Successfully reported this slideshow.

Regolamento 2012 2013

838 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Regolamento 2012 2013

  1. 1. ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE “ALESSANDRINI-MARINO-FORTI” TERAMO REGOLAMENTO D’ISTITUTO Anno Scolastico 2012 - 2013 1
  2. 2. Presentato al Collegio dei Docenti del 29/10/2012 VISTO l’art. 10, comma 3, lettera “a” del T.U. 16/04/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del D.P.R. 08/03/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; Approvato dal Consiglio d’Istituto del 30/10/2012 Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Stefania Nardini “La crescita civile e culturale dello studente si realizza nella consapevolezza delvalore positivo della regola, intesa come attuazione di una libertà personale fondata sulrispetto degli altrui diritti e sull’adempimento dei propri doveri” Dal “Quaderno del Patto di Corresponsabilità Educativa” 2
  3. 3. Il Regolamento d’Istituto stabilisce le regole e le modalità di comportamento a cui tutti i soggettidella comunità scolastica devono attenersi. ......................................................................................... 6CAPO I - STUDENTI ........................................................................................................................ 6 Art. 1 Diritto alla formazione culturale e professionale............................................................ 6 Art. 2 Diritto alla riservatezza ................................................................................................... 6 Art. 3 Diritto allinformazione .................................................................................................. 6 Art. 4 Partecipazione alla vita della scuola ............................................................................... 6 Art. 5 Valutazione ..................................................................................................................... 6 Art. 6 Organizzazione delle attività didattiche.......................................................................... 6 Art. 7 Inserimento ..................................................................................................................... 7 Art. 8 Diritto di riunione e di assemblea ................................................................................... 7 Art. 9 Frequenza ed assolvimento degli impegni scolastici ...................................................... 7 Art. 10 Comportamento ............................................................................................................ 7 Art. 11 Cambio ora................................................................................................................... 9 Art. 12 Studi individuali............................................................................................................ 9 Art. 13 Ricreazione ................................................................................................................... 9 Art. 14 Rispetto dellambiente scolastico ................................................................................. 10 Art. 15 Assenze personali ....................................................................................................... 10 Art. 16 Assenze collettive ....................................................................................................... 11 Art. 17 Ritardi ......................................................................................................................... 12 Art. 18 Uscite anticipate.......................................................................................................... 13 Art. 19 Uso di laboratori e palestra ......................................................................................... 14 Art. 20 Uscite didattiche e viaggi d’istruzione ....................................................................... 14 Art. 21 Esonero educazione fisica e attività sportive integrative ............................................ 14 Sanzioni disciplinari ................................................................................................................... 14 Art. 22 Provvedimento disciplinare ....................................................................................... 14 Art. 23 Regolamento di disciplina .......................................................................................... 16 Art. 24 Ricorsi ed Organo di Garanzia ............................................................................... 19 Disposizioni generali ed organizzative ................................................................................... 20 Art. 25 Criteri di formazione delle classi iniziali ..................................................................... 20 Art. 26 Criteri di accettazione delle domande di iscrizione alle classi prime in caso di esubero………………………………………………………………………………………....20 Art. 27 Cambio di sezione......................................................................................................... 21 Art. 28 Orario scolastico .......................................................................................................... 21 Art. 29 Criteri di formulazione dell’orario delle lezioni .......................................................... 22 Art. 30 Assemblea di classe ..................................................................................................... 22 Art. 31 Assemblea dIstituto ..................................................................................................... 23 Art. 32 Infortuni e indisposizioni ............................................................................................. 23 Art. 33 Rapporti scuola famiglia .............................................................................................. 23 Art. 34 Aree esterne ................................................................................................................. 25 Art. 35 Esami di idoneità ......................................................................................................... 26 Art. 36 Esami integrativi ......................................................................................................... 27 Art. 37 Passerelle .................................................................................................................... 28CAPO II - DOCENTI .................................................................................................................... 29 Art. 38 Entrata e uscita studenti ............................................................................................... 29 Art. 39 Registrazione ritardi..................................................................................................... 29 Art. 40 Registrazione uscite anticipate .................................................................................... 30 3
  4. 4. Art. 41 Registrazione giustificazioni ....................................................................................... 30 Art. 42 Cambio di ora .............................................................................................................. 31 Art. 43 Ricreazione .................................................................................................................. 31 Art. 44 Registri personali e di classe....................................................................................... 32 Art. 45 Altre ............................................................................................................................. 32 Art. 46 Funzioni e compiti del Coordinatore di classe ............................................................ 34CAPO III – MANSIONARI .............................................................................................................. 35 Art. 47 Funzioni e compiti del responsabile sub-consegnatario di laboratorio ......................... 35 Art. 48 Funzioni e compiti del Coordinatore di dipartimento.................................................. 36 Art. 49 Funzioni e compiti del Responsabile dell’Ufficio Tecnico ......................................... 36 Art. 50 Funzioni e compiti del Comitato Tecnico Scientifico ................................................. 37 Art. 51 Funzioni e compiti del Comitato Tecnico Scientifico per collaudi e acquisti .............. 37CAPO IV – PERSONALE A.T.A. ................................................................................................... 39 Art. 52 Personale di segreteria ................................................................................................. 39 Art. 53 Collaboratori scolastici ................................................................................................ 39 Art. 54 Assistenti tecnici .......................................................................................................... 39CAPO V - LABORATORI ED AULE SPECIALI ........................................................................... 39 Art. 55 Disposizioni generali ed uso di laboratori, aule speciali e palestra ............................. 39CAPO VI – VIAGGI D’ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE ......................................................... 40 Art. 56 Viaggi d’istruzione ....................................................................................................... 40 Art. 57 Visite guidate ............................................................................................................... 42CAPO VII — RIMANDI, ABROGAZIONE E MODIFICHE ......................................................... 42 Art. 58 Rimandi........................................................................................................................ 42 Art. 59 Abrogazione delle norme contrastanti ......................................................................... 42 Art. 60 Modifiche al regolamento ............................................................................................ 43 4
