FF3300 issue #6

3,742 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
3,742
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
63
Actions
Shares
0
Downloads
73
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

FF3300 issue #6

  1. 1. Talkings gerard unger autobahn subcltr simona tonna - - - - - - - - - - - - - - Thesis rita colacicco andrea bergamini valeria panci stefano menconi silvio spina - - - - - - - - - - - - - - Dossier wijdeveld & wendigen www.ff3300.com - info@ff3300.com Novembre/Dicembre - Anno II
  2. 2. 0.001 Con grande soddisfazione accolgo la fioritura di una serie di pubblicazioni relative al mondo della grafica in Italia, o almeno in parte dell’Italia. EDITORIALE Nell’ultimo numero di Progetto Grafico, c’è stato un interessante articolo sulle realtà editoriali emergenti di questo paese, dove si è parlato di FEFE e 1/16. Il Sole 24 Ore ha parlato di Grafica... A Torino c’è stato l’evento organizzato da ICOGRADA e AIAP, dove, pagando una “simbolica quota” si poteva accedere a tantissimi ed interessantissimi servizi... Insomma, il mondo va a rotoli... Meno male che il 2012 è vicino. Aspettando il 21 Dicembre, continuate a seguirci. FF3300: FUEL FOR YOUR MIND InDIpEnDEnTE, GRATuITA, VERA. Alessandro
  3. 3. 0.01 Direzione artistica & Direzione redazionale & Progetto editoriale: Alessandro Tartaglia, Carlotta Latessa COLOPHON Consulenza indispensabile e paziente: Silvio Nicola Spina, Luciano Perondi Sostieni FF3300. Typefaces: Invia i tuoi progetti. Dic Sans - Dic Mono: disegnati da Luciano Perondi (Molotro) www.ff3300.com Hanno collaborato a questo numero: Gerard Unger, Lo studio Autobhan, i SUBcltr, Simona Tonna, Rita Colacicco, Andrea Bergamini, Valeria Panci, Silvio Spina Stefano Menconi. Website: www.ff3300.com 4| FF3300 | COLOPHON
  4. 4. 0.1 * FF * loves DIC SpECIMEn. * the Dic! www.molotro.com 6| FF3300 | MOLOTRO SpECIMEn *
  5. 5. TALKInGS 8| FF3300 |TALKInGS
  6. 6. TALKIN’ WITH UNGER ONE OF THE MOST IMPORTANT DUTCH TYPE DESIGNERS @ WWW.GERARDUNGER.COM How did you start designing typefaces? What is the daily life of a type designer? This was designed for use in a single building: Delftse Poort, As that is a long story, you will get the short The daily life of this type designer (I cannot Typeface Swift version. I grew up with my father¹s book case, speak for the others) is spent partly behind an office building owned by the Nationale Nederlanden insurance which was well stocked with literature the computer screen and keyboard, partly (Dutch of course). Many of the books were doing graphic design (e.g. publications group and for years the tallest building in Rotterdam, close well designed and well printed and were for a fund which supports children that want for example published by Joh. to get on the stage, in music, ballet, acting, to the Central Station. The building has two striking towers, Enschedé & Zonen, Haarlem. And in 1961 circus, etc.), partly teaching at the university the local museum in my home town, Arnhem, of Leiden and in Reading, partly with visiting so wherever possible I split the letters in two, making a kind of stencil was showing an exhibition on stamp exhibitions, professional discussions, partly design, with several drawings by Jan van with writing about typography, type design type. Where necessary, as in the W and M, individual letters consist Krimpen. I had a good look at these and and epigraphy, and also with designing type. thought: Is that all you need to create I could not engage in the last activity if it would of more than two parts. The type is exclusive to Nationale letterforms, a sheet of drawing paper and a pencil? So I bought the necessary equipment not be embedded in a much larger field of cultural interests. Nederlanden and this particular building, where it is used and started drawing, day and night. for wayfinding and other lettering. 10 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Gerard Unger
  7. 7. “[...] the only type designs that are not useful are copies of other designers designs. [...] “ What moved you to write governed by the wish criticism I know him What is “useful” to What do you think is the right way to teach “The game of reading”? to create nice, beautiful too well. typedesign? When is a typography? Do you have a particular Which are the most or personal letterforms, typeface design “useful”? method? If it is so, how did you develop it? important techings as by reacting to ergonomic What do you think about This question is difficult There are many ways to teach type design of the book? requirements, properties that kind of “parametric” to answer. As you can distill and typography. I did like mixing the Rietveld Legibilty is mostly studied of the eye and brain. approach experimented from earlier answers, I think and Reading ways. The Rietveld way comes by psychlogists, and what The reading of substantial by different creatives that many different ideas, with little theory but a wide cultural context designers have had to say texts is an automatic in dutch typeface design? thoughts, theories, works and borders on the creation of art. about it amounts mostly and unconscious process. Let’s take Frank Blokland of art, etcetera, can inspire The Reading way is with lots of truly scientific to little more that that for example... and inform the type designer theory and with emphasis on practice. it is important. What do you think about This is an approach which, and her or his work. For me the two are complementary. So I wanted to try and Noordzij’s theories? in the hands of the inventors, Often we think of text faces And otherwise I believe in singling out what improve the designers Gerrit noordzij has made like Frank Blokland, can give as useful designs. students do right and to build on that, viewpoint. I wanted to find a lot of sense, and I can agree good results or support But a trendy display face with and not too tell them too often what out what the contribution with much he has written. design well. To my taste a successful but short life they are doing wrong. When you point out is of type designers and But once in a while he can go it is a somewhat dry is definitely useful too, what is good and you explain to them why typographers. One of the too far, simplify too much, approach. I like less stringent but in a different way. it is good, most of the students will realise main points is that type exaggerate a bit too much. theories, with a wider cultural themselves what is wrong. design is not so much But this is not serious context. 12 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Gerard Unger
  8. 8. What do you think of typefaces that are ABCDEFGHIJ distributed with an Open Source licence? This is a development which is discussed in Reading. It applies more to larger software applications than to type. If a consequence is that others can hack or change KLMNOPQRS my letterforms, then my licence prevents customers from doing that. And I like to keep it that way. Do you prefer typeface design, or designing TUVWXYZ& with typefaces? Both, actually. copyright © gerard unger 2006 capitolium news regular HAVE THERE ONLY BEEN SLIGHT abcdefghijkl IMPROVEMENTS IN TYPEFACE mnopqrstuv Capitolium News Regular DESIGN, SINCE 1800? YES, BUT NOT SINCE 1800, wxyzæœß/@ SINCE 1470 (NICOLAS JENSON). Ø(–).:;!?€¥£§ 1234567890 14 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Gerard Unger
  9. 9. WHAT IS AUTOBAHN? MADE IN NETHERLAND HANDMADE GRAPHIC DESIGN & TYPOGRAPHY @ WWW.AUTOBAHN.NL Hi Autobahn! Can you tell something soon showed that the musical harmony was about yourself? hard to find. After that decision we drank Arts the Beat Doctor: Poster Autobahn is: Maarten Dullemeijer (1982), some beers and watched ‘The Big Lebowsky’. Jeroen Breen (1981) and Rob Stolte (1981). In this movie there is a band which never Graduated from the School of the Arts utrecht plays a single note throughout the entire film. (HKu), graphic design department in 2005 They call themselves Autobahn. It seemed and since then we work as an independent appropriate for us to adopt this name, and the graphic design office. Despite of our name got stuck when we were busy with our different backgrounds (a semi-intellectual, first graphic design projects. a trendwatcher and a pragmatist), we work ‘Autobahn’ fit us well and we got positive well together and create interesting graphic feedback, so we definately kept it. projects. The School of Arts was a fun time. It’s fun to note that during the Academy you Why did you choose this name? deal with your teachers in a certain way and Are you ‘Kraftwerk’ fans? that after your graduation that changes. now we meet them regularly, sometimes Yes we are! But there’s another story: in the we work with them, and then you stand first year of the academy, we wanted to start on an equal footing. But the most support a band. One of us played the guitar, the other we’ve had from each other at the Academy. the piano (or so it seemed...) Our first session 16 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Autobahn
