Notiziario Fiscab Nov-Dic 2007

1,260 views

Published on

Notiziario Fiscab Novembre Dicembre 2007

Published in: Career
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,260
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Notiziario Fiscab Nov-Dic 2007

  1. 1. comitati autonomi di base SCUOLA FEDERAZIONE ISTRUZIONE FEDERAZIONE FIS-CAB/GILDA DEGLI INSEGNANTI www.fiscab.it - e-mail: federazionescuolacab@tiscali.it Anno V - N. 11-12 Novembre-Dicembre 2007 CCNL 2006-2009 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE IL CONTRATTO DEL COMPARTO SCUOLA CHE Servedio, Segretario Generale di Vincenzo NON C’E’ QUADRIENNIO GIURIDICO 2006-09 E 1° BIENNIO ECONOMICO 2006-07 F irmato il contratto della dal fondo d’istituto e quindi LE NOVITA’ INTRODOTTE RISPETTO AL PRECEDENTE CCNL, AUMENTI ED ARRETRATI scuola. distribuito con criteri varia- Come nei precedenti segue a pag. 2 (Il testo integrale è momenti concertativi morti- L’ipotesi di con- ficanti l’etica della profes- tratto sottoscritta (La sione docente e Ata, si è GILDA ha firmato subito messa in movimento con riserva) penalizza la collaudata macchina della fortemente i lavoratori “manipolazione” dell’infor- della scuola dal punto mazione attraverso la diffu- di vista salariale per- sione delle cifre degli au- ché per la prima volta menti al lordo e calcolate si salta in pratica un secondo la classica “media anno e mezzo di con- del cosciotto di pollo.” trattazione; infatti gli Le cifre al netto in realtà aumenti relativi al vanno da meno di 50 euro 2006 sono meno del per un Collaboratore scola- 10% dell’aumento a stico di nuova nomina a po- regime, di per sé co più di 80 euro per un do- stesso già irrisorio, e cente delle superiori con 35 per il 2007 l’aumento anni di servizio. è inferiore al 50% Il resto, corrispondente (vedi tabelle ad un ulteriore aumento me- all’interno). dio lordo dello 0,5%, è inse- rito nel calderone costituito Il contratto che non c’è segue a pag. 4 Contrattazione d’Istituto e Fis NOTA: M.P.I. PROT. N° 13022/Fr del 22/10/07 LA FIS-CAB CONVOCA Il Fondo delle Istituzioni Scolastiche LO SCIOPERO GENERALE (Fis): Istruzioni d’uso pag. 6 PER IL GIORNO 27 OTTOBRE 2007 PENSIONI, UN ACCORDO CHE NON CI CONVINCE Natale 2007 di Antonio Quarta Intanto per evitare confu- maggioranza politica attorno Capodanno 2008 sione si ricorda che le norme al “protocollo d’intesa sulla contenute nel protocollo sotto- previdenza, sul lavoro, sulla Il giorno 21 dicembre 2007, alle ore 17,00, scritto il 23 luglio 2007 dovran- competitività e per l’equità e come da consuetudine, scambio di Auguri no essere votate in Parlamento la crescita” presso la sede nazionale entro dicembre 2007 per entra- FIS-CAB e IRFOS di Bari. re in vigore. Va subito detto che Saranno presenti, quali graditi ospiti, Lo sciopero del 20 ottobre l’accordo, per quel che concer- il Senatore, Magistrato Mario Greco 2007, promosso da una parte ne le pensioni, non tocca l’età e l’On.le Salvatore Greco. politica dell’attuale assetto di pensionabile (cioè l’età per an- governo, dimostra quanto sia dare in pensione che rimane di Tutti gli iscritti sono invitati. ancora da costruire una stabile segue a pag. 3
  2. 2. 2•• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• continua da pag. 1 IL CONTRATTO CHE NON C’E’ bili. Una sola certezza: poco nita' di vacanza contrattuale fortemente penalizzata e fa- terminato; il riconoscimento della o niente per molti, qualcosa (aumento medio dello 0.7%, nalino di coda nell’Unione condizione del mobbing e il fatto di più per pochi. 11 ¤ lordi mensili). In questo Europea in merito alle retri- che i permessi di tre giorni siano Altro dato sottaciuto è modo il contratto passerebbe buzioni; dall’altra una mag- diventati un diritto per i docenti che gli arretrati di un anno, da biennale a triennale: un giore stabilità nella compa- e quindi non siano più sottoposti il 2006, si riducono a 45 autentico tracollo in materia gine governativa, venendo alla discrezionalità dei dirigenti euro netti per il solito Col- di tutela economica minima meno il motivo del conten- scolastici. laboratore scolastico preso contrattuale per il personale dere nella maggioranza circa Un giudizio, il nostro, com- a “modello statistico”e a 90 della scuola, docenti e Ata. il suo utilizzo. plessivamente negativo; inevita- per il collega docente con Si riporta alla memoria Taluni aspetti positivi, bile, quindi, per la nostra Fe- 35 anni di servizio. dei Colleghi che l’ultimo ottenuti grazie alle continue derazione Sindacale, la E, dopo un ridicolo contratto stipu- spinte propositive della no- convocazione dello SCIOPERO scambio di battute rituali lato con il pre- stra Federazione Sinda- GENERALE, per rivendicare: con i sindacati “concert- cedente Go- cale, seppure • il pagamento integrale di ativi”, il governo ha ribadito verno (biennio marginali ri- tutti gli arretrati dal 2006, che nel 2007 non darà un 2004-2005 spetto alla • il mantenimento della sca- euro per il rinnovo del con- con il Mini- complessità denza biennale del contratto tratto di docenti ed Ata, già stro Moratti delle aspetta- • significativi investimenti in scaduto da 18 mesi, depri- alla guida del tive della ca- Finanziaria