  5. 5. Il Regolamento d’Istituto stabilisce le regole e le modalità di comportamento a cui tutti i soggetti della comunità scolastica devono attenersi. Esso è parte integrante dell’Offerta Formativa e si configura comeassunzione di responsabilità e di consapevolezza del proprio ruolo e delproprio contributo al fine di favorire il percorso formativo di ognistudente. In funzione di questo percorso, l’osservanza delle regole èindispensabile a sviluppare il senso di responsabilità, il rispetto degliimpegni presi, dei propri doveri, del lavoro proprio e altrui. Per quanto riguarda le competenze e il funzionamento degli OrganiCollegiali, si fa riferimento alla normativa scolastica vigente. Copia del presente Regolamento viene consegnata ad ogni classe, lettoe spiegato dal coordinatore, affinchè ogni studente possa prendernecognizione ed è consultabile nel sito web dell’Istituto. L’iscrizione all’Istituto comporta l’accettazione del presenteRegolamento. (D.P.R. 24 giugno 1998, n° 249, così come modificato ed integrato dal D.P.R.n° 235 del 21 novembre 2007) 5
  6. 6. CAPO I - STUDENTI Art. 1 Diritto alla formazione culturale e professionale Lo studente ha diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata, apertaalla pluralità delle idee, adeguata allevoluzione delle conoscenze e allinserimento nellavita attiva. Art. 2 Diritto alla riservatezza Lo studente ha diritto alla riservatezza della propria vita personale e scolastica. I genitori hanno il diritto ad avere informazioni sul comportamento e sul profitto deipropri figli direttamente dagli insegnanti. I dati personali dello studente e le valutazionidi profitto devono essere utilizzati nel rispetto delle leggi sulla privacy. Art. 3 Diritto allinformazione Gli studenti hanno diritto ad essere informati sulle decisioni e sulle norme cheregolano la vita della scuola, in particolare sulle scelte relative all’organizzazione, allaprogrammazione didattica, ai criteri di valutazione e su tutto ciò che può avereconseguenze dirette sulla loro carriera scolastica. Art. 4 Partecipazione alla vita della scuola Lo studente ha diritto di partecipare attivamente e responsabilmente alla vita dellascuola nel rispetto delle norme contenute in codesto documento. Art. 5 Valutazione Lo studente ha il diritto di conoscere i criteri adottati dai docenti nella valutazionedelle prove di verifica. Ha il diritto di vedere le prove scritte e pratiche corrette in tempi ragionevolmentebrevi. Lo studente ha inoltre il diritto di conoscere il voto attribuitogli dal docente al terminedella verifica orale ed all’atto della consegna delle prove scritte e pratiche corrette. Art. 6 Organizzazione delle attività didattiche Le attività didattiche curricolari e le attività aggiuntive facoltative sarannoorganizzate secondo tempi e modalità che tengano conto dei ritmi di apprendimento edelle esigenze di vita degli studenti in funzione della suddivisione dell’anno scolastico inquadrimestri 6
  7. 7. Art. 7 Inserimento L’Istituto garantisce la formazione integrale della persona nel pieno rispetto delladiversità. Presta particolare attenzione all’accoglienza, all’integrazione e all’inclusionedegli alunni con Bisogni Educativi Speciali. L’Istituto promuove il successo formativo degli alunni diversamente abili, di quellicon disturbi specifici di apprendimento e la loro inclusione intesa come partecipazioneattiva alla vita comunitaria, in attuazione dei principi espressi dalla Costituzione, dallaL. 104/92 e successive modifiche, dalle Linee guida MIUR del 04/08/09 e dalla Leggen.170 dell’8/10/2010. In questo processo svolge un ruolo fondamentale il gruppo di lavoro dell’Istituto perl’handicap (GLH), un collettivo che si assume la responsabilità di monitorarel’integrazione nel suo complesso, con un impegno costante rispetto al rischio diemarginazione. Il gruppo utilizza la Diagnosi Funzionale, il Profilo Dinamico Funzionale, il PianoEducativo Personalizzato, il Piano Educativo Individualizzato, il GLH, gli incontri congli operatori e con la famiglia. Tali incontri costituiranno, momenti di verifica emonitoraggio, utili a delineare il percorso da seguire per una corretta inclusione deglialunni. Relativamente all’integrazione l’Istituto garantisce il rispetto della cultura, religione edelle eventuali difficoltà di apprendimento nella comunità scolastica degli studentistranieri. Art. 8 Diritto di riunione e di assemblea LIstituto garantisce lesercizio del diritto di riunione degli studenti e di organizzareassemblee di classe e d’istituto nel rispetto delle norme di Legge e del presenteRegolamento. Art. 9 Frequenza ed assolvimento degli impegni scolastici Gli studenti hanno il dovere di frequentare regolarmente le lezioni e di adempierecon diligenza agli impegni di studio curriculari e domestici. La frequenza è obbligatoria anche per tutte le attività programmate ed organizzate dalConsiglio di classe. Gli alunni sono tenuti a portare a scuola loccorrente per i compiti e le lezioni. Non è consigliabile portare somme di denaro e oggetti di valore. L’Istituto, in ognicaso, non risponde comunque di eventuali furti. Art. 10 Comportamento 1. Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti del Dirigente Scolastico, di tutto ilpersonale docente e ATA e dei compagni, lo stesso rispetto e mantenere sempre uncomportamento consono alla convivenza civile. 2. Gli alunni sono tenuti a rispettare il lavoro dei docenti e dei collaboratori scolastici. 7
  8. 8. 3. Gli studenti sono tenuti a seguire le indicazioni dei collaboratori scolastici quando,in alcune occasioni, vengano incaricati dal docente della sorveglianza di una classe o diun gruppo di alunni. 4. Gli studenti sono tenuti ad osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza. Sono tenuti inoltre ad eseguire con assoluta tempestività e rigore le azioni previste incaso di evacuazione a seguito di calamità e/o di simulazione. (si veda Regolamento evacuazione allegato al POF) 5. Gli studenti non possono allontanarsi arbitrariamente dall’edificio scolastico pertutta la durata delle lezioni. 6. È fatto divieto agli studenti di invitare estranei nelle aree scolastiche e diintrattenersi con persone che non siano dellIstituto. 7. Gli studenti sono tenuti ad un abbigliamento consono all’attività scolastica. 8. Gli studenti possono recarsi nella sala insegnanti, in segreteria, in biblioteca solo suautorizzazione di un docente e per seri motivi. 9. Gli studenti possono interrompere le lezioni per parlare con gli alunni di una classesolo se in possesso dell’autorizzazione del Dirigente Scolastico e previo consenso deldocente che sta tenendo la lezione. 10. È assolutamente vietato sostare nei bagni, negli androni, fuori delle aule, fuoridella palestra e dei laboratori durante l’orario di lezione ed al cambio di ora. 11. Gli studenti possono recarsi in bagno uno per volta e solo su autorizzazione deldocente dell’ora. 12. L’uso del telefono cellulare è tassativamente vietato durante le lezioni. Il telefono può essere sequestrato dal docente e restituito al termine delle lezioni. In caso di reiterazione del comportamento scorretto il docente può contattare lafamiglia. 13. L’uso dell’ascensore è vietato agli studenti non accompagnati. 14. È assolutamente vietato fumare in tutti i locali scolastici, compresi i servizi igienici,e nei pressi delle uscite. (si veda Regolamento Fumo allegato al POF). 8
  9. 9. 15. Gli studenti sono tenuti a parcheggiare motorini e automobili solo nei luoghiconsentiti ed in modo da non intralciare il transito di mezzi e persone o causare intralcioin caso di evacuazione. È assolutamente vietato parcheggiare sulle aiuole, davanti alle uscite di sicurezza enegli spazi riservati ai portatori di handicap se non muniti dell’apposito permesso. 16. Durante tutte le attività curriculari ed extracurriculari che si tengono al di fuoridell’edificio scolastico (visite guidate, gite d’istruzione, stage, partecipazione aconferenze, spettacoli, ecc. ) gli studenti sono tenuti ad osservare un comportamentocorretto. Devono rispettare cose e persone e seguire scrupolosamente le indicazione e leprescrizioni degli accompagnatori. Art. 11 Cambio ora 1. Al cambio di ora gli studenti sono tenuti a restare in aula, a non sostare sulla porta ea mantenere un comportamento tranquillo e rispettoso degli altri. In caso contrario sono tenuti a giustificare il loro comportamento al docente in entrata. 2. Se in corrispondenza del cambio dell’ora gli studenti di una classe devono recarsi inaltra aula, laboratorio o palestra, essi sono tenuti ad attendere all’interno della propriaaula il docente dell’ora successiva che li accompagnerà nel trasferimento. 3. Gli studenti, accompagnati dai docenti interessati, sono tenuti ad effettuare iltrasferimento in silenzio nel rispetto delle lezioni che si tengono nelle altre aule. Art. 12 Studi individuali Gli studenti che non si avvalgono della Religione Cattolica devono dichiararlo almomento dell’iscrizione precisando se intendono avvalersi delle attività alternativeorganizzate dall’Istituto o se intendono effettuare lo studio individuale. Art. 13 Ricreazione La ricreazione del biennio si tiene negli ultimi 10 minuti della seconda unità didattica. La ricreazione del triennio si tiene negli ultimi 10 minuti della terza unità didattica. La ricreazione si svolge ai piani. Su disposizione del docente in orario la classe può effettuare la ricreazione in cortileaccompagnata e sotto responsabilità del docente stesso Lo studente che si allontana dal piano o si reca in cortile o al bar non autorizzato daldocente sarà oggetto di ammonizione da parte del Dirigente Scolastico. 9
