Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Coop di comunità nelle aree interne

Presentazione sulle cooperative di comunità nelle aree interne con riferimento ai dati BES Istat

  • Login to see the comments

Coop di comunità nelle aree interne

  1. 1. Incompiuta eppure paradigmatica:Incompiuta eppure paradigmatica: cosa insegna l’esperienza dellecosa insegna l’esperienza delle cooperative di comunità alcooperative di comunità al movimento cooperativomovimento cooperativo Flaviano Zandonai @editormanque
  2. 2. LE COOPERATIVE DI COMUNITA’... A UN PRIMO SGUARDO • POCHE – Qualche decina di esperienze e startup slow • MARGINALI – In senso geografico e d’impatto sui fondamentali di sistema • ETERODOSSE – Rispetto agli ambiti classici dell’economia (anche cooperativa) • SFUGGENTI – Cooperative, ma anche associazioni, multi-utilities, incubatori…
  3. 3. MA VISTE DA VICINO... • Massa critica in senso qualitativo – Un po’ come le startup • Al centro di politiche trasversali e multi livello – Aree interne, riqualificazione, vocazioni territoriali… • La via cooperativa ai commons – Il patrimonio, in particolare, assomiglia molto a un bene comune • Sollecitano l’accompagnamento – Recuperano un ruolo promozionale degli organismi intermedi • Ricompongono un quadro più ampio di economia sociale • Ultimo ma non per ultimo: ricombinano la piramide dei bisogni
  4. 4. NARRAZIONI DELLA DOMENICA «Forse, anche se il prodotto interno lordo ci metterà un po’ a rilevarlo, questi spazi civili di intrapresa e di legalità conquistati a Favara, nel Sud del Sud, da giovani e meno giovani, alimentano la speranza, trasmettono saperi e fiducia, sono il capitale del futuro» [Roberto Napoletano] Per questo, oltre a «guardarci dentro», le cooperative di comunità si possono valutare in termini di apprendimento considerando il contesto che le genera
  5. 5. IN ATTESA DEL PIL... IL PEGGIOR INDICE DEL BES
  6. 6. YOU ARE NOT ALONE... DIVERSI “SEGNALI DI FUTURO” COOPERATIVE DI COMUNITA’: INFRASTRUTTURE PER SERVIZI DI INTERESSE COLLETTIVO Bari Roma Aosta Napoli Ancona Trento Milano Genova Torino Pescara Palermo Potenza Perugia Firenze Bologna Trieste Venezia Cagliari L'Aquila Catanzaro Campobasso Progetti di recupero Pista ciclabile o ciclopedonale realizzata (600 km) Pista ciclabile o ciclopedonale in progetto (550 km) Ferrovia turistica (500 km) MIGLIAIA DI ASSET PER SCOPI SOCIALI (DALLE FERROVIE AL DEMANIO) CITTADINANZA ATTIVA PER I BENI COMUNI NUOVI CANTIERI DI RIGENERAZIONE URBANA
  7. 7. DOMANDA DI CAMBIAMENTO OLTRE IL DUALISMO
  8. 8. LO SPECCHIO PER CAPIRE “COME SIAMO CAMBIATI”
  9. 9. CATENE COESIVE DI PRODUZIONE DEL VALORE
  10. 10. • L’imprenditorialità come dato costitutivo e diffuso – Non solo sviluppo economico, ma anche cambiamento sociale • Gli asset comunitari – I motori della rigenerazione «place-based» • Il valore esperienziale nelle economie dei flussi – Il vero fattore di disintermediazione • La produzione culturale per riprodurre legami – Oltre la tutela, vale l’elemento performativo • L’impatto tecnologico – Nelle filiere a elevato contenuto di know-how • La coproduzione come metodo – I GAS oltre la nicchia APPRENDERE DALL’IMPRENDITORIA COMUNITARIA

×