per il biennio contrat- mendo ancor più una cate- MIUR), pur tegoria, sono tuale 2008-2009; goria al limite della povertà. insufficiente ravvisabili • contro il Protocollo del 23 Nel pre-accordo con rispetto alle sulla deci- luglio, stipulato tra governo e Cgil-Cisl-Uil, poi sconfes- attese della ca- sione di im- Cgil-Cisl-Uil, che penalizza sato, l'aumento mensile me- tegoria, anzi, piegare le ri- le pensioni e rende permanen- dio lordo previsto per il pub- assolutamente sorse del te la precarietà; blico impiego era di 101 misero, com- fondo di • contro i tagli alla scuola nella euro (aumento netto circa portava un au- istituto Finanziaria; 60 euro), con un incremento mento mensile prioritaria- • per l’aumento degli organici percentuale che coprirebbe medio di 126 mente per e dei finanziamenti alle scuole a malapena la meta' euro lordi e gli ar- le attività per la didattica, l’ammini- dell'inflazione reale del bi- retrati vennero dati – a gen- di insegnamento, che si tra- strazione, il sostegno e le sup- ennio. Ma, come se non naio 2006 - per entrambi gli duce in un serio tentativo plenze; bastasse, per avere i 60 euro anni e non solo per l’ultimo. ridimensionamento della • per l’assunzione dei precari netti bisognerebbe attendere I Contratti di lavoro nella “scuola progettificio”, sulla su tutti i posti disponibili e la la Finanziaria 2008, -poiché loro sequenzialità temporale rivalutazione dei compensi parità di trattamento salariale gran parte delle risorse, as- dovrebbero essere migliora- relativi alle ore di insegna- e normativo tra precari e senti nella Finanziaria 2007, tivi rispetto ai precedenti; mento e sul miglioramento “stabili”; verrebbero stanziate con es- nel nostro caso ci troviamo delle norme riferite a precari • per un vero Tempo Pieno per sa – che entrerà in vigore da di fronte ad un “illogico e permessi. Di interesse an- tutti i richiedenti; gennaio prossimo- e, tenen- contrattuale” in un sistema che altri elementi che danno • per dire NO ad interventi do conto che occorrono relazionale “drogato.” certezze e fanno chiarezza estemporanei del Ministro sempre un paio di mesi dalla Basterebbe che il Gover- su alcuni istituti contrattuali Fioroni (vedi docenti fannul- firma all’attuazione, il con- no usasse il famoso “teso- del ‘vecchio’ contratto, co- loni, facendo di un’erba un tratto non potrebbe essere retto”, diventato un’ “araba me la riformulazione del unico fascio) operativo prima di aprile fenice” e fonte di divisione monte ore di riunioni colle- • per il riconoscimento dei di- 2008; e a quel tempo gli ar- e scontri nella maggioranza, giali, passate da “almeno ritti degli ATA ex-EE.LL; retrati verranno dati comun- per conseguire due obiettivi 40” a “fino a 40”; la cassa- • per la libertà di Assemblea que solo per il 2007 (e ne- di rilevanza sociale e politi- zione dell’articolo che impe- sindacale per tutti i Sindacati anche pienamente), mentre ca: da una parte riconoscere diva la trasformazione del e per tutti i lavoratori. per il 2006 ci sarebbe solo le legittime aspettative eco- rapporto a tempo determina- • Per il ripristino della scala la corresponsione dell'inden- nomiche ad una categoria to in rapporto a tempo inde- mobile. comitati autonomi di base Convertito in legge il decreto SCUOLA FEDERAZIONE ISTRUZIONE sulle misure urgenti di inizio d’anno COMO, UNA NUOVA SEDE Nella serata del 17 ottobre u.s. il decreto PROVINCIALE FIS-CAB Direttore Responsabile : Vincenzo SERVEDIO legge 147 è stato convertito in legge dall’aula Una nuova sede Provinciale è Coordinamento Redazione : Antonio QUARTA del Senato. Tempo pieno della scuola stata attivata nella provincia di elementare e le sanzioni disciplinari per i Direzione Vincenzo Servedio, Antonio Quarta, Mimmo Vicino, Carlo Mazzoleni, Pino D’Ambrosio docenti, le due misure più importanti. Sulle Como. Responsabile provinciale Comitato di Redazione Lia Maiolo, Pino Furio, Silvana Peragine, Santina D’Urso, Giovanna Severino, sanzioni disciplinari resta la perdita è stata nominata la collega Lucia dell’obbligatorietà del parere delle com- Maria Donvito, Anna Moretti, Livia Montemurro, Marianna Cuoccio, Pasquale Lomurno Maria Antonietta Letizia, Lucia Di Liddo. missioni di disciplina, mentre sull’incom- Di Liddo, Assistente Amm.va Grafica, Impaginazione e Stampa, presso: Tipografia “Cortese” Bitonto (Ba) patibilità ambientale è stata attenuata la presso il Circolo Didattico di Email: federazionescuolacab@tiscali.it discrezionalità del Dirigente scolastico che Erba (CO). Sito web: www.fiscab.it Telefono/Fax: 080 5563327 ordinariamente per l’atto di sospensione GRATUITO AI SOCI La Redazione si riserva di apportare modifiche agli articoli. Ogni forma di tornerà a passare attraverso la valutazione Alla Collega i Migliori Auguri collaborazione a questo periodico e del tutto volontaria e gratuita. La re- del collegio, fatti salvi i “gravi fattori di di Buon Lavoro da tutta la sponsabilità delle opinioni espresse negli articoli firmati è degli autori. Si turbamento”, i quali però dovranno essere autorizzano riproduzioni purchè sia citata la fonte. La collaborazione al pe- riodico sindacale nazionale “Fis-Cab” è aperta a tutti. anche “comprovati”. Redazione.