  10. 10. “[...] Many experiments; often by trial and error. [...] “ not only goofing around but also critically assess each The fun combined with hard work has other’s work. We went to staff barbecues and worked borne fruit. now, in our third year, we are Arts the Beat Doctor: Work in Progress in the reproduction room. That was the best, I think, hanging just doing the things we find interesting around with Ron (reprographic assistant) or just fun to do. Autobahn had developped and Bob (congiërge). At 16:00 hours we standard pulled open a characteristic signature in its designs a bottle of wine. And usually we couldn’t wait untill 16.00 over the last three years. hours... Could you give an example of what You are now three years in business. How’s it going? you love to do? The first year was rough. Everybody tells you to do this and We have created a font for the Graphic that and another tells you the exact opposite. After we’ve Design Festival Breda (GDFB). We were got this straigthened out, we started looking out for a invited to join 75 other (inter)national studio space. Which we found quickly through the Sophia designers to create an (autonomous) Foundation in the center of utrecht. We moved house there poster on graphic design in general. We in January 2006 and that is where you can find us today. In always (if the weather permits) have a the second year we’ve focused more on what we really like game of soccer during our daily break. to do. We have never excepted contracts in which we had no The GDFB took place during the European confidence. Championships football. 18 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Autobahn
  11. 11. THE FIRST YEAR WAS ROUGH, BUT NOW, IN OUR THIRD YEAR, WE ARE JUST DOING THE THINGS WE FIND INTERESTING foto archivio otolab OR JUST FUN TO DO 20 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Autobahn
  12. 12. It seemed evident to us to combine our We’ve done several projects in which we try up by bloggers and other people caught freshfonts), but then again: we can place fascination for typography with our love to use everyday items to create typefaces. us by surprise. We have send the project it in perspective and therefore laugh about it. for soccer. We not just wanted to make There is the FC Autobahn, as described to several graphic design blogs, mainly Dutch. a font on a poster, but to really place the font above; Typewriter, a font based upon the But suddenly it lead a whole life of its own, Where does Autobahn’s ambitions lay? in its natural surroundings. First, we have grid of fences made with gaffer tape; and worldwide many blogs started talking about We always want to be involved in creative designed the font on the basis of the markings the FreshFonts serie, typefaces made with it, thousands of people visited our website and processes. And now we have started on a soccerfield. Then we bought a chalk cart ketchup, hairgel and toothpaste. we saw our pictures with Japanese, Spanish, a (mandated) autonomous project to do and 250 pounds of chalk. The process and experiment in these projects Scandinavian comments below, and usually research on the European Capital of Culture. Finally, we found a location and drew the are the important stuff. The outcome comes very enthusiastic. Occasionally phrases such The reason for this is that last year we have letters with a line-pull-cart. Jaap Scheeren second. And just the fact that you leave as “why in God’s name would not this goofball designed a book on the Cultural Middle Small (www.jaapscheeren.nl) provided the the computer for what it is and start working (he indicates Maarten) cut off the top of the Business utrecht (CMKBu). This book included photography. ultimately, the poster hung for with your hands once in a while works ketchup bottle? not seeing ‘genius’ here.” a lot of international writers. One of them was a month in Breda (nL) and we’ve won almost therapeutical. By doing these type and “ The world is bored. people are drawing David parrish (www.davidparrish.com). the utrecht design award with this project. experiments we generate a lot of (free) things with ketchup.” (From: http://www. He had interviewed us for his book on creative publicity. But the way it has been picked stumbleupon.com/url/www.autobahn.nl/ Mitte Bitte! 22 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Autobahn
  13. 13. Fresh Fonts
  14. 14. entrepreneurship - T-shirts connect to this event? Who or what inspires you? and Suits. When we met Is art only for the elite, or Alex Trochut, Mark Jenkins, him again, he told us does it reaches everyone? Via Grafik, Fred Eerdekens, that he loved our way In the end we are going Woostercollective.com, of working and finds it to design a book on our Banksy, Hotel, 178 Aardige interesting what we do. results for the inhabitants ontwerpers, EDHV, playfull He asked us if we would of the city of utrecht. Type (book), Tactile (book), like to come over to It is to create a buzz on the Sagmeister, David Lynch, Liverpool. Liverpool is this coming of ECOC to utrecht going abroad, sitting in the years European Capital and generate participation sun with a nice cold glass of Culture (ECOC) and our in this event. The European of beer and i could go on hometown utrecht wants Capital has given Liverpool and on... to be European Capital of a chain of dynamism and Culture in 2018. a creativity boost, In collaboration with something we always mandated by the Treaty want to be involved with. of utrecht we’re going This will also take place to do research in our own in utrecht, therefore, (autonomous) way: how we are already trying to does ECOC lives among the grasp this phenomenon NRC Next Pre citizens? Does everybody and unleash it in utrecht. 26 | FF3300 | TIPOGRAFIA / GRAFICA: Autobahn
  15. 15. Any last words? We are in the midst of creating an other typeface like FC Autobahn and Freshfonts. It soon will be available as a free download from our website, like all our other fonts. WWW.AUTOBAHN.NL 28 | FF3300 | MUSICA / GRAFICA: otolab
  16. 16. SUB CLTR SOMETHING BETWEEN A SOCIAL NETWORK & A COLLECTIvE OF MULTIDISCIPLINARY ELECTRONIC ARTISTS, WOULD-BE HACKERS AND ARTSY GEEKS @ ... What is SUBcltr? one basic principle to everyone’s Something between a social network and attention: our strength lies in the interaction a collective of multidisciplinary electronic between scattered, small but dedicated focus artists, would-be hackers and artsy geeks. groups and the subsequent works, ideas and events this can lead to. Once this became How did SUBcltr come into being? clear, the next step was to ensure that the interaction wouldn’t be disrupted, so we Like many other social networks, it came from established a network. an ordinary need of staying in touch, with the added twist that we are socially driven by our Where is SUBcltr based? How does it compare to other accessible front-end in order Why SUBcltr? common interest in spontaneous and creative social networks? to generate valuable We don’t view this as a commercial We are located in different uses of technology: we’re a group of twenty- ad-space. It’s a community, or recreational operation, but as a collective parts of the world, with Minimally. SuBcltr is literally something musicians, film-makers, designers a movement of sorts perhaps. reflection of our individual creative lives, and no geographical epicentre. social, as it exists only and programmers. We don’t allow automated a virtual repository of useful intelligence and Japan, Italy, the uS, the uK, by virtue of the communion France, Spain and Colombia, between its members. access, we ask our new How did it start? media in the form of people and data stored but I might be missing It differs from the members to contribute on hard drives: it’s a loose sub-culture that Aournd 2005 ideas of net-labels, dvd-fanzines, someone. mainstream idea of social to the development exists is in our studios, minds, lives, ftp-based remote performances were networking in the fact that and growth of our network and in our darknet. We just got funny about discussed among the core group... Eventually, it doesn’t aim to boost and its reputation. the spelling. the nature of our network/collective brought membership and This is generally in everyone’s interaction on an http interest: we all have specific 30 | FF3300 | INTERACTION: subcltr
