Programmi comunitari vegal salvi

666 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
666
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
46
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Programmi comunitari vegal salvi

  1. 1. Il futuro dei principali programmi comunitari 2014-2020
  2. 2. Programmi nel settore della formazione 2014-2020 ERAMUS PER TUTTI
  3. 3. Programmi nel settore della formazione 2014-2020 Programma di Apprendimento permanente Gioventu’ in azione ERAMUS Sostituisce 7 programmi Eramus MundusPER TUTTI Tempus Edulink Alfa Programma di cooperazione bilaterale con I paesi industrializzati
  4. 4. ERAMUS PER TUTTI“Erasmus for All” raggruppa, in un unicoprogramma, tutti i programmi nel settore dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport anche quelli di dimensione internazionale Novità del programma: Azione per lo sport
  5. 5. ERAMUS PER TUTTI sosterrà 3 azioni: AZIONE 3 AZIONE 2AZIONE 1 Sostegno alle riforme Cooperazione negli Stati Membri per istituzionale tra modernizzare i sistemiOpportunità di istituti diapprendimento per i di istruzione e istruzione, formazione esingoli, sia all’interno organizzazioniche all’esterno dell’UE promuovere giovanili, imprese, l’innovazione, autorità locali e l’imprenditorialità e regionali e ONG l’occupazione
  6. 6. ERAMUS PER TUTTI: AZIONE 1 Opportunità di apprendimento per i singoli, sia all’interno che all’esterno dell’UE Azioni: Studio e formazione Tirocini Insegnamento e sviluppo professionale e attività giovanili non formali come ad esempio il volontariatoI cittadini europei avranno lopportunità di studiare, formarsi oinsegnare presso istituzioni di istruzione superiore ovunque nel mondoe gli studenti e il personale docente non europeo avrannolopportunità di studiare, insegnare e apprendere in Europa.
  7. 7. ERAMUS PER TUTTI: AZIONE 2Cooperazione istituzionale tra istituti di istruzione,organizzazioni giovanili, imprese, autorità locali e regionali e ONG Azione: incoraggia lo sviluppo e lattuazione di prassi innovative nel campo dellistruzione, della formazione e delle attività giovanili e per promuovere loccupabilità, la creatività e limprenditorialità.
  8. 8. ERAMUS PER TUTTI: AZIONE 3Sostegno alle riforme negli Stati Membri permodernizzare i sistemi di istruzione e formazione epromuovere l’innovazione, l’imprenditorialità el’occupazione Tra le varie Azioni ci sarà: attuazione degli strumenti UE in tema di trasparenza, studi transfrontalieri e sostegno ad agende politiche specifiche come i processi di Bologna (istruzione superiore) e di Copenhagen (istruzione e formazione professionali
  9. 9. ERAMUS PER TUTTI Promuoverà anche la ricerca e l’insegnamento in materia di integrazione europea e sosterrà lo sport di base Bilancio proposto: 19 miliardi di euro con unincremento del 70% rispetto al bilancio attuale
  10. 10. ERAMUS PER TUTTI 2 elementi nuovi:Sistema di garanzia e prestiti per Creazione di 400:aiutare gli studenti a livello di “alleanze della conoscenza”master a finanziare i loro studi eall’estero per acquisire le abilità “alleanze di competenzenecessarie per posti di lavoro ad settoriali”alta intensità di conoscenze.
  11. 11. ERAMUS PER TUTTI alleanze di alleanze della competenze conoscenza settorialisono partenariati su ampia scala sono partenariati tra gli erogatoritra le istituzioni di istruzione di istruzione e formazione e lesuperiore e le imprese per imprese per promuoverepromuovere la creatività, loccupabilità formando nuovilinnovazione e curricula a specificità settoriale elimprenditorialità offrendo forme innovative dinuove opportunità di insegnamento e formazioneapprendimento e qualifiche professionali
  12. 12. ERAMUS PER TUTTI Beneficiari discenti e formatori nellambito di qualsiasi organismopubblico o privato attivo nel campo dellistruzione, dellaformazione, della gioventù e dello sport.Esso sosterrà esperienze e attività di apprendimento formale enon formale in tutti i settori
  13. 13. ERAMUS PER TUTTI Quali paesi possono partecipare? Stati Membri UE Islanda, Norvegia, Lichtenstein e Svizzera Paesi che beneficiano di una strategia di pre-adesione e Paesi deiBalcani occidentali I paesi non UE (in particolare i paesi del vicinato) potrannoavvalersi delle azioni volte a promuovere le opportunità di studio e diformazione all’estero come anche delle attività giovanili
  14. 14. Programmi nel settore del sociale/cultura 2014-2020 EUROPA PER I CITTADINI 2014-2020
  15. 15. Programmi nel settore sociale/culturale 2014-2020EUROPA Sostituisce il Europa per i PER I programma cittadiniCITTADINI
  16. 16. EUROPA PER I CITTADINI “EUROPA per i cittadini mira a migliorare la consapevolezza e la comprensione dell’UE, della sua storia e dei suoi valori da parte dei cittadini e a comprendere l’impatto delle politiche UE sulla loro vita quotidianaDotazione finanziaria prevista: 229 milioni di euro
  17. 17. EUROPA PER I CITTADINI sosterrà azioni del tipo: Partenariati tra città (Gemellaggi) Commemorazioni del Volti a rendere i cittadini passato dell’Europa più consapevoli dell’UE della sua storia e dei suoi valoriIl programma prevede dibattiti e discussioni su temilegati all’UE, che favoriranno un maggiorecoinvolgimento dei cittadini in attività civiche edemocratiche
  18. 18. EUROPA PER I CITTADINI sosterrà le seguenti misure: sostiene organizzazioni per la promozione di dibattiti e Memoria e attività sulla storia e integrazione europea a livello cittadinanza transnazionale che abbiano una chiara dimensione europea europeaCoinvolgimento che mira a portare lEuropa più vicina ai suoidemocratico e cittadini nonché a rendere questi ultimi più attenti e informati riguardo allUnione europea, il che dovrebbepartecipazione da ultimo aumentare la partecipazione dei cittadini alla civica vita politica dellUE questa è una dimensione orizzontale dellintero programma. Si concentrerà sullanalisi, diffusione,Valorizzazione comunicazione e valorizzazione dei risultati dei progetti conseguiti nelle linee precedenti
  19. 19. EUROPA PER I CITTADINI Finanzia i seguenti tipi di azione:riunioni di cittadiniGemellaggi/partenariati di cittàcreazione di reti e partenariati transnazionalisostegno alle organizzazioni di interesse europeo generaledibattiti e a livello di comunità sui temi legati alla cittadinanza attraverso lutilizzo delle TIC e/o deisocial mediadibattiti e discussioni su temi legati all’UE, che favoriranno un maggiore coinvolgimento deicittadini in attività civiche e democraticheeventi a livello europeodibattiti/studi e interventi per la definizione dei momenti che hanno caratterizzato la storiaeuropea, in particolare qualli che tengono in vita la memoria relativa ai crimini verificatisi duranteil nazismo e lo stalinismo Commemorazioni del passato dell’Europa riflessione e dibattiti sui valori comuni iniziative per aumentare la consapevolezza sulle istituzioni europee e sul loro funzionamento Azioni che sfruttano e successivamente valorizzano i risultati delle iniziative finanziate Studi su temi legati alla cittadinanza e alla partecipazione civica Sostegno alle strutture di informazione/consulenza negli Stati Membri
  20. 20. EUROPA PER I CITTADINI Per sensibilizzare i cittadini ai diversi aspetti della cittadinanza europea il nuovo programma sosterrà:1. Gruppi di riflessione2. gruppi di cittadini3. altre organizzazioni della società civile Per quanto riguarda la parte del programma dedicata alla memoria, i cittadini sono coinvolti in una riflessione sulla storia dell’integrazione europea, sulla sua identità e i suoi obiettivi
  21. 21. EUROPA PER I CITTADINI Quali paesi possono partecipare?Stati Membri UEPaesi in pre-adesionePaesi candidatiPaesi potenziali candidatiPaesi EFTA.
