Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Avac

1,219 views

Published on

Published in: Education, Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Avac

  1. 1. Una idea non troppo nuova… * Un buon sistema educativo dovrebbe avere 3 obiettivi: + Fornire accesso a risorse a chiunque lo voglia ed in qualunque momento della vita;+ Fare in modo che chiunque voglia condividere suo sapere possa trovare con chi farlo; + Creare opportunità per quelli che vogliono esporre le proprie idee pubblicamente. Deschooling Society, Ivan Illich , 1973
  2. 2. I NOSTRI ALUNNI...
  3. 3. Chi sono? I nostri bambini già dall’infanzia sono presi da un lavorostraordinariamente duro e questo lavoro è solo in crescita e oggi crescere nell’ambiente elettronico moderno è un lavoro fantastico e complesso. Marshall Mc Luhan 1966 "Alcuni bambini qui - spiega Park Jung-hyun, ricercatore economico di LG, uno dei grandi player coreani dellICT mondiale - sembrano prendere in mano il mouse di un computer o un telefonino prima ancora del cucchiaio o dei bastoncini" (usati per mangiare, ndr.). "Sono davvero dei nativi digitali, una generazione totalmente diversa dai propri padri e nonni, o dai nativi analogici”
  4. 4. GUARDIAMOLI: hanno le branchie ! Luisanna Fiorini: Guardali hanno le branchie Paolo Ferri, La Scuola Digitale. Come la scuola digitale cambia la formazione, Mondadori
  5. 5. OSSERVIAMOLI: come apprendono? ovveroLE TEORIE SULL’APPRENDIMENTOCOSTRUTTIVISMO socialeINTELLIGENZE MULTIPLEINTELLIGENZA EMOTIVACONNETTIVISMO
  6. 6. APPRENDERE è FARE INSIEME per VYGOTSKij l’apprendimento è attodistribuito tra persone, strumenti, regolepresenti nel contesto, dalle interazionicon le comunità e dalle modalitàcollaborative.Apprendimento e contesto
  7. 7. “Intelligenze multiple” Luisanna Fiorini: Guardali hanno le branchie
  8. 8. Seminario da Socrate a Google, relazione di Smith, febbraio 2009
  9. 9. Non si apprende dalla tecnologia... “…non si impara dalla tecnologia come non si impara dall’insegnante. Si impara attraverso il pensiero: pensando a cosa si sta facendo o alle cose in cui si crede, a cosa altri hanno fatto o sulle cose in cui altri credono, pensando al processo che il pensiero svolge. Il pensiero media l’apprendimento. L’apprendimento è il risultato del pensiero”si apprende nella tecnologia... (Calvani)
  10. 10. COMPETENZE CHIAVEParlamento-Comunità Europea 2006comunicare in madrelinguacomunicare in linguamatematica e tecnologiacompetenza digitaleimparare a impararecompetenze sociali e civichespirito di iniziativa e imprenditorialitàconsapevolezza ed espressione culturale
  11. 11. COMPETENZA DIGITALE MIUR 2008“REPERIRE informazioni, saperle VALUTARE, CONSERVARE,PRODURRE artefatti digitali, saperle PRESENTARE con strumentiadeguati, essere in grado di SCAMBIARE informazioni in modoefficace, COMUNICARE, PARTECIPARE a reti, COLLABORAREattraverso Internet”indicazioni trasversali ai vari curricoli disciplinari
  12. 12. COMPETENZA DIGITALE: le quattro dimensionidimensione tecnologica (usare gli strumenti perreperire e presentare informazioni)dimensione meta-cognitiva (selezionare e valutarele fonti, aggregare flussi informativi)dimensione etica (rispetto delle regole e delle persone dellacomunità di cui si fa parte)dimensione partecipativarelazionale(gestire le relazioni in modo costruttivo,
  13. 13. Tecnologia MetacognizionePartecipazione Rispetto
  14. 14. I LUOGHI DELL’APPRENDIMENTO L’APPRENDIMENTO FORMALE ( a scuola) L’APPRENDIMENTO INFORMALE (spontaneo e tipico della vita di tutti i giorni) L’APPRENDIMENTO NON FORMALE (progettato da animatore o educatore con supporto continuo)
  15. 15. AMBIENTI VIRTUALI DI APPRENDIMENTO per... espandere il tempo scuola aprire lo spazio aula praticare gli strumenti tecnologici costruire un archivio di prodotti e di percorsi costruire insieme la conoscenza favorire la partecipazione di tutti (anche dei genitori) migliorare la comunicazione e le relazioni tra alunni-docenti-famiglie gestire in modo flessibile il percorso didattico strutturare percorsi individualizzati creare curiosità e motivazione....
  16. 16. E GLI INSEGNANTI? Il recente ICT Competency Standard for Teacher recita: “Gli insegnanti dovrebbero essere capaci di utilizzare le risorse della Rete per aiutare glistudenti a collaborare, accedere alle informazioni e comunicare con esperti esterni per analizzare e risolvere i loro problemi specifici.” (Unesco 2008)
  17. 17. PROVIAMO?insieme, naturalmente...
  18. 18. Riferimenti biblio-sitografici:Corrado Petrucco (acura di), Didattica dei Social Software e del web 2.0Paolo Ferri, La Scuola Digitale. Come la scuola digitale cambia la formazione, Mondadorihttp://www.slideshare.net/fiorluis/guardali-hanno-le-branchie-presentationhttp://portal.unesco.org/ci/en/ev.php-URL_ID=25740&URL_DO=DO_TOPIC&URL_SECTION=201.htmlVarisco, B.M., (2002) Costruttivismo socio-culturale, Roma, CarocciSeminario da Socrate a Google, relazione di Smith, febbraio 200930.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 394/13 francesca, 2011

×