  10. 10. L’elenco degli ordini per le colazioni deve essere compilato dal rappresentante diclasse (o da un sostituto designato) nei primi 10 minuti della prima ora di lezione senzacreare disturbo o rallentare linizio della lezione. Lo stesso rappresentante può recarsi ad acquistare al bar quanto ordinato al cambio diora precedente alla ricreazione previa autorizzazione del docente presente in aula. La consumazione di quanto acquistato deve avvenire solo durante la ricreazione. Risulta ovvio che l’elenco sarà unico per giornata e che il rappresentante può recarsi albar per effettuare gli acquisti una sola volta. Art. 14 Rispetto dellambiente scolastico E dovere degli studenti utilizzare correttamente le strutture, non arrecare danni alpatrimonio dell’Istituto e della Provincia e contribuire a rendere accogliente lambientescolastico. 1. Gli studenti sono tenuti a non sporcare gli ambienti scolastici e ad effettuare laraccolta differenziata servendosi correttamente degli appositi contenitori. 2. Gli studenti devono utilizzare i servizi igienici in modo corretto rispettando le piùelementari norme di igiene e pulizia. 3. Ogni studente è corresponsabile dellintegrità degli arredi dell’Istituto eresponsabile del materiale didattico che gli viene affidato. Coloro che provocheranno guasti al materiale e o alle suppellettili dell’Istituto o dellaProvincia, proprietario dellimmobile, saranno invitati a risarcire i danni. Qualora il responsabile del danno rimanga ignoto tutti gli alunni presenti al momentodel fatto saranno chiamati in solido al risarcimento. Art. 15 Assenze personali Lo studente deve giustificare l’assenza il giorno del rientro all’inizio della prima ora,utilizzando l’apposito libretto personale. Per gli studenti minorenni la giustificazione deve essere firmata dal genitore (o da chine fa le veci) che ha depositato la firma al momento dell’iscrizione. Gli studenti maggiorenni possono firmare personalmente la giustificazione previaliberatoria del genitore o di chi ne fa le veci. I genitori degli alunni maggiorenni devono presentare allinizio dellanno scolasticouna liberatoria in cui autorizzano il figlio/a a firmare in proprio le giustificazioni. I genitori verranno comunque informati (art. 32) 10
  11. 11. In caso di assenza superiore a 5 giorni causata da malattia è fatto obbligo dipresentare, oltre alla giustificazione, certificato medico attestante la guarigione el’idoneità alla frequenza dei locali scolastici entro 3 giorni dal rientro. In caso di assenza superiore a 5 giorni causata da altri motivi è fatto obbligo dipresentare al rientro, comunque non oltre 3 giorni dal rientro, oltre alla giustificazione,una dichiarazione che attesti che i genitori (o chi ne fa le veci) sono a conoscenzadell’assenza stessa e che questa non sia stata causata da malattia. Le assenze non giustificate o giustificate in modo non consono alle norme illustrateinfluiscono sulla valutazione del voto di condotta su decisione del Consiglio di Classe. In caso di assenze frequenti , non giustificate o giustificate in modo non consono allenorme verranno contattati i genitori (o chi ne fa le veci) anche in caso di studentimaggiorenni. Si ricorda che ai fini della validità dell’anno scolastico il limite massimo ore di assenza(C.M. n°20 del MIUR del 4/03/2011) è pari a  264 per tutte le classi dell’ITI  264 per tutte le classi dell’ITG  264 per le prime, seconde e terze dell’IPSIA  248 per le quarte e le quinte dell’IPSIA  231 ore per il corso SIRIO Il Collegio Docenti, in base alla circolare n°20 del MIUR e C:M: n°95 del 24/10/2011,ha deliberato le deroghe previste dalla normativa vigente sul numero massimo di ore diassenza ai fini della validità dellanno scolastico 2012-2013: - motivi di salute continuativi adeguatamente documentati (da certificazione me d i ca ) - t e r a pie o cur e pr o g ra mma t e ( ce r t ifica t e ) - d o cu me n t a t i mo t i v i f a mi l i a r i ( se p a r a z i o n i , mo t i v i r e l i g i o s i , l ut t i , r i e n t r o n e i p a e s i d o r ig ine ) - lavorative per il solo corso serale (documentate dal datore di lavoro) - p e r mo t i v i sp o r t i v i d o cu me n t a t i p e r l a so l a a t t i v i t à a g o n i st i c a . Le deroghe verranno rese note anche con apposita circolare. Art. 16 Assenze collettive Lo studente è tenuto a giustificare l’assenza collettiva secondo le modalità illustratenell’Art. 12. Le assenze collettive verranno comunque prese in considerazione al momento dellavalutazione del voto di condotta dal Consiglio di Classe, fatto salvo quelle consideratedallo stesso di respiro nazionale. 11
  12. 12. In caso di assenze frequenti o non giustificate secondo le norme verrà contattata lafamiglia (o chi ne fa le veci), anche in caso di studenti maggiorenni. Art. 17 Ritardi In caso di ritardo in entrata inferiore ai 10 minuti (fino alle 8,15) nellambito dellaflessibilità lo studente viene ammesso in classe dal docente dellora valutata la situazionepersonale. I ritardi inferiori ai 10 minuti che non rispondano a motivi di forza maggioredocumentati dalla famiglia verranno presi in considerazione al momento dellavalutazione del voto di condotta dal Consiglio di Classe. In caso di ritardo in entrata superiore ai 10 minuti lo studente non può recarsi inclasse senza aver prima ottenuto il permesso dalla Dirigenza (o di delegato). Lo studente è tenuto inoltre a portare il giorno successivo la giustificazione per ilritardo sul libretto personale, compilando l’apposita sezione, arrecante la firma delgenitore (o di chi ne fa le veci) che ha depositato la firma al momento dell’iscrizione. I ritardi superiori ai 10 minuti (salvo i motivi di cui sopra) vengono cumulati e lasomma complessiva entra a far parte del computo del monte ore massimo di assenzerelativo alla validità dell’anno scolastico (C.M. n°20 del MIUR del 4/03/11), a meno dipresentazione tempestiva di documentazione medica. Allo scopo di limitare i ritardi e le perdite di ore di lezione necessarie per conseguirela validità dellanno scolastico, il Collegio Docenti ha deliberato che lo studente cheeffettua in un mese 3 ritardi superiori ai 10 minuti, non adeguatamente etempestivamente giustificati, verrà sottoposto automaticamente, su segnalazione delcoordinatore di classe, ad ammonizione da parte del Dirigente Scolastico; le famiglieverranno prontamente avvisate. Se lo studente accumula per 2 mesi, anche non consecutivi, 3 ritardi superiori ai 10minuti, verrà sottoposto ad adeguata sanzione da parte del Consiglio di Classe. Viene istituito un REGISTRO DEI RITARDI in cui si riportano i ritardi dei singolistudenti al fine di avere un monitoraggio costante su tutte le entrate in ritardo. RITARDI per MOTIVI di TRASPORTO Gli studenti, che per motivi di trasporto non possano raggiungere la sede scolastica intempo utile possono richiedere un permesso valido per l’intero anno scolastico. Per ottenerlo è necessaria una richiesta scritta firmata dai genitori in cui si specifica la 12
  13. 13. provenienza, l’azienda di trasporto e l’orario di arrivo del mezzo. Il permesso sarà concesso dal Dirigente Scolastico dopo accertamento dell’effettivanecessità della richiesta se mancano possibilità di trasporto compatibili. L’elenco definitivo degli studenti con permesso di ritardo per motivi di trasporto saràallegato al Registro di Classe. Art. 18 Uscite anticipate Le uscite anticipate occasionali per gli studenti minorenni verranno autorizzate soloin presenza di un genitore (o di chi ne fa le veci). Per gli studenti maggiorenni le uscite occasionali, anche in possesso di liberatoria delgenitore (o di chi ne fa le veci), saranno autorizzate solo in caso di inderogabili motivipoiché comportano la perdita di ore di lezione obbligatoria. Elenco inderogabili motivi: - motivi di salute continuativi adeguatamente documentati (da certificazione me d i ca ) - t e r a pie o cur e pr o g ra mma t e ( ce r t ifica t e ) - d o c um e n t a t i mo t i v i fa m i l i a r i ( se p a r a z i o n i , mo t i v i r e l i g i o si , l ut t i , r i e n t r o n e i p a e si d o r ig ine ) - lavorativi per il solo corso serale (documentate dal datore di lavoro) - motivi sportivi documentati dalle Società al momento delluscita. In caso di non rispetto della norma per le uscite anticipate il tempo di lezione persoverrà conteggiato come assenza ingiustificata e sarà cumulato nel monte ore di assenzamassimo consentito e influirà nella valutazione del voto di condotta in sede di Consigliodi Classe. USCITE ANTICIPATE per MOTIVI di TRASPORTO Gli studenti, che per motivi di trasporto devono uscire anticipatamente possonorichiedere un permesso valido per tutto l’intero anno scolastico. Per ottenerlo è necessaria una richiesta scritta firmata dai genitori (o di chi ne fa leveci) in cui si specifica la destinazione, l’azienda di trasporto e l’orario di partenza delmezzo. Il permesso sarà concesso dal Dirigente Scolastico dopo accertamento dell’effettivanecessità della richiesta e dellunicità del trasporto anche in orario prossimo. LIstituto è esonerato da ogni responsabilità. L’elenco definitivo degli studenti con permesso di uscita anticipata per motivi ditrasporto sarà allegato al Registro di Classe. Gli studenti interessati a permessi per motivi sportivi dovranno esibire in occasione diogni uscita la richiesta formulata dalla società sportiva di appartenenza. 13
  14. 14. Il Consiglio di Classe potrà decidere di non concedere le uscite in caso motivi didattici. Art. 19 Uso di laboratori e palestra Gli studenti possono entrare nei laboratori e nella palestra solo se accompagnati daldocente. L’uso dei laboratori e della palestra al di fuori dell’orario curriculare deve essereautorizzato ed effettuato solo in presenza di un docente. Per motivi didattici e di sicurezza le compresenze delle classi nella palestra vengonoregolamentate da un apposito piano di utilizzo. Art. 20 Uscite didattiche e viaggi d’istruzione La partecipazione alle uscite didattiche ed ai viaggi d’istruzione sono decise e regolatedal Consiglio di classe in sede di programmazione di classe ad inizio anno scolastico. Lattuazione delle uscite è subordinata alla partecipazione dei due terzi della classe. L’effettiva partecipazione della classe è subordinata all’andamento disciplinare. (si veda CAPO VI - viaggi distruzione e visite guidate) Art. 21 Esonero educazione fisica e attività sportive integrative Gli alunni che, per motivi di salute, non potranno seguire le lezioni di EducazioneFisica dovranno presentare al Dirigente Scolastico la domanda di esonero firmata dalgenitore, unitamente al certificato medico redatto su modulo A.S.L. In caso di partecipazione ad attività sportiva integrativa, ai Giochi della Gioventù eper liscrizione ai corsi di nuoto, dovrà essere presentato il certificato medico di idoneitàalla pratica sportiva specifica. SANZIONI DISCIPLINARI Art. 22 Provvedimento disciplinare I provvedimenti disciplinari hanno finalità educative e tendono al rafforzamento delsenso di responsabilità e al ripristino di rapporti corretti allinterno della comunitàscolastica, nonché alla tutela dei minori. 14