  22. 22. EUROPA PER I CITTADINI BeneficiariPossono presentare una domanda: tutti gli attori chiave che promuovono lintegrazione europea,in particolare gli enti locali e le organizzazioni Organizzazioni di ricerca sulle politiche pubbliche europee(think-tanks) gruppi di cittadini altre organizzazioni della società civile (associazioni disopravvissuti) istituti di ricerca e di istruzione
  23. 23. Programmi nel settore del sociale/cultura 2014-2020 EUROPA CREATIVA 2014-2020
  24. 24. Programmi nel settore sociale/culturale 2014-2020 Cultura EUROPA Sostituisce 3 programmi MediaCREATIVA Media Mundus
  25. 25. EUROPA CREATIVA “EUROPA CREATIVA sosterrà il cinema europeo e i settori culturali e creativi, permettendo loro di contribuire maggiormente alloccupazione e alla crescitaDotazione finanziaria prevista: 1,8 miliardi di euro
  26. 26. EUROPA CREATIVAIl programma riunirà i meccanismi di sostegno, attualmente separati,previsti per il settore audiovisivo e della cultura in Europa in uno“sportello unico” aperto a tutte le industrie culturali e creative.Continuerà a far fronte alle esigenze specifichedell’industria dell’audiovisivo e degli altri settoriculturali e creativi attraverso le specifiche sezioniCultura e Media
  27. 27. EUROPA CREATIVA Creerà, inoltre un nuovo strumento di garanzia finanziaria che consentirà ai piccolioperatori di accedere a prestiti bancari per un valore complessivo di 1 miliardo di euro
  28. 28. EUROPA CREATIVA: Tre componentiIl programma avrà 3 componenti: Una componente trans-settoriale dedicata a tutti i settori creativi e culturali; Una componente culturale dedicata ai settori creativi e culturali; Una componente Media dedicata al settore audiovisivo
  29. 29. EUROPA CREATIVA: CulturaLa sezione CULTURA darà il sostegno a: Circa 8 000 organizzazioni culturali e 300 000 artisti, professionisti della cultura e le loro opere riceveranno un sostegno per varcare i confini dei loro paesi e acquisire lesperienza che li aiuterà a intraprendere carriere internazionali. traduzione di più di 5.500 libri e altre opere letterarie.
  30. 30. EUROPA CREATIVA: MediaLa sezione MEDIA: contribuirà inoltre alla distribuzione di più di 1.000 film europei nel mondo, su piattaforme tradizionali e digitali; fornirà anche finanziamenti per i professionisti del settore audiovisivo per aiutarli a inserirsi sui mercati internazionali e a lavorare con successo e promuoverà lo sviluppo di film e altre opere audiovisive che presentano un potenziale di distribuzione transfrontaliera.
  31. 31. EUROPA CREATIVA BeneficiariOrganizzazioni culturali e dell’audiovisivo, della musica, dellearti e dello spettacolo.Europa creativa NON consente domande presentate da privaticittadini Circa 300.000 singoli artisti e professionisti della cultura, cosìcome istituti di formazione, saranno tuttavia raggiunti grazie aiprogetti presentati da organizzazioni culturali.
  32. 32. EUROPA CREATIVA Quali paesi possono partecipare? Stati Membri UE Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Svizzera Paesi che beneficiano di una strategia di pre-adesione e Paesi deiBalcani occidentali I paesi dello Spazio Europeo del VicinatoAltri paesi potrebbero partecipare ad azioni specifiche.
  33. 33. Programmi nel settore Ambiente 2014-2020 LIFE 2014-2020
  34. 34. Programmi nel settore della formazione 2014-2020 Sostituisce il Life+ LIFE programmaDotazione finanziaria prevista: 3,2 miliardi di euro
  35. 35. LIFE - programma di azione in materia di ambiente e di clima Life persegue i 3 seguenti obiettiviContribuire al passaggio a migliorare lo sviluppo, l’attuazione eun’economia efficiente in l’applicazione della politica e dellatermini di risorse, con minori legislazione ambientale e climaticaemissioni di carbonio e resiliente dell’UE, e catalizzare e promuovereai cambiamenti climatici, l’integrazione degli obiettivi ambientalicontribuire alla protezione e al e climatici nelle altre politiche dell’UEmiglioramento della qualità nella pratica nel settore pubblico edell’ambiente e all’interruzione e privato, anche attraverso l’aumentoall’inversione del processo di della loro capacitàperdita di biodiversità sostenere maggiormente la governance ambientale e climatica a tutti i livelli
  36. 36. LIFE 2 sottoprogrammi Ambiente Azione per il clima “attenuazione dei cambiamenti3 settori di azione prioritaria climatici”: (per la riduzione delle emissioni dei gas serra); Ambiente ed uso efficiente “adattamento ai cambiamentidelle risorse; climatici”: (per aumentare la resistenza Biodiversità; ai cambiamenti climatici; Governance e informazione “clima: governance e informazioni”:ambientale per migliorare la consapevolezza, la comunicazione, la cooperazione e la diffusione di informazioni
  37. 37. LIFE Le nuove caratteristiche del futuro programma LIFE definizione più chiaracreazione di un nuovo delle priorità in relazionesottoprogramma per ai programmi pluriennalil’azione in campo adottati in consultazioneclimatico con gli Stati membri
  38. 38. LIFE: AZIONILe sovvenzioni per azioni possono finanziare i seguenti progetti: (a) progetti pilota (b) progetti dimostrativi (c) progetti di buone pratiche (d) progetti integrati, principalmente nei settori natura, acqua, rifiuti, aria e mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento ad essi (e) progetti di assistenza tecnica (f) progetti preparatori (g) progetti d’informazione, sensibilizzazione e divulgazione (h) tutti gli altri progetti necessari al fine di conseguire gli obiettivi del programma
  39. 39. LIFE Enti e Paesi beneficiariEnti pubblici e privati dei seguenti Paesi: Stati Membri UE Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Svizzera Paesi che beneficiano di una strategia di pre-adesione e Paesidei Balcani occidentali I paesi dello Spazio Europeo del Vicinato I paesi che sono divenuti membri dell’Agenzia europeadell’ambiente, a norma del regolamento (CE) n. 933/1999 delConsiglio, del 29 aprile 1999, che modifica il regolamento (CEE) n.1210/90 sull’istituzione dell’Agenzia europea dell’ambiente e dellarete europea di informazione e di osservazione in materiaambientale
  40. 40. Programmi nel settore della protezione civile 2014-2020 Strumento finanziario per la protezione civile 2014-2020http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=SEC:2011:1632:FIN:EN:PDF
  41. 41. Programmi nel settore della protezione civile 2014-2020 Strumento Strumento finanziario per la Sostituisce ilfinanziario per la programma protezione civileprotezione civile 2007-2013Dotazione finanziaria prevista: 455 milioni di euro di cui 245 milioni di euro – per attività di protezione civile interna 210 milioni di euro – esterna e capacità europea di reazione alle emergenze
  42. 42. STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE La cooperazione UE nel campo della protezione civile mira a: Garantire una sufficienteFacilitare una preparazione dei Elaborare misure perrisposta rapida ed responsabili e degli la prevenzione delleefficiente alle operatori della catastroficatastrofi protezione civile rispetto alle emergenze
  43. 43. STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE Il futuro strumento finanziario fornirà un sostegno aAttività pertinenti Azioni Una miglioreai diversi aspetti innovative per preparazione adel ciclo di la riduzione far fronte allegestione delle del rischio di catastroficatastrofi catastrofi Ossia una risposta più coerente e meglio integrata nelle emergenze