  3. 3. •• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• 3 PENSIONI, UN ACCORDO CHE NON CI CONVINCE continua da pag. 1 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne) ma riguarda le d’anzianità è stato portato dall’accordo siglato a 58 anni, fermi restando pensioni di anzianità, cioè l’opportunità di andare in pensione i 35 anni di anzianità contributiva previsti anche dalla normativa prima dei 60-65 anni, avendo lavorato almeno per 35 anni. vigente. Oggetto della contesa era lo “scalone” previsto dalla legge Maroni Una modifica ulteriore interverrà dal 1° luglio 2009, quando il che dal 1° gennaio 2008 innalzava l'età della pensione di anzianità requisito per il diritto alla pensione d’anzianità sarà costituito dal da 57 a 60 anni, per arrivare gradualmente a 62 anni nel 2014. raggiungimento della cosiddetta “quota 95”, ottenuta sommando Il nuovo accordo ha apportato lievi miglioramenti alla Legge età anagrafica e anzianità contributiva. Per definire la “quota 95”, Maroni, trasformando lo “scalone” in vari “scalini” che porteranno l’età anagrafica da sommare a quella contributiva non potrà comunque ugualmente alla pensione di anzianità nel 2014 all’età di 62 anni. essere inferiore ai 59 anni, come risulta dal prospetto di seguito Sono previsti per i lavoratori che svolgono lavori usuranti (circa riportato. 1,5 milioni su 15 milioni) di mantenere l'uscita a partire da 57 Dal 1° gennaio 2011, invece, la quota necessaria per richiedere il anni con 35 di contributi.. pensionamento d’anzianità è posta a 96, ottenuta sommando sempre E’ previsto il ritocco dei coefficienti di rendimento previ- i contributi versati con l’età anagrafica, la quale non potrà comunque denziale che renderà sempre più inconsistenti le pensioni future, essere inferiore ai 60 anni. con la consequenziale rivalutazione del sistema pensionistico L’effetto dell’accordo si concluderà il 1° gennaio 2013 con la privato (per i pochi eletti che se lo potranno permettere) quota fissata a 97 ed un’età anagrafica comunque non inferiore ai 61 nfine l’accordo prevede altri due disposizioni: anni. Prima di quest’ultimo passaggio, però, nell’accordo è prevista l’aumento dello 0,09% dei contributi previdenziali a carico dei una verifica sugli effetti e gli obiettivi raggiunti fino a quel momento. lavoratori a partire dal 2011, provocando un ulteriore taglieggia- Se da tale verifica dovessero emergere risparmi consistenti ed importanti, mento dei magri salari e a pochi mesi di un provvedimento la quota di riferimento resterebbe quella fissata a 96 nel 2011. analogo inserito nella finanziaria; la preparazione da parte del governo di un piano per unificare gli enti previdenziali che ovviamente porterà ad un travaso di soldi dai fondi in attivo (quello dei lavoratori dipendenti) a quelli in passivo (quelli dei dirigenti d'azienda, autonomi). Le formule da “Harry Potter” 95, 96, 97 indicano il nuovo sistema per chiedere la pensione di vecchiaia, data da un coefficiente espresso dalla somma dell’età anagrafica minima e degli anni di contributi. LE FINESTRE PENSIONISTICHE Vecchie…. FINESTRE PENSIONISTICHE PREVISTE DALLA L. 243/04 Dal prospetto emerge chiaramente come il complesso dell’accordo attenui sensibilmente gli effetti della legge Maroni, perché diluisce nel tempo l’innalzamento dell’età minima di pensionamento e introduce – attraverso il meccanismo delle quote un elemento di flessibilità del sistema. Nuove ….. FINESTRE DI ACCESSO ALLA PENSIONE D’ANZIANITA’ (Accordo 23 luglio 2007) L’accordo raggiunto tra Governo e Sindacati per il supera- mento dello “scalone” introdotto dalla 243/04, nota come legge NUOVA TABELLA PENSIONISTICA PER LE DONNE Maroni, che innalzava dal 2008 l’età minima di pensionamento d’anzianità da 57 a 60 anni, prevede un intervento volto ad attenuare l’innalzamento dell’età agendo, progressivamente, LAVORI USURANTI attraverso gli anni di contribuzione e l’età anagrafica. I lavoratori individuati come usurati dall’accordo - e che hanno La soluzione adottata con l’accordo è comunque più equa svolto tali mansioni per almeno la metà del periodo lavorativo com- della legge Maroni (fermo restando la nostra ferma convinzione plessivo o, nel periodo transitorio, per almeno sette anni negli ultimi che 35 anni sono più che sufficienti per la pensione di anzianità), dieci di attività - possono in tal modo accedere alla pensione di perché ristabilisce un principio importante di gradualità anzianità con tre anni di anticipo rispetto a quanto previsto per la nell’innalzamento dell’età pensionabile ed attenua, quindi, gli restante platea di lavoratori. effetti dello “scalone” diluendoli nel tempo. I lavoratori interessati in base alle prime stime sono 1,4 milioni, Il 1° gennaio 2008, data nella quale secondo la Maroni l’età per circa 5.000 uscite l’anno. Sono esclusi i Docenti. anagrafica sarebbe dovuta passare da 57 a 60 anni, il requisito anagrafico minimo per accedere al diritto di pensionamento
