Politiche Temporali E Innovazione Nella Pa

1,402 views

Published on

Relazione presentata al convegno "Tempi della città e qualità della vita" organizzato dall città di Bolzano il 12 e 13 ottobre 2007.

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,402
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
268
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Politiche Temporali E Innovazione Nella Pa

  1. 1. Politiche temporali e innovazione nella PA
  2. 2. <ul><li>Le città si confermano i luoghi dove si riscontrano la maggior parte di incidenti e di feriti: nel 2005 sulle strade urbane si sono verificati 82.907 incidenti stradali in cui è rimasto coinvolto almeno un veicolo a due route (il 88,8% del totale degli incidenti) che hanno causato 95.363 feriti (pari all’ 88,6% sul totale). Il numero dei morti sulle strade urbane è pari al 57,9 % ( 1.072 in valore assoluto). </li></ul><ul><li>(Comunicato ISTAT) </li></ul>
  3. 3. Una nuova integrazione
  4. 4. <ul><li>I consumi di carburante rimangono stabili </li></ul><ul><li>I rifiuti prodotti continuano a salire (+2%) </li></ul><ul><li>Migliora leggermente la quota di raccolta differenziata </li></ul><ul><li>Bassa incidenza di piste ciclabili </li></ul>Fonte: Rapporto Lega Ambiente sull’Ecosistema Urbano 2007 si 105 comuni capoluogo
  5. 5. La città poco accogliente <ul><li>non riesce a svolgere le proprie funzioni </li></ul><ul><li>nei confronti dei cittadini e degli utilizzatori ( in termini di qualità della vita ) </li></ul><ul><li>nei confronti dei sistemi economici </li></ul><ul><ul><li>( in termini di competitività ) </li></ul></ul>
  6. 6. Qual è il valore aggiunto che può portare la PA ? Migliorare la qualità della convivenza
  7. 7. Un grosso rischio L’autoreferenzialità Molto spesso la PA è autoreferenziale anche nell'adozione delle politiche innovative
  8. 8. La diffusione quantitativa dei siti dal 1996 ad oggi L’anno del raddoppio La saturazione * 95 62,9 60 Fonte: Rur, Censis
  9. 9. Servizi. Più moduli on line ma non più transazioni Servizi prioritari (comuni capoluogo) Fonte: Rur, Censis
  10. 10. Nuove prospettive di intervento
  11. 11. I Piani dei tempi e i piani strategici DISEGNARE SCENARI CONDIVISI
  12. 12. L’innovazione dei piani condivisi <ul><li>Sono nel cambiamento di paradigma : </li></ul><ul><li>Condivisione di una idea di città </li></ul><ul><li>Della relazione :Individuo-società-territorio </li></ul>
  13. 13. Analisi del pubblico <ul><li>Differenziato per categorie sociali </li></ul>
  14. 14. Partecipazione
  15. 15. Ci si è riusciti? <ul><li>Circa 70 piani strategici </li></ul><ul><li>30 “migliori prassi” per i piani dei tempi </li></ul>
  16. 16. Siamo sicuri di procedere per la strada giusta ?
  17. 17. L’analisi delle politiche pubbliche <ul><li>Nel piano dei tempi tra le categorie da coinvolgere ci sono proprio quelle più deboli: promuovere un dispositivo di valutazione dei risultati ottenuti , degli strumenti utilizzati, delle correzioni da apportare. </li></ul>
  18. 18. Informazioni e chiarimenti [email_address] Disegni e illustrazioni di http://www.notamax.it/

×