  17. 17. reasons to be part of SuBcltr, we are too busy to be Tell us about some things scattered around the globe. get to have a creative input. but a common thread is the undemocratic. In general, SUBcltr has done? SuBcltr contributions are to be found In the Memory9 project, need for a superstructure, we still look for links to our A few events have happened in performance and art at places like for instance, there is a vision the identification of one people, ideas or work, and in Boston, nYC, San Francisco, London’s ICA or the Fiera di Bologna, films that originated from one artist’s work and personality we seek some proof of Milan and London. and concerts at festivals such as the Big of the members, but different within a representative trustworthiness before Collaborations have also Chill in the uK, music on indie labels such as elements have been freely framework. we allow access to our private taken place in other locations. Soundcrash or Binkcrsh, production studios developed by others. database, or ‘culture buffer’. Featured artistshave included like Binary Acoustics in LA or Arc-Tek in The music comes from one So how is access regulated? Anybody interested can Encanti, Zebbler, neil Leonard, London... Interaction, sound, video, graphics, person, but the graphic Early on it was strictly invite- inquire through: Andren, the Redivider, Arcom, performance, programmes. Some of our aspect is developed someone only, as we were still figuring info[at]subcltr[dot]net. the Open Sauce collective members are in deep with some top Sylicon else: it is a form of things out and whether and many more: future plans Valley firms, can’t really say more. In our multidisciplinary we needed a hierarchical involve a growing moltitude approach, however, a genuine SuBcltr product collaboration, because structure: we realised that of interesting people exists when things coalesce and a few people the graphics are effectively 32 | FF3300 | INTERACTION: subcltr
  18. 18. a parallel, independent and Boston. There are many project. And they do raise other instances of more a lot of interest, as they or less public activities that use things like generative are ongoing, too many really processing programmes to mention every circuit and QRcodes. So they do bender, hacker, designer not reflect a record-artwork or dj. Some of these things dichotomy, but rather may have a degree of public a research in combined interest, but many more stimuli across different are simply a byproduct disciplines. Similarly, the of our networking and may Aliens At Home project never reach a spotlight is a sort of trans-atlantic, or a plinth: to us, they are network-based musical just as worthwhile, because aco-operation, bouncing we thrive on our network’s between Milan, London, SF research activities. 34 | FF3300 | INTERACTION: subcltr
  19. 19. What exactly is SUBcltr in its current incarnation, and what are its aims? The best way to answer this question is in the ‘SuBcltr manifesto’, which new and old members symbolically subscribe. It reads something like this: 1. SuBCLTR’S MISSIOn IS TO FOSTER unITY AnD GROWTH AMOnG A GLOBAL COMMunITY OF TECHnOLOGICALLY MInDED ARTISTS ACROSS ALL DISCIpLInES BY COnnECTInG, SHARInG DATA, IDEAS, InFORMATIOn AnD OppORTunITIES. 2. WE ARE A nOn-pROFIT COMMunITY. 3. WE ARE OuR nETWORK. 4. THE InTERnET IS A WEApOn, nOT A TOY. 5. WE REpRESEnT LOCALLY, AnD COnnECT OuR REAL LIFE COMMunITIES. 6. OuR AIM IS TO DEVELOp AnD DISTRIBuTE GOOD ART, GOOD TECHnOLOGY, GOOD CODE AnD FRIEnDSHIp. 7. WHEn IT COMES TO InFORMATIOn, WE DOn’T HAVE MuCH TIME FOR HARD COpIES. unLESS THEY ARE REALLY nICE. 8. WE ALWAYS DO OuR BEST In CRAFTInG OuR WORK. 9. WE BELIEVE THAT THE MARRIAGE BETWEEn ART AnD TECHnOLOGY SHOuLD pROMOTE An IDEA OF HARMOnY BETWEEn MAn AnD MACHInE, pRESEnT AnD FuTuRE, pLAnET AnD pEOpLE.* 36 | FF3300 | INTERACTION: subcltr
  20. 20. SIMONA TONNA UNA FOTO NON RIvELA UNA PERSONA RIFLESSIONI SULLA FOTOGRAFIA @ WWW.TUNABITES.IT Si tratta di un testo nel quale sono scritte di decifrare non un’idea ma un’impressione, le vicende di molte vite, un’intera genealogia. con la consapevolezza che la fotografia Simona Tonna Mi appassiona la sua lettura, con tutti quei fermerà solo un centesimo di secondo nella livelli per cui l’interpretazione rimane sempre vita del soggetto. Il solo rumore dell’otturatore aperta dal momento che posso intuire è sufficiente perché l’espressione cambi, come un’emozione o un carattere, ma non posso uno stormo di uccelli che, allarmato, mai essere sicura di cosa significhi quella piega si levi in volo e riformuli la sua disposizione. del sorriso o quel segno sulla fronte. Spesso, guardando una faccia, mi chiedo Il volto mi emoziona perché è vivo e nel se un dato atteggiamento del viso sia stato momento in cui mi avvicino, so che potrebbe imitato da un familiare o rappresenti invece accogliermi, rifiutarmi, giudicarmi, mostrare l’eredità di un legame affettivo. imbarazzo o un dolore insostenibile, perché la morfologia di un viso, ciò che o anche rimanere impassibile, vestendo ereditiamo geneticamente dai nostri antenati, la sua maschera abituale. è come uno strumento musicale che cambia Quella maschera, aspetto di poterla eludere a seconda dell’interpretazione e quasi mai per cogliere l’espressione meno stereotipata, inventiamo noi lo stile, piuttosto lo costruiamo anche nel viso da me più amato e conosciuto. imitando le espressioni di coloro che amiamo. Forse per questo, accade raramente che Lo sguardo procede per tentativi, cercando i miei modelli mi chiedano una copia del 38 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  21. 21. Rosa 40 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  22. 22. loro ritratto: nella foto non e cosa rivelare. Invece non c’è rappresentazione sempre ritrovano l’immagine accade di essere libri più oggettivata di un interiorizzata di sé. aperti, inaspettatamente, teleobiettivo. Eppure non Capisco, è da quando ero e succede persino quando c’è alternativa al destino di bambina che mi interrogo stiamo molto attenti a non trovare, attraverso gli altri, su chi sia questo io che abita lasciare trapelare nulla, la rivelazione di noi stessi. il mio corpo, guarda se non ciò che riteniamo È un fatto che possiamo il mondo attraverso gli occhi presentabile. Ecco perché, solamente scegliere di e costantemente tiene sotto in alcune culture, le persone rimandare e, se non avverrà controllo la mia apparenza non permettono che le si attraverso una foto, accadrà perché sa quanto possa ritragga: è semplicemente comunque nelle immagini rivelare di ciò che sta dentro: troppo rischioso, come mentali di chi ci circonda. lo sconosciuto, il pesce dare le chiavi di casa ad un degli abissi. estraneo. È vero, la macchina potremmo usare la parola Ognuno di noi, se potesse, fotografica è un’arma e ‘riconoscimento’? Oppure vorrebbe conoscerlo per assegna potere, creando un sarebbe più giusto parlare di primo quella profondità; rapporto di non reciprocità ‘mistero’? perché di entrambi Claudio vorrebbe poter discernere tra soggetto e fotografo si tratta. Il mio interesse tra cosa tenere per sé e, se si crede al malocchio, per il ritratto viene dalla 42 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  23. 23. 44 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  24. 24. paura e dall’attrazione per la rivelazione del sé, il mio e quello degli altri. Se colgo un’emozione in un volto è perché mi appartiene, altrimenti passerebbe come rumore di fondo, indistinto. Invece, se ti riconosco, è perché so bene chi sei, tu diffidenza, tu imbarazzo, rimpianto, gratitudine. Ogni viso mi rimanda un insieme di indizi non solo su chi è quel dato individuo, ma anche su chi sono io e, insieme, su cosa significhi essere una creatura vivente. Perché non esiste umanità che non sia tu e me, in questo preciso momento. Essere spettatori di una rivelazione non lascia Agnese incolumi, qualcosa viene spostato anche dentro allo spettatore. Penso accada anche quando si scala una montagna: se ne percorre ogni metro e quando si torna giù non c’è più lo stesso rapporto col luogo che prima si guardava da lontano. 46 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  25. 25. Non uso teleobiettivi spinti ma una lente che mi lega ad un rapporto di vicinanza con le persone che fotografo. A quella distanza si sente l’odore di una persona. Se ci conosciamo, il rapporto va rinegoziato nel momento in cui entra in scena la macchina fotografica ed è come se tutto fosse nuovo. Se è la prima volta che ci incontriamo, uno dei due può scappare e questo è ammesso nelle regole del gioco, resta solo chi non ha paura. La fotografia digitale rende immediatamente accessibile l’immagine e mi è successo di condividerla col soggetto, a volte una persona che non aveva nessuna o poche immagini fotografiche di sé. In questo vedo il ritorno ad un aspetto vagamente magico della fotografia degli Bambina albori. Forse per via del mio lavoro di progettista grafico, ho la tendenza inconsapevole a impaginare l’inquadratura nel momento stesso dello scatto. La maggior parte delle volte, modifico poco o niente il taglio dell’immagine perché ho eliminato a priori quello che ritenevo superfluo. 48 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  26. 26. Martina 50 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  27. 27. Il mio impulso sarebbe quello di stare veramente addosso al soggetto, come se questo potesse consentirmi una soggettiva spinta fino al suo punto di vista. Evidentemente qualche parte di me pensa che più ravvicinata è la ripresa, più riuscirò a svelare l’enigma della persona che mi sta davanti. Ovviamente non è così e spesso faccio un percorso di andata (verso il soggetto) e ritorno (verso di me) per riacquistare il giusto punto di vista, quello che rivela senza deformare. Simona Tonna (www.tunabites.it) Martina 52 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  28. 28. Giuseppe 54 | FF3300 | FOTOGRAFIA: Simona Tonna
