Alcuni Aspetti Di Diritto Del Lavoro

12,291 views

Published on

0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
12,291
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
602
Actions
Shares
0
Downloads
380
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Alcuni Aspetti Di Diritto Del Lavoro

  1. 1. ALCUNI ASPETTI DI DIRITTO DEL LAVORO IL SISTEMA DI NORME
  2. 2. IL SISTEMA DI NORME <ul><li>Sistema normativo </li></ul><ul><li>COSTITUZIONE </li></ul><ul><li>LEGGI ORDINARIE </li></ul><ul><li>ACCORDI INTERCONFEDERALI </li></ul><ul><li>C.C.N.L. ( Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro ) </li></ul><ul><li>ACCORDI AZIENDALI </li></ul><ul><li>CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO </li></ul><ul><li>Attori </li></ul><ul><li>Assemblea Costituente </li></ul><ul><li>Organi legislativi dello Stato </li></ul><ul><li>Confindustria </li></ul><ul><li>Confederazioni Sindacali Nazionali </li></ul><ul><li>Associazioni nazionali sindacali di categoria </li></ul><ul><li>A livello di Gruppo, azienda, unità produttiva, reparto </li></ul><ul><li>Direzione aziendale e persona interessata </li></ul>
  3. 3. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>PRINCIPI FONDAMENTALI </li></ul><ul><li>DIRITTO AL LAVORO </li></ul><ul><li>TUTELA DEL LAVORO </li></ul><ul><li>RETRIBUZIONE ADEGUATA </li></ul><ul><li>LAVORO FEMMINILE </li></ul>Articolo 35 Articolo 36 Articolo 37 Articolo 4 Articolo 1
  4. 4. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>TUTELA PREVIDENZIALE/ASSISTENZIALE </li></ul><ul><li>LIBERTA’ DI ORGANIZZAZIONE SINDACALE </li></ul><ul><li>DIRITTO DI SCIOPERO </li></ul>Articolo 39 Articolo 40 Articolo 38
  5. 5. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro . </li></ul><ul><li>La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. </li></ul>Articolo 1
  6. 6. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. </li></ul><ul><li>Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società. </li></ul>Articolo 4
  7. 7. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni. </li></ul><ul><li>Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori. </li></ul><ul><li>Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro. </li></ul><ul><li>Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’ estero . </li></ul>Articolo 35
  8. 8. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. </li></ul><ul><li>La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. </li></ul><ul><li>Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi. </li></ul>Articolo 36
  9. 9. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul><ul><li>La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione. </li></ul>Articolo 37
  10. 10. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’ assistenza sociale . </li></ul><ul><li>I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>Articolo 38
  11. 11. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>L’ organizzazione sindacale è libera. </li></ul><ul><li>Ai sindacati non può essere imposto altro obbligo se non la loro registrazione presso uffici locali o centrali, secondo le norme di legge. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>Articolo 39
  12. 12. La Costituzione della Repubblica Italiana (1948) (alcuni tra i fondamentali articoli che riguardano il lavoro) <ul><li>Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano. </li></ul>Articolo 40
  13. 13. Leggi ordinarie <ul><li>Codice Civile (1942) </li></ul><ul><li>(alcuni articoli che riguardano il rapporto di lavoro) </li></ul><ul><li>Art. 2087 (Tutela delle condizioni di lavoro) </li></ul><ul><li>Art. 2096 (Assunzione in prova) </li></ul><ul><li>Art. 2103 (Mansioni del lavoratore) </li></ul><ul><li>Art. 2104 (Diligenza del prestatore di lavoro) </li></ul><ul><li>Art. 2107 (Orario di lavoro) </li></ul><ul><li>Art. 2109 (Periodo di riposo) </li></ul><ul><li>Art. 2110 (Infortunio, malattia, gravidanza, puerperio) </li></ul><ul><li>Art. 2118 (Recesso dal contratto a tempo indeterminato) </li></ul><ul><li>Art. 2119 (Recesso per giusta causa) </li></ul>
  14. 14. Codice Civile <ul><li>Art. 2087 Tutela delle condizioni di lavoro </li></ul><ul><li>L'imprenditore e tenuto ad adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. </li></ul>
  15. 15. Codice Civile <ul><li>Art. 2096 Assunzione in prova </li></ul><ul><li>(…), l'assunzione del prestatore di lavoro per un periodo di prova deve risultare da atto scritto . </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  16. 16. Codice Civile <ul><li>Art. 2103 Mansioni del lavoratore </li></ul><ul><li>Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto (att. 96) o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte, senza alcuna diminuzione della retribuzione. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  17. 17. Codice Civile <ul><li>Art. 2104 Diligenza del prestatore di lavoro </li></ul><ul><li>Il prestatore di lavoro deve usare la diligenza richiesta dalla natura della prestazione dovuta, dall'interesse dell'impresa e da quello superiore della produzione nazionale (1176). </li></ul><ul><li>Deve inoltre osservare le disposizioni per l'esecuzione e per la disciplina del lavoro impartite dall'imprenditore e dai collaboratori di questo dai quali gerarchicamente dipende. </li></ul>
