Il 23 settembre 1832 Castagna,insieme col villaggio Colla, si separòda Soveria Mannelli per formarecomune autonomo, che tu...
LA MADONNA DI CORAZZO La seconda domenica di Settembre, a Castagna si svolgono i festeggiamenti in onore della Madonna di ...
LA FESTA DI SAN GIUSEPPE Altra festa sentita nella nostra comunità è quella di San Giuseppe che ricorre la seconda domenic...
CORPUS                DOMINI   Nel giorno del Corpus Domini si svolge la    processione per le vie del Paese con il Santi...
FESTA DELL’ ADDOLORATA   Le     feste tradizionali terminano l’ultima    domenica     di  settembre   con   la  festa    ...
A Carlopoli ci sono due chiese:   La Chiesa di Maria SS. del Monte Carmelo( presso il viale di Grillo).che attualmente vie...
La Chiesa Madre( in Piazza Brutto) è una  chiesa abbastanza antica e ricca di          storia .Qui vengono       celebrate...
Ogni anno a Carlopoli vengono celebrate due feste molto importanti:La festa di Santa Maria del Carmine(la patrona di Carlo...
Invece l’ altra festa avviene la prima domenica di settembre eparliamo della festa dell’ Addolorata chiamata dai paesani (...
Linizio della costruzione della Chiesadel paese dovrebbe risalire al 1635,esistono dei documenti,con questa data e una per...
Inizialmente si presentava ad una solanavata, che ospitava laltare della BeataVergine. In seguito èstata realizzata nella ...
La Chiesa fu dedicata a SanCarlo Borromeo, Santo cheoltre a essere statoArcivescovo di Milano,per la Santità della sua vit...
Carlo Borromeo (Arona, 2 ottobre 1538 –Milano, 3 novembre 1584) è stato unarcivescovo cattolico e cardinale italiano. [1]È...
La festa di San Carlo Borromeo sifesteggia la prima Domenica di Luglio. Sicelebra la messa e la processione per levie del ...
La festa della Madonna delRosario si celebra la primaDomenica di Ottobre. Sicelebra la Santa Messa e poisi esce in process...
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
La religiosità nei nostri paesi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La religiosità nei nostri paesi

696 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
696
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
242
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La religiosità nei nostri paesi