  29. 29. 2 THESIS 56 | FF3300 | THESIS
  30. 30. LEGGERE IL TERRITORIO IDENTITà vISIvA & REGIONE PUGLIA RITA COLACICCO @ ... Questo lavoro si propone di raccontare non si tratterà più di mettere in ordine la puglia attraverso i suoi simboli, attraverso i frammenti cercando di capirli uno per uno, Il libro cioè tutti quegli elementi che la caratterizzano cercando di catalogarli con lo spirito insaziabile e contribuiscono a definirne l’identità. del collezionista. Bisognerà intervenire sempre Il punto di partenza sono dunque immagini piu esplicitamente su di essi, costruire nuove stereotipate e radicate nella memoria relazioni, nuove storie, partendo da queste collettiva. Questa può sembrare una scelta immagini senza preoccupazione di paternità rischiosa perchè intraprendere una strada ma con una continua attenzione al significato che in troppi hanno percorso sembra che hanno realmente per noi questi segni allontanare l’obiettivo, ossia il raggiungimento che via via crescono e si svelano con significati di un risultato originale. sempre diversi. Si intraprenderà così Ma è davvero così? É possibile, riproponendo un percorso progettuale costantemente delle immagini ormai inflazionate, riuscire distratto da altre curiosità, da associazioni a raccontare, a catturare l’attenzione, di immagini apparentemente incoerenti, a far sognare? La risposta è si, se si è pronti problemi che sollecitano altri problemi a vedere le cose con altri occhi. Solo in questo incoraggiando perchè no anche l’insorgere modo si potranno riutilizzare tutti questi dell’insicurezza. La qualità del lavoro sarà frammenti di memoria con cui sembra che gli dunque profondamente legata alla capacità altri abbiano già detto e fatto tutto. di scoprire nuove connessioni tra le immagini. 58 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  31. 31. *1 *2 *3 Le fonti utilizzate sono All’interno del quadro La prima fase della i libri elencati in bibliografia, di conoscenze e informazioni rielaborazione delle immagini alcuni rilievi fatti dal vivo che si è delineato, sono stati consiste in un disegno e le interviste ad esperti individuati alcuni repertori a mano che riduce l’oggetto e personalità di rilievo del iconografici che hanno ai soli tratti fondamentali, mondo politico e sociale, costituito una grande fonte depurandolo da particolari ossia: il prof. Raffaele Licinio, di ispirazione: le pitture ritenuti eccessivi. Ordinario di Storia medievale murali della grotta dei Cervi Questa prima operazione presso la Facoltà di Lettere e di porto Badisco, la ceramica di sintesi permette Filosofia all’università di Bari; di età magno-greca e di ricondurre tutti i segni la dott.ssa Damiana Santoro, romana, l’iconografia delle ad unico linguaggio visivo archeologa, il prof. Dino Borri, cattedrali e dei castelli e svincolarli dalla natura direttore del Dipartimento medievali, le decorazioni o dalla tridimensionalità della di Architettura e urbanistica della ceramica peuceta, fonte. Lo scopo è cominciare al politecnico di Bari; nichi dauna, messapica e japigia, un processo di codifica che Vendola, presidente della il paesaggio fiabesco della porterà alla realizzazione Regione puglia. Valle d’Itria, il barocco leccese. un set di segni omogenei. iconografia e territorio *4 *5 *6 La geometrizzazione degli Il nuovo segno avrà tutte I campi di applicazione elementi ha conferito le caratteristiche per essere ipotizzati sono molteplici ICONOGRAFIA alle icone un aspetto più un ipotetico marchio perchè e comprendono l’editoria, moderno, le ha rese meno è disegnato con la stessa cura l’allestimento di spazi sensibili alla riduzione e attenzione ai particolari che espositivi all’interno di fiere, e ha permesso di raggiungere si ha nella realizzazione l’arredamento privato DEL TERRITORIO un soddisfacente grado di un carattere (ad esempio e di spazi pubblici, interventi di omogeneità tra i segni. può essere ridotto senza di archigrafia, decorazione Si è lavorato sulla simmetria che ne venga compromessa di oggetti. perchè per natura quando la leggibilità). Il rapporto con guardiamo un oggetto il passato e con la tradizione per prima cosa cerchiamo è semantico ma non formale: di prendere una posizione pur affondando le sue radici precisa rispetto ai nostri nella storia e nella tradizione schemi di riferimento: della puglia il risultato l’orizzontale (la terra) è segno essenziale, incisivo e la verticale (la gravità). e moderno. 60 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  32. 32. 01 Capitanata 02 terra di Bari 03 terra di Otranto iconografia e territorio IL BASIC DESIGN COME LINGUAGGIO UNIVERSALE nella realizzazione delle tavole che seguono mi sono rifatta alle leggi del basic design, cercando di utilizzare le regole della percezione che di volta in volta mi permettevano di veicolare al meglio il messaggio. Il basic design nel corso degli anni ha ricevuto grandi lodi ma anche forti critiche da chi sostiene che applicare un metodo scientifico alla progettazione limita l’atto creativo ai soli aspetti razionali della forma. Ma se è vero che la grafica opera soprattutto a livello simbolico è altrettanto vero che la chiarezza e la leggibilità del messaggio dipendono dalle componenti formali e funzionali. un grafico quindi deve essere creativo, ma la sua deve essere una creatività cosciente di tutti gli aspetti e i valori coinvolti. In quest’ottica la Gestalt deve diventare il metodo, la filosofia progettuale perchè si basa sulle leggi che regolano il nostro modo di percepire gli stimoli visivi, che è uguale per tutti, non dipende nè dalla storia personale, nè dal tipo di istruzione ricevuta. 62 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  33. 33. L’ARTE DELLA MEMORIA LA PUGLIA È STORICAMENTE RIPARTITA IN TRE ZONE: COME METODO PROGETTUALE Il tipo di operazione che ho effettuato può essere paragonato la Capitanata (nella Puglia settentrionale), la terra di Bari (Puglia centrale) a quella che nella storia classica era chiamata “arte della memoria”. Questa disciplina molto in uso tra gli avvocati e la terra d’Otranto (da Fasano fino a tutta la penisola salentina). e gli oratori in genere, serviva per potenziare la memoria artificiale, ed era un tipo di educazione essenziale data la Queste tre grandi circoscrizioni erano diverse mancanza di carta su cui poter prendere appunti o battere per lingua, per clima, per etnia per religione, per a macchina. Il primo passo di questa disciplina consiste economia. non è un caso quindi se la nostra regione nell’imprimere nella memoria una serie di “loci” o luoghi, è conosciuta anche con l’appellativo le puglie. in genere di tipo architettonico, in cui inserire delle immagini che richiamino alla mente le cose da ricordare. Le immagini da fissare devone essere insolite, eccitanti, *La Capitanata era abitata dai dauni, una popolazione autoctona, che non inusuali, perchè l’uomo è portato a dimenticare ciò che è banale, ma a ricordare ciò che è inaspettato e ci colpisce si era mai mischiata a nessun altro popolo. Questi discendevano dai sanniti positivamente o negativamente. Ogni immagine deve essere e risiedevano sull’Appennino Dauno. Producevano cereali e allevavano ovini. composta da oggetti che hanno un significato simbolico e che riportano alla mente ciò che ci interessa ricordare per analogia o per somiglianza verbale. Quindi percorrendo mentalmente *La terra di Bari era di popolazione illirica, gli abitanti della Puglia centrale provenivano cioè dall’Illiria romana (Albania, Macedonia). iconografia e territorio questi luoghi e vedendo le immagini che di volta in volta vi aveva collocato, l’oratore era in grado di riportare alla mente le varie parti del discorso. Il mio tentativo di creare delle La coltura più diffusa nella zona era sicuramente l’ulivo. immagini fantasiose e dal contenuto simbolico capaci di riportarmi alla mente frammenti della storia della puglia può essere visto come una particolare applicazione dell’arte *La terra d’Otranto era invece popolata dai greci. Taranto fu infatti fondata della memoria, in cui però la tavoletta di cera su cui imprimere dagli partani all’inizio del IX secolo. Non a caso ancora oggi circa 30 comuni le immagini non è la mente ma si materializza nel supporto cartaceo. salentini parlano come dialetto il greco antico. Il salento è caratterizzato non solo dalla vite ma anche e soprattutto dal giardino mediterraneo. Qui si producono agrumi e frutta in generale. nessuna di queste tre circoscrizioni si può essere identificata però con il termine medievale Apulia, che non è neppure l’attuale puglia, ma molto di più. Comprendeva in aggiunta la Basilicata, parte del Molise della Campania e la Calabria settentrionale. 64 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  34. 