  4. 4. 4•• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• CCNL, QUADRIENNIO GIURIDICO 2006-09 E 1° BIENNIO ECONOMICO 2006-07 continua da pag. 1 dall’Amministrazione, accesso ART. 15 – i permessi retri- ART. 29 – Introdotto il tetto mas- Per quanto riguarda gli au- all’intranet scolastico per le buiti per lutto sono estesi anche simo di 40 ore per i consigli di classe. menti a regime se va bene informazioni di cui sono titolari se la ragione riguarda i convi- ART. 32 – i docenti potranno partiranno da febbraio 2008 le OO.SS. ai sensi del relativo venti, rafforzato il diritto ai tre «svolgere attività didattiche rivolte perché i soldi devono essere CCNQ, informazione sulle ri- giorni di permesso a domanda. al pubblico anche di adulti, nella ancora stanziati nella finan- sorse globali assegnate alle ART. 17 – per le assenze propria o in altra istituzione scolasti- ziaria 2008. scuole per il loro funzionamen- per malattia il lavoratore è te- ca, in relazione alle esigenze forma- Si evidenzia, inoltre, che il to. nuto, oltre a spedire il certifi- tive provenienti dal territorio, con Contratto diventerà opera-tivo ART. 6 – riguarda le rela- cato entro 5 giorni, a comuni- esclusione degli alunni delle proprie dopo una serie di passaggi bu- zioni a livello di istituzione care «per le vie brevi la classi, per quanto riguarda le materie rocratici tuttora in corso. scolastica ed è l’articolo in cui presumibile durata della pro- di insegnamento comprese nel cur- sono state introdotte più novità. gnosi» onde permettere di va- riculum scolastico e per attività di LE NOVITA’ Appare evidente dal nuovo art. lutare subito l’esigenza di chia- recupero», il cui compenso viene (gli articoli non citati non han- 6 un rafforzamento del ruolo mare il supplente. portato rispettivamente a 35 e 50 no riportato modifiche) della contrattazione e dunque ART. 18 – l’aspettativa, ol- euro l’ora. un maggior coinvolgimento tre che per motivi di famiglia, ART. 35 – viene ribadito che i PREMESSA: viene chia- delle RSU nelle decisioni della di lavoro e di studio potrà es- docenti non sono obbligati a svolgere rito che «Le disposizioni legi- scuola. Tutte le materie oggetto sere presa anche per motivi attività aggiuntive, per cui se neces- slative, anche se eventualmente di contrattazione divengono «personali»e si potrà fare sitano risorse umane per queste atti- abrogate, sono da considerarsi anche oggetto d’informazione un’esperienza lavorativa anche vità e non sono disponibili all’interno tuttora in vigore ai fini contrat- preventiva con l’aggiunta an- nel privato; della scuola possono essere acqui- tuali qualora esplicitamente che delle risorse esterne. Il ART. 21 – hanno diritto state da altre scuole. richiamate nel testo che segue, DSGA dovrà «sentire» il per- alla mensa gratuita sia i docenti ART. 36 – viene data la possibi- come previsto dell’art. 69 del sonale ATA prima di redigere che i collaboratori scolastici lità al personale in servizio di optare d.lgs. n.165/2001». il piano delle attività. Anche impegnati in tale servizio. per contratti annuali a tempo deter- l’utilizzazione del personale in ART. – viene introdotta una minato anche per più di tre anni, ma CAPO I - DISPOSIZIONI GE- progetti finanziati da enti ester- sequenza contrattuale per il per- dopo tre anni si perde la titolarità NERALI ni viene decisa in sede di trat- sonale impegnato in attività di della sede. tativa con la RSU. La contrat- educazione degli adulti ed in ART. 37 – il supplente rimane ART.. 1 – la modifica più tazione dovrà iniziare altre tipologie di attività didat- in servizio fino al termine degli scru- consistente riguarda il paga- obbligatoriamente entro il 15 tica. tini se il titolare rientra in servizio mento dell’indennità di vacan- settembre e terminare entro il dopo il 30 aprile. za contrattuale (IVC), pur rico- 30 novembre. Dopo tale data CAPO IV – DOCENTI ART. 40 – se l’assenza del tito- noscendo che è un diritto dei «potrà» entrare in gioco la lare è continuativa al supplente de- lavoratori, si ritagliano il po- commissione bilaterale regio- ART. 24 – viene rimandata vono essere retribuiti anche i periodi tere di contrattarne il pagamen- nale di cui all’art.4. I compensi ad una successiva sequenza di sospensione delle lezioni. Il sup- to: «Per l’erogazione di detta legati al fondo d’istituto devono contrattuale la cosiddetta «va- plente che espleta l’intero orario indennità si applica la proce- essere pagati entro il 31 agosto. lutazione e valorizzazione del settimanale ha diritto al pagamento dura contrattuale di cui agli Il contratto d’istituto, se non vi personale docente», vengono per tutta la settimana, domenica in- artt. 47 e 48 del decreto legi- saranno rilievi da parte dei re- confermati «gli esiti, sottoscritti clusa; slativo n.165/2001». visori dei conti, avrà validità il 24 maggio 2004, della Com- entro 30 giorni dalla sottoscri- missione che ha operato ai sen- CAPO V - PERSONALE ATA CAPO II - RELAZIONI SIN- zione; i revisori potranno fare si dell’art. 22 del CCNL DACALI rilievi solo riguardo alla com- 24.07.03». ART. 44 – si può optare per il patibilità finanziaria del con- ART. 25 – viene introdotta part-time sin dal momento ART. 4 – riguarda la con- tratto rispetto agli stanziamenti la possibilità del part-time an- dell’assunzione sia a tempo indeter- trattazione collettiva integrativa di bilancio. Non potranno en- che per i supplenti. minato che determinato; sia nazionale che regionale, le trare nel merito di quanto è ART. 26 – viene introdotta ART. – fino alla definizione di materie oggetto di contrattazio- stato contrattato. una specie di autovalutazione una nuova sequenza contrattuale ne sono ridefinite ed ampliate, delle