per nos tra com odità etichettarli (con una deliberata forzatura s em plificante) in: progressisti pro-digitale e conservatori anti-digitale. E questi due “poli” sono presenti anche fra gli insegnanti. Per chi s ta dalla parte dei cons ervatori il gioco è ancora relativam ente facile in Italia. Il ritardo accum ulato dalla s cuola italiana e le forti res is tenze ancora attive contro una effettiva penetrazione della “digital revolution” nel m ondo s colas tico, unitamente ai deficit infrastrutturali ed alla ritros ia di buona parte della clas s e docente cos tituis cono una fenom enale zavorra che rallenta (quando non ferma del tutto) PON Qualità degli ambienti e tecnologie di Sam uele Calzone (19 Agos to 2013) Ørestad Gymnasium: una scuola senza carta di Gius eppe Mos cato e Leonardo La visione tecnologica del progetto iTec di Giovanni Nulli (27 Febbraio 2013) "Umanesimo tecnologico e Istruzione professionale. Scuola, impresa, professionalità" di Rudi Bartolini (22 Aprile 2009) Regolamento relativo al conferimento di incarichi di collaborazione di Indire (10 Aprile 2009) La cittadinanza nel curriculum della scuola italiana di Erika Bartolini (06 Luglio 2004)
  2. 2. zavorra che rallenta (quando non ferma del tutto) ogni intento innovatore (a quals ias i livello). Per chi invece ha com inciato un percors o di “avvicinam ento” ad un m odello nuovo di s cuola e di ins egnam ento fortem ente caratterizzato dall’integrazione del digitale nell’azione didattica, gli os tacoli s em brano a volte ins orm ontabili. Ogni cam biam ento com porta anche una certa dos e di “fatica straordinaria”. E’ norm ale. Ma qui da noi s em bra res tare tutto ferm o e fis s o s u s è s tes s o. Molte delle iniziative m inis teriali hanno avuto s inora per lo più carattere di sperimentazioni circoscritte e quindi non sono andate oltre il risultato di costituire delle buone pratiche a cui far riferim ento. In ogni cas o, anche aum entando il num ero di s oggetti coinvolti probabilm ente non s i otterrebbe granché s enza quel neces s ario “adeguamento” metodologico e senza modificare la funzione del docente di cui sopra. Ed ecco che alcuni (s em pre più) provano ad es plorare, s pontaneam ente, volontaris ticam ente. Sacrificando del tem po libero, s tudiando, s pes s o leggendo docum entazione in lingua ingles e o frances e… Confrontandos i con altri, s cam biandos i es perienze, provando, incontrandos i anche s olo virtualm ente (s ono s em pre più num eros i i m em bri delle com unità online che hanno s celto com e tem a proprio la didattica con le nuove tecnologie). Si m ettono in gioco e provano s ul cam po s trum enti e m etodi innovativi. Ques ta m odalità operativa ha però i s uoi lim iti. Non può essere “diffusa” a tutto il corpo docente senza interventi massicci e senza una “infrastruttura” di sostegno al docente. Bis ogna pens are ad azioni s erie di form azione m irata. Il Didatec [8] fors e potrà dare buoni frutti in ques ta direzione. Non bas ta pubblicizzare i tanti es em pi pos itivi di cui s i trova notizia in autorevoli riviste specialistiche che alla didattica s upportata dalle nuove tecnologie dedicano da tem po grande attenzione ed am pio s pazio (Bricks diretta da A.Fini [9], TD dell’ITD-CNR [10], Form @re diretta da Antonio Calvani [11], Education 2.0 diretta da Luigi Berlinguer [12] ): troppo pochi i lettori raggiunti. Non bas ta l’im pegno profus o in centinaia di blog di alta qualità prom os s i da s ingoli docenti (non cito nes s uno m a s arebbero centinaia): validis s im i com e m odelli, m a poco diffus i. E non pos s ono di per s è es s ere s ufficienti neppure i tanti gruppi Facebook centrati s ul tem a (Ins egnanti 2.0 [13], Docenti Virtuali [14], Docenti e LIM [15], Il tablet a s cuola [16], La s cuola nella nuvola [17], L’iPad in clas s e [18], ecc…): i docenti veramente attivi sono ancora troppo pochi. E allora ecco che i più tem erari accettano in todo la s fida dei nativi digitali e s i inventano qualcos a. E di s olito funziona pure! Ricercano e s coprono tools , provano apps e valutano ris ors e cercando di pensare “come” dei veri nativi digitali. Soprattutto cercano di mettersi “in rete”. A tal propos ito è m olto chiara e fornis ce un quadro com ples s ivo la m appa realizzata da Paola Lim one “Ins egnanti nella rete”. A volte, poi, decidono anche di incontrars i realm ente (è s ucces s o anche a noi con il 1° Meeting Docenti Virtuali e Ins egnanti 2.0 che ha avuto luogo a Nicolos i (CT) il 25 e 26 Luglio 2013). Sono necessari nuovi strumenti (tools ) prim a di tutto. Per creare, per pres entare, per realizzare libri interattivi o veri e propri cortom etraggi anim ati, per far m appe concettuali e m entali, per le linee del tem po, per dis egnare, per leggere, per fare grafica, per annotare, per fare m us ica, per es ercitars i in m atem atica, per s im ulare leggi di fis ica, per fare es perim enti e s im ulazioni, per s crivere, per