  18. 18. Codice Civile <ul><li>Art. 2107 Orario di lavoro </li></ul><ul><li>La durata giornaliera e settimanale della prestazione di lavoro non può superare i limiti stabiliti dalle leggi speciali . </li></ul>
  19. 19. Codice Civile <ul><li>Art. 2109 Periodo di riposo </li></ul><ul><li>Il prestatore di lavoro ha diritto ad un giorno di riposo ogni settimana , di regola in coincidenza con la domenica. </li></ul><ul><li>Ha anche diritto ad un periodo annuale di ferie retribuito , possibilmente continuativo, nel tempo che l'imprenditore stabilisce, tenuto conto delle esigenze dell'impresa e degli interessi del prestatore di lavoro. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  20. 20. Codice Civile <ul><li>Art. 2110 Infortunio, malattia, gravidanza, puerperio </li></ul><ul><li>In caso d'infortunio, di malattia, di gravidanza o di puerperio, se la legge non stabilisce forme equivalenti di previdenza o di assistenza, è dovuta al prestatore di lavoro la retribuzione o un' indennità nella misura e per il tempo determinati dalle leggi speciali, dagli usi o secondo equità (att. 98). </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  21. 21. Codice Civile <ul><li>Art. 2118 Recesso dal contratto a tempo indeterminato </li></ul><ul><li>Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, dando il preavviso nel termine e nei modi stabiliti, dagli usi o secondo equità (att. 98). </li></ul><ul><li>In mancanza di preavviso, il recedente è tenuto verso l'altra parte a un'indennità equivalente all'importo della retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso. (…) </li></ul>
  22. 22. Codice Civile <ul><li>Art. 2119 Recesso per giusta causa </li></ul><ul><li>Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto prima della scadenza del termine , se il contratto è a tempo determinato, o senza preavviso, se il contratto è a tempo indeterminato, qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  23. 23. Leggi ordinarie <ul><li>Statuto dei Lavoratori (Legge 20.5.1970 n. 300) </li></ul>Titolo II Titolo III Titolo IV Titolo V Titolo VI Titolo I DELLA LIBERTA’ SINDACALE DELL’ATTIVITA’ SINDACALE DISPOSIZIONI VARIE E GENERALI NORME SUL COLLOCAMENTO DISPOSIZIONI FINALI E PENALI DELLA LIBERTA’ E DIGNITA’ DEL LAVORATORE
  24. 24. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo I – Della libertà e dignità del lavoratore </li></ul><ul><li>Art. 1 – Libertà di opinione </li></ul><ul><li>I lavoratori, senza distinzione di opinioni politiche, sindacali e di fede religiosa, hanno diritto, nei luoghi dove prestano la loro opera, di manifestare liberamente il proprio pensiero , nel rispetto dei principi della Costituzione e delle norme della presente legge. </li></ul>
  25. 25. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo I – Della libertà e dignità del lavoratore </li></ul><ul><li>Art. 4 – Impianti audiovisivi </li></ul><ul><li>E’ vietato l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  26. 26. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo I – Della libertà e dignità del lavoratore </li></ul><ul><li>Art. 5 – Accertamenti sanitari </li></ul><ul><li>Sono vietati accertamenti sanitari da parte del datore di lavoro sulla idoneità e sulla infermità per malattia o infortunio del lavoratore dipendente. </li></ul><ul><li>Il controllo delle assenze per infermità può essere effettuato soltanto attraverso i servizi ispettivi degli istituti previdenziali competenti … </li></ul>
  27. 27. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo I – Della libertà e dignità del lavoratore </li></ul><ul><li>Art. 7 – Sanzioni disciplinari </li></ul><ul><li>Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti . (…) </li></ul>
  28. 28. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo I – Della libertà e dignità del lavoratore </li></ul><ul><li>Art. 10 – Lavoratori studenti </li></ul><ul><li>I lavoratori studenti, iscritti e frequentanti corsi regolari di studio in scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali, hanno diritto a turni di lavoro che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami e non sono obbligati a prestazioni di lavoro straordinario o durante i riposi settimanali. </li></ul><ul><li>I lavoratori studenti, compresi quelli universitari, che devono sostenere prove d’esame, hanno diritto a fruire di permessi giornalieri retribuiti . </li></ul><ul><li>Il datore di lavoro potrà richiedere la produzione delle certificazioni necessarie all’esercizio dei diritti di cui al primo e secondo comma. </li></ul>
  29. 29. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo II – Della libertà sindacale </li></ul><ul><li>Art. 14 – Diritto di associazione e di attività sindacale </li></ul><ul><li>Il diritto di costituire associazioni sindacali , di aderirvi e di svolgere attività sindacale, è garantito a tutti i lavoratori all’interno dei luoghi di lavoro. </li></ul>
