Successfully reported this slideshow.
L’Europa e gli Stati Uniti
verso la modernità
Situazione economica
 Situazione politica

Situazione economica
LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE
QUANDO: dalla metà dell’Ottocento al primo Novecento
DOVE: Nel con...
NUOVI MEZZI DI TRASPORTO
CRESCITA DELLA POPOLAZIONE
ED AUMENTO DELLA DOMANDA

RIVOLUZIONE DEI
TRASPORTI

• Navigazione a v...
Nel 1851 si tenne a Londra
la prima delle numerose
Esposizioni universali,
che furono le grandi
“vetrine” dei risultati de...
La Torre Eiffel fu realizzata per l’esposizione universale di Parigi del 1889
LA BORGHESIA
Dopo la metà dell’Ottocento, la borghesia si affermò come la classe capace di promuovere lo sviluppo
economic...
GLI OPERAI
Condizioni di vita e lavoro nelle fabbriche molto dure:
- Lavoravano per sei giorni alla settimana e, in alcuni...
Prima metà
dell’Ottocento

NASCITA DELLE SOCIETA’ DI MUTUO
SOCCORSO, in cui si riunirono gli operai per aiutare
gli iscrit...
Nel 1864, per iniziativa di Marx ed Engels, ma anche degli anarchici (secondo i quali l’ostacolo che
impediva all’umanità ...
Situazione politica
LE GRANDI POTENZE EUROPEE

REGNO UNITO

RUSSIA

Assolutismo
(zar Alessandro II)

Liberalismo

Allargam...
Situazione politica
LE GRANDI POTENZE EUROPEE

FRANCIA: Secondo Impero,
con Napoleone III

PRUSSIA*: monarchia di
Gugliemo...
GLI STATI UNITI
Dalla metà dell’Ottocento, immigrazione dall’Europa

Crescita della popolazione degli Stati Uniti

Espansi...
LA GUERRA DI SECESSIONE AMERICANA
Stati Uniti
NORD
industriale ed
abolizionista

SUD
agrario e
schiavista

1861: Abramo Li...
4.europa e stati uniti verso la modernità
4.europa e stati uniti verso la modernità
4.europa e stati uniti verso la modernità
4.europa e stati uniti verso la modernità
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