progettare e pianificare, per ricercare, per aiutare a m em orizzare, per s piegare, verificare, s om m inis trare tes t, valutare, com unicare, collaborare, pubblicare... per tutto ciò che rientra in una moderna attività didattica, insomma. E poi le risorse reperibili in rete: video didattici, tutorials , lezioni già pronte, tes ti, audiolibri, anim azioni es plicative,… m a anche articoli, pos t, interventi, webzine, forum , racconti di es perienze, ecc… Per ognuna delle tipologie s opra citate es s itono decine e decine di apps , tools e riferim enti. Tutto rigoros am ente in digitale, fruibile online m a anche s enza connes s ione, s u quals ias i dis pos itivo (s m artphone, tablet o pc). Non esiste ad oggi (purtroppo) un repository generale condivis o e i docenti che vogliono intraprendere quals ias i attività didattica us ando e integrando le nuove tecnologie debbono dars i da fare a cercare gli s trum enti più adatti es tendendo m agari la ricerca fuori dai confini nazionali (in lingua ingles e s i trova di tutto). Com pito non s em plice, ques to. I gruppi s u Facebook e i blog dei docenti più es perti vengono s pes s o in aiuto. Più recentem ente anche alcuni fra gli editori italiani di tes ti s colas tici hanno iniziato a realizzare vere e proprie piattaform e più o m eno s im ili a quelle per l’elearning. In es s e è pos s ibile trovare m olte ris ors e aggiuntive affiancate ai libri di tes to. Siam o però ancora m olto lontani dagli am bienti digitali aperti e condivis i già s perim entati fuori d’Italia. Il docente, in s os tanza, s e vuole avviars i all’integrazione del digitale nella s ua attività didattica deve un po’ (ad oggi) sbrigarsela da sè… e ovviam ente non tutti hanno le com petenze inform atiche neces s arie e/o s ono in grado di leggere docum enti in ingles e… e, quindi, rinunciano. Carenze, queste, che potrebbero facilmente essere superabili attraverso la traduzione dei tools e delle apps e la realizzazione di video-tutorial in italiano per incoraggiare all’impiego degli strumenti di maggior interesse didattico. Chi dovrebbe/potrebbe realizzarli? Il m inis tero? L’Is tituto Indire? Gli editori? Gli s tes s i ins egnanti? Fors e la s oluzione s ta nel m ettere ins iem e tutti ques ti attori e favorire una sinergia tra loro [19]. Potrebbe attivars i una collaborazione fattiva e duratura. Intanto continuiam o a darci da fare e facciam o in m odo che i punti d’incontro anche s pontanei (com e i nos tri gruppi s u Facebook: Ins egnanti 2.0, Docenti Virtuali, Docenti e LIM, e tutti gli altri) pos s ano diventare s em pre più funzionali ad una effettiva diffus ione di una didattica per il 21° s ecolo. Note [1] http://www.s cuola-digitale.it/clas s i-2-0/il-progetto/introduzione-2/ di Erika Bartolini (06 Luglio 2004)
  3. 3. [1] http://www.s cuola-digitale.it/clas s i-2-0/il-progetto/introduzione-2/ [2] [3] [4] [5] http://www.s cuola-digitale.it/editoria-digitale/il-progetto/editoria-digitale-s colas tica/ http://www.s cuola-digitale.it/lim /ilprogetto/finalita/ http://form azionedocentipon.indire.it/ http://www.corrierecom unicazioni.it/pa-digitale/22378_carrozza-inves tire-nella-form azione- digitale-dei-docenti.htm [6] http://educationduepuntozero.it/s peciali/pdf/s peciale_m arzo2013_1.pdf [7] http://www.agendadigitale.eu/egov/372_com e-s ara-la-s cuola-dei-veri-nativi-digitali-il-futuronella-flipped-clas s room .htm [8] [9] http://form azionedocentipon.indire.it/?cat=8 http://bricks .m aieutiche.econom ia.unitn.it/ [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] http://www.tdm agazine.itd.cnr.it/ http://www.fupres s .net/index.php/form are http://www.educationduepuntozero.it/ https ://www.facebook.com /groups /ins egnantiduepuntozero/ https ://www.facebook.com /groups /apprenderevirtualm ente/ https ://www.facebook.com /groups /156410167789353/ https ://www.facebook.com /groups /iltabletas cuola/ https ://www.facebook.com /groups /344286125590498/ https ://www.facebook.com /groups /131057660337078/ https ://docs .google.com /docum ent/d/1JBn3rUDWNcvpZp1kIu34kQB6SEjWjynEe5ahIlnlk7U/pub Sitografia Progetto Didatec http://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1789 Quando la classe è digitale http://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1794&graduatorie=0 La didattica laboratoriale e le nuove tecnologie http://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1777&graduatorie=0 Classi 2.0: storie di mondi possibili http://www.indire.it/content/index.php?action=read&id=1765&graduatorie=0 Editing a cura di Francesco Vettori, redaz ione Indire. © INDIRE 2006-2013 cr e diti note le gali acce s s o agli atti Indire, via M. Buonarroti 10 - 50122 Firenze - Centralino: 055.2380301 - Fax centrale: 055.2380395 - PEC: indire@pec.it L' Istituto è in possesso della licenza n. 773/1/07-898 SIA E Uf f icio Multimedialità in base alla quale è autorizzata ad utilizzare i f ile musicali presenti.

×