34. FEDERICO II SI GUARDA ALLO SPECCHIO. LA ROTAzIONE DEL PATTERN DI LINEE SPEzzATE GENERA DELLE SVASTICHE. IL RE GRIFONE NASCONDE L’AqUILA A DUE TESTE, ELEMENTO figura bivalente ORNAMENTALE DELLE CHIESE ROMANICHE E STEMMA DELL’ALBANIA. LA TERRA DI BARI GUARDA AI BALCANI E VI RITROVA LE SUE ORIGINI. 66 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  35. 35. FEDERICO II E LA PUGLIA NEGATIVO E POSITIVO Federico II è il personaggio storico con cui la Il problema del dualismo è un tema molto puglia tende a identificarsi, tanto che uno interessante e si presenta ogni volta che dei suoi castelli, Castel del Monte, è un simbolo siamo di fronte a configurazioni reversibili, inflazionato e presente anche nell’attuale cioè configurazioni in cui quello che stemma della regione. Questo valore attribuito in un momento viene percepito come la figura, al legame di questo personaggio con la puglia può un attimo dopo presentarsi come sfondo. non ha in realtà delle valide ragioni storiche. può capitare però che alcune forme tendano É stato più che altro il Fascismo a diffondere a prevalere sulle altre facendo perdere questa idea di mito perchè Federico era il dualismo della configurazione. l’anello di congiunzione tra il Mezzogiorno e la Germania. Anche l’appellativo Puer Apulie (figlio del Mezzogiorno, perchè come abbiamo SIMMETRIA, FIGURA precisato di puglia non si può parlare), va interpretato nella maniera giusta. E SFONDO Il nomignolo gli fu infatti attribuito quando La tendenza a prediligere nella percezione composizione modulare d’ispirazione salentina era ancora re di Germania dai cronisti tedeschi la parte simmetrica ci porta ad identificare che parteggiavano per il suo oppositore Ottone come figura le forme bianche nella parte alta di Brunswick. Ha quindi un valore dispregiativo, della configurazione e le forme nere nella era come dargli del “terrone”. parte bassa. Illusione di P. Bahnsen del 1928. Elementi del barocco leccese si fondono ai merletti dei trulli. La pietra bianca della terra d’Otranto racconta la storia delle popolazioni che nei secoli l’hanno plasmata. Il vento passa tra le colonne del tempio e sussurra in greco antico. 68 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  36. 36. UN PONTE TRA ORIENTE E OCCIDENTE MEMORIA E VISIOnE A causa della sua collocazione geografica la puglia è sempre stata un crocevia tra Oriente e Occidente. Dalle nostre coste DEL FuTuRO. ci si imbarcava per le Crociate, si partiva per andare a fare una missione nella Grecia antica o nell’Asia Minore, per andare a guidare una guerra contro i persiani. Anche Mussolini LA PUGLIA in una proiezione imperialistica di conquista verso l’Oriente, tentò di fare della puglia un ponte verso est. per questo fece costruire è UN ALBERO sul Lungomare di Bari caserme che stanno a simboleggiare un attacco imminente. Ma la puglia è Levantina soprattutto perché CON 2 RADICI: è una terra di sagaci commercianti, dediti agli scambi e ai traffici. Allo stesso tempo anche l’Oriente è stato sempre propenso a spingersi verso la puglia, per conquistarla ACCOGLIEnZA, ma anche per cercare rifugio. nella nostra terra si sono mescolate popolazioni molto diverse tra loro. Qui sono giunti i saraceni, gli slavi, pROpEnSIOnE i greci per colonizzarla. I frati iconoduli del regno d’Oriente per sfuggire alle persecuzioni religiose. per non dimenticare che agli inizi LEVAnTInA. degli anni ‘90 un’intera popolazione si è riversata sulle nostre coste e la puglia ha dimostrato grande capacità di accoglienza e solidarietà. 70 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  37. 37. San Nicola LE ICOnE SI MOLTIpLICAnO, SI STRATIFICAnO. L’ECOnOMIA FIORISCE, MA IL FuRTO È SACRO. nOn RESTA CHE pREGARE.
  38. 38. OGGETTI AMBIGuI: L’APPARTENENzA DI UN OGGETTO A PIù CONFIGURAzIONI. nELL’IMMAGInE SOnO RAFFIGuRATE LE ALI DEI GRIFOnI O SI TRATTA San Nicola e i due Grifoni, o San nicola con le mani aperte DELLE MAnI DI SAn nICOLA ApERTE In SEGnO DI ACCOGLIEnZA?
  39. 39. LA COLLANA LEVANTINA Questo progetto di copertine di libri sul tema Tre volumi della collana “Insel-Bücherei”. puglia riprende una tradizione iniziata dalla Il titolo in gotico, scrittura “autenticamente Insel Verlag a Lipsia nel 1912 con la collana germanica” testimonia che gli ultimi due sono stati stampati sotto il nazismo. “Insel-Bücherei” (Biblioteca Insel). Si trattava di una serie di libri cartonati di piccolo formato Alcune copertine della Penguin. La prima della (12 x 18,5 cm) che simulavano una confezione collana” The Penguin Poets” è del 1950 e la texture a mano. Questa formula è stata poi usata è probabilmente di Elizabeth Friedländer. molto dalla penguin. Tra gli altri Jan Tschicold La seconda è degli anni sessanta e la texture ha realizzato per la casa editrice una collana è di Stephen Russ. di questo tipo tra il 1947 e il 1949. Tre copertine della collana “Italiana” Anche Giovanni Lussu si è rifatto a questa di Giovanni Lussu progettate con una particolare tradizione nella collana “Italiana”, realizzata attenzione al disegno dei pattern che risultano per l’unità nel 1993 e costituita da quattordici regolari ma mai meccanicamente ripetitivi. racconti a sfondo sociale. La collana “LEVANTINA” San Nicola 76 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  40. 40. Il carattere delle titolazioni è il Fedra Sans, disegnato da peter Bilak nel 2003. La scelta di un carattere moderno e senza grazie permette di ottenere dei box puliti ed essenziali, che non appesantiscono la composizione già molto caratterizzata dai fondi. nei risvolti sono previsti degli spazi per inserire due testi. Il primo sarà un’introduzione alla lettura e il secondo comprenderà le notizie sull’autore. Ogni libro è contrassegnato da un disegno che ne riprende il contenuto e che è ripetuto nel box della copertina e nella costola. 78 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  41. 41. La croce è l’intersezione tra l’orizzontale (la terra) nel caso della croce cristiana poi la somiglianza con l’uomo GENERALMENTE SIAMO ABITUATI AD ASSOCIARE LA CROCE ALLA e il verticale (il cielo). si fa anche fisica perchè L’uomo quindi si è subito il tratto orizzontale viene identificato con questo segno portato sopra il centro RELIGIONE CRISTIANA MA qUESTO perchè ha sempre vissuto di quello verticale, e diventa e concepito l’ambiente stilizzazione del corpo umano. circostante come qualcosa SEGNO ESISTEVA BEN PRIMA DELLA di cui egli è il centro. NASCITA DI CRISTO. 80 | FF3300 | TESI: Rita Colacicco
  42. 42. alcuni elementi del sistema grafico / modelli costruttivi FF3300 | TESI: Rita Colacicco 82 |
  43. 43. alcuni elementi del sistema grafico / modelli costruttivi FF3300 | TESI: Rita Colacicco 84 |
  44. 44. elementi del sistema grafico riferiti all’universo mitologico FF3300 | TESI: Rita Colacicco 86 |
  45. 45. FLAMINIA STRUMENTO OPEN SOURCE ANDREA BERGAMINI @ WWW.MINTEA.ORG Flaminia è un sistema open source per la progettazione e la valutazione di caratteri Inoltre Flaminia ha lo scopo di individuare alcuni variabili anatomiche che concorrono Le variabili ipotizzate in questa ricerca sono state: Typeface Swift per segnaletica che nasce dallo studio a determinare la maggiore o minore leggibilità di diversi caratteri di questo tipo utilizzati nel mondo e dalla necessità di testare di un carattere per segnaletica, configurandosi come uno strumento scientifico a supporto • AltezzA dellA x costantemente in itinere (con gli stessi della ricerca in questo settore. • lArghezzA del glifo materiali e nelle medesime condizioni d’uso) • SpeSSore delle ASte il proprio lavoro. • rotondità del glifo • preSenzA o ASSenzA di glifi Ambigui • rotondità delle ASte • irregolArità dei trAtti • preSenzA di grAzie 88 | FF3300 | TESI: Andrea Bergamini
  46. 46. varianti tipografiche 90 | FF3300 | TESI: Andrea Bergamini
  47. 47. IDENTIFICATE LE PRIME qUATTRO COME INTERPOLABILI PER RAGGIUNGERE UN BUON COMPROMESSO DI LEGGIBILITà, ESSE SONO STATE INSERITE IN UNA MULTIPLE MASTER DI x-heightSONO STATI e condensed, thin e bold, dalla forma quadrata o tonda). (con CUI alta e bassa, extended DISEGNATI GLI ESTREMI A questo carattere estremamente duttile Master con valori di spessori è possibile aggiungere altri elementi di studio, coerenti con quelli delle modificando lo stile del tratto, sostituendo lettere, ma con variabili alcuni glifi con delle versioni alternative differenti; la freccia diventa o addirittura arrotondandone le terminali in questo modo un altro glifo o apponendovi delle grazie. della font, perfettamente Questa tecnica permette di generare integrato a livello grafico, rapidamente un gran numero di font “cavia” ma contemporaneamente con le quali testare l’importanza di ogni ottimizzato per un utilizzo variabile associandola, tra l’altro, anche ancora più funzionale sui a materiali e condizioni di luce diverse. segnali Il metodo applicato all’elemento alfabetico è stato successivamente utilizzato anche per l’altro elemento fondamentale della segnaletica, la freccia: per questo segno è stato infatti impostata un’altra Multiple 92 | FF3300 | TESI: Andrea Bergamini
  48. 48. E MENO MALE CHE LA GRAF- ICA NON SER- VE A NULLA... * LA GRAFICA È UN’ARMA A DOPPIO TAGLIO, FATE ATTENZIONE!