  15. 15. Sono previsti provvedimenti disciplinari per gli studenti che vengano meno ai propridoveri e ostacolino la civile e serena convivenza e la collaborazione costruttivaall’interno dell’Istituto. Le sanzioni disciplinari sono sempre temporanee, proporzionate all’infrazionedisciplinare e ispirate, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Il principio della riparazione del danno (monetario o con lavoro) vale anche nel casodi danneggiamenti alle strutture che avvengano senza individuare i responsabili. I soggetti coinvolti (classe/ l’insieme degli studenti dell’Istituto) sono tenuti allariparazione. Allo studente può essere offerta la possibilità di convertire le sanzioni in attività infavore della comunità scolastica [commutazioni]. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato primainvitato ad esporre le proprie ragioni. Tutte le sanzioni superiori all’ammonizione vengono archiviate nel fascicolopersonale dello studente oltre che comunicate contestualmente con Raccomandata aigenitori ed, eventualmente, agli Organi competenti. 15
  16. 16. Art. 23 Regolamento di disciplina MANCANZE INTERVENTO ORGANI DOVERI DISCIPLINARI SANZIONE COMPETENTI Mancanza di materiale didattico, di abbigliamento idoneo per laboratori ed educazione fisica Mancanza o incuria del libretto personale Esecuzione di compiti Richiamo verbale di altre materie Ritardi nella presentazione CORRETTA della giustificazione Annotazione sul diario e/o Ritardi al rientro convocazione deiPARTECIPAZIONE dellintervallo o ai cambi genitori di ora INSEGNANTE ALLE Disattenzione e disturbo durante le ore di lezione Annotazione sul registro di classe ATTIVITA’ Mancato rispetto delle norme comportamentali e di buona educazione DIDATTICHE Assegnazione di Comportamento scorretto compiti durante le assemblee e supplementari le attività pomeridiane ed extracurriculari Disturbo nei corridoi durante le ore di lezione DIRIGENTE SCOLASTICO Ammonizione. 16
  17. 17. Dirigente Allontanamento arbitrarioCOMPORTAMENTI scolastico dall’aula o dall’Istituto Ammonizione GRAVI 3 ritardi superiori ai 10 minuti in un mese Sospensione Consiglio allontanamento dal piano di classe durante la ricreazione con possibilità di conversione in un lavoro socialmente utile Uso di un “linguaggio” offensivo e lesivo della dignità degli altri e delle Istituzioni attraverso qualsiasi forma di comunicazione: verbale, Sospensione gestuale (fino a cinque giorni) o attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie con possibilità di Consiglio RISPETTO (immagini, telefoni conversione in un di classe cellulari, ecc.) lavoro socialmenteDELLE PERSONE Comportamenti non utile rispettosi nei confronti di DELLE NORME persone o cose e mancata osservanza delle indicazioni e prescrizioni DELLE LEGGI degli accompagnatori durante le visite guidate, gite d’istruzione, ecc. Ammonizione Dirigente scolastico 17
  18. 18. Colluttazioni, risse Sospensione Atti di violenza nei (fino a 15 giorni) Consiglio confronti di terzi con possibilità di di classe conversione in un lavoro socialmente utile Sospensione Prevaricazioni (fino a 15 giorni) Intimidazioni con possibilità di Consiglio conversione in un Atti di bullismo di classe lavoro socialmente utile Sospensione (fino a 15 giorni) con possibilità di conversione in un Furti lavoro socialmente utile Consiglio risarcimento di classe ed eventuale segnalazione alla pubblica sicurezza RISPETTO Danneggiamento di materiale esposto che sia Ammonizione Dirigente espressione scolasticoDELLE PERSONE risarcimento di attività scolastiche, attività extrascolasticheDELLE NORME o libero pensiero DELLE LEGGI Uso dei cellulari, Ritiro dell’oggetto iPod e similari Annotazione sul Docente registro di classe Possesso di oggetti potenzialmente pericolosi Convocazione dei o inadeguati genitori. 18
  19. 19. al contesto scolastico Ammonizione Dirigente scolastico Convocazione dei genitori Sanzioni Dirigente Violazione del divieto amministrative scolastico di fumare vigenti nei locali della scuola Segnalazione alle Autorità competenti Ammonizione Sospensione Danni a strutture architettoniche, arredi, (fino a 15 giorni) attrezzature, con possibilità di strumentazione conversione in un ed atti ufficiali lavoro socialmente RISPETTO utile Consiglio Violazione delle norme risarcimento di classe DELLE di sicurezza in tutti i locali dell’Istituto eventuale STRUTTURE segnalazione alla E DEGLI Atti che mettono in pubblica sicurezza pericolo l’incolumità SPAZI propria ed altrui. Risarcimento Dirigente scolastico DI singolo o collettivo LAVORO Annotazione sul Docente Aule, laboratori e spazi registro di classe lasciati in condizioni tali da pregiudicarne obbligo di pulizia Dirigente l’utilizzo riordino tempestivo scolasticoI reati di particole gravità richiedono l’intervento del Consiglio d’Istituto e possono prevedere l’allontanamento dalla comunità scolastica per una Consiglio durata commisurata alla gravità del reato o definitiva e segnalazione alle d’Istituto forze di pubblica sicurezza. NOTA: L’ammonizione viene comunicata alla famiglia dal coordinatore di classe Art. 24 Ricorsi ed Organo di Garanzia Contro la sanzione disciplinare lo studente, o chi ne ha interesse, può ricorrere, entro15 giorni dalla comunicazione della irrogazione, ad un apposito Organo di Garanzia chedovrà esprimersi nei successivi 10 giorni. Tale ricorso è ammesso solo per questioni di legittimità e non di merito. 19
  20. 20. Esso va presentato dallo studente e/o dai genitori al Dirigente Scolastico, in forma scritta e opportunamente integrato da tutti gli elementi utili. LOrgano di Garanzia è formato dal Dirigente Scolastico che lo presiede, da un docente designato dal Consiglio d’Istituto, dal rappresentante degli studenti (individuato tra la componente studentesca del Consiglio d’Istituto), da un rappresentante dei genitori (individuato tra la componente dei genitori del Consiglio d’Istituto). Le deliberazioni dell’Organo di Garanzia sono valide se adottate:  in prima convocazione dalla totalità dei membri  in seconda convocazione dai membri effettivamente presenti. L’Organo di Garanzia interviene, su richiesta degli studenti o di chiunque vi abbia interesse, anche sui conflitti che sorgano all’interno della scuola in merito all’applicazione del Regolamento d’Istituto. L’Organo di garanzia dura in carica un anno. DISPOSIZIONI GENERALI ED ORGANIZZATIVEArt. 25 Criteri di formazione delle classi iniziali Nel rispetto della recente riforma il criterio per la formazione delle classi prime è la sceltadella specializzazione formulate in fase di iscrizione. Se il numero di iscritti ad una stessa specializzazione dovesse superare il numeroconsentito per legge nella formazione di una classe i criteri per la formazione delle due opiù classi analoghe sono: 1) eterogeneità di merito e di sesso; 2) preferenze espresse dagli alunni.Art. 26 Criteri di accettazione delle domande di iscrizione alle classi prime in caso di esuberoQualora il numero di domande di iscrizione di alunni alle classi prime afferenti ai singoliindirizzi risultasse superiore rispetto al numero massimo di posti disponibili esse sarannoaccolte secondo il seguente ordine prioritario: 20
  21. 21. 1) alunni ripetenti dellIstituto che chiedono la reiscrizione a classi dello stesso indirizzo; 2) alunni ripetenti dellIstituto che chiedono liscrizione a classi di indirizzo diverso rispetto a quelle che hanno frequentato; 3) alunni che abbiano fratelli o sorelle che frequentano classi dellIstituto (condizione da attestare con apposita autocertificazione allatto delliscrizione); 4) alunni disabili; 5) alunni meritevoli che hanno riportato allEsame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione una votazione uguale o superiore ad 8/10; 6) alunni che sono figli di persone che lavorano nellIstituto; 7) in caso di ulteriore eccesso si procederà ad apposito sorteggio fino ad esaurimento dei posti disponibili; 8) agli alunni che a seguito del sorteggio rimarranno esclusi dalla classe prima appartenente allindirizzo scelto sarà offerta, nei limiti delle disponibilità di posti, la possibilità di iscriversi ad una classe prima di indirizzo diverso, in base allordine cronologico di presentazione della domanda di iscrizione; 9) Tutti gli alunni che a seguito del sorteggio rimarranno esclusi dalla classe prima appartenente allindirizzo scelto saranno comunque inseriti in una lista di attesa alla quale si attingerà in caso di ritiri o trasferimenti ad altra scuola o di non conferma delliscrizione. Art. 27 Cambio di sezione Il cambio di sezione deve essere autorizzato dal Dirigente Scolastico, verrà concesso per seri e documentati motivi, sentito il parere del Consiglio di classe ricevente. Per tutelare la didattica non sono consentiti cambi di sezione dopo il 31 ottobre. Art. 28 Orario scolastico L’orario scolastico in vigore è il seguente:ORARIO ITIS e IPSIALunedì e Sabato Martedì – Mercoledì – Giovedì – Venerdì1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora8.05 9.05 10.05 11.05 12.05 8.05 9.35 10.35 11.35 12.359.05 10.05 11.05 12.05 13.05 9.35 10.35 11.35 12.35 13.30Intervallo biennio 9.55 – 10.05 Intervallo biennio 10.25 – 10.35Intervallo triennio 10.55 – 11.05 Intervallo triennio 11.25 – 11.35 21
  22. 22. ORARIO SERALE PROGETTO SIRIO (SEDE ITIS)Ora Lun. Mar. Mer. Gio. Ven.1 17.00 -17.502 17.50 – 18.403 18.40 – 19.304 19.30 – 20.205 20.20 – 21.106 21.10 – 22.00ORARIO ITG Lun – Mer – Gio Mar - VenI ORA 8.15 – 9.13 I ORA 8.15 – 9.13II ORA 9.13 – 10.11 II ORA 9.13 – 10.11III ORA 10.11 – 11.04 III ORA 10.11 – 11.04ricreazione 11.04 – 11.14 ricreazione 11.04 – 11.14IV ORA 11.14 – 12.07 IV ORA 11.14 – 12.07V ORA 12.07 – 13.05 V ORA 12.07 – 13.24 Ricreazione pranzo 13.24 – 13.44 VI ORA 13.44 – 14.32 VII ORA 14.32 – 15.30 VIII ORA 15.30 – 16.28 Art. 29 Criteri di formulazione dell’orario delle lezioni Nella composizione degli orari scolastici si terrà conto della necessità di avere una distribuzione dell’impegno degli studenti il più possibile omogenea nei vari giorni della settimana, sia per quanto riguarda il carico didattico, sia per quanto riguarda i compiti a casa. La pianificazione dellorario è subordinata alla disponibilità dei laboratori e della palestra Le giornate libere dei docenti verranno equamente distribuite in tutti i giorni della settimana. 22
