Tessuto Connettivo propriamente detto

14,860 views

Published on

Presentazione sul tessuto connettivo propriamente detto

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
14,860
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
27
Actions
Shares
0
Downloads
122
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tessuto Connettivo propriamente detto

  1. 1. Tessuto connettivo IV C 2008/2009
  2. 2. Indice <ul><li>Cos’è un tessuto? </li></ul><ul><li>Definizione </li></ul><ul><li>Matrice </li></ul><ul><li>Fibre </li></ul><ul><li>Cellule del tessuto connettivo </li></ul><ul><ul><li>Fibroblasti </li></ul></ul><ul><ul><li>Macrofagi </li></ul></ul><ul><ul><li>Linfociti </li></ul></ul><ul><ul><li>Mastociti </li></ul></ul><ul><ul><li>Adipociti </li></ul></ul><ul><li>Tipi di tessuto connettivo </li></ul><ul><ul><li>Tessuto connettivo lasso </li></ul></ul><ul><ul><li>Tessuto connettivo denso </li></ul></ul><ul><ul><li>Tessuto connettivo adiposo </li></ul></ul>
  3. 3. Cos’è un tessuto? <ul><li>In quasi tutti gli organismi pluricellulari, la maggioranza delle cellule del corpo è organizzata in tessuti. Le cellule che compongono un tessuto sono specializzate, hanno cioè una struttura particolare che consente loro di svolgere un compito preciso. </li></ul><ul><li>Negli animali sono presenti quattro tipi principali di tessuto: epiteliale, connettivo , muscolare e nervoso. </li></ul>Indice
  4. 4. Definizione <ul><li>Il tessuto connettivo è deputato al collegamento, rivestimento e delimitazione di altri organi e tessuti. </li></ul><ul><li>È formato da un insieme di cellule sparse disperse in una sostanza intercellulare, la matrice, da esse stesse prodotta. </li></ul><ul><li>Si trova in tutto il corpo senza mai venire a contatto con l’ambiente. </li></ul>Indice
  5. 5. Matrice <ul><li>Anatomia </li></ul><ul><li>Costituita da una porzione fibrosa, formata da proteine, inclusa in una sostanza amorfa, generalmente liquida, detta sostanza fondamentale; </li></ul><ul><li>Costituita inoltre da molecole organiche e sostanze dette mucopolisaccaridi (polimeri complessi di zuccheri) che legandosi alla proteine formano composti detti mucoproteine e proteoglicani. </li></ul><ul><li>Fisiologia </li></ul><ul><li>Supporto e ancoraggio delle cellule; </li></ul><ul><li>Divisione tra i diversi tessuti; </li></ul><ul><li>Diffusione delle sostanze nutritive. </li></ul>Indice
  6. 6. Fibre <ul><li>Nella sostanza fondamentale sono presenti tre tipi di fibre: le fibre collagene, le fibre elastiche e le fibre reticolari. </li></ul><ul><li>Fibre collagene </li></ul><ul><li>Sono quelle maggiormente presenti nel tessuto connettivale </li></ul><ul><li>Sono formate da lunghi filamenti di una proteina, il tropocollagene, tra loro intrecciati </li></ul><ul><li>Impartiscono al tessuto in cui sono presenti il colore bianco </li></ul><ul><li>Fibre elastiche </li></ul><ul><li>Sono formate da un’altra proteina, l’elastina </li></ul><ul><li>Le fibre in questo caso sono isolate l’una dall’altra, e si collegano in alcuni punti costituendo un reticolo </li></ul><ul><li>Fibre reticolari </li></ul><ul><li>Sono molto sottili (di diametro simile al collagene) e sono considerabili come fibre di collagene immature </li></ul><ul><li>Anch’esse composte dal tropocollagene </li></ul><ul><li>Le fibre si intrecciano formando sottili reti </li></ul>Indice
