72enneciMeta... morfosiNon una, ma più mete, pochi giorni,risparmiose, grazie alle compagnie lowcost e a nuove formule di ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Rivisita Nuovo Consumo - Giugno-2013

427 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
427
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Rivisita Nuovo Consumo - Giugno-2013

  1. 1. 72enneciMeta... morfosiNon una, ma più mete, pochi giorni,risparmiose, grazie alle compagnie lowcost e a nuove formule di soggiornoofferte da internet e, perché no?,insolite: come cambiano le vacanze.Agosto vacanza mia non ti co-nosco (o quasi). Basta para-frasare il famoso adagio po-polare per descrivere le nuovemodalità con cui gli italiani vanno in fe-rie da qualche anno a questa parte. Unatendenza che si va consolidando e cheverrà confermata anche in quest’estate2013. «Ormai l’abitudine di fare le cano-niche due settimane di ferie agostane sista praticamente perdendo» confermaFederico Belloni, responsabile di TSMConsulting (Trend Strategy & Marke-ting in Tourism, www.tsmconsulting.it), società specializzata nella consu-lenza strategica, operativa e gestionaleper il settore turistico e alberghiero. «Ilturista di oggi – spiega – tende a fram-mentare il proprio monte ferie suddivi-dendolo nell’arco dell’anno».Al voloUn cambiamento che in molti ricondu-cono alla contrazione dei budget perle ferie, ma che non sarebbe correttoaddebitare del tutto all’imperante cri-si economica. «Questa metamorfosiriflette, infatti, anche le trasforma-zioni della società, di cui il turismo èspesso uno specchio fedele. Chi vain vacanza oggi cerca di vive-re più di un’esperienza e ogni“pezzetto” di ferie si lega a unamotivazione diversa» sottolineaBelloni che all’attività di consu-lente affianca quella di docentedi marketing del turismo all’Uni-versità di Barcellona. Ecco allorache alla villeggiatura con la fa-miglia si cerca di alternare losvago per praticare lo sportpreferito con gli amici, lagita mirata alla città d’arteo il tour enogastronomico.Una ricerca di varietà cheè stata nutrita e asseconda-ta dall’avvento delle compa-gnie aeree low cost che han-no ridisegnato la geografiadelle destinazioni turistiche.«L’abbattimento del costo delbiglietto aereo ha rappresentatoun grosso vantaggio per il turista che,anche con pochi soldi a disposizione,riesce ad arrivare in luoghi prima inac-cessibili». Un’opportunità nuova cheha favorito mete a breve-medio raggiocome le tante città europee che oggisono più facilmente raggiungibili edeconomiche di molte destinazioni tu-ristiche vicino casa. «Se prima si viag-giava secondo mete prestabilite – conti-nua il consulente – adesso si sceglie ladestinazione basandosi sul prezzo piùconveniente, sapendo che prima o poisi presenterà l’occasione low cost perandare anche nella località preferita».Sì viaggiareSe al risparmio sul viaggio si somma poiquello sul soggiorno, allora la possibilitàdi una vacanza all’insegna dell’economiadiventa facilmente realizzabile. Sonosempre di più, infatti, i turisti che si di-segnano ferie “fai da te” attingendo allemille possibilità che offre la rete. Navi-gando sui vari siti internet non è difficiletrovare sistemazioni con un ottimo rap-porto qualità-prezzo: le opportunità mi-gliori, di solito, si scovano sui portali divendita collettiva dove si registra ancheun buon livello di affidabilità. «Gli even-tuali riscontri negativi dei clienti – spie-ga, infatti, Belloni – possono comportarela cancellazione dell’operatore dal sito».Un compito di verifica e controllo cheviene svolto molto efficacemente anchedalla stessa comunità virtuale dei turistiche tendono a scambiarsi informazioni.Il ricorso a qualche accorgimento spe-cifico come evitare i periodi di alta sta-gione, prenotare con molto anticipo o alcontrario adattarsi all’estrema flessibili-tà del last minute, combinato sapiente-mente con le possibilità che offre la rete,può dunque regalare vacanze economi-che, ma non per questo scadenti. E il tu-rista del Terzo Millennio ha imparato amixare queste modalità così bene che,secondo gli ultimi dati della World Tou-rism Organization (l’agenzia Unwtodelle Nazioni Unite), la gente non hasmesso affatto di viaggiare, ma sta speri-mentando nuovi equilibri.n BarbaraAutuori

×