  44. 44. STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE Lo strumento riveduto rafforzerà e potenzierà la capacità di gestione delle catastrofi dell’UE mediante il passaggio a sistemi prevedibili e pianificati in anticipo Azioni previste: Raccolta di informazioni in tempo reale sulle catastrofi Migliore localizzazione dei mezzi di protezione civile degli Stati UE Approccio coordinato per agevolare il rapido spiegamento di personale e di materiale nell’area interessata dalla catastrofe Attività di preparazione tese a migliorare la qualità della formazione, ad ampliarne la portata in modo da includere anche la prevenzione e integrare formazione ed esercitazioni
  45. 45. STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE Verranno inoltre sostenuti gli sforzi degli Stati Membri volti a rafforzare la pianificazione della gestione del rischio e a sviluppare meccanismi di finanziamento innovativi (come il pooling assicurativo regionale)
  46. 46. STRUMENTO FINANZIARIO PER LA PROTEZIONE CIVILE Enti e Paesi beneficiari Enti pubblici e privati dei seguenti Paesi: Stati Membri UE Paesi Terzi, qualora la loro partecipazione sia prevista dagli accordi esistenti con la Comunitá. Paesi candidati
  47. 47. Programmi nel settore trasporti 2014-2020MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA 2014-2020
  48. 48. Programmi nel settore dei trasporti 2014-2020 TEN-TMECCANISMOPER Sostituisce 3 TEN-E programmiCOLLEGAREL’EUROPA Marco Polo 2
  49. 49. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA Mira a completare il mercato unico europeo delle reti di trasporto, di energia e digitaliDotazione finanziaria prevista: 50 miliardi di euro
  50. 50. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA Prevede i seguenti sottoprogrammi Finanziamenti Telecomunicazioni innovativi eTrasporti Energia e TIC project bond
  51. 51. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Trasporti Collegare l’Europa TRASPORTI mira a migliorare i collegamenti tra le diverse aree dell’UE, per facilitare gli scambi di merci, e la circolazione delle personeDotazione finanziaria prevista: 31,7 miliardi di euro Si concentrerà su modi di trasporto meno inquinanti
  52. 52. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Trasporti Collegare l’Europa: Trasporti AzioniAmmodernamento Costruire idelle infrastrutture collegamenti Eliminare le di trasporto mancanti strozzature
  53. 53. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: TrasportiLa Commissione ha proposto la creazioni di gradicorridoi per la realizzazione di una rete veramente europeaLa rete europea sarà finanziata con il meccanismo, masarà integrata da reti di infrastrutture nazionali dafinanziare con fondi nazionali
  54. 54. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Trasporti Priorità orizzontali Cielo Unico Europeo – SESARGestione e Sistemi di gestione del traffico stradale, servizi ferroviario e fluviale (STI, ERTMS e RIS)innovativi Rete principale di porti e aeroporti
  55. 55. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Trasporti Corridoi europei Udine, Venezia, Bologna eCorridoio Baltico-Adriatico RavennaCorridoio Varsavia-BerlinoAmsterdamCorridoio Mediterraneo Torino, Milano, VeneziaCorridoio Amburgo-Rostock– Costanza – Burgas – Piero- NicosiaCorridoio Senna-Danubio
  56. 56. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Trasporti Corridoi europei Verona, (Brennero) Bologna, Corridoio Kelsinki – La Roma, Napoli; Bari Valletta Corridoio Genova- Genova, Milano, Novara RotterdamCorridoio AtlanticoCorridoio Dublino - Londra-Parigi - BruxellesCorridoio Anversa – Lione -Basilea
  57. 57. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Energia Collegare l’Europa ENERGIA mira a migliorare i collegamenti (tramite corridoi) per il trasporto dell’energia elettrica, del gas e del petrolioDotazione finanziaria prevista: 9,1 miliardi di euro
  58. 58. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: EnergiaIl mercato interno dell’energia sarà sviluppato attraversomigliori interconnessioni che consentirà approvvigionamentipiù sicuri e la possibilità di trasportare energie rinnovabili acosti ragionevoli.
  59. 59. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Energia Corridoi europei dell’energia elettrica Rete elettrica offshore nei mari del Nord EuropaInterconnessioni elettriche in Europa ItaliasudoccidentaleConnessioni elettriche in Europa centro-orientale Italiae sudorientalePiano di Interconnessione del mercatoenergetico del Baltico
  60. 60. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Energia Corridoi europei del gas ItaliaCorridoio meridionale del gasCorridoio del gas nord-sud in Europa occidentale ItaliaConnessioni nord-sud per il gas in Europacentrale e sudorientalePiano di Interconnessione del mercatoenergetico del Baltico
  61. 61. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Telecomunicazioni e TIC Collegare l’Europa Telecomunicazioni e TIC mira a sostenere gli investimenti in reti a banda larga veloci e ultraveloci e in servizi digitali paneuropeiDotazione finanziaria prevista: 9,2 miliardi di euro
  62. 62. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Telecomunicazioni e TIC Aree interessate dalla banda larga1. Sviluppo di un portafoglio di progetti geograficamenteeterogeneo in materia di banda larga che contribuisca alconseguimento degli obiettivi definiti dall’agenda digitaleeuropea
  63. 63. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Telecomunicazioni e TIC Corridoi europei delle infrastrutture digitali1. Consentire l’accesso alle risorse digitali del patrimonioculturale europeo (Europeana)2. Identificazione e autenticazione elettroniche sicure einteroperabili in tutta Europa3. Servizi transfrontalieri e interoperabili di appalti elettronici4. Procedure elettroniche per avviare un’impresa in un altropaese europeo (nel contesto della direttiva servizi)
  64. 64. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Telecomunicazioni e TIC Corridoi europei delle infrastrutture digitali5. Supporto elettronico interoperabile per l’assistenzasanitaria in tutta l’UE6. Data.eu (infrastruttura per aggregare in un unico punto diaccesso insiemi di dati di enti pubblici)7. Internet più sicuro per i minori8. Servizi multilinguistici9. La dorsale pubblica transeuropea
  65. 65. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA: Finanziamenti innovativi e iniziativa Project Bond L’iniziativa sui prestiti obbligazionari per il finanziamento dei progetti (project Bond Initiative) mira a rilanciare il mercato delle obbligazioni e di aiutare i promotori dei singoli progetti infrastrutturali ad attrarre finanziamenti obbligazionari privati di lunga durataDotazione finanziaria prevista: 10 miliardi di euro
  66. 66. MECCANISMO PER COLLEGARE L’EUROPA:Finanziamenti innovativi e iniziativa Project BondTale iniziativa consentirà di ridurre il rischio per gliinvestitori che cercano opportunità di investimento alungo termine, favorendo il rilancio del mercatoobbligazionario come fonte significativa di finanziamento nelsettore infrastrutturale.