  7. 7. Cellule <ul><li>Il tessuto connettivo possiede un'ampia varietà di cellule, deputate a svolgere attività diverse in relazione anche alla natura del tessuto a cui appartengono e alla posizione che questo assume nell'organismo. </li></ul><ul><li>In generale è possibile operare una distinzione tra: </li></ul><ul><li>le cellule deputate alla formazione e al mantenimento della matrice (fibroblasti e cellule di analoga natura presenti in altri tessuti); </li></ul><ul><li>cellule deputate alla difesa dell'organismo (macrofagi e mastociti); </li></ul><ul><li>cellule deputate a funzioni speciali, come gli adipociti del tessuto adiposo, che accumulano grassi come riserva energetica del corpo. </li></ul>Indice
  8. 8. Fibroblasti <ul><li>Sono le cellule fondamentali del tessuto connettivo propriamente detto; </li></ul><ul><li>Hanno un aspetto fusiforme; </li></ul><ul><li>Hanno un citoplasma vacuolizzato che circonda un nucleo ellittico e un abbondante reticolo endoplasmatico; </li></ul><ul><li>Si trovano generalmente dispersi nella matrice da loro stessi creata, ed in molti casi sono disposti lungo le fibre; </li></ul><ul><li>Hanno la funzione di produrre fibre e altri componenti per la matrice. </li></ul>
  9. 9. Macrofagi <ul><li>Hanno solitamente forma sferica; </li></ul><ul><li>Sono deputati ad assorbire ed eliminare elementi esterni, quali virus, batteri ed anche molecole e complessi molecolari pericolosi per l'organismo attraversi delle estroflessioni chiamate pseudopodi; </li></ul><ul><li>Sono inoltre cellule coinvolte nella risposta immunitaria, in quanto presentano sulla loro membrana gli antigeni dei batteri fagocitati, permettendone il riconoscimento da parte dei linfociti. </li></ul>
  10. 10. Linfociti <ul><li>Hanno un nucleo rotondeggiante, un citoplasma scarso e pochi granuli; </li></ul><ul><li>Si trovano in prevalenza liberi nel sangue; </li></ul><ul><li>Costituiscono una classe dei globuli bianchi e svolgono una funzione di tipo immunitario. </li></ul>
  11. 11. Mastociti <ul><li>Sono cellule tondeggianti; </li></ul><ul><li>Si trovano liberi nel sangue; </li></ul><ul><li>Presentano nel citoplasma numerose vescicole di Golgi e di reticolo endoplasmatico; </li></ul><ul><li>Secernono e rilasciano all'esterno della cellula sostanze ad azione paraormonale. </li></ul>
  12. 12. Adipociti <ul><li>Formano il tipo particolare di tessuto connettivo denominata tessuto adiposo; </li></ul><ul><li>Sulla membrana plasmatica sono presenti proteine che fungono da impianto per le fibre che trasportano i capillari sanguigni; </li></ul><ul><li>Il citoplasma è per la maggior parte occupato da una gocciola lipidica; </li></ul><ul><li>Svolgono una funzione di riserva energetica e contribuiscono al riscaldamento del corpo. </li></ul>Adipociti del tessuto adiposo bianco.
  13. 13. <ul><li>Visione schematica e istologica delle cellule e delle fibre nel tessuto connettivo lasso, il tipo più comune di tessuto connettivo propriamente detto. (a) Schema dei tipi di cellule e fibre del tessuto connettivo propriamente detto. (b) Tessuto connettivo lasso areolare. </li></ul>
  14. 14. Tipi di tessuto connettivo <ul><li>A seconda del tipo, della quantità e della disposizione di fibre presenti, oltre che della composizione della matrice e del tipo di cellule presenti, è possibile distinguere diversi tipi di tessuto connettivo. </li></ul>