  49. 49. SUOMI (FINLANDIA) TERRA DI CONTRASTI vALERIA CRISTINA PANCI @ ... Sono nata in Finlandia ma non ho mai vissuto in questo splendido paese, pur avendoci quando si parla della Finlandia. nelle mie ricerche sono partita da un’analisi “Si deve sempre cercare una sintesi degli opposti... visualizzazione del territorio soggiornato per brevi periodi. uno strano rapporto mi lega a questa terra: del paesaggio e della geografia di questo paese: è subito emerso il tema del contrasto. Quasi tutti gli incarichi progettuali comprendono decine, familiarità e corrispondenze, ma una non La Finlandia è una terra estrema, nella completa adesione. uno sguardo partecipe sua latitudine, geografia, natura e in tutte spesso centinaia, talvolta migliaia di fattori diversi e consapevole ma esterno. le influenze che un ambiente così singolare una posizione privilegiata. può provocare nell’animo delle persone, e contraddittori, riuniti in un’armonia funzionale soltanto L’Italia e la Finlandia sono due paesi nella cultura e nelle abitudini. Ho cercato estremamente diversi tra loro; non è facile di ascoltare l’ambiente che mi circondava, dalla volontà dell’uomo. Quest’armonia non può essere comprendere la cultura finlandese per il paesaggio è diventato segno: un segno una persona proveniente da un paese da interpretare percettivamente raggiunta con strumenti diversi da quelli dell’arte.” mediterraneo come l’Italia. ed emotivamente. I luoghi hanno anche Il libro Suomi, terra di contrasti, vuole quindi rappresentato la traccia dei ricordi e delle Alvar Aalto essere uno strumento per conoscere e capire mie fantasie. nella parte iniziale del libro meglio questo paese. ho fatto un’analisi più percettiva ed emotiva La natura e il rapporto che le persone hanno del paesaggio e dell’ambiente finlandese; con essa costituisce forse uno degli aspetti nella parte centrale ho affrontato temi più interessanti su cui soffermarsi che parlano dell’influenza di questi ambienti 96 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  50. 50. sul carattere delle persone, o conoscenti, testi ed ho concluso il libro con più informativi, citazioni temi legati alla storia, alla e testi di autori che hanno religione e alle abitudini parlato della Finlandia. dei finlandesi. Ho scelto Ho analizzato contrasti di descrivere sette e percezioni a cui siamo contrasti intitolati da poco abituati, elementi parole semplici, aperte a che emergono al visitatore più interpretazioni. proveniente da un altro Con estrema libertà ho paese. ne è nato un mescolato foto che ho libro di immagini, scattato durante il mio pensieri e sensazioni. viaggio, illustrazioni Sono una serie di più evocative, cartine percezioni contrastanti, geografiche, e nei testi che costituiscono ho alternato ricordi un itinerario emotivo della mia infanzia, attraverso il quale si può testimonianze di amici guardare questo paese. 98 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  51. 51. Flora e Fauna CONDENSAzIONE & RAREFAzIONE Il primo pensiero è rarefazione di aria, così alcune zone naturali. L’una dopo arriva fino al silenzio. una rarefazione elementi, parole, persone ma pensandoci l’altra le specie vegetali ed animal nel ritmo della conversazione in cui ogni meglio non è così... La rarefazione è la i raggiungono il limite della loro possibilità intervento è sempre preceduto da una breve percezione che preferisco, è la prima di vita. Altre specie le sostituiscono, ma fondamentale pausa. Questo significa sensazione di cui sento la mancanza una volta ma senza compensare le perdite. La natura ascoltare ed essere ascoltati. Significa rientrata in Italia. Ma collegare la Finlandia si impoverisce, la vita diventa più difficile, che la tensione non è indirizzata verso al concetto di rarefazione significa le macchie ed i campi a loro volta più piccoli. se stessi ma proiettata verso l’altro, non considerarla nella sua interezza. Il paesaggio del nord stupisce per la sua significa sincero interessamento. Come si può abbinare la parola rarefazione vastità, la percezione della distanza È questa la rarefazione che preferisco. alla foresta, alla natura rigogliosa che cresce è completamente alterata. L’orizzonte in estate? Ecco che emerge un altro contrasto. è più ampio, l’aria più pura, la vegetazione Credo quindi sia più corretto parlare più rada e stenta. Arrivati all’estremo nord di un passaggio da condensazione del paese il clima è tanto rigido che nemmeno a rarefazione. È possibile osservare questo gli alberi attecchiscono più. In Finlandia passaggio percorrendo il paese da sud a nord. percepisco anche un altro tipo di rarefazione, Dirigendosi verso nord l’aria si rarefà e delimita quella delle parole e del suono, che a volte 100 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  52. 52. 102 |
  53. 53. LUNGHI CREPUSCOLI E NOTTI CHIARE OPPURE OSCURITà INTERROTTA DA UN LIEVE BAGLIORE SARà qUESTO IL SOLE? LUCI & OMBRE La luce è un concetto astratto, è un è più brusca e la notte l’oscurità. Ma in inverno avere ombre. In inverno tutto lunga. nella Lapponia più settentrionale sentimento che avvolge gli oggetti e manipola succede al giorno quasi da settembre a marzo i giorni è una morbida penombra dai il periodo senza luce detto kaamos, durante la forma dello spazio. La luce modella ciò che immediatamente; in Finlandia sono più brevi delle notti. contorni sfumati e poco il quale il sole non si fa vedere, dura 52 giorni incontra gli dona il colore o un certo contrasto. il sole sparisce a poco a poco, Il giorno ininterrotto chiari. La luce è pochissima a partire dalla fine di novembre; mentre al sud, una delle cose più importanti della luce con calcolata lentezza, dell’estate ha ceduto il posto ma ci sono molte sfumature la giornata più breve conta sei ore di luce. è l’ombra dalla quale nascono aspettative, lungo una linea obliqua. alla lunga notte polare. e mancano i colori intensi In compenso l’estate è luminosissima. emozioni, contrasti, profondità, completezza. Il giorno si fonde Il cielo s’illumina appena del come un nero profondo Al sud, la giornata di mezza estate dura quasi In Finlandia, come in tutti i paesi settentrionali, impercettibilmente con riflesso del sole rimasto sotto e il bianco puro. Rimangono 19 ore. Al nord, a nuorgam, il periodo delle il contrasto delle stagioni è intenso la notte: dopo il tramonto all’orizzonte, la pallida luce solo dei grigi indecifrabili notti bianche, con il sole che non tramonta e costituisce l’interesse e il dramma della il cielo diffonde ancora a lungo lunare, i lampi delle aurore di diverse intensità. In piena maisotto l’orizzonte, dura 67 giorni fino alla vita per le piante, gli animali e gli uomini. i raggi del sole e la luce tinge boreali e il candore delle nevi estate, in una giornata di sole fine di luglio. nel sud i contrasti di luce e di temperatura il cielo ben prima dell’alba. attenuano un poco le fitte la luce tagliente da una forma diminuiscono, ma l’uomo vive sempre E così il crepuscolo e l’aurora tenebre; ma il dominio della definita a ciò che incontra. nello stesso scenario, giorni d’estate accorciano la notte e in estate notte incombe deprimente, Le ombre sono intense, e buie notti invernali. A differenza dei paesi addirittura si fondono tanto oppressivo e interminabile. i contrasti aumentano. mediterranei, dove la traiettoria del sole che la notte non conosce non avere il sole significa non L’inverno è la stagione più 104 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  54. 54. 106 |
