Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Giovanni Bonaiuti, Università di ...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Just another buzzword?
«flipped c...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Invertire cosa si fa a casa e cos...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
L’assunto di fondo
• Il valore de...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Attenzione!
• Non è in discussion...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Due fattori propulsivi
evoluzione...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Area più interessata: formazione ...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
La spiegazione
il rischio è quell...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Stop, play, rewind. Ovvero fruizi...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Alta progettualità (più che bassa...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
I compiti a casa…
• sono vissuti ...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Flipped: lo studio inizia prima, ...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
I compiti: in classe…
A scuola si...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Un interessante connubio: rispond...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
… e poi: pratica, pratica e ancor...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Un luogo adatto ad ogni «azione c...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Vantaggi
• Curiosità e interesse ...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Svantaggi
Il docente deve riveder...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
La scelta dei video per insegnare...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Rendere più attivo il momento del...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
… annotare, riflettere (risponder...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Ma… funziona davvero?
Come saperl...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Il ruolo della ricerca
- osservaz...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Le conoscenze della didattica
Met...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Effect Size (ES)
• misura la diff...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Hattie, in indagini svolte su olt...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
… e i dati sulla flipped classroo...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Gli studi analizzati
in Lewell et...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Decodificare il «cosa funziona»
•...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
Riferimenti bibliografici
• Ander...
Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
g.bonaiuti@unica.it
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Flipped classroom

7,320 views

Published on

Intervento al Seminario "Per una didattica a bassa direttività". Iglesias, 16 ottobre 2015