4.europa e stati uniti verso la modernità

541 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

4.europa e stati uniti verso la modernità

  1. 1. L’Europa e gli Stati Uniti verso la modernità Situazione economica  Situazione politica 
  2. 2. Situazione economica LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE QUANDO: dalla metà dell’Ottocento al primo Novecento DOVE: Nel continente europeo, in particolare in Francia; in alcuni territori tedeschi e dell’Impero Austroungarico; in Belgio; intorno a Barcellona, in Spagna; in Italia settentrionale e nella regione di San Pietroburgo in Russia COSA: si verificò un grande sviluppo dell’economia e del capitalismo, basato sul sistema di fabbrica, partito dalla Gran Bretagna e diffusosi sul continente
  3. 3. NUOVI MEZZI DI TRASPORTO CRESCITA DELLA POPOLAZIONE ED AUMENTO DELLA DOMANDA RIVOLUZIONE DEI TRASPORTI • Navigazione a vapore (scafi in ferro ed elica) • Locomotiva a vapore • Fumaiolo (canna fumaria) ESPANSIONE DEL MERCATO INVESTIMENTI NELL’INDUSTRIA • Sviluppo delle ferrovie Lo sviluppo delle ferrovie permise di ridurre i tempi ed i costi di trasporto delle materie prime e delle merci, favorendo così lo sviluppo industriale.
  4. 4. Nel 1851 si tenne a Londra la prima delle numerose Esposizioni universali, che furono le grandi “vetrine” dei risultati dello sviluppo industriale e tecnologico di quegli anni. Per ospitare i molti espositori che venivano da ogni parte del mondo, fu costruito un grandioso padiglione di ferro e cristallo, il Crystal Palace
  5. 5. La Torre Eiffel fu realizzata per l’esposizione universale di Parigi del 1889
  6. 6. LA BORGHESIA Dopo la metà dell’Ottocento, la borghesia si affermò come la classe capace di promuovere lo sviluppo economico della società, anche se un numero limitato dei suoi membri riuscì ad esercitare il potere politico, che in gran parte dell’Europa rimase nelle mani di persone dell’aristocrazia. ALTA BORGHESIA: grandi capitalisti, magnati dell’industria, abili esperti di finanza (2% della popolazione). I suoi membri aspiravano a mescolarsi all’aristocrazia; a questo stesso stile di vita aspiravano alti funzionari pubblici, importanti dirigenti d’industria, ricchi mercanti, affermati avvocati, ingegneri e direttori di giornali. PICCOLA BORGHESIA: dipendenti pubblici, impiegati, artigiani, piccoli commercianti, qddetti ai servizi. Essi formavano il ceto medio o piccola borghesia
  7. 7. GLI OPERAI Condizioni di vita e lavoro nelle fabbriche molto dure: - Lavoravano per sei giorni alla settimana e, in alcuni mesi, anche per sedici ore - Le ferie non esistevano - Ambienti di lavoro malsani, frequenti infortuni, dura disciplina, salari molto bassi - Soprattutto nelle fabbriche tessili, lavoravano anche donne e bambini (dai 5-6 anni d’età), pagati con salari inferiori a quelli dei maschi adulti - La continua ripetizione delle stesse operazioni rendeva il lavoro monotono e privo di creatività (CATENA DI MONTAGGIO, ALIENAZIONE)
  8. 8. Prima metà dell’Ottocento NASCITA DELLE SOCIETA’ DI MUTUO SOCCORSO, in cui si riunirono gli operai per aiutare gli iscritti quando, per malattia o disoccupazione, non percepivano salari In Inghilterra nascono le TRADE UNIONS, le prime organizzazioni sindacali operaie SOCIALISMO UTOPISTICO (cioè irrealizzabile) Alcuni pensatori elaborarono teorie per conciliare in una condizione più giusta i ruoli degli imprenditori e degli operai, per creare un’alleanza fra queste due classi contro i privilegi della nobiltà. Seconda metà Seconda metà dell’Ottocento dell’Ottocento Due pensatori tedeschi, Karl Marx e Fredrich Engels, dal 1848 in poi, elaborarono il SOCIALISMO SCIENTIFICO, elaborando il materialismo storico, una concezione che presentava il corso storico come il susseguirsi della lotta di classe fra classi contrapposte: gli oppressori, che detengono il potere politico ed economico, e gli oppressi.(“Materialismo” perché il motore della storia è rappresentato dagli interessi materiali delle classi in lotta fra loro) Secondo loro le classi in lotta erano la borghesia, che aveva la proprietà dei mezzi di produzione (macchine, fabbriche) e il proletariato (dal lat.proles, figli, cioè coloro che non possiedono nient’altro oltre ai figli). Il conflitto era destinato a concludersi con una rivoluzione e la conquista del potere da parte del proletariato, avviando l’umanità prima al socialismo, in cui il proletariato si sarebbe emancipato, poi al comunismo, cioè ad una società senza più classi.
  9. 9. Nel 1864, per iniziativa di Marx ed Engels, ma anche degli anarchici (secondo i quali l’ostacolo che impediva all’umanità d raggiungere la libertà era lo stato che, con la religione, era lo strumento usato dalle classi sociali dominanti per mantenere la popolazione in inferiorità), alcune associazioni operaie di riunirono nella PRIMA INTERNAZIONALE, la prima organizzazione internazionale dei lavoratori.
  10. 10. Situazione politica LE GRANDI POTENZE EUROPEE REGNO UNITO RUSSIA Assolutismo (zar Alessandro II) Liberalismo Allargamento del corpo elettorale AUSTRIA Bipolarismo: Conservatori (Tories) Liberali (Whigs) Abolizione della servitù della gleba (1861) Condizioni generali di estrema povertà L’imperatore Francesco Giuseppe introdusse una costituzione liberale e nel 1867 costituì l’impero Austro ungarico, distinguendo Il Regno d’Austria da quello di Ungheria, che chiedeva riconoscimento L’Austria mantenne una posizione dominante
  11. 11. Situazione politica LE GRANDI POTENZE EUROPEE FRANCIA: Secondo Impero, con Napoleone III PRUSSIA*: monarchia di Gugliemo I Intenso sviluppo economico Modernizzazione del Paese GUERRA FRANCO-PRUSSIANA nel luglio 1870 per l’egemonia in Europa 1870: sconfitta francese Francia:repubblica Nel 1871, il popolo di Parigi rifiutò di accettare la pace punitiva con la Prussia e si diede un governo rivoluzionario, la Comune, che ebbe però breve vita, represso dall’esercito Germania:secondo Reich Guglielmo I di Prussia fu incoronato imperatore tedesco: nacque così l’Impero (Reich) tedesco, chiamato “secondo” per continuità con il Sacro Romano Impero Germanico 1862: Cancelliere Bismarck Alla guida del processo di unificazione tedesca GUERRA CONTRO L’AUSTRIA 1866: la Prussia vince gli Austriaci a Sadowa: la Confederazione germanica viene sciolta e la Prussia presiede la Confederazione della Germania del nord, da cui l’Austria è esclusa *: Dopo il Congresso di Vienna i numerosi stati tedeschi avevano costituito la Confederazione germanica, presieduta dall’Austria.Ciò non piaceva alla Prussia
  12. 12. GLI STATI UNITI Dalla metà dell’Ottocento, immigrazione dall’Europa Crescita della popolazione degli Stati Uniti Espansione dall’Atlantico al Pacifico Insediamento dei coloni verso il Far West, per la corsa all’oro (giacimenti in California, Nevada, Colorado) Crescita economica (trasporti) Sterminio dei nativi americani Indiani o Pellerossa (riserve)
  13. 13. LA GUERRA DI SECESSIONE AMERICANA Stati Uniti NORD industriale ed abolizionista SUD agrario e schiavista 1861: Abramo Lincoln Presidente, abolizionista 1861-65: Guerra di secessione (separazione dal resto del Paese degli stati meridionali) Sconfitta del sud Abolizione della schiavitù (1865)

×