La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Promozione, prevenzione e tutela per gli operatori dei servizi sociali e as...
L’Associazione nazionale operatori sociali e sociosanitari (ANOSS) <ul><li>SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE : </li></ul><ul><li>Pro...
ESISTE UNA SPECIFICITA’ DEL SETTORE? <ul><li>La specificità più rilevante è data dal fatto che l’attività del settore soci...
Salute e sicurezza : quali problemi nel settore sociale? <ul><li>Patologie muscolo-scheletriche </li></ul><ul><li>Stress d...
I problemi più frequenti in Europa <ul><li>Dati tratti dall’indagine della Fondazione Europea di Dublino negli anni  1996-...
LE PATOLOGIE MUSCOLO SCHELETRICHE Molte attività lavorative , in particolare quelle richiedenti posture incongrue ed attiv...
“ Mal di Schiena” Emergenza del problema Il «mal di schiena« è una delle maggiori cause di morbosità non solo nella popola...
“ Mal di Schiena-Disturbi agli arti superiori” Impatto sociale I costi previdenziali delle patologie osteoarticolari sono ...
<ul><li>I disturbi alla schiena  (33%)  </li></ul><ul><li>-  durante la movimentazione di carichi </li></ul><ul><li>durant...
Le patologie muscolo scheletriche nel settore sociale <ul><li>Esse sono presenti soprattutto: </li></ul><ul><li>Nelle stru...
L. 626/1994 <ul><li>L. 626/94: il datore di lavoro deve fare il possibile per evitare la movimentazione manuale dei carich...
Contatto fisico o ausilio tecnico <ul><li>La movimentazione manuale del corpo del disabile assolve a due funzioni: 1) movi...
Salute : quali risposte? <ul><li>Piena applicazione D. Lgs. 626/1994  nella impossibilità di evitare il lavoro corporeo pe...
Stress da lavoro nel settore sociale/1 <ul><li>Stress da lavoro  (burn out).  Nei casi più gravi può condurre ad una vera ...
Stress da lavoro nel settore sociale/2 <ul><li>Alcune esperienze. </li></ul><ul><li>Che fare  (sulla base delle esperienze...
Sicurezza personale nel settore sociale <ul><li>Esigenza degli operatori di sentirsi sicuri a livello personale. </li></ul...
Sicurezza personale nel settore sociale: che fare? <ul><li>Difficile intervenire in modo standardizzato anche perché non s...
Conclusioni <ul><li>Il benessere lavorativo è straordinariamente importante per la salute degli operatori ma anche per la ...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Sicurezza e tutela per gli operatori dei servizi sociali

2,584 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,584
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sicurezza e tutela per gli operatori dei servizi sociali

  1. 1. La salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Promozione, prevenzione e tutela per gli operatori dei servizi sociali e assistenziali FRANCO PESARESI Rimini, 5 ottobre 2007
  2. 2. L’Associazione nazionale operatori sociali e sociosanitari (ANOSS) <ul><li>SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE : </li></ul><ul><li>Promuovere la riforma del welfare </li></ul><ul><li>Confronto tecnico con le P.A. </li></ul><ul><li>Formazione </li></ul><ul><li>Rappresentanza degli interessi del mondo del sociale. </li></ul><ul><li>CARATTERISTICHE : accoglie tutti gli operatori professionali e non </li></ul><ul><li>professionali, pubblici, privati e del volontariato per favorire l’integrazione </li></ul><ul><li>e la visione globale dei problemi sociali. </li></ul><ul><li>Sito web: www.anoss.it </li></ul>
  3. 3. ESISTE UNA SPECIFICITA’ DEL SETTORE? <ul><li>La specificità più rilevante è data dal fatto che l’attività del settore sociale e sociosanitario non è volta alla produzione di un bene di consumo ma al prendersi cura di persone. </li></ul>
  4. 4. Salute e sicurezza : quali problemi nel settore sociale? <ul><li>Patologie muscolo-scheletriche </li></ul><ul><li>Stress da lavoro </li></ul><ul><li>Sicurezza personale </li></ul>
  5. 5. I problemi più frequenti in Europa <ul><li>Dati tratti dall’indagine della Fondazione Europea di Dublino negli anni  1996-2000 sulle condizioni di lavoro e di salute nell’unione europea hanno messo in evidenza che i  problemi più frequenti di salute sono: </li></ul><ul><li>Mal di Schiena (33%) </li></ul><ul><li>Stress (28%) </li></ul><ul><li>Dolori a spalla e collo (23%) </li></ul><ul><li>Disturbi agli arti superiori (13%) </li></ul><ul><li>Mano-polso: Sindrome del tunnel carpale;, Mano-polso:Tendinite dei flessori ed estensori; Gomito: Epicondiliti e le epitrocleiti; Spalla: periartrite scapolo-omerale, Impingement syndrome. </li></ul>Pascal P., Merlliè D., 2001
  6. 6. LE PATOLOGIE MUSCOLO SCHELETRICHE Molte attività lavorative , in particolare quelle richiedenti posture incongrue ed attività ripetitiva degli arti superiori, possono essere correlate allo sviluppo di disturbi muscolo-scheletrici , i quali costituiscono uno dei maggiori problemi di salute nei paesi industrializzati.
