2013 05 18 safe host conference visz hungary_ita

359 views

Published on

Sexual tourism against minors is a world plague that encompasses mainly the south east Asian region, Latin America, Africa and eastern Europe. Western countries are those which register the biggest outgoing fluxes. Sexual tourists abuse of the common channels and networks of tourism to reach their victims. Companies and workers in the sector may play an important role in the prevention and struggle against this practice. To be able to do this, they must learn how to identify and prevent it, they need to possess the knowledge and skills to identify it and have the tools to actively prevent those who exploit and those that make use of this practice from making use of tourist services to reach their victims. To Favor the establishment of a permanent social dialogue platform for tourism, encouraging the exchange and synergies between social parts throughout the whole supply chain, starting from the exchange of actions for the fight against child exploitation in the tourism sector, and the adoption of Directive 2011/92/EU. Analyze the ways in which services and tourism channels are used for illegal aims and identify changes linked with use of information and communication technologies. Evaluate good practices that social parts, individually or jointly, have enacted to prevent and fight against this phenomenon. Equip the tourism industry with innovative and practical tools for the struggle against child sexual exploitation throughout the whole supply chain.
Il turismo sessuale a danno dei minori è una piaga mondiale che attanaglia in modo particolare Sud-est asiatico, America Latina, Africa ed Europa orientale. I paesi occidentali sono quelli da cui si registrano i maggiori flussi in partenza. I turisti sessuali abusano dei canali e delle reti del turismo per raggiungere le loro vittime. Imprese e lavoratori del settore possono giocare un ruolo prezioso per prevenire e contrastare il fenomeno. Per farlo essi devono imparare a riconoscerlo e a prevenirlo, devono cioè avere le conoscenze e le competenze per identificarlo ed essere dotati di strumenti concreti per impedire a sfruttatori e clienti di utilizzare i servizi turistici per raggiungere le loro vittime. Favorire l’istituzione del tavolo di dialogo sociale europeo del turismo incoraggiando gli scambi e le sinergie tra gli attori sociali di tutta la filiera, a partire dalla condivisione di azioni per la lotta allo sfruttamento sessuale dei minori nel turismo e l’attuazione della Direttiva 2011/92/UE sul tema.Analizzare le modalità con cui i servizi e i canali del turismo vengono utilizzati per scopi impropri e identificare i cambiamenti legati all’uso delle tecnologie di informazione e comunicazione Censire le buone pratiche che le parti sociali individualmente o collegialmente hanno messo in campo per prevenire e contrastare il fenomeno. Dotare l’industria del turismo di strumenti innovativi e pratici per il contrasto allo sfruttamento sessuale dei minori lungo tutta la filiera

Published in: Travel
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
359
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2013 05 18 safe host conference visz hungary_ita

  1. 1. Progetto SAFE HOSTUngheria & i minoriFirenze18-19 maggio, 2013
  2. 2. Contesto legale• LUngheria è membro della convenzioneONU sulle leggi per i minori del 1991• Legge LXVI del 1991 contiene articolocontro lo sfruttamento sessuale dei minori• Costituzione• Legge sulla famiglia• Legge per la protezione dei minori
  3. 3. Contesto legale• Codice Penale– 175/b.§ contro la compravendita di esseriumani– 205.§ sfruttamento sessuale– 195/A.§ abuso di immagini o videopronografici• [Hungary joined to the Cybercrime in2001].• Codice civile CXXX.: Sostegno legale UEadottato nel 2003• Ministero per le risorse Umane– Ministero per la famiglia, gli affari sociali e i
  4. 4. Codice civile 191.§• Esiste un sistema obbligatorio di segnalazioni inUngheria, e chiunque non segnali un caso disfruttamento sessuale di un minore commette unreato, ma questo non è noto presso coloro chehanno questo obbligo.• Chiunque sia responsabile dei bambini èobbligato a rivolgersi al sistema penale, e il fattoche il sistema penale necesiti digrossimigliroamenti non è una scusa per nonintraprendere unazione legale quando unminore è vittiam di un reato sessuale.
  5. 5. ONG• „Kék vonal” → Dal 1993 linea verde per iminori che hanno subito sfruttamentosessuale• „NANE” → Le donne per le donne controla violenza. Questa ONG gestisce una lineaamica dal 1994, principalmente per ledonne che ne hanno necessità. Il loroobiettivo è dare a queste donne sostegnolegale o dare loro il contatto con strutturedi sostegno psicologico e legale.
  6. 6. ONG• IOM – Ufficio Internazionale per leMigazioni. Tra le loro varie attività svolteuna delle aree prioritarie di IOM è lacampagna di informazione per combattereil traffico di esseri umani e laprostituzione. La raccolta dei datipreparatori ha dimostrato che il gruppo dietàpiù a rischio è quello delle ragazze tra i14-18 anni, specialmente le adolescentiaccudite da strutture pubbliche.
  7. 7. ONG• Ufficio per la protezione dei diritti delledonne e dei bambini. Questo ufficio, attivodal 1997, fornisce assistenza legale gratuitae patrocinio per le donne che ne hannobisogno.• Fondazione Eszter . Una delle prima ONGche ha iniziato a lavorare in questo campo,la Fondazione Eszter ha fornito complesaassistenza terapeutica per chiunque abbiasofferto per qualunque forma disfruttamento fin dal 1990.
  8. 8. Nel turismo• Fortunatamente questo non è un problemarilevante ora perché non esistono casi• Il problema principale è lessere unanazione di transito per droghe e traffico diesseri umani tra oriente e occidente.• Il problema principale sono le violenze infamiglia.
  9. 9. Prossimi passi• Siaom già in contatto con lUfficioUngherese di UNICEF• Siamo in contatto con lorganizzazione deidatori►rafforziamo la prevenzione contro losfruttamento sessuale nel turismo• Con la conclusione di questa conferenza,VISZ vuole pubblicizzare questoargomento sotto legida del Dialogo SocialeSettoriale Nazionale
  10. 10. Grazie per la vostra attenzioneVera Krifaton & Pal Kovács

×