  30. 30. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo II – Della libertà sindacale </li></ul><ul><li>Art. 15 – Atti discriminatori </li></ul><ul><li>E’ nullo qualsiasi patto od atto diretto a: </li></ul><ul><li>a) subordinare l’occupazione di un lavoratore alla condizione che aderisca o non aderisca ad una associazione sindacale (…) </li></ul><ul><li>b) licenziare un lavoratore, discriminarlo (…) o recargli pregiudizio a causa della sua affiliazione o attività sindacale ovvero della sua partecipazione ad uno sciopero . (…) </li></ul>
  31. 31. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo II – Della libertà sindacale </li></ul><ul><li>Art. 18 – Reintegrazione nel posto di lavoro </li></ul><ul><li>(modificato dalla Legge 108/1990) </li></ul><ul><li>(…) il giudice con la sentenza con cui dichiara inefficace il licenziamento (…), ordina al datore di lavoro, imprenditore e non imprenditore, che in ciascuna sede, stabilimento, filiale, ufficio o reparto autonomo nel quale ha avuto luogo il licenziamento occupa alle sue dipendenze più di 15 prestatori di lavoro (o più di 5 se imprenditore agricolo) di reintegrare il lavoratore nel posto di lavoro. </li></ul>
  32. 32. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo III – Dell’attività sindacale </li></ul><ul><li>Art. 20 – Assemblea </li></ul><ul><li>I lavoratori hanno diritto di riunirsi , nella unità produttiva in cui prestano la loro opera, fuori dell’orario di lavoro, nonché durante l’orario di lavoro, nei limiti di dieci ore annue, per le quali verrà corrisposta la normale retribuzione. (…) </li></ul>
  33. 33. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo III – Dell’attività sindacale </li></ul><ul><li>Art. 23 – Permessi retribuiti </li></ul><ul><li>I dirigenti delle rappresentanze sindacali aziendali di cui all’articolo 19 hanno diritto, per l’espletamento del loro mandato, a permessi retribuiti . </li></ul><ul><li>(…) </li></ul><ul><li>Il lavoratore che intende esercitare il diritto di cui al primo comma devono darne comunicazione scritta al datore di lavoro di regola tre giorni prima, tramite le rappresentanze sindacali aziendali. </li></ul>
  34. 34. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo III – Dell’attività sindacale </li></ul><ul><li>Art. 24 – Permessi non retribuiti </li></ul><ul><li>I dirigenti sindacali aziendali di cui all’articolo 23 hanno diritto a permessi non retribuiti per la partecipazione a trattative sindacali o a congressi e convegni di natura sindacale, in misura non inferiore a otto giorni all’anno. </li></ul><ul><li>I lavoratori che intendano esercitare il diritto di cui al comma precedente devono darne comunicazione scritta al datore di lavoro di regola tre giorni prima, tramite le rappresentanze sindacali aziendali. </li></ul>
  35. 35. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo III – Dell’attività sindacale </li></ul><ul><li>Art. 25 – Diritto di affissione </li></ul><ul><li>Le rappresentanze sindacali aziendali hanno diritto di affiggere, su appositi spazi , che il datore di lavoro ha l’obbligo di predisporre in luoghi accessibili a tutti i lavoratori all’interno dell’unità produttiva, pubblicazioni, testi e comunicati inerenti a materie di interesse sindacale e del lavoro. </li></ul>
  36. 36. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo IV – Disposizioni varie e generali </li></ul><ul><li>Art. 28 – Repressione della condotta antisindacale </li></ul><ul><li>Qualora il datore di lavoro ponga in essere comportamenti diretti ad impedire o limitare l’esercizio della libertà e dell’attività sindacale nonchè del diritto di sciopero , (…), il pretore del luogo ove è posto in essere il comportamento denunziato, (…), ordina al datore di lavoro, con decreto motivato e immediatamente esecutivo, la cessazione del comportamento illegittimo e la rimozione degli effetti. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  37. 37. Statuto dei Lavoratori <ul><li>Titolo VI – Disposizioni finali e penali </li></ul><ul><li>Art. 38 – Disposizioni penali </li></ul><ul><li>Le violazioni degli articoli 2,4,5,6,8 e 15, primo comma lettera a), sono punite, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, con l’ ammenda da lire 300.000 a lire 3.000.000 o con l’ arresto da 15 giorni a un anno. </li></ul><ul><li>Nei casi più gravi le pene dell’arresto e dell’ammenda sono applicate congiuntamente. </li></ul><ul><li>(…) </li></ul>
  38. 38. Altre leggi … <ul><li>Orario di lavoro (Legge n. 196/1997) </li></ul><ul><li>Contratti a termine (Legge n. 247/2007) </li></ul><ul><li>Contratto di lavoro interinale (Legge n. 196/1997) </li></ul><ul><li>Contratto part time (D.Lgs. n. 61/2000 e n. 100/2001) </li></ul><ul><li>Mobilità (Legge n. 223/1991) </li></ul><ul><li>Congedi parentali (D.Lgs. n. 151/2001) </li></ul><ul><li>Ambiente e sicurezza (D.Lgs. n. 626/1994 ) </li></ul>

×