  7. 7. “ Mal di Schiena” Emergenza del problema Il «mal di schiena« è una delle maggiori cause di morbosità non solo nella popolazione generale ma anche fra le diverse categorie di lavoratori, in quanto rappresenta il sintomo muscoloscheletrico correlato più frequentemente al lavoro (54,4%), il motivo più comune di richiesta di visita e di cure mediche (16,8%) e di perdita di giorni di lavoro (7,3%) Il «mal di schiena« costituisce la seconda causa di assenteismo lavorativo e la principale causa di inabilità nelle persone sotto i 45 anni di età. . Merlino L.A. et al. 2003 Lee P. et al., 2001
  8. 8. “ Mal di Schiena-Disturbi agli arti superiori” Impatto sociale I costi previdenziali delle patologie osteoarticolari sono alti, essendo esse al primo posto per la perdita di giornate lavorative (invalidità temporanee) e per la richiesta di pensionamento anticipato
  9. 9. <ul><li>I disturbi alla schiena (33%) </li></ul><ul><li>- durante la movimentazione di carichi </li></ul><ul><li>durante il lavoro in piedi o seduto fisso </li></ul>Patogenesi dei disturbi alla schiena correlati al lavoro
  10. 10. Le patologie muscolo scheletriche nel settore sociale <ul><li>Esse sono presenti soprattutto: </li></ul><ul><li>Nelle strutture residenziali per non autosufficienti </li></ul><ul><li>Negli asili nido </li></ul><ul><li>dove in genere si lavora in piedi e si sollevano i bambini (nei nidi) o si «movimentano« i non autosufficienti (nelle strutture residenziali). </li></ul>
  11. 11. L. 626/1994 <ul><li>L. 626/94: il datore di lavoro deve fare il possibile per evitare la movimentazione manuale dei carichi con misure organizzative o il ricorso a mezzi appropriati. </li></ul><ul><li>Ma il lavoro di cura comporta sempre e necessariamente un aspetto corporeo e, conseguentemente, molte operazioni non possono essere supportate da ausili. </li></ul>
  12. 12. Contatto fisico o ausilio tecnico <ul><li>La movimentazione manuale del corpo del disabile assolve a due funzioni: 1) movimentazione; 2) relazione più personale e amichevole attraverso il contatto fra operatore e assistito. </li></ul><ul><li>Parte dell’utenza richiede una valutazione caso per caso prima dell’uso di mezzi come i sollevatori al fine di favorire una relazione più amichevole e al fine di utilizzare al massimo tutte le risorse residue del non autosufficiente per preservare le sue capacità funzionali. </li></ul>
  13. 13. Salute : quali risposte? <ul><li>Piena applicazione D. Lgs. 626/1994 nella impossibilità di evitare il lavoro corporeo per cui : </li></ul><ul><ul><li>Messa a disposizione strumenti necessari; </li></ul></ul><ul><ul><li>Misure organizzative: per esempio lavoro in coppia, quando serve; </li></ul></ul><ul><ul><li>Informazione e formazione sui rischi della movimentazione manuale e sulle possibilità di movimentazione corretta; </li></ul></ul><ul><ul><li>Autorizzazione e accreditamento. </li></ul></ul>
  14. 14. Stress da lavoro nel settore sociale/1 <ul><li>Stress da lavoro (burn out). Nei casi più gravi può condurre ad una vera e propria malattia. </li></ul><ul><li>Può essere provocata da stanchezza accumulata in anni di lavoro, mancata formazione e mancata predisposizione per la gestione delle relazioni di aiuto, sovraccarico di lavoro, un evento nuovo come una personale crisi di vita. </li></ul>
  15. 15. Stress da lavoro nel settore sociale/2 <ul><li>Alcune esperienze. </li></ul><ul><li>Che fare (sulla base delle esperienze) : </li></ul><ul><ul><li>Cambiare lavoro </li></ul></ul><ul><ul><li>Favorire rotazione negli incarichi </li></ul></ul><ul><ul><li>Attenzione ai carichi di lavoro </li></ul></ul><ul><ul><li>supervisione </li></ul></ul>
  16. 16. Sicurezza personale nel settore sociale <ul><li>Esigenza degli operatori di sentirsi sicuri a livello personale. </li></ul><ul><li>La mancata sicurezza personale produce paura, stress, desiderio di rifuggire dalle responsabilità. </li></ul><ul><li>Essa deriva da situazioni (provvedimenti di separazione dei figli dai genitori) e dall’incontro con soggetti potenzialmente violenti o con importanti precedenti penali. </li></ul><ul><li>Esperienze: Chi vive nelle grandi città incontra queste situazioni (es.: distruzione ufficio, minacce e violenze, infetti da Hiv…). </li></ul>
  17. 17. Sicurezza personale nel settore sociale: che fare? <ul><li>Difficile intervenire in modo standardizzato anche perché non si può eliminare la relazione. Bisogna trovare soluzioni insieme agli operatori. </li></ul><ul><li>Che cosa abbiamo fatto: </li></ul><ul><ul><li>Incontri solo su appuntamento (+ accoglienza x tutti) </li></ul></ul><ul><ul><li>Incontri «a rischio« gestiti da almeno 2 assistenti sociali </li></ul></ul><ul><ul><li>Richiesta del vigile di quartiere nella sede dei servizi sociali </li></ul></ul><ul><ul><li>Contatti con collaboratori di giustizia attraverso l’UEPE </li></ul></ul><ul><ul><li>Richiesta di campanello di allarme e telecamere </li></ul></ul><ul><ul><li>Presenza dei vigili ogni volta che serve. </li></ul></ul>
  18. 18. Conclusioni <ul><li>Il benessere lavorativo è straordinariamente importante per la salute degli operatori ma anche per la qualità del servizio. </li></ul><ul><li>L’impegno in questa direzione rappresenta il principale investimento sul servizio. </li></ul>
  19. 19. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×