  67. 67. Programmi nel settore Ricerca,Sviluppo Tecnologico e Innovazione 2014-2020 ORIZZONTE 2014-2020 COSME 2014-2020
  68. 68. Programma nel settore della settore Ricerca, Sviluppo Innovazione 2014- 2020 VII Programma Quadro di RST CIP- Programma Quadro per laORIZZONTE Sostituisce Competitività e 2020 l’Innovazione Istituto Europeo di Innovazione e TecnologiaDotazione finanziaria prevista: 80 miliardi di euro
  69. 69. ORIZZONTE 2020 Mira a potenziare competitività e innovazione nelle PMIORIZZONTE 2020 riunisce in un programma unicotutti gli investimenti dell’UE per la ricerca el’innovazione
  70. 70. ORIZZONTE 2020 3 obiettivi Chiave OBIETTIVO 2OBIETTIVO 1sostenere la posizione contribuire ad affermare il primatodell’UE in testa alla industriale nell’innovazione che con unclassifica mondiale nella investimento sostanzioso nellescienza tecnologie di punta, nonché più ampio accesso al capitale e sostegno alle PMIOBIETTIVO 3affrontare i principali problemi comuni a tutti gli europei, ripartiti in 6settori base: sanità, evoluzione demografica e benessere; sicurezzaalimentare, agricoltura sostenibile, ricerca marina e marittima ebioeconomia; energia sicura, pulita ed efficiente; trasporti intelligenti,verdi e integrati; interventi per il clima, efficienza delle risorse e materieprime; società inclusive, innovative e sicure
  71. 71. ORIZZONTE 2020 I finanziamenti saranno di più facile accesso grazie: all’architettura semplificata del programma ad una serie unica di regole alla riduzione delle formalità amministrative.Orizzonte 2020 vedrà: Una radicale semplificazione dei rimborsi grazie ad un tasso forfettario unico per i costi indiretti e due soli tassi di finanziamento, rispettivamente per la ricerca e per le attività vicine al mercato un unico punto d’accesso per i partecipanti meno oneri burocratici nella preparazione delle proposte; niente controlli o revisioni inutili.
  72. 72. ORIZZONTE 2020 Uno degli obiettivi chiave è la riduzione di circa 100 volte il periodo che intercorre tra la domanda di sovvenzione e lottenimento dei finanziamenti, consentendo un avvio più rapido dei progettihttp://ec.europa.eu/research/horizon2020/index_en.cfm?pg=home
  73. 73. ORIZZONTE 2020 La Commissione aprirà il programma a un maggior numero di partecipanti in tutta Europa, valutando l’opportunità di sinergie con i finanziamenti a titolo della politica di coesione dell’UE.Orizzonte 2020 individuerà potenziali centri dieccellenza nelle regioni meno sviluppate e offrirà loroconsulenza e sostegno mentre i fondi strutturalidell’UE possono essere sfruttati per ammodernareinfrastrutture e attrezzature
  74. 74. ORIZZONTE 2020 AZIONIPotenziamento dei finanziamenti da enti del settore privato, che si sonorivelati efficaci nello stimolare gli investimenti privati in innovazioniche conducono alla crescita e a nuovi posti di lavoro.sviluppo di capacità industriali europee nelle tecnologie abilitantifondamentali. Tra queste: fotonica, micro- e nanoelettronica,nanotecnologie, materiali avanzati, fabbricazione e processi avanzati,biotecnologie."Azioni Marie Curie” di sostegno alla formazione, mobilità e sviluppo dicapacità.Potenziamento del ruolo dell’IET che avrà un ruolo di rilievonell’avvicinare tra loro istituti di eccellenza nell’istruzione superiore,centri di ricerca e imprese.
  75. 75. ORIZZONTE 2020 AZIONIAumento nei finanziamenti per il Consiglio europeo della ricercache sostiene gli scienziati dotati di maggior talento e creatività nellaricerca "di frontiera" di altissimo livello in Europa.Promozione della cooperazione internazionale per rafforzarel’eccellenza e l’attrattività dell’UE nella ricerca, di dare rispostecongiunte alle sfide globali e di sostenere le politiche esterne dell’UE.Il Centro comune di ricerca, servizio scientifico interno dellaCommissione europea, continuerà a offrire sostegno scientifico etecnico all’elaborazione delle politiche dell’UE, dall’ambienteall’agricoltura e dalla pesca alle nanotecnologie e alla sicurezzanucleare.
  76. 76. ORIZZONTE 2020 Beneficiari Enti Pubblici e Privati dei seguenti Paesi:Stati Membri UEPaesi in pre-adesione, paesi candidati e potenziali candidati;Paesi terzi selezionati che rispondano ai seguenti criteri: hanno una buona capacità in scienza, tecnologia e innovazione; hanno una buona esperienza precedente nella partecipazione ai programmi europei di ricerca e innovazione; hanno legami stretti economici e geografici con l’Unione; sono Membri dell’ European Free Trade Association (EFTA)
  77. 77. Programma nel settore della settore Innovazione PMI 2014-2020 COSME CIP- Programma Quadro per laProgramma per Competitività e Sostituiscela competitività l’Innovazione (Linea accesso aidelle Imprese e finanziamenti) delle PMI Dotazione finanziaria prevista: 2,5 miliardi di euro
  78. 78. COSMEMira a incrementare la competitività delle PMI sui mercati, anche internazionali,sostenendo laccesso ai finanziamenti edincoraggiando la cultura imprenditoriale, inclusa la creazione di nuove imprese http://ec.europa.eu/cip/cosme
  79. 79. COSME 3 obiettivi Chiave OBIETTIVO 3OBIETTIVO 1 OBIETTIVO 2 Promuoveremigliorare agevolare limprenditorialità,laccesso ai laccesso ai sviluppando abilità efinanziamenti mercati sia attitudini, indestinati alle PMI dellUnione particolare tra isotto forma di europea che nuovi imprenditori,capitale o prestito mondiali i giovani e le donne.
  80. 80. COSME Internazionalizzazione delle PMICOSME si concentrerà sugli strumenti finanziari e sulsostegno allinternazionalizzazione delle imprese e saràsemplificato per agevolare la partecipazione delle piccoleimprese.
  81. 81. COSME: AZIONI 4 Azioni chiaveAccesso alla finanza per le PMI attraverso strumentifinanziari dedicatiEnterprise Europe Network: uno sportello unico di aiuto aibisogni delle PMISostegno alle iniziative che favorisconolimprenditorialità, per facilitare lavvio o il trasferimento diimprese, per incoraggiare le reti trans-nazionali, perscambiare esperienze e buone prassiAccesso ai mercati: per il suporto alle PMI sui mercati chesono al di fuori dellUnione europea attraverso centri specificie helpdesks
  82. 82. COSME Beneficiariimprenditori, soprattutto PMI, che beneficeranno di unaccesso agevolato ai finanziamenti per le proprie impresecittadini che desiderano mettersi in proprio e devono farfronte alle difficoltà legate alla creazione o allo sviluppodella propria impresaautorità degli Stati membri che riceveranno unamigliore assistenza nella loro attività di elaborazione eattuazione di riforme politiche efficaci.