  23. 23. Art. 30 Assemblea di classe Lassemblea di classe può aver luogo una volta al mese nel limite di due oreconsecutive di lezione. Lassemblea non può essere tenuta per più di due volte nello stesso giorno dellasettimana, non può essere richiesta durante lultimo mese di lezione e non può esseretenuta in concomitanza con l’assemblea d’Istituto. La richiesta per l’assemblea di classe va presentata unitamente allordine del giorno,almeno cinque giorni prima della data prevista, al Dirigente Scolastico. Deve essere redatta su apposito modulo, sottoscritta dai rappresentanti o da almenoun decimo degli studenti della classe, corredata dalle firme per presa visione degliinsegnanti delle ore concesse per lo svolgimento dell’assemblea stessa. Durante l’assemblea l’insegnante dell’ora deve vigilare nella classe o nelle vicinanze. E’ facoltà del docente in servizio sospendere l’assemblea qualora essa non si svolga inmodo corretto. Il verbale dellassemblea, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, deve essereconsegnato al Dirigente inderogabilmente entro 3 giorni. Art. 31 Assemblea dIstituto Gli studenti hanno diritto ad una assemblea d’Istituto al mese, in orario di lezione,con la durata massima di un numero di ore pari a quelle di una giornata di lezione. L’assemblea d’Istituto non può essere tenuta per più di due volte nello stesso giornodella settimana e non può essere richiesta per lultimo mese di lezione e nel periodovicino agli scrutini intermedi. Per ragioni logistiche, organizzative e di sicurezza l’assemblea viene suddivisa per ilbiennio e per il triennio. L’assemblea d’Istituto è convocata dal Dirigente Scolastico su richiesta deirappresentanti degli studenti nel Consiglio d’Istituto. La richiesta di assemblea, redatta su apposito modulo, sottoscritta dal 10% deglistudenti, corredata dall’ordine del giorno, deve essere presentata al Dirigente Scolasticoalmeno 5 gg. prima della data richiesta. Il verbale dell’assemblea d’Istituto, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, deveessere consegnato al Dirigente scolastico inderogabilmente entro 3 giorni. Durante l’assemblea i docenti in servizio nelle classi coinvolte assicureranno lavigilanza. Durante l’assemblea d’Istituto gli studenti maggiorenni organizzano e garantiscono ilservizio d’ordine. E’ facoltà del Dirigente Scolastico sospendere l’assemblea qualora essa non si svolganelle modalità concordate con i rappresentanti degli alunni. 23
  24. 24. Art. 32 Infortuni e indisposizioni In caso di improvvisa indisposizione o infortunio dello studente saranno informati igenitori, che provvederanno a prelevarlo. Nell’impossibilità o in caso di urgenza si ricorrerà al Pronto Soccorso. Il docente dellora in cui è occorso linfortunio deve redigere lapposito verbale epresentarlo allufficio di Presidenza. In caso di malattia congenita o cronica o di patologia che preveda la somministrazionedi farmaci, il Dirigente scolastico dovrà essere informato per iscritto e dovranno esserefornite le opportune istruzioni. Art. 33 Rapporti scuola famiglia COMUNICAZIONE ALLE FAMIGLIE. Durante l’anno scolastico le comunicazioni alle famiglie relative a elezioni degliorgani collegiali, Consigli di classe, uscite anticipate relative a cause di forza maggiore eogni altra situazione che si discosta dal normale andamento della vita scolasticaverranno inoltrate tramite gli studenti con apposito tagliando. I tagliandi devono essere sottoscritti dai genitori (o da chi ne fa le veci) e riconsegnatidagli studenti al coordinatore di classe. Le comunicazioni potranno essere effettuate anche tramite SMS dallufficio didatticasu autorizzazione del Dirigente Scolastico. Il Consiglio d’Istituto, sulla base delle proposte del Collegio dei Docenti, stabilisce lemodalità di ricevimento dei genitori. Il genitore (o chi ne fa le veci) che ha depositato la firma al momento dell’iscrizione, ètenuto a giustificare sul libretto dello studente le assenze ed i ritardi nelle appositesezioni. I genitori degli studenti maggiorenni devono presentare all’inizio dell’anno scolasticouna liberatoria in cui autorizzano i figli a giustificare assenze e ritardi in proprio Le assenze vengono notificate alle famiglie degli studenti del biennioquotidianamente via SMS (al numero depositato al momento delliscrizione). Le assenze vengono notificate alle famiglie degli studenti del triennio, anche semaggiorenni, settimanalmente via SMS (al numero depositato al momentodelliscrizione). I ritardi vengono notificati alle famiglie degli studenti del biennio quotidianamentevia SMS (al numero depositato al momento delliscrizione). I ritardi vengono notificati alle famiglie degli studenti del triennio, anche semaggiorenni, settimanalmente via SMS (al numero depositato al momentodelliscrizione). 24
  25. 25. ASSENZE INFERIORI O PARI A 5 GIORNI La giustificazione per un’assenza pari o inferiore a 5 giorni va effettuata sul libretto econsegnata il giorno del rientro. ASSENZE SUPERIORI A 5 GIORNI L’assenza superiore ai 5 giorni causata da malattia va giustifica sul libretto econsegnata il giorno del rientro, inoltre è fatto obbligo consegnare il giorno del rientrocertificato medico, comunque non oltre 3 giorni dal rientro. L’assenza superiore ai 5 giorni che non sia causata da malattia va giustifica sul librettoil giorno del rientro unitamente ad una dichiarazione, firmata dallo stesso genitore, o dachi ne fa le veci, in cui dichiari di essere a conoscenza dell’assenza e che essa non siastata causata da malattia. I genitori possono interloquire con il singolo docente in orario curriculare nell’ora chequesti mette a disposizione mensilmente su appuntamento. I genitori possono incontrare la totalità dei docenti in occasione dei due incontripomeridiani organizzati dall’Istituto a novembre/dicembre ed a marzo/aprile. Le date precise dei colloqui pomeridiani verranno comunicate alle famiglie in tempoutile. In occasione degli incontri pomeridiani il coordinatore di classe consegnerà allefamiglie le valutazioni relative ad insufficienze gravi e/o lievi e le frequenze relative alperiodo di lezioni effettuato, raccolte in sede di Consiglio di Classe. Per gli studenti per i quali nessun genitore sia presente ai colloqui la comunicazionecontenente le valutazioni verrà inviata a casa. I genitori possono essere convocati ogni qualvolta il singolo docente, in proprio oattraverso il coordinatore di classe, lo ritenga opportuno per particolari situazionididattiche, disciplinari o legate alle assenze o ritardi. Al termine del primo quadrimestre, dopo gli scrutini verrà consegnata o inviataapposita scheda di informazione alle famiglie degli alunni che hanno riportatoinsufficienze. Al termine degli scrutini di fine anno viene inviata, alle famiglie degli studentipromossi con sospensione di giudizio, una comunicazione relativa alle discipline per lequali non è stata raggiunta la sufficienza, agli argomenti da approfondire per ilsuperamento degli esami di riparazione ed alle modalità del recupero. Le famiglie degli alunni non ammessi alla classe successiva verranno informatetelefonicamente prima della pubblicazione dei quadri delle valutazioni. Art. 34 Aree esterne L’uso degli spazi esterni è riservato solo agli utenti autorizzati. 25
  26. 26. Per motivi di sicurezza viene disposta la chiusura dei cancelli dell’Istituto durante lericreazioni degli studenti con le seguenti modalità: ITIS e IPSIA:  Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì dalle ore 10,15 alle ore 10,45 dalle ore 11,15 alle ore 11,45  Lunedì e Sabato dalle ore 9,45 alle ore 10,15 dalle ore 10,45 alle ore 11,15 ITG:  Tutti i giorni Dalle ore 11:04 alle ore 11:14  Martedì e venerdì Dalle ore 13:24 alle ore 13:44 (ricreazione pranzo) Chiunque transiti su veicoli nelle aree dell’Istituto ha l’obbligo di rispettare il verso di percorrenza del percorso interno, di procedere a passo d’uomo e di evitare rumori molesti. È assolutamente vietato parcheggiare sulle aiule, davanti alle uscite di sicurezza dei laboratori e della palestra, negli spazi riservati ai portatori di handicap (se non muniti dell’apposito permesso) o in modo da intralciare il normale scorrimento di mezzi e persone. Tutti gli utenti che sostano o transitano nelle aree esterne hanno l’obbligo di utilizzare gli appositi contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti e di rispettare la vegetazione. Art. 35 Esami di idoneità R e q u i s i t i d i a m m i s s io n e , p r e s e n t a z i o n e d e l l e d o m a n d e , e s a m i . I candidati esterni che sia no in po ssesso di licenza media possono p a r t e c i p a r e , t r a s c o r s o i l p r e s c r i t t o i n t e r v a l l o , a g l i e sa m i d i i d o n e i t à n e g l i i st i t u t i distruzione secondaria superiore di ogni tipo o indirizzo. S o n o d i s p e n s a t i d a l l o b b l i g o d e l l i nt er v al l o , d i c u i a l p r e c e d e n t e c o m m a , i c a n d i d a t i e s t er n i c he a b b i a n o c o m p i u t o i l d i c i o t t e s i m o a n n o d i e t à i l g i o r n o p r e c e d e n t e q u e l l o d e l l i n i z i o d e l l e p r o v e scr i t t e , a n o r ma d e l l a r t . 1 9 3 , co m ma 3 , d e l D. L . v o n . 2 9 7 / 1 9 9 4 . 26
  27. 27. I c a nd i dat i e s t e r ni c h e a b bi an o co mp i ut o o co m pi ano n e ll a n no i n co r so ilv e nt it r e e si mo a nno d i e t à s o n o d i s p e n s a t i d a l l o b b l i g o d e l l i n t e r v a l l o e d a l l ap r e s e nt az i o ne d i q u a l s i a s i t it o lo d i st u d io inferiore. Le do ma nde di a mm is s io ne ag l i e sa mi di ido n eit à de b bo no e s ser e st at e p r e s e n t a t e a l D i r i g e n t e Sco l a st i co e n t r o l a d a t a i n d i ca t a d a l l a C i r co l a r e M i n i st e r i a l e su l l e i s cr i z i o n i . L a s e s s i o n e d e g l i e sa m i d i i d o n e i t à h a i n i z i o n e l g i o r n o st a bi l i t o d a l D i r i g e n t eS c o l a s t i c o , s e n t i t o i l Co l l e g i o d e i d o c e n t iGli esami di idoneità si svolgono di norma nel mese di settembre. I ca n di d ati e st er n i, in p o sse sso di l i ce n za d i scu o la m e di a , so st en go no le pr oved e s a m e s u i pr o g r ammi int eg r al i d ell e cla s si pr e ced ent i q ue lla a lla q ual e a sp ir a no . I ca nd id at i in po s s es so d el d i p l o m a d i m a t u r i t à , d i a b i l i t a z i o n e d i s c u o l am a g i st r a l e o d i q u a l i f i ca p r o f e s si o n a l e , o v v e r o d i i do n ei t à o p ro m o zi o ne a d u n ac l a s s e p r e c e d e n t e l u l t i m a o a m m i s s i o n e a l l a f r e q u e n z a a l l a c l a s s e t er m i n al es o s t e ng o n o l e p r o v e d i e sa m e ( s c r i t t e , g r a fi c h e , o r a l i e p r a t i c h e ) s u i p r o g r a m mi d e l l eclassi pr e ce de nt i que ll a alla qu ale as pir ano , limit at ame nt e alle m at e r i e no n co mpr e sen e i p r o g r a m m i d e l l a s cuo l a d i pr o v e n ie nz a . Allinizio della sessio ne, ciascuna co mmissio ne esaminat r ice, o ssia il co nsig liod e l l a c l a s s e c h e f r e q u e n t e r à i l c a n d i d a to , p r ov v e de a l l a r ev i s io n e d e i p r o gr a m m ip r e s e n t a t i ; l a s u f f i c i e n z a d i t a l i pr o g r a m m i è c o nd i z io ne i n d i s pe n s a b il e pe rl a m m i s si o n e a g l i e sa m i . No n so no ammessi a g li esami di St at o i c andidat i che abbiano so st enut o o ches o s t e n g a n o n e l l a st e ss a se ss i o n e q u a l si a si a l t r o t i p o d i e sa me r e l a t i v o a l l o st e sso co r sod i st ud i o . Po sso no p ar te ci p ar e a g l i e sa m i d i i do ne i t à a n ch e g l i a l u nn i ch e i nt e n do n os o s t e n e r e , a i s e n s i d e l l a r t 1 9 2 , co m m a 6 , d e l D . L . v o n . 