  55. 55. APERTO & CHIUSO CIAO VALERIA. Spesso noi finlandesi siamo considerati potrebbe scappare davanti a che le persone si augurassero persone introverse, che in compagnia tendono uno specchio per controllarsi, che io non mi sedessi accanto a ritirarsi e che fanno fatica a chiacchierare oppure peggio ancora a loro a proseguire la futile HO SCELTO COME del più e del meno. Anche se tanti confermano potrebbe risponderti male. chiacchiera. Solo una persona che questo fenomeno oggi è cambiato e che Ho un collega marocchino che mi rispose buon giorno. tra i giovani questo problema non esiste, spesso apre la conversazione In Germania è molto più COPPIA DI PAROLE: io non sono completamente d’accordo. in questa maniera. Mi ci volle comune augurare un “buon Questa riservatezza si nota particolarmente un pò prima di imparare giorno”, “buona sera” quando i finlandesi parlano lingue straniere. a rispondere: “anche tu oggi o addirittura “buon pranzo”. LOqUACE (APERTO) poco tempo fa ho assistito ad una conferenza stai bene” o semplicemente Vorrei che questa che veniva tradotta simultaneamente “grazie”, senza dover correre abitudine diventasse più dal tedesco al fi nlandese. uno dei a scoprire cosa c’è che non comune anche in Finlandia. partecipanti annunciò timidamente che la va in me. Ma per me è ancora Anche io non brillo in questa E TACITURNO (CHIUSO). propria conoscenza della lingua era scarsa. difficile dire a un altro collega: capacità, penso di aver preso nonostante questo, quando il traduttore “come ti sta bene questo dal latte materno l’attitudine non riuscì a tradurre una frase particolarmente vestito”. Questo non l’ho a non chiacchierare troppo. complessa, questo partecipante alzò ancora imparato. Ancora più per il lavoro ho dovuto timidamente la mano e pronunciò difficile sarebbe dire qualcosa imparare e migliorare me zitti, dei restanti due si sentiva un lieve brusio, è grande, la medicina viene assunta in forti la traduzione perfetta in fi nlandese. del genere alla propria moglie. stesso, in alcune cose sono ma non è detto che stavano conversando. dosi e velocemente e purtroppo non ci si ferma Questo è un tipico comportamento per Mi viene in mente un altro riuscito, in altre no. Sinceramente più di una volta soltanto all’effetto “conversazione”. i finlandesi. non vogliono ostentare le loro esempio. Mi trovavo dal Ho visto ad esempio in ho invidiato questa caratteristica degli Quando il finlandese viene accusato capacità. Il fi nlandese non gradisce mettersi medico, in sala d’attesa, un’occasione arrivare svedesi. Degli svedesi non invidio nient’altro. di essere troppo silenzioso o timido, lui può in evidenza. prova a cominciare la ed ho pronunciato un chiaro dieci finlandesi e dieci A parte ovviamente la loro bravura nei giochi rispondere: a che serve dire cose senza senso conversazione con un finlandese con frasi e forte buon giorno a tutti. svedesi. Dopo un pò otto di squadra. In Finlandia la medicina più in uso e senza nessuna utilità; è meglio esprimere del tipo: “hai una bella camicia”, oppure nella stanza vi erano altre svedesi chiacchieravano per la riservatezza è l’alcool. Questa medicina la sostanza pura oppure starsene zitti. In altri “stupenda questa cravatta”. Il fi nlandese cinque o sei persone in fila vivacemente, può essere acquistata solo in alcuni negozi paesi, invece, abitualmente si fa una lunga pensa che lo stai prendendo in giro oppure davanti a me. La gente era un paio stavano in silenzio. ed a caro prezzo, ma il successo è assicurato. conversazione sul tempo, sulle varie catastrofi che ha la camicia macchiata di salsa. come spaventata, sembrava Tra i finlandesi otto stavano Generalmente sotto l’effetto di questa od altro, prima di passare all’argomento medicina il finlandese non ti darà modo principale. Il venditore finlandese arriva sul di parlare. La voglia di chiacchierare aumenta posto e dice: “Buon giorno, rappresento la sempre di più. Se in un gruppo di finlandesi ditta x, l’articolo costa 5 euro, quanti ne vuoi?”. viene assunta la medicina, la conseguenza L’aquirente europeo risponde con una a volte è un gran litigio perchè tutti domanda: “Com’è andato il viaggio? vogliono esprimersi e parlare, ma nessuno Ha trovato bene la strada fino a qui?”. vuole ascoltare. Dato che il bisogno di parlare Il venditore finlandese: “ il prodotto è di origine 108 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  56. 56. Come si comportano i Finlandesi? 110 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  57. 57. MA COME SOnO I FInLAnDESI? finlandese, il rapporto qualità prezzo è il migliore possibile” e l’europeo risponde. “si ferma qui a lungo?”. I due ragionamenti UNA DOMANDA CHE PUò SEMBRARE corrono lontano anni luce uno dall’altro. Si fa fatica anche a concludere l’affare. nonostante le nostre mancanze, noi finlandesi BANALE, MA CHE IN ITALIA MI è STATA siamo un popolo che vale la pena di conoscere, onesto fino in fondo, affidabile, con forti capacità di sviluppo, basti pensare alla più POSTA SPESSO. RELAzIONANDOMI nota azienda finlandese nokia. È interessante che il prodotto al vertice della comunicazione sia nato proprio in Finlandia. Misteriose sono CON LE PERSONE SIA IN ITALIA le vie dei finlandesi e quelle della nokia... Ho scritto questi miei pensieri sulla “loquacità” finlandese. Spero che ti possano aiutare almeno un po’, anche se il testo è scritto CHE IN FINLANDIA, E PARLANDO in tono ironico e dal punto di vista di un venditore. Questi sono aspetti vissuti in prima persona. Mi scuserai per gli errori ANCHE CON MIA MADRE è NATA di grammatica. Tuus (un antico modo per finire la lettera, tradotto più o meno Best Regards) qUESTA BREVE STORIA IN CUI p.S. Tanto si potrebbe raccontare ancora dei taciturni finlandesi sui mezzi pubblici, che soffrono per il “casino” creato dagli stranieri. IL PROTAGONISTA è UN FINLANDESE. Ma siccome faccio parte di queste persone, meglio che chiudo qui e vado a casa. Antti, commerciante 112 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  58. 58. 114 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  59. 59. “Vede, la frontiera su cui nel romanzo, ambientato il motivo della scelta di questo ricchezza e alla fastosità della i soldati, nulla più. è dissolverci, consumarci si combatte questa guerra durante la seconda guerra argomento. non intendo cattedrale ortodossa poi comincerà una nuova senza clamore, senza lamenti. non divide soltanto due mondiale, i protagonisti confrontare la Finlandia si oppone la semplicità con vita, del tutto simile a quella Solo nell’aldilà ad alcuni di noi popoli, noi e i russi. passeggiano per le vie con un altro paese: vorrei la quale il fedele affronta terrena, ma senza il dolore, è concesso di trovare scampo. Separa anche due diverse di Helsinki e visitano affrontare un contrasto insito la via per arrivare all’aldilà. in un paradiso terrestre E a nulla valgono le nostre anime. Sorelle, certo, come due chiese; la cattedrale nella sua storia, che ancora “Lo vede, nell’universo luccicante e colorato. azioni per guadagnarci una tutto ciò che appartiene ortodossa di uspenski oggi ha forti ripercussioni ortodosso non si è mai soli. per gli ortodossi la morte non ricompensa. perché siamo all’uomo. Ma tragicamente e la chiesa luterana Vanha nella cultura e nel pensiero Si finisce per credere che esiste e il paradiso assomiglia predestinati. La nostra inconciliabili su un punto kirkko. Da questa visita dei finlandesi. Ho scelto per passando nell’aldilà a questo mondo, soltanto con condanna o la nostra grazia è essenziale: la concezione e dalle descrizioni di questi questo capitolo le parole si