  83. 83. COSME Quali Paesi possono partecipare?Stati Membri UE
  84. 84. Programmi nel settore Salute e Protezione dei consumatori 2014-2020 PROGRAMMA CONSUMATORI 2014-2020PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA 2014-2020
  85. 85. Programma nel settore della protezione dei consumatori 2014- 2020 Programma per la Programma Sostituisce protezione dei consumatoriCONSUMATORI Dotazione finanziaria prevista: 175 milioni di euro
  86. 86. PROGRAMMA CONSUMATORI Mira a sostenere la politica consumeristica dell’UE. Si prefigge di porre i consumatori al centro del mercato unico e di conferire loro i poteri per partecipare attivamente al mercato e far sì che esso funzioni a loro vantaggiohttp://ec.europa.eu/consumers/strategy/programmes_en.htm
  87. 87. PROGRAMMA CONSUMATORI 4 obiettivi ChiaveOBIETTIVO 1 OBIETTIVO 2Promuovere la sicurezza Migliorare l’informazionedei prodotti attraverso l’educazione e laefficaci misure di sensibilizzazione deisorveglianza del mercato consumatori sui loro diritti
  88. 88. PROGRAMMA CONSUMATORI 4 obiettivi ChiaveOBIETTIVO 3Consolidare i diritti dei OBIETTIVO 4consumatori dare impulsoa sistemi efficaci di rafforzare, l’attuazione deiriparazione, in particolare diritti nella dimensionemediante meccanismi di transfrontalierasoluzione dellecontroversie
  89. 89. PROGRAMMA CONSUMATORI Azioni Per il tramite di sistemi su scala UE quali Monitoraggio e RAPEX, il sistema UE di scambio rapido diattuazione delle regole informazioni sui prodotti di consumo in tema di sicurezza pericolosi Iniziative di Per sensibilizzare i consumatori, in informazione e particolare i giovani consumatori, sui loro comunicazione diritti.
  90. 90. PROGRAMMA CONSUMATORI Azioni Ad esempio la direttiva sul credito al Assicurare consumo che assicura che i consumatori di l’applicazione della tutta Europa godano di una base comune di legislazione volta ad diritti, tra cui il diritto a ricevere accrescere i diritti dei consumatori informazioni chiare e comparabili; nonché la legislazione in tema di riparazione, per la risoluzione alternativa delle controversie Per il tramite di «operazioni a tappeto» coordinate dalla Commissione UE eAzioni di forza pubblica condotte simultaneamente dalle autorità nazionali preposte al rispetto dei diritti dei consumatori per individuare i casi in cui tali diritti sono compromessi o negati
  91. 91. PROGRAMMA CONSUMATORI Quali Paesi possono partecipare?Stati Membri UEPaesi dellAssociazione europea di libero scambiopartecipanti allo Spazio economico europeo, conformementealle condizioni fissate nellaccordo sullo Spazio economicoeuropeo;Paesi terzi, in particolare dei paesi candidati e in via diadesione allUnione, nonché di potenziali candidati e dei paesicui si applica la politica europea di vicinato, conformemente aiprincipi generali e alle condizioni della loro partecipazione aiprogrammi dellUnione fissati nei rispettivi accordi quadro,decisioni del Consiglio di associazione o convenzioni simili.
  92. 92. PROGRAMMA CONSUMATORI Beneficiariorganizzazioni dei consumatori a livello UE e degli organismi internazionali chepromuovono principi e politiche suscettibili di contribuire agli obiettivi delprogrammaorganismi a livello dellUnione istituiti ai fini del coordinamento delle iniziative ditutela nel settore della sicurezza dei prodottiorganismi preposti allo sviluppo su scala UE di codici deontologici, di miglioriprassi e di linee guida finalizzate a permettere di realizzare comparazioni deiprezzi, della qualità dei prodotti e della sostenibilitàautorità degli Stati membri responsabili per la tutela dei consumatori e dellecorrispondenti autorità di paesi terziorganismi pubblici o senza scopo di lucro selezionati designati da uno Statomembro o da un paese terzoorganismi preposti al trattamento dei reclami istituiti e operanti nellUnione e neipaesi dellAssociazione europea di libero scambio partecipanti allo Spazioeconomico europeo
  93. 93. Programma nel settore della salute 2014-2020 Programma Programma Sostituisce comunitario inSALUTE PER LA tema di salute CRESCITA Dotazione finanziaria prevista: 396 milioni di euro
  94. 94. PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA Mira a sostenere gli Stati Membri UE ad affrontare con efficacia le sfide economiche e demografiche che interessano i sistemi sanitari e permettere la popolazione di vivere più a lungo in buona salutehttp://ec.europa.eu/health/programme/policy/proposal2014_e n.htm
  95. 95. PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA 4 obiettivi Chiave OBIETTIVO 2OBIETTIVO 1 Migliorare l’accesso deiSviluppare sistemi sanitari cittadini ad un’assistenzainnovativi e sostenibili sanitaria migliore e più sicuraOBIETTIVO 3 OBIETTIVO 4Promuovere la salute e Proteggere i cittadini dalleprevenire le malattie minacce sanitarie transfrontaliere
  96. 96. PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA Azioni HTA è una rete volontaria su scala UE costituita dalle agenzie HTA degli Stati UE Cooperazione in tema di valutazione delle per condividere informazioni sull’efficacia tecnologie sanitarie delle tecnologie sanitarie nonché dei (HTA) Health medicinali, dei presidi medici e delle misuretechnology assessment preventive in modo da supportare il processo decisionale a livello nazionale in tema di tecnologie
  97. 97. PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA Azioni Per migliorare la prevenzione, la diagnosi e il Cooperazione sulle trattamento dei pazienti affetti da malattie rare malattie rare a livello sul territorio UE, compreso il portale UE per le europeo malattie rare (www.orpha.net) base di dati mondiale a sulle malattie rare Mediante orientamenti europei in materia di screening al fine di migliorare l’individuazionePrevenzione e controllo della malattia in fase iniziale e di salvare vite, del cancro anche attraverso lo scambio di conoscenze e buone pratiche in tema di prevenzione del cancro, di ricerca e assistenza
  98. 98. PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA Quali Paesi possono partecipare?Stati Membri UEPaesi EFTAPaesi in pre-adesionePaesi candidatiPaesi candidati potenzialiPaesi della politica di vicinato
  99. 99. PROGRAMMA SALUTE PER LA CRESCITA BeneficiariAutorità pubbliche europee e nazionali coinvoltenel settore sanitarioEnti privatiOrganizzazioni non governativeGruppi di interesse che si occupano di politiche esistemi relativi al settore sanitario
  100. 100. Programmi nel settore dell’occupazione e degli affari sociali 2014-2020PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) 2014-2020
  101. 101. Programma nel settore dell’occupazione e degli affari sociali 2014-2020 PROGRESSProgramma PER ILCAMBIAMENTO E Sostituisce EURES L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) PROGRESS DI MICROFINANZA Dotazione finanziaria prevista: 850 milioni di euro