scuole rispetto al raggiun- (prevista all’art. 62) per il personale la mobilità compartimentale ART. 8 –Viene chiarito che gimento degli obiettivi del ATA la mobilità professionale rima- trova un freno nella continuità in ogni scuola si potranno tene- p.o.f..I risultati saranno comu- ne la stessa e continueranno a coesi- didattica. Inoltre si contrattano re al massimo due assemblee nicati alle famiglie «con le mo- stere art. 7 ed incarichi specifici. anche l’utilizzo delle risorse al mese «per ciascuna categoria dalità decise dal collegio dei ART. 51 – si ribadisce l’obbligo per la formazione e i criteri di di personale» ( cioè se le as- docenti». del pagamento dello straordinario esercizio dei diritti sindacali; semblee sono disgiunte diven- ART. 27– nell’ottica da parte dell’amministrazione: il come rafforzativo di questa tano due per i docenti e due per dell’articolo precedente viene recupero compensativo è solo a do- tendenza viene costituita presso il personale ATA). ampliato il profilo professiona- manda del lavoratore; ogni Direzione Scolastica Re- le docente introducendo «docu- ART.. 53 – il DSGA deve sentire gionale una commissione bila- CAPO III – NORME COMUNI mentazione e valutazione» tra obbligatoriamente il personale ATA terale incaricata dell’assistenza, le competenze. prima di formulare la proposta di supporto e monitoraggio delle ART. 10 – i docenti in as- ART. 28 – Si precisa che piano delle attività. relazioni sindacali sul territorio segnazione provvisoria su di gli incarichi vanno tutti confe- ART. 56 – l’indennità di direzio- regionale. un livello superiore hanno di- riti dal D.S. in forma scritta e ne e sostituzione del DSGA viene ritto ad un trattamento econo- che l’attività d’insegnamento aumentata di oltre il 10% dal ART. 5 – riguarda mico corrispondente. si svolge «nell’ambito del ca- 1/1/2006 ed è utile ai fini del TFR. l’informazione preventiva a ART. 12 – il periodo di lendario scolastico delle lezioni ART. 59 – anche al personale livello nazionale e regionale, astensione obbligatoria «è da definito a livello regionale» per ATA a t. i. come per i docenti, viene che dovrà avvenire con caden- considerarsi servizio effettiva- cui qualsiasi attività data la possibilità di optare per più za almeno annuale ed è stata mente prestato»anche per i sup- d’insegnamento che si svolga di tre anni per contratti annuali a ampliata, sono state inserite tra plenti, che hanno diritto anche al di fuori di detto calendario tempo determinato, ma dopo 3 anni le materie anche: esiti dei mo- alle eventuali successive proro- dà diritto ad una retribuzione si perde la titolarità della sede. nitoraggi effettuati ghe dell’incarico di supplenza. aggiuntiva. segue a pag. 5
  5. 5. •• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• 5 continua da pag. 4 ART.. 66 – in ogni istitu- rivante dai risparmi sugli orga- ziato un particolare successo forma- zione scolastica, oltre al piano nici. tivo a seguito delle oggettive verifi- ART. 60 – come per i do- di formazione per i docenti ART. 85 – vengono definiti che previste dal medesimo sistema centi si garantisce al personale deliberato dal collegio ve ne i nuovi criteri di attribuzione di valutazione». Si introduce quindi ATA con rapporto di lavoro a sarà uno per il personale ATA delle risorse per il finanziamen- un criterio meritocratico anche tra tempo determinato il pagamen- predisposto dal DSGA. to del fondo dell’istituzione scuole. to dell’intera settimana, dome- scolastica semplificando le vo- nica e festivi compresi, indi- CAPO VII – TUTELA DELLA ci (la voce fondamentale divie- CAPO IX – NORME DISCIPLINARI pendentemente se le 36 ore di SALUTE NELL’AM-BIENTE ne il numero degli addetti, sen- servizio sono state svolte in 5 DI LAVORO za più distinzione tra personale Sezione I - personale docente o 6 giorni. ART.. 73 – Prevista la pos- ATA e docenti). ART. 62 – con questo arti- sibilità da parte della RSU di ART. 88 – tra le attività da ART. 91 – Si stabilisce che anche colo si rimandano ad una se- designare il rappresentante dei retribuire col fondo d’istituto per i docenti a breve verrà codificato quenza contrattuale successiva, lavoratori per la sicurezza tra (FIS) spuntano quelle di ricerca un codice disciplinare, probabilmen- da attivarsi entro 30 giorni, i lavoratori che non ne fanno e di valutazione, in particolare te simile a quello del personale ATA. l’estensione dell’art.7, la riva- parte. «l’impegno professionale in ART. 98 – viene introdotto pres- lutazione dei compensi e aula connesso alle innovazioni so ogni Direzione Scolastica Regio- l’attribuzione di nuove posizio- CAPO VIII – ASPETTI ECO- ed alla ricerca didattica». Si nale un comitato paritetico sul mob- ni economiche per l’area B at- NOMICO-RETRI-BUTIVI tende a riportare tutto bing con compiti di traverso concorsini selettivi. GENERALI all’interno del FIS, corsi di ricerca,monitoraggio, prevenzione, Verranno inoltre rivisitati i pro- recupero compresi. formulazione di «codici di condotta». fili e la riduzione a 35 ore. ART. 78 – rimanda agli ART.. 90 – in questo arti- Infine nella tabella B vengono «aumenti» che sono riportati colo si promettono ulteriori innalzati i titoli di studio per CAPO VI - LA FORMAZIONE nelle tabelle 1 e 2. aumenti «se» il governo met- l’accesso a tutti i profili del personale ART. 82 – il