2 9 7 , e s a m i d i i d o n e i t à p e r l ac l a s s e i m me d i a t a me nt e s u pe r io r e a q u e l l a s u c c e s s i v a a l l a c l a s s e d a e s s i f r e q u e n t a t a ,p u r c h é a b b i a n o o t t e n u t o d a q u e s t a l a p r o m o z i o n e p e r e ffe t t o d i s cr ut i n i o fi n a l e esu bo r d i n a t a m e n t e a l l a d e co r r e n z a d e l l i n t e r v a l l o p r e scr i t t o . L e p r o v e o r a l i s o st e n u t e a l l a p r e se n z a d i u n s o l o c o m m i s sa r i o so n o n u l l e e d e v o n oe s s e r e r ip e t ut e . Art. 36 Esami integrativi R e q u i s i t i d i a m m i s s io n e , p r e s e n t a z i o n e d e l l e d o m a n d e , e s a m i L e d o m a nd e d i a m mi s s io ne ag l i e s am i int e g r at iv i de b bo no e ss e r e pr e se nt at e a lD i r i g e n t e sco l a st i co e n t r o i l 1 5 L ug l i o d e l c o r r e n t e a n n o s co l a st i c o . L a s e s s i o n e d e g l i e sa m i i n t e g r a t i v i h a i n i z i o n e l g i o r n o s t a bi l i t o d a l d i r i g e n t es c o l a s t i c o , s e n t i t o i l Co l l e g i o d e i d o c e n t i . 27
  28. 28. G l i e sa m i i nt e g r at iv i s i sv o lg o no di no r m a n e l me s e di se t t e mbr e . G l i a l u n n i e d i ca n d i d a t i pro m o ssi i n se d e d i scr u ti n i o f i na l e o d i e sa m i d ii d o n e i t à a c l a s s i d i i s t i t u t i d i i s t r uz i o n e s e c o n d a r i a s u p e r i o r e p o s so n o s o st e n e r ee s a m i i n t e g r a t i v i p e r cl a s s i c o r r i s p o n d e n t i d i s c u o l a d i d i v e r s o o r d i n e , t i p o oi n d i r i z z o , s u m a t e r i e n o n c o m p r e s e n e i p r o g r a m m i d e l co r so d i st ud i o d ipr o v e nie n za. Allinizio della sessio ne, ciascuna co mmissio ne esaminat r ice, o ssia il co nsig liodella classe che f r e qu e n t er à i l c a nd i d at o , p r o v v e d e a l l a r ev i s io n e d e i p r o g r a m m ip r e s e n t a t i ; l a s u f f i c i e n z a d i t a l i p r o g r a m m i è co n d i z i o n e i n d i s p e n s a bi l e p e rl a m m i s si o n e a g l i e sa m i Gl i a lu n ni c he no n ha nno co n seg uit o l a pr o mo zio ne o l id o neit à a lle cla s sis u i n d i c a t e p o s s o n o s o st e n e r e i n s c uo l e d i d iv e r so o r d in e , t ipo o i n dir iz zo , e sa m ii nt e g r a t iv i s o lt a nt o p e r cl a s se c o r r i s p o n d e n t e a q u e l l a f r e q u e n t a t a c o n e s i t on e g a t i v o ; a n a l o g a m e n t e i c a n d i d a t i e s t e r n i c h e n o n h a n n o c o n s e g u it o l i do n e it àp o s so n o so st e n e r e g l i e s a m i i n t e g r a t i v i so l t a n t o p e r c l a s s e co r r i s p o n d e n t e a q ue l l a c uid à a cc e s so i l t i t o l o d i s t ud i o p o s se d ut o . Art. 37 Passerelle G l i s t u de n t i c h e , pro ve n e n do d a al tr i I st i t ut i , c h i e do no d i es s e r e i s c r itt i al l ap r i m a c l a s s e d e l l ’ I T I S o d e l l ’ I P S I A d u r a n t e l ’ a n n o s c o l a s t i c o , so n o t e n ut i ap r e se n t a r e : In caso di iscrizione durante il primo quadrimestre:  i l n u l la o s t a de l l a s c uo l a d i pr o v e n ie n z a  l a r i c h i e st a d i i s cr i z i o n e , d a p a r t e d e i g e n i t o r i , co n u n a d i c h i a r a z i o n e c h e e s p l i c i t a l a r a g i o n e d e l l a r i c h i e st a ( a d e s e m p i o u n d i s a g i o d i i n s e r i m e n t o dell’alunno nella scuola di provenienza o la presa di coscienza di aver fatto una scelta di curricolo scolastico non rispondente alle proprie aspettative) In caso di iscrizione durante il secondo quadrimestre:  i l n u l la o s t a de l l a s c uo l a d i pr o v e n ie n z a  l a r i c h i e s t a d i i s cr i z i o n e , d a p a r t e d e i g e n i t o r i , c o n u n a d i c h i a r a z i o n e c h e e s p l i c i t a l e p r o b l e m a t i c h e c o n n e s s e a l l ’ i n s u c c e s so s c o l a st i co d e ll’ a lu n no e d a l po s s i bi le r i s c hio di d i s pe r s io n e c he ne co n s e g ue  documentazione relativa alla valutazione del primo trimestre/quadrimestre della scuola di provenienza. L i s cr iz io ne av v ie ne pr e v io co l lo q u io co n i l D i r ig e nt e S co la st i co . L e v e n t u a l e i n s e r i m e n t o , n e l l a cl a sse co n u n mi n o r n um e r o d i st ud e n t i , èsu bo r d i n a t o a l l ’ a sse n s o d e l r e l a t i v o C o n si g l i o d i cl a s se . I l C o n s i g l i o è p o i d e l e g a t o a d a c c e r t a r e e v e n t ua l i c a r e n z e d i s c i p l i n a r i , d a co l m a r ed u r a n t e l a n n o s co l a s t i c o . 28
  29. 29. G l i s t ud e n t i p r o v e n i e n t i d a a l t r i I st i t ut i p r o mo s s i a l t e r m i n e d e l p r i m o a n n o , c h ec h i e d o n o d i e s s e r e i sc r i t t i a l l a s e co n d a c l a s s e d i a l t r o i n d i r i z z o d i s t u d i , a n o r m ad e l l a r t . 5 d e l d e c r e t o d e l P r e s i d e n t e d e l l a R e p u b b l i c a n.323/ 1 999, no n so st e ng o nol e p r o v e i n t e g r a t iv e d i c u i a l l a r t . 9 2 d e l d e c r e t o l e g i s l a t i v o n . 2 9 7 / 1 9 9 4 . L i s c r i z i o n e av v i e n e p r e v io c o l l o q u i o c o n i l D i r i g e n t e S c o l a s t i co . L inse r ime nt o a vv i e ne in mo do diretto nella classe con un minor numero dist ud e n t i , d o p o a v e r p r e se n t a t o i l n ul l a o st a d e l l a s c uo l a d i p r o v e n i e n z a e s a r àpr e cedut o dalla r e lat i v a co muni cazio ne al C o nsig lio di C la sse . I l C o n s i g l i o è p o i d e l e g a t o a d a c c e r t a r e l a p r e p a r a z i o n e n e ll e ma t e r i e n o n pr e s e nt in e l p i a n o d i st u d i d e l l a n n o p r e ce d e n t e m e n t e f r e q ue n t a t o e a d i s p o r r e s p e c i f i c ii n t e r v e n t i da r e a l i z z a r e n e l l a fa s e i n i z i a le de l l a nn o s c o l a s t i c o . CAPO II - DOCENTI Art. 38 Entrata e uscita studenti I docenti in orario alla prima ora devono trovarsi in aula almeno 5 minuti primadell’inizio delle lezioni per accogliere gli studenti. I docenti dell’ultima ora vigileranno sull’uscita ordinata degli studenti dopo il suonodella campanella. L’appello deve essere effettuato alle ore 8,05 . Art. 39 Registrazione ritardi In caso lo studente entri con un ritardo inferiore ai 10 minuti il docente della prima ora è tenuto ad accoglierlo in classe. Deve segnare con una R (maiuscola) il cognome del ritardatario senza annotare nulla nelle altre sezioni del registro di classe. (art. 17) In caso il ritardo sia superiore ai 10 minuti (dalle 8,16 in poi) il docente è tenuto ad ammettere in classe lo studente solo se munito di permesso firmato dalla Dirigenza (o delegato). Deve sottolineare il cognome del ritardatario scritto nella sezione ASSENTI e riportare il cognome dello studente e l’ora di entrata registrata sul permesso nella sezione “RAPPORTI del PROFESSORE” del registro di classe firmando l’annotazione. (art. 17) 29
  30. 30. RITARDI per MOTIVI di TRASPORTO L’elenco definitivo degli studenti con permesso definitivo per motivi di trasporto saràallegato al Registro di Classe. Per gli studenti nellelenco di cui sopra il docente non deve riportare il ritardo se essocoincide con l’orario registrato nell’elenco stesso. Si ricorda che l’esatta annotazione diversificata dei due tipi di ritardo èfondamentale perché necessaria al computo del monte ore massimo di assenzeconsentite dal C.M. n°20 del MIUR del 4/03/11. Art. 40 Registrazione uscite anticipate Nel caso lo studente esca anticipatamente il docente dell’ora interessata dall’uscitadeve aggiungere il nominativo a quello degli assenti con l’ora di uscita riportata sulpermesso ed annotarlo nell’apposita sezione delle giustificazioni siglando con la propriafirma. USCITE per MOTIVI di TRASPORTO L’elenco degli studenti con permesso definitivo per motivi di trasporto sarà allegato alRegistro di Classe. Per gli studenti nellelenco di cui sopra il docente non deve registrare niente sulregistro di classe. Si ricorda che l’esatta annotazione è necessaria al computo del monte ore massimo diassenze consentite dal C.M. n° 20 del MIUR del 4/03/11. Art. 41 Registrazione giustificazioni ASSENZE L’insegnante della prima ora deve registrare la giustificazione relativa ad una assenzaannotandola nell’apposita sezione del registro di classe riportando i giorni relativiall’assenza stessa e siglando con la propria firma. Il docente è tenuto a controllare che la giustificazione sia compilata correttamente eche sia firmata dal genitore, o di chi ne fa le veci, che ha depositato la firmaall’iscrizione. In caso di assenza per malattia superiore a 5 giorni il docente deve registrare laconsegna del certificato medico dovuto per consentire l’accettazione nei locali scolasticidello studente. (art. 15) In caso di assenza superiore a 5 giorni causata da altri motivi il docente deve 30