  102. 102. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) Mira a fornire sostegno finanziario alla realizzazione degli obiettivi dell’Unione in materia di occupazione, politica sociale e inclusione, per la promozione di un più alto livello di occupazione, miglioramento delle condizioni di lavoro, garantire un’adeguata protezione sociale e lottare contro la povertà e l’esclusione sociale, contribuendo in tal modo all’attuazione della Strategia Europa 2020 in particolare la priorità di «crescita inclusiva»http://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=en&catId=956
  103. 103. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) Sarà strutturato su 3 assi distinti ma complementari Asse 1 - Progress Per l’occupazione e la solidarietà sociale La rete di servizi per l’impiego e la mobilità Asse 2 - Eures professionale Asse 3 - Asse Microfinanza e Progress di microfinanza e imprenditoriaimprenditoria sociale sociale
  104. 104. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) Asse ProgressRispetto all’attuale programma la novità riguarda la soppressionedelle due componenti:1.Parità di genere2.Diversità e lotta contro la discriminazioneQueste 2 componenti saranno compresi nei programmi nelsettore della giustiziaViene invece data notevole rilevanza alla sperimentazione sociale
  105. 105. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) Asse EuresSosterrà le attività svolte dalla rete Eures.Sarà potenziato l’ambito di intervento a livello UE.Prevede il sostegno allo sviluppo di programmi mirati di mobilitàper rispondere a carenze di lavoratori in determinati settori delmercato del lavoro e/o favorire la mobilità dei giovani lavoratori La mobilità è stata già favorita dall’iniziativa, lanciata di recente «YourFirst EURES Job», progetto pilota per aiutare i giovani a trovare lavoro in un altro Stato Membro UE
  106. 106. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) Asse Microfinanza e imprenditoria socialeOrientato ad agevolare l’accesso ai finanziamenti per gliimprenditori, in particolare per quelli che hanno difficoltà adaccedere al mercato de credito tradizionale, e per le impreselocaliIl sostegno allo sviluppo delle imprese sociali sarà la veranovità di questo asse rispetto all’attuale progress di microfinanzalanciato nel 2010 a cui si aggiunge anche un maggiore supportoai fornitori di microcredito attraverso il finanziamento dellacapacity building di questi soggetti
  107. 107. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) BeneficiariLasse "Progress" è aperto a tutti gli organismi, gli operatori e leistituzioni del settore pubblico e di quello privatoLasse "EURES" è aperto a tutti gli organismi pubblici e privati, gliattori e le istituzioni designati da uno Stato membro o dallaCommissione che soddisfano le condizioni per la partecipazionealla rete EURES definite nella decisione 2003/8/CEL’asse "Microfinanza e imprenditoria sociale" è aperto agliorganismi pubblici e privati, stabiliti a livello nazionale, regionale olocale nei paesi previsti per lAsse progress
  108. 108. PROGRAMMA PER IL CAMBIAMENTO E L’INNOVAZIONE SOCIALE (PSCI) Paesi partecipantiLasse «Progress» e «Microfinanza e imprenditoria sociale» sono aperti a: gli Stati membri; i paesi membri dellEFTA e dello SEE, in conformità allaccordo SEE; i paesi candidati e potenziali candidati, conformemente ai principi generali e alle condizioni e modalità generali stabiliti dagli accordi quadro conclusi con tali paesi ai fini della loro partecipazione a programmi dellUnione.Lasse "EURES" Gli Stati membri; i paesi membri dellEFTA e dello SEE, in conformità allaccordo SEE e allaccordo tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, da un lato, e la Confederazione svizzera, dallaltro, circa la libera circolazione delle persone.
  109. 109. Programmi nel settore degli Affari Interni 2014-2020 FONDO ASILO E MIGRAZIONE 2014-2020FONDO PER LA SICUREZZA INTERNA 2014-2020 SISTEMI INFORMATICI 2014-2020
  110. 110. Programma nel settore degli Affari interni 2014-2020 Fondo europeo per l’integrazione dei cittadini dei Paesi TerziFONDO ASILO E Sostituisce Fondo europeo per i rifugiati MIGRAZIONE Fondo europeo per i rimpatri Dotazione finanziaria prevista: 3,9 miliardi di euro
  111. 111. FONDO ASILO E MIGRAZIONE Si concenterà sui flussi migratori e sulla gestione integrata della migrazione http://ec.europa.eu/home-affairs/funding/beyond/funding_intro_en.htm
  112. 112. FONDO ASILO E MIGRAZIONE Finanzierà azioni in materia di: Asilo Immigrazione regolareIntegrazione dei cittadini di Rimpatri Paesi Terzi
  113. 113. FONDO ASILO E MIGRAZIONE AsiloCirca l’asilo la priorità è lo sviluppo del Sistemaeuropeo comune di asilo e in particolare, le azioniper migliorare le condizioni di accoglienza dei richiedentiasilo e le procedure di asilo negli Stati membri, oltrechémigliorare l’efficacia del sistema di condivisione delleresponsabilità fra gli Stati Membri e con i Paesi Terzi.
  114. 114. FONDO ASILO E MIGRAZIONE Paesi partecipanti Stati Membri UEIl Fondo avrà anche una "dimensione esterna", cioèsupporterà anche azioni in Paesi terzi, purché queste sianonellinteresse della politica dellUnione in materia diimmigrazione e degli obiettivi UE di sicurezza interna. Il Fondoservirà anche per rispondere rapidamente alle emergenze,attraverso procedure che permetteranno di concederefinanziamenti nel giro di pochi giorni.
  115. 115. Programma nel settore degli Affari interni 2014-2020 Fondo europeo per le frontiere esterneFONDO PER LA Prevenzione e lotta contro la crminalità SICUREZZA Sostituisce INTERNA Prevenzione , preparazione e gestione delle conseguenze del terrorismo e altri rischi correlati alla sicurezza Dotazione finanziaria prevista: 4,6 miliardi di euro
  116. 116. FONDO SICUREZZA INTERNA Sosterrà l’attuazione della strategia di sicurezza interna, nonché un approccio coerente e globale alla cooperazione di polizia, compresa la gestione delle frontiere esterne dell’UE http://ec.europa.eu/home-affairs/funding/beyond/funding_intro_en.htm
  117. 117. FONDO SICUREZZA INTERNALa dotazione finanziaria può anche essere destinata allosviluppo di nuovi sistemi IT, quali il futuro sistema diingresso/uscita e il programma per i viaggiatori registrati.
  118. 118. FONDO ASILO E MIGRAZIONE e SICUREZZA INTERNAEntrambi i Fondi includeranno anche la dimensione esternadella politica UE per gli Affari Interni e sosterranno azioni nei ein relazione ai Paesi Terzi.Più dell’80% dei finanziamenti saranno erogati secondo lagestione condivisa, cioè in cooperazione con gli Stati Membri.La Commissione sta proponendo di passare dall’attuale sistemadi programmazione annuale a un sistema di programmazionepluriennale
  119. 119. FONDO ASILO E MIGRAZIONE e SICUREZZA INTERNAI finanziamenti saranno attribuiti ai singoli Stati su una duplice base: Somma fissa Somma flessibile
  120. 120. FONDO ASILO E MIGRAZIONE e SICUREZZA INTERNA calcolata sulla base di criteri oggettivi (ad es., numero delle domande di asilo, numero di decisioni positive che riconoscono la protezione internazionale, numero dei rifugiati reinsediati, numero dei cittadini di Paesi terzi residenti, decisioni di rimpatrio assunte eSomma fissa rimpatri effettuati), erogata allinizio della programmazione per assicurare continuità dei finanziamenti e possibilità per gli Stati di programmare adeguatamente. Ogni Stato avrà comunque diritto a una somma minima di 5 milioni di euro.