compenso in- terà i soldi nella finanziaria ATA (diploma anche per il collabo- ART. 63 –un appello gene- dividuale accessorio per il per- 2008, in particolare la decor- ratore scolastico). Per il personale rico alla necessità della forma- sonale ATA (CIA) viene leg- renza da febbraio 2007 in servizio valgono i titoli già in zione in servizio definita come germente incrementato e dell’aumento stipendiale a re- possesso. «leva strategica fondamentale diviene utile ai fini del TFR, gime, nonché ulteriori risorse Di seguito le tabelle riassuntive per lo sviluppo professiona- non matura pensione e tredice- per il FIS. Al comma 4 si sta- relative gli aumenti retributivi ed le»destinato a cadere nel vuoto, sima. Per il biennio 2006-7 bilisce che parte di queste ri- arretrati. visto che non viene stanziato verrà corrisposto un importo sorse verranno destinate «alle La Redazione neanche un euro. una tantum di 344,65 euro de- istituzioni che avranno eviden- RINNOVO CONTRATTUALE AUMENTI STIPENDIALI ARRETRATI RINNOVO CONTRATTUALE AUMENTI STIPENDIALI ARRETRATI ATA dal 1° gennaio al 31 dicembre 2008. In ogni regione viene stipulato Le cosiddette 150 ore un contratto regionale ad hoc, che recepisce la normativa generale e fissa il termine (che può essere anche diverso dal 15 novembre) di Livia Montemurro e ulteriori disposizioni. La domanda va presentata direttamente a scuola. I docenti che Il 15 novembre prossimo è il termine ultimo per la presentazione lavorano su più scuole devono presentarla nella scuola dove sono dei permessi per il diritto allo studio: le cosiddette 150 ore. titolari dello spezzone fino al 30 giugno. Se i contratti relativi agli I permessi vengono concessi e fruiti in riferimento all’anno spezzoni hanno un termine più breve, per prassi, la domanda va solare. Ciò vuol dire che il periodo di tempo di riferimento va presentata nella scuola dove risulta attivo lo spezzone con più ore.
  6. 6. 6•• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• Contrattazione d’Istituto e Fis IL FONDO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (FIS): ISTRUZIONI D’USO Riferimenti normativi. Nota MIUR del 2.12.2003 prot. 1609; artt.82 comma 1 , 83 commi 2 3 e 5 e 86 del CCNL 24.7.2003; art. 14 del CCNL 15.3.2001; art. 28 del CCNI 31.8.1999. Premessa. Il fondo dell’istituzione scolastica è finalizzato a retribuire le prestazioni rese dal personale docente, educativo ed ATA per sostenere il processo di autonomia scolastica, con particolare riferimento alle esigenze che emergono dalla realizzazione de l POF e dalle sue ricadute sull’organiz-zazione complessiva del lavoro nonché delle attività e del servizio. Il fondo è inoltre finalizzato alla qualificazione e all’ampliamento dell’offerta di istruzione e formazione anche in relazione alla domanda prove- niente dal territorio ( comma 1 art. 83 del CCNL del 24.7.2003). Le attività retribuite, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili, sono quelle relative alle diverse esigenze didattiche ed organizzative e alle aree di personale interno alla scuola, eventualmente prevedendo compensi anche in misura forfetaria in correlazione al POF, su delibera del consiglio di circolo o di istituto, il quale, a tal fine, acquisisce la delibera del collegio dei docenti. La ripartizione delle risorse del fondo, dovrà tenere conto anche con riferimento alle consistenze organiche delle aree, docenti ed ATA, dei vari ordini e gradi di scuola eventualmente presenti nell’unità scolastica e delle diverse tipologie di attività( eda,scuola ospedaliera,carceraria,corsi serali, convitti) (comma E’ opportuno ricordare che le somme determinate in questo modo 1 art. 86 CCNL del 24.7.2003. vanno inserite nel Programma Annuale alla voce A03 - Spese del personale e nei specifici progetti che utilizzano il Fis per il finanziamento COMPOSIZIONE FIS DALL’1.9.2003, delle prestazioni del personale. QUANTIFICAZIONE DELLE RISORSE. Si precisa che le somme del Fis possono essere utilizzate solo per retribuire il personale della scuola docenti ed ATA e non Dopo l’avvio della sequenza contrattuale, di cui all’art. 83 esperti esterni e beni o servizi, le risorse del Fis che risultino non comma 5 del Contratto 2003, il MIUR (Dipartimento dei Servizi utilizzate alla fine dell’esercizio finanziario, sono utilizzate per il Territorio), in data 2 dicembre 2003 ha emanato la nota di nell’esercizio successivo (art. 83, comma4 delCCNL del 24.7.2003). servizio prot. 1609 che, in sostituzione della C.M. n. 107/2001, quantifica le risorse destinate al fondo dell’istituzione scolastica Le risorse costituenti il Fis sono inoltre alimentate, sulla base dei ( di seguito Fis), individuando altresì le modalità che le scuole relativi fabbisogni comunicati dalle scuole, per retribuire: dovranno utilizzare per calcolare autonomamente la composizione • compensi per l’indennità di amministrazione ai sostituti dei Dsga del Fis adeguato al nuovo CCNL del 24.7.2003. di cui alla lettera h) dell’art. 86 del CCNL del 24.7.2003 (CCNI Ricordiamo che l’art. 82, comma 1 del CCNL 2003 definisce 31.8.1999- art. 28, comma 4, che richiama l’art. 27, comma 6, le risorse complessive del Fis a decorrere dall’1.1.2003; il punto B, lettera b), che a sua volta richiama l’art. 34, comma 3); successivo art. 83, comma 2 riassume le fonti contrattuali che • la quota variabile