Published in: Education

Flipped classroom

  1. 1. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari Iglesias, 6 novembre 2015 «Per una didattica a bassa direttività» Flipped classroom: Ribaltare la lezione ma non il risultato Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari
  2. 2. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Just another buzzword? «flipped classroom»
  3. 3. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Invertire cosa si fa a casa e cosa si fa a scuola Sequenza tradizionale Flipped sequenza capovolta Spiegazione Esercizi Spiegazione Esercizi
  4. 4. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia L’assunto di fondo • Il valore dello stare in classe è la presenza fisica, non sprecarlo per «trasmettere informazioni» • I “pionieri” del movimento Aaron Sams e Jon Bergmann sottolineano l’esigenza di riflettere sull’uso del tempo e dello spazio • Ripensare il modo di proporre i contenuti agli studenti e di articolare i tempi di apprendimento. https://youtu.be/BfsLbGgUMDU http://flippedclassroom.org/
  5. 5. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Attenzione! • Non è in discussione l’importanza delle conoscenze formali… • La «spiegazione» di fatti, concetti e procedure deve essere fatta… • … ma non in classe
  6. 6. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Due fattori propulsivi evoluzione delle tecnologie avvento della filosofia «open»
  7. 7. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Area più interessata: formazione superiore
  8. 8. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia La spiegazione il rischio è quello di «raggiungere» solo alcuni in agguato ci sono: - difficoltà specifiche - noia - oppositività - distrazione - … «verba volant…» quello che è perso, è perso…
  9. 9. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Stop, play, rewind. Ovvero fruizione personalizzata a me va bene vedere una volta Uffa! non ho capito devo riguardarlo Devo saltare le cose che soIo Lo faccio dopo
  10. 10. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Alta progettualità (più che bassa direttività) • Accurata pianificazione sul modello del Mastery Learning (apprendimento per la padronanza) • Tutti possano raggiungere gli obiettivi se vengono create le condizioni: – percorsi e fasi di lavoro attentamente progettati – sequenze modulari gradualmente orientate al risultato – ritmi e modalità di lavoro individualizzate – accompagnamento con feedback, verifiche e pratica Trovare o costruire • video • esercizi Risorse Assegnare • video • esercizi di verifica Compiti a casa • Verifiche • Applicazioni • Discussione Lavoro a scuola
  11. 11. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia I compiti a casa… • sono vissuti come faticosi, frustranti, punitivi, inutili… • alcuni hanno il terrore di non farli, altri non li fanno sistematicamente • alcuni hanno i genitori a supporto, mentre tanti no… • chi non è stato attento in classe non si ricorda cosa è stato spiegato ed ha maggiori difficoltà a farli… Il desiderio sarebbe di: • non trovarli inutili • non sentirsi soli • potersi confrontare con i compagni e discutere le difficoltà assieme • avere l’insegnante a fianco (o qualcuno a cui rivolgersi) nel momento del bisogno
  12. 12. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Flipped: lo studio inizia prima, a casa… … e non a scuola. Questo consente allo studente di: • non percepire l’impegno come una ripetizione, ma una come novità • scegliersi il tempo, il luogo e il modo migliore • adattare il lavoro al proprio ritmo di studio • poter vedere, rivedere, rivedere… senza l’ansia di perdere qualcosa
  13. 13. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia I compiti: in classe… A scuola si usa il tempo per approfondire, verificare, attuare una didattica laboratoriale sfidante, socializzante e personalizzata L’allievo: • applica attivamente quanto appreso • risolve problemi e svolge esercizi pratici • discute e si confronta con i pari Il docente: • verifica, incoraggia, corregge • fornisce supporto • favorisce l’autonomia • si pone come guida esperta a fianco degli studenti
  14. 14. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Un interessante connubio: risponditori, tablet, smartphone il prof. pone le domande gli studenti usano “risponditori” I risultati sono trasferiti al computer del prof. le risposte sono visualizzate e discusse Verifica e potenzialento degli apprendimenti
  15. 15. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia … e poi: pratica, pratica e ancora pratica!
  16. 16. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Un luogo adatto ad ogni «azione cognitiva» … Anderson, L.W., Krathwohl, D.R. (Eds.) A Taxonomy for Learning, Teaching and Assessing. A Revision of Bloom’s Taxonomy of Educational Objectives, New York, Allyn & Bacon, 2001 Tassonomia di Bloom (rivista)
  17. 17. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia
  18. 18. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Vantaggi • Curiosità e interesse da parte degli studenti • Uso ottimale degli spazi e dei tempi • Valorizzazione dell’aula: luogo per la pratica e lo sviluppo di competenze • Possibilità di ritmi e percorsi individualizzati • Maggiore tempo da dedicare agli studenti in difficoltà • Possibilità di differenziare (fare esercitare gli alunni più dotati su attività diversificate e complesse) • Uso delle tecnologie (con il beneficio dell’attrattiva esercitata) • Riconciliazione di istruzionismo (a casa) e costruttivismo (a scuola)
  19. 19. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Svantaggi Il docente deve rivedere il metodo di lavoro. Sono necessarie: • una discreta padronanza informatica • capacità di progettare i moduli, realizzare o reperire i materiali (video) • impegno nel gestire e verificare che il lavoro (a casa) sia stato svolto e nell’ideare attività «avanzate» da svolgere in aula Gli studenti devono imparare ad autoregolarsi: • accogliere l’idea di studiare da soli • rispettare i tempi e le consegne Sono possibili perplessità, timori e contrarietà da parte delle famiglie
  20. 20. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia La scelta dei video per insegnare Se il video ha il compito di «insegnare», allora dovrebbe rispettare i principi dell’istruzione: • Attirare l'attenzione, interessare • Esplicitare l’obiettivo • Attivare le preconoscenze • Usare un linguaggio adeguato (anche visivo: immagini chiare, ben focalizzate, secondo i principi del multimedia learning) • Collocare gli argomenti lungo un continuum • Essere graduale nell’esposizione • Fare una sintesi finale e ri-attraversare i contenuti prima della chiusura
  21. 21. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Rendere più attivo il momento della fruizione BernardinoAndreocci DottoratoinTelematicaeSocietàdell’informazione-XXIIICiclo Con uno strumento di «video annotazione» VideoANT http://ant.umn.edu/