  121. 121. FONDO ASILO E MIGRAZIONE e SICUREZZA INTERNA in aggiunta alla somma fissa, può essere erogata una somma variabile a seconda della volontà del singolo Stato di finanziare, attraverso il suo programma nazionale, azioni che rispondono a Somma specifiche priorità stabilite a livello UE a seguito di unflessibile dialogo politico con gli Stati membri. Questa somma sarà erogata in due fasi: 1.una allinizio del programma pluriennale 2.una nel 2017, per rispondere a eventuali mutamenti nei flussi migratori e nei bisogni degli Stati membri.
  122. 122. FONDO ASILO E MIGRAZIONE e SICUREZZA INTERNAPer entrambi parte dei fondi saranno invece gestiti a livellocentrale e finanzieranno: Azioni transnazionali Azioni particolarmente innovative Azioni collegate alla «dimensione esterna» Azioni di emergenza studiiniziative pubbliche e lo sviluppo dei nuovi sistemi IT per la gestione dei flussi migratori
  123. 123. Programma nel settore degli Affari interni 2014-2020 Fondo europeo la migrazione ed asilo SISTEMI Si affianca a:INFORMATICI Fondo sicurezza interna Dotazione finanziaria prevista: 730 milioni di euro
  124. 124. Programmi nel settore Giustizia 2014-2020 DIRITTI E CITTADINANZA 2014-2020 GIUSTIZIA 2014-2020
  125. 125. Programma nel settore della Giustizia 2014-2020 Diritti fondamentali e cittadinanza Daphne III DIRITTI E Sostituisce Progress nelleCITTADINANZA componenti: Diversità e lotta contro la discriminazione e parità tra uomini e donne Dotazione finanziaria prevista: 387 milioni di euro
  126. 126. DIRITTI E CITTADINANZA Si propone di contribuire a rendere i diritti e le libertà delle persone effettive nella pratica, facendoli conoscere meglio e applicandoli in modo più coerente in tutta lUEhttp://ec.europa.eu/justice/newsroom/news/20111115_e n.htm
  127. 127. DIRITTI E CITTADINANZA Promuoverà, inoltre: I principi di non Parità di genere discriminazione(progetti per combattere (di razza od originela violenza contro donne etnica, religione, convinzioni personali, e bambini) disabilità, età o orientamento sessuale) I diritti del bambinoriconoscendo che i bambini sono vulnerabili, in particolare insituazioni di povertà, esclusione sociale, disabilità, o altresituazioni particolari che li mettono a rischio
  128. 128. DIRITTI E CITTADINANZA Settori di azionerafforzamento della supporto allattuazione delle politicheconsapevolezza pubblica sul dellUnione europea negli Statidiritto e politiche dellUnione Membrieuropea miglioramento della conoscenza sui temi potenziali che riguardanopromozione della cooperazione lesercizio dei diritti e principi garantititransnazionale e costruzione dal Trattato, dalla Carta dei dirittidella conoscenza e fiducia fondamentali e dalla legislazionecomune tra tutti i portatori di europea derivata nellottica diinteresse coinvolti garantire un processo di costruzione delle politiche basate sullevidenza e sulla legislazione
  129. 129. DIRITTI E CITTADINANZA Azioni attività formative, quali lo scambio diattività analitiche, come staff, workshops, seminari, formazioneraccolta di dati e statistiche; dei formatori, eventi, sviluppo on-line disviluppo di metodologie moduli formativicomuni; studi, ricerche, analisie indagini; valutazioni eredazione e pubblicazione di apprendimento comune, cooperazione,guide, report e di materiale aumento della consapevolezza e attivitàformativo; monitoraggio e di diffusione quali identificazione evautazione della trasposizione scambio di buone pratiche, esperienzedellapplicazione della e approcci innovativi, organizzazione dilegislazione europea e analisi comparative per lapprendimentodellattuazione delle politiche comune; organizzazione di seminari,europee; workshops, seminari, conferenze, campagne di informazioneriunioni di esperti, conferenze ed eventi
  130. 130. DIRITTI E CITTADINANZA Enti beneficiari e Paesi partecipantiEnti pubblici e privati legalmente stabiliti nei:• (a) Paesi Membri UE• (b) Paesi EFTA• (c) Paesi in pre-adesione, candidati potenziale ed effettivi.Enti pubblici e privati legalmente stabiliti in altri paesi terzi dove si applica lapolitica di vicinato possono essere associati alle azioni del programma secontribuiscono al raggiungimento degli obiettivi del programma.La Commissione può collaborare con le Organizzazioni internazionali attive neisettori di competenza del programma quali il Consiglio dEuropa,LOrganizzazione per lo sviluppo e la cooperazione economica e le NazioniUnite.
  131. 131. Programma nel settore della Giustizia 2014-2020 Giustizia Penale Giustizia civileGIUSTIZIA Sostituisce Prevenzione e informazione in materia di drogaDotazione finanziaria prevista: 416 milioni di euro
  132. 132. GIUSTIZIA intende assicurare che la normativa UE relativa alla giustizia civile e penale sia applicata efficacemente. Contribuirà a garantire un adeguato accesso alla giustizia in Europa, sia per i cittadini che per le imprese nei contenziosi transfrontalieri e sosterrà lintervento dellUnione per contrastare le droghe e la criminalità.http://ec.europa.eu/justice/newsroom/news/20111115_e n.htm
  133. 133. DIRITTI E CITTADINANZA e GIUSTIZIA I 2 programmi finanzieranno attività quali: il rafforzamento dellala formazione di giudici e cooperazione all’internoavvocati in tutta Europa dell’UE su questioni in materiaper consentire loro di di giustizia e diritti attraversoapplicare nel concreto la reti di professionisti del diritto,normativa e i diritti organizzazioni non governativedellUnione e responsabili politici
  134. 134. DIRITTI E CITTADINANZA e GIUSTIZIA I 2 programmi finanzieranno attività quali:strumenti pratici a le campagne, a livellodisposizione dei cittadini nazionale ed europeo, pere delle imprese per informare i cittadini sui lorol’esercizio dei loro diritti e diritti sanciti dalla normativadell’accesso alla giustizia, dellUnione ed aiutarli adcome il portale europeo esercitarli concretamente.della giustizia elettronica
  135. 135. DIRITTI E CITTADINANZA e GIUSTIZIA Enti beneficiari e Paesi partecipantiEnti pubblici e privati legalmente stabiliti nei:• a) Paesi Membri UE;• b) Paesi EFTA;• c) Paesi in pre-adesione, candidati potenziale ed effettivi• d) Danimarca sulla base di un accordo internazionaleEnti pubblici e privati legalmente stabiliti in altri paesi terzi dove si applicala politica di vicinato possono essere associati alle azioni del programmase questi contribuiscono al raggiungimento dei suoi obiettivi.La Commisisone può collaborare con le Organizzazioni internazionaliattive nei settori di competenza del programma quali il Consiglio dEuropa,le Nazioni Unite, La Conferenza dellHague sul Diritto Internazionaleprivato.