  31. 31. registrare la consegna della certificazione dei genitori dovuta in questi casi per accertareche gli stessi siano a conoscenza dell’assenza e questa non sia stata dovuta a malattia.(art. 16) In caso lo studente non consegni la giustificazione il giorno del rientro il docente devesegnalare la mancanza al giorno successivo. Se la mancata presentazione della giustificazione si prolunga di qualche giorno ildocente della prima ora è tenuto a segnalare il fatto al Vicario consegnandogli il registrodi classe tramite collaboratore scolastico e, successivamente al coordinatore. Se lo studente non consegna il certificato medico (malattia) o la certificazione deigenitori (altri motivi) entro 3 giorni dal rientro il docente è tenuto a segnalare il fatto alVicario consegnandogli il registro di classe tramite collaboratore scolastico. (art. 15) RITARDI L’insegnante della prima ora deve registrare la giustificazione relativa ai ritardisuperiori a 10 minuti annotandola nell’apposita sezione del registro di classe siglandocon la propria firma. Il docente è tenuto a controllare che la giustificazione sia compilata correttamente eche sia firmata dal genitore, o di chi ne fa le veci, che ha depositato la firmaall’iscrizione. (art. 17) In caso lo studente non consegni la giustificazione il giorno del rientro il docente devesegnalare la mancanza al giorno successivo. Se la mancata presentazione della giustificazione si prolunga di qualche giorno ildocente della prima ora è tenuto a segnalare il fatto al Vicario consegnandogli il registrodi classe tramite collaboratore scolastico. Art. 42 Cambio di ora Al cambio di ora il docente è tenuto a recarsi nell’aula dell’ora successiva in tempibrevi per evitare che la classe rimanga senza sorveglianza per troppo tempo. Nel caso in cui il docente lasci una classe o un laboratorio con gli studenti è tenuto adaccertarsi che i locali siano lasciati in ordine ed il materiale utilizzato riposto in ordinenegli armadi. Il docente che deve effettuare un cambio di aula con gli studenti di una classe (o partedi essi) deve prelevare gli studenti dall’aula in cui si trovano e accompagnarli neltrasferimento vigilando affinchè questo avvenga nel massimo silenzio e nel rispettodelle lezioni che si svolgono nelle altre aule. 31
  32. 32. Art. 43 Ricreazione La sorveglianza e la responsabilità sugli alunni durante lintervallo sono affidate alDocente dellora in cui cade la ricreazione. La ricreazione sarà fatta sui piani salvo diversa disponibilità del Docente a spostarsisorvegliando tutta la classe. La responsabilità della vigilanza degli alunni,da parte dei docenti, deve considerarsisussistente fino a quando lalunno si trovi nelle aule, nei laboratori, ma anche neglispazi comuni e nelle pertinenze. Se il docente accompagna la totalità della classe in cortile deve vigilare affinché essi sicomportino in modo corretto, non si disperdano e che rientrino tutti in aula in tempoutile al puntuale inizio dell’ora di lezione successiva. Art. 44 Registri personali e di classe I registri personali devono essere compilati con cura ed in tutte le parti e tenuticostantemente aggiornati in ogni loro parte esclusivamente a penna, conservatinell’apposito cassetto della sala docenti a disposizione e consegnati su richiesta delladirigenza. Il docente è tenuto a riportare sul registro di classe gli argomenti trattati ed i compitiassegnati. I docenti sono tenuti a riportare qualsiasi tipo di annotazione su assenze, ritardi e uscite anticipate sul registro di classe negli appositi spazi in modo chiaro e occupando il minimo spazio possibile, tenendo conto che tutte le informazioni devono essere lette e gestite dai coordinatori, dallufficio della didattica e consultate in sede di Consiglio di Classe e dal Dirigente Scolastico. Tutti i docenti sono pregati di prestare particolare attenzione, precisione e uniformità nella registrazione differenziata dei ritardi inferiori o superiori ai 10 minuti. Si ricorda che questi ultimi vengono computati nel calcolo delle ore massime di assenza per la validità dell’anno scolastico e nella valutazione del voto di condotta. Art. 45 Altre Il docente deve conoscere e rispettare il Regolamento di Istituto. È cura di ogni docente che gli studenti lo rispettino durante tutto l’anno scolastico. Il docente può dare il permesso di recarsi in bagno ad un solo studente per volta. 32
  33. 33. È inoltre tenuto a vigilare affinchè l’uscita non duri troppo tempo e che lo studentenon si allontani e che non disturbi con comportamenti scorretti. Non è consentito far uscire gli studenti dall’aula per punizione. Il docente, nella propria ora, è responsabile dello studente anche se questo è fuoridall’aula. La responsabilità della vigilanza degli alunni deve considerarsi sussistente fino aquando lalunno si trovi nelle aule, nei laboratori, ma anche negli spazi comuni e nellepertinenze. I docenti non possono utilizzare i telefoni cellulari durante le lezioni. L’uso del telefono dell’Istituto è limitato ad uso strettamente scolastico. Il docente può sequestrare il telefono allo studente che ne fa uso durante l’ora dilezione e restituirlo al termine della giornata. Se lo studente è recidivo il docente può decidere di contattare la famiglia in proprio otramite il coordinatore di classe. I docenti comunicheranno ai collaboratori del Dirigente Scolastico lora mensile diricevimento dei genitori, in orario curriculare su appuntamento (su base dellorariodefinitivo). Potranno eventualmente ricevere anche in altri giorni in base alla loro disponibilità. Il docente è tenuto ad avvisare le famiglie relativamente a qualsiasi attività didattica che esuli da quelle curriculari. In caso di infortunio di uno o più studenti in aula, laboratorio, palestra il docente ètenuto ad informare tempestivamente l’ufficio di Presidenza o, se la situazione lorichiede, chiamare personalmente il Pronto Soccorso ed avvisare contestualmente lafamiglia. In ogni caso il docente è tenuto a relazionare sull’infortunio. Le circolari, lorario scolastico e le designazioni firmate dal D.S. che il docente è tenutoa firmare per presa visione, sono da intendersi per il docente stesso ordini di servizio. Si ricorda che è fatto divieto di impartire lezioni private agli studenti dell’Istituto. Le richieste di congedo, a qualsiasi titolo, devono essere inoltrate per iscritto suapposito modulo compilato in ogni parte corredati di documentazione. I congedi con carattere di urgenza devono essere notificati tempestivamente pertelefono al fine di consentire le sostituzioni. Successivamente saranno esibite le relative domande scritte e documentazione. 33
  34. 34. Il docente deve conoscere e far rispettare il piano di evacuazione d’Istituto esensibilizzare gli studenti alle problematiche della sicurezza. Il docente è tenuto a rispettare e far rispettare la normativa interna per il divieto difumo. Si ricorda che è vietato parcheggiare davanti alle uscite di sicurezza, negli spaziriservati ai portatori di handicap se non muniti di apposito permesso, sulle aiuole o inqualsiasi posizione che non consenta lo scorrimento di mezzi e persone. È fatto obbligo rispettare la cartellonistica posta ai cancelli ed il senso di marciaall’interno del cortile. Art. 46 Funzioni e compiti del Coordinatore di classe È funzione del coordinatore favorire la coesione tra gli studenti della classe, ascoltarele esigenze ed eventualmente intervenire in caso di problemi relazionali lievi. In caso di problematiche gravi interne alla classe è tenuto a richiedere la convocazionedel Consiglio di Classe. È compito del coordinatore leggere e illustrare alla classe il Regolamento di Istituto,soprattutto la sezione relativa agli studenti, ed adoperarsi perché questo vengarispettato durante tutto l’anno scolastico. Cura, insieme agli altri docenti ed ai rappresentanti degli studenti, la buona tenutadell’aula e dei locali dell’Istituto, il rispetto della raccolta differenziata dei rifiuti,adoperandosi affinché maturi negli allievi il rispetto degli ambienti scolastici. Coordina la programmazione di classe per quanto riguarda le attività curriculari edextra curriculari. Monitorizza il profitto degli studenti tramite frequenti contatti con i docenti delConsiglio di Classe. Controlla regolarmente le assenze, i ritardi inferiori e/o superiori ai 10 minuti e leuscite anticipate tenendo il computo per ogni singolo studente. Conta il numero di ritardi superiori ai 10 minuti (la cui somma entra nel computodelle ore massime di assenza consentite per la validità dell’anno scolastico C.M. n°20del MIUR del 4/03/11), perché il Consiglio di Classe possa valutarli in fase divalutazione del voto di condotta in sede di scrutinio intermedio o finale 34
  35. 35. Conteggia il numero di rapporti disciplinari e richiami dei docenti. Conteggia il numero di ammonizioni comminate dal Dirigente Scolastico. Conteggia il numero di sospensioni comminate dal Consiglio di Classe. Riferisce di tutti questi parametri in sede di Consiglio di Classe e di scrutini intermedio finali. Presiede per delega del Dirigente, in caso di assenza di questi, il Consiglio di classe disua competenza, organizzandone il lavoro. Cura la redazione immediata dei verbali delle sedute del Consiglio di Classe, Custodisce con cura il registro dei verbali dei consigli di classe. Informa il Dirigente sugli avvenimenti più significativi della classe segnalandone iproblemi. CAPO III – MANSIONARI STRUTTURA ORGANIZZATIVA PER PROCESSI E ORGANI Art. 47 Funzioni e compiti del responsabile sub-consegnatario di laboratorio Concorda col Dirigente Scolastico e il Direttore di Dipartimento, le modalità e i tempid’accesso ai laboratori o aule speciali (aule di informatica) predisponendo per questeultime apposito registro di presenza giornaliera. Dà all’assistente tecnico le disposizioni opportune per la migliore fruizione dellastruttura. All’inizio dell’anno scolastico, coadiuvato dall’assistente tecnico, redige il verbale diconsistenza di tutto il materiale esistente nei laboratori o aule speciali e ne consegnacopia al D.S.G.A. Tiene un registro di laboratorio ed una lista del materiale di consumo disponibile. 35