dell’indennità di amministrazione spettante al contribuiscono alla formazione delle risorse del Fis, infine il Dsga di cui alla lettera i) dell’art. 86 del vigente contratto , con le comma 5 del medesimo art.83 stabilisce che le parti firmatarie modalità stabilite dal CCNI del 31.8.1999 e nelle misure stabilite del CCNL definiranno nuovi criteri per la distribuzione delle nella tabella 9, allegata al vigente Contratto; risorse complessivamente finalizzate al Fis. • solo per le scuole di lingua slovena, compensi per indennità di bi/trilinguismo, nell’ipotesi di cui per gli stessi fini non sia già erogata da soggetti diversi dal Miur ( CCNI 31/8/1999-art. 28, Nell’allegato A, di seguito riportato, sono indicate le voci per comma 4, che richiama l’art. 27, comma 6, punto B, lettera c) ). la determinazione del Fis riferito a tutte le istituzioni scolastiche. • Compensi per l’indennità di lavoro notturno e/o festivo (CCNI 31.8.1999- art. 28, comma 4, che richiama l’art. 27, comma 6, punto B, lettera d)). Il Fis, determinato in relazione alle configurazioni delle singole istituzioni scolastiche, è integrato, ai sensi del comma 3 dell’art. 83 del CCNL del 24.7.2003 dalle seguenti risorse: a) dai finanziamenti previsti dalle vigenti disposizioni e da tutte le somme introitate dall’istituto scolastico finalizzate a compensare le prestazioni aggiuntive del personale, ivi comprese quelle derivanti da risorse dell’Unione Europea, da enti pubblici o soggetti privati; b) dalle eventuali economie di cui all’art. 22, comma 6, della legge 28.12.2001, n. 448. L’ammontare del Fis, definito sulla base dei parametri di cui agli allegati A e B sopra riportati, è destinato a finanziare le indennità e i compensi previsti dall’art. 86 comma 2 del vigente contratto di lavoro al personale docente, ata ed educativo di seguito elencati: 4 la flessibilità organizzativa e didattica che consiste nelle prestazioni connesse alla turnazione ed a particolari forme di flessibilità dell’orario, alla sua intensificazione mediante una diversa scansione dell’ora di lezione ed all’ampliamento del funzionamento dell’attività scolastica, previste nel regolamento sull’autonomia. Per il personale docente ed educativo in servizio nelle istituzioni scolastiche che abbiano attivato la flessibilità organizzativa e didattica spetta un compenso definito in misura forfetaria in
  7. 7. •• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• 7 contrattazione integrativa nelle misure definite con la con i vincoli di bilancio cipare i tempi del prossimo contratto d’istituto; Tabella 8; dell’istituto scolastico. e quindi che tutto si esaurisca tra 4 le attività aggiuntive di in- 4 il compenso spettante al settembre e novembre con: segnamento, esse consisto- personale che in base alla QUALI SONO I TEMPI 1) la RSU verifica la rispondenza no nello svolgimento, oltre normativa vigente sostitui- PER LA DISCUSSIONE tra consuntivo e preventivo dell'anno l’orario obbligatorio di in- sce il DSGA o ne svolge le DEL FONDO? precedente; segnamento e fino ad un funzioni ai sensi dell’art.55, 2) l'Assemblea sindacale approva massimo di 6 ore settima- comma 1, del presente Il Nuovo contratto 2006- uno schema di attribuzione del Fon- nali, di interventi didattici CCNL, detratto l’importo 2009, tuttora in fase di espleta- do con tutti i relativi tetti e rende volti all’arricchimento e al- del CIA già in godimento; mento nelle procedure ammi- noto il numero di ore di recupero a la personalizzazione 4 la quota variabile nistrative per la sua vigenza dà disposizione di ogni consiglio di dell’offerta formativa, con dell’indennità di ammini- indicazioni precise nel merito: classe e che questo deve amministra- esclusione delle attività ag- strazione di cui all’art.55 apertura della fase contrattuale re nel corso dell'anno; giuntive di insegnamento del presente CCNL spettan- d’istituto entro il 15 settembre 3) si apre la trattativa con la diri- previste dall’art.70 del te al DSGA con le modalità e chiusura della stessa entro il genza sino ad una ipotesi di accordo; CCNL del 4 agosto 1995 e stabilite nel CCNI del 30 novembre. 4) l'ipotesi di accordo è sottopo- di quelle previste dal pre- 31.8.1999 e nelle misure Dalla normativa del CCNL sto al voto dell'Assemblea sindacale. cedente art.85. Per tali atti- definite con la Tabella 9; 2002 – 2005, attualmente in vità spetta un compenso 4 compensi per il personale vigore, non è chiara la tempi- (Fonte: CCNL, ARAN, , M.P.I., nelle misure stabilite nella docente, educativo ed ATA stica. Noi proponiamo di anti- Gilda degli Insegnanti) Tabella 5; per ogni altra attività deli- 4 le attività aggiuntive fun- berata dal consiglio di cir- zionali all’insegnamento, colo o d’istituto nell’ambito esse consistono nello svol- del POF. gimento di compiti relativi RUBRICA LEGALE alla progettazione e alla Il Fis e le relazioni A cura del Prof. Avv. Vito LACOPPOLA produzione di materiali utili sindacali a livello Docente a contratto di Diritto del Lavoro per la didattica, con parti- di istituzione scolastica. colare riferimento a prodot- presso L’Università degli Studi di Bari ti informatici e in quelle Ai sensi dell’art. 6 del Tel./Fax 080/4783758 previste dall’art.28, comma CCNL del 24.7.2003, materia 3 - lettera a) del presente oggetto di contrattazione inte- CCNL eccedenti le 40 ore grativa