bozza quasi finale

216 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
216
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

bozza quasi finale

  1. 1. IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />I “MEDIA BUILDING e CROSSING”<br />Filippo Simionato (mat. 268928)<br />
  2. 2. CROSSING di FrancoisBurkhardt<br />La rivista crossing, dalla quale ho tratto il mio articolo,fondata da poco, è nata per incrociare due sfere molto importanti: l’architettura e la tecnica in particolare quella digitale e si rivolge a coloro che si interessano dello sviluppo di questi ambiti in relazione allo sviluppo costante della cultura.<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />
  3. 3. FRANCOIS BURKHARDT<br />Due parole per inquadrare l’autore del mio articolo e direttore di crossing: nato a Winterthur nel 1936 ha studiato architettura a Losanna e ad Amburgo. E’ stato direttore di importanti istituzioni come il ‘centre de creationindustrielle del Centre Pompidou di Parigi, direttore della rivista Domus dal1996 al 2000 e infine dal1993 è presidente del centro designlabor di Bremerhaven<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />
  4. 4. La storia dei mediabuilding<br />Questi edifici ancora negli anni sessanta venivano considerati delle utopie e disegnati da gruppi d’avanguardia come gli ‘Archigram’ con la loro istant city (foto a fianco)con la quale cercavano di dare l’idea di una società basata sull’immagine e sull’istantaneità. Oggi vengono realmente costruiti come in TimesSquare a New York o a Shangai o ancora a Las Vegas e sembrano edifici che nascano dalla celebre ‘Maison de la publicitè’ di Oscar Nitzchke.<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />
  5. 5. I media building <br />Lo scopo di queste strutture è quello di mescolare tre sfere sempre più importanti del progetto architettonico: l’economia,le nuove tecnologie e i mass media. È’ un edificio che funzionalmente risponde alla domanda di informazione istantanea che consente di trasmettere immagini e dati alla velocità della luce e che fa del ‘tempo reale’ il principio guida in una società ormai dominata dall’istantaneità e che si considera società della comunicazione.<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />
  6. 6. I media building<br />Dal punto di vista tecnico i media buildings per la loro funzione,prima ancora di essere definiti come edifici,rappresentano delle strutture integrate o amalgamate con l’architettura quasi degli ibridi tra architettura e mass media.<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />
  7. 7. I media building<br />un altro aspetto chiave è l’impostazione del progetto,se l’epidermide-schermo viene considerata come fonte di redditività,allora gli architetti si troveranno davanti un nuovo elemento:il rapporto tra architettura e struttura o meglio tra esterno e interno;infatti sta già prendendo piede l’idea di un nuovo tipo di curtainwall<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />
  8. 8. I media building<br />Concludo definendo l’elemento essenziale di queste strutture ovvero l’efficacia attrattiva:si vedono tutt’oggi nelle grandi metropoli centinaia di persone che si fermano quasi sorpresi da queste pareti che sembrano muoversi e che danno quasi l’idea di essere immersi in un mondo parallelo.<br />IUAV – Corso di Informatica e Disegno Digitale – Prof. Maurizio Galluzzo<br />

×