  36. 36. Provvede alla conservazione dei beni e del materiale di cui è sub-consegnatario finoalla riconsegna dello stesso che avviene alla fine dell’anno scolastico. Provvede a segnalare quanto è necessario per lo svolgimento delle attività (acquistomateriali, manutenzione e riparazione) e curare l’efficienza e la sicurezza dell’ambientedi lavoro. In caso di danni, manomissioni o furti, segnala tempestivamente per iscritto, lasituazione alla Presidenza al fine di individuare eventuali responsabili. A conclusione dell’anno scolastico redige una relazione sull’attività svolta. Art. 48 Funzioni e compiti del Coordinatore di dipartimento È responsabile del coordinamento delle attività didattiche che coinvolgono il proprioDipartimento ed ha ruolo di tramite tra la Dirigenza e i docenti del Dipartimento. Coordina le attività del Dipartimento dal punto di vista logistico-temporale facendosicarico delle esigenze e delle problematiche relative alla disciplina in sede di CollegioDocenti e nei confronti della dirigenza. Pianifica lintegrazione delle attività previste dai Progetti Speciali con lattivitàcurricolare. Coordina la formulazione e la realizzazione delle attività di recupero edapprofondimento relative alla disciplina, oltreché le attività extra-curricolari in cui siacoinvolto il Dipartimento È sub-consegnatario di tutto il materiale in gestione al Dipartimento non assegnato aresponsabili di cui provvede a disporre un elenco Programma gli ampliamenti e le integrazioni del parco strumenti. E’ membro, all’occorrenza, del Comitato Tecnico-Scientifico previsto dalla Riformadegli Istituti Tecnici e Professionali. Coordina lo svolgimento e la verbalizzazione immediata delle riunioni delDipartimento e le raccoglie nellapposito registro. Art. 49 Funzioni e compiti del Responsabile dell’Ufficio Tecnico Predispone le pratiche amministrative per gli acquisti e i collaudi. Segue e coordina le operazioni connesse all’acquisto ed alla manutenzione delleattrezzature, della strumentazione e dei materiali dell’Istituto. 36
  37. 37. E’ membro delle commissioni acquisti e collaudi. Collabora con i coordinatori di dipartimento ed i responsabili di laboratorio per unmigliore utilizzo delle risorse logistiche. Coordina le operazioni di manutenzione delle apparecchiature e interagisce con ifornitori di beni e servizi. Coordina lattività di manutenzione generica eseguita dagli assistenti tecnici ecollaboratori scolastici, appositamente incaricati. Cura i rapporti con l’Ente proprietario dell’edificio scolastico per la manutenzioneordinaria e straordinaria delle strutture ed infrastrutture. Custodisce l’originale di tutto il software tecnico in dotazione all’Istituto. Collabora con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione in tema disicurezza. Controlla ed evidenzia immediatamente le situazioni di rischio informandone informa scritta il Dirigente Scolastico ed il responsabile della sicurezza Coordina le operazioni di dismissione di macchinari e materiali pericolosi presenti neilaboratori Razionalizza gli spazi unitamente ai responsabili di laboratorio. Art. 50 Funzioni e compiti del Comitato Tecnico Scientifico Composto da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e dellaricerca scientifica e tecnologica, con funzioni consultive e di proposta perlorganizzazione delle aree di indirizzo e lutilizzazione degli spazi di autonomia eflessibilità. Interviene, su convocazione del D.S., nella valutazione dei quadri comparativipredisposti dall’Ufficio Tecnico, per la scelta dei fornitori di beni e servizi, nel rispettodelle indicazioni contenute nel D.I. n. 44 del 1 febbraio 2001. Ai componenti del comitato non spettano compensi di alcun tipo. 37
  38. 38. Art. 51 Funzioni e compiti del Comitato Tecnico Scientifico per collaudi eacquisti Verifica la rispondenza dei beni mobili inventariabili alle specifiche richieste. FUNZIONIGRAMMA Assicura la gestione unitaria dell’Istituto, DIRIGENTE esercita la legale rappresentanza, è responsabile SCOLASTICO della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio DIRIGENZA Assicura l’unitarietà della gestione dei DIRETTORE servizi amministrativi e generali in coerenza alle GENERALE SERVIZI finalità ed obiettivi del POF dell’istituzione AMMINISTRATIVI scolastica Collaboratore DS Collaborano con il Dirigente Scolastico con funzioni vicarie nella fase di progettazione e di realizzazione dei processi organizzativi e comunicativi. STAFF Su delega del DS esercitano specifiche funzioni e compiti connessi ad aspetti Collaboratore DS gestionali e di processo Presidiano, avvalendosi anche dell’apporto di altri coordinatori, i seguenti punti strategici: curricoli, Funzioni laboratori,progetti, lotta al disagio e orientamento formativo e informativo, Strumentali valutazione ed autovalutazione, rapporti con istituzioni ed enti esterni Presidente Elabora e adotta gli indirizzi generali Dirigente scolastico dell’Istituto; determina la forme di autofinanziamento; delibera il programma Consiglio annuale(bilancio di previsione e conto Componente docente consuntivo): delibera sull’organizzazione e sulla D’Istituto programmazione della vita e dell’attività della Componente genitori scuola, nei limiti delle disponibilità di bilancio; Componente alunni adotta il Piano dell’Offerta Formativa elaborato dal Collegio dei Docenti Componente ATA 38
  39. 39. Comitato di Componenti Effettivi E’ presieduto dal Dirigente Scolastico; valuta, su richiesta del docente, il servizio degli Valutazione insegnanti ed esprime un parere obbligatorio sul Componenti supplenti periodo di prova dei docenti di ruolo e servizio Elabora il P.O.F. ; delibera in materia di funzionamento didattico dell’Istituto; cura la programmazione dell’azione educativa per Collegio E’ composto dal D. S. adeguare i programmi di insegnamento alle e dal personale docente esigenze ambientali; formula proposte al docenti dell’istituto Dirigente scolastico per la formazione e assegnazione delle classi ai docenti e per l’orario delle lezioni; provvede all’adozione dei libri di testo. CAPO IV – PERSONALE A.T.A. Art. 52 Personale di segreteria Il personale amministrativo è gestito dal Direttore dei Servizi Generali per quanto disua competenza. Riceve ordine di servizio tramite nota approntata dal DS sul foglio stesso delledirettive e comunicazioni che giungono dall USP e/o USR o verbalmente. E tenuto a rispettare le scadenze, agire con diligenza e si assume la responsabilitàdelle pratiche espletate sottoscrivendole ed identificando con una sigla il nominativo dichi ha compilato. Art. 53 Collaboratori scolastici I collaboratori scolastici sono tenuti a svolgere le mansioni di propria competenzapreviste dal CCNL. In particolare, per quanto attiene alla sorveglianza, sono tenuti a:  controllare che nei corridoi non stazionino studenti e/o estranei alla scuola  segnalare al D.S. entro cinque minuti lassenza del docente dellora  sorvegliare le classi nel cambio dellora  sorvegliare le classi durante la ricreazione in tutte le aree di loro competenza  sorvegliare la classe che rimane temporaneamente scoperta dal docente  segnalare giornalmente eventuali danni a suppellettili e/o attrezzature scolastiche  collaborare a sorvegliare le classi durante i trasferimenti. 39
  40. 40. Art. 54 Assistenti tecnici Gli assistenti tecnici sono tenuti a svolgere le mansioni previste dal CCNL. In particolare durante il periodo di assistenza alle attività didattiche di laboratorio dovrannofornire le attrezzature necessarie e, a fine lezione, riporle e curarne la funzionalità, controllare chenon si siano verificati guasti o danni ed eventualmente segnalarli al responsabile del laboratorio. CAPO V - LABORATORI ED AULE SPECIALI Art. 55 Disposizioni generali ed uso di laboratori, aule speciali e palestra Allinizio di ogni anno i laboratori e le aule speciali sono assegnati dal D.S.G.A., suindicazione vincolante del Dirigente Scolastico, alla responsabilità di un docente chesvolge funzioni di sub-consegnatario. Linsegnante avrà cura, allinizio ed alla fine di ogni lezione, di verificare lintegrità diogni singola postazione e di ogni singolo strumento utilizzato. Qualora alla fine della lezione dovesse rilevare danni che non erano presenti allinizio,è tenuto a darne tempestiva comunicazione scritta al Dirigente Scolastico. Deve segnalare in forma scritta tutte le situazioni di pericolo I laboratori e le aule speciali devono essere lasciate in perfetto ordine. Al fine di un sicuro controllo del materiale, linsegnante prenderà nota dellapostazione e degli strumenti assegnati allo studente o al gruppo di studenti. Lorario di utilizzo dei laboratori e aule speciali sarà affisso a cura dei responsabili. Ogni laboratorio o aula speciale è dotata di registro dell’attrezzatura in dotazione. In caso di danni, manomissioni, furti alle attrezzature o ai locali il responsabile dellaboratorio o il docente di turno, sono tenuti segnalare tempestivamente la situazione inPresidenza. Gli studenti non possono recarsi in laboratorio o aula speciale se non in presenzadell’insegnante. 40
  41. 41. CAPO VI – VIAGGI D’ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Art. 56 Viaggi d’istruzione 1. I viaggi d’istruzione vanno progettati ed approvati dal Collegio docenti e dalConsiglio di Classe ad integrazione della normale programmazione didattico culturaledi inizio anno sulla base degli obiettivi didattici ed educativi. Nei consigli di classe previsti per il mese di ottobre vanno deliberate le mete. 2. La durata massima dei viaggi è fissata in sei giorni ed essi non vanno effettuatinell’ultimo mese delle lezioni. 3. Al fine di ridurre i costi è opportuno accorpare le classi ed evitare i periodi di altastagione. Le mete dovranno essere comuni per classi parallele. Gli studenti delle classi quinte dell’IPSIA, ITIS e ITG possono concordare viaggid’istruzione comuni. 4. Gli insegnanti accompagnatori ed i supplenti, scelti di norma fra i docenti dellaclasse, devono essere uno ogni 15 studenti. 5. In ogni caso ciascuna classe deve avere un proprio insegnante come accompagnatore. 6. È necessario assicurare la partecipazione dei 2/3 degli studenti componenti lesingole classi coinvolte. 7. È possibile derogare al vincolo della partecipazione dei 2/3 degli studenticomponenti le singole classi coinvolte solo nel caso in cui il viaggio sia relativo allapartecipazione di alunni a Concorsi, Festival, Selezioni in competizioni extra comunalidi varia natura. 8. Occorre prevedere almeno un accompagnatore ogni 2 alunni diversamente abili. 9. Un genitore può accompagnare un alunno diversamente abile, facendosi caricodelle spese. 10. Le classi prime e seconde possono partecipare solo alle visite guidate (quindi daeffettuarsi in giornata), le classi terze e quarte possono effettuare viaggi di istruzionecon durata massima di quattro giorni, le classi quinte possono effettuare viaggidistruzione con durata massima di sei giorni. 11. Nella programmazione dei viaggi bisogna prevedere sempre la pensionecompleta. 41

×