  136. 136. Programma per la lotta antifrode 2014-2020 HERCULE II 2014-2020 PERICLE 2020 2014-2020 AFIS 2014-2020
  137. 137. Programma per la lotta antifrode 2014-2020HERCULE III Sostituisce Hercule IIDotazione finanziaria prevista: 110 milioni di euro
  138. 138. HERCULE III Hercule III è dedicato alla lotta contro la frode, la corruzione e qualsiasi altra attività illecita che possa ledere gli interessi finanziari dellUEhttp://ec.europa.eu/anti_fraud/index_en.htm
  139. 139. HERCULE III È incentrato in particolare sulla cooperazione tra la Commissione (tramite lUfficio europeo per la lotta antifrode — OLAF), le autorità competenti degli Stati membri e altre istituzioni e organi europeiIl programma è finalizzato ad assicurare che gli Stati membri e leistituzioni, gli organi e le agenzie dellUE godano di pari tutela.Tra le azioni previste dal programma rientrano: lofferta di supporto tecnico e operativo alle autorità degliStati membri preposte allapplicazione della legge nella lottacontro le attività transfrontaliere illegali lorganizzazione di attività di formazione professionale.
  140. 140. HERCULE III Azioniassistenza tecnica specializzata alle autorità nazionaliscambi di personale nell’ambito di progetti specifici, soprattutto nelcampo della lotta al contrabbando e alla contraffazione di sigarettesupporto tecnico e operativo alle autorità degli Stati membri preposteall’applicazione della legge nella lotta contro le attività transfrontaliereillegali e la frode lesive degli interessi finanziari dell’Unionerafforzamento della capacità informatica in tutti gli Stati membri e ipaesi terzi beneficiari del programmascambio di dati, sviluppando e mettendo a disposizione gli strumentiinformatici per le indagini e sorvegliando le attività di intelligenceOrganizzazione di formazione specializzata e seminari di formazionesull’analisi dei rischi e conferenze
  141. 141. HERCULE III Enti beneficiaria) le amministrazioni nazionali o regionali di uno Stato membroo paese terzo, che promuovono il rafforzamento dell’iniziativa alivello dell’Unione ai fini della tutela degli interessi finanziaridell’Unione;b) gli istituti di ricerca e di insegnamento e gli organismi senzascopo di lucro, purché abbiano sede e siano operativi da almenoun anno in uno Stato membro o in un paese terzo, e chepromuovono il rafforzamento dell’iniziativa a livello dell’Unione aifini della tutela degli interessi finanziari dell’Unione.
  142. 142. HERCULE III Paesi partecipanti Stati membri UE: paesi in via di adesione, candidati e potenziali candidati che beneficiano di una strategia di preadesione i paesi partner della Politica europea di vicinato, quando tali paesi abbiano conseguito un sufficiente livello di allineamento della pertinente normativa e prassi amministrativa a quella dell’Unione. i paesi EFTA/SEE, conformemente alle condizioni stabilite nell’accordo SEE.Possono partecipare alle attività organizzate nell’ambito del programma, qualora ciò sia utile per il conseguimento dei suoi, i rappresentanti dei paesi coinvolti nel processo di stabilizzazione e associazione per i paesi dell’Europa sudorientale, della Federazione russa, nonché di alcuni paesi con i quali l’Unione ha concluso un accordo di reciproca assistenza in materia di frodi e rappresentanti di organizzazioni internazionali e altre organizzazioni pertinenti.
  143. 143. Programma per la lotta antifrode 2014-2020PERICLES 2020 Sostituisce Pericle Dotazione finanziaria prevista: 7,7 milioni di euro
  144. 144. PERICLES III Pericles 2020 è un programma di scambio, assistenza e formazione inteso a rafforzare la protezione delle banconote e delle monete in euro in Europa e nel mondo.http://ec.europa.eu/anti_fraud/index_en.htm
  145. 145. PERICLES III Azioniscambio dinformazioni, in particolare attraversol’organizzazione di seminari, riunioni e seminari mirati, tirocini escambi di personale delle autorità nazionali competenti e altreattività analogheassistenza tecnica, scientifica ed operativa,sovvenzioni volte a finanziare l’acquisto delle attrezzature chesaranno utilizzate da autorità specializzate nella lotta allacontraffazione per la protezione delleuro contro la falsificazione
  146. 146. PERICLES III Enti beneficiari e Paesi partecipanti Paesi partecipanti:Stati membri che hanno adottato leuro come moneta unica. Le proposte presentate da tali Stati membri possono estendersi a partecipanti di paesi terzi, se la loro presenza è importante ai fini della protezione dell euro. Beneficiari:autorità nazionali competenti degli Stati membri
  147. 147. Programma per la lotta antifrode 2014-2020HERCULE III AFIS Sostituisce Sostituisce Afis
  148. 148. AFIS Il sistema di informazione anti-frode (AFIS), è uno strumento che permette lo scambio di informazioni a livello europeohttp://ec.europa.eu/anti_fraud/index_en.htm
  149. 149. Programmi nel settore della tassazione 2014-2020 FISCUS 2020 2014-2020
  150. 150. Programma per la lotta antifrode 2014-2020 Dogana SostituisceFISCUS 2020 FiscalitàDotazione finanziaria prevista: 690 milioni di euro
  151. 151. FISCUS 2020 Mira a sostenere e rafforzare il mercato interno nel decennio a venire.http://ec.europa.eu/anti_fraud/index_en.htm
  152. 152. FISCUS 2020Il programma aiuterà le amministrazioni fiscali edoganali degli Stati membri a interagire in modopiù efficiente, attraverso scambi di informazioni piùmoderni ed efficienti al fine di agevolare il commerciolegittimo e combattere al tempo stesso le attivitàfraudolente
  153. 153. FISCUS 2020Fiscus 2020 sosterrà la cooperazione a livellodoganale e fiscale allinterno dellUnione,concentrandosi: da un lato sullo sviluppo di reti interpersonali e di competenze e dallaltro sullo sviluppo di infrastrutture informatiche (IT).
  154. 154. FISCUS 2020I punti chiave del programma riguardano: la lotta al contrabbando e alle frodi, la tutela della sicurezza dei cittadini, in particolare nei confronti dei prodotti importati dall’area extraUe.Fiscus individua come priorità anche il rafforzamentodelle relazioni commerciali e della cooperazione conPaesi terzi, necessari alla luce della crescita diimportazioni ed esportazioni, aumentate negli ultimicinque anni rispettivamente del 15 e del 16%.
  155. 155. FISCUS 2020 Azioni azioni congiunte formazione permanente nuove tecnologie. Sistemi I.T. europeiAlla condivisione di informazioni e scambio di know how tra i variPaesi si aggiunge, nell’ottica di un risparmio di costi, un progetto diattività formative erogate on line. In particolare, Fiscus prevedeinvestimenti a sostegno della creazione di un sistema di IT chesupporti le Amministrazioni fiscali e doganali nazionali nella loroattività
  156. 156. FISCUS 2020 Paesi partecipantiStati Membri UEPaesi in pre-adesione, candidati e potenziali candidatiPaesi che beneficiano alla Politica europea di vicinato
  157. 157. Per ulteriori informazioni: Claudia Salvi Ufficio Attività Internazionali csalvi@formez.it www.formez.eu http://programmicomunitari.formez.it/ Tel. 06-84892220

×