  1. 1. Il 23 settembre 1832 Castagna,insieme col villaggio Colla, si separòda Soveria Mannelli per formarecomune autonomo, che tuttavia nonebbe lunga vita. Dopo lunità dItalia,infatti, il consiglio provincialedi Catanzaro, constatato che leentrate comunali non eranosufficienti a coprire neanche lespese obbligatorie, nella sedutadel 25 settembre 1867 ne prospettòla soppressione e lunione delterritorio del capoluogo Castagna alcomune Carlopoli, e dellafrazione Colla al comune SoveriaMannelli. Contrariamente alleaspettative, con D.R. 23agosto 1869 fu assegnato aCarlopoli lintero territorio comunale,compresa Colla. Questultimafrazione, distante 15 km da Carlopolie 3,5 km da Soveria, tornò tuttavia a
  2. 2. LA MADONNA DI CORAZZO La seconda domenica di Settembre, a Castagna si svolgono i festeggiamenti in onore della Madonna di Corazzo. I fedeli si riuniscono in chiesa ed insieme alla statua della Madonna si avviano in processione verso l’Abbazia di Corazzo. Durante la processione si prega con il S.Rosario e con canti dedicati alla Madonna. Arrivati a Corazzo si celebra la Santa Messa.
  3. 3. LA FESTA DI SAN GIUSEPPE Altra festa sentita nella nostra comunità è quella di San Giuseppe che ricorre la seconda domenica di Luglio. Prima si celebra la S. Messa, dopo si svolge una piccola processione per le vie del paese. Terminata la processione viene distribuito il pane benedetto di San Giuseppe a tutta la comunità offerto da alcune persone per devozione al Santo.
  4. 4. CORPUS DOMINI Nel giorno del Corpus Domini si svolge la processione per le vie del Paese con il Santissimo Sacramento. Particolari sono gli altarini preparati lungo il percorso dai fedeli nei quali si effettua una sosta di preghiera. E’ tradizione cospargere le strade con petali di fiori colorati e stendere ai balconi coperte di raso al passaggio della Processione.
  5. 5. FESTA DELL’ ADDOLORATA Le feste tradizionali terminano l’ultima domenica di settembre con la festa dell’Addolorata. Alcune persone devote alla Madonna indossano un abito nero simile a quello della statua mentre altre seguono la processione a piedi scalzi.
  6. 6. A Carlopoli ci sono due chiese: La Chiesa di Maria SS. del Monte Carmelo( presso il viale di Grillo).che attualmente viene utilizzata per il catechismo e per tutte le attività che svolgono i ragazzi durante l’ anno.
  7. 7. La Chiesa Madre( in Piazza Brutto) è una chiesa abbastanza antica e ricca di storia .Qui vengono celebrate tutte le messe.
  8. 8. Ogni anno a Carlopoli vengono celebrate due feste molto importanti:La festa di Santa Maria del Carmine(la patrona di Carlopoli), la qualeavviene sempre nella prima domenica di agosto. Questa festa vienecelebrata attraverso la processione lungo le vie del paese. Molto bellodurante la processione è quel momento in cui avviene l’ incontro tra laMadonna e San Giuseppe chiamata “ a cumprunta”. Tutti noi ragazziaspettiamo con ansia quel momento e all’ improvviso dei ragazzi lancianodai balconi delle case ,molti bigliettini di tanti colori con delle poesiededicate alla Madonna del Carmine.
  9. 9. Invece l’ altra festa avviene la prima domenica di settembre eparliamo della festa dell’ Addolorata chiamata dai paesani (la festadi Grillo) .Oltre alla processione viene svolta anche una fieramolto grande lungo via Bellavista.
  10. 10. Linizio della costruzione della Chiesadel paese dovrebbe risalire al 1635,esistono dei documenti,con questa data e una pergamenadellanno 1676, altre fonti indicano cheè stata completata nel 1772.Il posto dove sorge la Chiesa, era unterreno incolto detto "Margiu", forsecon qualche pianta di cerro,infatti da lì parte lattuale via Coschino,detta così perchè i cerri, nel nostrodialetto, si chiamano"Cuaschi". La Chiesa è stata costruitainteramente in calce e pietra, in stileRomanico-Barocco.
  11. 11. Inizialmente si presentava ad una solanavata, che ospitava laltare della BeataVergine. In seguito èstata realizzata nella forma attuale a trenavate con relative tre porte. La portacentrale presentaallesterno un portale medievale,risalente al 1200 ( donato dallaparrocchia di Diano-Scigliano ), su cuiè ancora abbastanza leggibile una dedicadi gratitudine, al parroco di allora, che siimpegnò presso laSanta Sede di riottenere il titolo diparrocchia. La dedica è la seguente : "JosephBoanaventum Parrocus Piccolo".
  12. 12. La Chiesa fu dedicata a SanCarlo Borromeo, Santo cheoltre a essere statoArcivescovo di Milano,per la Santità della sua vitaterrena, alla morte fuinnalzato agli onori degliAltari.Questo evento si verificò inLombardia, ma leco della suaSantità arrivò fino aPanettieri e i nostri avi loscelsero come Patrono eProtettore.
  13. 13. Carlo Borromeo (Arona, 2 ottobre 1538 –Milano, 3 novembre 1584) è stato unarcivescovo cattolico e cardinale italiano. [1]È stato canonizzato nel 1610 da papa PaoloV. San Carlo Borromeo è il patrono diPanettieri.
  14. 14. La festa di San Carlo Borromeo sifesteggia la prima Domenica di Luglio. Sicelebra la messa e la processione per levie del paese, la partecipazione è moltosentita.
  15. 15. La festa della Madonna delRosario si celebra la primaDomenica di Ottobre. Sicelebra la Santa Messa e poisi esce in processione per levie del paese.

×