da effettuarsi con ca- TAR LAZIO, UN SOLO ALUNNO CON annue. Per tali attività spet- denza annuale a livello ta un compenso nelle misu- d’istituzione scolastica è la de- HANDICAP GRAVE PER CLASSE re stabilite nella Tabella 5; terminazione dei criteri generali 4 le prestazioni aggiuntive per la ripartizione delle risorse Domanda blica istruzione. del personale ATA, che del Fis e per l’attribuzione dei Sono una docente in servi- Il Tribunale amministrati- consistono in prestazioni compensi accessori al persona- zio in una scuola primaria vo Regionale ha specificato di lavoro oltre l’orario le docente, educativo ed ATA, della provincia di Bari. In che quando in una classe vi d’obbligo, ovvero ai sensi dell’art. 45, comma 1 una classe, formata da 21 è già un alunno con problemi nell’intensificazione di pre- del d.lgs. n. 165/2001. alunni, sono stati inseriti dal- o patologie importanti non è stazioni lavorative dovute Le parti (il dirigente scola- la Dirigente scolastica, due possibile ammetterne altri. anche a particolari forme stico per la parte pubblica, la bambini con handicap grave, La stessa censura , inoltre, il di organizzazione R.S.U. e i rappresentanti terri- creando non poche difficoltà comportamento illegittimo dell’orario di lavoro con- toriali delle organizzazioni sin- al buon andamento didattico; della Istituzione scolastica nesse all’attuazione dacali di categoria firmatarie difficoltà che aumentano in allorquando ha costituito la dell’autonomia. Per tali at- del CCNL del 24..7.2003 per modo esponenziale allor- classe in palese difformità tività spetta un compenso le organizzazioni sindacali) pos- quando sono assenti le do- dei dettati di cui all’art. 10, nelle misure stabilite nella sono prorogare, anche tacita- centi di sostegno. I genitori c. 2 del già citato D.M. 141. Tabella 6; mente, l’accordo già sottoscritto. dei bambini hanno protestato Il Tribunale Amministrati- 4 i compensi da corrispondere Il dirigente scolastico nel per tale situazione, pregiu- vo , inoltre, ha anche accolto al personale docente ed merito deve formalizzare la dizievole per il recupero for- la richiesta del diritto del- educativo, non più di due propria proposta contrattuale mativo e didattico del pro- l’alunno portatore di handi- unità, della cui collabora- entro termini congrui con prio figlio, senza ottenere cap grave ad essere affiancato zione il dirigente scolastico l’inizio dell’anno scolastico e, alcun risultato. E’ legittima, da un assistente educativo intende avvalersi nello in ogni caso, entro i successivi Egr. Avvocato, tale situa- per supportarlo sia nel- svolgimento delle proprie dieci giorni lavorativi decorren- zione? l’apprendimento che nell’as- funzioni organizzative e ge- ti dall’inizio delle trattative. Risposata sistenza igienica, in applica- stionali. Tali compensi non La contrattazione stipulata La fattispecie, piuttosto in- zione della Legge 104/92, art. sono cumulabili con il a livello d’istituzione scolastica frequente, è espressamente 40. compenso per le funzioni dovrà rispettare le materie e i regolamentata dal D.M. 3 Si legge ,infatti nella parte strumentali al piano limiti prefissati dai contratti giugno 1999, n. 141, art. 10. finale della sentenza: dell’offerta formativa di cui collettivi nazionali di comparto Recentemente il TAR La- “In conclusione il ricorso, all’art. 30 del presente e, pertanto, non può contenere zio, sez. III^-quater, con sen- nei profili qui esaminati, è CCNL; clausole in contrasto con vin- tenza n. 200709926 del 10 dunque fondato e deve essere 4 le indennità di turno nottur- coli risultanti dai contratti na- ottobre 2007, ha stabilito che accolto. no, festivo, notturno-festivo zionali. L’eventuale difformità in classe non può esserci più Per l’effetto deve essere con le modalità stabilite nel comporterà la nullità delle re- di un alunno con handicap pronunciato l’annullamento CCNI del 31.8.1999 e nelle lative clausole. grave. degli atti impugnati e dichia- misure definite con la Ta- I contratti integrativi do- La sentenza è stata emessa rato il diritto dell’alunno han- bella 7; vranno inoltre rispettare i limiti a seguito di un contenzioso dicappato rispettivamente ad 4 l’indennità di bilinguismo di bilancio posti dagli strumenti promosso da alcuni genitori essere l’unico alunno handi- e di trilinguismo, nei casi di programmazione annuale e contro l’istituzione scolasti- cappato della classe ai sensi in cui non sia già prevista pluriennale di ciascun istituto ca che aveva inserito due dell’art. 10 del D.M. n. a carico di soggetti diversi scolastico. alunni con handicap in si- 141/1999; ad usufruire un dal MIUR in base alla nor- Il dirigente scolastico, a tal tuazione di gravità nella stes- AEC specializzato; ad avere mativa vigente - nel qual fine, dovrà sottoporre il contrat- sa classe prima, formata da un assistente all’igiene a lui caso potrà essere contratta- to integrativo al controllo dei ben 22 alunni e contro lo specificamente “dedicato”. ta la relativa rivalutazione- revisori dei conti per stesso Ministero della Pub- (…)” , con le modalità stabilite l’approvazione del visto di le- nel CCNI del 31.8.1999 e gittimità e della compatibilità
  8. 8. 8•• •• •• FIS- COMITATI AUTONOMI DI BASE DELLA SCUOLA •• •• •• Docente Scuola Secondaria di 2° Grado Prof.ssa a contratto Università di Bari

×