raggiunga quella folla qualche correzione.” già pronunciata, fin dal giorno dell’aldilà. luoghi così diversi tra loro, “semplicità” e “complessità”. di santi e di angeli festosi “per noi invece non esiste in cui veniamo alla luce. E per l’uomo, creatura mortale un pastore luterano ci parla nella semplicità estrema della che aspettavano proprio noi. redenzione. Cresciamo nel Ma solo dopo la morte che su questa terra vive della differenza tra la cultura chiesa luterana si nasconde Ci faranno compagnia fino sentimento dell’espiazione ne veniamo a conoscenza. in una condizione provvisoria, russa e quella finlandese, la complessità della strada al Giudizio universale, che e per tutta la vita continuiamo per questo la vita per noi l’aldilà è tutto.” attraverso la religione percorsa dal fedele: la via per gli ortodossi non è nulla a punirci. Senza speranze, è solo un’angosciante nuova grammatica e la storia. Solo conoscendo è la preghiera, si cresce nel di pauroso. Soltanto una senza pretese. perché siamo attesa.” finlandese, Diego Marani, la storia della Finlandia sentimento dell’espiazione. consacrazione, un pò come grumi di malvagità e la cosa Bompiani editore. è possibile comprendere Alla complessità, alla il giorno del giuramento per migliore che possiamo fare 116 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  60. 60. CALORE CHE BLOCCA IL RESPIRO CHE MAGICAMENTE SCIOGLIE OGNI NODOPAROLE APPENA SUSSURRATE VICINANzA E FAMILIARITà. pOI LEnTAMEnTE MI ALZO OGnI pASSO SEMpRE pIù FREDDO GALLEGGIO pER QuALCHE SECOnDO E HO VOGLIA DI RICOMInCIARE... La sauna è una purificazione del corpo anche la parola anima, un’anima da cui la vita stessa era dipesa al mare o al lago e ci si immerge nell’acqua. I passi sono lenti È una pratica che si fa per rilassarsi, rigenerarsi e dell’animo che si raggiunge attraverso nella respirazione. Vapore come respiro, ciò che ti permette ma la temperatura cambia rapidamente. Se è inverno ed e per provare un intenso piacere. nel carattere un’alternanza di caldo e freddo. di vivere e che rappresenta la durata della vita. il lago od il mare sono ghiacciati, ci si può sempre rinfrescare e nel gusto dei finlandesi questo piacere Ci si spoglia, si entra in luogo intimo Con il vapore, anche il calore aumenta e con esso rotolandosi nella neve ! poi, se si ha voglia, si ripercorre di nuovo spesso si provoca esponendosi fisicamente e caldissimo, un nido di legno. Si rimane nudi la sudorazione. Si diventa salati e scivolosi. per distaccare il pontile, questa volta dal freddo al caldo e si ricomincia. ad un forte contrasto ma sempre con lentezza senza vergogna, si parla a bassa voce. il sudore dalla pelle ci si aiuta con il “vihta”, un fascio di rami A seconda delle abitudini il contrasto può essere più o meno e calma. Ogni tanto si fa cadere dell’acqua sulle rocce di betulla con cui percuotersi leggermente. Lo si può bagnare forte. Ci sono persone in Finlandia che collegano alla sauna roventi della stufa. L’incontro tra la pietra nell’acqua e passare sopra le rocce calde per far sprigionare il nuoto nell’acqua gelida, praticando un foro nel ghiaccio rovente e l’acqua, è il vapore, in finlandese un odore intenso e inconfondibile. Se si ha la fortuna di avere e entrando nel buco con delle scalette. “löyly”. La parola “löyly” è ancora più antica una sauna tradizionale, quando si vuole si può uscire sulla Quello che forse non è facile comprendere per chi viene da della parola sauna. Originariamente significava terrazza, si percorre il pontile di legno che collega la sauna un’altra cultura è che la sauna non è una prova di resistenza. 118 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  61. 61. IL RITO DELLA SAunA 120 | FF3300 | TESI: valeria Cristina Panci
  62. 62. In sostanza si tratta di un libro visuo-tattile per vedenti, ipovedenti, non vedenti; stampato sia in “nero” (cioè con inchiostro) VEDERE CON LE MANI che in Termophorm (una tecnica TOCCARE CON GLI OCCHI che permette di sovrapporre un STEFANO MENCONI inchiostro trasparente a rilievo). @ ... “La tesi svolta resta in bilico tra percezione di libri tattili detti a 360° in quanto libri tattile e visiva, giocando sul ruolo dell’uno apprezzabili senza vincoli di età. Esempio di libro tattile in commercio e dell’altro senso, ed’ è rivolta ad utenti Spesso concettuali, che riportano alla vedenti oppure a persone con problemi legati riflessione e all’immaginazione, capaci alla vista, siano esse ipovedenti o con cecità di far fare eperienza a più livelli. Curati a livello totale dalla nascita o sopraggiunta. sia visivo che tattile. La visione e lettura tattile Con il mio lavoro voglio dimostrare che di questo libro richiede però un livello l’estetica e l’immaginazione non sono di esperienza avanzato poichè sono andato esclusiva di chi vede ma anche di chi non vede; oltre ai vincoli della normale procedura attraverso un approccio estetico/istintivo standard e quindi oltre alla mera funzionalità nell’uso del carattere stampato (visivo) (che spesso ritroviamo nelle produzioni e attraverso un approccio più funzionale/ di libri tattili), questo per enfatizzare sistematico nell’uso del disegno e carattere l’immaginazione di chi non vede, spingendomi in rilievo (tattile). I due differenti tipi un gradino più avanti, non troppo poichè di approccio si fondono, si separano l’artefatto deve essere comunque compreso e si intrecciano ancora per cercare livelli da entrambe le parti: vedenti e non...” di percezione a volte sepolti dall’eccessiva dominanza visiva presente nella società attuale. La tesi rientra in quella categoria 122 | FF3300 | TESI: Stefano Menconi
  63. 63. Cover INTRODUzIONE ALLA PERCEzIONE APTICA La cecità come tale, si costruire una visione mentale la realtà: è necessaria per estendere il concetto manifesta unicamente come completa della forma che ha la cosiddetta percezione di spazio. È grazie alla sintesi fatto percettivo, possiamo esplorato. La mano quindi aptica (che intendiamo come di tutte queste percezioni dire che la cecità determina è un mezzo come lo è l’occhio “toccare con attenzione”), che un non vedente per una gravissima diminuzione per la vista, è il cervello che ed’è qualcosa che coinvolge esempio si ferma prima della percezione della realtà. successivamente costruisce tutto l’essere. un cieco di toccare un ostacolo, Gli effetti derivanti dalla la forma. Il tatto è una forma è semplicemente una persona senza neppure sfiorarlo. cecità o dall’ipovisione grave di vista ridotta a zero la cui funzione della vista, I sensi restanti non si possono essere decisamente e la vista è una forma di tatto anzichè essere localizzata accrescono quantitativamente, attenuati, o per certi aspetti a distanza. Questo perché in un organo specifico, ma qualitativamente: il lungo annullati, aiutando la vista permette il cosiddetto è diffusa su tutto il corpo. esercizio li rende più affinati il soggetto a trarre il massimo colpo d’occhio, essendo Infatti con la sola percezione e sviluppati. Inoltre un non profitto dalle informazioni che sintetica ed istantanea, tattile viene a mancare vedente impara a interpretare gli forniscono i sensi residui. a differenza del tatto che è un una collocazione spaziale e comprendere informazioni vediamo cosa significa senso analitico e sequenziale. dell’oggetto. È necessaria che sfuggono a chi è abituato “percezione aptica”. Il tatto da solo non è l’integrazione di tutti i sensi a fare affidamento sulla La mano è in grado di sufficiente per conoscere rimanenti oltre alla vista più comoda vista. 124 | FF3300 | TESI: Stefano Menconi

×