  15. 15. Tessuto connettivo lasso <ul><li>Si può dividere in aerolare, adiposo e reticolare. </li></ul><ul><li>Anatomia </li></ul><ul><li>È una rete di fibre di collagene immerse nella matrice; </li></ul><ul><li>La matrice è formata da una sostanza amorfa molto viscosa, in cui è abbondante l’acqua, che proviene per diffusione dai capillari sanguigni presenti nel tessuto; </li></ul><ul><li>Circonda vasi e nervi. </li></ul><ul><li>Fisiologia </li></ul><ul><li>Avvolge gli organi, fornendo loro sostengo e protezione; </li></ul><ul><li>Forma l'impalcatura di sostegno (tonaca) del tessuto epiteliale; </li></ul><ul><li>Forma l’ipoderma nelle parti corporee in cui tale strato non è occupato da tessuto adiposo; </li></ul><ul><li>Partecipa alla funzione di nutrizione e di scambio dei gas respiratori tra il sangue e i tessuti ; </li></ul><ul><li>Esplica un’azione di difesa immunitaria e partecipa all’insorgere di processi infiammatori, attraverso i globuli bianchi derivanti dal sangue; </li></ul>
  16. 17. Tessuto connettivo denso o fibroso <ul><li>Può essere diviso in regolare, elastico ed irregolare. </li></ul><ul><li>Anatomia </li></ul><ul><li>Forte presenza di fibre di collagene; </li></ul><ul><li>Le fibre di collagene si dispongono in modo parallelo, conferendo una struttura molto compatta; </li></ul><ul><li>Le cellule sono disperse tra loro, interposte tra i vari strati di fibre, e possiedono una forma allungata. </li></ul><ul><li>Fisiologia </li></ul><ul><li>Esercita un’azione di sostegno e di collegamento tra organi. </li></ul>
  17. 19. <ul><li>A seconda di come le fibre di collagene si intrecciano si distinguono i seguenti tessuti connettivi fibrosi: </li></ul><ul><li>Fibroso a fibre parallele </li></ul><ul><li>Fibre disposte parallelamente tra loro </li></ul><ul><li>Elevata capacità di resistere all’allungamento (tendine) </li></ul><ul><li>Fibroso a fasci intrecciati </li></ul><ul><li>Resiste più alla compressione </li></ul><ul><li>La matrice non è apprezzabile in quantità </li></ul><ul><li>Fibroso a fasci incrociati </li></ul><ul><li>È formato da più piani di fibre di collagene </li></ul><ul><li>Ogni piano è formato da fasci paralleli di fibre con orientamento spaziale diverso </li></ul><ul><li>Fibroso capsulare </li></ul><ul><li>Appare costituito da  un insieme di fibre collagene disposte in modo casuale </li></ul><ul><li>E' il tessuto costituente la cosiddetta  &quot;capsula esterna&quot; di molti organi </li></ul><ul><li>Fibroso lamellare </li></ul><ul><li>Appare come un tessuto formato da fibre di collagene avvolte a spirale </li></ul>
  18. 20. Tessuto connettivo adiposo <ul><li>Tessuto adiposo bianco </li></ul><ul><li>Anatomia </li></ul><ul><li>Possiede grosse cellule di forma tondeggiante, occupate quasi interamente da un’unica goccia lipidica; </li></ul><ul><li>Il colore bianco è determinato dal tipo di lipidi che vi si trovano accumulati; </li></ul><ul><li>La sostanza fondamentale è piuttosto scarsa. </li></ul><ul><li>Fisiologia </li></ul><ul><li>Accumula composti altamente energetici, i lipidi; </li></ul><ul><li>Sostiene alcuni organi; </li></ul><ul><li>Tessuto adiposo bruno </li></ul><ul><li>Anatomia </li></ul><ul><li>È formato da cellule piuttosto piccole, di forma poligonale e contenenti numerose gocciole lipidiche, tra le quali si interpongono lo scarso citoplasma, il nucleo e gli organuli cellulari; </li></ul><ul><li>La sostanza fondamentale è scarsa; </li></ul><ul><li>Fisiologia </li></ul><ul><li>Produce calore al momento del risveglio dal letargo, allo scopo di coadiuvare l’innalzamento della temperatura corporea dell’animale ai valori normali. </li></ul>

×