  22. 22. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia … annotare, riflettere (rispondere), discutere Vialogues http://www.vialogues.com
  23. 23. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Ma… funziona davvero? Come saperlo?
  24. 24. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Il ruolo della ricerca - osservazione iniziale - formulazione ipotesi - verifica sperimentale - enunciazione individuazione delle variabili, scelta dei metodi e degli strumenti di rilevazione esperimenti ripetuti, controllo dell’errore Comparare, valutare, analizzare... Traditionale flipped vs.
  25. 25. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Le conoscenze della didattica Meta analisi Systematic Reviews Randomized Controlled Trial Ricerche quasi-sperimentali, metodi correlazionali Ricerca qualitativa (con controllo dell’affidabilità) Ricerca qualitativa (resoconti, diari, interviste, studi di caso) Report e opinione degli esperti, «buone pratiche» Informazioni acquisite sul campo (pareri, opinioni, racconti, testimonianze…) risultati filtrati presenti nei database (SCOPUS, ISI, ERIC…)
  26. 26. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Effect Size (ES) • misura la differenza tra i risultati di due gruppi (sperimentale/controllo) o dei risultati ottenuti dagli stessi in più ricerche (meta-analisi) • più altro è il suo valore, più la variabile indipendente impiegata nel gruppo sperimentale (es. la strategia didattica) è risultata efficace: – tra 0.2 a 0.3 è piccolo, fino a 0,5 medio, oltre 0,8 grande (Cohen) – se supera 0,40 vale la pena prendere in considerazione il dato (Hattie)
  27. 27. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Hattie, in indagini svolte su oltre 800 meta-analisi, riporta: Not Effective • Gender class ES = 0,12 • Making children repeat a grade ES = 0,16 Little effect • Homework ES = 0,29 Effective • Small group learning ES = 0,49 • Play programs ES = 0,50 • Parental involvement ES = 0,51 Highly effective • Teacher professional development ES = 0,62 • Teacher/student relationships ES = 0,72 • Formative evaluation ES = 0,90 Hattie J. (2009), Visible Learning: A Synthesis of over 800 Meta-Analyses Relating to Achievement, Routledge, New York.
  28. 28. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia … e i dati sulla flipped classroom? • il metodo è piuttosto recente non ci sono ancora studi sufficienti • inoltre è applicato in modi diversi e in contesti molto differenziati • Lewell e colleghi (2013) analizzano 24 studi i cui risultati sono coerenti – le opinioni tendono ad essere positive (ma con pochi studenti molto contrari) – sono preferiti video brevi piuttosto che lunghi – gli studenti guardano i video anche quelli non assegnati – le video lezioni opzionali sono più efficaci di letture opzionali – le letture (testuali) spesso non vengono (da tutti) completate – le spiegazioni in presenza sono comunque preferite ai video (anche se gli studenti preferiscono lavorare in classe piuttosto che assistere a spiegazioni) – solo uno studio (Day & Foley, 2006) porta risultati attendibili (positivi) sull’apprendimento, ma è effettivamente insufficiente Lowell, J., Utah, B., Verleger, M. a, & Beach, D. (2013). The Flipped Classroom : A Survey of the Research. In Proceedings of the Annual Conference of the American Society for Engineering Education (pp. 1–18).
  29. 29. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Gli studi analizzati in Lewell et al., 2013 solo uno nel contesto «high school» il resto al college level (undergraduate) altri studi (singoli) più recenti non aggiungono ancora molto
  30. 30. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Decodificare il «cosa funziona» • In attesa di nuove e più incisive ricerche • è utile concentrarsi su quello che sappiamo essere efficace: – feedback* ES = 0,73 – preconoscenze** ES = 0,59 – direct instruction* ES = 0,59 – mastery learning* ES = 0,58 – mappe concettuali e organizzatori grafici* ES = 0,57 – esplicitazione degli obiettivi* ES = 0,56 – esempi guidati (worked example)* ES = 0,53 – video interattivi* ES = 0,52 – peer tutoring*** ES = 0,75 – reciprocal teaching* ES = 0,74 Dati da: *Hattie, 2009; **Marzano, 2000; Bowman-Perrott et al., 2013
  31. 31. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia Riferimenti bibliografici • Anderson LW and Krathwohl D (2001). A taxonomy for learning, teaching, and assessing: a revision of Bloom’s taxonomy of educational objectives. New York: Longman. • Bennett, B., Kern, J., Gudenrath, A., McIntosh, P. (2011). The Flipped Class Revealed. In The Daily Riff, in rete: http://www.thedailyriff.com/articles/the-flipped-class-what-does-a-good-one-look-like-692.php • Bergmann, J., Overmyer, J., Wilie, B. (2011). The Flipped Class: Myths vs. Reality. In The Daily Riff, in rete: http://www.thedailyriff.com/articles/the-flipped-class-conversation-689.php. • Bergmann, J., Sams, A. (2011). How the Flipped Classroom Is Radically Transforming Learning. In The Daily Riff, in rete: http://www.thedailyriff.com/articles/how-the-flipped-classroom-is-radically-transforming-learning-536.php. • Demetry, C. (2010). Work in Progress – An Innovation Merging “Classroom Flip” and Team-Based Learning. 40th ASEE/IEEE Frontiers in Education Conference, October 2010, Washington, DC. • Hattie J. (2009), Visible Learning: A Synthesis of over 800 Meta-Analyses Relating to Achievement, Routledge, New York. • Lage, M. J., Platt, G. J., & Treglia, M. (2000). Inverting the classroom: A gateway to creating an inclusive learning environment. Journal of Economic Education, 31, 30-43. • Lowell, J., Utah, B., Verleger, M. a, & Beach, D. (2013). The Flipped Classroom : A Survey of the Research. In Proceedings of the Annual Conference of the American Society for Engineering Education (pp. 1–18). • Marzano R. J. (2000), A New Era of School Reform: Going where the Research Takes Us, mcrel, Aurora (co). • Sams, A. (2011). The Flipped Class: Shedding light on the confusion, critique, and hype. In The Daily Riff, in rete: http://www.thedailyriff.com/articles/the-flipped-class-shedding-light-on-the-confusion-critique-and-hype-801.php • Toto, R., Nguyen, T.H. (2009). Flipping the Work Design in an industrial engineering course, in Frontiers in Education Conference, 2009. FIE ’09. 39th IEEE. • Zappe, S., Leicht, R., Messner, J., Litzinger, T., and Lee, H.W. (2009). ’Flipping’ the Classroom to Explore Active Learning in a Large Undergraduate Course, Proceedings, American Society for Engineering Education Annual Conference & Exhibition, 2009.
  32. 32. Giovanni Bonaiuti, Università di Cagliari, Dipartimento Pedagogia, Psicologia, Filosofia g.bonaiuti@unica.it

×